L'antivirus che mette KO Windows 2003

Un aggiornamento errato ha fatto sì che l'antivirus eTrust di CA riconoscesse un componente di sistema come un cavallo di Troia, eliminandolo dal disco. Un update corregge il problema

Roma – Un recente update all’antivirus eTrust di CA (nuovo nome di Computer Associates) ha causato alcuni problemi a certi utenti di Windows Server 2003. Secondo quanto riportato da Silicon.com , dopo l’aggiornamento l’antivirus scambiava erroneamente un componente chiave di Windows per un malware.

Più nel dettaglio, il software di CA rilevava il file di sistema lsass.exe come il cavallo di Troia Lassrv.B , scoperto lo scorso 24 agosto. Riconoscendolo come un codice virale, l’antivirus provvedeva ad eliminare il file causando il crash o il riavvio del sistema.

Va detto che in passato diversi malware, tra cui trojan, worm e downloader, hanno utilizzato il nome lsass.exe per mascherare la loro attività in memoria. In Windows il processo lsass (Local Security Authentication Server) sovrintende a diverse funzioni per la sicurezza e l’autenticazione locale.

L’update incriminato è datato 1 settembre 2006. CA ha già distribuito un aggiornamento che corregge il problema e ha pubblicato alcune istruzioni dedicate agli utenti incorsi nell’inconveniente.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Amore Sicuro scrive:
    Interessante questo supporto Lindy
    Qualcuno ha mai provato qualcosa del genere ? Va bene per i 15" e per i 17" ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Interessante questo supporto Lindy
      - Scritto da: Amore Sicuro
      Qualcuno ha mai provato qualcosa del genere ? Va
      bene per i 15" e per i 17"
      ?Mah... secondo me vai a buttare via trenta euro per una bischerata che ti ciuccia, oltre tutto, la batteria.Basta elevare anche di poco il notebook dalla superficie di appoggio, come su due penne, e hai già risolto il problema del dissipamento del calore.Sarebbe stato interessante se il supporto, invece di ciucciare, fosse stato in grado di riconvertire il calore in corrente da ridare al notebook (cosa che è possibile ma... "sconveniente"?). Allora si che i 30 euri ti ce li spendevo volentieri... ma le ventole...
      • Amore Sicuro scrive:
        Re: Interessante questo supporto Lindy

        Basta elevare anche di poco il notebook dalla
        superficie di appoggio, come su due penne, e hai
        già risolto il problema del dissipamento del
        calore.Lo faccio sempre ma a volte quando c'è molto caldo non è abbastanza ...
        Sarebbe stato interessante se il supporto, invece
        di ciucciare, fosse stato in grado di
        riconvertire il calore in corrente da ridare al
        notebook (cosa che è possibile ma...
        "sconveniente"?). Allora si che i 30 euri ti ce
        li spendevo volentieri... ma le
        ventole...Un pannello a vapore? :o
  • Anonimo scrive:
    ci risiamo.
    Schede video Radeon X1950XTX da Asus...anti-aliasing, lo Shader 3.0 e la tecnologia HDCP, che consente di riprodurre contenuti protetti in alta definizione....protetti da chi? la ati fa sempre più schifo, la asus sta scadendo. Se amd non ci mette una pezza ...
    • Anonimo scrive:
      Re: ci risiamo.
      più che altro con i 545 che costa quella scheda ci compro utto il pc :-)
      • m00f scrive:
        Re: ci risiamo.
        Quello che fa schifo quanto DRM è che ti vendono una scheda video spacciandola come "NUOVA" quando le prestazioni sono praticamente identiche a quelle della X1900XT che costa molto meno.AMD non ci metterà una pezza, anzi aumenterà il supporto DRM e "palladium" con le prossime generazioni di cpu e chipset (powered by ATi).Intel? continuerà a sfornare cpu senza nome ma con solo numeri 430 502 842 1337 ... e nVidia seguirà a ruota ATi in una concorrenza che è pari a quella tra gli operatori di telefonia mobile italiani! IMHO: Con un pc di 600 non puoi giocare Point-of-Existence 2.0 (mod per Battlefield 2).
Chiudi i commenti