Kindle, su Windows Phone 7 e sui tablet

Amazon propone applicazioni per continuare la lettura di volumi Kindle su dispositivi diversi da quelli contemplati finora. Mentre apre a sviluppatori terzi e prepara uno store concorrente a Android Market

Roma – Dopo l’applicazione per iOS, Android e Blackberry, Kindle sbarca anche su Windows Phone 7 e sui tablet con Android e il SO di Microsoft.

Gli utenti del nuovo sistema operativo mobile di Redmond potranno ora accedere ai volumi Kindle tramite la app sviluppata ad hoc da Amazon.

A trainare poi Amazon sulle tavolette di Microsoft e Google, il successo avuto dalla sua app su iPad e, a quanto pare, la fiducia nelle strategie di Mountain View e Redmond nel settore del tablet.

Come le versioni per i dispositivi Apple e del SO di Google, l’applicazione (gratuita) permetterà di sincronizzarsi all’ultima pagina letta del volume scelto e permetterà l’accesso alla medesima libreria. In questo modo Amazon conferma il suo motto “compra una volta, leggi ovunque”.

Nel frattempo è in procinto di organizzare un suo app store, con cui punta ad entrare in competizione con Android Marketplace: funzionerà su qualsiasi dispositivo Android (dalla versione 1.6 in su), ha già ha aperto agli sviluppatori terzi e lavorerà con i file .apk (gli stessi utilizzati da Android).

Il modello di approvazione previsto è più vicino a quello chiuso di Apple che a quello aperto di Google: Amazon controllerà che l’app funzioni, che faccia ciò che promette e che non crei problemi all’ambiente in cui opera. Gli ulteriori controlli saranno limitati ai contenuti pornografici o illegali, ma non dovrebbero arrivare alla ferrea disciplina di Cupertino.

Diverso (e più complicato) il discorso relativo alla politica dei prezzi che intende adottare : manterrà il controllo pieno su quanto far pagare un’applicazione (con la possibilità da parte degli sviluppatori di esprimere preferenze). E ad Amazon spetterà la possibilità di fare offerte o sconti speciali: pagherà, per esempio, lo sviluppatore dell’app con il 20 per cento del prezzo di listino anche nel caso in cui decida di fornirla gratuitamente.

In ogni caso questa scelta sul listino delle app permetterà ad Amazon di adottare diverse strategie, come la possibilità di offrire prezzi inferiori alle corrispettive app Google ed essere dunque un agguerrito concorrente diretto.

A vantaggio di Amazon, la possibilità di collegare e suggerire le app tramite la tecnologia che già utilizza nel suo store online per affiancare beni simili o comunque in relazione: così potrà arrivare a pubblicizzare le app anche al momento dell’acquisto di un bene fisico correlato.

A vantaggio di Google il fatto che, almeno inizialmente, lo store di Amazon sarà limitato agli Stati Uniti, e che la procedura necessaria all’installazione delle applicazioni si suppone leggermente più complicata dell’Android Market: potranno essere acquistate o attraverso qualsiasi PC (inviandole poi all’app installata sul dispositivo mobile) o direttamente dalla app, ma dovrebbe occorrere modificare le impostazioni del dispositivo e accettare contenti potenzialmente non ritenuti “affidabili” dal sistema operativo.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • koifa scrive:
    ora so dov'è mio figlio
    Facevamo parte di un programma di ricerca con gli umani preoccupati di non farci estinguere. Io e mio marito Teoda sorvolavamo ampie zone desertiche e qualche campo coltivato.Con noi spesso veniva Tikar, nostro figlio, nato dal secondo uova di una covata che mi era costata molta fatica proprio perché Tikar era un uovo piuttosto grosso, e il sedere mi fece male per tutto il tempo della cova.Già dovevo capirlo che Tikar era un tipo ribelle, quando gli scienziati gli misero il braccialetto, alla ragazza che glielo mise lui con un colpo di becco sfilò il reggiseno. Lo punimmo con topi e acqua per una settimana, ma lui non si redimeva. Un giorno, mentre sorvolavamo delle alture dove ci sono molte gole e tante rocce scoscese Tikar si mise a scendere in picchiata come aveva visto fare al suo mito in tv: JoCondor, noi lo sgridammo, lui si arrabbiò e lo perdemmo di vista. Lo cercammo inutilmente per mesi e poi capimmo che lo avevamo perso. Ora lo hanno trovato gli umani. Il nostro figlioletto... speriamo che non lo strapazzino, non si occupa di politica. Facciamo un appello alle autorità saudite perché lo liberino al più presto, lo vogliamo al nido. Gli farò una torta di topi che gli piace tanto... lo aspettiamo. Gli uomini non faranno mai del male a un volatile. Ne siamo certi.Koifa e Teoda, avvoltoi genitori di Tikar
  • squalo Javar scrive:
    quando l'uomo si farà furbo?
    Sono uno squalo che ama vagare per il mare del golfo, trovo ottimi pesci e gli umani non mi interessano. Tempo fa un mio amico si era smarrito oltre la barriera corallina di Sharm e si era innervosito parecchio perché gli umani gli davano la caccia spaventati. Li capisco, abbiamo denti e forza da far rabbrividire... ma poi leggo il Corriere dei fondali che dice che Kvitir (questo era il nome del mio amico) era al servizio degli israeliani... Ma come, ma da quando in qua noi ci mettiamo al servizio dell'uomo? Forse quei tonti dei delfini ma mica noi! Avete mai visto nelle vostre stupide piscine deigli squali ammaestrati? A me non risulta. E quello ch ci fa arrabbiare è di essere messi in mezzo alle beghe politiche degli umani. Mi sa che questi portano il mondo in rovina. Poi, ma chi li conosce 'sti arabi? E i sionisti? Noi siamo animali puliti, mangiamo se abbiamo fame e scappiamo se abbiamo paura, come natura ci insegna. Gli uomini si cerchino altre XXXXXXX per le loro beghe. Noi siamo animali seri.Noi siamo squali!Kdanek Javar
  • eheheh scrive:
    Malati mentali
    malati mentali, sti arabie censurate pure questo
  • ExtraT scrive:
    Avvoltoio
    Israele (nazione) è per gli arabi ciò che è Berlusconi per le italiche sinistre... QUALSIASI cosa è colpa sua. Tra ignoranza e malafede.
    • Difensore scrive:
      Re: Avvoltoio
      Concordo.Ma poi proprio ignoranti questi. Addestrare uno squalo, un uccello, ma va la, andate a lavorare
      • KaysiX scrive:
        Re: Avvoltoio
        Esempi abbastanza recenti di ratti sminatori (e non solo):http://www.time.com/time/world/article/0,8599,1811203,00.htmlhttp://arstechnica.com/old/content/2007/09/of-mice-and-mines-trained-rats-search-for-explosives-tuberXXXXsis.ars
        • Funz scrive:
          Re: Avvoltoio
          - Scritto da: KaysiX
          Esempi abbastanza recenti di ratti sminatori (e
          non
          solo):

          http://www.time.com/time/world/article/0,8599,1811

          http://arstechnica.com/old/content/2007/09/of-miceInteressante, grazie.Certo i ratti non fanno tenerezza come i delfini o gli scimpanzé, son decisamente più sacrificabili ^^
    • Filuz scrive:
      Re: Avvoltoio
      - Scritto da: ExtraT
      Israele (nazione) è per gli arabi ciò che è
      Berlusconi per le italiche sinistre... QUALSIASI
      cosa è colpa sua. Tra ignoranza e
      malafede.Pensavo che in italia qualsiasi cosa fosse colpa del precedente governo e dei comunisti... :-D
    • Fetente scrive:
      Re: Avvoltoio
      errore... non "qualsiasi cosa è colpa sua", bensì "qualsiasi cosa è sua".
  • Anonym ous scrive:
    La paranoia
    è una malattia infettiva a quanto pare
    • ohohoh scrive:
      Re: La paranoia
      - Scritto da: Anonym ous
      è una malattia infettiva a quanto paree gli arabi ed iraniani sono particolarmente affetti da questo tipo di turbe
  • eheheh scrive:
    ma quanto sono XXXXXXXXX sti arabi
    ma quanto sono XXXXXXXXX sti arabi
Chiudi i commenti