Kim Dotcom, l'estradizione si avvicina?

La giustizia neozelandese si è pronunciata sul caso del fondatore di Megaupload, ma la decisione non risolve del tutto la questione e dà modo agli avvocati difensori di chiamare in causa ulteriori gradi di giudizio

Roma – Nel weekend è andata in onda l’ennesima puntata del procedimento giudiziario che coinvolge Kim Dotcom e i suoi più stretti collaboratori, colpevoli secondo la giustizia statunitense di violazione del copyright e altri gravi reati e per questo meritevoli di essere estradati e giudicati direttamente sul suolo americano. La sentenza, in realtà, non fa che dare ancora fiato ai legali di Dotcom, che già preannunciano un nuovo appello.

Il Dipartimento di Giustizia (DoJ) USA vuole processare Dotcom e sodali per associazione a delinquere, riciclaggio di denaro e violazione della proprietà intellettuale, e il giudice Nevin Dawson aveva già dato il via libera all’estradizione senza esprimersi in maniera diretta sulle gravi accuse mosse contro il pioniere dello storage telmatico.

La nuova decisione presa dall’Alta Corte della Nuova Zelanda conferma la legittimità della richiesta del DoJ ma solo in parte : secondo la legislazione locale, hanno stabilito i giudici, l’ infrazione del copyright per mezzo delle comunicazioni telematiche è responsabilità esclusiva degli utenti e non dei fornitori di servizi o degli ISP.

Tra Nuova Zelanda e USA è in vigore un trattato che non riguarda in via specifica la suddetta questione, mentre per il resto delle accuse mosse contro Dotcom e collaboratori – e in particolare la presunta associazione a delinquere volta all’infrazione di copyright, che equivale a una tentata frode – è prevista l’estradizione. Dotcom dovrà insomma finire davanti alla giustizia USA ma non per il presunto reato che ha fin qui animato l’intera vicenda Megaupload, una questione della quale l’imprenditore non manca di sottolineare l’ironia accanto alle rassicurazioni di rito sulla tranquillità del momento.

La decisione dell’Alta Corte riguarda una legge che non è pertinente, dice ancora Dotcom su Twitter, mentre gli avvocati difensori hanno già annunciato di voler ricorrere in appello per sentire l’ennesima campana “alternativa” sulla faccenda. Dotcom non rinuncia a trafficare col file sharing , mentre le polemiche sulle accuse dell’industria statunitense sulla presunta illegittimità del business di Megaupload continuano a far discutere addetti ai lavori e commentatori.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Cracker Salato scrive:
    Meglio così
    La penicillina è (stata) un bene per l'umanità e Fleming si è rifiutato di brevettarla per non limitarne la diffusione.Il CRISPR-coso è una tecnica di manipolazione genetica, e visto l'uso che ne fanno, meno si diffonde meglio è.
    • Paternita e Residenza scrive:
      Re: Meglio così
      - Scritto da: Cracker Salato
      La penicillina è (stata) un bene per l'umanità e
      Fleming si è rifiutato di brevettarla per non
      limitarne la
      diffusione.
      Il CRISPR-coso è una tecnica di manipolazione
      genetica, e visto l'uso che ne fanno, meno si
      diffonde meglio è.Perdonami, ma il tuo e' un tipico sragionamento da comunita' sociale.Saranno le realta' piccole e magari alternative alle big-pharma, big-seed e simili a non poterla usare. Contento te....
  • Tamerlano scrive:
    C'è di meglio...
    CRISPR-Cas9 brevettato? E noi useremo CRISPR/Cpf1, una variante che è pure meglio... :)Tamerlano
  • zippo scrive:
    siamo sempre li
    Posso solo dire questo: l'avvento delle multinazionali (e qui il potere politico ha una responsabilità enorme) ha "economicizzato" il mondo.Ha cioè posto al centro della socialità il denaro.Come logica conseguenza, l'uomo è finito alla periferia.Ma non tutti gli uomini.Si fa un grande parlare del fatto che l'ultimo secolo ha svegliato le persone e le ha rese più intelligenti, e penso che sia vero.Ma la questione è che la consapevolezza è invece rimasta la stessa.E senza la consapevolezza, l'intelligenza è un attrezzo al servizio di chi lo manovra dall'esterno (nei film questo meccanismo è ben descritto) e sottoutilizzato e addirittura dannoso per la persona (leggi: frustrazione, paura, rabbia, ecc.).Perciò oggi esistono grandi masse omologate, dove le singole persone parlano tutte delle stesse cose, "suggerite" dai media, negli stessi tempi, che sono sempre quelli decisi dai media.Il resto è ombra.E nell'ombra agiscono quelli che manovrano...
    • peter scrive:
      Re: siamo sempre li
      1984Appena finito di leggerlo. Decisamente attuale.
      • aldous scrive:
        Re: siamo sempre li
        - Scritto da: peter
        1984
        Appena finito di leggerlo. Decisamente attuale.Allora leggi anche "Il mondo nuovo" (1932) e "Ritorno al mondo nuovo" (1958) di Aldous Huxley (di solito si trovano insieme in un unico volume).Più che attualissimo. Molto più sottile e attuale che 1984.Ciao
  • suriname scrive:
    vera ingenuità?
    " Concessi i brevetti, le tecniche per agire sul materiale genetico potrebbero trasformarsi in un mero sistema per generare profitti, più che contribuire al bene del genere umano ".Non mi sembra che tu sia su questo pianeta da poco tempo, ma questo sottotitolo lo farebbe pensare.Quando mai gli squali che sono a capo di tutte le istituzioni del mondo, politiche, religiose, militari, economiche. hanno mai fatto qualcosa per contribuire al bene del genere umano ?!Questo mondo è capovolto: arrivano alle alte cariche solo quelli che sono riusciti a sbarazzarsi della concorrenza, e chi ha meno scrupoli, più intelligenza e più grande desiderio di potere personale è avvantaggiato su tutti gli altri.E se costretto a fare "del bene" per raggiungere i suoi scopi, allora farà il meno possibile e se potrà, dopo un po' di tempo, senza farsi notare, distruggerà o limiterà quello che ha fatto, per poter mantenere il potere.Non certo da oggi, Marco.
    • zap scrive:
      Re: vera ingenuità?
      - Scritto da: suriname
      Questo mondo è capovolto: arrivano alle alte
      cariche solo quelli che sono riusciti a
      sbarazzarsi della concorrenza, e chi ha meno
      scrupoli, più intelligenza e più grande desiderio
      di potere personale è avvantaggiato su tutti gli
      altri.Non tutti: quelli che noti di più sono i sociopatici, manipolatori a cui non gliene frega niente di nulla e di nessuno, etica, morale o critiche, e che si comportano come dici, senza rimorso, e tirano dritto come niente fosse, dove altri si sotterrerebbero dalla vergogna, anzi provano pure a ribaltare i fatti. Come intelligenza però non tanto, vedi Trump.
    • tvyghfrth scrive:
      Re: vera ingenuità?
      L'aspettativa di vita ha superato gli 80 in gran part del mondo industrializzato grazie alla medicina moderna. Non tutto è gestito dalle corporations americane e c'è ancora tanta ricerca che si fa nelle università e negli istituti finanziati dai fondi statali. Il problema principale del brevetto su CRISPR è proprio questo, l'accesso alla tecnologia da parte dei ricercatori che non sono sponsorizzati da qualche azienda farmaceutica o simili.
      • pinco pallino scrive:
        Re: vera ingenuità?
        - Scritto da: tvyghfrth
        L'aspettativa di vita ha superato gli 80 in gran
        part del mondo industrializzato grazie alla
        medicina moderna. Non tutto è gestito dalle
        corporations americane e c'è ancora tanta ricerca
        che si fa nelle università e negli istituti
        finanziati dai fondi statali. Il problema
        principale del brevetto su CRISPR è proprio
        questo, l'accesso alla tecnologia da parte dei
        ricercatori che non sono sponsorizzati da qualche
        azienda farmaceutica o
        simili.Per scopi di ricerca non c'è brevetto che tenga ma poi per sfruttare i risultati sì... Quindi se uno ha bisogno di un macchinario che implementa la tecnica brevettata per la sua ricerca è fottuto, mentre se può realizzare il metodo "a mano" può fare quello che crede.
      • crop hunger scrive:
        Re: vera ingenuità?
        Forse ti riferisci all'aspettativa di vita delle vecchie generazioni.I dati di oggi sono questi:- prima causa di morte sono le malattie cardiache- seconda causa sono i tumori- terza causa sono i medici (errori e sovradiagnosi) e le medicineInoltre:- muore di tumore un maschio su due- muore di tumore una femmina su tree:uno studio su oltre duecentomila pazienti ha dimostrato che la sopravvivenza grazie alla chemioterapia dopo cinque anni era:- 2,3 percento in Australia- 2,1 percento in USAIn europa non ci sono studi simili.Vuol dire che dopo cinque anni il 98 percento dei pazienti sottoposti alla chemio era morto, oltretutto soffrendo per la chemio stessa.Si sta studiando quanti pazienti sarebbero sopravvissuti se non fossero andati in chemioterapia.Tutti i dati sopra citati sono in peggioramento costante.Ormai sono pochissime le persone che muoiono di "vecchiaia" (nessuno è mai morto di vecchiaia, perché si muore di malattia o di una disfunzione critica).
        • vvxfbvztb scrive:
          Re: vera ingenuità?
          Le solite cazzate terroristiche.E' più difficile curare i malati di tumore perchè chi prima moriva d'infato a 60 anni ora muore di tumore a 80. Lo stesso vale per altre malettie.Ci sono più malati di tumore e con una età media molto più alta rispetto a pochi decenni fa.
          • rockroll scrive:
            Re: vera ingenuità?
            - Scritto da: vvxfbvztb
            Le solite cazzate terroristiche.

            E' più difficile curare i malati di tumore perchè
            chi prima moriva d'infato a 60 anni ora muore di
            tumore a 80. Lo stesso vale per altre
            malettie.

            Ci sono più malati di tumore e con una età media
            molto più alta rispetto a pochi decenni
            fa.Sono sempre stato convinto che la degenerazione cellulare (alias tumore) sia inevitabile, è solo questione di tempo, così ci hanno costruiti e programmati.Del resto come farebbe la natura a premiare l'evoluzione se non facendo tentativi a casaccio, in massima parte sbagliando? Quando l'esito della variante (alias tumore) è positivo, l'individuo, anzichè morire, avrà facoltà di generare prole con geni migliorati ... Campa cavallo ... Ma così funziona la cosa, nel corso di centinaia di migliaia di anni, agendo su miliardi e miliardi di esseri viventi. E' una mia teoria, ma non ho nai trovato dimostrazione contraria. .-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 febbraio 2017 04.04-----------------------------------------------------------
          • rockroll scrive:
            Re: vera ingenuità?
            - Scritto da: rockroll
            - Scritto da: vvxfbvztb

            Le solite cazzate terroristiche.



            E' più difficile curare i malati di tumore
            perchè

            chi prima moriva d'infato a 60 anni ora muore di

            tumore a 80. Lo stesso vale per altre

            malettie.



            Ci sono più malati di tumore e con una età media

            molto più alta rispetto a pochi decenni

            fa.

            Sono sempre stato convinto che la degenerazione
            cellulare (alias tumore) sia inevitabile, è solo
            questione di tempo, così ci hanno costruiti e
            programmati.

            Del resto come farebbe la natura a premiare
            l'evoluzione se non facendo tentativi a casaccio,
            in massima parte sbagliando? Quando l'esito della
            variante (alias tumore) è positivo, l'individuo,
            anzichè morire, avrà facoltà di generare prole
            con geni migliorati ... Campa cavallo ... Ma così
            funziona la cosa, nel corso di centinaia di
            migliaia di anni, agendo su miliardi e miliardi
            di esseri viventi.


            E' una mia teoria, ma non ho mai trovato
            dimostrazione
            contraria.
            .
          • rockroll scrive:
            Re: vera ingenuità?
            - Scritto da: rockroll



            E' una mia teoria, ma non ho mai trovato

            dimostrazione

            contraria.

            .Anche questo forum è soggetto a degenerazione cellulare: volevo correggere nai in mai sull'ultima riga, e guardate cosa ha fatto!
          • ... scrive:
            Re: vera ingenuità?
            Modificato dall' autore il 22 febbraio 2017 04.04
            --------------------------------------------------se una malattia ereditaria appare in età avanzata non viene sottoposta a selezione procreativa
          • geppetto scrive:
            Re: vera ingenuità?
            Commenti privi di dati; solo giudizio gratuito da autolesionisti.Poco prima di morire, Veronesi aveva affermato che in pochi anni le persone morte di tumore si sarebbero avvicinate al 100 percento dei decessi.E lasciamo stare la "degenerazione cellulare" per favore.Se a voi sta bene così, così sia.Per voi.
  • Mazza Casta scrive:
    Cassandra?
    Non ci ho capito un accidente!!!
Chiudi i commenti