L'Informatica italiana mette le ali

Gli ultimi dati Assinform non lasciano dubbi, la ripresa si va consolidando, soprattutto sul fronte dei servizi, e persino le piccole imprese investono di più. La PA, invece, è il solito buco nero

Roma – C’era soddisfazione tra gli esperti, ieri alla presentazione del rapporto che disegna lo stato di salute dell’informatica italiana: per il terzo anno consecutivo il settore è cresciuto e, cosa ancora più rilevante, ha accelerato, proponendosi persino come traino per la ripresa economica nel suo complesso.

Tutto questo è contenuto e dettagliato nel Rapporto Assinform 2006 , dal quale emerge che le TLC l’anno scorso sono salite del 2,1 per cento e l’IT dell’1,6. Il motivo è abbastanza evidente ed era già emerso, seppure in misura minore, l’anno precedente: la domanda di innovazione cresce in pressoché tutti i settori dell’economia, in particolare quello dei servizi e, nello specifico, presso le imprese di piccole e medie dimensioni. Una situazione destinata a consolidarsi nel 2007, quando Aitech-Assinform prevede uno sviluppo per l’IT del 2 per cento.

Per gli operatori dell’IT uno dei dati di maggiore interesse non è rappresentato solo dall’aumento della domanda di informatica, ma anche da come questa si segmenta. Cresce quella delle grandi aziende, ma cresce sensibilmente anche quella delle piccole imprese che, dal calo del -3,3 per cento del 2003, nel 2006 sono passate ad un timido ma significativo +0,3 per cento. Secondo Aitech-Assinform questo significa che le piccole imprese “non sono così refrattarie all’innovazione come spesso vengono interpretate, ma che al contrario esistono tutti i presupposti per potenziare il processo di penetrazione delle nuove tecnologie in questa componente così importante dell’economia italiana”.

Su altri fronti dell’IT cresce la domanda anche a livello consumer (+8,8 per cento) e crescono soprattutto i servizi IT , del 3,6 per cento: non solo è in linea con la media europea ma, secondo gli autori del Rapporto, “costituisce una novità molto positiva poiché è soprattutto in questo settore che l’Italia deve recuperare competitività e produttività”.

L’aspetto più negativo è legato alla conferma del disinvestimento in informatica della Pubblica amministrazione , un processo che di anno in anno si aggrava e che vede la domanda rallentata anche presso gli enti locali, con effetti negativi naturalmente rilevanti sui servizi al cittadino e alle imprese. A tutto questo, ad impattare in modo distorsivo sul mercato, si aggiunge il fatto che il 43 per cento della spesa IT della PA viene catturata senza gara pubblica dalle società controllate direttamente dalla PA, una vera e propria piaga per il settore che, nonostante le molte promesse di questi anni da parte del Governo, non accenna a scomparire.

Il Rapporto conferma anche il sorpasso dei notebook sui desktop : nel 2006 sono stati venduti 2,255 milioni di computer da scrivania e 2,450 milioni di PC portatili. Nel complesso, in Italia sono installati, tra imprese e famiglie, 24,7 milioni di computer.

Se le cose vanno meglio per l’IT, le asperità 2000-2002 continuano a farsi sentire. Se le previsioni di crescita dell’IT per il 2007 sono del 2 per cento, nel 2006 la media europea è al 3,7 per cento, quella degli Stati Uniti al 5,8. “Un gap – spiegano gli esperti Aitech-Assinform – che si è tradotto nel divario di produttività registrato dalla nostra economia rispetto agli altri paesi. Analizzando i trend nel decennio 1995-2005 si vede, infatti, come la crescita della produttività Usa sia stata oltre il doppio di quella dell’area Euro, mentre questa ultima è stata oltre il doppio dell’Italia”.

“Lo scenario internazionale – ha dichiarato Ennio Lucarelli , presidente dell’Associazione – rivela che le novità più rilevanti dei prossimi anni arriveranno dal software e dagli applicativi, comparti su cui abbiamo tutte le possibilità di disegnare un nuovo spazio italiano di produzione d’innovazione tecnologica”.

Lo scenario delle TLC italiane mostra un rallentamento, con un valore del mercato salito del 2,1 per cento nel 2006 rispetto al 3 per cento dell’anno precedente. Ma non desta preoccupazione: è un dato che “appare compensato dal crescente peso dei servizi a valore aggiunto e dalla persistente dinamicità dei servizi su rete mobile”, per dirla con gli autori del Rapporto. Tra i dati rilevanti di settore, le linee di telefonia mobile sono a quota 81,9 milioni , con un aumento del 13,4 per cento sull’anno precedente e dell’1,1 per cento sul fronte degli utenti attivi, arrivati a 44,9 milioni.

Una presentazione e altri materiali del Rapporto sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    Che cavolata
    Visto che è palese che una persona che si compera un simile aggeggio lo fa per utilizzare i servizi di apple e non per installarci linux si può sapere perchè s'è perso tempo in tal senso ?Invece di cercare di arrampicarsi sui vetri (ovvero portare utenti apple verso il pinguino) non sarebbe meglio gettare le base per delle specifiche standard anche in fatto di HTPC così si crea una distro con le palle da attaccare alla tv e si definiscono degli hardware (magari configurazioni all-in-one tipo mini itx) sicuramente e totalmente compatibili ?
    • gordo scrive:
      Re: Che cavolata
      - Scritto da: ...
      Visto che è palese che una persona che si compera
      un simile aggeggio lo fa per utilizzare i servizi
      di apple e non per installarci linux si può
      sapere perchè s'è perso tempo in tal senso
      ?Se è per quello c'è anche chi installa Linux sull'iPod
      Invece di cercare di arrampicarsi sui vetri
      (ovvero portare utenti apple verso il pinguino)
      non sarebbe meglio gettare le base per delle
      specifiche standard anche in fatto di HTPC così
      si crea una distro con le palle da attaccare alla
      tv e si definiscono degli hardware (magari
      configurazioni all-in-one tipo mini itx)
      sicuramente e totalmente compatibili
      ?probabilmente si, ma lo spirito di chi usa Linux è quello dell'hacker (nel significato originario del termine)
    • Fradetti scrive:
      Re: Che cavolata
      Io ho comprato una xbox (la prima), l'ho modificata e la uso con Xbox media Center.L'unica pecca è che non ha la porta HDMI, che per connetterla ho dovuto trascinare un cavo nei muri di casa, e che è troppo poco potente per leggere i filmati in alta definizione.Apple TV potrebbe risolvere tuti questi problemi a un prezzo accettabile (anche se il meglio sarà la Ps3 con una distro linux adatta).
  • Dave scrive:
    Utile, ma non so se lo userei...
    Parlo da possessore di AppleTV: l'apparecchio e' davvero molto bello e utile, ha solo il problema che non supporta codec diffusi, come xVid e simili, ma solamente mp4 e H.264. Il problema nasce nel dover convertire una videoteca gia' esistente in questi formati: Linux potrebbe essere la risposta, in quanto con MythTV si avrebbero ottime funzionalita' aggiuntive. L'unica cosa e' che si perderebbe l'immediatezza e la semplicita' intrinseca dell'apparecchio, che per un uso prettamente "salottistico" e' semplicemente grandioso. Vedremo. ;)
    • RabSide scrive:
      Re: Utile, ma non so se lo userei...
      Io ho una vecchia xbox su cui ho installato linux e utilizzo attivamente come NAS della rete domestica. Inoltre, grazie all'installazione di bittorrent, la posso utilizzare come client sempre attivo con uno spreco irrisorio di energia (70watt), unito al fatto che potrei installare un media server diventa un oggetto davvero versatile!Ciao
    • gordo scrive:
      Re: Utile, ma non so se lo userei...
      - Scritto da: Dave
      Parlo da possessore di AppleTV: l'apparecchio e'
      davvero molto bello e utile, ha solo il problema
      che non supporta codec diffusi, come xVid e
      simili, ma solamente mp4 e H.264.Guardacaso due standard, addirittura integrati hardware in certe schede grafiche.
      Il problema
      nasce nel dover convertire una videoteca gia'
      esistente in questi formati: Linux potrebbe
      essere la risposta, in quanto con MythTV si
      avrebbero ottime funzionalita' aggiuntive.se devi hackerare, tanto vale metterci semplicemente il codec per il divx, mica devi meterci per forza linux
      L'unica cosa e' che si perderebbe l'immediatezza
      e la semplicita' intrinseca dell'apparecchio, che
      per un uso prettamente "salottistico" e'
      semplicemente grandioso. Vedremo.
      ;)vedi sopra
  • Poltergeist scrive:
    Ho capito perchè Linux non ha virus
    Perchè è lui un virus.... qualsiasi dipositivo che esca c'è già pronto qualcuno per metterci dentro linux.Adesso io mi chiedo: a cosa serve? Vorrei sapere, giusto per curiosità, se c'è qualcuno in queste pagine che utilizza linux su qualche dispositivo che non sia un normale PC ma qualcosa che era pensata per altri sistemi.L'unica cosa che ho visto (una volta) è un palmare che da PocketPC avevano messo una qualche versione di linux, ma tipo le PS2? chi gli cambia il sistema? e per fare cosa?La mia non vuole essere una domanda polemica, apprezzo lo sforzo "didattico" di chi lo fa, vorrei solo capire il lato pratico. E non parlo di "Si potrebbe fare" ma "Io ci faccio", non so se mi spiego.
    • Wakko Warner scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus
      Per due ragioni:1) La sfida2) Estendere le capacità di un oggetto altrimenti limitatoNaturalmente del punto 1 ci beneficia solo chi effettivamente fa il porting.Per il punto 2 invece, avere un SO che permetta di far girare qualsiasi applicazione su un'apparecchiatura che precedentemente era limitata a funzioni specifiche ci permette di utilizzare tale apparecchiatura per scopi non inizialmente previsti.Ora io non so, nello specifico, cosa permetta o meno di fare AppleTV, ma immaginiamo che non supporti gli MP3... con la mia modifica poi li potrà suonare. Potrò persino usarlo come un computer da tavolo a tutti gli effetti (magari anche solo per navigare su Internet in salotto usando il televisore come monitor).Un mio amico è persino riuscito ad installare il kernel Linux su un router comprato a pochi euro su eBay. Lui l'ha fatto per puro senso della sfida, a scopo didattico se vogliamo... ma una volta installato su quel router ha scoperto che da quel momento in poi poteva usarne la scheda madre per automatizzare certe cose, proprio come se fosse stato un mini-computer quasi sul palmo di una mano.
    • Poltergeist scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus
      1) si si, è l'aspeto didattico della questione, per qualcun può essere divertente e istruttivo2) non sono d'accordo, perchè mai l'oggetto deve essere limitato? tu lo hai comprato per farci una certa cosa, è ovvio che sia limitato a fare quella, come dire compro lo stendibiancheria e ci faccio un'antenna per la radio, sono uscito dalla sua limitazione... Quando levi il suo sistema e metti linux per ascoltarti gli mp3.. non hai più il sistema di prima!Io ho capito che possa essere divertente farlo, volevo solo capire se c'è qualcuno che ne ricava anche dei vantaggi pratici. Ad esempio, per quanto riguarda la famosa xbox, c'era qualcuno che voleva usarla come PC perchè il suo costo era inferiore a quello di un computer normale.Io vorrei sapere proprio questo, c'è qualcuno che di questi speciali modding ci ha fatto qualcosa di utile e non solo un'esercitazione di elettronica/informatica?
    • Elf scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus
      Ad esempio con l'Apple TV puoi vedere solo film in formato Quick Time, quindi se hai un DivX lo devi prima convertire da AVI a MOV e poi te lo puoi caricare sull'Apple TV. Invece mettendo Linux puoi vedere direttamente i DivX e tutti i formati di cui hai i codec.Poi il sistema originale non lo perdi: forzi solo l'Apple TV a far partire un sistema operativo su HD invece del suo sistema integrato.
    • Wakko Warner scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus
      x Poltergeist 2) non sono d'accordo, perchè mai l'oggetto deve essere limitato? tu lo hai comprato per farci una certa cosa, è ovvio che sia limitato a fare quella, come dire compro lo stendibiancheria e ci faccio un'antenna per la radio, sono uscito dalla sua limitazione... Quando levi il suo sistema e metti linux per ascoltarti gli mp3.. non hai più il sistema di prima! Quindi?Scusa ma i soldi sono i miei giusto?Se io compro uno stendibiancheria per farci un'antenna che problema c'è?Se vedo nell'AppleTV un mezzo economico per avere un PC in salotto per se*armi www.boy*review.com sul 30 pollici non dovrei poterlo fare?Non credo di aver capito il tuo punto sinceramente.
    • Robbby scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus
      per poltergaisthai mai visto una xbox con il media center (linux) altro che apple tv vedi la tv in streaming tutti i tipi di codifiche, una cosa eccezionale ha il browser (puoi usare anche firefox) le weather bradcasting, youtube integrato, mp3 (si collega via internet al database e ti scarica i titoli delle canzoni le immagini la storia e il tutto semplicemente premendo il tasto info) vari tipi di scripts ecc....le cose sono tante che e' impossibile elencarle e il tutto si avvia in 5/7 secondi si usa col telecomando, insomma un pc col telecomando ma colla velocita di una console (quasi istantanea)spero di averti dato l idea
    • gordo scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus

      Ad esempio con l'Apple TV puoi vedere solo film in formato
      Quick Time,mpeg4 e h.264
      quindi se hai un DivX lo devi prima convertire da AVI a MOV
      e poi te lo puoi caricare sull'Apple TV. Invece mettendo
      Linux puoi vedere direttamente i DivX e tutti i formati di
      cui hai i codec.hackerare per hackerare, faccio prima ad aggiungere i codec che mi servono su AppleTV, senza perdere la semplicità di utilizzo
    • Poltergeist scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus
      x wakkocon lo stendibiancheria e la apple tv ci puoi fare quello che vuoi, non capisco il tono polemico della tua risposta. Ho chiesto semplicemente se c'è qualcuno che modifica l'uso originale per un uso altrettanto pratico e vantaggioso e non solo a scopi didatticio di sfide personali. Sono curioso perchè lo farei anche io se ne vedessi il vantaggio, ad esempio in questo periodo trovi facilmente PS2 o xbox usate a prezzi modici.
    • Petengy scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus
      Statisticamente parlando, quando abbiamo a che fare un campione potenziale di milioni di utenti, sicuramente qualcuno che lo userà con linux ci sarà.Devi solo essere bravo a cercare nel web per trovarli.
    • Andrea Rossi scrive:
      Re: Ho capito perchè Linux non ha virus
      Non credo tu abbia capito molto...fare quello che si vuole con un prodotto che si è profumatamente pagato... si chiama "libertà"...installare Linux su un qualche device nato per uno specifico compito significa far fare a quel device molte... molte... più cose...tipo...player MP3 che diventano lettori di documenti....console per videogiochi che diventano player DVIX...ma non preccuparti... compra decine di scatole diverse...c'è chi ti ringrazia...ByeAndrea
  • Onslaught scrive:
    Molto interessante
    Se riusciranno a permettere l'installazione in modo molto più semplice rispetto agli altri hack(davvero piuttosto complicati),le potenzialità sarebbero enormi.
    • Lemon scrive:
      Re: Molto interessante
      Quali sarebbero queste potenzialità? Non fai prima a prenderti un PC?
    • Onslaught scrive:
      Re: Molto interessante
      Come quali sarebbero le potenzialità? Infinite,in pratica,come quelle di un computer.Per quanto riguarda il discorso del pc,mi fornisci un link ad un pc di quelle dimensioni,con hdmi e simili,che costi 299?Perchè a me non risulta ne esistano.
Chiudi i commenti