Laptop smarrito allarma New York

Pericolo scampato per 540mila cittadini USA. Il database con i loro dati era andato perduto ma per fortuna è stato ritrovato dall'FBI. Nuove polemiche sulla sicurezza

Albany (USA) – Si è conclusa con un lieto fine la vicenda che ha fatto tribolare per due giorni più di mezzo milione di cittadini newyorkesi. Nella giornata di lunedì era stato smarrito un laptop, appartenente alla compagnia assicurativa CS Stars, al cui interno erano immagazzinati i dati personali di 534mila lavoratori che negli ultimi tempi si erano assentati dal lavoro per malattia.

Subito era scattato l’allarme e, dato che in principio si era pensato ad un furto, è stata chiamata in causa l’FBI che dopo tre giorni di accurate ricerche ha rinvenuto il database. Un’analisi eseguita subito dopo il recupero ha escluso che i dati possano essere stati copiati o utilizzati in maniera impropria e non ci sono prove che il laptop si stato effettivamente rubato proprio con lo scopo di impossessarsi del suo hard disk.

In ogni caso la compagnia, che aveva già inviato a tutti i “derubati” una lettera di scuse, ha offerto ai propri clienti una polizza assicurativa contro il furto di identità e altri vantaggi nella speranza di evitare che questi, presi dalla psicosi che si genera dopo ogni evento simile, scelgano di non avvalersi più dei suoi servizi. Inoltre il fatto che il laptop sia stato ritrovato ad opera dei federali e non dai dipendenti della CS Stars, responsabili della perdita, ha infastidito ancora di più tutti quegli utenti la cui identità è stata fortemente messa a rischio.

Purtroppo queste non sono le prime persone che rischiano o subiscono una cosa del genere: sono sempre più frequenti negli USA sparizioni e furti , dovuti talvolta anche alla poca accortezza con cui sono custoditi, di grandi ed importanti archivi come, ad esempio, quello del Dipartimento dei Veterani di Washington , anch’esso poi ritrovato .

Ciò che colpisce non è solo l’effettivo valore dell’archivio ma la sconcertante facilità con cui questi dati vengono esposti al rischio di essere rubati o persi: è accaduto anche che PC ricolmi di dati e sottratti non fossero dotati nemmeno di una password di accesso, per non parlare di sistemi di cifratura, una rarità.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • scala40 scrive:
    Un ringraziamento col sorriso :-D
    Un saluto col sorriso a tutti voi che mi leggete :-DVorrei ringraziare tutte le persone che lavorano e studiano per aiutare i disabili , leggendo l'articolo ho letto che si stà studiando per aiutare i disabili a poter adoperare anche loro il pc , di questo ringrazio di cuore e vi invio un abbraccio con un cielo di sorrisi a tutti voi che avete nel cuore come mè le persone più deboli a non sentirsi escuse e ad aiutarli come meglio è possibile fare *:-):-) :-D , però ho letto che per i sordomuti cè il problema col pc che non sentono , però è vero che non sentono ma vedono e se si fa un pc dove a ogni colore di luce risponde a una mansione non dovrebbe essere difficile per il sordomuto imparare i colori come mansioni , io ho detto la mia idea non sò se sarà possibile realizzare un pc con funzioni a lampadine accese di diversi colori che indicano le mansioni e poi una volta realizzato i pc per i sordomuti basterebbe fargli fare dei corsi per spiegargli i colori diversi che funzioni hanno , sono certa che loro sono persone che imparerebbero velocemente e poi non si sentirebbero soli anzi avrebbero modo di dialogare con tutto il mondo ed è bello poter dialogare con tutto il mondo , poi voglio ringraziarvi a nome mio e a nome di tutti i disabili per ciò che state studiando per poterli aiutare ...questo è il loro e mio abbraccio per dirvi grazie che pensate a tutti loro *:-):-) . Da una mamma di nome Angela .....ringrazio punto informatico che mi aggiorna inviandomi le informazioni ...grazie per informarmi e vi invio a tutti voi di punto informatico un cielo di sorrisi che entrino nella vostra casa e nelle case di tutto il mondo , soprattutto dove cè la sofferenza , qualuncque sofferenza sia :-D
  • Anonimo scrive:
    "magnificatore"?
    Ma dico, ma come si fa a tradurre "magnifier" con "magnificatore"!?:-D
  • ciumbolo scrive:
    stiamo raccogliendo sw free per disabili
    http://www.slaitalia.it/pages/tecnologie.htmsiamo ancora agli inizi... :)gianluca
    • Anonimo scrive:
      Re: stiamo raccogliendo sw free per disa
      - Scritto da: ciumbolo
      http://www.slaitalia.it/pages/tecnologie.htm
      siamo ancora agli inizi... :)
      gianlucaConosciete gia BLinux ?http://leb.net/blinux/State collaborando ? Anche solo la traduzione italiana sarebbe utile.
  • PolarisIlMago scrive:
    Mistificazioni
    Esprimo un parere da diversamente abile (invalido del lavoro con grave limitazione della vista)sul mondo dei supporti ai diversamente abili. E' un opinione non una verità e come tale si espone anche a una accesa dialettica naturalmente.Esistono vari tipi di protesi e in Italia sono in pochi a commerciarle a prezzi volutamente altissimi e ognuno cercando di accaparrarsi con ogni mezzo (e non detto in senso lato) tutto il mercato possibile. Le associazioni di categoria sono quasi sempre rivenditori di questi prodotti, troppo spesso smerciano prodotti superati da anni impedendo di fatto ai loro associati di accedere convenientemente a prodotti di ultima generazione. Le istituzioni sono assurde e quasi sempre coordinate da burocrati che dir folli è fargli un complimento. Faccio un esempio il bando sax-b della Puglia ereditato dalla vecchia giunta e non particolarmente migliorato dalla nuova. A parte la competenza della commissione (sono stati esclusi da alcuni preventivi i monitor per pc da 24 pollici lcd inseriti per gli ipovedenti perchè la "commissione" gli ha considerati home teatre, mentre quelli da 15 pollici dei portatili andavano bene), il bando prevede che chi riceve i fondi (fino a 12.000 euro a richiedente) debba prima spendere i 12.000 euro di tasca sua e poi chiederne il rimborso (così si è fatto un'altro favore alle banche, che presteranno i 12.000 euro agli aventi diritto alla sovvenzione, ma attenzione però, perchè solo a chi a garanzie gli altri sono esseri feriti e senza diritti) che bello!!!!!!!! Ivo
    • Anonimo scrive:
      Re: Mistificazioni
      Leggendo il tuo post ho pensato :Punto Informatico l'intervista doveva farla a una persona con problemi di disabilità, che sicuramente sa meglio di molti altri cosa ruota attorno a questo particolare mondo tecnologico, e che si esprime mettendo sulla bilancia i pro e i contro della "caccia alle tecnologie".
      • Anonimo scrive:
        Re: Mistificazioni
        - Scritto da:
        Leggendo il tuo post ho pensato :

        Punto Informatico l'intervista doveva farla a una
        persona con problemi di disabilità, che
        sicuramente sa meglio di molti altri cosa ruota
        attorno a questo particolare mondo tecnologico, e
        che si esprime mettendo sulla bilancia i pro e i
        contro della "caccia alle
        tecnologie".Tipo questa? http://punto-informatico.it/p.asp?id=1333285
        • Anonimo scrive:
          Re: Mistificazioni
          Li si parla soprattutto di censure e cina... non del fatto che ci siano aziende con enormi interessi dietro la possibilita', per chi e' disabile, di avere degli strumenti tecnologicamente adatti.leggi bene il contenuto del post che hai linkato :)
  • Anonimo scrive:
    Prima di lanciarsi in altri progetti
    cominciare a fare un sito internet che funzioni pare un'utopia a questi signori?
  • Anonimo scrive:
    Open source?
    Magari quelle tecnologie potrebbero essere "mosse" da un cuore open. In questo modo, il costo totale potrebbe scendere.Che ne dite?
    • Anonimo scrive:
      Re: Open source?
      Salve,intervengo in qualità di disabile motorio grave, di interessato al settore hi-tech e perché ho avuto il piacere di conoscere il Dott. Maringelli ad un convegno.Proprio sulla questione Open Source rivolsi a lui la mia prima domanda ad un convegno perché sono profondamente convinto che tutte quelle (poche) compagnie che si occupano di ausili così all'avanguardia avrebbero solo da guadagnarci a puntare sullo sviluppo software di parti open, che vincollerebbero in ogni caso al loro intervento per licenziare la parte di loro proprietà (logicamente ci deve essere poiché non sono enti di beneficenza!) e per l'apporto del loro fondamentale know-how per la personalizzazione.Al riguardo sto cercando di portare avanti il discorso in vari modi, ma non è questa la sede in cui discuterne in dettaglio.Riccardo
  • Anonimo scrive:
    Guarda qui
    http://www.slaitalia.it/pages/tecnologie.htm
  • mikeUS scrive:
    Microsoft?
    "A livello di software sono state fatte diverse cose, come in Microsoft che produce un magnificatore per evidenziare parole e dettagli a video, oppure sistemi di lettura facilitati e molto altro."Voiceover di apple? Mai sentito?E ce ne sono a migliaia...non capisco questo esempio, per altro pochissimo rappresentativo
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft?
      - Scritto da: mikeUS
      "A livello di software sono state fatte diverse
      cose, come in Microsoft che produce un
      magnificatore per evidenziare parole e dettagli a
      video, oppure sistemi di lettura facilitati e
      molto
      altro."

      Voiceover di apple? Mai sentito?

      E ce ne sono a migliaia...non capisco questo
      esempio, per altro pochissimo
      rappresentativoforse perché è dai tempi di windows 98 (ma mi pare anche 95) che nel "pannello di controllo" di Windows ci sono le "opzioni per l'accessibilità".
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft?
      - Scritto da: mikeUS
      "A livello di software sono state fatte diverse
      cose, come in Microsoft che produce un
      magnificatore per evidenziare parole e dettagli a
      video, oppure sistemi di lettura facilitati e
      molto altro."
      Voiceover di apple? Mai sentito?Mai sentita l'espressione "per esempio"?
      E ce ne sono a migliaia...Bene allora accomodati ad elencarle tutte. A noi per capire basta un buon esempio e un buon eccetera, tipo "oppure sistemi di lettura facilitati e molto altro".
      non capisco questo
      esempioPiu' che altro non ti piace.
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft?


        Piu' che altro non ti piace.
        forse non gli piace perche', pur essendoci sistemi che forse sono migliori (io non me ne intendo, bada bene, mi rifaccio al primo post) si elenca proprio M$ invece di altri...
        • Anonimo scrive:
          Re: Microsoft?
          - Scritto da:



          Piu' che altro non ti piace.



          forse non gli piaceEcco, allora e' una critica che viene da un giudizio di parte il suo.
          perche', pur essendoci
          sistemi che forse sono migliori (io non me ne
          intendo, bada bene, mi rifaccio al primo post) si
          elenca proprio M$ invece di
          altri...E perche' no?Guarda che ha fatto un esempio, non una classifica.I sistemi di ms, per quanto sgradevoli, sono molto diffusi e quindi e' legittimo che vengano tirati in ballo. Che c'e' di male? Non bisogna nemmeno citarli?
          • Anonimo scrive:
            Re: Microsoft?
            - Scritto da:

            - Scritto da:





            Piu' che altro non ti piace.






            forse non gli piace

            Ecco, allora e' una critica che viene da un
            giudizio di parte il
            suo.


            perche', pur essendoci

            sistemi che forse sono migliori (io non me ne

            intendo, bada bene, mi rifaccio al primo post)
            si

            elenca proprio M$ invece di

            altri...

            E perche' no?
            Guarda che ha fatto un esempio, non una
            classifica.
            I sistemi di ms, per quanto sgradevoli, sono
            molto diffusi e quindi e' legittimo che vengano
            tirati in ballo. Che c'e' di male? Non bisogna
            nemmeno
            citarli?(sono un'altro)par condicio?ho capito che m$ fa (a quanto pare, io ho la fortuna di non doverli usare) ottimi prodotti per diversamente abili, ma mi sembrerebbe il caso di citarne altri, no?tanto per aumentare la scelta...e per non venir visto come marketing.magari l'autore non ne aveva intenzione, ma citando solo prodotti di una casa produttrice rischia di far sembrare pubblicità il suo articolo...IMHO, ovviamente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft?
      - Scritto da: mikeUS
      "A livello di software sono state fatte diverse
      cose, come in Microsoft che produce un[snip]
      E ce ne sono a migliaia...non capisco questo
      esempio, per altro pochissimo rappresentativoE' semplice, il tipo sta tirando acqua al suo mulino, vedi come magnifica l'eye-track, che casualmente vende e come minimizza le possibilita' del braingate (anche se probabilmente ha ragione, e' una questione di toni). Riguardo MS, ne cita e ricita i prodotti sia perche' sono i piu' diffusi (e quindi "conosciuti" anche da chi sta dalla parte sfigata del digital divide) sia perche' la roba che vende ci si integra, quando non ci si basa. Potete pensarla come una tecnica di marketing con cui ci si allaccia ad un brand per farsi trainare.k1
  • Ics-pi scrive:
    Finalmente
    Una intervista con una persona seria.Dopo quello dell'agenzia dell'entrate e quell'altro del pitupi pensavo che la prossima sarebbe stata fatta al Merolone a Zechila o a Costantino (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 agosto 2006 16.24-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti