Lavoro nell'IT, il problema non è l'IT

Ne parla un esperto di sistemi: la questione non sono le imprese che ricercano addetti bravi a basso prezzo ma le società che fanno vendita di personale

Roma – Buon giorno, scrivo a proposito degli articoli legati al mondo del lavoro nel campo IT . Mi presento come un esperto di sistemi di rete, con esperienza ormai decennale, che rientra in quel termine inglese, spesso abusato, “Senior”.

Io rimango abbastanza scioccato nel leggere questi articoli. Non vedo cosa ci sia da discutere, visto che il mercato del lavoro segue in fondo una sola logica, forse, legata al minor costo. L’Italia tecnologicamente è in ritardo, sia nei servizi che nelle infrastrutture (pubbliche o private), a parte qualche rara e limitata eccezione, non esistono piani d’investimento per il progresso che avviene più per forzature che per reale volontà di evolvere.

In tale campo ovviamente, il mercato del lavoro ne risente. Le aziende non ricercano più personale stabile interno (quindi assunto), per creare una solida base di conoscenza e di capacità tecnica nella risposta alla sfida di mercato. Preferiscono personale, spesso in body rental oppure in CO.CO.PRO, per effettuare quel piccolo salto tecnico limitato al rientrare un poco nel livello del mercato, anch’esso arretrato. Ovviamente tale risorsa tecnica deve costare il meno possibile, da qui la forma precaria del contratto che elimina buona parte della questione contributiva prevista in un contratto a tempo indeterminato.

Chi ci sguazza sono quelle aziende, spuntate come funghi, che non hanno nulla di tecnologico, ma fanno solo vendita di personale. Il peggior caso che mi sono visto proporre era un contratto a progetto presso questa ditta che effettuava body rental, e il lavoro era per una azienda di servizi, la quale aveva necessità di tecnici per un contratto fatto con un grosso vendor di sistemi, per un lavoro di aggiornamento di un loro cliente. Ovviamente questo giochino di scatole cinesi, porta allo snaturamento del lavoro e del lavoratore (già parlare di body rental porta la questione a modelli di vendita tipo “mercato del pesce”…).

Il problema è evidente e non risiede tanto nella forma contrattuale, che per determinate attività va più che bene; ma nell’incapacità di crescere di questo paese, e quindi di avere serie e professionali figure per lavori di elevata qualità e di vera necessità.

Molti tecnici come me, che spesso lavorano sui sistemi di aziende con nomi blasonati, grandi realtà, ben conosciute a livello nazionale e internazionale, sanno bene quanto sia squallido e di bassa qualità il sistema informatico italiano. Se poi parliamo di pubblica amministrazione, il discorso peggiora, spesso con contorni da “stato regio”.

Termini come sicurezza, informatica, tecnologia, in Italia sono spesso usati solo per questioni d’immagine e di marketing, nascondendo invece un vuoto assoluto nella realizzazione di tali concetti. La cosa sconvolge quando tali mancanze avvengono in contesti in cui, sia per la legge ma anche per il buon senso, dovrebbero essere delle salde e operative implementazioni.

Ho avuto esperienze di lavoro all’estero, e per quello che visto, esiste molta qualità, sia nell’uso delle tecnologia, che l’uso della stessa nei processi aziendali e mentali.
Cose che in Italia forse vedremo tra non meno di dieci anni. E non parlo di UK o USA, troppo semplice, ma di Spagna e Portogallo, stati che dieci anni fa erano molto indietro rispetto all’Italia, e che oggi possono guardarci dal loro specchietto retrovisore con sana tranquillità.

DLD

Sull’argomento vedi anche:
IT? Idee e sviluppo frenati dalla burocrazia
Lavoro nell’IT, il salario non è tutto
Lavoro nell’IT, troppo vecchio a 27 anni?
Lavoro IT, il sogno di un salario decente
Lavoro nell’IT, l’esperienza non paga
IT? Il regno del precariato
IT? Il lavoro c’è, eccome. Manca la voglia
Dipendenti IT? Solo se sottopagati
I venditori IT? Ignoranti
Ma un 22enne come diventa lavoratore IT?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ISOLE TREMITI ...queste sconosciute
    Italia .it colleziona l'ennesima cantonata inserendo le Isole Tremiti nella Provincia di Campobasso anzichè in quella di Foggia, spostandole così dalla Puglia al Molise con un click!!!ovvero... la matematica non è un opinione ma,neanche la GEOGRAFIA.
  • Anonimo scrive:
    A.A.A. Campeggi e VillaggiCERCASI !
    qualcuno di italia.it ha dimenticato di inserire la possibilità di effettuere una ricerca dei villaggi turistici e dei campeggi...Personalmente ritengo che abbiano muneri e importanza superiore ai B&B che invece, non sono stati dimenticati!!!CHE SBADATI
  • Anonimo scrive:
    Hanno tolto...
    ...la lista di chi ha collaborato alla realizzazione del portale!(ghost)
  • Anonimo scrive:
    Carattere? Font?
    Ma che diavolo di carattere hanno utilizzato per scrivere i testi???? Si vede che è uno schifo!!!!
  • Anonimo scrive:
    Logitech
    Io gli ho mandato due righe chiedendo se pure a loro sembrava che il logo del portale italia.it avesse una certa somiglianza con il loroVediamo se/che rispondono :D
  • Anonimo scrive:
    lesione dell’immagine del paese- leggete
    No Logo/ I grafici italiani dichiarano guerra al nuovo marchio Italiano. Un 'cetriolo' scelto da non professionisti I guai per Prodi sembrano non finire mai. Lultima minaccia arriva dal ministero della Grafica, che in un manifesto attacca il marchio It che dovrebbe promuovere limmagine del turismo italiano nel mondo, bollandolo come un Cetriolo. La onlus nata per promuovere la cultura del progetto non si ferma qui e fa sapere che denuncerà la Presidenza del Consiglio per lesione dellimmagine del paese. Al di là dei toni volutamente provocatori, laccusa che arriva dallorganizzazione di grafici è precisa: la gara che ha visto la partecipazione di 65 soggetti ed è costata allo Stato 45 milioni di euro, si è conclusa con un risultato scadente. Anche perchè, sottolinea il ministero della Grafica, la giuria non presentava alcun esperto di comunicazione grafica o visiva e segue lelenco dei giurati: Laura Biagiotti, Gianpaolo Fabris, Anna Martina, Andrea Pininfarina e Umberto Paolucci.Come cittadini, si legge nella lettera rivolta a Prodi, ci sentiamo sviliti...il logo prescinde a nostro avviso dalle basi minime della conoscenza progettuale, al punto da sfiorare la deriva dilettantesca... un lavoro che non soddisfa i requisiti etici formali del design grafico. http://canali.libero.it/affaritaliani/economia/logografici2602.html
  • Anonimo scrive:
    un messaggio arriva forte e chiaro
    un messaggio arriva forte e chiaro: in Italia sia mangia bene.
  • sroig scrive:
    DAL MOTORE DI RICERCA...
    beh, ho cliccato e scritto "Torino" e invio, e mi ha cercato "cercaTorino"... ok, non è proprio evoluto come sistema, sono tornato indietro, ho cancellato "cerca" e ho scritto "Torino"...ok, sono arrivato a Torino, ho cliccato "Ricettività Torino" e quindi alberghi a 3 stelle e, miracolo, ogni albergo compare due volte, una in MAIUSCOLO e una in Minuscolo...sembrerebbe consigliabile scegliere l'albergo MAIUSCOLO, perchè alcuni dei geroglifici che compaiono sotto il nome dell'albergo sono colorati, mentre nella versione Minuscola non lo sono...tra l'altro lì per lì non mi è stato possibile comprendere i geroglifici, ma dopo aver fatto next page e back sono comparsi i tooltip (ma forse avevo sbagliato io prima)...cmq sono spassosi i geroglifici, passando sul cane dice "Animali ammessi" oppure "Animali non ammessi", mente passando sul signore in carrozzina dice "Non accessibile ai disabili" (si riferisce all'albergo o al sito?) oppure "Disabili", così, senza commenti, forse dovendosi intendere come un "Attenzione: potrebbe essere frequentato da disabili, o addirittura dagli autori del sito!"...alcuni degli alberghi Minuscoli, però, hanno a lato un logo bordato i rosso su cui (forse) è scritto "week end torino"... devo dire che cattura l'attenzione e stimola il click... stimolo mal riposto, visto che quell'immagine (ameno con firefox) si rifiuta caparbiamente di portare in alcun luogo, non ha tooltip, insomma, avvilisce e non appaga...per tornare ai geroglifici, mi cade l'occhio su un albergo che conosco, e rimango stupito nello scoprire che, stando ai geroglifici medesimi, è dotato di piscina... cosa alquanto stupefacente visto che si trova in un bel palazzo di fine ottocento adibito ad albergo...comunque la curiosità è forte, e decido di sprecare una telefonata urbana per controllare... in effetti l'albergo non ha una piscina, ma la sauna sì, quella però non segnalata nei geroglifici... peccato che non abbiano fatto il sito in stile wiki, così gli albergatori avrebbero potuto correggersi i dati da soli!Morale: sono contento di abitare a Torino, perchè se avesso dovuto venirci grazie a italia.it, probabilmente avrei finito di passare la notte su una panchina del Valentino!
  • Anonimo scrive:
    I Bed & Breakfast
    Non esistono, se ne cerchi uno saltano fuori solo alberghi. Chissà, forse con altri 40 milioni di nostri euro li inseriranno....
  • Anonimo scrive:
    Solita storia di mazzette all'italiana
    Probabilmente i soldi se li sono spartiti tra regioni e partner tecnologici e poi hanno tirato su il minimo indispensabile, fosse la prima volta che accade una cosa del genere...Quel portale varrà 1/20 di quello che è costato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Solita storia di mazzette all'italia
      - Scritto da:
      Probabilmente i soldi se li sono spartiti tra
      regioni e partner tecnologici e poi hanno tirato
      su il minimo indispensabile, fosse la prima volta
      che accade una cosa del
      genere...
      Quel portale varrà 1/20 di quello che è costato.Infatti... anche se le cifre date da alcuni sono assolutamente non reali (ho visto gente dire "20.000 Euro"... non scherziamo), rimane il fatto che il valore effettivo di un portale di quelle dimensioni non puo' essere certamente superiore a 2-3 milioni di Euro, e questo SE FOSSE STATO FATTO BENE con tutti gli accorgimenti del caso (e non e' nemmeno cosi').
  • Anonimo scrive:
    che disastro ragazzi...
    mezza europa gia' ci ride dietro..ora questa nuova umiliazione.un mio amico trasferito 10 anni fa in america ha commentato con una mail di una riga "soliti italiani.....qui da noi ci stiamo facendo grosse risate :)))"
  • Anonimo scrive:
    link per rinfrescare la memoria
    Link per rinfrescare la memoria a tutti i contribuenti italianihttp://punto-informatico.it/p.aspx?id=1437401 (21 marzo 2006) elezioni in vistahttp://punto-informatico.it/p.aspx?id=1601247 (2 agosto 2006)http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1664801 (26 settembre 2006)http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1886756 (12 febbraio 2007)http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1437401&m_id=1437437&r=PI (ProfeziaProvate a dare unocchiata ai portali dedicati al turismo sparsi per il mondo.Francia: http://us.franceguide.com/Giappone: http://www.jnto.go.jp/eng/Scozia: http://www.visitscotland.com/Irlanda: http://www.ireland.ie/Germania: http://www.germany-tourism.de/Austria: http://www.austriatourism.com/xxl/_site/us/home.htmlDanimarca: http://www.danimarca.dt.dk/Norvegia: http://www.visitnorway.com/Egitto: http://www.egypt.travel/?flashinstalled=2Tirate da soli le conclusioni.
  • Anonimo scrive:
    Multimedia injection
    http://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2015/objectId,RGN8it,modulId,scout,s,0,season,at1,selectedEntry,home/result.html?rgnCMP=RGN8it&scope=%22%3E%3Cbr%3E%3CFONT+size%3D6%3Db%3E%3Cimg%20src=%22http://www.summagallicana.it/unicorno/cazzo%20ovogeno%20Monstrorum%20historia%201642.jpg%22%3E%3C%2Fb%3E%3C%2Ffont%3E%3Cbr%3E%3CFONT+color%3D%22&Submit2.x=11&Submit2.y=18&Submit2=Submit :D
  • Anonimo scrive:
    Rutelli, Stanca & C.
    Ho letto da fonti certe, che l'attuale Governo di colpe ne ha abbastanza, altrimenti il nostro caro Rutelli si sarebbe risparmiato le "pose" con i giornalisti, al momento del lancio del portale.Anzi è molto probabile che il portale è stato ridisegnato, riformulato dal presente Governo, non appena hanno messo il sedere sulle loro poltrone.Si voleva prendere tutti i meriti, purtroppo gli è andata male, adesso cerca di defilarsi, questi sono i nostri politici che ci comandano!Andate a casa!Di sicuro l'ex Ministro Stanca ci deve dare delle spiegazioni, come per la scelta della piattaforma IBM e la gara d'appalto.Tutti tacciano e noi paghiamo.
  • Anonimo scrive:
    State rodendo di brutto
    Intanto quelli della IBM assieme alla società napoletana anno incassato 45 bei milioncini di euro, per il resto potete continuare a strapparvi i capelli e sbavare un po' di invidiale urla dei ragazzini non le ascolta nessunobye ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: State rodendo di brutto
      - Scritto da:
      Intanto quelli della IBM assieme alla società
      napoletana anno incassato 45 bei milioncini di
      euro, per il resto potete continuare a strapparvi
      i capelli e sbavare un po' di
      invidiaImparare a scrivere in italiano no eh?
      le urla dei ragazzini non le ascolta nessuno(troll)
  • Anonimo scrive:
    Una petizione più seria, perdiana!
    Che diamine, ragazzi, va bene che siamo tutti incazzati neri per questo scandalo, però non si può scrivere una lettera così al parlamento di un Paese, anche se composto da avanzi di galera come il nostro, e pretendere poi di essere tenuti in considerazione.Senza arrivare a scrivere pappardelle chilometriche e formali come la roba che i suddetti politici sono abituati a maneggiare, cercate almeno di evitare parolacce e strafalcioni.
  • Anonimo scrive:
    Ma chi è il responsabile?
    In Italia si creano questi obrobbri e poi non c'è mai nessun responsabile...Anche in questo caso sarà così?
  • eltalpa scrive:
    Sbagliano pure a mettere gli indirizzi..
    Accedendo a questa pagina (è quella di "visita l'italia")http://italia.it/wps/portal/!ut/p/kcxml/04_Sj9SPykssy0xPLMnMz0vM0Y_QjzKLN4j3MgTJgFjGpvqRqCKOcIEgfW99X4_83FT9AP2C3NCIckdHRQAuuTD4/delta/base64xml/L3dJdyEvd0ZNQUFzQUMvNElVRS82XzBfSjI!?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/Portale+del+Turismo/homepage/Visita+l%27Italia/Premendo sulla cartina la regione trentino, compaiono le informazioni e il link al sito turistico del trentino:www.trentino.toPeccato che loro abbiano linkato:www.tentino.toManco i link giusti sanno mettere... :'(
  • Anonimo scrive:
    Seguite la scia dei soldi!
    Controllate la fila di subappaltatori, i legami che hanno fra loro e con le forze politiche, i singoli costi, i finanziamenti ottenuti dallo Stato e dalla UE, i ritardi e le penali. E fate i nomi, porca miseria, fate sti cacchio di nomi!Vediamo se stavolta togliamo definitivamente il coperchio sui giochini all'italiana che rendono impossibile lavorare onestamente per la pubblica amministrazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Seguite la scia dei soldi!
      del 2006.. Turismo online, 45 milioni di europer il sito internet che non esistehttp://www.repubblica.it/2006/c/sezioni/cronaca/porfan/porfan/porfan.htmlci sono tutti i nomi che vuoi, sui giornali ci sono dal 2005, critiche comprese all'ex ministro Stanca ( ex Presidente IBM Italia )saluti
  • belsalento.it scrive:
    iniziative imprenditoriali autonome
    Sono un imprenditore del web e pochi mesi fa ho presentato il portale AUTONOMO di promozione turistica del salento Belsalento.it. Non è un'intervento di promozione è solo per dimostrare come iniziative imprenditoriali, non toccate da finanziamenti e dalla politica possono essere 100 volte più valide e 100 volte più economiche.Devo dire che sono stato lontanto dalla politica a livello di finanziamenti, anche se mi sono servito all'ultimo momento per poterlo presentare alla stampa. Ho chiesto dei patrocini gratuiti che ho ricevuto senza problemi.Abbiamo utilizzato le ultime tecnologie, dai css, alle mappe satellitari ai PODCAST agli sms, tutto questo al momento proposto gratuitamente a tutti.Un progetto molto originale, secondo me che vuole contribuire allo sviluppo di un territorio, un progetto che ha bisogno principalmente di lavorare e di essere conosciuto e che vuole dimostrare qualcosa non prima di nascere, ma nel tempo.Visto da questo lato a questo punto era la IBM che doveva farlo gratuitamente e proporlo al governo ed ai cittadini, che solo dopo avrebbero dato un giudizio, sia economico sia qualitativo.Così come sta secondo me varrà poco più di 250 mila euro.
    • Anonimo scrive:
      Re: iniziative imprenditoriali autonome

      Ho chiesto dei patrocini gratuiti
      che ho ricevuto senza
      problemi.scusa la domanda forse stupida, ma a che ti serve un patrocinio gratuito?
      • Anonimo scrive:
        Re: iniziative imprenditoriali autonome
        - Scritto da:


        Ho chiesto dei patrocini gratuiti

        che ho ricevuto senza

        problemi.

        scusa la domanda forse stupida, ma a che ti serve
        un patrocinio
        gratuito?Non sono quello che ho scritto il messaggio precedente, comunque tento di rispondere.Innanzitutto uno chiede un patrocinio o dei soldi e gli rispondono che al massimo gli danno il patrocinio gratuito perche' i soldi sono finiti (ora sappiamo anche dove sono andati una parte dei soldi).Il patrocinio permette di mettere i simboli dell'ente patrocinatore e a volte di essere citati da qualche parte (ad esempio sul sito web dell'ente patrocinatore). Insomma e' un po' una specie di benestare.
        • belsalento.it scrive:
          Re: iniziative imprenditoriali autonome

          Non sono quello che ho scritto il messaggio
          precedente, comunque tento di
          rispondere.

          Innanzitutto uno chiede un patrocinio o dei soldi
          e gli rispondono che al massimo gli danno il
          patrocinio gratuito perche' i soldi sono finiti
          (ora sappiamo anche dove sono andati una parte
          dei
          soldi).

          Il patrocinio permette di mettere i simboli
          dell'ente patrocinatore e a volte di essere
          citati da qualche parte (ad esempio sul sito web
          dell'ente patrocinatore). Insomma e' un po' una
          specie di
          benestare.Confermo tutto. Il patrocinio è stato chiesto giusto per farci conoscere dai comuni e per magari collaborare tutti insieme alla promozione del territorio. Ma essenzialmente è solo una specia di bollino di qualità o benestare, come detto su.In effetti chiedere soldi che sono già destinati ad amici di amici è inutile, anche perchè coincidenza vuole che dove ci sono finanziamenti statali, c'è sfiga, visto che non ho mai visto un bel progetto e fatto bene con fondi pubblici, quindi per scaramanzia meglio far da se.
  • Anonimo scrive:
    italia.it
    Se si scrive italia.it invece che www.italia.itnon viene fuori nulla!!!!
  • Anonimo scrive:
    Donati i 45 milioni di Euro ad Emergency
    La vergogna li ha seppelliti:http://tinyurl.com/22cjfm :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Donati i 45 milioni di Euro ad Emerg
      - Scritto da:
      La vergogna li ha seppelliti:

      http://tinyurl.com/22cjfm

      :)LOL! davvero "degli esperti del settore" questi webmaster! (cylon) zzuB p)
  • MissMarple scrive:
    E della Bellucci, che ne dite???
    Nei panni del turista, ho navigato sul portalone per un paio di giorni, e l'ho scoperto solo oggi!! Cliccando su quella specie di portachiavi (???) sulla home (100% Italian Stile), mi si è aperta una finestra con un video della Bellucci che invita a visitare il Bel Paese. Ma si carica una volta, con un sound inintellegibile, poi l'audio zompa, si ricarica ad libitum, le immagini scompaiono e non succede più niente!!!! Che cavolo è???
  • Anonimo scrive:
    Italia.it si scusa
    Incredibile ma vero! :)http://tinyurl.com/2y5uzg
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia.it si scusa
      STUPENDO !!!! :) :D :D :D
      • LockOne scrive:
        Re: Italia.it si scusa
        azzo e' sta cosaaa????????
        • Anonimo scrive:
          Re: Italia.it si scusa
          dai ragazzi :Dbella trovata! però precisa che non è vero, se no si generano notizie false mentre finora grazie anche ai vari blog citati dall'articolo si sta muovendo qualcosa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Italia.it si scusa
            Si, era meglio precisare. Ovviamente era per dimostrare che non hanno avuto la minima preoccupazione di parsare l'input.Mi chiedo davvero dove sono andati a finire tutti quei soldi e con quale giustificazione li hanno presi.
  • Anonimo scrive:
    il mio albergo
    Ho dato un'occhiata alla ricerca dell'albergo gestito da un caro amico e di cui gestisco il sito e tutta la parte internet. Ovviamente prezzi non corretti, nessun link E NEMMENO LA EMAIL!!!! Non c'è la possibilità di agire direttamente sulla propria pagina (mettere foto, descrizione, aggiornare prezzi, proporre offerte speciali, etc). Idem per la cittadina dove è situato: cinque righe (e nessun link!)per descrivere un cittadina ligure che vive di turismo!Insomma dal punto di vista di un "albergatore" il tutto è solo una presa per i fondelli...
    • Anonimo scrive:
      Re: il mio albergo
      Pensa che l'albergo dove mi reco di solito per motivi di lavoro (Centrum Palace, un 4* di Campobasso) neanche compare nell'elenco!
  • Anonimo scrive:
    Google acquista Italia.it
    [troll]http://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2005/objectId,RGN8it,modulId,scout,s,0,season,at1,selectedEntry,home/result.html?rgnCMP=RGN8it&scope="
    body%20{visibility:hidden;};.framexss%20{visibility:visible;%20position:absolute;%20top:0;%20left:0;} [/troll](troll2)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Google acquista Italia.it
      - Scritto da:
      [troll]

      http://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2005/

      [/troll]

      (troll2)(rotfl)...dimenticavo... funziona solo con IE perchè gecko non sovrascrive la regola visibility
      • reXistenZ scrive:
        Re: Google acquista Italia.it

        ...dimenticavo... funziona solo con IE perchè
        gecko non sovrascrive la regola
        visibilityA me non funziona neanche con IE.
        • Anonimo scrive:
          Re: Google acquista Italia.it
          - Scritto da: reXistenZ

          ...dimenticavo... funziona solo con IE perchè

          gecko non sovrascrive la regola

          visibility

          A me non funziona neanche con IE.http://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2005/objectId,RGN8it,modulId,scout,s,0,season,at1,selectedEntry,home/result.html?rgnCMP=RGN8it&scope="
          body%20{visibility:hidden;};.framexss%20{visibility:visible;%20position:absolute;%20top:0;%20left:0;}
  • Anonimo scrive:
    wps = Websphere Portal Service
    Non vorrei sbagliare.Ma leggendo le URL, leggendo vari wps, credo che il portale sia stato fatto utilizzando Websphere Portal della IBM che leggendo tra i vari post fa anche l'hosting.A questo punto potevano usare joomlamagari gli veniva pure meglio.
    • Anonimo scrive:
      Re: wps = Websphere Portal Service
      - Scritto da:
      Non vorrei sbagliare.
      Ma leggendo le URL, leggendo vari wps, credo che
      il portale sia stato fatto utilizzando Websphere
      Portal della IBM che leggendo tra i vari post fa
      anche
      l'hosting.

      A questo punto potevano usare joomla
      magari gli veniva pure meglio.
      con tutti quei soldi potevano pure permettersi un programmatore vero che lo avrebbe progettato a modo suo e senza bug noti
  • Anonimo scrive:
    L'odore dei soldi
    Il portalone cetriolo ha un servizio in realtà interessante, la ricerca di alberghi. Per ora fornisce il numero di telefono, email e indirizzo.E se qualche azienda coinvolta in un futuro prossimo non lontano facesse la convenzione per la prenotazione online? D'altra parte questo è già previsto nel capitolato della gara. Quello che non è previsto è CHI guadagnerà con il servizio (o forse lo offriranno gratis agli alberghi? mettendosi in concorrenza con aziende che fanno questo lavoro da anni... Chissà...).Lo stesso si può dire per aerei, treni, traghetti...Insomma, oltre ai 45 milioni di euro, secondo me qualcuno del consorzio già pensa a come usare il portale cetriolo per entrare nel mercato dei servizi turistici online, senza spendere nulla, senza investire 1 euro, anzi, facendosi pagare pubblicità, sviluppo (non ridete) e contenuti.D'altra parte è la logica dei partenariati pubblico/privati che l'Italia vuole usare per la gestione dei servizi pubblici: lo stato investe, il privato ci guadagna.Italia.it: lo scandalo è solo all'inizio, ben altro cova dietro il mostro.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'odore dei soldi
      Arsenio Lupin a confronto di questi qua era un dilettante... ci sarebbe da ridere se non si considerasse che i soldi sono i nostri e che continuano ad aumentare le tasse...Come ultima cosa segnalo che non hanno neanche registrato il dominio come .euSaluti
  • Anonimo scrive:
    buono l'articolo...
    mi associo a reXistenZ nel plaudere l'articolo del nostro Mantellini... ho apprezzato la concretezza e il tatto. sono di quelli che spera in un nuovo governo diverso dagli ultimi due... sperare costa poco, anche quando vedi questi risultati (il sito piccolopiccolo supermilionario). forse se si abbasserà l'età dei nostri rappresentanti in parlamento si aggiorneranno anche i progetti?mantellini for president? :o)andrea
  • Anonimo scrive:
    Sinceramente...
    mi apre ci siano cose molto piu' importanti che mettersi a giudicare un sito .....come mai l'onorevole previti continua a prendere i nostri soldi come stipendio??
    • soulista scrive:
      Re: Sinceramente...
      - Scritto da:
      mi apre ci siano cose molto piu' importanti che
      mettersi a giudicare un sito
      .....
      come mai l'onorevole previti continua a prendere
      i nostri soldi come
      stipendio??Hai letto l'articolo?Non si tratta di giudiare "un sito", ma di giudicare "un sito costato 45 milioni di euro"!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sinceramente...
      - Scritto da:
      mi apre ci siano cose molto piu' importanti che
      mettersi a giudicare un sito
      .....
      come mai l'onorevole previti continua a prendere
      i nostri soldi come
      stipendio?? Perché i tuoi amici Prodi Fassino Rutelli Diliberto continuano a farglielo prendere come se nulla fosse successo. Hanno la maggioranza no? Se volessero, la commissione lo farebbe decadere all'istante. Passi Berlusconi, che è logico lo debba proteggere, ma gli altri proprio no.E comunque sei OT.
  • Anlan scrive:
    E te pareva ...
    Dal blog della margherita : "Se uno nasce tondo, non può morire quadro", è un vecchio proverbio siciliano che più di altri riassume il caso "Italia.it", il portale del turismo fortemente voluto dal precente governo, costato una montagna di denaro pubblico e impantanatosi al termine della precedente legislatura. Il tentativo di rianimazione, di salvare il salvabile, ha prodotto un portale il cui gradimento si può riassumere nella caricatura a lato, presa dal blog "Rododendro". Ma non era Rutelli che ne aveva fatto una presentazione enfatica e tronfia?Alla fine di chiunque sia la colpa non si perde mai la vecchia abitudine di scaricare su altri le responsabilità.Se avesse avuto un "minimo" gradimento state pur sicuri che avrebbero detto : "questo governo ha ottenuto un altro grande risultato".Che schifo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 febbraio 2007 10.37-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: E te pareva ...
      Non ti quoto, ti straquoto!
    • Anonimo scrive:
      Re: E te pareva ...
      Ho letto da fonti online certe, che l'attuale Governo di colpe ne ha abbastanza, altrimenti il nostro caro Rutelli si sarebbe risparmiato le "pose" con i giornalisti, al momento del lancio del portale.Anzi è molto probabile che il portale è stato ridisegnato, riformulato dal presente Governo, non appena hanno messo il sedere sulle loro poltrone.Si voleva prendere tutti i meriti, gli è andata male, adesso cerca di defilarsi, questi sono i nostri politici che ci comandano!Andate a casa!Di sicuro l'ex Ministro Stanca ci deve dare delle spiegazioni, come per la scelta della piattaforma IBM e la gara d'appalto.Tutti tacciano e noi paghiamo.
      • kennozzz scrive:
        Re: E te pareva ...
        - Scritto da:
        Ho letto da fonti online certe, che l'attuale
        Governo di colpe ne ha abbastanza, altrimenti il
        nostro caro Rutelli si sarebbe risparmiato le
        "pose" con i giornalisti, al momento del lancio
        del
        portale.Link
        Anzi è molto probabile che il portale è stato
        ridisegnato, riformulato dal presente Governo,
        non appena hanno messo il sedere sulle loro
        poltrone.

        Si voleva prendere tutti i meriti, gli è andata
        male, adesso cerca di defilarsi, questi sono i
        nostri politici che ci
        comandano!
        Andate a casa!54.000.000 sono stati INTERAMENTE stanziati e spesi dal precedente governo...
        Di sicuro l'ex Ministro Stanca ci deve dare delle
        spiegazioni, come per la scelta della piattaforma
        IBM e la gara
        d'appalto.

        Tutti tacciano e noi paghiamo.
  • Anonimo scrive:
    Tutti pronti a criticare...
    Espertoni di ogni genere si "materializzano" pronti a criticare i lavori altrui.Se in Italia esistono così tante persone che si proclamano guru del web perche' la maggior parte dei siti sono delle vere ciofeche da tutti i punti di vista in cui spiccano solo orpelli grafici? :|Possibile che questi "esperti" vengano alla luce solo a lavori fatti e che prima non si trovino?
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti pronti a criticare...

      Se in Italia esistono così tante persone che si
      proclamano guru del web perche' la maggior parte
      dei siti sono delle vere ciofeche da tutti i
      punti di vista in cui spiccano solo orpelli
      grafici?
      :|perché sono fatti da quelli che pensano come te, che superficialmente ragionano in termini obsoleti per lo strumento e non capiscono i budget che ci vogliono per fare un buon progetto webquanto al carrozzone statale (caso in ispecie), i meccanismi sono sempre quelli di una volta, dx o sx non cambia niente. e si vede.andrea
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti pronti a criticare...
      - Scritto da:
      Espertoni di ogni genere si "materializzano"
      pronti a criticare i lavori
      altrui.
      Se in Italia esistono così tante persone che si
      proclamano guru del web perche' la maggior parte
      dei siti sono delle vere ciofeche da tutti i
      punti di vista in cui spiccano solo orpelli
      grafici?
      :|
      Possibile che questi "esperti" vengano alla luce
      solo a lavori fatti e che prima non si
      trovino?Perché io lavoro all'estero. In Italia non mi pagano e non mi ripesttano abbastanza per fare il mio lavoro come si deve.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutti pronti a criticare...
        Perchè non hanno 45 milioni di euro per farli meglio. Anzi, non hanno mai neanche visto 45 mila euro tutti insieme. Eppure le ciofeche di cui parli non sono poi tanto peggio del "capolavoro" che difendi.Oltretutto, chi critica, è chi ha pagato per quel lavoro (noi tutti), quindi ne ha tutti i diritti.45 MILIONI di euro. Forse non hai capito bene quanti sono. 87 MILIARDI e PIù delle vecchie lire.Come minimo avrebbero dovuto fare un portale di teletrasporto che avrebbe dovuto portare i visitatori FISICAMENTE in Italia, per quella cifra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti pronti a criticare...
      Gli esperti non li trovi prima perchè sono troppo impegnati a farsi il mazzo per riuscire ad arrivare a fine mese con le briciole che il cartello dei magna-magna lascia per terra.Vuoi la dimostrazione? Ecco come procurartela.Studia qualche anno, poi vai a lavorare in qualche azienda per altri anni così da costruirti un bagaglio di conoscenze e un curriculum apprezzabile. Se vuoi, apriti anche una partita IVA o direttamente una piccola società con qualche collega.Ora viene il bello. Arriva il giorno che ti stufi di guadagnare ogni mese 1000, ben sapendo che il cliente ne spende da 3000 a 6000 per pagare i vari intermediari, così decidi che dal prossimo impiego ti presenterai direttamente come libero professionista o azienda. Dovrebbero essere tutti contenti: il cliente risparmia, tu guadagni di più e comunque si liberano fondi da investire per far lavorare altra gente. Sembrerebbe una soluzione win-win, giusto?E invece no. Vuoi sapere come va a finire?Va a finire che nel 99% dei casi, se non sei parente del padrone o di qualche amministratore non lavorerai mai come libero professionista, e idem come piccola azienda se non passi attraverso strati e strati di intermediari. Ti risparmio il dettaglio sulle tangenti da pagare se vuoi lavorare direttamente per la PA, ma questo immagino lo saprai già.Il dramma dell'italia è che i soldi ci sono, e ce ne sono anche parecchi, ma c'è anche un sistema chiuso e corrotto fino al midollo che fa in modo che qusti soldi circolino sempre fra i pochi componenti che ne fanno parte, lasciando appunto cadere solo le briciole all'esterno.Ci sarebbe di che far scoppiare un caso che farebbe impallidire anche tangentopoli (o per meglio dire, quella che doveva essere tangentopoli), ma bisogna trovare gente con le palle che abbia il coraggio di parlarne.Beppe Grillo! Dove sei??
  • Dirk Pitt scrive:
    Aggregatore di info
    Vista la struttura odierna del portalone nostrano, ovvero un elenco di links più o meno riuscito, la stessa cosa la si può avere con un bel RSS Reader (come Mantellini ha detto).Oppure si può seguire l'esempo di questo sito www.drudgereport.com, ovvero un bell'elenco di links e via (ovviamente nel caso di italia.it, links a news e info nel mondo del turismo, della cultura, ecc...).Costo complessivo infinitamente inferiore e gestione semplicissima, con 4/5 persone che ogni giorno vanno a caccia di news e le pubblicano sul sito e il gioco è fatto.Qualcuno (ritengo tutti) avrà di sicuro da ridire sull'aspetto grafico (inesistente) del suddetto citato sito. Nonostante questo, vi cada l'attenzione su un paio di dati relativi al "traffico" che tale sito genera... (li trovate in basso a destra).Se lo stesso traffico ci fosse su italia.it...dillatutta.com - perchè la verità... funziona
  • Anonimo scrive:
    dove sono i sostenitori di italia.it?
    Ancora qualche mese fa, quando si parlava di 45 milioni di euro (QUARANTACINQUE MILIONI DI EURO!!), c'erano diversi pirla che dicevano "ma no, sono i costi dei contenuti, poi sapete quanto e' complicato gestire il backend, poi ci saranno le prenotazioni, ecc., ecc., poi ci sono le traduzioni, i contenuti delle regioni, delle province, ecc.".Adesso che il sito e' uscito, dove vi siete rimpiattati? Lo avete visto il sito, e' solo una vecchia edizione di una guida dell'Italia della De Agostini ridotta a pagine web. Le Regioni, che hanno beccato 20 MILIONI DI EURO, in tre anni non ci hanno inserito nulla. La famosa squadrona di migliaia di traduttori non ha ancora completato l'inglese, mentre al sito tedesco ci manca praticamente ancora tutto. E' evidente che si tratta di qualcosa che si puo' fare in qualche mese/uomo, piu' contenuti e traduzioni diciamo un altro anno/uomo.Una cosa e' chiara: quando se tratta de magna', Berlusconi, AN di Sviluppo Italia e Rutelli sono uguali: per questo era facilissima la profezia che non avrebbe funzionato nulla.
    • Anonimo scrive:
      Re: dove sono i sostenitori di italia.it
      Almeno i sistemisti hanno fatto quello che hanno fatto, ma qualcosa hanno fatto.Ma le regioni per che cosa si sono beccati i soldi?Andate sul sito della regione Puglia (solo come esempio, ci ero capitato per caso tempo addietro). Se e' ancora come era un paio di mesi fa sotto il turismo non si leggono dati utili al turista. Come spesso accade nei siti dei vari enti, le informazioni che ci sono, sono quelle che servono a loro e al massimo quelle che sono utili alle persone che loro vogliono che pigliano i soldi. (ecco che spesso vi sono liste di bandi, utili solo a chi rientra nell'elenco da loro scritto di possibili partecipanti).Tornando alla pagina sul turismo della regione Puglia. Ecco cosa ho trovato, solo una pagina dove uno dei dirigenti si lamenta del fatto che i vari enti locali non gli trasmettono i dati sulle presenze e pertanto lui non puo' mettere le statistiche.
  • Anonimo scrive:
    I contenuti
    I contenuti?Poverissimi. Una cosa imbarazzante. Sono abruzzese e ho dato un'occhiata alla sezione relativa alla mia regione.Ci sono quattro banalità in croce prese da un guida De Agostini (pagando immagino fior di diritti).Mancano informazioni assolutamente essenziali, come i comuni patrimonio dell'Unesco (in altre regioni sono segnalati), e la versione inglese è sensibilmente più magra di quella italiana.Occorre reagire: questi str***i di politici spendono i soldi NOSTRI!
  • Anonimo scrive:
    Vulnerabilità di cross site scripting
    Si puo' iniettare di tutto:http://zipp.it/u/K8723
    • Anonimo scrive:
      Re: Vulnerabilità di cross site scriptin
      questo è più carino:http://tinyurl.com/3aobm2: D
      • Anonimo scrive:
        Re: Vulnerabilità di cross site scriptin
        - Scritto da:
        questo è più carino:

        http://tinyurl.com/3aobm2

        : Decco una vera ricerca avanzatahttp://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2005/objectId,RGN8it,modulId,scout,s,0,season,at1,selectedEntry,home/result.html?rgnCMP=RGN8it&scope="
        (rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Vulnerabilità di cross site scriptin
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          questo è più carino:



          http://tinyurl.com/3aobm2



          : D

          ecco una vera ricerca avanzata

          http://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2005/

          (rotfl)Io gli ho proposto un nuovo logohttp://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2015/objectId,RGN8it,modulId,scout,s,0,season,at1,selectedEntry,home/result.html?rgnCMP=RGN8it&scope=%22%3E%3Cbr%3E%3CFONT+size%3D6%3Db%3E%3Cimg%20src=%22http://www.summagallicana.it/unicorno/cazzo%20ovogeno%20Monstrorum%20historia%201642.jpg%22%20width=%22300%%22%20height=%22300%%22%3E%3C%2Fb%3E%3C%2Ffont%3E%3Cbr%3E%3CFONT+color%3D%22&Submit2.x=11&Submit2.y=18&Submit2=Submit :D
        • MandarX scrive:
          Re: Vulnerabilità di cross site scriptin

          ecco una vera ricerca avanzata

          http://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2005/

          (rotfl)MA LOL!!!!!!
  • reXistenZ scrive:
    Mantellini, bell'articolo
    Tante volte l'ho criticato, anche per il suo irragionevole e ingenuo entusiasmo nei confronti del programma di questo governo.Ora devo riconoscergli di avere scritto un bell'articolo, anche per le segnalazioni citate che testimoniano di una capillare conoscenza delle opinioni e delle iniziative intraprese in rete.
    • kubu scrive:
      Re: Mantellini, bell'articolo
      Molto interessante la terza pagina dove si fa un elenco delle regole chiave da seguire per avere un buon sito.
  • Anonimo scrive:
    trojan
    il link per le delucidazioni sulle spesehttp://www.feedlist.it/feed.php?channel=18fa scattare l'antivirus che segnala la presenza diJS/IEstart.gen.c
  • stb scrive:
    45 milioni?
    io non riesco davvero a capire come si possano spendere 45 milioni di euro non per comprare ma per far un sito.La cosa che mi sciocca letteralmente è sapere che vi sono ancora 12 milioni e che saranno spesi in promozione(penso che manco ebay spenda tanto) e traduzione, 4 lingue mmm grosso modo costano meno di 10 mila euro io per esempio per il mio sito(un ecommerce) ho spese circa 500 a lingua per la traduzione.Sarei proprio curioso di vedere le singole voci in conto, capire come si sono RUBATI 45 milioni di euro, giusto per curiosità sia mai che han bisogno di un' altro sito, ei anch' io faccio web lo sapete? dsadasads
    • teddybear scrive:
      Re: 45 milioni?
      - Scritto da: stb
      traduzione, 4 lingue mmm grosso modo costano meno
      di 10 mila euro io per esempio per il mio sito(un
      ecommerce) ho spese circa 500 a lingua per la
      traduzione.Ehm... 500 euro sinceramente mi paiono pochini, se il sito è bello complesso. Ora sono d'accordo che bisogna tagliare i costi, ma se trovi qualcuno che ti traduca tutto il sito italia.it per 500 euro mi sa che è uno che si svende... o che lavora gratis.Anche il mio sito l'ho fatto tradurre in una ventina di lingue, ma è stato fatto da amici, quando avevano tempo, quando avevano voglia, senza nessuna garanzia... e le pagine in fondo sono pure poche.
      • Anonimo scrive:
        Re: 45 milioni?
        - Scritto da: teddybear
        - Scritto da: stb


        traduzione, 4 lingue mmm grosso modo costano
        meno

        di 10 mila euro io per esempio per il mio
        sito(un

        ecommerce) ho spese circa 500 a lingua per la

        traduzione.

        Ehm... 500 euro sinceramente mi paiono pochini,
        se il sito è bello complesso. COMPLESSO???? ma lo hai visto?... complesso? si può dire che è un ignobile guazzabuglio, si può dire che non è nepurre al livello di migliori blog sulla rete (figuriamoci poi dei migliori "siti") ma dire che è "complesso" è come dire che i disegni di mia nipote (5 anni) con gli acquerelli sono "complessse opere d'arte"....Per favoreeeee!
        • teddybear scrive:
          Re: 45 milioni?
          - Scritto da:
          COMPLESSO???? ma lo hai visto?... complesso? si
          può dire che è un ignobile guazzabuglio, si può
          dire che non è nepurre al livello di migliori
          blog sulla rete (figuriamoci poi dei migliori
          "siti") ma dire che è "complesso" è come dire che
          i disegni di mia nipote (5 anni) con gli
          acquerelli sono "complessse opere
          d'arte"....
          Per favoreeeee!Capisco quello che dici... ma quello che intendo io con complesso non è ne "complicato" ne "elaborato".Alle volte, tradurre un sito (soprattutto se non è fatto per essere tradotto, come temo che sia questo), ti porta a grossi errori. Nel senso che raramente, soprattutto se il ceppo linguistico è molto differente, si traducono cose e poi nel contesto in cui vengono inserite risultano del tutto sbagliate....
  • Anonimo scrive:
    Table
    Sono sostanzialmente d'accordo sulle critiche tecniche. Per quanto riguarda le tabelle, beh, le usa anche punto-informatico, ma anche siti con milioni di navigatori come yahoo, google e youtube. Credo che l'uso delle tabelle sia l'ultimo dei problemi, anche perchè potrebbero essere state un limite del CMS utilizzato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Table
      Le tabelle in Italia.it sono usate in modo davvero ridondante.In ogni caso non si può fare una pagina in quel modo e dichiarare che il sito risponde ai requisiti di Priority 1 delle WCAG 1.La tecnologia usata dal CMS può essere una scusante forse per un portale web da 45 mila euro. Ma stiamo parlando di un portale da 45 milioni di euro.
    • reXistenZ scrive:
      Re: Table
      - Scritto da:
      Sono sostanzialmente d'accordo sulle critiche
      tecniche. Per quanto riguarda le tabelle, beh, le
      usa anche punto-informatico, ma anche siti con
      milioni di navigatori come yahoo, google e
      youtube. Credo che l'uso delle tabelle sia
      l'ultimo dei problemi, anche perchè potrebbero
      essere state un limite del CMS
      utilizzato.Stai scherzando vero?Yahoo.it -
      dimmi dove vedi le tabelleE qui non solo si usano le tabelle, si usano (udite udite) per fare i bordi arotondati e si usano perfino annidate.La scusante che dici tu non esiste, dato che tanti altri enti pubblici hanno dovuto cambiare il CMS proprio per rispettare la legge.
  • Anonimo scrive:
    openitaly.net
    Ci stiamo attivando per un'alternativa open e collaborativa al vergognoso giro di italia.it: openitaly.net a breve in linea ! (linux)(linux)(linux)
  • Anonimo scrive:
    meteo
    il meteo non solo riporta dati sbagliati, ma sono sempre gli stessi...infatti l'immagine non è altro che una immagine statica che mi sa tanto che cambia solamente ad ogni stagione...inoltre il fatto che al sud segni -9° può essere riferito al fatto che prendono il massimo del minimo della zona (ad esempio in montagna) e il massimo del massimo (quindi i 14°)
    • teddybear scrive:
      Re: meteo
      - Scritto da:
      il meteo non solo riporta dati sbagliati, ma sono
      sempre gli stessi...infatti l'immagine non è
      altro che una immagine statica che mi sa tanto
      che cambia solamente ad ogni
      stagione...

      inoltre il fatto che al sud segni -9° può essere
      riferito al fatto che prendono il massimo del
      minimo della zona (ad esempio in montagna) e il
      massimo del massimo (quindi i
      14°)Direi invece che prendono tutti i valori medi anteponendoci il simbolo negativo... quadra di più...
  • Anonimo scrive:
    Crude verità
    Il sito è costato 45 MILIONI di EURI (con la I finale. La cifra lo richiede. Circa 90 MILIARDAZZI delle vecchie LIRE).Su punto informatico leggo che i lavoratori del settore piangono miseria. E a quanto pare GIUSTAMENTE. Il sito non mi sembra tutto sto concentrato di tecnologia, anzi, a detta di esperti è quasi 'na ciofeca. Avrei potuto farlo anch'io frequentando un corso per corrispondenza.Per 90 miliardi ne avrei fatti anche 2 di corsi.Ad ogni modo, questo (tratto dallo sfogo di Beppe Grillo odierno), e TRA LE ALTRE TANTE COSE, è quello che dobbiamo subire per vedere realizzate simili opere (o simili truffe. Fate voi):Una domanda domenicale. Qualcuno forse risponderà. Perchè le imprese dovrebbero pagare le tasse in Italia?Un imprenditore apre una società. Riesce a fare utile. E così onesto da non eludere, evadere, corrompere. Dichiara tutto.Lo Stato, per premiarlo, lo tassa subito il doppio.Infatti se lazienda ha fatto utili, lo Stato ha la massima fiducia che lanno dopo ne farà almeno altrettanti.Questa fiducia nelle capacità del contribuente si traduce in un anticipo di tassazione. Pari quasi a quella dellanno in corso. Limprenditore paga, insieme alle tasse dellanno, un presunto reddito in anticipo. Il reddito è ipotetico, ma le tasse sono reali.I soldi del presunto reddito sono sottratti agli investimenti per la società. Ad assunzioni, tecnologia, macchinari. E, soprattutto, sono presunti. Perchè si deve pagare sulla presunzione di reddito del futuro? E' il fisco di Nostradamus. E per le società di recente costituzione, se fanno utili nei primi anni, può essere una mazzata tale da farle chiudere. Meglio allora fare perdite.Solo un santo o un pazzo può dichiarare tutti gli utili con questo meccanismo infernale. Lo Stato vuole soldi, più soldi. Vuole cassa, sempre più cassa. Ma li pretende dai contribuenti onesti. Non dagli evasori. Troppo difficile. Meglio mandare una cartella di richiesta di 20 euro di tasse più le sanzioni (succede), che colpire gli evasori.A questo punto lo Stato potrebbe pretendere un presunto anticipo di tassazione su ogni rendita. Sulle eredità, ad esempio. Nell'anno successivo alla prima può sempre mancare un altro parente. Sulle vincite al Lotto. Sul Gratta e Vinci.Se Padoa Schioppa legge questo post sono sicuro che lo farà.
    • LaNberto scrive:
      Re: Crude verità
      - Scritto da:
      Solo un santo o un pazzo può dichiarare tutti gli
      utili con questo meccanismo infernale. o uno onesto
      • Anonimo scrive:
        Re: Crude verità
        - Scritto da: LaNberto
        - Scritto da:


        Solo un santo o un pazzo può dichiarare tutti
        gli

        utili con questo meccanismo infernale.

        o uno onestoOnesto... forse... ma anche a rischio di essere considerato ladro in ogni caso!In italia NESSUNO e sottolineo NESSUNO è in grado di essere sicuro (grazie a migliaia di norme in contraddizione perenne, adempimenti inutili e farraginosi e via elencando) di avere rispettato la legge!Prova ne sia che diversi enti e aziende di stato hanno dovuto "accedere" al condono (quello tombale) perchè non erano certi di avere ottemperato a tutto!Norme semplici trasparenti e certe (e uguali per tutti e senza "casi speciali") da rispettare e sanzioni altrentanto semplici e certe sono il fondamento della democrazia e fanno la differenza tra suddito e cittadino!Le "grida manzoniane" fatte ciascuna per la propria combriccola di clientes sono invece quelle che fanno sì che ciò che dovrebbe essere certezza del diritto e del dovere diventi "favore" e "raccomandazione" del vicerè di turno!Purtroppo il campio del vicerè non garantisce la certezza del diritto, al contrario la "instabile e ingovernabile" politica italiana (totalmente "bipartizan" da questo punto di vista) è non solo STABILISSIMA ma addirittura IMMOBILE.Nel corso degli ultimi 30 anni sono crollate feroci dittature, caduti muri e "imperi del male" crepati e eletti presidenti POTENTISSIMI degli USA, spariti massacratori come Pol Pot....Ma i "nostri" no!I nostri sono sempre li!I nostri industriali, politici sono con poche eccezzioni gli stessi!e mi si parla di problemi di stabilitaà?????Ma per favoreeeeee!!!Neanche coi diserbanti della Monsanto alla diossina ci togliamo di torno questa gramigna!
    • Anonimo scrive:
      Re: Crude verità

      Questa fiducia nelle capacità del contribuente si
      traduce in un anticipo di tassazione. Pari quasi
      a quella dellanno in corso. Limprenditore paga,
      insieme alle tasse dellanno, un presunto reddito
      in anticipo. Il reddito è ipotetico, ma le tasse
      sono
      reali.
      I soldi del presunto reddito sono sottratti agli
      investimenti per la società. Ad assunzioni,
      tecnologia, macchinari. E, soprattutto, sono
      presunti. Perchè si deve pagare sulla presunzione
      di reddito del futuro? E' il fisco di
      Nostradamus.Purtropo questo viene fatto per accontentare gli amici banchieri, infatti l'azienda intelligente non sottrae reddito agli investimenti, bensì si indebita. Ed il gioca sta tutto lì, sul debito, lavorare per il debito, tassare per il debito ;)da cittadini, siamo diventati, consumatori, da consumatori, debitori...
  • MThule scrive:
    L'avevamo detto....
    Cinque mesi prima del parto avevamo sottolineato in un articolo sul blog cblog.thule-italia.org e poi su di un quodidiano nazionale lo scandalo relativo alla "gestazione del portale". Nello stesso si diceva infatti che:[...]il Comitato dei Ministri per la Società dell'Informazione riunito il 16 marzo 2004 dava il via alla progettazione e realizzazione di un portale, denominato www.italia.it, con l'obiettivo di: * promuovere e rilanciare l'offerta turistica italiana * convogliare le prenotazioni * ridare competitività alla principale industria del Paese rappresentata dal turismo. e continuavamo[...] con decreto del Ministro per l'Innovazione e e le Tecnologie del 7 marzo 2006 è stato, inoltre, istituito il "Comitato per il portale Italia.it", con sede presso il Dipartimento, con i compiti di di indirizzo e controllo del portale e assicurare l'attuazione delle direttive del Comitato Nazionale per il TurismoAll'epoca - primo ottobre 2006 - non potevamo vedere cosa si nascondesse nell'ombra ma avevamo dei segnali premonitori molto netti.Qui l'articolo originale:http://cblog.thule-italia.org/archives/3-Ottantasette-miliardi-di-lire-per-un-sito-inesistente.html
    • Anonimo scrive:
      Re: L'avevamo detto....
      ...e avevate detto bene.Io mi chiedo solo quando gli italiani si romperanno le palle di simili prese per il culo.Ormai sono giornaliere.Che popolo di str...i (sarà stanieri?, straniti?,stombazzanti?,o STR...I), sempre a lavorare, sempre a pagare, sempre a lamentarsi, e mai uno che si muove.Le uniche lotte che si vedono in italia sono quelle dei seguaci di Totti contro quelli di Maldini. è ridicolo.Siete un popolo ridicolo.
  • Anonimo scrive:
    diamo le colpe a chi le ha
    Non che Rutelli mi sia particolarmente simpatico, ma questa volta credo che di colpe ne abbia molte meno di quel che si vuol far credere.Questo demenziale progetto è nato nelle teste faraoniche del governo di centrodestra che abbiamo avuto l'onere di avere in carica per 5 eterni anni.I progetti mastodontici, costosissimi ed inutili fanno parte della megalomania patologica del suo "premier" avvallata dalla corte di maggiordomi nullapensanti se non quel che pensa il re.Altri esempi: il ponte sullo stretto di Messina (scontato) e la centralizzazione di tutte le informazioni dei siti italiani in due o tre copie depositate annualmente nelle biblioteche nazionali SU CARTA (mi vien da ridere solo a pensare ad un simile demenziale progetto costosissimo infattibile inutile ingestibile improponibile ...... le 5 i).Chi pensa di poter realizzare queste cose, e le converte pure in legge per realizzarle, non può essere una persona in grado di governare perchè non ha alcuna capacità di rappresentare e tutelare le esigenze e le necessità di un paese bilanciando interventi tra priorità, utilità, possibilità, fattibilità e necessità.
    • teddybear scrive:
      Re: diamo le colpe a chi le ha
      - Scritto da:
      mi vien da ridere solo a
      pensare ad un simile demenziale progetto
      costosissimo infattibile inutile ingestibile
      improponibile ...... le 5 i).E la quinta "i" ? :O
    • Anonimo scrive:
      Re: diamo le colpe a chi le ha
      - Scritto da:
      Non che Rutelli mi sia particolarmente simpatico,
      ma questa volta credo che di colpe ne abbia molte
      meno di quel che si vuol far
      credere.Non sono d'accordo. Ok, il progetto ha preso inizio col precedente ministro, ma adesso e' Rutelli a doversene occupare. Si e' ritrovato con un progetto avviato che e' una boiata totale, aveva il dovere di fermare tutto. Poteva fare una "operazione trasparenza" (come gli piace dire spesso a 'sti #@#@$%!#) Invece si e' pure messo a presentarlo.Se ti fanno ministro, e ti ritrovi con una Italia che fa cagare, non e' che puoi continuare a cazzeggiare giustificandoti con un "la situazione era gia' di merda prima che arrivassi io", no ?Il problema secondo me non e' che rutelli non capisca una mazza di nuove tecnologie ("nuove" in relazione all'eta' media dei governanti), piuttosto che nessuno del governo e' mai responsabile delle merdate che fa. Finche' sara' cosi continueranno a sputtanare soldi. Ci credo che hanno la scorta e sono sorvegliatissimi, se andassero senza scorta a fare la spesa, sai quanti ceffoni raccatterebbero dalla gente comune ?
      • Anonimo scrive:
        Re: diamo le colpe a chi le ha


        Non che Rutelli mi sia particolarmente
        simpatico,

        ma questa volta credo che di colpe ne abbia
        molte

        meno di quel che si vuol far

        credere.Se non aveva colpe, appena visto come stavano le cose doveva mettere tutto in mano alla magistratura. Invece ha provveduto a spendere altri 100.000 euro per il peperoncino verde. 100.000 euro di cui chissa' quale parte, con quale giro, gli saranno tornati in tasca...Sarebbe ora di finirla che quando pizzichiamo un ladro, solo perche' e' della nostra stessa parte politica, cerchiamo di giustificarlo. I ladri sono ladri e dovrebbero finire in galera, come succede in paesi piu' civili dei nostri (e la politica non c'entra niente).
        • Anonimo scrive:
          Re: diamo le colpe a chi le ha
          - Scritto da:


          Non che Rutelli mi sia particolarmente

          simpatico,


          ma questa volta credo che di colpe ne abbia

          molte


          meno di quel che si vuol far


          credere.

          Se non aveva colpe, appena visto come stavano le
          cose doveva mettere tutto in mano alla
          magistratura. Invece ha provveduto a spendere
          altri 100.000 euro per il peperoncino verde.
          100.000 euro di cui chissa' quale parte, con
          quale giro, gli saranno tornati in
          tasca...questa è un'illazione gratuita: o hai delle prove o è una fantasia
          Sarebbe ora di finirla che quando pizzichiamo un
          ladro, solo perche' e' della nostra stessa parte
          politica, cerchiamo di giustificarlo. I ladri
          sono ladri e dovrebbero finire in galera, come
          succede in paesi piu' civili dei nostri (e la
          politica non c'entra
          niente).quoto, ed aggiugo che: non è depenalizzando una serie di fatti che ci si può mettere al riparo dalla legge!
          • Anonimo scrive:
            Re: diamo le colpe a chi le ha
            Invece ha provveduto a spendere

            altri 100.000 euro per il peperoncino verde.

            100.000 euro di cui chissa' quale parte, con

            quale giro, gli saranno tornati in

            tasca...

            questa è un'illazione gratuita: o hai delle prove
            o è una
            fantasiaE' una illazione, ma non e' gratuita. Tu lo sai quanto costa farsi fare un logo da una societa' di design? Secondo te un logo (perche' qui solo un logo e' stato fatto, non uno studio grafico di branding, non credo che abbiano fatto neanche la carta intestata...) costa 5.000, 10.000, oppure 100.000 euro?Vediamola da altri punti di vista, dato che si tratta di una prestazione professionale e non la vendita di un bene immobiliare. A quante ore di lavoro/persona corrispondono 100.000 euro? a 100 euro/ora (per un designer...) sono circa 6 mesi/uomo di lavoro. Possibile, per quel peperoncino acerbo?Poi, se avessero indetto un concorso aperto a tutti i creativi italiani, potevano avere un prodotto migliore, italiano, e gratuito. Non ci voleva molto...
          • Anonimo scrive:
            Re: diamo le colpe a chi le ha
            - Scritto da:
            A quante ore di
            lavoro/persona corrispondono 100.000 euro? a 100
            euro/ora (per un designer...) sono circa 6
            mesi/uomo di lavoro. Possibile, per quel
            peperoncino
            acerbo?Fra l'altro dubito francamente che ci siano molti designer da 100 Euro l'ora... e se anche ci fossero, e' impensabile che logo come quello possa richiedere piu' di una cinquantina di ore di lavorazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: diamo le colpe a chi le ha


            Sarebbe ora di finirla che quando pizzichiamo un

            ladro, solo perche' e' della nostra stessa parte

            politica, cerchiamo di giustificarlo. I ladri

            sono ladri e dovrebbero finire in galera, come

            succede in paesi piu' civili dei nostri (e la

            politica non c'entra

            niente).

            quoto, ed aggiugo che: non è depenalizzando una
            serie di fatti che ci si può mettere al riparo
            dalla
            legge!si e' poi chi governa quel pirla di di Pietro e altri quattro/cinque "onesti"?
      • Anonimo scrive:
        Re: diamo le colpe a chi le ha

        Non sono d'accordo. Ok, il progetto ha preso
        inizio col precedente ministro, ma adesso e'
        Rutelli a doversene occupare. Si e' ritrovato con
        un progetto avviato che e' una boiata totale,
        aveva il dovere di fermare tutto.Magari avrebbero dovuto pagare una penale nel confronto delle ditte appaltate ancora maggiore.Alla Impregilo che ha l'appalto del ponte sullo stretto gli è convenuto ancora di più non costruirlo perchè ci guadagna più dalla penale che riscuote che dal lavoro che avrebbe fatto (lo Stato dovrebbe pagare una penale del 10% pari a 460 milioni di euro).http://it.wikinews.org/wiki/Ponte_sullo_stretto_di_Messina_nel_mirino_della_mafia_2005
    • Anonimo scrive:
      Re: diamo le colpe a chi le ha
      guarda che i grandi sperperi stanno in entrambi gli schieramentiper la sinistra basta citare la tav..tra l'altro Rutelli, se fosse stato un'altro, si passava la mano sulla coscienza.. e faceva cascare il decreto urbani...o solo per le canne si doveva fare il passo indietro?
    • reXistenZ scrive:
      Re: diamo le colpe a chi le ha

      Non che Rutelli mi sia particolarmente simpatico,
      ma questa volta credo che di colpe ne abbia molte
      meno di quel che si vuol far
      credere.
      Questo demenziale progetto è nato nelle teste
      faraoniche del governo di centrodestra che
      abbiamo avuto l'onere di avere in carica per 5
      eterni
      anni.
      I progetti mastodontici, costosissimi ed inutili
      fanno parte della megalomania patologica del suo
      "premier" avvallata dalla corte di maggiordomi
      nullapensanti se non quel che pensa il
      re.Già, già, anche sulla legge Urbani Rutelli non ha nessuna colpa, lui se l'è trovata e ha dovuto perseverare per forza sulla stessa strada...http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=5407&numero=999P.S.: per chi voti?
    • Anonimo scrive:
      Re: diamo le colpe a chi le ha
      Ho letto da fonti certe, che l'attuale Governo di colpe ne ha abbastanza, altrimenti il nostro caro Rutelli si sarebbe risparmiato le "pose" con i giornalisti, al momento del lancio del portale.Anzi è molto probabile che il portale è stato ridisegnato, riformulato dal presente Governo, non appena hanno messo il sedere sulle loro poltrone.Si voleva prendere tutti i meriti, gli è andata male, adesso cerca di defilarsi, questi sono i nostri politici che ci comandano!Andate a casa!Di sicuro l'ex Ministro Stanca ci deve dare delle spiegazioni, come per la scelta della piattaforma IBM e la gara d'appalto.Tutti tacciano e noi paghiamo.
  • Anonimo scrive:
    CENTOMILA EURO per un logo?!?!?!?
    Ma lol... hanno chiamato i grafici di tutto il mondo ed hanno fatto un'assemblea plenaria fra tutti loro per un mese continuativamente 24h su 24h?!?!?Per ottenere cosa? Un logo che definire pietoso è giudizio fin troppo indulgente: il bello è che ho letto svariati articoli (su giornali non specializzati) che elogiano il portale descrivendolo come "un grande successo". Certo un grande successo e grande esempio di sperpero di soldi: dovrebbe essere messo nel manuale su "Come arricchirsi alle spalle dei contribuenti".Questa enfasi posta dai media non specializzati su questo accrocchio di codice html dimostra ancora una volta, se ce n'era ancora bisogno, di quanto la stampa sia parziale e supina al potere, riferendoci solo le notizie che si vuole che si sappiano, mettendole sotto una luce comoda per i politici arrivando perfino a stravolgere la realtà.Il mio disgusto è totale e davvero non ho più parole per esprimerne la sua vastità.Ciao e grazie a tutti d'avermi letto.
    • Anonimo scrive:
      Re: CENTOMILA EURO per un logo?!?!?!?
      Vedo una leggera somiglianza...[img]http://scandaloitaliano.files.wordpress.com/2007/02/italogitech.gif[/img]
  • Anonimo scrive:
    Ma che pretendete
    sono 60 anni che fanno politica e non sono ancora capaci di gestire un paese, volevate che in due anni conoscessero il web ed i suoi contenuti, mica scherzerete vero? :s(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    cosa ne dite di un concorso?
    Ognuno fa un suo sito concorrente a quello oggetto di critiche. La rete vota il migliore e magari ci guadagna pure qualcosa. Potrebbe essere un buon segnale a certi politicanti... ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: cosa ne dite di un concorso?
      o ancora meglio se si potesse fare un portalone open source... (idea)
    • Anonimo scrive:
      Re: cosa ne dite di un concorso?
      45M di budget non si possono certo considerare ristrettezze... (rotfl) ...ce n'era per commissionare (cioè pagare) decine e decine di prototipi-studio in concorsi aperti, scegliere un vincitore e di fatto assumerlo a vita per la gestione del tutto.O comprare direttamente una WebAgency di successo e metterla a lavorare sul progetto, sempre a vita.Ma forse quei soldi sono stati spesi solo in minima parte per la realizzazione del sito... @^ che appare piuttosto come qualche paginetta messa su in fretta e furia per non dire che non era stato fatto niente. p)Troppo facile scandalizzarsi in questo caso, le critiche che piovono dalla platea di utenti con un minimo di esperienza nel settore... dovremmo piuttosto scandalizzarci dal fatto che in tutti i campi c'è uno "scandalo-italia.it", che passa più o meno inosservato dai non esperti del settore. :s :'(
  • Anonimo scrive:
    www.discoverireland.com
    ma ci voleva tanto a fare un sito come quello dell'ente del Turismo irlandese?Mi sembra molto più immediato, riconosce la provenienza del visitatore, e decisamente più caratteristico come grafica e contenuti.In Italia proprio non capiamo un tubo di tecnologia, in compenso siamo maestri nello spreco di denaro pubblico...
    • Anonimo scrive:
      Re: www.discoverireland.com
      Anche quello Norvegesehttp://www.visitnorway.com/12 lingue, appena rifatto, sicuro no 45 milioni di Euro per un sito che visto con Opera non si leggono i caratteri dei testi (prima volta che mi succede...)
  • Anonimo scrive:
    Gran bel portale
    Io sono contento che ci sia un portale di riferimento e non capisco le critiche del blog che segnala P.I.L'unico vero punto di discussione sembra essere il prezzo di realizzazione e non la qualità finale del prodotto.Brave le aziende a contrattare e poveri noi che siamo rappresentati da persone che pagano una banana un milione di euro!Del resto la colpa e solo di noi pecoroni, altro che indignazioni. Tutti zitti dovete stare!
    • Anonimo scrive:
      Re: Gran bel portale
      - Scritto da:
      Io sono contento che ci sia un portale di
      riferimentoRiferimento de che ?
      e non capisco le critiche del blog
      che segnala P.I.Eh lo so, capita.
      L'unico veroAh si' ? L'unico ?
      punto di discussione sembra essere
      il prezzo di realizzazione e non la qualità
      finale del
      prodotto.LOL Veramente si parla di qualita' mediocre per un sito qualunque, di qualita' infima per un sito istituzionale, di un prezzo pagato (da me e da te) pari a circa 80 volte un onesto prezzo di mercato con giusti margini di guadagno per l'azienda realizzatrice.
      Brave le aziende a contrattare Si sa, ci si conosce, una mano lava l'altra, mi sdebito per l'altra volta, ci sarebbe questa occasione, io ci metto una buona parola ma per me cosa c'e', ecc. ecc.
      e poveri noi che
      siamo rappresentati da persone che pagano una
      banana un milione di
      euro!100.000
      Del resto la colpa e solo di noi pecoroni,
      altro che indignazioni. Tutti zitti dovete
      stare!Potresti avere ragione, ma tu parli.Burp539179
      • Anonimo scrive:
        Re: Gran bel portale
        Certo, ma le critiche mancano di consistenza. Qualità infima, cosa vuol dire? Io per ignoranza mia non sto capendo. Quali sono i parametri di valutazione della qualità vorrei capire meglio.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gran bel portale
          - Scritto da:
          Certo, ma le critiche mancano di consistenza.
          Qualità infima, cosa vuol dire? Io per ignoranza
          mia non sto capendo. Quali sono i parametri di
          valutazione della qualità vorrei capire
          meglio.Evidentemente non conosci la legge Stanca. Sapresti almeno che il tuo gran bel portale è fuorilegge. FUORILEGGE perché non rispetta i requisiti che la legge impone per tutti i siti pubblici.Poi, facci capire tu da dove salta fuori il tuo giudizio di gran bel portale. Hai navigato il sito? Hai usufruito dei servizi? Hai visto e usato le cartine? Hai percorso qualche itinerario? O ti sei lasciato ammaliare da due immagini luccicanti?
          • Anonimo scrive:
            Re: Gran bel portale
            Invece di sbraitare tanto, che non porta nessuna informazione, è il caso di spiegare.
  • Anonimo scrive:
    Anche le paginette web dei bambini...
    ormai il flash lo caricano col javascript per evitare il problema con Internet Explorer di dover cliccare per attivarlo
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche le paginette web dei bambini..
      Per non parlare poi dei filmati, dove non hanno messo un numero di secondi di buffer sufficienti, anzi credo che non abbiano previsto proprio buffering, per cui lo ascolti a scatti se non hai una adsl performante ( e per chi ha alice ormai questo e assolutamente impossibile)immagino che figura di m... worldwide
  • Anonimo scrive:
    Chi è l'autore del logo?
    Per essere costato 100k immagino sia un qualche artista affermato. Sarei curioso di sapere chi è questo signore.(apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è l'autore del logo?
      http://www.officina-creativa.net/forum/index.php?topic=1706.msg9753#msg9753Denis Santachiara
      • soulista scrive:
        Re: Chi è l'autore del logo?
        - Scritto da:
        http://www.officina-creativa.net/forum/index.php?t

        Denis Santachiarahttp://www.denisantachiara.it/oddio... usa os x?passo a windows vista!mando il link della homepage ad apple: spero che gli faccia causa!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è l'autore del logo?
        - Scritto da:
        http://www.officina-creativa.net/forum/index.php?t

        Denis SantachiaraOddio il macTroll!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è l'autore del logo?
      - Scritto da:
      Per essere costato 100k immagino sia un qualche
      artista affermato. Sarei curioso di sapere chi èRocco Siffredi !
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è l'autore del logo?
        uno che probabilmente sara' denunciato da Logitech per plagio
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi è l'autore del logo?
          - Scritto da:
          uno che probabilmente sara' denunciato da
          Logitech per
          plagioscusate, volevo postare sotto la domanda principale del thread
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi è l'autore del logo?
            dai non c'è paragone: vuoi mettere il logo della logitech con quella specie di cactus?
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi è l'autore del logo?
            - Scritto da:
            dai non c'è paragone: vuoi mettere il logo della
            logitech con quella specie di
            cactus?Io ho scritto un paio di righe alla Logitech Italia. Magari sturano a dovere gli incompetenti che hanno disegnato quella specie di acerba banana gobba :D
  • bdm scrive:
    pubblicità
    bhe , almeno hanno avuto quello che hanno voluto ...parlane bene o male è sempre parlarne pubblicità gratuita :D
    • Anonimo scrive:
      Re: pubblicità
      almeno questa è gratuita xkè per il resto abbiamo gia' sborsato abbastanza...
      • bdm scrive:
        Re: pubblicità
        shhh non dirlo che è gratuita altrimenti , dato che hanno ancora qualche soldo ci corrono dietro per darci qualche soldo pure a noi(rotfl)(rotfl)(rotfl) @^
  • Anonimo scrive:
    100.000 euro per quel...
    logo fallico? :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
    • Anonimo scrive:
      Re: 100.000 euro per quel...
      Ma perchè essere fini... quello è un cazzetto !
    • bdm scrive:
      Re: 100.000 euro per quel...
      - Scritto da:
      logo fallico?
      no .. analvibratorideico (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: 100.000 euro per quel...
        Avrebbero potuto fare un concorso pubblico ed avrebbero avuto l'imbarazzo della scelta...Magari mettendo come premio un viaggio per 4 persone per tutt'Italia negli Hotel pià rinomati, autista privato... E non sarebbero giunti a spendere quella cifra assurda per un ammasso di pixell così stucchevole...
    • Anonimo scrive:
      Re: 100.000 euro per quel...
      Basta parlare per sentito dire.Trova la fonte UFFICIALE (bilancio) della cifra 100.000 per favore, e la ripartizione della cifra nelle varie voci in dettaglio.Quanto ai giudici del concorso? Quanto all'agenzia creativa?In che arco di tempo?Mica ti indigni senza informarti?
      • Anonimo scrive:
        Re: 100.000 euro per quel...
        - Scritto da:
        Basta parlare per sentito dire.
        Trova la fonte UFFICIALE (bilancio) della cifra
        100.000 per favore, e la ripartizione della cifra
        nelle varie voci in
        dettaglio.
        Quanto ai giudici del concorso? Quanto
        all'agenzia
        creativa?
        In che arco di tempo?
        Mica ti indigni senza informarti?RIDICOLO!!! Ma sai come funzionano queste cose nel mondo realte almeno o parli solo per dare aria alla bocca? Quanto SOLDI AI GIUDICI DI PROGETTO? Le spese per i giudici di progetto sono COMPLETAMENTE INDIPENDENTI da quelle per il progetto, e non possono essere accomunate in nessuno modo. Inoltre grazie a Dio non s'e' mai sentito che i giudici vogliano essere pagati separatamente per giudicare la bonta' o meno di un progetto, in quanto l'approvazione di un progetto di qualita' va soltanto a loro interesse. In altre parole quando un'agenzia propone un progetto (A) non riceve alcun pagamento se il progetto non viene accolto, e (B) il bilancio delle spese comprende sempre e solo la realizzazione!E cosa cambia se i 100.000 Euro sono stati divisi e in quale arco di tempo!?!? Sta di fatto che la realizzazione di un logo non puo' costare una cifra simile. Non succede da nessuna parte. V E R G O G N A, immensamente V E R G O G N A!!! :@
    • teddybear scrive:
      Re: 100.000 euro per quel...
      - Scritto da:
      logo fallico?La cosa assurda è che nel logo è stata sostituita la "T" con quel coso verde (sembra una ocarina) ... quando c'è una "T" molto più famosa e conosciuta in tutto il mondo...HINT: possibile che nessuno abbia mai visto la cartina della penisola italiana? È o non è una "T" ?
      • argaar scrive:
        Re: 100.000 euro per quel...
        tipo questo che ho impiegato circa 20 min per fare?http://img221.imageshack.us/my.php?image=logoitxw8.jpgche dici gli chiedo se lo utilizzano glielo regalo anche..però almeno potrebbe rappresentarci...(lo so, sardegna, sicilia e isola d'elba so sparita, non ce l'ho con questi luoghi l'ho dovuto fare per esigenze di design, per rappresentarci effettivamente qualcuno dovrebbe riuscire a farla meglio l'immagine combinando le isole nel testo) a voi la realizzazione se vi viene in mente un modo per integrarle co la i...UpDate: ho fatto l'immagine anche con le isole tolte prima...http://img132.imageshack.us/my.php?image=logoitfulles3.jpgUpDate2:Tanto per fare la sboronata ho fatto anche il logo co la scritta, naturalmente in entrambe le versioni...(voglio farmi assumere come grafico!!)http://img154.imageshack.us/my.php?image=italiaqualitagq7.jpghttp://img148.imageshack.us/my.php?image=italiaqualitafullbw2.jpg-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 febbraio 2007 12.20-----------------------------------------------------------
        • Anonimo scrive:
          Re: 100.000 euro per quel...
          Modificato dall' autore il 26 febbraio 2007 12.20
          --------------------------------------------------Ma non potrebbe essere la Sardegna la I di italia?
          • teddybear scrive:
            Re: 100.000 euro per quel...

            Ma non potrebbe essere la Sardegna la I di italia?Stilizzandola molto (il nostro "amico" l'ha fatta troppo precisa) sicuramente il risultato sarebbe ottimo... Complimenti comunque al nostro "grafico"... immagino che ci hai messo anni e uno studio di almeno 20 persone per fare quel lavoro, vero?
          • argaar scrive:
            Re: 100.000 euro per quel...
            io ho preso l'idea di teddybear e l'ho applicata, anche perchè non sono ne un grafico ne un designer (ecco anche perchè non ho avuto altre idee per renderla meglio come T che togliere le isole).però a sto punto io proporrei di metterci d'accordo e studiare davvero un logo "serio" e provare a proporlo, non restituirà i 100.000 ma almeno non avremo quello schifo come biglietto da visita
      • Anonimo scrive:
        Re: 100.000 euro per quel...
        - Scritto da: teddybear

        - Scritto da:

        logo fallico?

        La cosa assurda è che nel logo è stata sostituita
        la "T" con quel coso verde (sembra una ocarina)
        ... quando c'è una "T" molto più famosa e
        conosciuta in tutto il
        mondo...

        HINT: possibile che nessuno abbia mai visto la
        cartina della penisola italiana? È o non è una
        "T"
        ?Ma allora non ci siamo capiti!È vero , è una T l'immagine dell'italia!...Ma non è pagabile 100000 euri! è troppo comune e troppo conosciuta! Come fai a farti dare 100000 eri per una cosa che conoscono GIÀ tutti?Meglio spendere i soldini in una cosa che nessuno conosce e darsi da fare (spendendone altri) a "promuoverla" e a renderla conosciuta quasi come quella "già conosciuta"... non ti pare?
        • teddybear scrive:
          Re: 100.000 euro per quel...
          - Scritto da:

          - Scritto da: teddybear



          - Scritto da:


          logo fallico?



          La cosa assurda è che nel logo è stata
          sostituita

          la "T" con quel coso verde (sembra una ocarina)

          ... quando c'è una "T" molto più famosa e

          conosciuta in tutto il

          mondo...



          HINT: possibile che nessuno abbia mai visto la

          cartina della penisola italiana? È o non è una

          "T"

          ?

          Ma allora non ci siamo capiti!
          È vero , è una T l'immagine dell'italia!...
          Ma non è pagabile 100000 euri! è troppo comune e
          troppo conosciuta!

          Come fai a farti dare 100000 eri per una cosa che
          conoscono GIÀ
          tutti?
          Meglio spendere i soldini in una cosa che nessuno
          conosce e darsi da fare (spendendone altri) a
          "promuoverla" e a renderla conosciuta quasi come
          quella "già conosciuta"... non ti
          pare?Della serie, il marketing serve solo a quei prodotti che altrimenti nessuno cag****bbe neanche di striscio.Dalla serie, se un prodotto è buono si pubblicizza da solo.
    • Anonimo scrive:
      Re: 100.000 euro per quel...
      - Scritto da:
      logo fallico?

      :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
      :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
      :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
      :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
      :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
      :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
      :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@Questo è gratishttp://www.italia.it/it/scout/text/5,it,SCH1,2015/objectId,RGN8it,modulId,scout,s,0,season,at1,selectedEntry,home/result.html?rgnCMP=RGN8it&scope=%22%3E%3Cbr%3E%3CFONT+size%3D6%3Db%3E%3Cimg%20src=%22http://www.summagallicana.it/unicorno/cazzo%20ovogeno%20Monstrorum%20historia%201642.jpg%22%20width=%22300%%22%20height=%22300%%22%3E%3C%2Fb%3E%3C%2Ffont%3E%3Cbr%3E%3CFONT+color%3D%22&Submit2.x=11&Submit2.y=18&Submit2=Submit :D(troll3)
Chiudi i commenti