Le auto che parlano tra loro

Se ne parlerà all'Infomobility Forum, per dimostrare che i veicoli in movimento possono essere trasformati in nodi di una rete wireless in continua riconfigurazione. Come BitTorrent


Milano – “Scenario. Autostrada del Sole, fra qualche anno. C’è nebbia. L’automobile è un modello in vendita già oggi, ma il suo proprietario ha fatto installare un accessorio di comunicazione wireless, con un bel display a cristalli liquidi che campeggia sulla plancia. Il traffico scorre fluido quando un segnale acustico introduce una voce sintetizzata che avverte che un chilometro più avanti, ben oltre il raggio visuale, c’è un forte rallentamento della marcia per un improvviso infittirsi della nebbia. Il conducente immediatamente rallenta, insieme ai veicoli che lo affiancano e seguono, anch’essi dotati dello stesso tipo di accessorio, alcuni di serie. L’automobile non dispone di un radar: come ha fatto quindi a informare il suo conducente di quello che succedeva un chilometro più avanti? Semplice, glielo hanno detto i veicoli che la precedevano”.

Così i promotori dell’ Infomobility Telematics Forum 2004 presentano uno dei temi più intriganti che verranno affrontati in quella sede l’11 novembre, quello delle reti veicolari ad hoc, ossia VANET (Vehicular ad-hoc Network).

Le VANET sono reti wireless che si basano sulla comunicazione cooperativa tra nodi paritetici, senza necessità di punti di accesso fissi, che formano configurazioni dinamiche e sempre in mutamento, ad hoc appunto.

“La ragion d’essere del concetto stesso di VANET – afferma una nota diffusa dai promotori del Forum – è economico oltre che di funzionalità. La diffusione delle reti wireless ad alta velocità trova come proprio limite il costo dell’infrastruttura fissa (access point) che sarebbe necessaria se si ricorresse alle tecnologie tradizionali”.

Perché le VANET divengano realtà è però necessario superare una serie di problemi. Le VANET sono infatti parte delle MANET (Mobile ad-hoc Network) in cui i nodi sono veicoli e quindi si muovono a velocità ragguardevoli in senso relativo (tra di loro) e assoluto (rispetto a punti di riferimento fissi). A loro volta le MANET sono un sottoinsieme delle reti magliate (o mesh), in cui i nodi comunicano tra di loro anche su lunghe distanze passandosi i dati in modo paritario, senza access point.

“Il problema principale delle MANET e ancora più delle VANET – affermano i promotori – si riassume in una parola: instradamento, o se si preferisce, routing. Ossia, come faccio arrivare i dati dove voglio se posso comunicare a distanza limitata (poche centinaia di metri al massimo) e se la configurazione dei nodi che mi circondano cambia continuamente? Non è un problema banale se si considera che oltre a riuscire a comunicare devo anche poterlo fare a prestazioni interessanti, in un tempo non eterno e senza intasare la rete di messaggi inutili”.

La soluzione risiede probabilmente nel geocasting, ossia la trasmissione viene instradata a tutti i nodi presenti in una determinata area geografica e non più logica, come nelle reti tradizionali, fino ad arrivare al nodo di destinazione. Con il problema di dover attivare sistemi di posizionamento su tutti i nodi (GPS o, in futuro, Galileo). Il tutto condito dalla necessità di dover costruire e mantenere una griglia assoluta delle posizioni geografiche dei nodi.

Per riuscire nell’intento gli esperti si orientano al comportamento animale, come quello di sciami di api (swarming) o dei formicai (anting), un concetto che avvicina il tutto ad applicativi di sharing come BitTorrent, anch’essi basati su protocolli che fanno uso di sistemi di segnalazione. Ad ogni modo, è per ora difficile prevedere quale sarà il protocollo delle VANET. Nè è detto che la localizzazione satellitare riuscirà a superare le possibili perplessità di chi tiene prima di tutto alla propria privacy.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mariobusy scrive:
    Finalmente + chiarezza e - frodi!
    Era ora:cominciavo a sospettare che il Garante per la Privacy...insomma iniziavo a pensare cose a cui mi rifiutavo di credere.Speriamo ora che non passino troppi anni primache Telecom Italia recepisca queste direttive della Corte di Giustizia Europea.
    • Anonimo scrive:
      Re: 10 e lode !!!
      - Scritto da: Mariobusy
      Era ora: cominciavo a sospettare che il Garante per
      la Privacy... insomma iniziavo a pensare cose a cui mi
      rifiutavo di credere.
      Speriamo ora che non passino troppi anni prima che
      Telecom Italia recepisca queste direttive della Corte di
      Giustizia Europea.10 e lode !!!
  • Anonimo scrive:
    il Link alla sentenza (di un mese fa)
    La sentenza risale a più di un mese fa (causa C-19/03, sentenza del 14 settembre 2004).Il link è il seguente:http://curia.eu.int/jurisp/cgi-bin/form.pl?lang=it&Submit=Avvia+la+ricerca&docrequire=alldocs&numaff=C-19%2F03&datefs=&datefe=&nomusuel=&domaine=&mots=&resmax=100Non basiamoci solo sulle notizie ANSA, ma sui dati di prima mano!!!!P.S. Forse è meglio che nel vostro staff inseriate qualcuno che mastica di diritto.....
    • Anonimo scrive:
      Re: il Link alla sentenza (di un mese fa
      - Scritto da: Anonimo
      La sentenza risale a più di un mese
      fa (causa C-19/03, sentenza del 14 settembre
      2004).
      Il link è il seguente:
      curia.eu.int/jurisp/cgi-bin/form.pl?lang=it&S
      Non basiamoci solo sulle notizie ANSA, ma
      sui dati di prima mano!!!!

      P.S. Forse è meglio che nel vostro
      staff inseriate qualcuno che mastica di
      diritto.....C'è già
    • Anonimo scrive:
      Re: il Link alla sentenza (di un mese fa
      Dai contenuti, a volte non sembrerebbe............................- Scritto da: Anonimo
      La sentenza risale a più di un mese
      fa (causa C-19/03, sentenza del 14 settembre
      2004).
      Il link è il seguente:
      curia.eu.int/jurisp/cgi-bin/form.pl?lang=it&S
      Non basiamoci solo sulle notizie ANSA, ma
      sui dati di prima mano!!!!

      P.S. Forse è meglio che nel vostro
      staff inseriate qualcuno che mastica di
      diritto.....
      C'è già
  • Anonimo scrive:
    ...roba vecchia
  • Anonimo scrive:
    Vale per tutti ?
    Anche il Telepass family di Autostrade non manda le fatture con i dettagli. Quanto detto vale anche per loro ?
  • Anonimo scrive:
    Gravi carenze nel dettaglio di Telecom
    A quanto so io, Telecom al momento adotta di sua iniziativa due gravi scelte sul dettaglio chiamate:1) Omissione dei numeri finali.Il buon senso vorrebbe che il titolare della linea debba aver diritto di avere elencate le chiamate che partono dal suo telefono fisso.Telecom la pensa diversamente. Con la scusa della Privacy (ma perche'? Il dettaglio chiamate e' inviato anche a terzi o solo al titolare?) non e' possibile conoscere il numero completo.Forse bisogna fare specifica richiesta scritta in merito. Qualcuno ha provato a chiedere specificatamente per iscritto di conoscere sotto al propria responsabilita' i numeri completi delle proprie chiamate? Io conosco solo casi di insuccessi e risposte negative a simili richieste Ma se anche cosi' non e' possibile conoscere le proprie chiamate, mi chiedo perche' quando devo accettare clausole vessatorie sulla privacy (per aprire un contro in banca per esempio) la sua firma puo' autorizzare qualsiasi scempio dei dati, mentre per chiedere di conoscere le chiamate della propria linea la volonta' espressa con domanda scritta e firmata non e' abbastanza per Telecom?Quindi quando la Corte di Giustizia europea dice che non si può considerare un problema per la privacy se l'operatore che invia il dettaglio delle bollette indica per intero i numeri chiamati, ha pienamente ragione e la novita' sta solo che questa volta a dirlo e' stato un organismo "superiore" rispetto al misero cittadino.2) Omissione di chiamate sotto un certo importo.Il dettaglio chiamate Telecom non e' cosi' dettagliato. A parte gli asterischi sui numeri, e' interessante notare che chiamate sotto un certo importo minimo (deciso da Telecom) non sono riportate. Spero che le cose non siano piu' cosi', ma fino a due anni fa questa era la situazione. Quando si chiedono chiarimenti in merito ai call center, gli operatori sono stati istruiti per dire che il servizio e' "ancora in prova". Da 10 anni??In realta' Telecom conosce tutte le chiamate, e raccoglie e archivia informazioni molto dettagliate, tanto e' vero che in caso di richiesta di un giudice per una indagine, sono capaci di produrre montagne di tabulati, e a parte questo, hanno un servizio di controllo molto efficiente per esigenze interne, fatturazioni e statistiche. A pensar male si potrebbe credere che tacere sul numero e gli importi delle chiamate sotto una certa soglia, permetta a Telecom di "spalmare" senza alcun controllo su milioni di utenti, i mancati guadagni del bimestre (ovvero rifarsi dei clienti morosi per esempio).Cosi' il bilancio e' salvo. Spero proprio che non sia cosi', pero' resta il fatto che il dettaglio chiamate cosi' come lo fornisce Telecom non e' completo (attendo smentite), e visto che, ad esempio, anche 5 chiamate da 1 centesimo sono soldi miei, ci si chiede il perche' di questo comportamento omertoso.Sicuramente NON e' vantaggio del cliente, di chi quindi?P. Ramo
    • Anonimo scrive:
      Re: Gravi carenze nel dettaglio di Telecom
      Non mi risulta l'omissione delle chiamate sotto una certa soglia. Nelle mie bollette risultano anche chiamate di durata inferiore ai 2 secondi.Piuttosto mi piacerebbe che anche la telecom, come fanno da tempo i gestori mobili, mi permettesse di ottenere il dettaglio tramite internet. In modo da poterlo analizzare tramite excel (visto che convivo con quattro persone e mi verrebbe molto comodo per dividere i costi della bolletta).Posso capire per il dettaglio inviato via posta la necessità di una certa privacy, visto che in teoria non è difficile accedere ad una cassetta delle poste e rubare la corrispondenza altrui.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gravi carenze nel dettaglio di Telecom
        - Scritto da: Anonimo
        Non mi risulta l'omissione delle chiamate
        sotto una certa soglia. Nelle mie bollette
        risultano anche chiamate di durata inferiore
        ai 2 secondi.Mi conforta saperlo.
        Piuttosto mi piacerebbe che anche la...
        bolletta).Sarebbe comodo in effetti per tutte le bollette.
        Posso capire per il dettaglio inviato via
        posta la necessità di una certa
        privacy, visto che in teoria non è
        difficile accedere ad una cassetta delle
        poste e rubare la corrispondenza altrui.Allora anche l'estratto conto bancario dovrebbe essere con gli asterischi. Quindi vuoi dire che Telecom lo fa perche' le cassette delle lettere degli italiani sono facili da scassinare?Che gentili.La sicurezza delle lettere e' responsabilita' delle poste fino alla consegna, poi e' compito tuo proteggere la tua corrispondenza con una bella cassetta delle lettere nuova antintrusione e con lucchetto.Non ci deve certo pensare Telecom mettendo gli asterischi e lasciando pero' in chiaro quanto spendi, perche' allora se e' per i ladri curiosi che si omettono i dati, togliamo tutto allora.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gravi carenze nel dettaglio di Telecom
          Ma perchè, c'è ancora qualcuno che usa Telecom???Vi piace proprio farvi del male?Ma le pubblicità in TV non le ascoltate?O vi piace pagare il triplo per ogni chiamata??InWind, Tele2, ecc...
      • ldsandon scrive:
        Re: Gravi carenze nel dettaglio di Telec

        Posso capire per il dettaglio inviato via
        posta la necessità di una certa
        privacy, visto che in teoria non èL'unico motivo per cui lo fanno è "pararsi il culo" visto che non è improbabile che appaiano numeri che non hai mai chiamato... e che probabilmente sono stati chiamati da qualcuno con l'accesso alla rete - e che lavora per Telecom... sarebbe *molto* imbarazzante per qualcuno in Telecom lasciare che qualcuno possa risalire ai numeri chiamati.A me è successo: sono apparse chiamate a numeri di Salsomaggiore e altri che nessuno ha mai fatto. Guarda caso in quei giorni tecnici Telecom effettuavano manutenzione sulla linea nei dintorni...
      • Anonimo scrive:
        Re: Gravi carenze nel dettaglio di Telecom

        Piuttosto mi piacerebbe che anche la
        telecom, come fanno da tempo i gestori
        mobili, mi permettesse di ottenere il
        dettaglio tramite internet. In modo da
        poterlo analizzare tramite excel (visto che
        convivo con quattro persone e mi verrebbe
        molto comodo per dividere i costi della
        bolletta).Si può già fare. Registrati sul sito del 187 (www.187.it). Purtroppo il dettaglio si può avere solo come pagina HTML,oppure come documento PDF (l'intera fattura), quindi è necessario un po' di taglia e incolla manuale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gravi carenze nel dettaglio di Telecom
      - Scritto da: Anonimo
      2) Omissione di chiamate sotto un certo
      importo.E' da anni che è possibile richiedere gratuitamente che anche le telefonate al di sotto di 500 lire vengano visualizzate nel dettaglio chiamate.Ciauz!
  • Anonimo scrive:
    Arma a doppio taglio
    Ora tutte le madri e i padri fuori di testa potranno scoprire che il figlio ha chiamato il telefono azzurro. Abbiamo ottenuto la privacy sacrificando l'anonimato. La compagnia telefonica non dovrebbe conservare alcun log per più di 10 millisecondi, giusto il tempo che serve ad avviare la chiamata.
    • matteo.moro scrive:
      Re: Arma a doppio taglio


      Ora tutte le madri e i padri fuori di testa
      potranno scoprire che il figlio ha chiamato
      il telefono azzurro.
      Uhm, perche' se sulla bolletta vedono 19*** invece che 19696 non lo scoprono, vero?ciao.Matteo
      • Anonimo scrive:
        Re: Arma a doppio taglio
        E se il problema che c'è dietro è serio, mi sa che chi di dovere sarà intervenuto prima dell'arrivo della bolletta.
    • gpl scrive:
      Re: Arma a doppio taglio
      - Scritto da: Anonimo
      Ora tutte le madri e i padri fuori di testa
      potranno scoprire che il figlio ha chiamato
      il telefono azzurro. Abbiamo ottenuto la
      privacy sacrificando l'anonimato. La
      compagnia telefonica non dovrebbe conservare
      alcun log per più di 10 millisecondi,
      giusto il tempo che serve ad avviare la
      chiamata.La telecom come qualsiasi altra azienda deve conservare i log x almeno 10 anni x un semplice motivo, quello fiscale!Essendo una ditta che emette fattura deve (o dovrebbe) dettagliare le sue fatture, immagina cosa potrebbe succedere se le aziende non scrivessere il dettaglio della merce venduta nelle fatture, ma scrivessero soltanto il totale dovuto.Come cliente ho il diritto di sapere cosa ha generato l'importo pagato altrimenti come potrei contestare eventuali errori.Per quanto riguarda la privacy e' un falso problema se pensi a tutti i resoconti che ti arrivano a casa (carta di credito, dalle banche, ecc...) nei quali sono indicati importi e dettagli.Per quanto riguarda il telefono azzurro o altri servizi, se fossero numeri verdi, gratuiti, quindi che non generano importi da pagare si potrebbe benissimo decidere di ometterli dal dettaglio in quanto ininfluenti al fine della determinazione dell'importo totale.In questo modo sarebbero salvi sia i diritti dei consumatori che giustamente chiedono di sapere cosa pagano che quello di chi non vuole far sapere di aver chiamato il telefono azzurro o quello rosa o quello che gli pare.
    • Anonimo scrive:
      te sei fuori di testa???
      - Scritto da: Anonimo
      Ora tutte le madri e i padri fuori di testa potranno
      scoprire che il figlio ha chiamato il telefono azzurro.
      Abbiamo ottenuto la privacy sacrificando l'anonimato.
      La compagnia telefonica non dovrebbe conservare
      alcun log per più di 10 millisecondi, giusto il tempo che
      serve ad avviare la chiamata.Te (e non le madri, i padri e il figlio) sei fuori di testa???
  • Anonimo scrive:
    Questo significa
    che da domani è possibile richiedere a titolo gratuito questi dettagli in bolletta?
    • paulatz scrive:
      Re: Questo significa
      - Scritto da: Anonimo
      che da domani è possibile richiedere
      a titolo gratuito questi dettagli in
      bolletta?In un paese civile, sì.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questo significa
      Non penso che sarà così immediato:probabilmente servirà il parere del garante,la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale...Non so se la Corte di Giustizia faccia automaticamente legge con le sue sentenze.
      • Anonimo scrive:
        Re: Questo significa
        Anni fa questo servizio veniva già fornito gratuitamente ed a richiesta.Quanto alla privaci qua non centra proprio nulla.Penso di aver diritto ad avere elencate le chiamate che partono dal MIO telefono fisso e che si suppone io conosca già, quindi il problema proprio non si pone.
        • Anonimo scrive:
          Re: Questo significa
          - Scritto da: Anonimo
          Anni fa questo servizio veniva già
          fornito gratuitamente ed a richiesta.

          Quanto alla privaci qua non centra proprio
          nulla.

          Penso di aver diritto ad avere elencate le
          chiamate che partono dal MIO telefono fisso
          e che si suppone io conosca già,
          quindi il problema proprio non si pone.Se non fosse che TUO e' l'apparecchio telefonico (sempre se non ce l'hai in comodato) e il contratto stipulato con chi ti fornisce il servizio: PUNTO. Il traffico leggittimi generato su quella linea, ad esempio quello di un membro della stessa famiglia o di un conoscente che ti ha chiesto di utilizzare il telefono, non e' e non deve essere affare tuo. Se fosse vero quello che dici (cioe' che la linea e' tua e ci puoi fare cio' che vuoi) potresti anche "origliare" le telefonate che ci transitano, ma cosi' non e': la legge lo vieta ...se ad esempio installi un registratore sulla "tua" linea telefonica e scopri che tua moglie ti mette le corna, lei puo' denunciarti e ad avere pure ragione (per la serie cornuto e mazziato).Potrei capire il dettaglio delle chiamate di una linea "personale" (ad esempio quella di un cellulare) ma non di un apparecchio telefonico che puo' essere potenzialmente a disposizione di piu' persone, persone che hanno il DIRITTO alla propria privacy, ANCHE in ambito familiare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Questo significa
            - Scritto da: Anonimo
            Se non fosse che TUO e' l'apparecchio
            telefonico (sempre se non ce l'hai in
            comodato) e il contratto stipulato con chi
            ti fornisce il servizio: PUNTO. Il traffico
            leggittimi generato su quella linea, ad
            esempio quello di un membro della stessa
            famiglia o di un conoscente che ti ha
            chiesto di utilizzare il telefono, non e' e
            non deve essere affare tuoVivo solo e gli amici hanno tutti il cellulare e non vengono a casa mia a fare telefonate. Scrivo una liberatoria aTelecom in cui autorizzo la societa' a recapitarmi il dettaglio completo sollevando Telecom da ogni responsabilita'.Adesso posso avere il dettaglio chiamate senza asterischi?Se fosse vero
            quello che dici (cioe' che la linea e' tua e
            ci puoi fare cio' che vuoiLui non ha detto che ci puo' fare quello che vuole. Ha detto "Penso di aver diritto ad avere elencate le chiamate che partono dal MIO telefono". E' diverso non trovi?
            fissopotresti anche
            "origliare" le telefonate che ci transitano,
            ma cosi' non e': la legge lo vietaMa infatti non e' questo che si contesta a telecom, nessun vuole origliare, si desidera avere il proprio dettaglio chiamate senza asterischi. Non partire per la tangente....se ad
            esempio installi un registratore sulla "tua"
            linea telefonica e scopri che tua moglie ti
            mette le corna, lei puo' denunciarti e ad
            avere pure ragione (per la serie cornuto e
            mazziato).
            Potrei capire il dettaglio delle chiamate di
            una linea "personale" (ad esempio quella di
            un cellulare) Perche', un telefono cellulare e' intestato ad una persona e la linea fissa di casa pensi di no? E' intestata ad una famiglia secondo te?Entrambi sono intestati ad una persona fisica.Quindi anche la linea di casa intesta a me e' "personale" come dici.Viceversa il cellulare potrebbe essere usato come tu supponi possa esserlo una linea fissa, anzi e' piu' probabile vista la mobilita' permessada un telefonino. Per esempio un membro della mia famiglia potrebbe utilizzarlo oppure un conoscente mi potrebbe chiedere di fare una chiamata. Allora in questo caso come la penseresti, andrebbero omessi i numeri delle chiamate in fattura anche dei cellulari?Io dico invece, lasciamo che sia il cliente a scegliere: io, single senza amici, intestatario di una linea fissa personale ad uso privato, installata in una proprieta' privata, voglio il dettaglio chiamate senza asterischi, sotto la mia esplicita richiesta scritta e responsabilita' penale e civile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Questo significa


            persone che hanno il DIRITTO alla propria

            privacy, ANCHE in ambito familiare.Guarda che, ragionevolmente, la corte europea ha detto che no, i numeri vanno riportati, punto.Se non vuoi che i tuooi sappiano he chiami il sito porno, fatti un cellulare per conto tuo..
          • Anonimo scrive:
            Re: Questo significa
            - Scritto da: Anonimo
            Se non fosse che TUO e' l'apparecchio
            telefonico (sempre se non ce l'hai in
            comodato) e il contratto stipulato con chi
            ti fornisce il servizio: PUNTO. Il traffico
            leggittimi generato su quella linea, ad
            esempio quello di un membro della stessa
            famiglia o di un conoscente che ti ha
            chiesto di utilizzare il telefono, non e' e
            non deve essere affare tuo. Frega niente: io sono l'intestatario del contratto e l'uso dell'apparecchio telefonico rientra sotto la mia responsabilita'.Tu hai bisogno di telefonare dal mio apparecchio? Benissimo! Ti concedo la telefonata a patto che tu mi autorizzi al trattamento del dato personale (il numero che stai chiamando, la durata della conversazione, etc...)Nel momento in cui accetti queste condizioni, ti faccio telefonare dal mio apparecchio.Se non ti sta bene, usa il tuo maledetto cellulare!
            Se fosse vero
            quello che dici (cioe' che la linea e' tua e
            ci puoi fare cio' che vuoi) potresti anche
            "origliare" le telefonate che ci transitano,
            ma cosi' non e': la legge lo vieta ...se ad
            esempio installi un registratore sulla "tua"
            linea telefonica e scopri che tua moglie ti
            mette le corna, lei puo' denunciarti e ad
            avere pure ragione (per la serie cornuto e
            mazziato).Se lo facessi di nascosto.Ma nel momento in cui la cosa e' palese, evidente e pure descritta da un bel cartello: "Attenzione: il telefono e' monitorato", tu non puoi proprio fare niente. E' un mio diritto registrare le conversazioni per tutelarmi nel caso in cui qualcuno utilizzasse il mio telefono a mia insaputa per fini poco leciti.
            Potrei capire il dettaglio delle chiamate di
            una linea "personale" (ad esempio quella di
            un cellulare) ma non di un apparecchio
            telefonico che puo' essere potenzialmente a
            disposizione di piu' persone, persone che
            hanno il DIRITTO alla propria privacy, ANCHE
            in ambito familiare.Io invece non lo capisco per niente.Io pago la bolletta, io pretendo di sapere come vengono spesi i soldi che pago.
          • Anonimo scrive:
            Re: Questo significa
            - Scritto da: Anonimo
            Potrei capire il dettaglio delle chiamate di
            una linea "personale" (ad esempio quella di
            un cellulare) ma non di un apparecchio
            telefonico che puo' essere potenzialmente a
            disposizione di piu' persone, persone che
            hanno il DIRITTO alla propria privacy, ANCHE
            in ambito familiare.Se una persona non vuole far sapere a chi sta telefonando non fa altro che effettuare la chiamata dal telefono di casa sua e non da quello degli altri. Se un mio amico mi chiede di fare una telefonata dal mio telefono fisso è consapevole del fatto che tale numero (con le relative informazioni tipo durata, costo, ecc) comparirà sul mio dettaglio chiamate. E' libero quindi di non effettuarla.Ciauz!
          • Anonimo scrive:
            Dettagli...
            Qualche giorno fa' un cristiano e' finito in galera dieci giorni perche' ha inconsapevolmente chiesto in prestito un cellulare ad un trafficante di droga per chiamare la mamma.Morale:-chiamare da telefoni altrui e' pericoloso o quantomeno veicolo di sfighe.-guarda te come privacy ed imbecillity si sovrappongono....Se qualcuno puo' rompere i grossi coli lo fara' (confucio)Osso di Seppia
    • Anonimo scrive:
      no,ci vuole tempo
      no, non ha il potere di legiferare. Tutto deve essere rimandato alla competente commissione EU e poi recepito dai governi nazionali mediante appositi strumenti applicativi.Passeranno ancora mesi se non un annetto.
      • Anonimo scrive:
        Re: no,ci vuole tempo
        - Scritto da: Anonimo
        no, non ha il potere di legiferare.
        Tutto deve essere rimandato alla competente
        commissione EU e poi recepito dai governi
        nazionali mediante appositi strumenti
        applicativi.
        Passeranno ancora mesi se non un annetto.Elezioni e altre amenità, che sicurammnte verranno inventate, permettendo.....:s
    • Anonimo scrive:
      Da anni e gratuito!
      Se lo paghi gli hai dato soldi intutilmente.
Chiudi i commenti