La più clamorosa truffa via Internet

La polizia di New York sostiene che non ci sono precedenti. Il caso di Abraham Abdallah, capace di sostituirsi a Steven Spielberg, George Lucas e ad altri 200 miliardari. L'avvertimento di Mitnick

New York (USA) – L’aveva pensata davvero bene, così bene da riuscire ad ingannare per sei mesi alcune delle maggiori istituzioni finanziarie newyorkese, ottenendo l’accesso ai conti e alle carte di credito di molte celebrità americane.

L’operato del 32enne Abraham Abdallah viene considerato dalla polizia di New York come il più clamoroso caso di truffa basata sul “furto digitale dell’identità”.

Stando al New York Post, il quotidiano che ha ricostruito gli avvenimenti, Abraham Abdallah sarebbe riuscito a rubare milioni di dollari invadendo la vita finanziaria di circa 200 persone, miliardari listati da Forbes tra gli uomini più ricchi del Mondo e in molti casi a capo delle maggiori industrie dell’alta tecnologia.

Tra le sue vittime figurano infatti, tra gli altri: Steven Spielberg, George Lucas, Oprah Winfrey, Ross Perot, George Soros, Warren Buffett, Ted Turner, Larry Ellison, Michael Bloomberg, David Geffen, e Michael Eisner. Risparmiato, invece, Bill Gates.

Il tutto sarebbe cominciato, secondo la ricostruzione del Post, dai computer di una libreria pubblica di Brooklyn, quartiere di New York dove risiedeva Abdallah prima del suo arresto avvenuto nelle scorse ore.

Abdallah, che non ha mai finito le scuole, condannato a suo tempo per truffa, ha iniziato la sua truffa usando la Rete. Via Internet, e con il supporto di qualche fax abilmente “truccato”, è riuscito a farsi accreditare, spacciandosi per le proprie vittime, presso alcune importanti aziende finanziarie, come Equifax o Experian, fino a convincerle ad inviargli i dettagli economici dei conti dei nominativi finiti nel suo “mirino”. A quel punto l’intraprendente 32enne ha utilizzato quei dati per “clonare” le identità delle vittime e accedere direttamente ai loro conti e alle carte di credito, mettendo nel sacco istituti del calibro di Goldman Sachs e Merrill Lynch.

Mantenendo i suoi contatti via WAP e con caselle di posta elettronica vocale, Abdallah sarebbe riuscito a impersonare le proprie vittime addirittura per sei mesi. Stando alla polizia, per questo tempo Abdallah si sarebbe mosso pochissimo, inviando corrieri a ritirare somme ed altro e facendo percorrere loro lunghi giri per la città per cercare di sviare i poliziotti. Un mese fa, ma la notizia è venuta alla luce solo in queste ore, Abdallah è stato arrestato.

Nel suo appartamento, gli agenti hanno trovato le biografie e le immagini degli uomini più noti e ricchi, con numeri di Social Security, indirizzi di casa, numeri di telefono e telefonino, numeri di conti bancari e finanziari, rendiconti e altri dettagli, come i cognomi delle mogli e via dicendo.

Secondo Micheal Fabozzi e Jahmal Daise, i due cybercops che hanno seguito le tracce di Abdallah fino a pervenire al suo arresto, quanto messo in piedi dall’uomo non ha precedenti. “E ‘ il migliore che abbia mai incontrato – ha affermato Fabozzi – difficilmente ci si imbatte in qualcuno così astuto”. E sarebbero diversi milioni i dollari che Abdallah in questi mesi sarebbe riuscito ad “assicurarsi”.

I cybercops hanno chiamato l’intera operazione “Operation CEO” e hanno spiegato di essersi messi sulle tracce del ladro all’inizio dello scorso dicembre.

All’epoca, infatti, Abdallah con una email truccata, apparentemente inviata da Thomas Siebel (di Siebel Systems), ha cercato di far trasferire 10 milioni di dollari da un conto di New York ad un nuovo conto in Australia. L’operazione non è stata eseguita, però, perché sul conto newyorkese non era depositata una cifra sufficiente e così la banca, Merrill Lynch, ha subito saputo dallo stesso Siebel, dopo un rapido controllo, che quella richiesta non era arrivata da lui. Un avvenimento che ha portato all’immediata denuncia della cosa alla polizia metropolitana che ha affidato il caso ai due “cybercops”. Da lì, individuando alcune email di cui Adballah si è servito e verificando presso istituti di credito e finanziari gli scambi di email, Fabozzi ha colto numerose “coincidenze” che riguardavano numerosi altri clienti importanti. In poche settimane, dopo aver individuato una casella postale affittata a nome del co-fondatore di Microsoft, Paul Allen, i cybercops sono riusciti a rintracciare le mosse e dunque anche l’ubicazione di Abdallah.

Va detto che sui rischi di furti “dell’identità digitale”, come vengono chiamate queste truffe basate sull’impersonificazione di altre persone attraverso mezzi elettronici, si è parlato molto negli ultimi tempi. Il rischio che episodi come quello di Abdallah si possano ripetere, infatti, viene ritenuto altamente probabile da molti esperti.

Della cosa si è recentemente occupato anche l’ex hacker Kevin Mitnick, oggi consulente e giornalista in materia di sicurezza, che ha affermato: “Ci si può difendere come si vuole, ma un bravo criminale prima o poi riesce a trovare le informazioni che gli servono per sfruttare l’identità di qualcun altro”. Secondo Mitnick, “il furto dell’identità è uno dei crimini che si stanno sviluppando più rapidamente e non c’è dubbio che Internet renda tutto più facile”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Veltroni e il .it
    Walter Veltroni candidato a sindaco di Roma ha un sito .it per promuovere il suo programma. Lui si è candidato a sindaco di Roma da pochi mesi, quindi non capisco come abbia fatto ad avere un dominio .it quando la società per cui lavoro è in attesa della stessa cosa da un anno. Le cose sono due: 1. in realtà la sua candidatura era già decisa da molto tempo prima dell'ufficializzazione (cosa peraltro plusibilissima);2. lui, come altri d'altronde, hanno avuto un trattamento di "favore".Preciso che questo non è un attacco a Veltroni in quanto altri candidati e partiti hanno siti .it relativamente "giovani". Però questo mi è saltato all'occhio essendo di Roma e avendo seguito quindi da vicino le varie fasi delle nuove elezioni per il sindaco della mia città.Se riuscite a darmi lucidazioni, ve ne sarei grato.
    • Anonimo scrive:
      Registrazione dominio .IT
      Ho richiesto recentemente la registrazione di un dominio ".IT" tramite Tiscalinet. Dopo tre giorni era attivo. La Tiscali garantisce cinque giorni di tempo massimo. Un anno mi sembra davvero eccessivo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Veltroni e il .it

      Se riuscite a darmi lucidazioni, ve ne sarei
      grato. io sono un povero pirla qualsiasi, ho richiesto il dominio corrispondente al mio cognome (che era libero) per poter ricevere la posta nome@cognome.itin 3 giorni era attivo. 6 ore dopo l'attivazione anche il redirect verso la mia posta era ok.ho utilizzato register.it
  • Anonimo scrive:
    infocamere... gestisce i domini... è un golpe..
    mi vergogno di essere italiano...non si sà più come bloccare lo sviluppo in italiadi internet...non mi porteranno via il mio dominio anchese ho un marchio registrato.. solo perche'una azienda con lo stesso nome verrà costituita dopo ?non so più cosa pensare...il fatto che queste cose accadano nel silenzio fa pensare...trasferirò la mia azienda alle isole kayman *.kysperiamo di poter lavorare senza burocrazia almeno nei paradisi fiscali.l'italia non è un paese in cui investire capitaliper fare impresa...purtroppo non tutti possono trasferire le proprie attività all'estero ...
  • Anonimo scrive:
    PER LA REDAZIONE
    Scusate se ho urlato, credo che questa sia una faccenda importante, che merita la massima attenzione perchè ne va della democrazia, della libertà e del business di centinaia di aziende che dopo aver investito risorse ingenti si trovano scippate dai grandi gruppi e dalla burocrazia liberticida.Quindi:è possibile mettere questo articolo tra le prime tre notizie domani?Grazie
  • Anonimo scrive:
    Vorrei capire
    Veramente vorrei capire che diavolo sta succedendo e che razza di interessi ci siano dietro tutto questo putiferio. Ma è proprio così importante la registrazione dei domini? Sembra un affare di stato, a me sembra follia pura. Ma questi dove vivono?
    • Anonimo scrive:
      Re: Vorrei capire
      Prova(te) a vedere se questo ti(vi) può essere utile.http://www.interlex.it/regole/nodi.htmM:)- Scritto da: Ugo
      Veramente vorrei capire che diavolo sta
      succedendo e che razza di interessi ci siano
      dietro tutto questo putiferio. Ma è proprio
      così importante la registrazione dei domini?
      Sembra un affare di stato, a me sembra
      follia pura. Ma questi dove vivono?
  • Anonimo scrive:
    c'entra la privacy?
    La prima cosa che mi viene in mente è: è legittimo da un punto di vista di privacy questo passaggio di dati? Si tratta infatti di dati personali, anche se già disponibili su un pubblico registro, il WHOIS.Magari l'Authority per la Privacy può metterci il naso...
  • Anonimo scrive:
    trasloco
    Trasferite i vostri domini oltreoceano prima che sia troppo tardi!!!!Boicottate il .it!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: trasloco
      Sono d'akkordo mi sembra la soluzione miglioreAl diavolo i .it e registriamoci all'estero- Scritto da: MiVergognoDiEssereItaliano
      Trasferite i vostri domini oltreoceano prima
      che sia troppo tardi!!!!

      Boicottate il .it!!!
  • Anonimo scrive:
    Piove sempre sul bagnato
    A ognuno il suo mestiere.Quindi che le Camere di commercio facciano quello che secondo la normativa attuale devono fare: gestire il registro delle imprese e servizi annessi per garantire a terzi la trasparenza sulle imprese italiane. Non approffittare del loro peso economico ma anche politico per far morire o limitare l'attivita' delle imprese maintainer. Per me c'e' un palese conflitto di interessi.Che la RA faccia l'esecutore delle registrazioni secondo le regole della NA e basta.Altrimenti si studi un regoalmento che piu' soggetti, e quindi in concorrenza tra loro, possano gestire direttamente il TLD .it come avviene ora per i TLD .com .net .orgAlmeno potra' piovere anche sull'asciutto ...un saluto a tutti.
  • Anonimo scrive:
    Commercio@Soldi
    Come si chiama quello della RA che ha firmato?Qual'è la percentuale per la RA sui futuri guadagni della vendita di informazioni sui domini di Infocamere?Poi se io compro queste informazioni, ne posso disporre come voglio, vero? posso spedire email di auguri di Pasqua a tutti, vero?
  • Anonimo scrive:
    Infocamere e infoimprese, regine madri dello spam
    Infocamere, con l'accesso indiscriminato ai suoi archivi, ha piu` volte accentrato l'attenzione degli esperti di privacy e di antispam.Qualche dato puo` essere trovato su:http://www.nic.it/cgi-bin/wa?S2=abuse&L=ABUSE&q=infocamere
Chiudi i commenti