Londra, difficoltà con i passaporti biometrici

UK Passport Service ha dichiarato che il margine di errore dello scanning facciale degli e-passport è del 14%; le organizzazioni per il diritto alla privacy sostengono che sia molto più alto


Londra – Le soluzioni di riconoscimento biometrico facciale dei passaporti elettronici non sarebbero ancora totalmente affidabili, secondo le ultime dichiarazioni ufficiali del UK Passport Service . L’ente anglosassone ha ammesso che il margine di errore – nei riconoscimenti – è ancora piuttosto elevato. Se durante tutto il periodo autunnale di test gli errori si contavano in uno ogni sette documenti, adesso le statistiche hanno evidenziato un leggero miglioramento: uno ogni dieci passaporti.

Questo leggero abbassamento del rating negativo, secondo UKPS, è dovuto all’ aggiornamento delle linee guida per la realizzazione delle foto. I passaporti elettronici integrano un chip che, oltre a memorizzare tutti i dati del cittadino, dispongono della versione digitale della sua foto personale. Lo scanning, per raggiungere il massimo dell’efficienza, ha bisogno di un immagine ad alta qualità e conforme alle nuove specifiche. In passato, molti cittadini avevano fornito fotografie realizzate con stampanti di casa con risoluzioni da pochi DPI. Adesso, con indicazioni specifiche che sottolineano l’esigenza di un’espressione “neutrale”, senza sorrisi , l’uso di carta di qualità e una risoluzione di 1200 dpi , le performance di scanning potrebbero migliorare sensibilmente.

“Il riconoscimento facciale è già utilizzato in altri settori, ma questa soluzione è decisamente più avanzata perché in grado di confrontare i dati biometrici archiviati sul chip con un’immagine live catturata durante i controlli all’aeroporto. Comunque per ottenere questo risultato la fotografia che i cittadini consegnano all’atto della richiesta del documento deve essere di qualità”, ha dichiarato un portavoce di UKPS. “Le immagini realizzate con la stampante di casa non vanno bene, il software che si occupa dell’elaborazione non è in grado di svolgere al meglio il suo compito”.

UKPS, malgrado questi risultati, ha più volte confermato che la scelta di utilizzare le tecnologie biometriche non è un errore ma un giusto progetto programmatico per migliorare la qualità dei controlli. “Ci stiamo impegnando per diminuire il tasso di errore, ma certamente non si tratta di un problema tecnologico. I nuovi passaporti rispondono adeguatamente alle direttive della International Civil Aviation Organisation ( ICAO )”, ha aggiunto il portavoce UKPS.

Molti sostenitori del diritto alla privacy, però, continuano a sostenere l’innaffidabilità dei sistemi biometrici a riconoscimento facciale. Epic ha raccolto molti dati al riguardo, che indicano un margine di errore che con certe tecnologie supera persino il 50%. Secondo gli attivisti gli esami disponibili sul rendimento di questi sistemi rivelano risultati completamente diversi da quelli pubblicizzati dagli enti governativi.

Lo US National Institute of Standards and Technology (NIST) si è recentemente espressa sulle tecnologie di riconoscimento facciale ammettendo che nella maggior parte dei casi ottengono risultati inferiori a quelle utilizzate per le impronte digitali. La differenza è che nel primo caso i costi di implementazione sono nettamente inferiori.

E se gli Stati Uniti , la Germania , la Gran Bretagna, l’ Australia , la Danimarca e tanti altri paesi UE ed extra UE sono ormai lanciati nello sviluppo di e-passport, in Italia solo quattro Questure (Roma, Milano, Palermo e Napoli) sono dotate dei dispositivi specifici che permettono il rilascio dei passaporti con fotografia digitale . Gli e-passport sono un’altra cosa, ancora una chimera.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AnyFile scrive:
    x-director
    Che accidenti e' un'applicazione x-director?
  • Anonimo scrive:
    Mozart=Mac
    Windows=SalieriMozart=MacLinux=...
  • Anonimo scrive:
    Perché Mozart?
    Cioe' tra tutti i compositori perche' sempre e solo di Mozart si deve parlare? Cavolo potevano digitalizzare BACH!!!
    • vashkenazy scrive:
      Re: Perché Mozart?
      Anche io non capisco la "Mozartite" imperante... e sono pure musicista. Immagino sia perché Mozart è stato molto precoce e alla gente piace pensare che proprio per questo sia stato un "genio".Compositori altrettanto (per me) dotati, da Beethoven a Bach, sono considerati più "normali" perché evidentemente da bambini giocavano anziché comporre :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché Mozart?
        Non sarà perchè il 2006 - 250eseimo anniversario della nascita di Mozart - è l'anno mozartiano?http://www.aniferhof.at/mozartjahr2006.81.2.html
      • AnyFile scrive:
        Re: Perché Mozart?
        - Scritto da: vashkenazy
        Immagino sia perché Mozart
        è stato molto precoce e [...]
        Beethoven a Bach, sono considerati più "normali"
        perché evidentemente da bambini giocavano anziché
        comporre :)
        Se non mi ricordo male (non sono esperto) mi pare che nenache Bach o Beethoven da piccoli non si dedicassero soltanto ai giochi ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché Mozart?
      - Scritto da: Anonimo
      Cioe' tra tutti i compositori perche' sempre e
      solo di Mozart si deve parlare? Cavolo potevano
      digitalizzare BACH!!!Lo fornisci tu il diario di Bach?
      • AnyFile scrive:
        Re: Perché Mozart?
        - Scritto da: Anonimo
        Lo fornisci tu il diario di Bach?In effetti n questo genere di cose dipende molto da quello che si ha a disposizione (anche se spesso hanno il loro peso anche scelte piu' o meno "politiche" o di parte)
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché Mozart?
      In fatti, secondo me, la miglior musica classica che sia mai stata creata è rappresentata dal Concerto brandeburghese di Bach. Altro che Mozart.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché Mozart?
        - Scritto da: Gabryel
        In fatti, secondo me, la miglior musica classica
        che sia mai stata creata è rappresentata dal
        Concerto brandeburghese di Bach. Altro che
        Mozart.Cioè, secondo me, anfatti, cioè, 'nsomma, vojo dire che, cioè la mejo musica l'ha fatta Ludwig, pure un amico mio me l'ha detto che Beethoven è sempre Beethoven. Cioè...... :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché Mozart?
        - Scritto da: Gabryel
        In fatti, secondo me, la miglior musica classica
        che sia mai stata creata è rappresentata dal
        Concerto brandeburghese di Bach. Altro che
        Mozart.....è cominciata l'era della TrollMusic....
      • maleakim scrive:
        Re: Perché Mozart?
        - Scritto da: Gabryel
        In fatti, secondo me, la miglior musica classica
        che sia mai stata creata è rappresentata dal
        Concerto brandeburghese di Bach. Altro che
        Mozart.Quale dei 6, scusa?
  • Anonimo scrive:
    beh, parliamone...
    se qualcuno riesce a vedere i contenuti di quel sito sotto gnu/linux, mi faccia un fischio, perche' (e non e' una trollata, visto che io uso SOLO Suse Linux) a causa della mancata disponibilita' da parte di Adobe/Macromedia di un plug-in Shockwave Director per la piattaforma Linux (e non l'ho trovato ne' per Firefox, ne' per Opera, oltre che per Konqueror), non e' possibile nemmeno sfogliare molte delle sezioni del sito.ho gia' scritto a questi geni, se volete fatelo anche voi.
    • Anonimo scrive:
      Re: beh, parliamone...
      - Scritto da: Anonimo
      se qualcuno riesce a vedere i contenuti di quel
      sito sotto gnu/linux, mi faccia un fischio,
      perche' (e non e' una trollata, visto che io uso
      SOLO Suse Linux) a causa della mancata
      disponibilita' da parte di Adobe/Macromedia di un
      plug-in Shockwave Director per la piattaforma
      Linux (e non l'ho trovato ne' per Firefox, ne'
      per Opera, oltre che per Konqueror), non e'
      possibile nemmeno sfogliare molte delle sezioni
      del sito.
      ho gia' scritto a questi geni, se volete fatelo
      anche voi.Io invece con il buon vecchio Win98 e IE6 apro, sfoglio e ascolto senza problemi... non voglio trollare, ma lo vedete che nell'uso quotidiano per l'utente normale linux è tuttora improponibile? Questo è uno dei mille esempi...
      • Anonimo scrive:
        Re: beh, parliamone...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        se qualcuno riesce a vedere i contenuti di quel

        sito sotto gnu/linux, mi faccia un fischio,

        perche' (e non e' una trollata, visto che io uso

        SOLO Suse Linux) a causa della mancata

        disponibilita' da parte di Adobe/Macromedia di
        un

        plug-in Shockwave Director per la piattaforma

        Linux (e non l'ho trovato ne' per Firefox, ne'

        per Opera, oltre che per Konqueror), non e'

        possibile nemmeno sfogliare molte delle sezioni

        del sito.

        ho gia' scritto a questi geni, se volete fatelo

        anche voi.

        Io invece con il buon vecchio Win98 e IE6 apro,
        sfoglio e ascolto senza problemi... non voglio
        trollare, ma lo vedete che nell'uso quotidiano
        per l'utente normale linux è tuttora
        improponibile? Questo è uno dei mille esempi...A parte il "piccolo" particolare che il web era nato per distribuire informazioni "a prescindere" dal dispositivo di visualizzazione!!! Una pagina deve essere consultabile anche da un terminale a caratteri, non avrò le lucine e le icone che girano (come le palle!!!) ma almeno le informazioni DEVONO essere fornite!Tutto il resto (win98,linux,mac...ce l'ho piu lungo io...no tu..) sono solo fesserie!
        • Anonimo scrive:
          Re: beh, parliamone...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          se qualcuno riesce a vedere i contenuti di
          quel


          sito sotto gnu/linux, mi faccia un fischio,


          perche' (e non e' una trollata, visto che io
          uso


          SOLO Suse Linux) a causa della mancata


          disponibilita' da parte di Adobe/Macromedia di

          un


          plug-in Shockwave Director per la piattaforma


          Linux (e non l'ho trovato ne' per Firefox, ne'


          per Opera, oltre che per Konqueror), non e'


          possibile nemmeno sfogliare molte delle
          sezioni


          del sito.


          ho gia' scritto a questi geni, se volete
          fatelo


          anche voi.



          Io invece con il buon vecchio Win98 e IE6 apro,

          sfoglio e ascolto senza problemi... non voglio

          trollare, ma lo vedete che nell'uso quotidiano

          per l'utente normale linux è tuttora

          improponibile? Questo è uno dei mille esempi...

          A parte il "piccolo" particolare che il web era
          nato per distribuire informazioni "a prescindere"
          dal dispositivo di visualizzazione!!! Una pagina
          deve essere consultabile anche da un terminale a
          caratteri, non avrò le lucine e le icone che
          girano (come le palle!!!) ma almeno le
          informazioni DEVONO essere fornite!
          Tutto il resto (win98,linux,mac...ce l'ho piu
          lungo io...no tu..) sono solo fesserie!già, purtroppo il web dev'essere agnostico rispetto alla piattaforma...poi nei casi concreti troviamo ancora siti di banche "ottimizzate per IE con risoluzione 1024*768"che nervoso...
Chiudi i commenti