Lenovo, tra prototipi ad effetto, tablet e PC

Il colosso cinese presenta nuovi gadget di tendenza, laptop e tablet "professionali", oltre a una partnership con Microsoft per integrare servizi di terze parti nella funzionalità di ricerca di Cortana

Roma – Approfittando del palco della propria conferenza Tech World 2015, Lenovo ha svelato due nuovi prototipi di gadget hi-tech dalle caratteristiche (più o meno) inedite e apparentemente quasi pronti per l’arrivo sul mercato. Si comincia con Magic View, smartwatch dotato non di uno bensì di due diversi display digitali.

Il secondo schermo di Magic View è posizionato sulla parte superiore del braccialetto (o direttamente sotto lo schermo principale), ed è in grado di produrre un’immagine “virtuale” che risulta 20 volte più larga di quella che dovrebbe essere. Una condizione ideale per leggere messaggi nel pieno rispetto della privacy, dice Lenovo.

Smart Cast, il secondo gadget della corporation cinese, è invece uno smartphone dotato di proiettore laser integrato grazie al quale è possibile proiettare immagini e video su un muro, una tastiera (QWERTY o musicale che sia) virtuale, su una scrivania e via elencando. Non si tratta di una novità assoluta, ma è una caratteristica piuttosto rara da trovare sui terminali in commercio.

Per quegli utenti che invece preferissero spendere denaro sui dispositivi informatici propriamente detti piuttosto che sui gadget di tendenza, Lenovo propone due nuovi laptop Windows dotati di hardware (Intel) di medio-alto profilo e la possibilità (Lenovo Z51) di acquistare una versione dotata di camera RealSense 3D .

La camera di Intel usa tre diverse lenti (videocamera a luce visibile, infrarossi e laser agli infrarossi) per misurare la profondità, fatto che permette di “leggere” i comandi gestuali virtuali dell’utente o anche di scansionare un oggetto tridimensionale per applicazioni di stampa 3D. Il costo aggiuntivo di RealSense 3D è di 100 dollari, e l’upgrade a Windows 10 è ovviamente gratuito per il primo anno.

Altra novità Intel riguarda poi il settore tablet con la seconda generazione di ThinkPad 10 , tablet “business” da 10 pollici, SoC Intel Atom e Windows 10 con in più una stilo capace di convertire la scrittura a mano in testo digitale tramite software WriteIt.

Le ultime novità provenienti dal Tech World 2015 comprendono infine Lenovo Cast , il primo dispositivo per lo streaming multimediale su TV-set, e il servizio REACHit per integrare i servizi cloud di terze parti (Dropbox, Google Drive, Box) nella funzionalità di ricerca file a disposizione dell’assistente digitale Cortana (Windows 10).

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    cavillo molto interessante
    a me sembra perfettamente usabile anche contro lo spamtracking di FB,twitter & affini*, piazzati ovunque, per i quali io non ho mai sottoscritto policy e accettato TOS in merito... * anzi, vedendola in modo rigido, si puo' allargare a tutti gli adsserver...
    • ... scrive:
      Re: cavillo molto interessante
      Alla faccia del 'cavillo': chi non si è registrato e ha pigiato su 'accetto' non ha firmato, neppure lontanamente, alcun contratto.Più che un cavillo è un'autoevidenza
      • Ben10 scrive:
        Re: cavillo molto interessante
        Ma anche chi pigia su 'accetto' non ha mai firmato un bel niente 8)
        • ... scrive:
          Re: cavillo molto interessante
          - Scritto da: Ben10
          Ma anche chi pigia su 'accetto' non ha mai
          firmato un bel niente
          8)Anche.Ma per devi andare in tribunale e sperare che il giudice sia della stessa opinione (fatto non ovvio).Invece se non hai accettato nulla, vinci facile come certi avvocati italiani quando gli fanno le leggi ad hoc sotto alle scarpe
        • Enrico scrive:
          Re: cavillo molto interessante
          Quando pigi su accetto è come se firmassi...
          • 6 giaguar scrive:
            Re: cavillo molto interessante
            - Scritto da: Enrico
            Quando pigi su accetto è come se firmassi...(rotfl)(rotfl)Sissì lo ha detto anche mio cuggino che fa il giudice.... :D
          • panda rossa scrive:
            Re: cavillo molto interessante
            - Scritto da: 6 giaguar
            - Scritto da: Enrico

            Quando pigi su accetto è come se firmassi...
            (rotfl)(rotfl)
            Sissì lo ha detto anche mio cuggino che fa il
            giudice....
            :DA me lo ha detto Leguleio!
  • Doom scrive:
    Italia
    non dimentichiamoceloLa libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.
  • prova123 scrive:
    Il problema si risolve banalmente
    è sufficiente creare un file vuoto di un centinaio di gigabyte e lo si comprime in formato zip o 7z diventando così estremamente piccolo. Ad ogni mail si allega il file compresso che per dimensioni risulta piccolo ma quando viene espanso ... sorpresa!In questo modo se lo ISP si comporta correttamente non ci sono problemi di sorta, ma se lo ISP non si fa i fatti suoi si troverà yottabyte da espandere e analizzare. Con gli ISP UK è sufficiente assegnare al file il nome di pornodive, loro sono molto presi dall'argomento. :D
    • ... scrive:
      Re: Il problema si risolve banalmente
      - Scritto da: prova123
      è sufficiente creare un file vuoto di un
      centinaio di gigabyte e lo si comprime in formato
      zip o 7z diventando così estremamente piccolo.esiste da tempo, si chiama 42.zip e si espande a 4,5 PETA bytehttp://www.unforgettable.dk/peccato che i bot che fanno parsing sanno quanto grande diventa il file espanso prima di aprirlo e hanno ovviamente un limite oltre il quale non operano.E naturalmente non fanno due volte lo stesso lavoro, se l'hash del file che alleghi è già in loro possesso, ti associano i flag semantici relativi senza doverlo aprire.Inoltre quando scarichi allegati grossi zippati i vari cloud ti avvertono che non hanno potuto analizzarli alla ricerca di malware perché troppo grossi (poi bisogna vedere se per spiarti sono disposti a faticare di più, ma non avrebbe senso, gli verrebbe gratis anche il servizio di 'antimalware').Comunque, nel mio piccolo, sapendo che tutte le email vengono scansionate alla ricerca di parole chiave ho accodato il testo di tipo 1000 libri (quelli di pubblico dominio) e ho salvato nei drafts.Su quell'account sono sicuramente scattati tutti i flag possibili (anche opposti fra loro).Se facessimo tutti così, ognuno di noi avrebbe associati tutti i flag ('estremista', 'hacker', 'destroide', 'sinistroide', 'cristiano', 'musulmano', ... ) e di conseguenza l'informazione data dai flag agli spioni sarebbe di fatto nulla.
      • prova123 scrive:
        Re: Il problema si risolve banalmente
        - Scritto da: ...

        peccato che i bot che fanno parsing sanno quanto
        grande diventa il file espanso prima di aprirlo e
        hanno ovviamente un limite oltre il quale non
        operano.Parsing con quanti livelli di ricorsività ?
        • ... scrive:
          Re: Il problema si risolve banalmente
          - Scritto da: prova123
          Parsing con quanti livelli di ricorsività ?livelli mi pare 2 o 3 a seconda del cloud (per verificare basta mettere un malware, quando smette di rilevarlo hai raggiunto il limite), poi, come detto, ci sono limiti alle dimensioni decompresse: oltre non analizzano il contenuto.In ogni caso nulla impedisce loro di flaggare come sospetta a prescindere e passare il tutto ad altri spioni più determinati.
          • prova123 scrive:
            Re: Il problema si risolve banalmente
            Allora diciamo che è sufficiente comprimere 5 volte il documento che si vuole inviare e così non verrà analizzato.
          • ... scrive:
            Re: Il problema si risolve banalmente
            - Scritto da: prova123
            Allora diciamo che è sufficiente comprimere 5
            volte il documento che si vuole inviare e così
            non verrà
            analizzato.sì, come detto, non lo sarà dal cloud, ma è possibile che a furia di flag 'sospetto' poi ti fanno un'analisi personalizzata quelli di Noi Spiamo Aprescindere
          • ... scrive:
            Re: Il problema si risolve banalmente
            - Scritto da: ...
            sì, come detto, non lo sarà dal cloud, ma è
            possibile che a furia di flag 'sospetto' poi ti
            fanno un'analisi personalizzata quelli di Noi
            Spiamo
            Aprescindereah, e, per inciso, fai meno fatica a crittografare l'allegato piuttosto che comprimerlo 5 volte.
          • prova123 scrive:
            Re: Il problema si risolve banalmente
            Era solo un ragionamento per capire. Infatti metto il documento in un volume truecrypt e finisce lì. Al più lo annego in una foto.
      • ... scrive:
        Re: Il problema si risolve banalmente
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: prova123

        è sufficiente creare un file vuoto di un

        centinaio di gigabyte e lo si comprime in
        formato

        zip o 7z diventando così estremamente
        piccolo.

        esiste da tempo, si chiama 42.zip e si espande a
        4,5 PETA
        byte
        http://www.unforgettable.dk/


        peccato che i bot che fanno parsing sanno quanto
        grande diventa il file espanso prima di aprirlo e
        hanno ovviamente un limite oltre il quale non
        operano.
        E naturalmente non fanno due volte lo stesso
        lavoro, se l'hash del file che alleghi è già in
        loro possesso, ti associano i flag semantici
        relativi senza doverlo
        aprire.

        Inoltre quando scarichi allegati grossi zippati i
        vari cloud ti avvertono che non hanno potuto
        analizzarli alla ricerca di malware perché troppo
        grossi (poi bisogna vedere se per spiarti sono
        disposti a faticare di più, ma non avrebbe senso,
        gli verrebbe gratis anche il servizio di
        'antimalware').

        Comunque, nel mio piccolo, sapendo che tutte le
        email vengono scansionate alla ricerca di parole
        chiave ho accodato il testo di tipo 1000 libri
        (quelli di pubblico dominio) e ho salvato nei
        drafts.

        Su quell'account sono sicuramente scattati tutti
        i flag possibili (anche opposti fra
        loro).
        Se facessimo tutti così, ognuno di noi avrebbe
        associati tutti i flag ('estremista', 'hacker',
        'destroide', 'sinistroide', 'cristiano',
        'musulmano', ... ) e di conseguenza
        l'informazione data dai flag agli spioni sarebbe
        di fatto
        nulla.ci sto!hai una pagina web che spiega? occorrerebbe tutti usare gli stessi testi.ma unaco sapi ufaci lede lti pospez zarelepa roleeri compo rle comehoap penafa tto?
        • ... scrive:
          Re: Il problema si risolve banalmente
          - Scritto da: ...
          hai una pagina web che spiega? occorrerebbe tutti
          usare gli stessi
          testi.in realtà è meglio usarli diversi perché sicuramente fanno l'hash del messaggio, e se tutti l'hanno uguale:1) evitano di fare il parsing (invece è bello che usino le loro CPU per fare il parsing di ogni parola e sprechino pure tempo con algoritmi piùcomplessi per generare tag semantici).2) lo prendono per spam/joke/minchiata virale e finisce che non lo 'contano' più.
          ma unaco sapi ufaci lede lti pospez zarelepa
          roleeri compo rle comehoap penafa
          tto?sì, ma a parte gli aggiustamenti automatici che fa anche il motore di google per correggerti, c'è il problema che difficilmente scrivi così ad un generico interlocutore.Se invece scrivi ad un amico anche lievemente capace fai prima ad usare la crittografia lato client.comunque quello che ho fatto è davvero facile: prendi i più grandi volumi di pubblico dominio in formato txt, fai uno script che te li accodaes: copy 1.txt 2.txt ....
          librone.txtin linux usi "cat" al posto di "copy"apri librone.txt con notepad o simili, selezioni tutto, copia e poi incolli in nuovo messaggio in yahoo, gmail, quello che vuoi.non hai bisogno di spedirlo, pigi su "salva draft" e il tutto finisce sui loro server... e buona lettura a loro.
Chiudi i commenti