Licenze Android, Samsung e Microsoft fanno pace

Chiuso lo scontro contrattuale tra le due, un fronte aperto dopo l'acquisizione di Nokia: i brevetti che Redmond ritiene violati da Android continuano a fruttare bene

Roma – Microsoft e Samsung hanno raggiunto un accordo che chiude la vicenda che le vedeva contrapposte da qualche mese per il mancato rispetto di un accordo di cross licensing firmato dalle parti nel 2011.

Tale contratto rientra in parte in quel filone d’oro che permette a Redmond di guadagnare sulla distribuzione di device Android: in forza di una serie di suoi brevetti con cui afferma di poter rivendicare per sé tecnologie adottate dal sistema operativo di Google, Microsoft è riuscita a stringere 28 accordi di licensing con oltre il 70 per cento dei produttori di dispositivi con sistemi operativi mobile di Google, tra cui Pegatron, HTC, Acer e Viewsonic. I termini di tali accordi rimangono riservati ma secondo le indiscrezioni prevedono una quota da corrispondere a Microsoft per ogni device prodotto. L’ultimo, in ordine di tempo, risale a quasi un anno fa ed è stato sottoscritto da Dell per coprire alcune tecnologie che Redmond riteneva impiegate (senza permesso) dai suoi dispositivi che montano Chrome OS ed Android.

Samsung, invece, prima ha evitato la battaglia legale con un accordo di cross-licensing risalente al 2011, ma poi, in seguito all’acquisizione di Nokia da parte di Redmond ha messo in discussione i nuovi equilibri del settore: secondo Microsoft l’accordo originale non coprirebbe Nokia, che sarebbe libera di raccogliere royalty da Samsung, mentre quest’ultima non potrebbe pretendere alcunché dalla produzione dei dispositivi legati a Nokia, mentre la coreana avrebbe voluto che i diritti di cross-licensing fossero estesi anche alle tecnologie della casa finlandese.

In forza di questo, Samsung aveva iniziato a non pagare quanto previsto a Redmond e si era rivolta ad un giudice chiedendo la possibilità di terminare la collaborazione commerciale e l’accordo brevettuale in forza delle sezioni 9.7 e 9.8 del contratto in oggetto, paventando l’ipotesi che dopo l’acquisto di Nokia l’accordo in oggetto avrebbe potuto causare problemi al mercato, determinando la necessaria valutazione di questioni antitrust.

Microsoft, da parte sua, aveva trascinato subito Samsung in Tribunale per inadempienza contrattuale.

I termini cui le due sono ora giunte ad un accordo rimangono riservati, ma in ballo c’erano 6,9 milioni di dollari che Redmond contestava alla coreana.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gianlore scrive:
    mi sembra giusto
    E si si.... invece di perseguire corrotti corrutori evasori truffatori mafia camorra etc etc perseguono chi copia un film... andiamo davvero bene!!!!
  • hahahahahah ahahahahah aha scrive:
    http://kickass.hid.im/
    http://kickass.hid.im/
  • pianeta kebab scrive:
    Certo che sono preoccupato
    Dalla terribile efficacia di tali misure. :D
  • Pianeta Video scrive:
    ...
    Gioite gioite, i domini sono stati abbattuti, e gli scarriconi ora sono fot*uti. @^
    • pianeta kebab scrive:
      Re: ...
      Certo o! Tu non hai fame ?Uno spuntino coca e Ke babbo?
    • Funz scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Pianeta Video <i
      Il kebab è originario dell'oriente ed il suo nome è persiano; la tradizione araba dice che il piatto sia nato nel medioevo e cucinato dai militi persiani che usavano le proprie spade per grigliare la carne. In India veniva invece consumato nei palazzi signorili, ma anche le persone comuni lo mangiavano a colazione. Il suo consumo è citato nelle opere di Omero ed attesta la sua presenza anche in Grecia. Vediamo quindi, con questa guida, come preparare un ottimo kebab in casa.Assicurati di avere a portata di mano: Per il pane: 500 g di farina; 300 ml di acqua; 5 g di olio extra vergine di oliva; mezzo cubetto di lievito di birra; 1 cucchiaino di sale. Per il ripieno: 1 kg di agnello o pollo; 1 cucchiaio di coriandolo; 2 cucchiai di cumino; noce moscata q.b.: tre bacche di cardomomo; 1 spicchio d'aglio; mezzo bicchiere di aceto bianco; 1 bicchiere di vino bianco; pepe; sale; 1 pomodoro maturo; 1 peperone rosso, 5 cipolle. Per la salsa Tahine scura: 100 g di sesamo; 50 g di olio di girasole; 50 g di acqua; sale q.b.1 Come preparare il kebab in casa Prima di tutto preparate il pane da farcire, poi, con il ripieno. Mescolate la farina, l'acqua, l'olio extra vergine di oliva, un cucchiaio di sale e mezzo cubetto di lievito di birra in una terrina capiente e, dopo averlo impastato con le mani, formate una palla con l'impasto e lasciatelo lievitare per circa un'ora in un luogo caldo. Quando sarà raddoppiato in volume riprendete l'impasto, dividetelo in 10 palline e lasciate nuovamente lievitare per circa mezz'ora. Con l'aiuto di un piccolo mattarello, stendete le palline in modo da ottenere sfoglie sottili, e cuocetele in un tegame antiaderente molto caldo, lasciandole solo un minuto per parte.Potete anche cuocerle in forno a 200°C per due o tre minuti.2 Passate quindi alla carne, fondamentale per preparare un buon kebab. Questa deve essere lasciata a marinare per alcune ore con le spezie, dopo essere stata tagliata in piccoli pezzi, coperta da una pellicola in frigorifero. Dopo aver scolato il tutto e conservato il liquido in cui era immersa la carne per il kebab, portate il forno ad una temperatura di 200°C e ponetevi la carne marinata, il pomodoro a cubetti, il peperone e le cipolle sminuzzate in una carta stagnola. Prima di iniziare la cottura, arrotolate il tutto per bene in modo che sia sigillato, avendo cura di mettere nel fondo un foglio di carta da forno. Solo adesso potete iniziare a cuocere il kebab per circa trenta minuti.3 Togliete, a questo punto, la carta stagnola e riponete tutto nella teglia sopra la carta da forno, continuando la cottura per altri 20 minuti nel ripiano più alto e con il grill acceso. La carne sarà quindi pronta all'uso. Approfondimento Come preparare il kebab al cioccolato (clicca qui) Ora per completare il kebab, bisogna preparare la salsa con cui guarnire il kebab: la salsa tahina scura.. 4 Spadellate i semi di sesamo continuando a muoverli in una teglia antiaderente e, quando iniziano a scoppiettare, togliete la padella dal fuoco e lasciate raffreddare muovendoli finché non saranno freddi. Mettete in un frullatore, meglio se ad immersione, il sale, una parte di acqua, l'olio extravergine di oliva ed i nostri semini e frullate il tutto. Per ottenere la densità desiderata, diluite la salsa con dell'acqua.5 Ora che avete preparato tutti gli ingredienti prendete il pane, farcitelo con una foglia di insalata, la carne e la salsa tahine scura. Il kebab è pronto ma potete completarlo come preferite aggiungendo altri ingredienti a seconda del vostro gusto, come yogurt o formaggio greco fuso o altro ancora. Terminata l'aggiunta di ingredienti, arrotolate il panino al kebab in una carta stagnola e servitelo!Non dimenticare mai: Per ottenere la densità desiderata della salsa, diluitela con dell'acqua. Invece della carne di agnello, potete utilizzare quella di pollo se il sapore è più gradito. </i
    • Vincenzo scrive:
      Re: ...
      Credo proprio di no. Esistono tanti modi per bypassare questo tipo di blocchi, e comunque non potranno mai dire di aver fermato la pirateria chiudendo un solo sito di torrent.
  • fred scrive:
    dns indipendenti
    Uso i dns di opennic; oltra ad avere dei tlc supplementari a disposizione , es .pirate , di norma non aderiscono a certi blocchi/sequestri dei siti piu' famosi che piazzano su una lista privata.
  • Fefe scrive:
    nessuno fermerà la pirateria. mai.
    http://kickass.hid.im/
    • MESCAL. scrive:
      Re: nessuno fermerà la pirateria. mai.
      Ottimo!Aggiorno subito i miei link...
      • il login lo faccio dopo scrive:
        Re: nessuno fermerà la pirateria. mai.
        il controllo della copia è norma fuorileggenessuna legge ha mai potuto impedire la copia del pubblicatoné c'è mai statala Civiltà stessaoltre la conservazione della speciesono dipese in molta parte dalla capacità di copiare il conosciutoe quella norma dipende da accordi tra privaticommercialirisalenti all'invenzione della stampae che non hanno mai vietato la possibilità di copiare con mezzi propriné potevano farloriguardava solo la vendita delle copie di stampacol digitale sì è superato l'assurdoperché addirittura la copia è innumerabile!e copiare è diventato banalei sistemi informatici dipendono per costituzione dalla capacità di copia!né impedire la copia è il solo modello di bissinise come modello è basato sulla protezione della copia di innumerevoli copie?su sistemi basati sulla copia?con clienti che hanno quei sistemi a casa?e concorrenti che fanno invece copiare senza freni?senza contare che quei sistemi sono pure tutti collegati!
    • bubba scrive:
      Re: nessuno fermerà la pirateria. mai.
      - Scritto da: Fefe
      http://kickass.hid.im/a parte che c'e' scritto di andare su kickass.to, ma esiste la pirateria dei file torrent ? e chi sarebbe il licenziatario violato ?
    • Sg@bbio scrive:
      Re: nessuno fermerà la pirateria. mai.
      Certo che questi provvedimenti funzionano cosi bene...
    • hahahahahah ahahahahah aha scrive:
      Re: nessuno fermerà la pirateria. mai.
      https://kickass.unblocked.pw/
Chiudi i commenti