Libero.it condannato per i video di Mediaset

Dopo YouTube, RTI riesce a far condannare anche il portale nostrano. Che non riesce a far valere i suoi diritti da service provider. In Italia tutti responsabili dei video altrui?

Roma – Il Tribunale di Milano ha condannato per violazione di diritto d’autore Italia on line (IOL) SRL (ai più nota come Libero.it ), chiamata sul banco degli imputati da Reti Televisive Italiane (RTI), azienda in rappresentanza del gruppo Mediaset che ha reso nota la nuova sentenza favorevole con un comunicato .

IOL, provider confluito in Wind e ora scorporato dal gruppo Vimpelcom ma rimasto di proprietà Sawiris, in quando titolare del Portale IOL che consente la condivisione di contenuti audio/video inviati dagli utenti, è ritenuta responsabile dell’illecita presenza su questa piattaforma di almeno un migliaio di filmati di proprietà del ricorrente RTI, relativi alle trasmissione televisive Grande Fratello , Cesaroni e Amici .

La colpa di IOL si sarebbe concretizzata, in particolare, con l’introduzione di link pubblicitari (e quindi remunerati) nelle pagine contenenti i filmati in violazione della proprietà intellettuale della convenuta e nel momento in cui, in seguito alle diffide di RTI, non ha preso alcuna iniziativa per rimuovere i contenuti denunciati: in questo modo, si legge nella sentenza, “sarebbe stata dolosamente inadempiente agli obblighi di diligenza su di essa incombenti pur avendo avuto contezza del contenuto illecito di materiali inviati da utenti”.

Per questo non potrebbe godere del principio di non responsabilità in qualità di mero Service Provider , che si limita alla mancanza di obblighi di controlli preventivi sui contenuti.

In realtà, peraltro, IOL si difendeva affermando che pur avendo previsto un sistema ad hoc di notifica, RTI si sarebbe limitata ad una “generica diffida” in base alla quale sarebbe stato “impossibile identificare gli specifici filmati contestati in ragione dell’enorme numero di video inviati quotidianamente dagli utenti”. Tutte le domande ed eccezioni sollevate dalla difesa, tuttavia, sono state respinte .

La sentenza prescrive l’interruzione delle pratiche trovate in violazione, la rimozione dai server e la conseguente disabilitazione dell’accesso di tutti i file audiovisivi riproducenti le trasmissioni televisive di RTI, e prevede una penale di “250 euro per ogni video e per ogni giorni di illecito”. La causa proseguirà per la quantificazione dei danni dovuti al gruppo televisivo, che chiede 100 milioni di euro .

Mediaset ha dichiarato che ”tale decisione, ribadendo un fondamentale principio di diritto, contribuisce a rafforzare la tutela di tutti gli editori che investono nella produzione di contenuti originali e negli autori che li generano” e “consolida la giurisprudenza inaugurata dal tribunale di Roma nei confronti di Google/Youtube” in particolare nel momento in cui stabilisce la “diretta responsabilità dei provider in caso di diffusione non autorizzata di contenuti protetti da copyright”.

Mediaset, infatti, aveva già ottenuto una vittoria importante in Italia nei confronti di YouTube nel 2008, mentre la sua succursale spagnola Telecinco non si è vista dare ragione da un giudice di Madrid.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Otaria morta scrive:
    Numero
    Il numero, per chi non lo capisse, è 614-5859732 :-D
  • ciccio quanta ciccia scrive:
    italia.it
    Ora li chiamo e faccio abbattere italia.it... o ruppolo.com? ;) No dai... in entrambi i casi è come sparare sulla crocerossa (rotfl)
  • bubba scrive:
    614 LULZSEC
    uauaua.. sta cosa mi ricorda i vecchi tempi... di blueboxing, di hacking al trunking system della general electric o affini, di VMB "prese in prestito", di conference call ecc... adesso e' tutto + "divertente" visto che esiste il VoIP e una forte deregulation dei sistemi telefonici..Cmq e' sempre un po' un azzardo :)
  • collione scrive:
    ma chi???
    la stessa Malesia che ha speso 600.000$ per creare 6 pagine su facebook?visti i recenti avvenimenti mi viene da dire lulz :D
Chiudi i commenti