Lenovo, quel che resta di Motorola

Lo storico marchio statunitense, a quasi due anni dall'acquisizione da parte dell'azienda cinese, si sintetizzerà nel semplice Moto. Il brand Motorola non figura sulle confezioni degli smartphone dal 2013

Roma – Motorola rimarrà un nome interno a Lenovo, per contraddistinguere la divisione dell’azienda acquisita da Google nel 2014, ma non rappresenterà più i dispositivi sul mercato: resteranno etichettati con lo storico logo dell’azienda nata negli States, ma saranno semplicemente denominati come “Moto”, dopo che il brand Motorola è già scomparso dal packaging a partire dal 2013.

Moto

A dichiararlo è il Chief Operating Officer di Motorola Mobility Rick Osterloh: “Lenovo progressivamente metterà da parte Motorola per concentrarsi su Moto”. Il brand, che caratterizza linee di prodotti già in circolazione, come Moto X, Moto G e Moto E, si affiancherà al logo dell’azienda cinese, intenzionata a identificare i dispositivi anche con il proprio marchio e così farsi largo nell’immaginario dei consumatori.

L’azienda ha precisato successivamente che i prodotti, dagli smartphone agli indossabili, saranno distribuiti con due brand: Moto contraddistinguerà la gamma high end, mentre Vibe sarà il marchio applicato ai dispositivi economici. Queste due direttrici si intersecheranno su mercati storicamente differenziati: i dispositivi Vibe saranno distribuiti anche negli USA, mentre i device Moto, che ora rappresentano il 5,3 per cento del mercato globale, verranno messi alla prova anche nel contesto asiatico.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ozonru scrive:
    pachiderma
    Secondo me M$ si è sempre mossa e si muove tuttora molto goffamente.Per questo continua ad avere difficoltà a siringarlo nel deretano degli utenti, mentre Apple l'ha fatto in maniera indolore e con eleganza tali che i suoi utenti credono addirittura di essere liberi nelle loro decisioni "informatiche".
Chiudi i commenti