Linux vale ancora un miliardo

Una ricerca condotta in Spagna conferma il valore del Pinguino. Che per gli studiosi andrebbe valorizzato più di quanto si stia facendo ora

Roma – Il kernel Linux vale tanto. Più di un miliardo di dollari secondo uno studio condotto da ricercatori dell’università spagnola di Oviedo, i quali hanno calcolato che una eventuale riscrittura da zero del codice impiegherebbe il lavoro di 985 sviluppatori per 14 anni .

I ricercatori si sono serviti dell’algoritmo COCOMO 81, utilizzato solitamente per tracciare un profilo economico di progetti di sviluppo software, per stabilire che ogni sviluppatore impegnato nell’ipotetica ricostruzione di Linux dovrebbe essere quindi retribuito con circa 31mila euro l’anno .

Come fanno notare alcuni addetti ai lavori, tuttavia, questi numeri non sono affatto una novità . Già nel 2008 infatti il kernel era stato accostato a cifre a nove zeri.

In ogni caso sono stati gli stessi ricercatori a precisare che lo scopo della loro ricerca non era tanto la raccolta di dati numerici quanto illustrare al grande pubblico il grande valore del progetto iniziato nel 1991 ad opera di Linus Torvalds.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enjoy with Us scrive:
    Assurdo!
    Non vuoi che il dipendente perda tempo su internet?Consenti l'acXXXXX solo ai pochi siti di interesse aziendale e stop, fine del problema!Cavolo non licenziano in tronco manco chi fa timbrare il cartellino di servizio al collega e devono licenziare uno che fa un giro su interenet? Queste sono solo scuse, sa tanto di mobbing!
    • lol scrive:
      Re: Assurdo!

      Cavolo non licenziano in tronco manco chi fa
      timbrare il cartellino di servizio al collega e
      devono licenziare uno che fa un giro su
      interenet? Queste sono solo scuse, sa tanto di
      mobbing!
  • Poldo Sbaffini scrive:
    Lo fanno anche i boss
    Mi fa ridere un capo che va su internet per organizzare la sua vacanza in Spagna e poi licenzia il dipendente perchè va a vedere il meteo del week-end.Chi è senza peccato....Ciao da Poldo
    • ninjaverde scrive:
      Re: Lo fanno anche i boss
      - Scritto da: Poldo Sbaffini
      Mi fa ridere un capo che va su internet per
      organizzare la sua vacanza in Spagna e poi
      licenzia il dipendente perchè va a vedere il
      meteo del
      week-end.
      Chi è senza peccato....
      Ciao da PoldoCapo o no le regole devono essere chiare.Intanto è logico consentire l'invio di qualche mail ad uso personale, come è consentito ricevere o telefonare a casa, purchè non si abusi di queste concessioni.Detto questo è logico che anche il sindacato dovrà essere informato (se vi sono sindacati interni).Questo per evitare gli si abusi da ambo le parti.Se poi il datore di lavoro fa i "tranelli" è ovvio che una volta scoperto poi pagherà lui le conseguenze. E' un pò come un ladro che potrebbe farla franca, ma rischia anche di essere "pizzicato".
      • shevathas scrive:
        Re: Lo fanno anche i boss

        Capo o no le regole devono essere chiare.
        Intanto è logico consentire l'invio di qualche
        mail ad uso personale, come è consentito ricevere
        o telefonare a casa, purchè non si abusi di
        queste
        concessioni.infatti, è una questione di "uso corretto"
        Detto questo è logico che anche il sindacato
        dovrà essere informato (se vi sono sindacati
        interni).
        Questo per evitare gli si abusi da ambo le parti.la cosa migliore è un sistema che blocchi l'acXXXXX automaticamente a diverse classi di siti non attinenti al lavoro. Come i centralini quando impediscono le chiamate ai cellulari.
        Se poi il datore di lavoro fa i "tranelli" è
        ovvio che una volta scoperto poi pagherà lui le
        conseguenze.
        se proprio vuol fare il cattivo può, legittimamente, limitare i siti visionabili a quelli contenuti in una white list.
  • nemo230775 scrive:
    mah
    be aldila della sanita mentale, che e' questione di opinioni, l'utilizzo di facebook come di qualsiasi distrazione sul lavoro, che sia la pausa sigaretta, il caffe, o le due chiacchiere se non se ne abusa sono non solo permesse ma utili anche per la qualita' del lavoro stesso, un lavoratore meno stressato lavora meglio. Certo non se ne deve abusare, ma la soluzione non e' certo vietare in toto l'una o l'altra cosa....Per quanto riguarda il controllo in questione, mi pare giustissima la sentenza, non perche' il datore non sia in diritto di controllare, ma perche' deve avvisare che lo sta facendo, troppo facilmente ptrebbe venire in possesso altrimenti di dati riservati del lavoratore. Una volta avvisato che il tuo traffico viene monitorato se ne abusi e il datore viene a conoscenza dei XXXXX tuoi, li vabe' ti attacchi!
    • Rennex scrive:
      Re: mah
      Giusto che il lavoratore sia avvisato dei controlli, sacrosanto il discorso sulle pause, rimane il fatto che il pc aziendale non è quello personale del lavoratore, quindi non ne può disporre a suo piacimento. Vero che non vi è aumento dei costi per l'azienda ad usarlo nelle pause, come la mettiamo con rallentamento di internet e problemi di sicurezza causati da un uso non consapevole? Se vado su un sito "pericoloso" o installo un sw non autorizzato (ad es. un player per video) e infetto il pc con un virus, chi paga la riparazione? Non parliamo solo di grosse aziende con all'interno personale specializzato che gestisce l'infrastruttura informatica, ma anche di quelle piccole che si appoggiano all'esterno per questi servizi, quindi pagano. Per causare problemi basta solo andare a leggere la propria webmail e "distrattamente" aprire un allegato...
      • lol scrive:
        Re: mah

        come la mettiamo con rallentamento di
        internet e problemi di sicurezza causati da un
        uso non consapevole? Se vado su un sito
        "pericoloso" o installo un sw non autorizzato (ad
        es. un player per video) e infetto il pc con un
        virus, chi paga la riparazione? Non parliamo solo
        di grosse aziende con all'interno personale
        specializzato che gestisce l'infrastruttura
        informatica, ma anche di quelle piccole che si
        appoggiano all'esterno per questi servizi, quindi
        pagano. se entra 1 virus è colpa di chi ha progettato il sistema, non ci si può basare solo sui controlli in frontiera.inoltre può entrare per altri canali "leciti".
  • sentinel scrive:
    Bloccare sul lavoro Fessbook
    Io direi che sarebbe meglio bloccare sul posto di lavorol'uso di Fessbook... Chissà quanto si risparmierebbein Italia (e non parlo solo di soldi, ma anche di...sanità mentale ;-) ).
    • Un perfetto sconosciut o scrive:
      Re: Bloccare sul lavoro Fessbook
      Già fatto!
    • IgaRyu scrive:
      Re: Bloccare sul lavoro Fessbook
      Poi ti ritrovi nelle condizioni come le mie: la proprietà ordina il blocco del sito di fb attraverso il proxy tasparente.. però .. però.. a loro deve restare aperto perché loro fb lo vogliono on line :)
      • Nessuno scrive:
        Re: Bloccare sul lavoro Fessbook
        Anche da me la "classe dirigente" ha bloccato fessbook alla plebaglia. Per loro è tutto aperto e libero da blocchi.
        • lol scrive:
          Re: Bloccare sul lavoro Fessbook

          Per loro è tutto aperto
          e libero da
          blocchi.i blocchi sono fatti per essere scavalcati o aggirati, per facebook non ne vale la pena però è sempre vero che un computer non è infallibile e in + non pensa.
      • zaadum scrive:
        Re: Bloccare sul lavoro Fessbook
        - Scritto da: IgaRyu
        Poi ti ritrovi nelle condizioni come le mie: la
        proprietà ordina il blocco del sito di fb
        attraverso il proxy tasparente.. però .. però.. a
        loro deve restare aperto perché loro fb lo
        vogliono on line
        :)esatto......come anche skype, youtube, i giornali e un sacco di altri siti...ad esempio lastminute
  • Rennex scrive:
    Accordo sindacale?
    "senza essere previsto da alcun accordo sindacale (né da una commissione interna né autorizzato dall'Ispettorato del lavoro)"Per me dovrebbe essere sufficiente che il lavoratore sia informato che esiste un controllo, e anche se non lo è lo strumento aziendale si usa solo per lavoro. Se uno usa un veicolo aziendale, tipo un furgone, e viene scoperto ad usarlo per andare al supermercato non gli possono dire niente se non c'è un apposito accordo sindacale? Neanche fargli pagare la benzina? Cosa dovrebbero dire gli autotrasportatori che con i sistemi gps non possono neanche fermarsi per andare in bagno senza che l'azienda lo sappia? Che differenza c'è tra computer/connessione internet e un autoveicolo? Entrambi sono pagati dall'azienda e forniti al lavoratore per LAVORARE.
    • Valeren scrive:
      Re: Accordo sindacale?
      Insomma, fino ad un certo punto.Perchè se viene messo un sistema di controllo - praticamente un keylogger - all'insaputa dell'operatore, niente potrebbe escludere che venga aggiunto anche un tool che simuli l'acXXXXX a siti o folder non consentiti con l'obiettivo di licenziare "legittimamente" qualcuno.
      • upr scrive:
        Re: Accordo sindacale?
        quante storie...perchè non puniscono chi sta al bar a giornate, o chi si nasconde....o per cominciare chi usa soldi pubblici per andare a mignotte...stiamo esagerando"""
        • Valeren scrive:
          Re: Accordo sindacale?
          Lo trovi tu un carcere così grande? :D
          • upr scrive:
            Re: Accordo sindacale?
            :D :D :D :D :D :D
          • upr scrive:
            Re: Accordo sindacale?
            ce ne sono alcuni belli nuovi alla maddalena... potremmo riempirli... che ne dici
          • Antony scrive:
            Re: Accordo sindacale?
            Io preferirei che rimanessero "liberi" in attesa di stupratori, assassini, mafiosi, ladri...e non per cose così.Una bella multa commisurata al reddito è più che sufficiente.
          • pippO scrive:
            Re: Accordo sindacale?

            Io preferirei che rimanessero "liberi" in attesa
            di stupratori, assassini, mafiosi, ladri...e non
            per cose
            così.
            Una bella multa commisurata al reddito è più che
            sufficiente.proprio di quelli stava parlando :D
          • pippO scrive:
            Re: Accordo sindacale?
            - Scritto da: Valeren
            Lo trovi tu un carcere così grande? :DCi pensa san guido d'abruzzo, o suo cognato :D
          • upr scrive:
            Re: Accordo sindacale?
            se ne potrebbe anche riciclare uno a roma...almeno non scomodiamo nessuno chiudendo il parlamento... tanto chi piu chi meno
          • pippO scrive:
            Re: Accordo sindacale?

            se ne potrebbe anche riciclare uno a
            roma...almeno non scomodiamo nessuno chiudendo il
            parlamento...

            tanto chi piu chi menoSe permetti quello è un gran bell'edificio, ci sono tante miniere abbandonate da riqualificare, dotate di tutti i confort, compresi i portaborse...Così finalmente avranno qualcosa da dedicare a bottino crassi
    • harvey scrive:
      Re: Accordo sindacale?
      Vabbè, ma qua stiamo parlando di licenziare un corriere perche' si e' fermato a comprare le sigarette con il furgone aziendale....Se e' di pochi minuti a saltuario, rientra nelle pause spettanti al lavoratore
    • cognome e nome scrive:
      Re: Accordo sindacale?
      - Scritto da: Rennex
      "senza essere previsto da alcun accordo sindacale
      (né da una commissione interna né autorizzato
      dall'Ispettorato del
      lavoro)"
      Per me dovrebbe essere sufficiente che il
      lavoratore sia informatobravo, per te. per la legge non è così. se non ti sta bene puoi:1. tentare di essere eletto2. tentare un colpo di stato3. emigrare in un posto dove le leggi siano meno lassiste. un troll in più, un troll in meno, a noi non cambia niente
      e anche se non lo è lo strumento aziendale si usa
      solo per lavoro. Se uno usa un veicolo aziendale,
      tipo un furgone, e viene scoperto ad usarlo per
      andare al supermercato non gli possono dire
      niente se non c'è un apposito accordo sindacale?
      Neanche fargli pagare la benzina? Cosa dovrebbero
      dire gli autotrasportatori che con i sistemi gps
      non possono neanche fermarsi per andare in bagno
      senza che l'azienda lo sappia? Che differenza c'è
      tra computer/connessione internet e un
      autoveicolo? Entrambi sono pagati dall'azienda e
      forniti al lavoratore per
      LAVORARE.3 luoghi comuni ogni 2 righe. bravo, hai vinto un mappamondo
      • Nome e cognome calunnioso diffamante scrive:
        Re: Accordo sindacale?
        ....hai il cervello sindacalizzato e politicizzato quadrato e a compartimenti stagni...Praticamente hai un cervello a molla, che da molto tempo se non troppo,hanno caricato altre mani..
  • tarcizio scrive:
    speriamo che...
    i diritti non siano calpestati anche li iscriviti subito a lockerz clicca qui sotto :http://www.privateshopbazar.com/lockerz/lockerz.html
Chiudi i commenti