Lily Allen si brucia sul copyright

L'artista britannica denuncia le violazioni del diritto d'autore e se ne rende al contempo protagonista. Il dibattito la inghiotte, e in un sol colpo cancella blog antipirateria e carriera musicale

Roma – Magari le sue intenzioni erano buone, ma il risultato è stato una debacle: la musicista Lily Allen è entrata di peso nel furente dibattito sulle disconnessioni dei condivisori del file sharing in corso nel Regno Unito, finendo per giocare il ruolo dell’elefante in una cristalleria.

Il caso nasce dalle dichiarazioni di supporto di Allen alla politica del governo britannico, propenso a importare la dottrina Sarkozy nel Regno Unito stabilendo per legge l’obbligo di disconnessione per i downloader impenitenti. Alle dichiarazioni è seguito il blog Its Not Alright , in cui l’artista ha periodicamente preso ad accusare colleghi progressisti sul file sharing, condivisori che affamerebero l’industria della musica, dei musicisti e di tutti i lavoratori del settore.

Purtroppo per la giovane musicista, però, cotanto ardore nel sostenere la sua tesi le è tornato indietro amplificato, con i siti impegnati sul fronte della condivisione e della discussione sul copyright a farle le pulci evidenziando copie non autorizzate di interi post seguite da scuse improvvisate scritte rigorosamente in caps , copie non autorizzate di tracce musicali altrui che ad altre signore hanno rovinato la vita e le finanze e più in generale una scarsissima conoscenza della complessità dell’argomento.

La vita del blog anti-pirateria della musicista si è così esaurita nello spazio di pochi post , con la diretta interessata che su Twitter ha giustificato la chiusura con l’abuso subito da parte della blogosfera , poco dopo aver annunciato la conclusione della sua carriera discografica. Rimangono ancora online i mix che l’artista ha realizzato partendo da materiale musicale che non le appartiene e su cui non sembrerebe detenere alcun diritto di distribuzione.

Della polemica tra Lily Allen e il resto del mondo digitale rimangono le macerie di una discussione senza sbocchi, come spiega con la solita chiarezza Cory Doctorow su Boing Boing . Una discussione in cui chi urla “al lupo al lupo” nel dibattito sul reale valore del copyright, in un mondo in cui ogni interazione sociale coinvolge una qualche copia di unità di informazione , non fa altro che rafforzare la tesi secondo cui il diritto d’autore si sarebbe trasformato in un istituto priva di senso, impedendo quella che dovrebbe essere una condivisione di intenti tra chi il copyright vuole emendarlo salvandone i principi sacrosanti e chi invece seguita a impugnarlo come un dogma inviolabile senza il quale ci attende un nuovo medioevo culturale .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ExtraT scrive:
    Vodafone
    Pensassero piuttosto a migliorare la compatibilità del loro sito con S.O. diversi da Win e da browsers diversi da IExplorer (login impossibile, si torna sempre alla schermata per il login) - tanto per cominciare, ed a ricercare le cause dei blackout continui sulla rete - presenza di segnale ma impossibilità a raggiungere l'utente... che hai a 50 metri in campo aperto e non hai voglia di chiamare ad urlacci.Apprezzabili le intenzioni, ma la via dell'inferno, secondo un vecchio proverbio, è di quelle lastricata.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Vodafone
      Tralasciando che sei OT con l'articolo.Usi per caso Opera come browser?? Io mi loggo tranquillamente sul sito della Vodafone, su Ubuntu e Leopard, con Firefox.
  • gnulinux86 scrive:
    Linux Mobile.
    Come mai non avete menzionato il sistema utilizzato, ovvero Linux Mobile??http://lab.vodafone.it/blog/2009/09/24/vodafone-360/
  • Jack scrive:
    Display 3D
    Non è il display tridimensionale, è solo la rappresentazione della rubrica in formato 3D...già ci speravo in una qualche applicazione olografica...
Chiudi i commenti