LinuxNews/ Agenda VR3, il primo PDA nato con Linux

Fra pochi giorni verrà presentato il primo palmare progettato per funzionare esclusivamente con una versione embedded di Linux


Agenda Computing lancerà ufficialmente il prossimo 3 aprile allo Spring Comdex di Chicago, il PDA Agenda VR3, il primo palmare al mondo esclusivamente basato su Linux.

Agenda VR3 Il lancio di Agenda VR3 rappresenta un passo storico nel campo della potenza di calcolo dei dispositivi palmari a basso costo. LaRonde, CEO dell’azienda, ha affermato che questo sarà un PDA potente, capace di far girare Linux, capace di un multitasking reale a basso costo.

AgendaLinux , che gira su Agenda VR3, è un sistema Linux embedded progettato per girare su dispositivi palmari e mobili senza sacrificare la potenza di calcolo e la grafica. In particolare VR3 fa girare Linux 2.4 e XFree86.

La dotazione hardware e gli accessori sono di tutto rispetto: processore NEC VR4181 a 66 MHz e 32 bit, 8 MB RAM, 16 MB di flash memory, display LCD da 160×240 pixel monocromatico con 16 livelli di grigio. Per quanto riguarda la connettività è dotato di una porta a raggi infrarossi, una porta RS-232 e un’altra porta per collegamenti veloci a dispositivi esterni.

Il costo al dettaglio suggerito dal produttore è di 249$.

A cura di
Soluzioni Open-Source

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    perchè ??
    Il perchè, forse, sarebbe anche intuibile:L'informatica in generale non può essere alla portata di tutti, sopratutto con i mezzi attualmente esistenti!!!L'informatica deve essere uno strumento con il quale creare supporto ad altri servizi.L'informatica è filosofia (vedi www.gnu.org) UNIX, l'unico vero sistema operativo esistente è li da 30 anni, ma nessuno lo fa notare: è nato dalla volontà NON SPECULATIVA di un gruppo di persone!Gli strumenti commerciali, hanno una complessità di base ancora troppo elevata per la massa ignara, e spesso funzionano molto male.La pubblicità inganna e punta soltanto al dio denaro, a riempire le tasche vendendo chiacchiere mascherate dietro tante parole e belle cravattone!!!E' poca la gente che possiede un background con il relativo know-how per poter dire: sono competente, questo è un prodotto valido, questo è una cagata!Lo stato non aiuta, ma questa volta, non ne ha colpaLa politica oppressiva della microsoft non aiuta a sviluppare il concetto di libertàLa stampa e i massmedia sono soggiogati dalle cose colorate piene di animazioni con le quali mascherano la profonda ignoranza in materia....
  • Anonimo scrive:
    Sergio: Evidentemente, fai qualche uso di sostanze
    ...che ti cambiano il significato delle paroleche leggi sui post.Mah....Il discorso del mio primo post è coerente con il secondo.Il problema di Internet non sono le connessionima la gente presuntuosa CHE NON SA NULLAE SI OSTINA A "DECANTARE CONSIGLI" dall'alto...Per quanto riguarda i bannersRIPETO:SE NON CI FOSSERO STATI I BANNERS,Punto Informatico e tutti i siti medio-altiitaliani ed esterinon avrebbero mai avuto UNA "SPINTA" UNA "MOTIVAZIONE" a crescere e a svilupparsi,percui: EVITATE DI FARE GLI IPOCRITI ED I FINTI MORALISTI.Le connessioni non mi sembrano siano lente,come e' stato affermato in questa "specie d'articolo"che RIPETO: NON HA NE' CAPO E NE' CODA.Il resto te l'ho già scritto nei post precedenti,vai a rinfrescarti la memoria:-PTi Saluto
  • Anonimo scrive:
    Caro MAX il mondo è tutto un BANNER !!
    Certo che eri partito per fare il savonarola, il saccente della situazione ed alla fine ti ritrovi a dover difendere una teoria sui Banner che avranno si la loro inmportanza ma non credo siano l'essenza di Internet.Comunque se vuoi un consiglio ... ricorda parlare in modo pacato e costruttivo e sempre meglio che fare il castigatore!Auguri MAX!!
  • Anonimo scrive:
    Ma quanto siete FALSI ed IPOCRITI........
    Disprezzano i banners e sparlano sulle impressions.Prova a togliere i banners a Punto Informaticoe vedi ogni quanto ti aggiornano le notizie.Senza la pubblicita' in questo caso i banners,INTERNET sarebbe rimasta a quelle STUPIDEPAGINETTE AMATORIALI fatte da Voi utenti che sparlate sempre a ca**osulla "liberta'" di internet e sul file-sharing (e non sapete neppure cos'e' INTERNET)Fate SEMPRE I SOLITI DISCORSI da PISCHELLIMAL INFORMATIe volete farvi gli "esperti del settore"SOLO perche' avete letto 4 notizie prese dalla rete su qualche sito che le avra' scopiazzateda un altro sito... la cui origine e' a dir poco dubbia.CRESCETE.... (almeno un minimo):-P
  • Anonimo scrive:
    Grazie a Leonardo
    Grazie a Leonardo, per la critica ed il commento volto a creare un dibattito positivo e non ad un mero e vano sfogo senza un minimo di proposizione e progettualità positiva e creativa.C'è qualcuno che come me vorrebbe cercare di discutere seriamente e pacatamente senza cercare la bagarre?Ciao a tuttiSergio
  • Anonimo scrive:
    Net Economy ?
    Credo che si vuole dare un giudizio sul fenomeno Internet si debba usare l'occhio dello storico e non quello del semplice cronista che registra gli eventi giorno dopo giorno. Il fenomeno Internet esiste da circa una decina di anni, forse molti per il mondo informatico, una inezia per la Societa' Umana.Qualunque evento storico ha avuto momenti di frenetico sviluppo alternati a periodi di stasi, ne si puo' dire a priori che una certa cosa, sia pure innovativa e importante, debba necessariamente divenire una svolta epocale. Il limite di Internet sta forse nell'avere rivoluzionato tutto senza cambiare niente.Internet rende possibile fare cose che fino a pochi anni fa, si potevano fare molto piu' lentamente e in modo meno proficuo. Questo forum ada esempio potrebbe svolgersi su una pagina di un giornale che pubblica le nostre lettere cartacee, il commercio si fa ancora oggi nei negozi, nei supermercati, etc.Per la maggior parte della gente quindi Internet rimane un oggetto da usare in limitati e precisi momenti, e continuare a svolgere le altre attivita' in modo "old style".D'altra parte Io non ho mai costruito o gestito un sito di e-commerce, ma ho effettuato una decina di acquisti. Se vado ad analizzare il come ed il perche', vedo che tutte le volte, ho cercato su Internet la convenienza, non ho mai acquistato cose che potevo comprare allo stesso prezzo al supermercato od in libreria.Se poi andiamo a ben vedere molte aspettative maturate negli anni passati, si basavano su supposizioni, idee, speranze e non su fatti concreti.
  • Anonimo scrive:
    Risposta a due punti
    Rispondo a due dei tuoi punti.
    1 L'accesso è:
    a) ancora troppo costoso: provate a fare un
    paragone con la televisione, pagate un canone
    oppure niente con le TV libere;Non mi pare un paragone azzeccato. La TV ti costringe a sorbirti i programmi che ha deciso qualcun altro e non c'è una grande scelta. In Internet la quantità di informazioni che hai a disposizione è infinitamente più grande e, poiché fare un sito costa poco, tutti possono dare i propri contributi. Questo è sia uno svantaggio, sia un vantaggio. Svantaggio: non tutti sono esperti e quindi nascono seri dubbi sull'attendibilità delle informazioni presenti in Rete. Vantaggio: non esistono soltanto due-tre siti su un argomento (per esempio l'hardware) ma ne esistono almeno mille e questo impedisce che le informazioni su tale argomento vengano "monopolizzate" da pochi.Ora, una famiglia "normale" ha il papà che lavora, la mamma pure ed i figli che vanno a scuola, quindi credo che gli unici accessi "lunghi" verranno effettuati in fascia notturna. Un'ora di connessione allora costa circa mille lire (con Telecom) e non mi sembra un prezzo davvero così eccessivo.Se poi c'è qualcuno chce ha poco da fare e sta connesso dieci ore in fascia piena, è giusto che paghi (o si fa l'ADSL!).Le TV "libere" non costano perché c'è la pubblicità ma qualunque tentativo di offrire connessioni gratuite in cambio di qualche banner visualizzato è tragicamente fallito.
    b) ancora troppo lento: quando andate in auto
    il traffico deve essere fluido, altrimenti site
    mai rimasti intrappolati in un ingorgo in un
    centro città per ore?."Lento" è relativo! Io col mio 56K vado a 5K/sec e difficilmente trovo "traffico". Con 5K/sec scarico 18MB per ora che non mi sembra poco.Se desidero una velocità (mediamente) più elevata, passo ad ADSL e anche lì i prezzi non mi sembrano eccessivamente alti.
    2 L'atteggiamento di provider volti solo a
    spremere i propri utenti: vedi ad esempio
    quelli che hanno fatto il contratto flat
    con Infostrada all'inizio ed adesso devono
    pagare il doppio per lo stesso servizio! Sui contratti flat ho speso tante parole in altri forum di PI. Il succo è: se l'offerta prevede un rapporto modem/utenti di 1/5, non ci si può connettere dieci ore al giorno (anche se è consentito), perché - così facendo - il servizio non può funzionare.mARCOs
  • Anonimo scrive:
    Dissanguarsi????
    Io vorrei che molte persone si rendessero conto che finché la gente comune deve dissanguarsi per accedere a piene mani ad InternetMa ti rendi conto che andare in discoteca costa 3 volte di più ????Prova a chiedere alla mamma quanto costa la permanente.Magari vai al cinema e poi in birreria 3 volte al mese ...fai un po' i conti alla fine dell'anno.Non è che sei un po' carente in matematica?????
    • Anonimo scrive:
      Re: Dissanguarsi????
      Scusa ma non faccio niente di tutto quello che hai detto e lascia stare mia madre che abita per conto suo!Internet non è una birreria, se vuoi farti un boccale fallo pure! ma lascia alla gente la possibilità di vedere ad essa come qualcosa di molto di più di quello che è oggi!!Prosit! Non te la prendere Edo, anzi prenditela pure se questo serve a farti esprimere idee più costruttive!!Auguri Sergio- Scritto da: edo
      Io vorrei che molte persone si rendessero
      conto che finché la gente comune deve
      dissanguarsi per accedere a piene mani ad
      Internet


      Ma ti rendi conto che andare in discoteca
      costa 3 volte di più ????

      Prova a chiedere alla mamma quanto costa la
      permanente.

      Magari vai al cinema e poi in birreria 3
      volte al mese ...fai un po' i conti alla
      fine dell'anno.


      Non è che sei un po' carente in
      matematica?????
  • Anonimo scrive:
    Questo articolo NON ha NE' CAPO e NE' CODA........
    Mi state tutti quanti ripetendo la "solita pappardella"della SOLITA GENTE che DI INTERNET NON CI CAPISCEUN CA**O.1) Le connessioni bene o male sono veloci,i modem 28.8 e 33.6 sono fuori produzionee lo standard attuale è della 56 kconsiderate che una singola ISDN viaggia a 64 kpercui EVITATE DI DIRE FESSERIE sulla lentezza di connessione..... una 56 k per un utente medio è piu' che sufficiente.2) Sono stati citati anche i providered i costi per la creazione dei siti...... ENNESSIMO DISCORSO DA PERSONE INCOMPETENTICHE NON CONOSCONO INTERNET.Nessuno ti fa pagare 10 paginette in asp10.000.000 di lire,l'azienda piu' cara ti fara' pagare 120 / 150.000lire a pagina,PERCUI, EVITATE DI FARE GLI ESPERTI SE NON CONOSCETE LA DIFFERENZA tra una pagina htmled una asp.3) Lo Stato italiano, se escludiamo Passiglie compagnia bella, non mi sembra che faccia da freno allo sviluppo della rete,percui:EVITATE DI PRENDERVELA SEMPRE CON LO STATO SE AVETE VOI DEI PROBLEMI DI FONDO,ANDATE A CURARVI DA UN ANALISTA.4) Si e' scritto anche di: giochi, pornografia e delinquenza...I SOLITI DISCORSI CHE MI SON STUFATO DI LEGGERE E COMMENTARE.SCOMMETTO CHE LA PERSONA CHE HA SCRITTO QUESTA LETTERA è LO STESSO PIVELLO che tempo fa si mise a far "lezioni di new economy" di risorse.netANCHE SE CAMBI L'E-MAIL, E TI INVENTI UN NOME FASULLO, IL TUO STILE E' INCONFONDIBILE:-PSCHERZI A PARTE SEMBRA PROPRIO UN VECCHIO BABBIONEQUESTO CHE HA SCRITTO LA LETTERA A P.I.5) LA VERA COLPA è DELLE CONCESSIONARIE INTERNET ITALIANECHE A STENTO RIESCONO A VENDERE il 30% delle impressions che vengono totalizzate.I PAGAMENTI VENGONO EFFETTUATI OGNI 4 o 6 mesi,come si puo' pretendere lo sviluppo della retese i soldi che GUADAGNO OGGI LI POTRO' INCASSAREDOPO 6 MESI?come posso pianificare lo sviluppo del sito fra 4 o 6 mesi?IN 4 o 6 mesi INTERNET CAMBIA, SI EVOLVE e cio' che va bene oggi, NON POTREBBE ANDAR BENE FRA 1 MESE,FIGURIAMOCI fra 4 o 6 MESI.QUESTO, Punto Informatico lo sa bene,ed anch'io purtroppo...visto che ci lavoro con questi INCOMPETENTI.( INCOMPENTI è RIFERITO alle concessionarie pubblicitarie italiane, intendiamoci )L'ARTICOLO, visto che parlava di net economy doveva essere scritto da persone che con la rete ci lavorano SERIAMENTEE NON DAL SOLITO UTENTE, DAI SOLITI DISCORSI DI MASSA....Solo CHI VIVE LA RETE PUO' SCRIVERE DELLA RETE.I navigatori italiani a parte le chat line, gli mp3 illegali ed i siti porno, NON CONTTRIBUIRANNO MAI ALLO SVILUPPO D'ESSA.PERCUI, INVECE DI DAR SPAZIO A PERSONE CHE NON CAPISCONO UN CA**O, fate scrivere qualcuno che gestisce un sito (che non abbia banners gratuiti come risorse.net possibilmente, ma banners a pagamento)INTERVISTATE I VERI WEBMASTERS ITALIANI e non i soliti "figli di papa'" che altro non sanno fare che dire: BLA...BLA...BLA...E POI ALLA FINE sui loro siti ALTRO NON HANNO CHE banners di circuiti gratuiti con cui NON GUADAGNANO UNA LIRA.Concludo dicendo: CARO Punto Informaticoma perche' pubblicate questa robettina da 4 soldiscritta da gente che non ha nulla a che vedere con la rete?Perche' non lo scrivete Voi un bell'articolettoinvece di pubblicare queste fesserie?Mah....Vi Saluto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questo articolo NON ha NE' CAPO e NE' CODA........
      Caro MAX NON SOLO HAI SBAGLIATO PERSONA MA IL TUO MODO di parlare cosi' agitato fa pensare piuttosto ad uno che vuol fare l'intenditore attaccando chi ha già fatto osservazioni sensate, ma vorrei farti notare che molta gente, anche esperti di settore , la pensano come me!!Datti una calmata e pensa al tuo ASP, non sono io la persona a cui ti riferisci!Comunque mi piacerebbe che tu fossi meno futile nella tua critica ma più creativo.Scusa se sono breve ma vado di fretta.Auguri intenditore!Ciao Sergio- Scritto da: MAX
      Mi state tutti quanti ripetendo la "solita
      pappardella"
      della SOLITA GENTE che DI INTERNET NON CI
      CAPISCE
      UN CA**O.

      1) Le connessioni bene o male sono veloci,
      i modem 28.8 e 33.6 sono fuori produzione
      e lo standard attuale è della 56 k

      considerate che una singola ISDN viaggia a
      64 k
      percui EVITATE DI DIRE FESSERIE sulla
      lentezza di connessione..... una 56 k per un
      utente medio è piu' che sufficiente.

      2) Sono stati citati anche i provider
      ed i costi per la creazione dei siti...
      ... ENNESSIMO DISCORSO DA PERSONE
      INCOMPETENTI
      CHE NON CONOSCONO INTERNET.

      Nessuno ti fa pagare 10 paginette in asp
      10.000.000 di lire,

      l'azienda piu' cara ti fara' pagare 120 /
      150.000
      lire a pagina,

      PERCUI, EVITATE DI FARE GLI ESPERTI SE NON
      CONOSCETE LA DIFFERENZA tra una pagina html
      ed una asp.

      3) Lo Stato italiano, se escludiamo Passigli
      e compagnia bella, non mi sembra che faccia
      da freno allo sviluppo della rete,
      percui:

      EVITATE DI PRENDERVELA SEMPRE CON LO STATO
      SE AVETE VOI DEI PROBLEMI DI FONDO,
      ANDATE A CURARVI DA UN ANALISTA.

      4) Si e' scritto anche di: giochi,
      pornografia e delinquenza...

      I SOLITI DISCORSI CHE MI SON STUFATO DI
      LEGGERE E COMMENTARE.

      SCOMMETTO CHE LA PERSONA CHE HA SCRITTO
      QUESTA LETTERA è LO STESSO PIVELLO che tempo
      fa si mise a far "lezioni di new economy" di
      risorse.net

      ANCHE SE CAMBI L'E-MAIL, E TI INVENTI UN
      NOME FASULLO, IL TUO STILE E' INCONFONDIBILE
      :-P

      SCHERZI A PARTE SEMBRA PROPRIO UN VECCHIO
      BABBIONE
      QUESTO CHE HA SCRITTO LA LETTERA A P.I.

      5) LA VERA COLPA è DELLE CONCESSIONARIE
      INTERNET ITALIANE
      CHE A STENTO RIESCONO A VENDERE il 30% delle
      impressions che vengono totalizzate.

      I PAGAMENTI VENGONO EFFETTUATI OGNI 4 o 6
      mesi,
      come si puo' pretendere lo sviluppo della
      rete
      se i soldi che GUADAGNO OGGI LI POTRO'
      INCASSARE
      DOPO 6 MESI?

      come posso pianificare lo sviluppo del sito
      fra 4 o 6 mesi?

      IN 4 o 6 mesi INTERNET CAMBIA, SI EVOLVE e
      cio' che va bene oggi, NON POTREBBE ANDAR
      BENE FRA 1 MESE,
      FIGURIAMOCI fra 4 o 6 MESI.

      QUESTO, Punto Informatico lo sa bene,
      ed anch'io purtroppo...
      visto che ci lavoro con questi INCOMPETENTI.
      ( INCOMPENTI è RIFERITO alle concessionarie
      pubblicitarie italiane, intendiamoci )

      L'ARTICOLO, visto che parlava di net economy
      doveva essere scritto da persone che con la
      rete ci lavorano SERIAMENTE
      E NON DAL SOLITO UTENTE, DAI SOLITI DISCORSI
      DI MASSA....

      Solo CHI VIVE LA RETE PUO' SCRIVERE DELLA
      RETE.

      I navigatori italiani a parte le chat line,
      gli mp3 illegali ed i siti porno, NON
      CONTTRIBUIRANNO MAI ALLO SVILUPPO D'ESSA.

      PERCUI, INVECE DI DAR SPAZIO A PERSONE CHE
      NON CAPISCONO UN CA**O, fate scrivere
      qualcuno che gestisce un sito (che non abbia
      banners gratuiti come risorse.net
      possibilmente, ma banners a pagamento)

      INTERVISTATE I VERI WEBMASTERS ITALIANI e
      non i soliti "figli di papa'" che altro non
      sanno fare che dire: BLA...BLA...BLA...
      E POI ALLA FINE sui loro siti ALTRO NON
      HANNO CHE banners di circuiti gratuiti con
      cui NON GUADAGNANO UNA LIRA.

      Concludo dicendo: CARO Punto Informatico
      ma perche' pubblicate questa robettina da 4
      soldi
      scritta da gente che non ha nulla a che
      vedere con la rete?

      Perche' non lo scrivete Voi un
      bell'articoletto
      invece di pubblicare queste fesserie?

      Mah....

      Vi Saluto.
      • Anonimo scrive:
        Re: PIU' CREATIVO DI COSI', NON SI PUO'
        Ciao Sergio,siccome vado anch'io di frettae NON ho tempo da perdere in chiacchiereti faccio il reply di cio' che ho gia' scritto COSI' SE LO LEGGI MEGLIO,FORSE CI CAPISCI QUALCOSA ANCHE TU di "net economy"- Scritto da: MAX
        Mi state tutti quanti ripetendo la "solita
        pappardella"
        della SOLITA GENTE che DI INTERNET NON CI
        CAPISCE
        UN CA**O.

        1) Le connessioni bene o male sono veloci,
        i modem 28.8 e 33.6 sono fuori produzione
        e lo standard attuale è della 56 k

        considerate che una singola ISDN viaggia a
        64 k
        percui EVITATE DI DIRE FESSERIE sulla
        lentezza di connessione..... una 56 k per un
        utente medio è piu' che sufficiente.

        2) Sono stati citati anche i provider
        ed i costi per la creazione dei siti...
        ... ENNESSIMO DISCORSO DA PERSONE
        INCOMPETENTI
        CHE NON CONOSCONO INTERNET.

        Nessuno ti fa pagare 10 paginette in asp
        10.000.000 di lire,

        l'azienda piu' cara ti fara' pagare 120 /
        150.000
        lire a pagina,

        PERCUI, EVITATE DI FARE GLI ESPERTI SE NON
        CONOSCETE LA DIFFERENZA tra una pagina html
        ed una asp.

        3) Lo Stato italiano, se escludiamo Passigli
        e compagnia bella, non mi sembra che faccia
        da freno allo sviluppo della rete,
        percui:

        EVITATE DI PRENDERVELA SEMPRE CON LO STATO
        SE AVETE VOI DEI PROBLEMI DI FONDO,
        ANDATE A CURARVI DA UN ANALISTA.

        4) Si e' scritto anche di: giochi,
        pornografia e delinquenza...

        I SOLITI DISCORSI CHE MI SON STUFATO DI
        LEGGERE E COMMENTARE.

        SCOMMETTO CHE LA PERSONA CHE HA SCRITTO
        QUESTA LETTERA è LO STESSO PIVELLO che tempo
        fa si mise a far "lezioni di new economy" di
        risorse.net

        ANCHE SE CAMBI L'E-MAIL, E TI INVENTI UN
        NOME FASULLO, IL TUO STILE E' INCONFONDIBILE
        :-P

        SCHERZI A PARTE SEMBRA PROPRIO UN VECCHIO
        BABBIONE
        QUESTO CHE HA SCRITTO LA LETTERA A P.I.

        5) LA VERA COLPA è DELLE CONCESSIONARIE
        INTERNET ITALIANE
        CHE A STENTO RIESCONO A VENDERE il 30% delle
        impressions che vengono totalizzate.

        I PAGAMENTI VENGONO EFFETTUATI OGNI 4 o 6
        mesi,
        come si puo' pretendere lo sviluppo della
        rete
        se i soldi che GUADAGNO OGGI LI POTRO'
        INCASSARE
        DOPO 6 MESI?

        come posso pianificare lo sviluppo del sito
        fra 4 o 6 mesi?

        IN 4 o 6 mesi INTERNET CAMBIA, SI EVOLVE e
        cio' che va bene oggi, NON POTREBBE ANDAR
        BENE FRA 1 MESE,
        FIGURIAMOCI fra 4 o 6 MESI.

        QUESTO, Punto Informatico lo sa bene,
        ed anch'io purtroppo...
        visto che ci lavoro con questi INCOMPETENTI.
        ( INCOMPENTI è RIFERITO alle concessionarie
        pubblicitarie italiane, intendiamoci )

        L'ARTICOLO, visto che parlava di net economy
        doveva essere scritto da persone che con la
        rete ci lavorano SERIAMENTE
        E NON DAL SOLITO UTENTE, DAI SOLITI DISCORSI
        DI MASSA....

        Solo CHI VIVE LA RETE PUO' SCRIVERE DELLA
        RETE.

        I navigatori italiani a parte le chat line,
        gli mp3 illegali ed i siti porno, NON
        CONTTRIBUIRANNO MAI ALLO SVILUPPO D'ESSA.

        PERCUI, INVECE DI DAR SPAZIO A PERSONE CHE
        NON CAPISCONO UN CA**O, fate scrivere
        qualcuno che gestisce un sito (che non abbia
        banners gratuiti come risorse.net
        possibilmente, ma banners a pagamento)

        INTERVISTATE I VERI WEBMASTERS ITALIANI e
        non i soliti "figli di papa'" che altro non
        sanno fare che dire: BLA...BLA...BLA...
        E POI ALLA FINE sui loro siti ALTRO NON
        HANNO CHE banners di circuiti gratuiti con
        cui NON GUADAGNANO UNA LIRA.

        Concludo dicendo: CARO Punto Informatico
        ma perche' pubblicate questa robettina da 4
        soldi
        scritta da gente che non ha nulla a che
        vedere con la rete?

        Perche' non lo scrivete Voi un
        bell'articoletto
        invece di pubblicare queste fesserie?

        Mah....

        Vi Saluto.- Scritto da: Sergio Cassaro
        Caro MAX NON SOLO HAI SBAGLIATO PERSONA MA
        IL TUO MODO di parlare cosi' agitato fa
        pensare piuttosto ad uno che vuol fare
        l'intenditore attaccando chi ha già fatto
        osservazioni sensate, ma vorrei farti notare
        che molta gente, anche esperti di settore ,
        la pensano come me!!

        Datti una calmata e pensa al tuo ASP, non
        sono io la persona a cui ti riferisci!

        Comunque mi piacerebbe che tu fossi meno
        futile nella tua critica ma più creativo.

        Scusa se sono breve ma vado di fretta.
        Auguri intenditore!
        Ciao Sergio

        - Scritto da: MAX

        Mi state tutti quanti ripetendo la "solita

        pappardella"

        della SOLITA GENTE che DI INTERNET NON CI

        CAPISCE

        UN CA**O.



        1) Le connessioni bene o male sono veloci,

        i modem 28.8 e 33.6 sono fuori produzione

        e lo standard attuale è della 56 k



        considerate che una singola ISDN viaggia a

        64 k

        percui EVITATE DI DIRE FESSERIE sulla

        lentezza di connessione..... una 56 k per
        un

        utente medio è piu' che sufficiente.



        2) Sono stati citati anche i provider

        ed i costi per la creazione dei siti...

        ... ENNESSIMO DISCORSO DA PERSONE

        INCOMPETENTI

        CHE NON CONOSCONO INTERNET.



        Nessuno ti fa pagare 10 paginette in asp

        10.000.000 di lire,



        l'azienda piu' cara ti fara' pagare 120 /

        150.000

        lire a pagina,



        PERCUI, EVITATE DI FARE GLI ESPERTI SE NON

        CONOSCETE LA DIFFERENZA tra una pagina
        html

        ed una asp.



        3) Lo Stato italiano, se escludiamo
        Passigli

        e compagnia bella, non mi sembra che
        faccia

        da freno allo sviluppo della rete,

        percui:



        EVITATE DI PRENDERVELA SEMPRE CON LO STATO

        SE AVETE VOI DEI PROBLEMI DI FONDO,

        ANDATE A CURARVI DA UN ANALISTA.



        4) Si e' scritto anche di: giochi,

        pornografia e delinquenza...



        I SOLITI DISCORSI CHE MI SON STUFATO DI

        LEGGERE E COMMENTARE.



        SCOMMETTO CHE LA PERSONA CHE HA SCRITTO

        QUESTA LETTERA è LO STESSO PIVELLO che
        tempo

        fa si mise a far "lezioni di new economy"
        di

        risorse.net



        ANCHE SE CAMBI L'E-MAIL, E TI INVENTI UN

        NOME FASULLO, IL TUO STILE E'
        INCONFONDIBILE

        :-P



        SCHERZI A PARTE SEMBRA PROPRIO UN VECCHIO

        BABBIONE

        QUESTO CHE HA SCRITTO LA LETTERA A P.I.



        5) LA VERA COLPA è DELLE CONCESSIONARIE

        INTERNET ITALIANE

        CHE A STENTO RIESCONO A VENDERE il 30%
        delle

        impressions che vengono totalizzate.



        I PAGAMENTI VENGONO EFFETTUATI OGNI 4 o 6

        mesi,

        come si puo' pretendere lo sviluppo della

        rete

        se i soldi che GUADAGNO OGGI LI POTRO'

        INCASSARE

        DOPO 6 MESI?



        come posso pianificare lo sviluppo del
        sito

        fra 4 o 6 mesi?



        IN 4 o 6 mesi INTERNET CAMBIA, SI EVOLVE e

        cio' che va bene oggi, NON POTREBBE
        • Anonimo scrive:
          Re: PIU' CREATIVO DI COSI', NON SI PUO'
          Fai bene a non perdere tempo!E' difficile guardare all'evoluzione della rete ragionando in termini di modem a più o meno k !!Quancuno vuole anche guardare a queste cose in termini di democrazia, cultura ed anche miglioramento della vita delle persone.Comunque visto che sei il tecnico, forse, della situazione, hai dato più l'idea di una persona che cerca di proteggere interessi di bottega, senza guardare alle cose con un minimo di progettualità nel futuro. Ma non esauriamo la discussione con un battibecco. Rendi pubbliche le tue idee e fa che gli altri ragionino su una tua possibile aspettativa nei confronti della rete!Commenta anche su gli altri interventi.Addios. Sergio- Scritto da: MAX
          Ciao Sergio,
          siccome vado anch'io di fretta
          e NON ho tempo da perdere in chiacchiere
          ti faccio il reply di cio' che ho gia'
          scritto COSI' SE LO LEGGI MEGLIO,
          FORSE CI CAPISCI QUALCOSA ANCHE TU di "net
          economy"


          - Scritto da: MAX

          Mi state tutti quanti ripetendo la "solita

          pappardella"

          della SOLITA GENTE che DI INTERNET NON CI

          CAPISCE

          UN CA**O.



          1) Le connessioni bene o male sono veloci,

          i modem 28.8 e 33.6 sono fuori produzione

          e lo standard attuale è della 56 k



          considerate che una singola ISDN viaggia a

          64 k

          percui EVITATE DI DIRE FESSERIE sulla

          lentezza di connessione..... una 56 k per
          un

          utente medio è piu' che sufficiente.



          2) Sono stati citati anche i provider

          ed i costi per la creazione dei siti...

          ... ENNESSIMO DISCORSO DA PERSONE

          INCOMPETENTI

          CHE NON CONOSCONO INTERNET.



          Nessuno ti fa pagare 10 paginette in asp

          10.000.000 di lire,



          l'azienda piu' cara ti fara' pagare 120 /

          150.000

          lire a pagina,



          PERCUI, EVITATE DI FARE GLI ESPERTI SE NON

          CONOSCETE LA DIFFERENZA tra una pagina html

          ed una asp.



          3) Lo Stato italiano, se escludiamo
          Passigli

          e compagnia bella, non mi sembra che faccia

          da freno allo sviluppo della rete,

          percui:



          EVITATE DI PRENDERVELA SEMPRE CON LO STATO

          SE AVETE VOI DEI PROBLEMI DI FONDO,

          ANDATE A CURARVI DA UN ANALISTA.



          4) Si e' scritto anche di: giochi,

          pornografia e delinquenza...



          I SOLITI DISCORSI CHE MI SON STUFATO DI

          LEGGERE E COMMENTARE.



          SCOMMETTO CHE LA PERSONA CHE HA SCRITTO

          QUESTA LETTERA è LO STESSO PIVELLO che
          tempo

          fa si mise a far "lezioni di new economy"
          di

          risorse.net



          ANCHE SE CAMBI L'E-MAIL, E TI INVENTI UN

          NOME FASULLO, IL TUO STILE E'
          INCONFONDIBILE

          :-P



          SCHERZI A PARTE SEMBRA PROPRIO UN VECCHIO

          BABBIONE

          QUESTO CHE HA SCRITTO LA LETTERA A P.I.



          5) LA VERA COLPA è DELLE CONCESSIONARIE

          INTERNET ITALIANE

          CHE A STENTO RIESCONO A VENDERE il 30%
          delle

          impressions che vengono totalizzate.



          I PAGAMENTI VENGONO EFFETTUATI OGNI 4 o 6

          mesi,

          come si puo' pretendere lo sviluppo della

          rete

          se i soldi che GUADAGNO OGGI LI POTRO'

          INCASSARE

          DOPO 6 MESI?



          come posso pianificare lo sviluppo del sito

          fra 4 o 6 mesi?



          IN 4 o 6 mesi INTERNET CAMBIA, SI EVOLVE e

          cio' che va bene oggi, NON POTREBBE ANDAR

          BENE FRA 1 MESE,

          FIGURIAMOCI fra 4 o 6 MESI.



          QUESTO, Punto Informatico lo sa bene,

          ed anch'io purtroppo...

          visto che ci lavoro con questi
          INCOMPETENTI.

          ( INCOMPENTI è RIFERITO alle concessionarie

          pubblicitarie italiane, intendiamoci )



          L'ARTICOLO, visto che parlava di net
          economy

          doveva essere scritto da persone che con la

          rete ci lavorano SERIAMENTE

          E NON DAL SOLITO UTENTE, DAI SOLITI
          DISCORSI

          DI MASSA....



          Solo CHI VIVE LA RETE PUO' SCRIVERE DELLA

          RETE.



          I navigatori italiani a parte le chat line,

          gli mp3 illegali ed i siti porno, NON

          CONTTRIBUIRANNO MAI ALLO SVILUPPO D'ESSA.



          PERCUI, INVECE DI DAR SPAZIO A PERSONE CHE

          NON CAPISCONO UN CA**O, fate scrivere

          qualcuno che gestisce un sito (che non
          abbia

          banners gratuiti come risorse.net

          possibilmente, ma banners a pagamento)



          INTERVISTATE I VERI WEBMASTERS ITALIANI e

          non i soliti "figli di papa'" che altro non

          sanno fare che dire: BLA...BLA...BLA...

          E POI ALLA FINE sui loro siti ALTRO NON

          HANNO CHE banners di circuiti gratuiti con

          cui NON GUADAGNANO UNA LIRA.



          Concludo dicendo: CARO Punto Informatico

          ma perche' pubblicate questa robettina da 4

          soldi

          scritta da gente che non ha nulla a che

          vedere con la rete?



          Perche' non lo scrivete Voi un

          bell'articoletto

          invece di pubblicare queste fesserie?



          Mah....



          Vi Saluto.




          - Scritto da: Sergio Cassaro

          Caro MAX NON SOLO HAI SBAGLIATO PERSONA MA

          IL TUO MODO di parlare cosi' agitato fa

          pensare piuttosto ad uno che vuol fare

          l'intenditore attaccando chi ha già fatto

          osservazioni sensate, ma vorrei farti
          notare

          che molta gente, anche esperti di settore
          ,

          la pensano come me!!



          Datti una calmata e pensa al tuo ASP, non

          sono io la persona a cui ti riferisci!



          Comunque mi piacerebbe che tu fossi meno

          futile nella tua critica ma più creativo.



          Scusa se sono breve ma vado di fretta.

          Auguri intenditore!

          Ciao Sergio



          - Scritto da: MAX


          Mi state tutti quanti ripetendo la
          "solita


          pappardella"


          della SOLITA GENTE che DI INTERNET NON
          CI


          CAPISCE


          UN CA**O.





          1) Le connessioni bene o male sono
          veloci,


          i modem 28.8 e 33.6 sono fuori
          produzione


          e lo standard attuale è della 56 k





          considerate che una singola ISDN
          viaggia a


          64 k


          percui EVITATE DI DIRE FESSERIE sulla


          lentezza di connessione..... una 56 k
          per

          un


          utente medio è piu' che sufficiente.





          2) Sono stati citati anche i provider


          ed i costi per la creazione dei siti...


          ... ENNESSIMO DISCORSO DA PERSONE


          INCOMPETENTI


          CHE NON CONOSCONO INTERNET.





          Nessuno ti fa pagare 10 paginette in
          asp


          10.000.000 di lire,





          l'azienda piu' cara ti fara' pagare
          120 /


          150.000


          lire a pagina,





          PERCUI, EVITATE DI FARE GLI ESPERTI SE
          NON


          CONOSCETE LA DIFFERENZA tra una pagina

          html


          ed una asp.





          3) Lo Stato italiano, se escludiamo

          Passigli


          e compagnia bella, non mi sem
          • Anonimo scrive:
            max vai da Muccioli, ti conviene

            Comunque visto che sei il tecnico, forse,
            della situazione, hai dato più l'idea di una
            persona che cerca di proteggere interessi di
            bottega, senza guardare alle cose con un
            minimo di progettualità nel futuro. Ma nonTEcnico ??? Ma perpiacere!!! Non mi sembra sia molto informatodi come funzionano le cose il tipo in questionecita il punto del mio messaggio dove parlodi siti attivi venduti a decine di milionibeh si vede che il tipo vive proprio inun'altro mondo si....8 - 9 paginette ?nell'azienda dove lavoro sono stativenduti miseri builder di siti in html(perche' attivi non andavano bene causamotori di ricerca) fatti in PHP nona 150 milalire...e nemmeno a 10milioni comepensa MAX che tanto da aria alla bocca...ma a 60 - 80 milioni....OK MAX ?? forse te lavori alla webagencydei salumieri (senza offesa per loro) ....E poi per quanto riguarda le FAMIGERATEimpression....caro MAX o ti fai o sei da ricoverare...altro che storie...quindi secondo te internet dovrebbe basarela sua economia e le sue basi sui BANNER ?AHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAyou are full of shit !!!ma se sono proprio i BANNER e quelli comete che hanno portato internet a essere il riciclaggio di tutta la spazzaturadel mondo....ma perfavore...ma andatevenebrutti marpioni che credete di fare quattrinia sbafo mettendo una gif sul sito e speraredi fare i miliardi cosi'.....vi ho gia' detto cosa ne penso...spero chetutto cio' vi porti al fallimento, e chei vostri ORRIBILI siti scompaiano tutti...tanto nessuno ne sentira' la mancanza, te lo assicuro.adieu'@
          • Anonimo scrive:
            Re: max vai da Muccioli, ti conviene
            Caro Amico, complimenti per il commento!Hai espresso quello che io non volevo dire a questo signor MAX!!!Ma spero sempre in persone come Leonardo che volgiano portare il loro contributo in termini di commento creativo e propositivo. comunque un grazie anche a teSergio- Scritto da: @

            Comunque visto che sei il tecnico, forse,

            della situazione, hai dato più l'idea di
            una

            persona che cerca di proteggere interessi
            di

            bottega, senza guardare alle cose con un

            minimo di progettualità nel futuro. Ma non

            TEcnico ??? Ma perpiacere!!! Non mi sembra
            sia molto informato
            di come funzionano le cose il tipo in
            questione
            cita il punto del mio messaggio dove parlo
            di siti attivi venduti a decine di milioni

            beh si vede che il tipo vive proprio in
            un'altro mondo si....8 - 9 paginette ?

            nell'azienda dove lavoro sono stati
            venduti miseri builder di siti in html
            (perche' attivi non andavano bene causa
            motori di ricerca) fatti in PHP non
            a 150 milalire...e nemmeno a 10milioni come
            pensa MAX che tanto da aria alla bocca...
            ma a 60 - 80 milioni....

            OK MAX ?? forse te lavori alla webagency
            dei salumieri (senza offesa per loro) ....

            E poi per quanto riguarda le FAMIGERATE
            impression....
            caro MAX o ti fai o sei da ricoverare...
            altro che storie...

            quindi secondo te internet dovrebbe basare
            la sua economia e le sue basi sui BANNER ?

            AHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHA

            you are full of shit !!!

            ma se sono proprio i BANNER e quelli come
            te che hanno portato internet a essere
            il riciclaggio di tutta la spazzatura
            del mondo....ma perfavore...ma andatevene
            brutti marpioni che credete di fare quattrini
            a sbafo mettendo una gif sul sito e sperare
            di fare i miliardi cosi'.....

            vi ho gia' detto cosa ne penso...spero che
            tutto cio' vi porti al fallimento, e che
            i vostri ORRIBILI siti scompaiano tutti...
            tanto nessuno ne sentira' la mancanza,
            te lo assicuro.

            adieu'

            @

    • Anonimo scrive:
      Re: Questo articolo NON ha NE' CAPO e NE' CODA........
      - Scritto da: MAX
      Mi state tutti quanti ripetendo la "solita
      pappardella"
      della SOLITA GENTE che DI INTERNET NON CI
      CAPISCE
      UN CA**O.

      1) Le connessioni bene o male sono veloci,
      i modem 28.8 e 33.6 sono fuori produzione
      e lo standard attuale è della 56 k

      considerate che una singola ISDN viaggia a
      64 k
      percui EVITATE DI DIRE FESSERIE sulla
      lentezza di connessione..... una 56 k per un
      utente medio è piu' che sufficiente.

      2) Sono stati citati anche i provider
      ed i costi per la creazione dei siti...
      ... ENNESSIMO DISCORSO DA PERSONE
      INCOMPETENTI
      CHE NON CONOSCONO INTERNET.

      Nessuno ti fa pagare 10 paginette in asp
      10.000.000 di lire,

      l'azienda piu' cara ti fara' pagare 120 /
      150.000
      lire a pagina,

      PERCUI, EVITATE DI FARE GLI ESPERTI SE NON
      CONOSCETE LA DIFFERENZA tra una pagina html
      ed una asp.

      3) Lo Stato italiano, se escludiamo Passigli
      e compagnia bella, non mi sembra che faccia
      da freno allo sviluppo della rete,
      percui:

      EVITATE DI PRENDERVELA SEMPRE CON LO STATO
      SE AVETE VOI DEI PROBLEMI DI FONDO,
      ANDATE A CURARVI DA UN ANALISTA.

      4) Si e' scritto anche di: giochi,
      pornografia e delinquenza...

      I SOLITI DISCORSI CHE MI SON STUFATO DI
      LEGGERE E COMMENTARE.

      SCOMMETTO CHE LA PERSONA CHE HA SCRITTO
      QUESTA LETTERA è LO STESSO PIVELLO che tempo
      fa si mise a far "lezioni di new economy" di
      risorse.net

      ANCHE SE CAMBI L'E-MAIL, E TI INVENTI UN
      NOME FASULLO, IL TUO STILE E' INCONFONDIBILE
      :-P

      SCHERZI A PARTE SEMBRA PROPRIO UN VECCHIO
      BABBIONE
      QUESTO CHE HA SCRITTO LA LETTERA A P.I.

      5) LA VERA COLPA è DELLE CONCESSIONARIE
      INTERNET ITALIANE
      CHE A STENTO RIESCONO A VENDERE il 30% delle
      impressions che vengono totalizzate.

      I PAGAMENTI VENGONO EFFETTUATI OGNI 4 o 6
      mesi,
      come si puo' pretendere lo sviluppo della
      rete
      se i soldi che GUADAGNO OGGI LI POTRO'
      INCASSARE
      DOPO 6 MESI?

      come posso pianificare lo sviluppo del sito
      fra 4 o 6 mesi?

      IN 4 o 6 mesi INTERNET CAMBIA, SI EVOLVE e
      cio' che va bene oggi, NON POTREBBE ANDAR
      BENE FRA 1 MESE,
      FIGURIAMOCI fra 4 o 6 MESI.

      QUESTO, Punto Informatico lo sa bene,
      ed anch'io purtroppo...
      visto che ci lavoro con questi INCOMPETENTI.
      ( INCOMPENTI è RIFERITO alle concessionarie
      pubblicitarie italiane, intendiamoci )

      L'ARTICOLO, visto che parlava di net economy
      doveva essere scritto da persone che con la
      rete ci lavorano SERIAMENTE
      E NON DAL SOLITO UTENTE, DAI SOLITI DISCORSI
      DI MASSA....

      Solo CHI VIVE LA RETE PUO' SCRIVERE DELLA
      RETE.

      I navigatori italiani a parte le chat line,
      gli mp3 illegali ed i siti porno, NON
      CONTTRIBUIRANNO MAI ALLO SVILUPPO D'ESSA.

      PERCUI, INVECE DI DAR SPAZIO A PERSONE CHE
      NON CAPISCONO UN CA**O, fate scrivere
      qualcuno che gestisce un sito (che non abbia
      banners gratuiti come risorse.net
      possibilmente, ma banners a pagamento)

      INTERVISTATE I VERI WEBMASTERS ITALIANI e
      non i soliti "figli di papa'" che altro non
      sanno fare che dire: BLA...BLA...BLA...
      E POI ALLA FINE sui loro siti ALTRO NON
      HANNO CHE banners di circuiti gratuiti con
      cui NON GUADAGNANO UNA LIRA.

      Concludo dicendo: CARO Punto Informatico
      ma perche' pubblicate questa robettina da 4
      soldi
      scritta da gente che non ha nulla a che
      vedere con la rete?

      Perche' non lo scrivete Voi un
      bell'articoletto
      invece di pubblicare queste fesserie?

      Mah....

      Vi Saluto.Hei MAX, che sei invidioso?????!!!!!!!!AH AH AH AHHHHHHHHHHHHHHHHHH
  • Anonimo scrive:
    ...si però...
    Anche se non mi piace darò il mio punto di vista per punti per evitare di perdermi in un discorso troppo vasto per essere trattato in questa sede:1a) Internet troppo costosa.Non credo sia possibile fare un paragone con la televisione: Internet è un mezzo molto più potente della televisione (le informazioni viaggiano verso ma anche dall?utente verso la rete) e l?utente non è un fruitore passivo del mezzo ma può esserne anche protagonista. La rete di computer e connessioni che costituiscono Internet ha dei costi di manutenzione non indifferenti e su questi costi dobbiamo valutare il ?costo di accesso?.1a) Internet troppo lenta.Verissimo. Oggi, almeno in Italia, l?unica struttura che permette l?accesso alla rete è la vecchia infrastruttura che la SIP ora Telecom Italia ha cablato molti anni fa e non è adatta all?uso che se ne vorrebbe fare. Per fare un semplice esempio, tutti i calcoli di traffico per le reti telefoniche sono fatti, per ovvie ragioni, in base all?occupazione di tempo della linea. Questo si traduce nel fatto che mentre io sto leggendo una pagina sul web pago per il tempo di lettura (una volta scaricata la pagina io non genero più traffico su internet). Se leggo piano e sono molto attento alla lettura pago di più rispetto a leggere in modo superficiale. L?inno alla superficialità!!! Pagare per il tempo che si è collegati e non per l?effettivo traffico che si genera è una situazione innaturale per Internet. Ho dato un?occhiata ai prezzi di ADSL: per fare un esempio Infostrada propone ADSL a circa 100.000 lire al mese anche per l?utenza home con una banda configurata di 50kbs (una vera miseria) e senza limiti sui dati trasmessi. Anche questa è un?offerta innaturale: avrebbero potuto offrire una quantità di dati massima ragionevole per un utente home e dimezzare la tariffa mensile?2) I provider.I provider sono vittime quanto gli utenti di una situazione di monopolio TLC che sta dimostrandosi difficile da sciogliere e chissà quando i vari operatori avranno pari opportunità nella gestione dell?ultimo miglio. Vorrei ricordare il paradosso per cui Telecom Italia (oggi ditta privata) ha ereditato tutte le linee costruite a spese dello Stato (alias contribuenti) ed oggi si ritrova nella posizione di poter chiedere dei canoni su quelle linee che dovrebbero essere di dominio pubblico. Rovesciando la medaglia si può dire che chi ha comprato Telecom Italia abbia fatto un affare sensazionale, un po? meno l?ha fatto lo Stato Italiano privatizzando un?azienda ?svendendola?. Per questo possiamo ringraziare i nostri politici che hanno dimostrato di non sapere amministrare la ?cosa pubblica? con la diligenza del buon padre di famiglia. 3) Accesso a costo zero.Non credo sia possibile rendere a costo zero ciò che non ha un costo zero effettivo. Pienamente d?accordo sul fatto che lo Stato sia latente e non sia in grado o non voglia identificare come incentivare il nuovo mercato (al punto 2 ho già spiegato uno degli errori più grossi che sono stati fatti in questo senso).4) Incentivi dello Stato.E? vero. E parliamo dello stesso Stato che si crogiola in una sudditanza tecnologica nei confronti di una ditta (Microsoft) che è diventata monopolista grazie all?acquisto acritico di strutture e software anche da parte delle Pubbliche Amministrazioni.5) Internet e pornografia.Vero quello che dice il lettore. Internet è un mezzo di comunicazione molto potente, e come tale spiace vedere che a creare mercato sono per primi la pornografia e le attività illecite. Di nuovo la dimostrazione di uno Stato dormiente che non solo non aiuta la ricerca sulle nuove tecnologie qui in Italia ma ignora totalmente ogni forma di innovazione.6) Facilità d?uso.Perfettamente d?accordo! Di nuovo, sono convinto che la direzione giusta per l?innovazione sia quella di favorire standard, protocolli e software aperti. Ostacolare i monopoli è il punto cardine per il quale mi batto tutti i giorni... il resto lo farebbe l?ingegno delle aziende che vorranno accettare la sfida!Evidentemente invece c?è qualcuno in Italia a cui i monopoli fanno comodo e che ne ostacola l?eliminazione.Saluti,Leonardo.
  • Anonimo scrive:
    fake economy
    Non concordo per niente con l'articoloe le lettere degli utenti...Cosa c'entrano gli accessi?? In italiale persone che accedono ad internetsono gia' abbastanza e non e' certo 1000o 5000 accessi in piu' che farebbero innalzare la quantita' di vendite online...I motivi sono altri....e siccome faccioquesto lavoro ve li illustro:1: Prezzi dei servizi webAll'inizio il web era una specie di artee a me piaceva vederlo cosi'. ma appena e' passato nelle mani delle web agency(comandate il piu' delle volte da persone che nemmeno sanno installare un antivirus) e'stato relegato alla forma di servizio...e piueconomico era meglio era....Il lavoro dei grafici trattato come il lavorodei muratori....Adesso c'e' un'inversione di tendenzaper cui servizi pressoche' inutili tipositi web attivi fatti in asp o php vengonofatti pagare decine di milioni e i siti sonotutti uguali, tutti la solita homepagecon i canali tematici, il login , l'ultimorae 25mila banner....Pensate che agli utenti freghi qualcosadi siti simili alle Mall (peraltro fatti male)che per girarli tutti tra popup e bannerla quantita' di contenuti visti e' pari a 0 ?2:la mancanza di idee di chi tiene le redinicome dicevo sopra, di solito chi tiene leredini delle web agenzy piu' grandi (perlomenocosi' e' nella mia zona , la toscana) non saniente della comunita' internet, di cio' chefunziona oppure no....e che non si puo' prendere per il culo l'utente con siti civettapieni di banner che non offrono niente...3: l'ecommerce perche' ?appunto....ci vogliono dei buoni motiviper creare un sito di ecommerce, e al clienteandrebbe spiegato che non e' che arriva il primo negoziante di pentole giocattoli o camiciemette su il sito con il carrello (OHH QUANTO PIACEQUESTA PAROLA AI NUOVI IMPRENDITORI VIRTUALI) e fai soldi....alla gente non frega nulla di vedere siti conreferral per comprare libri, alla gente non fregadi siti dove si vende il cacio della grottao la salsa di peperoncino calabrese...primoper i prezzi super addizionati, secondo perche'certe cose la gente le vuol comprare di persona..oppure non vuole proprio comprarle.Infatti molti siti cosi' sopravvivono soloperche' presi d'assalto da americani e giapponesiche comunque con quello che guadagnano nelloro paese possono permettersi anche di sbagliareun acquisto....eppoi basta con i siti fotocopia...ma davveroquesti commerciali dell'ultimo momento noncapiscono ad esempio vedere 250000 siti diversiche offrono contati con gli agriturismoitaliani PUO' FAR PENSARE IL CLIENTE CHE SIAMOUN PAESE DI GENTE RIDICOLA ?Oppure siti con le recensioni (5 di numero)di telefonini e 45 banner ....pensate davveroche quando ci sono passato una volta , per errore magari, ci tornero' ???Quindi alla fine il problema secondo me si puo'raccogliere in un solo punto: Chi dirige e' lontano anni luce dalla realta'l'unica cosa che gli importa e' di trovaremodi per fare soldi veloci e scappare, poiche'c'e' una paura matta di perdere tutto in pochi mesi...Il mio consiglio per tutti questi buontemponiche hanno qualche decina di milioni (magari di papy) da investire e pensano di diventare miliardari con la new economy e':giocate al videopoker !!!! non farete i miliardi lo stesso, ma almeno la smetteretedi riempirci la rete con il vostro trash !!!@
    • Anonimo scrive:
      L'opinione di un analista del settore
      - Scritto da: @
      3: l'ecommerce perche' ?
      appunto....ci vogliono dei buoni motivi
      per creare un sito di ecommerce, e al cliente
      andrebbe spiegato che non e' che arriva il
      primo negoziante di pentole giocattoli o
      camicie
      mette su il sito con il carrello (OHH QUANTO
      PIACE
      QUESTA PAROLA AI NUOVI IMPRENDITORI
      VIRTUALI) e fa
      i soldi....Non e` la mia opinione, ma di unanalista del settore.Si chiama Niko.Mi disse una volta:"L'e-commerce non funziona perche`la gente,la sera, anziche` girare per i sitia comprare merce ad un costo superioresenza poterla vedere e senza potervedere in faccia quello che te la vende,preferisce piuttosto magnare, beree scopare come selvaggi"Pino Silvestre
      • Anonimo scrive:
        Re: L'opinione di un analista del settore

        Non e` la mia opinione, ma di un
        analista del settore.
        Si chiama Niko.
        Mi disse una volta:
        "L'e-commerce non funziona perche`la gente,
        la sera, anziche` girare per i siti
        a comprare merce ad un costo superiore
        senza poterla vedere e senza poter
        vedere in faccia quello che te la vende,
        preferisce piuttosto magnare, bere
        e scopare come selvaggi"

        Pino SilvestreQuesta è l'opinione più sensata sulla new economy che abbia mai sentito ;-D
  • Anonimo scrive:
    aggiungerei anche....
    ...la mancanza di formazione sull'utilizzo di internet all'interno delle aziende.un esempio: se ti potessi comperare una ferrari a poco prezzo, la compreresti subito. Specialmente se leggendo i giornali scopri che tutti gli altri ce l'hanno.Per prima cosa apprezzeresti lo status, il tuo ego sarebbe appagato, ma poi?Scopriresti che la macchina consuma, che è difficile da guidare, anzi, CHE NON SEI CAPACE DI PORTARLA AL LIMITE, e che forse, per la strada che devi fare tu, ti bastava anche una panda.La delusione ti pervade, lo stato magari nel frattempo ti raddoppia il bollo e l'assicurazione, ti impone di fare solo certe strade, magari ti dice anche che se comperi una ferrari.it non va bene, puoi solo comperare una ferrari.tv o se vuoi mantenerne la proprietà, devi fare una società all'estero.Questa è internet in italia: una ferrari nelle mani di tutti, ma inutilizzabile.Gli imprenditori NON sanno come usarla a dovere ( per lo meno non tutti) le aziende fanno ordini via fax (!) e non utilizzando carrelli della spesa o la posta elettronica.Per le altre cose sono d'accordo con te.
    • Anonimo scrive:
      Re: aggiungerei anche....
      Grazie per il contributo!Ho scritto l'email anche per fare emergere altre situazioni, e tu hai capito l'intento!Grazie- Scritto da: mdrodi
      ...la mancanza di formazione sull'utilizzo
      di internet all'interno delle aziende.

      un esempio: se ti potessi comperare una
      ferrari a poco prezzo, la compreresti
      subito. Specialmente se leggendo i giornali
      scopri che tutti gli altri ce l'hanno.
      Per prima cosa apprezzeresti lo status, il
      tuo ego sarebbe appagato, ma poi?

      Scopriresti che la macchina consuma, che è
      difficile da guidare, anzi, CHE NON SEI
      CAPACE DI PORTARLA AL LIMITE, e che forse,
      per la strada che devi fare tu, ti bastava
      anche una panda.

      La delusione ti pervade, lo stato magari nel
      frattempo ti raddoppia il bollo e
      l'assicurazione, ti impone di fare solo
      certe strade, magari ti dice anche che se
      comperi una ferrari.it non va bene, puoi
      solo comperare una ferrari.tv o se vuoi
      mantenerne la proprietà, devi fare una
      società all'estero.

      Questa è internet in italia: una ferrari
      nelle mani di tutti, ma inutilizzabile.

      Gli imprenditori NON sanno come usarla a
      dovere ( per lo meno non tutti) le aziende
      fanno ordini via fax (!) e non utilizzando
      carrelli della spesa o la posta elettronica.

      Per le altre cose sono d'accordo con te.
Chiudi i commenti