La RIAA apre al peer-to-peer

Hilary Rosen inventa una nuova rotta e si appella agli sviluppatori del P2P proprio mentre EMI pensa a Gnutella e affini. Segnali che, forse, qualcosa si sta muovendo nelle strategie delle majors. Il Pentagono, intanto...

Web – Siamo lontani, lontanissimi, da una retromarcia delle multinazionali della musica rispetto alla “libera circolazione” di materiali musicali in rete, come avviene attraverso i sistemi di scambio-file peer-to-peer (P2P) tutti i giorni. Ma per la prima volta nei giorni scorsi la RIAA, l’associazione dei produttori americani, ha tirato fuori nuovi argomenti parlando proprio del P2P.

Hilary Rosen, ormai notissima chairman della potente associazione dei discografici, stratega della fine di Napster e autrice della conversione industriale di mp3.com, è intervenuta davanti ad un pubblico di sviluppatori e programmatori alla conferenza sul P2P della O’Reilly per dire: “Il problema non è se il peer-to-peer o qualsiasi altra tecnologia sia buona o cattiva. Il problema è come la gente la usa, se la usa nel rispetto per quello che producono gli artisti allo stesso modo di come noi in questo settore rispettiamo quello che creano gli sviluppatori software di questa audience o le imprese del settore”.

Rosen, che in passato aveva parlato del peer-to-peer come un pericolo per le attività industriali, sembra ora dirigersi in una nuova direzione. Pensando al futuro della musica online, Rosen ha parlato del difficile processo per portare in rete la legalità della musica e ha messo in evidenza le difficoltà nel creare un modello di business che possa funzionare: “Ma molti progressi sono stati fatti e molti altri se ne faranno”.

Secondo Rosen il problema dell’uso non legale del peer-to-peer è un problema che tocca l’intera comunità degli utenti e degli sviluppatori ma se si risolve, la “porta è aperta” per un mercato aperto nel quale tutti possano competere nel rispetto del valore dei contenuti.

Nel momento in cui i sistemi di file-sharing alternativi a Napster, perlopiù quelli basati sulle tecnologie FastTrack, arrivano a consentire ai propri utenti di scambiare un numero di file musicali superiore a quanto Napster abbia mai consentito di fare, la nuova strategia del direttore della RIAA è risaltata in modo molto chiaro, nel tentativo di spingere gli sviluppatori del peer-to-peer ad avvicinarsi all’industria della musica. Nell’ottica dello sviluppo di questo “mercato aperto” Rosen si è chiesta. “Il peer-to-peer sarà parte di questo processo? Vi unirete a noi in un mercato legittimo? Proteggerete l’incentivo a creare? Fornirete alle creazioni degli artisti lo stesso rispetto che merita il vostro lavoro?”.

Le significative aperture della RIAA e l’invito agli sviluppatori di “cambiare rotta” arrivano a pochi giorni da un importante annuncio di EMI, una delle grandi case della musica, che sembrerebbe segnalare una effettiva evoluzione della visione del P2P da parte dell’industria. Come la RIAA, anche EMI non è sembrata insensibile in questi giorni alle cifre snocciolate da Webnoize , ormai affermato osservatorio sulle tecnologie di file-sharing dal quale è arrivata la notizia del fatto che i sistemi alternativi del P2P oggi consentono di scambiare più file di quanto non sia mai accaduto con Napster.

Sotto questa spinta e sotto la spinta di una visione industriale che deve cambiare per produrre profitto e operatività, EMI ha deciso nei giorni scorsi di optare per una clamorosa scelta promozionale: offrire a quello che fino ad oggi era uno dei network più invisi all’industria, una scelta di opere del proprio catalogo. Da far condividere e scaricare liberamente dagli utenti.

Attraverso una serie di accordi con Jive Media Technology e Lime Wire , uno dei principali punti di riferimento per lo sviluppo di Gnutella, EMI sta inserendo nella rete Gnutella una serie di brani che appartengono alla sua etichetta “Priority Records”.

La mossa segue una serie di altri esperimenti già condotti da EMI, da tempo una delle major che appare più coinvolta nella ricerca di nuovi modelli di business online, che hanno coinvolto gli utenti di Aimster ed Angry Coffee con il rilascio di alcuni brani dell’ultimo disco dei Radiohead.

Questa volta, però, EMI ha voluto fare le cose in grande consentendo agli appassionati di musica utilizzatori dei sistemi Gnutella, di eseguire ricerche sul network e scaricare alcuni video messi loro a disposizione. Si tratta di un’operazione promozionale che permette ad EMI di distribuire una serie di link e rimandi ai siti delle sue etichette nonché di condire il tutto con un po’ di pubblicità.

Si tratta, insomma, di un chiaro esperimento che, come notava anche Wired nelle scorse ore, rappresenta un passo avanti importante. C’è da dire, però, che i più ottimisti sperano che queste novità si accompagnino presto al ritiro delle pesanti denunce che i discografici hanno presentato non solo proprio contro Aimster ma, più recentemente, anche contro tutti i più utilizzati sistemi di file-sharing con la sola eccezione di Morpheus, considerato peraltro il più celebre al momento.

Ma le speranze devono essere tenute sotto controllo. Ted Cohen, vicepresidente dei nuovi media alla EMI, ha messo in chiaro la finalità dell’operazione: “Intendiamo supportare gli appassionati musicofili avvicinandoli ai nuovi video in un ambiente sicuro, uno che ha un forte potenziale per aumentare le vendite”. A sentire Cohen e Jive Media, il 15 per cento dei 400mila che hanno già dato un’occhiata al primo video (“My Baby” di Lil’ Romeo) ha cliccato sui link dei siti di commercio elettronico dove è messo in vendita l’intero album. Non sono però noti i numeri di quanti abbiano poi effettivamente acquistato.

Ma le novità per il file-sharing e file-swapping in queste ore arrivano anche nientemeno che dal Pentagono. La Difesa americana sembra intenzionata ad avvicinarsi al peer-to-peer con un occhio ben più aperto di quanto possano fare gli industriali della musica. Nelle scorse ore, infatti, il Pentagono ha messo in chiaro di essere molto interessato ai network di file-sharing e di ritenere gli sviluppatori che se ne occupano possibili alleati nella lotta internazionale contro il terrorismo.

Secondo il Pentagono, infatti, l’uso della tecnologia di condivisione dei file e più in generale il peer-to-peer può significare rendere più semplice per le diverse agenzie della Difesa, per gli innumerevoli uffici sparsi per tutto il mondo, scambiare informazioni, connettersi l’uno con l’altro. “Voi – ha spiegato agli sviluppatori il tenente colonnello Robert Wardell, assistente del generale Richard B. Myers – ci potete dare una mano”.

Secondo Wardell, il peer-to-peer applicato alle esigenze del Pentagono può consentire di distribuire in modo mirato all’interno delle agenzie militari informazioni “al volo”, addirittura collegando non solo le basi a terra ma anche le navi, gli aeroplani, i carri armati e le truppe a terra.

Il tenente colonnello del Pentagono ha spiegato agli sviluppatori come il problema di tecnologie spesso tra loro incompatibili sia sentito dalla Difesa e come questo abbia conseguenze spesso assai negative, come accadde in Kosovo, dove un F-14 Tomcat non ha potuto utilizzare il suo sistema di comunicazione radio sicuro perché incompatibile con quello del bombardiere B-52 con cui doveva comunicare.

Recentemente, ha spiegato Wardell, la portaerei USS Kitty Hawk, configurata per dialogare con gli aerei della Marina, si è trovata in difficoltà dovendo comunicare agli elicotteri dell’Esercito in missione in Afghanistan. I soldati, secondo Wardell, vanno equipaggiati con sistemi di comunicazione flessibili e rapidi e multi-piattaforma. “Quello che abbiamo – ha detto Wardell – è un nemico distribuito sul territorio che opera con un sistema peer-to-peer ad un livello molto basso. Come lo aggredisci? Probabilmente con lo stesso mezzo”.

Che il Pentagono sia interessato al peer-to-peer lo dimostra pure il fatto che nell’ambito della spesa tecnologica straordinaria autorizzata in queste settimane dal Congresso, la Difesa USA abbia destinato importanti somme al collaudo dei sistemi di file-sharing Groove, studiati per un uso professionale. Il problema maggiore per il Pentagono è adattarsi alle novità tecniche, che si rincorrono rapidamente. “Per noi è uno shock culturale di prim’ordine – affermano i militari – questo è il motivo per cui vi chiediamo di aiutarci”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    non date una lira a nessuno
    la ricerca pura non esiste, lo ha detto e lo ripete nei suoi spettacoli ormai da tempo il comico Beppe Grillo. Io ci credo e vi invito a non dare per la ricerca neppure una lira, soldi che vanno a vere associazioni a delinquere che finora hanno sperperato miliardi facendoci credere che fossero stati usati per fini "buoni"
    • Anonimo scrive:
      Re: non date una lira a nessuno
      Beh certo che se lo ha detto Beppe Grillo... allora si eh....! ma cmq io ti consiglierei di informarti prima di parlare, Telethon la ricerca la fa veramente, ci lavorano molte persone serie, molti professionisti e anche molte persone che i problemi delle malattie le vivono sulla propria pelle, che esistano societa' millantatrici o truffaldine non c'e' certo bisogno che lo dica il tuo caro Beppe, ma certamente non e' il caso di generalizzare,e comunque i tuoi soldini tieniteli ben stretti...
      • Anonimo scrive:
        Re: non date una lira a nessuno
        povero illuso! non ti sei ancora reso conto che la ricerca è finanziata dalle case farmaceutiche e i ricercatori sono loro azionisti. Si ricerca solo quello che vogliono le case farmaceutiche. Nulla di strano che siano proprio queste associazioni a delinquere che diffondano le malattie. Devono mettere sul mercato nuove medicine dunque devono creare nuove malattie. La ricerca sul cancro te lo dico io come si fa: basta inquinare meno (eliminare il petrolio), mangiare meno carne (è considerata la principale causa di cancro) e alimenti fatti senza l'utilizzo di prodotti chimici. Poi fare una massiccia campagna contro il fumo. proponilo a Susanna Agnelli .
    • Anonimo scrive:
      Re: non date una lira a nessuno
      Informati correttamente prima di esprimere opinioni prive di fondamento. La ricerca in Italia esiste solo grazie a Telethon che con estremo scrupolo finanzia solo progetti ben documentati e digrande interesse. Cerca il laboratorio Telethon piu' vicino a te e facci una visita, verificherai di persona. Una nazione come l'Italia che ambisce ad un ruolo internazionale di rilievo, sottovaluta la ricerca scientifica e la affida completamente a organizzazioni come Telethon che consapevoli del loro importante ruolo si muovono con uno scrupolo encomiabile.
      • Anonimo scrive:
        Re: non date una lira a nessuno
        Dio mio! un altro povero illuso. Io mi tengo i miei soldi e non do nemmeno una lira per la finta ricerca. tu invece vai a fare donazioni includendo anche il rimborso spese per gli ospiti della trasmissione. come siamo ridotti male!LA RICERCA PURA NON ESISTE! LO DICE IL PREMIO NOBEL MCMILLAN EDWIN MATTISON SCOPRITORE DELLA VITAMINA B.
        • Anonimo scrive:
          Re: non date una lira a nessuno
          Se io sono un illuso, tu sei uno sciocco; le mie parole si basano su fatti concreti, conosco personalmente un laboratorio Telethon dove lavorano persone che credono in quello che fanno e lo possono fare solo perche' Telethon li finanzia. I risultati del loro lavoro sono a disposizione di tutta la comunità scientifica internazionale sulla rivista "Nature Genetics", universalmente riconosciuta. A questo punto mostra le tue evidenze contrarie, se ne hai....
          • Anonimo scrive:
            Re: non date una lira a nessuno
            penso che la mia ricetta per sconfiggere il cancro sia più valida di qualsiasi rivista di medicina. Tu semmai dovresti indicare tutte le scoperte fatte con i finanziamenti telethon
          • Anonimo scrive:
            Re: non date una lira a nessuno
            8/10/2001 SCOPERTO UN GENE RESPONSABILE DELLA SORDOCECITÀ 4/10/2001 RICERCATORI TELETHON SCOPRONO IL TERZO GENE PER LA "MALATTIA DEL FERRO" 9/8/2001 SCOPERTO UN NUOVO GENE DELLA SORDITÀ 14/6/2001 UNA SPERANZA PER LA COREA DI HUNTINGTON 7/6/2001 TELETHON: SCOPRO IL GENE DELLA COREA E TORNO A CASA 27/4/2001 UNA SCOPERTA ITALIANA SULL'ORIGINE GENETICA DELL'INFARTO PRECOCE 28/2/2001 PIU? VICINA LA TERAPIA GENICA DI GRAVI MALATTIE CEREBRALI 30/1/2001 IDENTIFICATO UN GENE CHE CAUSA LA MENOPAUSA PRECOCE. 24/1/2001 PARKINSON: SCOPERTA LA PATTUMIERA CELLULARE CHE PROTEGGE I NEURONI 1/12/2000 IMPORTANTE SCOPERTA SULLE MALATTIE AUTOIMMUNI 15/11/2000 INDIVIDUATO IL GENE RESPONSABILE DELLO PSEUDOXANTHOMA ELASTICUM 13/11/2000 GRAZIE A TELETHON SCOPERTO UN GENE RESPONSABILE DELL'EPILESSIA NOTTURNA 24/10/2000 RICERCA TELETHON SUL NUOVO BERSAGLIO PER COMBATTERE L'EPILESSIA 5/10/2000 TELETHON SCOPRE CHE L?EPILESSIA SI EREDITA ANCHE DA GENITORI SANI 12/9/2000 IDENTIFICATO UN NUOVO GENE RESPONSABILE DI RITARDO MENTALE 12/9/2000 PIU FACILE LA DIAGNOSI DELLA RETINITE PIGMENTOSA 31/7/2000 SCOPERTE CAUSE GENETICHE DELLA MORTE IN CULLA 20/7/2000 I TANTI GENI DELLA DISTROFIA DI EMERY-DREIFUSS 20/7/2000 FERTILI RICERCHE SULLA STERILITA? 30/6/2000 SCOPERTO IL GENE DELL'OSTEOPETROSI, LA MALATTIA DELLA OSSA DI MARMO 26/6/2000 UNA NUOVA IPOTESI SULLE CAUSE DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON 14/6/2000 UNA NUOVA ARMA PER LA TERAPIA GENICA 9/6/2000 RICERCA TELETHON SULLA IDONEITA? SPORTIVA PER I I BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DI DOWN 24/5/2000 INDIVIDUATA LA CAUSA GENETICA DELL?INCONTINENTIA PIGMENTI, UNA TEMIBILE MALATTIA DELLA PELLE 17/5/2000 IDENTIFICATO IL GENE DI UNA GRAVE FORMA DI NEUROPATIA EREDITARIA 10/5/2000 DAL GENOMA ALLE SCOPERTE SUI GENI-MALATTIA: INDIVIDUATO UN GENE RESPONSABILE DI TRE RARE MALATTIE EREDITARIE 4/5/2000 DALLA RICERCA TELETHON ECCO JAB1, LA PROTEINA CHE PORTA IL MESSAGGIO DRITTO AL NUCLEO DELLA CELLULA 4/4/2000 DALLA RICERCA TELETHON IDENTIFICATO UN GENE CHIAVE NELLO SVILUPPO DELLO SCHELETRO 14/3/2000 DALLA RICERCA TELETHON UN PASSO IN AVANTI PER COMPRENDERE LE CAUSE DELLA DISTROFIA FACIOSCAPOLOMERALE 22/2/2000 INDIVIDUATO IL GENE RESPONSABILE DELLA DISTROFIA DEI CINGOLI DI TIPO 2G 5/2/2000 SCOPERTO UN NUOVO GENE CHE CAUSA LA EMOCROMATOSI EREDITARIA 12/11/1999 SCOPERTO NUOVO GENE CALCOLOSI RENALE 28/9/1999 DIMOSTRATA LA PREDISPOSIZIONE GENETICA ALL?ICTUS 11/9/1999 CURATA PER LA PRIMA VOLTA IN FASE PRENATALE LA SINDROME DI OMENN 3/9/1999 DALLA RICERCA TELETHON NUOVO SUCCESSO NELLA LOTTA ALLE MALATTIE GENETICHE: INDIVIDUATO IL GENE RESPONSABILE DI UNA GRAVE INTOLLERANZA AD ALCUNE PROTEINE 31/8/1999 SCOPERTO UN NUOVO GENE DELLA SORDITA? 12/8/1999 SCOPERTI A PADOVA GENI LEGATI A FORMA INFERTILITA' 7/7/1999 IL TEST GENETICO PER LA FSHD: LA STORIA DI UN SUCCESSO ITALIANO 10/6/1999 SVELATI I MISTERI DEL GENE DELL?ALBINISMO OCULARE 10/6/1999 GRAZIE A STUDI DI BIOLOGIA CELLULARE OTTENUTE NUOVE IMPORTANTI INFORMAZIONI 11/4/1999 DALLA RICERCA TELETHON NASCE IL TOPO "SMEMORATO" 30/3/1999 SCOPERTO UN NUOVO RESPONSABILE DELLA DISTROFIA DI EMERY-DREIFUSS 3/3/1999 LA FACCIA BUONA DEL BOTULINO 3/3/1999 UNA RICERCA FINANZIATA DA TELETHON METTE IN LUCE ALCUNE CAUSE GENETICHE DELLA STERILITA' MASCHILE E I RISCHI DELLA FECONDAZIONE ASSISTITA 3/3/1999 MALATTIA DI HUNTINGTON: PASSO IN AVANTI DELLA RICERCA 12/12/1998 E' NATA A PADOVA ED E' TARGATA TELETHON LA PRIMA MAPPA DEI GENI DEL MUSCOLO UMANO 12/12/1998 LOCALIZZATO UN GENE DI SUSCETTIBILITA? ALLA PSORIASI FAMILIARE SUL CROMOSOMA 1 6/11/1998 UN IMPORTANTE PROGRESSO NELLA LOTTA CONTRO LE MALATTIE GENETICHE 12/10/1998 RICERCATORI TELETHON SCOPRONO IL GENE DELLA SINDROME DI LEIGH 9/9/1998 SCOPERTA L?ORIGINE GENETICA DELLA PALATOSCHISI E CONFERMATA QUELLA DELL?IPOTIROIDISMO 4/8/1998 SCOPERTI AL NEGRI SUD ALCUNI MECCANISMI BIOLOGICI RESPONSABILI DELL?ATASSIA DI TIPO 1 15/7/1998 LE NUOVE CONOSCENZE SULLA STRUTTURA DEI MITOCONDRI 20/5/1998 L'IPOTIROIDISMO RICONOSCIUTO COME MALATTIA GENETICA 3/5/1998 NUOVE PROSPETTIVE NELLA LOTTA CONTRO LA DISTROFIA MUSCOLARE 31/3/1998 SCOPERTO IL GENE CHE PROVOCA UNA FORMA DI DISTROFIA DEI CINGOLI 10/1/1998 LOCALIZZATO IL GENE CHE PROVOCA LA FORMA PIU? GRAVE DELLA GLICOGENOSI EPATICA 6/1/1998 LA SCOPERTA DI UN GENE RESPONSABILE DEL RITARDO MENTALE 2/12/1997 IDENTIFICATO IN ITALIA POTENZIALE FATTORE DI CRESCITA PER LE CELLULE MUSCOLARI 3/11/1997 GRAZIE A TELETHON PIU' FACILE LA DIAGNOSI MOLECOLARE DELLE DISTROFIE MUSCOLARI 28/10/1997 IDENTIFICATO DA RICERCATORI ITALIANI IL GENE DELLA SINDROME DI OPITZ: AVANZA LO STUDIO DEL RITARDO MENTALE E DI ALCUNE GRAVI MALFORMAZIONI 14/10/1997 INDIVIDUATI DA RICERCATORI TELETHON 725 NUOVI GENI ATTIVI NEL MUSCOLO 15/9/1997 RICERCATORI TELETHON LOCALIZZANO UN ALTRO GENE RESPONSABILE DELLA MORTE IMPROVVISA DEI GIOVANI ATLETI 13/8/1997 RICERCATORI TELETHON SCOPRONO IL GENE CHE PROVOCA LA SORDITA' 25/6/1997 DAI MECCANISMI CHE CONTROLLANO LA FORMAZIONE DEL MUSCOLO SCHELETRICO UNA NUOVA PROSPETTIVA PER LA TERAPIA DELLE DISTROFIE MUSCOLARI 29/1/1997 SCOPERTO UN NUOVO GENE RESPONSABILE DELLE CARDIOPATIE CONGENITE tutti i dettagli con nomi, cognomi e laboratori di riferimento li trovi sul sito telethon.it
Chiudi i commenti