La Baia in fuga nel bunker anti-atomico

The Pirate Bay continua a rifuggire le minacce dell'industria dei contenuti. Il posto al momento più sicuro è un ex-bunker riconvertito in datacenter. Poi si vedrà

Roma – Non c’è pace per la sfortunata avventura di The Pirate Bay , il vessillo più in vista della “pirateria” e della condivisione non autorizzata dei contenuti digitali braccato dall’industria dei contenuti con cause legali milionarie, minacce e una vera e propria caccia al provider che oramai si estende da una parte all’altra dell’Europa. Dopo il temporaneo hosting su server ucraini la Baia è costretta a spostarsi ancora , approdando infine in un bunker anti-atomico da cui non dovrebbe essere tanto facile sradicarla in tempi brevi.

Il nuovo trasferimento è frutto del precedente setup dell’infrastruttura del portale, basata come detto in Ucraina ma dipendente dal traffico diretto dall’ISP dei Paesi Bassi NForce a sua volta usufruente dei servizi del carrier olandese Leaseweb . In questo complesso transito di Megabit ci si è a un certo punto infilata BREIN, la ben nota organizzazione dell’anti-pirateria olandese che ha inizialmente richiesto a Leaseweb di bloccare la fornitura di banda necessaria alla permanenza online di TPB.

Ma Leaseweb ha opposto un rifiuto alla richiesta : nonostante sia politica dell’azienda non permettere l’hosting di siti di torrent sul suo network, sul resto del traffico (incluso quello di TPB) non avrebbe alcuna responsabilità. BREIN ha allora cambiato target e si è rivolta direttamente a NForce, riuscendo in questo caso a spuntarla facendo disconnettere ancora una volta la Baia da Internet rendendola globalmente inaccessibile .

Questa ennesima azione anti-Baia di BREIN viene indicata come un precedente importante e potenzialmente molto pericoloso per tutti gli altri portali di torrent, visto che per la prima volta si prende di mira un ISP responsabile esclusivamente del routing del traffico di rete piuttosto che dell’hosting del sito vero e proprio. Se divenisse un’abitudine sarebbe insomma una nuova arma in mano all’anti-pirateria per silenziare qualsiasi piattaforma torrentista , senza nemmeno la necessità di un contraddittorio in tribunale come successo nel caso di Mininova .

Tornando a The Pirate Bay, a ogni modo, come prevedibile la disconnessione forzata non è durata molto e la Baia è tornata raggiungibile grazie all’hosting di Cyberbunker , vale a dire un data center ricavato in un vero e proprio bunker di produzione NATO risalente al periodo della guerra fredda e con sede nei Paesi Bassi.

Per la (poco probabile) gioia di BREIN, TPB torna a calcare il suolo fiammingo in tempi rapidissimi, guadagnando in più come bonus incluso nella nuova facility la capacità di resistere non solo ad attacchi atomici ma anche a bombe a impulsi elettromagnetici. Qualsiasi cosa succeda la Baia e la “pirateria” puntano a restare online , e alla solita telefonata di cortesia di BREIN il management di Cyberbunker ha già risposto di non essere intenzionata a scollegare nessuno. Almeno per il momento.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Obelix scrive:
    Almeno, imparate a copiare...
    Primo, sono 8 cent , non 0,08.Secondo, non sono 8 cent a documento: sono 8 cent *a pagina*. Visto che un documento puo' contenere (letteralmente...) migliaia di pagine, ecco i totali...Terzo, il documento dell'FBI lo ha richiesto lui,come puo' farlo qualsiasi cittadino americano (uh. quasi come da noi... anch'io posso chiamare la questura e chiedergli conto dei loro log su di me, neh??)Quarto, l'acXXXXX risulta *da un indirizzo IP al di fuori della biblioteca pubblica, effettuato con credenziali della biblioteca*, normale (augurabile...) che si effettui un controllo per sapere chi ha 'rubato' una password.Ma sopratutto Quinto, una volta che l'agente FBI ha verificato il tutto, l'FBO ha dichiarato che e' tutto legale....Su, leggere e saper capire quello che lgi altrii siti riportano non e' cosi' difficile...
    • ryuu scrive:
      Re: Almeno, imparate a copiare...
      purtroppo, puntoinformatico oltre a copiare da altri siti quando ormai la notizia e' vecchia, non riesce neanceh a farlo correttamente... ahahah
  • Peppe scrive:
    Quest'uomo e' un mito!
    E' un mito! Si e' intrufolato in un sistema per distribuire ai cittadini gratuitamente cio' che gli spettava e si era magnato lo Stato!! Lo ha fatto rischiando di proprio e cacciandosi nei guai, e' anche abbastanza intellettual,e cioe' e' un mito!COR-TE-O! COR-TE-O! COR-TE-O! COR-TE-O! COR-TE-O! :D
  • Marco scrive:
    I conti non mi tornano
    20.000.000 pagine * 0.08 centesimi = 1.600.000 centesimi = 16.000 dollari e non 1,5 milioni di dollariO no?
    • Gips scrive:
      Re: I conti non mi tornano
      Probabilmente hanno delle statistiche di visura di quei documenti... ed il calcolo è fatto in base a quelle, su base annuale suppongo.(1.5mln anno)
    • peto tonante scrive:
      Re: I conti non mi tornano
      A meno che non siano 0.08 dollari , allora i conti tornano
  • hp suck scrive:
    ma l'fbi non sono mica stupidi
    Trovo alquanto stupido - ha dichiarato Swartz - che, anziché telefonarmi, l'FBI abbia mandato un agente a bussare alla mia porta".eh ssssi ... con una telefonata le cose sarebbero andate meglio:Buongiorno signor swartz, qui è l'fbi e vorremmo arrestarla, se non le crea problemi di privacy va bene se l'arrestiamo giovedi pomeriggio verso le 2?Noooo signor FBI, il giovedi è un problema! la filippina ha il giorno libero. perchè non venite mercoledi mattina alle 11, 11e mezza? cosi vi faccio anche preparare una torta alla vaniglia e un bicchierone di thè freddo alla pesca!
    • Peppe scrive:
      Re: ma l'fbi non sono mica stupidi
      LOL!:D:D:D:D
    • infame scrive:
      Re: ma l'fbi non sono mica stupidi
      il signor Swartz dovrebbe imparare dai mafiosi e camorristi italiani, che trascorrono, mediamente, 20 anni di latitanza comodamente a casa loro e senza nessuno che li vada a cercare (se non a chiacchere...)
  • Eretico scrive:
    Documenti pubblici a pagamento ?
    " ...sistema di archiviazione PACER, utilizzato dalle autorità federali per riscuotere 0,08 centesimi di dollaro per ogni documento pubblico richiesto da terzi. "Ma se i documenti sono pubblici perchè farli pagare ?
    • pippuz scrive:
      Re: Documenti pubblici a pagamento ?

      Ma se i documenti sono pubblici perchè farli
      pagare
      ?perché renderli disponibili / raccoglierli / crearli ha un costo. un esempio fra tanti(ssimi): gli standard ISO sono pubblici, ma per averli paghi
      • Eretico scrive:
        Re: Documenti pubblici a pagamento ?
        In teoria queste cose dovrebbero essere già state rese possibili porpio grazie ai soldi pubblici. E', o almeno dovrebbe, essere un servizio dello stato verso il cittadino. Quindi, quante volte lo devi pagare questo servizio ?
        • pippuz scrive:
          Re: Documenti pubblici a pagamento ?
          - Scritto da: Eretico
          In teoria queste cose dovrebbero essere già state
          rese possibili porpio grazie ai soldi pubblici.
          E', o almeno dovrebbe, essere un servizio dello
          stato verso il cittadino. Quindi, quante volte lo
          devi pagare questo servizio
          ?la scuola è pubblica, però qualcosa paghi. l'università è pubblica, però paghi le tasse universitarie. l'asilo nido è pubblico (pochi, per dire la verità), ma paghi. La biblioteca è pubblica, ma paghi la tessera (pochi euro, ma paghi). La sanità è pubblica, ma paghi il ticket.continuo?
          • Eretico scrive:
            Re: Documenti pubblici a pagamento ?
            Ho capito. Ma in teroria dovrebbero essere tutti servizi gratuiti visto che le tasse le paghi già. Il fatto che tu debba pagare dei balzelli supplementari non significa che ciò sia giusto.
          • pippuz scrive:
            Re: Documenti pubblici a pagamento ?
            - Scritto da: Eretico
            Ho capito.
            Ma in teroria dovrebbero essere tutti servizi
            gratuiti visto che le tasse le paghi già. Il
            fatto che tu debba pagare dei balzelli
            supplementari non significa che ciò sia
            giusto.mai detto che sia giusto e, aspetta e vedrai, sarà sempre peggio. dico solo che è normale.
          • Peppe scrive:
            Re: Documenti pubblici a pagamento ?
            - Scritto da: pippuz
            mai detto che sia giusto e, aspetta e vedrai,
            sarà sempre peggio. dico solo che è
            normale.Io credo che non sia manco normale, tu ti riferisci a beni materiali, i documenti on-line sono immateriali, il costo sta nel digitalizzarli e metterli a disposizione del cittadino, costo che puo' benissimo essere coperto dalle tasse ordinarie, visto che e' una tantum.Inoltre precisiamo:- la scuola e' pubblica e non si paga, si paga solo per i libri perche' si deve far magnare l'editore, ma e' un ostacolo aggirabile- la retta universitaria non la paghi quasi mai tutta, infatti le tasse son divise per fasce di reddito, i poveri pagano meno, i ricchi sfondati pagano integrale (e per questo forse gli conviene di piu' andare in un'universita' privata e risparimare/guadagnare qualita' per il minor numero di studenti)Tasse alte =
            molti servizi comuni gratuiti e di qualita'Tasse alte AND corruzione =
            repubblica delle banane, i soldi si buttano e bisogna introdurre assurdi quali i ticket ed altre scemenze per non chiudere bottega
          • markus scrive:
            Re: Documenti pubblici a pagamento ?
            Veramente i ricchi riescono a non pagare.Un mio compagno di studi all'università, figlio di notaio, a causa del fatto che aveva avuto in regalo una casa e figurava come nucleo famigliare (solo lui) e senza reddito, finiva nella fascia dei "diseredati e disperati"... in realtà il papino versava a lui e alla prole 1.500 euro al mese di paghetta...RIFLETTETE GENTE.
          • pippuz scrive:
            Re: Documenti pubblici a pagamento ?

            Io credo che non sia manco normale, tu ti
            riferisci a beni materiali, i documenti on-line
            sono immateriali, il costo sta nel digitalizzarli
            e metterli a disposizione del cittadino, costo
            che puo' benissimo essere coperto dalle tasse
            ordinarie, visto che e' una
            tantum.

            Inoltre precisiamo:
            - la scuola e' pubblica e non si paga, si paga
            solo per i libri perche' si deve far magnare
            l'editore, ma e' un ostacolo
            aggirabilela scuola la paghi, non solo i libri. vuoi il diploma? devi pagare (se non ricordo male addirittura prima degli esami) quello che costa la stampa del diploma, oppure altre cosuccie del genere.
            - la retta universitaria non la paghi quasi mai
            tutta, infatti le tasse son divise per fasce di
            reddito, i poveri pagano meno, i ricchi sfondati
            pagano integrale (e per questo forse gli conviene
            di piu' andare in un'universita' privata e
            risparimare/guadagnare qualita' per il minor
            numero di
            studenti)primo: intanto non è vero una cippa, perché nella mia università se hai due genitori che lavorano (prendono uno stipendio decente regolarmente e non in nero, sia chiaro) è quasi impossibile avere acXXXXX a tasse universitarie ridotte. secondo: ammesso e non conXXXXX che uno fosse "ricco", la differenza in termini di retta universitarie è sensibile e spesso non gli conviene andare all'università privata. terzo: pagare meno non significa non pagare.
            Tasse alte =
            molti servizi comuni gratuiti e di
            qualita'
            Tasse alte AND corruzione =
            repubblica delle
            banane, i soldi si buttano e bisogna introdurre
            assurdi quali i ticket ed altre scemenze per non
            chiudere
            bottegad'accordissimo, ci fosse un decimo della corruzione che c'é, non avremmo nulla da invidiare a nessun paese. ma così non è.
          • infame scrive:
            Re: Documenti pubblici a pagamento ?
            - Scritto da: Eretico
            Ho capito.
            Ma in teroria dovrebbero essere tutti servizi
            gratuiti visto che le tasse le paghi già. Il
            fatto che tu debba pagare dei balzelli
            supplementari non significa che ciò sia
            giusto.quando acquisisci un qualsiasi documento da un un qualsiasi ente pubblico, devi pagare i diritti di copia.ma dove vivete, nel paese delle favole?
          • Eretico scrive:
            Re: Documenti pubblici a pagamento ?
            - Scritto da: infame
            - Scritto da: Eretico

            Ho capito.

            Ma in teroria dovrebbero essere tutti servizi

            gratuiti visto che le tasse le paghi già. Il

            fatto che tu debba pagare dei balzelli

            supplementari non significa che ciò sia

            giusto.

            quando acquisisci un qualsiasi documento da un un
            qualsiasi ente pubblico, devi pagare i diritti di
            copia.

            ma dove vivete, nel paese delle favole?No, però mi piacerebbe che documenti pubblici non siano a pagamento visto che gia paghiamo un botto di tasse. Poi diritto di copia cosa ?!! Diritto di chi, mio o loro ? Se è mio non dovrei pagare nulla. Se è loro idem.Però vedo che invece a te vivere nel paese delle banane va bene. Ormai sei talmente assefuatto a pagare le cose più volte e per nulla che per te ormai è divenato normale. ;)
          • invasore scrive:
            Re: Documenti pubblici a pagamento ?
            beh però non si tratta di costi aggiuntivi. Sono le tasse per usufurire di quel servizio. Se vuoi tutto gratis allora dovresti pagare più tasse. in pratica pagheresti tutto in anticipo anche se magari alcuni servizi non li useresti mai. Quello sarebbe veramente ingiusto. Così mi sembra piuttosto equo
    • evilripper scrive:
      Re: Documenti pubblici a pagamento ?
      - Scritto da: Eretico
      Ma se i documenti sono pubblici perchè farli
      pagare
      ?forse gli servono i soldi per la banda e per i server dove risiedono i dati?:-D
      • Eretico scrive:
        Re: Documenti pubblici a pagamento ?
        Forse server e banda sono già stati pagati con i soldi pubblici. Perciò torniamo alla domanda iniziale. ;)
        • evilripper scrive:
          Re: Documenti pubblici a pagamento ?
          - Scritto da: Eretico
          Forse server e banda sono già stati pagati con i
          soldi pubblici.lol,negli usa di pubblico c'e' ben poco! :-D
Chiudi i commenti