LiFi, comunicazioni ottiche a oltre 100 Gigabit

Ricercatori britannici lavorano a un sistema di comunicazioni wireless basato sulla luce invece che sulle onde radio, un sistema già oggi in grado di fornire performance fuori scala

Roma – Gli esperti della Oxford University sono riusciti a trasmettere più di 100 Gigabit al secondo su una rete senza fili a corta distanza, una tecnologia che diversamente dall’onnipresente WiFi fa uso delle onde luminose al posto di quelle radio.

L’approccio dei ricercatori britannici al cosiddetto Li-Fi sostituisce l’uso della luce visibile con quello delle onde infrarosse, trasmesse su una lunghezza d’onda di 1.550 nanometri: per meglio focalizzare le trasmissioni, gli studiosi hanno utilizzato un sistema di cristalli liquidi come “guida” dei fasci luminosi che tenderebbero altrimenti a disperdersi.

Il setup così composto assomiglia molto alla diffrazione programmata ottenibile con un comune proiettore, spiegano i ricercatori, mentre le performance della trasmissione dei dati dipende molto dall’angolo di visione della stazione ricevente.

Le varie lunghezze d’onda possono associarsi in una trasmissione in multiplexing , dicono gli esperti britannici: con un angolo di 36 gradi è possibile sfruttare tre diverse lunghezze d’onda, mentre con uno da 60 gradi le lunghezze d’onda utilizzabili arrivano a sei.

Con tre canali il sistema è in grado di trasmettere dati a una velocità di 112 Gbps, mentre con sei si arriva a 224 Gbps: in teoria un sistema ottico wireless agli infrarossi potrebbe raggiungere data rate da ben 3 Terabit al secondo, sostengono i ricercatori britannici, e già oggi, con una tecnologia che limita la distanza tra trasmittente e ricevente a un massimo di tre metri, è possibile sviluppare sistemi di comunicazione iper-veloci.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bancai scrive:
    quindi prima di fidarsi....
    ... per qualcosa d'importante, bisogna fare attenzione alla piattaforma che si sceglie. google è famosa per i servizi che chiude in fretta e per le api che rompe
    • Utente scrive:
      Re: quindi prima di fidarsi....
      - Scritto da: bancai
      ... per qualcosa d'importante, bisogna fare
      attenzione alla piattaforma che si sceglie.


      google è famosa per i servizi che chiude in
      fretta e per le api che
      rompeOk allora tu non usare più google per fare ricerche,così sei costretto a farle a mano hihihihihihih ;-P
Chiudi i commenti