L'antifurto peripatetico per il cellulare

L'idea arriva dalla Finlandia: se il suo padrone cammina il cellulare lo riconosce e funziona regolarmente. Se ha dei dubbi chiede il PIN


Helsinki – La notizia sembra anticipare i risultati che insegue chi si occupa di biometria e pensa di applicarla al mondo della telefonia cellulare : alcuni scienziati dell’istituto finlandese VTT Technical Research Center hanno realizzato un particolare sistema antifurto per telefoni cellulari, computer palmari e altri apparecchi portatili, un antifurto… peripatetico.

In virtù della presenza di speciali sensori che rilevano e registrano i parametri dell’andatura dell’utilizzatore, il particolare antifurto sarebbe in grado di riconoscerne l’identità. Quindi, se il modo di camminare dell’utente cambia, il dispositivo si disattiva automaticamente. A quel punto, per poterlo nuovamente utilizzare, occorre inserire una password di sblocco.

Serve? L’unica differenza con un’autenticazione tradizionale è che viene effettuato un riconoscimento “preventivo” dell’utente, senza che sia richiesto l’inserimento di una chiave di attivazione, quella che, con il PIN, richiede solamente pochi secondi di tempo, quello che il nuovo antifurto “preziosamente” risparmia.

Non è ancora dato sapere se e quando sarà commercializzato l’ingegnoso sistema, efficace finché al proprietario dell’apparecchio non capiti almeno una distorsione alla caviglia, né è chiaro cosa accada quando l’utente non si muove oppure si trova su un mezzo di trasporto diverso dai due piedi.

I tempi di arrivo sul mercato della novità non sono comunque destinati ad essere brevissimi: anche se il brevetto è già stato registrato, al momento nessuno tra i più noti produttori si è fatto avanti.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Vendere una 200KBits/s per 4MBits/s
    Ho attivato il servizio della SiPortal, una 4 MBits/s con banda minima a 200KBits/s.Il servizio comincia a funzionare il 10/02/2006 dopo circa un mese dalla richiesta di attivazione ed arriva il bello.Da subito notai la lentezza della linea, nel migliore dei casi andavo a 30kbyte/s, subito mi misi in contatto col centro assistenza, rispondono che era strano ed avrebbero fatto le opportne verifiche.Di solleciti ne ho fatti tanti, sia telefonici sia via email (circa 43 email inviate con i relativi catturaschermo dei test che loro stessi mi chiedono di fare).Ad oggi 13/04/2006 la linea è lentissima, e quasi sempre sotto la banda minima garantita.Mi chiedo perchè vendere l'adsl come 4MBits/s se le infrastrutture non lo permettono? Forse è solo il provider SiPortal che non fa gli opportuni upgrade dei suoi sistemi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Vendere una 200KBits/s per 4MBits/s
      - Scritto da: grpventana
      Ho attivato il servizio della SiPortal, una 4
      MBits/s con banda minima a 200KBits/s.
      Il servizio comincia a funzionare il 10/02/2006
      dopo circa un mese dalla richiesta di attivazione
      ed arriva il bello.
      Da subito notai la lentezza della linea, nel
      migliore dei casi andavo a 30kbyte/s, subito mi
      misi in contatto col centro assistenza,
      rispondono che era strano ed avrebbero fatto le
      opportne verifiche.
      Di solleciti ne ho fatti tanti, sia telefonici
      sia via email (circa 43 email inviate con i
      relativi catturaschermo dei test che loro stessi
      mi chiedono di fare).
      Ad oggi 13/04/2006 la linea è lentissima, e quasi
      sempre sotto la banda minima garantita.
      Mi chiedo perchè vendere l'adsl come 4MBits/s se
      le infrastrutture non lo permettono? Forse è solo
      il provider SiPortal che non fa gli opportuni
      upgrade dei suoi sistemi?Si putroppo ho visto per esperienza personale che le cose non stanno andanco come dovrebbero, per quanto riguarda i servizi adsl forniti dai vari provider in Italia.Io sono un abbonato di Telvia ed ho attivato circa 2 anni fa una 640/256 che e' stata portata a 1280/256, solo che il servizio e' stato impeccabile per pochissimo tempo, diciamo circa 8 mesi poi sono iniziati i problemi che a detta di loro non ci sono o sono imputabili a Telecom, così dopo aver dato un'altro anno di fiducia ed aver visto che sia la velocità di navigazione e download era orma simile a quella di un modem analogico a 56 Kbite e soprattuto dopo aver capito che per loro siamo solo dei numeri che portano solo soldi (assistenza zero), ho deciso di mandare disdetta di auto rinnovo, ed ora il mio contratto scadra' il 7 maggio.Per ora vedo che sta andando benissimo, ma non torno sui miei passi, preferisco a questo punto rivolgermi al provider dominante cioe Telecom, magari li mi trovero' meglio, lo spero tanto.Per il problema di qui parli, beh che dirti, in questo periodo purtroppo sono pochi i provider seri, e il piu' delle volte tendono a dare solo la banda minima.Ma nel tuo caso mi sa che 'e diverso, qui si parla di andare sotto la soglia minima, quindi in violazione del contratto.Dal mio punto di vista potresti benissimo chiedere la risoluzione, senza dare nulla di penale o altro.Ciao.
Chiudi i commenti