L'MPEG4 sbarca sulle reti mobili 3G

Una speciale versione dell'MPEG4 diverrà la tecnologia base per lo streaming di contenuti multimediali sulla terza generazione delle reti mobili, in particolar modo per le applicazioni real-time come TV e videoconferenza


Londra – L’MPEG4, un formato di compressione già alla base della maggior parte delle più note tecnologie per lo streaming di contenuti su Internet, sembra sulla giusta strada per divenire uno dei pilastri portanti dell’infrastruttura multimediale delle reti mobili di terza generazione (3G).

Una versione del formato MPEG4 basato sul Real-time Transfer Protocol, proposto da colossi del calibro di Matsushita Electric, NEC, Nippon Telegraph and Telephone (NTT), Oki Electric e Toshiba, può ora contare sull’appoggio ufficiale della 3G Partnership Project (3GPP), della Internet Engineering Task Force (IETF) e dell’International Telecommunications Union (ITU).

Insieme, queste entità cercheranno di partorire uno standard che possa favorire la distribuzione di flussi audio/video attraverso Internet e, in particolar modo, attraverso la prossima generazione di telefoni cellulari.

Grazie all’incontro fra lo standard di compressione MPEG4 ed il protocollo RTP, questa emergente tecnologia sarà particolarmente adatta per lo streaming di contenuti in tempo reale, come TV e videoconferenza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti