Lenovo, gli USA indagano sui PC cinesi

Le autorità statunitensi temono che l'acquisto in massa di computer cinesi per le agenzie governative sia un rischio. I cinesi - dicono - potrebbero aver truccato l'hardware


Washington (USA) – I computer Lenovo piacciono al Governo americano ma sono sistemi costruiti da una società cinese, che ha rilevato l’anno scorso la divisione PC di IBM, e questo sta sollevando molte inquietudini . C’è infatti chi teme che i computer acquistati dall’amministrazione statunitense possano contenere una… sorpresa.

A lanciare l’allarme è la USCC , la US-China Economic and Security Review Commission , in pratica l’organismo che sovraintende in modo specifico alle relazioni bilaterali USA-Cina per quanto riguarda la sicurezza: i suoi esperti hanno puntato i riflettori sui 15mila computer Lenovo al centro di un contratto di fornitura firmato dal Dipartimento di Stato.

Alcuni esponenti della speciale Commissione ritengono infatti che questo genere di contratto per il governo di Pechino potrebbe rappresentare un’occasione “enorme”, in quanto attraverso le macchine piazzate nell’amministrazione statunitense consentirebbe di dar vita ad una efficace operazione di intelligence su vasta scala.

USCC ha quindi auspicato che le autorità statunitensi diano inizio ad una indagine su quei computer. “Se sei un servizio di intelligence straniero e sai che un’agenzia federale americana acquista 15mila computer da una società (del tuo paese, ndr.) – ha dichiarato il presidente di USCC Larry Wortzel – non vedresti in questo la possibilità di sfruttare la cosa?”

Al momento da Pechino non sono giunte reazioni governative alla presa di posizione americana. Lenovo però ha avanzato il dubbio che questo genere di insinuazioni possano portare ad una discriminazione dell’azienda nelle future commesse del Governo americano.

Un rappresentante di Lenovo ha poi spiegato che la società non ha “nulla da nascondere”, sottolineando che i componenti principali dei computer di Lenovo sono costruiti a Taiwan, paese considerato alleato degli USA, e sono assemblati in impianti specializzati in North Carolina e in Messico.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Il CSM
    ci emme esse
  • Anonimo scrive:
    Re: Comunism system manager
    perchè la gente scrive senza leggere...Fatti un giro fra gli screenshot e vedi chi lo utilizza... Pax ChristiAntenne di Pace è un progetto dei Caschi Bianchi dell'Associazione Papa Giovanni XXIII...ecc...Per chi è troppo giovane e non si è mai documentato Peacelink, insieme ad altre associaizoni ha contribuito allo sviluppo di FidoNet e in maniera decisa all'uso della telematica e di Internet...ci sono altri forum per la campagna elettorale...
  • Anonimo scrive:
    Re: basta CMS!!
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    si tratta di Peacelink. Credo che tu non sei

    vissuto negli anni dell'italian crackdown, del

    giftsex, di fidonet e così via..

    No, perchè hai qualcosa da ridire in merito?perchè tutto questo veleno ?
  • Anonimo scrive:
    Re: basta CMS!!
    - Scritto da: Anonimo
    si tratta di Peacelink. Credo che tu non sei
    vissuto negli anni dell'italian crackdown, del
    giftsex, di fidonet e così via..No, perchè hai qualcosa da ridire in merito?
  • Anonimo scrive:
    Re: basta CMS!!
    si tratta di Peacelink. Credo che tu non sei vissuto negli anni dell'italian crackdown, del giftsex, di fidonet e così via..
  • Anonimo scrive:
    Re: basta CMS!!
    Questa è libertà! Esprimere nuove idee, nuovi modi di vedere anche le stesse cose è la base di tutto.Ciao MArco
  • Anonimo scrive:
    Il CSM
    Pensavo fosse un'altra cosa.
  • Anonimo scrive:
    basta CMS!!
    ce ne sono gia un miliardo, sarebbe piu' produttivo dedicarsi a migliorare queelli esistenti piuttosto che iniziare l'ennesimo progetto
Chiudi i commenti