L'iPhone accende le luci rosse

Il melafonino non si presta solamente ad essere sfruttato per applicazioni convenzionali: ora che è stato scoperto dal mercato dei prodotti "vietati ai minori", la sua versatilità mostra inedite sfaccettature

Roma – La scorsa settimana, a Las Vegas, si è verificata una curiosa convergenza di eventi: oltre ad accogliere il CES 2008 , la capitale del gioco ha ospitato la Adult Video Network convention . Non c’è da meravigliarsi che qualcuno abbia colto l’occasione per visitare le due manifestazioni, ma è curioso rilevare come entrambi gli appuntamenti abbiano ospitato un protagonista: si tratta dell’iPhone, che secondo i produttori di film per adulti, farà parte della prossima frontiera… del porno.

Il melafonino eccita le fantasie dei producers che per i contenuti hard vedono grandi potenzialità nell’apparecchio. Secondo quanto osservato da The Inquirer , le risorse sviluppate ad hoc per l’iPhone – siti web di distributori ed accessori – starebbero spuntando ovunque. Tra coloro che stanno cogliendo l’opportunità di rendere fruibili i propri contenuti sull’apparecchio ci sono Pink Visual, che ha approntato un nuovo sito in versione mobile , e Digital Playground, che distribuisce trailer di video in formato compatibile per iPhone.

Ma nel business vietato ai minori, il music-phone di Apple non è solamente un teatrino tecnologico. Tanto per fare un paio di esempi, anche il mercato degli accessori ha scoperto di poterne sfruttare la versatilità: esisterebbero gingilli per adulti iPhone-powered e ingegnosi kit software – come iBrate che trasformano lo stesso apparecchio in un oggetto da sexy-shop .

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Non vale per me
    Tutti i siti che seguo regolarmente hanno un feed RSS, e gli aggiornamenti arrivano automaticamente sul mio aggregatore. La homepage forse la vedo la prima volta, spesso neanche quella visto che in genere arrivo sui siti nuovi tramite un link trovato su qualche blog, forum o newsgroup.Se un sito non ha un feed è altamente improbabile che mi ricordi / mi venga voglia di aprire il browser, cercare il bookmark (anche se le parole chiave di FF aiutano molto) e entrare nel sito. La mia fruizione rimane comunque saltuaria.PI è un'eccezione, visto che uso entrambi i metodi, e spesso apro la homepage solo per vedere la vignetta di Schiavoni :D
Chiudi i commenti