La Biblioteca Digitale Europea si muove

La Commissione Europea ha convocato i 20 esperti che supervisioneranno la creazione dell'istituto. L'iniziativa coinvolge esponenti di Google, Internet Archive, Thomson ed Università di Torino


Brussels – Il commissario per la società dell’informazione Viviane Reding ha convocato i 20 superesperti che comporranno il comitato incaricato di supervisionare la creazione della Biblioteca Digitale Europea, un grandioso progetto dell’UE per contrastare quella che lo storico dei media Jeanneney ha chiamato “l’egemonia anglofona in Rete”.

Il comitato, denominato High Level Expert Group on Digital Libraries , è composto da professionisti e ricercatori di spicco del panorama aziendale ed accademico europeo.

“Il nostro obiettivo è di offrire agli europei il patrimonio culturale e scientifico del nostro continente”, ha detto la Reding durante la presentazione dell’iniziativa. “Confidiamo nell’affidabilità e nella bravura dei membri di questo comitato d’esperti”, ha aggiunto, “così che la Biblioteca Digitale Europea possa godere del loro pieno supporto”.

L’HLEG conta su un organico di primo piano, tra i quali spiccano il vicepresidente europeo di Google , Nikesh Arora, il CEO di Thomson , il manager generale dell’operatore spagnolo Telefonica ed il direttore di Internet Archive , Brewster Kahle.

I rappresentanti italiani all’interno del comitato sono due : il Prof. Marco Ricolfi, giurista dell’ Università di Torino specializzato su temi fondamentali quali libertà d’espressione e diritto d’autore su Internet, ed il Prof. Paolo Galluzzi, direttore del Museo di Storia della Scienza di Firenze.

L’analisi del gruppo d’esperti permette di avanzare alcune ipotesi sulla natura del progetto europeo . Innanzitutto emerge un’attenzione particolare verso la multimedialità .

La presenza del presidente dell’ Association des Cinémathèques Européennes , Claudia Dillman, nonché del presidente del gruppo editoriale Hachette , Arnaud Nourry, fa sperare nella possibilità che la Biblioteca Digitale Europea offra una gigantesca mediateca , completa di periodici cartacei e contenuti audiovisivi. Le stime ufficiali della Commissione Europea sulla collezione della BDE parlano di almeno sei milioni di documenti .

L’unica incognita rimane il costo dell’operazione . Alcune indiscrezioni fanno pensare che il prezzo dell’iniziativa sarà ammortizzato dalla partecipazione di soggetti privati e grandi aziende. Malgrado le voci di corridoio, un progetto definitivo e chiaro sulla BDE non è ancora stato diffuso dalle autorità europee.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • castigo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt
    - Scritto da: Anonimo


    Cosa? Non puoi disinstallare WMP? Informati

    prima


    di parlare :D



    sii gentile, spiegami un pò come fare.....

    in teoria si dovrebbe poter fare tramite

    Installazione Applicazioni... ma non si trova

    nessun WMP lì dentro... come mai??

    illuminami ti prego ;)

    format c: fa miracoli :D ma LOLLL :D
  • Anonimo scrive:
    Re: usare allofmp3.com
    - Scritto da: Anonimo
    non è un sito pirata fuori dalla russia. se leggi
    le loro legal note, spiegano che sono un sito che
    paga regolarmente alla siae russa E quindi? Evade i diritti in occidente, il fatto che paghi una siae russa non legalizza gli acquisti in Italia.
  • Anonimo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt


    Cosa? Non puoi disinstallare WMP? Informati
    prima

    di parlare :D

    sii gentile, spiegami un pò come fare.....
    in teoria si dovrebbe poter fare tramite
    Installazione Applicazioni... ma non si trova
    nessun WMP lì dentro... come mai??
    illuminami ti prego ;) format c: fa miracoli :D
  • Anonimo scrive:
    Re: usare allofmp3.com
    non è un sito pirata fuori dalla russia. se leggi le loro legal note, spiegano che sono un sito che paga regolarmente alla siae russa un compenso per ogni canzone scaricata. Che poi la siae russa abbia dei problemi con le case discografiche o con gli artisti sono caxxi loro. Noi la musica la scarichiamo legalmente!
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    - Scritto da: Anonimo
    Scommetti che sta cosa la tolgono se passa la
    legge ?
    Che credi ? Che i siti porno abbiano sta roba ?Se dipendesse da Apple l'avrebbero tolta da tempo, sono le major che l'hanno imposta.
  • castigo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt
    - Scritto da: Anonimo

    e perchè dovrebbero? se non li vuoi li buoi

    benissimo disinstallare cosa che invece non puoi

    fare con media player informati prima di

    blaterare.....
    Cosa? Non puoi disinstallare WMP? Informati prima
    di parlare :D sii gentile, spiegami un pò come fare.....in teoria si dovrebbe poter fare tramite Installazione Applicazioni... ma non si trova nessun WMP lì dentro... come mai??illuminami ti prego ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: per far fallire apple
    - Scritto da: Anonimo
    (e sarebbe l'ora)La Apple ti ha personalmente causato qualche danno? e allora perche' augurarne la morte?
  • Anonimo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt

    e perchè dovrebbero? se non li vuoi li buoi
    benissimo disinstallare cosa che invece non puoi
    fare con media player informati prima di
    blaterare.....Cosa? Non puoi disinstallare WMP? Informati prima di parlare :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    Scommetti che sta cosa la tolgono se passa la legge ?Che credi ? Che i siti porno abbiano sta roba ?
  • Crazy scrive:
    Cose positive che capitano...
    CIAO A TUTTIche dire... sembra che ora, piu` di qualche nazione si stia schierando a sfavore di queste tecniche di protezione che tolgono le liberta` dell'utente.Tuttavia, mi pare rimanga ancora una cosa da risolvere... quante volte posso masterizzarmi il brano su CD?Dato che lo ho acquistato, dovrei avere diritto a farmene quante copie voglio, BackUp o no che siano non importa, ad una persona, puo` piacere cosi` tanto uan canzone che se la vuole mettere alla fine di ogni CD... perche` non dovrebbe poter farlo?Lo ha comperato il brano.Oltretutto, metti che un qualcosa gli distrugge il Computer e tanti CD, mettiamo uan cinquantina, se uno ha un centinaio di copie di BackUp il problema non sussiste.Tuttavia, non mi pare che ancora Apple permetta di masterizzare un numero illimitato di volte il brano su CD, o sbaglio?Se mi sbaglio, allora vorra` dire che queste legge iniziano a ridarci la liberta` che ci spetta, altrimenti, se non ho diritto al numero di copie illimitate, consiglio di continuare a boicottare l'acquisto di brani protetti da DRM, come anche di CD e DVD protetti con tecnologie di questo tipo che tolgono il diritto all'utente della copia di BackUp.DISTINTI SALUTI
    • Anonimo scrive:
      Re: Cose positive che capitano...
      - Scritto da: Crazy
      CIAO A TUTTICambia avatar e intestazione e inizierò a leggere i tuoi messaggi.
  • Anonimo scrive:
    Re: per far fallire apple
    E dimmi quando compi 8 anni? che ti faccio gli auguri
  • Anonimo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt
    e perchè dovrebbero? se non li vuoi li buoi benissimo disinstallare cosa che invece non puoi fare con media player informati prima di blaterare.....
  • dott. Anonimo scrive:
    Re: Và a rileggere
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    non solo: quand'è che imporranno ad apple di

    realizzare una versione di mac os x priva di

    itunes e di qt, come è stato imposto a MS con
    win

    e media player?



    se le leggi sono uguali per tutti, dico

    Vedi di capire perchè se le saono presa con WMP.

    *Forse*
    *Forse qualcuno sfrutta un quasi-monopolio per
    imporre:
    - i propri codec audio/video ( .wmv , .wma)
    - il proprio protocolli di streaming (mms:// )
    - il proprio DRM (Janus)
    Occhio a non guardare troppo al monopolio microsoft e chiudere gli occhi sul resto. Anche la apple sta cercando di imporre i suoi codec ed i suoi drm puntando sulla forza della sua posizione dominante sul mondo lettori portatili. Gli iPod sono chiusi, il loro formato pure, etc.C'è più libertà sul lato wma, implementato da moltissimi lettori di marche assolutamente non legate a microsoft, che non sugli aac.E lo dico da possessore di un iPod.
  • awerellwv scrive:
    il vero nocciolo...
    Non e' la proibizione del DRM, ma un obbligo da parte delle aziende di rendere interoperabili i vari drm tra loro. In breve se io acquisto un brano da iTMS devo poterlo usare non solo con iTunes e l'iPod ma anche con altri programmi come windows media player o altri dispositivi. Mettiamo in chiaro una cosa, io sono contrario ai DRM a priori, ma dato che il mondo commerciale si sta spostando in toto verso questo sistema, allora e' meglio regolamentare per bene questo sistema. Il DRM deve rispettare sia l'esigenza delel major che l'esigenza dell'utente.Aumentare la possibilita' di gestione (come la possibilita' di masterizzare le varie canzoni su cd) dei brani e' vitale come lo e' l'interoperabilita tra i vari sistemi DRM e i vari sistemi operativi. Per intenderci voglio poter uisufruire dei miei brani acquistati legalmente sui miei sistemi oeprativi ovvero windows linux mac osx.Personalmente sono d'accordo con la decisione di Francia e vedo che altri paesi stanno seguendo questo sistema, ora spero che questi stati e in seguito l'intera unione europea, leggiferi per bene su questo sistema. interoperabilita' tra i vari programmi, interoperabilita' tra i vari sistemi operativi, e possibilita' di una gestione "rilassata" dei files stessi sono dei cardini di vitale importanza. Sperando che qualcuno in materia potesse leggere questo post.
  • Anonimo scrive:
    Re: iPod? Ed il DRM sui WMA allora?
    - Scritto da: Anonimo
    Ad esempio sul mio Nokia 770 riesco a gestire il
    mio archivio iTunes; ma nessun file prottetto da
    mamma M$

    Chi è che non è interoperabile?Infatti la legge francese vale anche per M$. I file wma protetti cmq sono sempre meglio di quelli di iTunes in quanto possono essere riprodotti su tutti i lettori che supportano il protocollo MTP (Creative, iRiver etc..) e non solo sull'iPod
  • Anonimo scrive:
    usare allofmp3.com
    www.allofmp3.comsito russo dove scaricare musica a prezzi stracciati.No Drm.Funziona su ogni playerScegli il formato che vuoiScegli il bitrate che vuoiun album costa circa un dollaro e mezzo. una canzone 16 cent.Che volere di più?
  • Anonimo scrive:
    iPod? Ed il DRM sui WMA allora?
    Come da oggetto.Perchè tutti parlano sempre e solo di Apple?Il DRM sui formati M$ esiste molto prima che Apple ci fornisse iPod e iTunes.E, a mio avviso, iTunes è più comodo rispetto all'implementazione Microsoft.Ad esempio sul mio Nokia 770 riesco a gestire il mio archivio iTunes; ma nessun file prottetto da mamma M$Chi è che non è interoperabile?
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    - Scritto da: Anonimo
    Ridicola come affermazione: ho un numero di carta
    di credito e quindi lo uso dove voglio.
    Non mi sto riferendo a cose strane come postepay
    ma visa master card e co. più internazionali di
    loro ci sono solo lingotti d'oro e barili di
    petrolio.No, se non hai mai usato iTunes inutile che te ne esci con queste inesattezze. C'è un controllo in iTunes sul paese dove viene rilasciata la carta, e anche se tu inserisci generalità false e dichiari che sei residente in USA, le transazioni NON vengono accettate.Questi sono i Digital RESTRICTION Management!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    non solo: quand'è che imporranno ad apple di

    realizzare una versione di mac os x priva di

    itunes e di qt, come è stato imposto a MS con
    win

    e media player?



    se le leggi sono uguali per tutti, dico

    proprio perche' lo sono non glielo impongono; le
    leggi in questione si applicano a chi ha una
    posizione dominante in un certo mercato, leggiti
    lo sherman act o le relative controparti europee
    e informati su cosa siano e a cosa servano le
    leggi antitrustgiusto....allora potresti proporre di non incarcerare i marocco che spacciano perchè sono in situazioni di disagio :D
  • Anonimo scrive:
    replica alla notizia (joe'd)

    un mercato multimediale dove i consumatori siano
    liberi di acquistare musica da qualsiasi servizio, [...]
    ed essere in grado di riprodurla su qualsiasi tipo
    di perifericaPiù che giusto. Quando pago una canzone, pago per ascolarla e mi aspetto di poter "trarre beneficio" come e quanto voglio!
    Uno scenario non gradito dai vertici di Apple,
    che hanno costruito il successo commerciale
    di iTunes sulla possibilità di ascoltarne i prodotti
    soltanto con la tecnologia dei lettori iPodAssurdità propinata in continuazione da tutte le major.
    La decisione francese mette innanzitutto a repentaglio
    il dominio di Apple sul mercato della musica digitaleChi la fa, l'aspetti.
    di fronte ad un bivio: condividere la propria
    tecnologia con la concorrenza oppure ritirarsi dal
    mercatoI soliti catastrofisti: o bianco o nero.Standard, compatibilità, trasportabilità, sono parole sconosciute?
    non sembrano affrontare la questione a monte, vale a
    dire l'oligopolio dei grandi gruppi della musica
    industriale internazionaleLe major si sentono legittimate a prendere per i fondelli i consumatori, incastrandoli in prodotti privi di flessibilità e vincolanti a vita (fidelizzazione forzata?).E' ora di regolarizzare questo andazzo.
    Carlos Gutierrez, [...]
    si è detto "indignato ed arrabbiato" per la condotta
    della Francia, "capace di mettere a repentaglio
    i diritti della proprietà intellettuale"Parla delle tecnologie proprietarie che usano nei dispositivi o dei contenuti multimediali abbinati?joe
  • Anonimo scrive:
    DRM e RPC
    Se qualcuno si intende di legislazione: è possibile che queste leggi francesi e danesi possano mettere un freno alla scandalosa questione RPC? In teoria, se un'opera deve essere leggibile da qualunque dispositivo, allora dovrebbe essere vietata la vendita di DVD che si leggono solo in zona 2 in tutta la Francia (e la Danimarca)...
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    - Scritto da: Anonimo
    Francesi e Danesi hanno ragione ma tanto non la
    spunteranno con apple. La mela non è una società
    nè danese che francese quindi non deve sottostare
    alle loro leggi. La mela vende oramai tutto su
    internet e checchè si dica la rete è libera e
    senza nazionalità.Se così fosse l'avrebbe fatto da principio, non credi?
  • Anonimo scrive:
    Sono decisioni giuste
    Molti dicono che il problema non sussiste perché se compri con itunes puoi convertire in mp3 i file.Ma le leggi mica devono essere fatte in modo superficiale pensando al presente o a una sola azienda. Ma devono vedere lontano e non essere tralasciate perché una singola azienda concede per magnanimità di fare una cosa.La Apple con itunes non guadagna quasi niente dalle canzoni, itunes le serve per spingere l'ipod, questo l'ha dichiarato lei stessa. E in questo modo riesce a tenere le canzoni a un prezzo basso (a me non sembra, però così dicono loro) perché appunto non ci guadagna sopra.Con la legge francese si spezza questo legame, perché con l'interoperabilità l'ipod non è più avvantaggiato, e itunes ha senso solo se Apple può guadagnare dalle canzoni.Quindi prezzi delle canzoni più alti e possibile aumento della pirateria.Ma io dico, se per combattere la pirateria con la vendita di musica legale online bisogna per questo favorire la crescita di un monopolio, allora è giusto che si faccia una legge per cambiare la situazione. Perché ne lungo periodo i monopoli sono sempre pericolosi. Quindi ben vengano formati che permettono l'interoperabilità, spero che si tenga conto anche dei sistemi operativi e che il concetto venga esteso anche ad altri settori oltre a quello musicale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Và a rileggere
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo[...]

    Oltre al fatto che.... tu lo hai visto in
    comercio Windows XP N ? :$ Questo perche' Bruxelles si e' dimenticata di mettere nelle condizioni che il windos monco doveva costare meno del windos standard... (non credo sia una mancanza dell'antitrust europeo, comunque resta lo stesso l'amaro in bocca)
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    Ridicola come affermazione: ho un numero di carta di credito e quindi lo uso dove voglio.Non mi sto riferendo a cose strane come postepay ma visa master card e co. più internazionali di loro ci sono solo lingotti d'oro e barili di petrolio.
  • Anonimo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt
    - Scritto da: Anonimo
    non solo: quand'è che imporranno ad apple di
    realizzare una versione di mac os x priva di
    itunes e di qt, come è stato imposto a MS con win
    e media player?

    se le leggi sono uguali per tutti, dicoGiustissimo.
  • Anonimo scrive:
    per far fallire apple
    (e sarebbe l'ora)dovrebbero prima fargli spendere un salasso per adeguarsi e poi cambiare di nuovo la legge proibendo i drm
  • Anonimo scrive:
    E' giusto!
    Era ora che gli stati europei si interessassero un po' la problema dei DRM proprietari.L'interoperabilita' e' una strada, ma la soluzione sarebbe togliere del tutto i DRM e vincere la pirateria sui costi competitivi piuttosto che spendere in sistemi anticopia.
  • Anonimo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt
    Be tanto per cominciare QuickTime supporta formati standard e aperti con H264 e MPEG4 a differenza di Microsoft che impone i sui di Standard. Seconda cosa iTunes è necessario su Mac visto che tutti gli altri negozi online usano come DRM quello di Microsoft che su Mac non funziona.Totale il tuo discorso non sta in piedi e sospetto che sei il solito troll che appare quando si tratta di Apple e del Mac.Ridicolo
  • Anonimo scrive:
    Re: Và a rileggere

    *Qualcuno dovrebbe accendere il cervello e notare
    la differenza di potere di influenzare il mercato
    che detiene una società con il 90% ed oltre dello
    stesso ed una con il 4/5% scarso.mi stai cioè dicendo che sei d'accordo con francia e danimarca per porre delle basi perchè altri produttori si possano affacciare sul quasi monopolio di apple nel mondo della musica online?ti appoggio
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    -

    ma questa orrenda, stupida e oltretutto abusata
    frase mi ha fatto scendere il latte... per cui
    non ti quoto piùma daiiii ... l'ho scritta solo perchè è stata detta da uno che di musica se ne intende davvero e per il quale si spendono volentieri i soldi del CD.Se l'industria musicale proponesse davvero dei grandi artisti la gran parte dei problemi che discutiamo non si porrebbe neppure !Invece l'industria musicale è solo capace di proporci un prodotti pensati con gli stessi metodi con cui si progetta la confezione degli assorbenti, e presentati da bonazze sculettanti e digitalizzate in un pacchetto in cui l'unico vero artista è forse il chiriugo plastico :)
  • Anonimo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt
    - Scritto da: Anonimo
    non solo: quand'è che imporranno ad apple di
    realizzare una versione di mac os x priva di
    itunes e di qt, come è stato imposto a MS con win
    e media player?

    se le leggi sono uguali per tutti, dicoproprio perche' lo sono non glielo impongono; le leggi in questione si applicano a chi ha una posizione dominante in un certo mercato, leggiti lo sherman act o le relative controparti europee e informati su cosa siano e a cosa servano le leggi antitrust
  • Anonimo scrive:
    Re: DRM interoperabile
    - Scritto da: Anonimo
    Sti tizi adesso mi devono spiegare come fanno ad
    immaginare un DRM interoperabile... Bah!Un DRM standarizzato...Lo vedo utopico, non resistente, applicabile sono con azioni in stile Grande Fratello.
  • Anonimo scrive:
    Re: mac os x senza itunes e qt

    se le leggi sono uguali per tutti, dicoGiusto, ed è per questo che l'antitrust non si muove contro un produttore di nicchia.
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    guarda ti quoterei tutto, dalla testa ai piedi

    .....meditete gente, meditate ;)ma questa orrenda, stupida e oltretutto abusata frase mi ha fatto scendere il latte... per cui non ti quoto più
  • Anonimo scrive:
    Và a rileggere
    - Scritto da: Anonimo
    non solo: quand'è che imporranno ad apple di
    realizzare una versione di mac os x priva di
    itunes e di qt, come è stato imposto a MS con win
    e media player?

    se le leggi sono uguali per tutti, dicoVedi di capire perchè se le saono presa con WMP.*Forse**Forse qualcuno sfrutta un quasi-monopolio per imporre:- i propri codec audio/video ( .wmv , .wma)- il proprio protocolli di streaming (mms:// )- il proprio DRM (Janus)*Qualcuno dovrebbe accendere il cervello e notare la differenza di potere di influenzare il mercato che detiene una società con il 90% ed oltre dello stesso ed una con il 4/5% scarso.Oltre al fatto che.... tu lo hai visto in comercio Windows XP N ? :$
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    Io non credo che il problema sia 'cosa farà Apple' : subirà e basta!Quello che mi da da pensare è che alcuni rappresentanti discografici vedano di buon occho questa legge, peraltro giustissima ....ma perchè?La domanda è dunque : perchè le major vedono queste legge giusta, visto che in questo modo l'introduzione del DRM slitterà ulteriormente ?Per me la strategia odierna delle major della musica è simile a quella del cinema e cioè e per questo sono disposti ad aspettare un altro paio di anni.A loro infatti non sta bene che sia una società di informatica a decidere il formato dei file, il sistema DRM ed il prezzo, loro VOGLIONO IL CONTROLLO DI TUTTO!L'interoperabilità la vogliono perchè vogliono essere loro a decidere come offrirla, stabilendo formati, lettori e DRM. Quando dunque acquistererete un brano on-line (magari a 2 o 3 euro invece che 1) lo protrete scaricare sul lettore nel loro formato, ci potrete fare un Super Audio CD (uno standard grondante di sistemi anticopia), lo potrete copiare su hard disk in modo ben protetto dal TPMA etc... ed ogni trasferimento renderà inservibile il passaggio precedente, con tanto frizchipetti su ogni periferica Ecco l'ineroperabilità...come la vogliono lorsignori, non come la vuole nè la Apple ne la Microsoft e men che meno come la desiderano gli utenti !.....meditete gente, meditate ;)
  • Anonimo scrive:
    mac os x senza itunes e qt
    non solo: quand'è che imporranno ad apple di realizzare una versione di mac os x priva di itunes e di qt, come è stato imposto a MS con win e media player?se le leggi sono uguali per tutti, dico
  • Anonimo scrive:
    DRM interoperabile
    Sti tizi adesso mi devono spiegare come fanno ad immaginare un DRM interoperabile... Bah!
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    - Scritto da: Anonimo
    Francesi e Danesi hanno ragione ma tanto non la
    spunteranno con apple. La mela non è una società
    nè danese che francese quindi non deve sottostare
    alle loro leggi. La mela vende oramai tutto su
    internet e checchè si dica la rete è libera e
    senza nazionalità.
    Al massimo chiuderanno se mai sono esistiti i
    siti di itunes per francia e danimarca ma
    chiunque con carta di credito si attaccherà al
    sito americano.
    Leggi così sono giuste ma dovrebbero essere
    attivate su larga scala e soprattutto fatte
    rispettare con il pugno di ferro altrimenti
    queste multinazionali la faranno sempre franca
    mentre a rimetterci al massimo sarà il piccolo
    distributore nazionaleCome ti hanno già detto,ti sei contraddetto da solo: se vogliono vendere in Danimarca e Francia,devono rispettare le loro leggi,altrimenti dovranno rinunciare a vendere in quegli stati.Non si può nemmeno dire che possano continuare a raggiungere quei mercati dagli Usa,dato che chi non è statunitense,non può comprare negli Usa da itunes.
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa farà apple
    Se rileggi bene , ti renderai conto che ti sei contraddetto 3 volte.Come vedi il problema non e' cosi' semplice , se la rete e' libera ognuno puo' fare quello che vuole .......Ciao
  • Anonimo scrive:
    Cosa farà apple
    Francesi e Danesi hanno ragione ma tanto non la spunteranno con apple. La mela non è una società nè danese che francese quindi non deve sottostare alle loro leggi. La mela vende oramai tutto su internet e checchè si dica la rete è libera e senza nazionalità.Al massimo chiuderanno se mai sono esistiti i siti di itunes per francia e danimarca ma chiunque con carta di credito si attaccherà al sito americano.Leggi così sono giuste ma dovrebbero essere attivate su larga scala e soprattutto fatte rispettare con il pugno di ferro altrimenti queste multinazionali la faranno sempre franca mentre a rimetterci al massimo sarà il piccolo distributore nazionale
Chiudi i commenti