Lotus Collaboration Summit, ci siamo

L'evento IBM con cui verranno lanciati ufficialmente anche in Italia Lotus Notes e Domino 8 è ormai alle porte. Tutti i dettagli

Milano – Cresce l’attesa per un evento sul quale IBM in Italia sta puntando molto, il lancio ufficiale delle piattaforme Lotus Notes e Domino 8, prodotti di punta con cui l’azienda intende aumentare lo share di mercato nell’affollato segmento del software collaborativo e di produttività in cui Notes è presente ormai da molti anni.

Il Lotus Collaboration Summit pone l’accento anche sui nuovi strumenti Web 2.0 realizzati dall’azienda. Si parlerà quindi anche di Quickr, Connections e Sametime “con tutte le novità dell’offerta IBM Systems – sottolinea IBM – e le caratteristiche di IBM Omnifind”. Nel complesso, spiega IBM, si tratta di un soluzioni che compongono “un portfolio completo, con standard aperti e tecnologie avanzate per una collaborazione efficiente.

La manifestazione non a caso partirà l’8 ottobre (che IBM scrive 8 di 8bre a segnare la centralità di Domino 8), e si protrarrà fino al 18 con cinque tappe tutte italiane: Milano (8 ottobre), Roma (il 10), Bologna (il 12), Padova (il 16) e Palermo (il 18).

All’evento viene dedicato un esaustivo sito web che descrive non solo nei dettagli ciascuna delle tappe ma inizia a dare un assaggio delle tecnologie in campo, di cosa ci si può costruire e quali sono i punti forti dell’offerta. Tra i materiali presenti anche la demo U.S. di Lotus Notes, disponibile a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nello Gala scrive:
    A scimmia piromane...
    Cassio!Ma lo sai che linux non chiede soldi?Chiede solo inteligenza, dote rara....Scusa ma allora perché non farlo a Ms?opss già fatto, la Ue , con scarsi risultati....Banana buona, windows, vero?
  • Nicolò Chieffo scrive:
    cause? forse non è la scelta migliore
    secondo me l'unico modo per far smettere alle grandi compagnie di fare quello che gli pare per guadagnare di più, senza considerare i diritti degli acquirenti è quello di:a) non comprare quei prodotti, per vedere se la loro politica cambia da sè (non credo sia fattibile)b) cercare in qualche modo di far arrivare la questione ad un organismo che legifera, come il parlamento europeo o quello che in europa fa le leggicontinuare a sostenere cause da singoli è uno spreco di tempo ed un atteggiamento egoistico (nel senso che non è per il bene della comunità ma per il proprio bene)
    • leeooo scrive:
      Re: cause? forse non è la scelta migliore
      ma x la compagnia-studio legale che ha organizzato la mega causa sicuramente si!Sai quanto ci guadagnano in soldi e pubblicità (a prescindere del fatto che vincano o perdano?)Quando si parla di business nell'articolo non si intende business x gli utenti, ma business x lo studio legale
      • Nicolò Chieffo scrive:
        Re: cause? forse non è la scelta migliore
        Ma io parlavo di una cosa utile agli utenti... non mi interessa fare il bene dello studio legale. Solo limitare le mosse di mercato che le grandi aziende impongono agli utenti
        • ultrastudio scrive:
          Re: cause? forse non è la scelta migliore
          Caro Nicolò, l'UE ha emanato direttive su direttive e la quasi totalità degli stati membri (Italia compresa) le ha recepite ed integrate nel sistema legale nazionale.Qui da noi in Italia esiste dal 2005 una legge nota come Codice del Consumo che regola i rapporti di garanzia e tutela tra Produttore, Impresa, Consumatore/Utente ed Associazioni di tutela.In buona sostanza quello che Apple ed AT&T, T-Mobile ed O2 fanno non è affatto illegale e nemmeno lesivo, perché si basa sul consenso dell'utente finale che è disponibile ad acquistare sia l'oggetto che stipulare un contratto biennale con l'operatore.Secondo Rocco Tarocco, siccome l'iPhone non è a "prezzo politico", è lecito COMPRARLO, FIRMARE UN CONTRATTO E POI VIOLARLO. E' in sostanza come se tu entrassi in una concessionaria Ferrari, comprassi l'ultimo modello, ma poi pretenderesti che non te la facessero pagare (ma vuoi che ti firmino i tagliandi di manutenzione).Se non puoi permetterti un Ferrari, semplicemente non te lo compri.Se non puoi comprarti un iPhone, semplicemente non te lo compri.
    • marco scrive:
      Re: cause? forse non è la scelta migliore
      per la forma di sciopero anche io non credo sia fattibile, infatti c'è un vero e proprio monopolio in certi settori, vedi microsoft.sembrano un pò quegli scioperi a giorni contro i gestori di benzina, per un giorno non la fai ma dopo la devi fare perchè sei vincolato, lo stesso per i sistemi microsoft e certi programmi per chi lavora. infatti gli introiti dalla fascia degliutenti casalinghi credo provenga quasi esclusivamente dalle licenze oem che ci infinocchiano al negozio senza peraltro quasi possibilità di scelta.per l'organismo che legifera è veramente molto difficile, essendo il mercato di tipo globale e queste aziende con le sedi fuori dal territorio di competenza dei nostri organi di istituzione come il parlamento europeo eccetera.
  • Adrianotiger scrive:
    sempre queste cause...
    Incredibile quello che si sente ultimamente...- Uno si compra windows, poi gli si fa cause perché con l'installazione non vengono installati programmi di terzi...- Uno si compra il computer poi si fa causa perché non voleva i programmi che venivano venduti assieme- Uno si compra un telefono e poi fa causa perché non può cambiare compania.BASTA!!!!!! Dove viviamo?E la cosa più divertente: chi trovava giusto fare causa a microsoft, non trova giusto che venga fatto causa alla Apple!Siete da mettere tutti in un pentolone, uscirebbe un bel minestrone di zucche di rapa! :P Heheh
    • leeooo scrive:
      Re: sempre queste cause...
      Guarda che è un po come prendere un telefono 3 e farlo sbloccare, e poi pretendere chissacchè dalla 3 xkè ha fatto un aggiornamento che a te non arriva xkè lo hai sbloccato e modificato.
      • Adrianotiger scrive:
        Re: sempre queste cause...
        appunto! E' quello che ho scritto!
      • Rocco Tarocco scrive:
        Re: sempre queste cause...
        è qui che ti sbagli! un conto è prendere un telefonino della 3 ad un prezzo mooolto scontato... è logico che sei vincolato a usare 3 per coprire il costo del telefono...mentre l'iPhone l'hanno fatto pagare fin troppo per un aggeggino del cavolo senza nulla di nuovo...come l'iPod... e la gente li compra solo perchè sono alla moda..
        • zeno scrive:
          Re: sempre queste cause...
          lol?adesso sei te col paraocchi.l'iphone è stato venduto probabilmente a un prezzo più alto di quello che probabilmente meritava. ed il prezzo è stato abbassato. se la gente la comprato appena uscito probabilmente era perchè lo voleva dannatamente tanto. e quindi non ci sono scuse che tengano. Non ha niente di nuovo? lol? ha uno schermo multitouch, un sistema operativo a prova di bomba, un browser (non una di quelle cagate degli smartphone, un browser vero, che si connette wi fi...e se l'ipod ha il 70% del mercato degli mp3 non è solo perchè è figo, è perchè oltre a essere figo funziona benissimo, ha un sistema operativo a prova di bomba, una tecnologia click wheel che ancora nessuno è riuscito a copiare e funziona meglio degli altri..
          • Adrianotiger scrive:
            Re: sempre queste cause...
            - Scritto da: zeno
            nuovo? lol? ha uno schermo multitouch, un sistema
            operativo a prova di bomba, Sistema operativo è qualcosa d'altro... Non puoi chiamare sistema operativo quello dell'iphone, dai!
            un browser (non una
            di quelle cagate degli smartphone, un browser
            vero, che si connette wi fi...1) browser è qualcosa di più... nessuno dice che deve esserci il safari come i cellulari costosi, ma se lo avessi provato rimarresti molto deluso del browser!2) connessione wifi? Ma quandomai? Secondo me hai letto la scheda tecnica del Nokia N80 o N95! No wifi nell'iphone! Niente musica via BT! No internet (solo una connessione WAP, che viene usata per internet).
          • ultrastudio scrive:
            Re: sempre queste cause...
            Magari prima di scrivere in base ai "sentito dire" non sarebbe male leggere le schede tecniche dei prodotti...http://www.apple.com/iphone/specs.html
          • Pietro scrive:
            Re: sempre queste cause...
            Forse intendeva UMTS...
          • ultrastudio scrive:
            Re: sempre queste cause...
            Secondo me intendeva dire quel che ha detto:"2) connessione wifi? Ma quandomai? Secondo me hai letto la scheda tecnica del Nokia N80 o N95! No wifi nell'iphone! Niente musica via BT! No internet (solo una connessione WAP, che viene usata per internet)."...e leggendo le specifiche tecniche è vero l'esatto contrario. ;)
        • leeooo scrive:
          Re: sempre queste cause...
          Il telefono lo vendevano con un contratto esclusivo con AT&T, a tot appena uscito.Se poi dopo un po il prezzo del solo iphone è calato sotto il prezzo di quello con il contratto, i clienti si possono lamentare del prezzo (infatti non so dove ho letto era previsto un rimborso anche se non totale del prezzo x i primi clienti a causa del calo).Altro discorso è lamentarsi di aver perso la garanzia xkè sbloccato, essere costretti ad avere quell'operatore con cui si è firmato un contratto o il firmware che non andava bene con il cell perkè sbloccato. Tutto ciò era già scritto nel contratto, non vedo xkè non dovrebbe valere, se poi il prezzo nn piace bastava non firmare il contratto all'acquisto. Solo che la gente voleva la nuova figata che va di moda e se la è comprata subito x essere "troppo in".Chiunque compra un cellulare nuovo ultimo modello appena uscito lo paga 1000 e dopo 3-4 mesi costa 500-600... xò non può fare causa alla compagnia xkè abbassa il prezzo.Tutto ciò indipendentemente da quello che l'oggetto in questione fa o non fa.Ora questa compagnia visto le proteste su internet ha pensato bene di farsi un pò di pubblicità e soldi, tanto loro fanno la causa e, o vincono o perdono, i soldi li incassano (senza contare la notorietà che tutto ciò porterà allo studio).
  • zeno scrive:
    fiera delle banane
    sì ma dai.. le clausole erano note da prima: iphone = contratto at&t, se lo sblocchi sono affaracci tuoi, cosa pretendi anche soldi indietro? è come chi sbrandizza i telefonini e poi la gente vuole lo stesso la garanzia..è come se io facessi causa alla microsoft per tutte le volte che windows va in crash e non ho fatto a tempo a salvare ciò a cui stavo lavorando
    • ultrastudio scrive:
      Re: fiera delle banane
      - Scritto da: zeno
      è come se io facessi causa alla microsoft per
      tutte le volte che windows va in crash e non ho
      fatto a tempo a salvare ciò a cui stavo
      lavorando :Da voler ben dire ci sarebbe da farlo... visto che Microsoft non lo vende proprio a buon mercato... comunque in linea di principio concordo con te.Il messaggio che andrebbe fatto passare è che un produttore non ti obbliga all'acquisto della propria merce, ma se l'acquirente accetta delle clausole limitative d'uso (purché legali e non vessatorie [e su questo ci sarebbe da dire parecchio a fronte della giurisprudenza corrente]) dopo, se vuole mantenere i servizi offerti si deve attenere a quanto stipulato.Dubito che chiunque abbia debrendizzato l'iPhone al primo guasto si presenti ad un Apple Store chiedendo di far valere la garanzia... sarebbe ben poco lungimirante...Comunque, secondo me, la pratica di portare in tribunale i grandi brand (informatici o meno che siano) è da ritenersi una forma di indotto (anche gli avvocati "tengono" famiglia...) :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 ottobre 2007 16.16-----------------------------------------------------------
      • Letargico scrive:
        Re: fiera delle banane

        a voler ben dire ci sarebbe da farlo... visto che
        Microsoft non lo vende proprio a buon mercato...A me pare che venda a buon mercato.Chi ha una versione di OSX e vuole aggiornarla a Leopard paga 129 euro.Chi vuole aggiornare Win da XP a Vista paga sui 99.Non faccio un raffronto di qualità, ma di prezzo.E a quanto si vede Win costa meno, almeno per chi aggiorna o compra una versione OEM.Questo ovviamente per i sis.op. che si pagano.
        • ultrastudio scrive:
          Re: fiera delle banane
          - Scritto da: Letargico

          a voler ben dire ci sarebbe da farlo... visto
          che

          Microsoft non lo vende proprio a buon mercato...
          A me pare che venda a buon mercato.
          Chi ha una versione di OSX e vuole aggiornarla a
          Leopard paga 129
          euro.
          Chi vuole aggiornare Win da XP a Vista paga sui
          99.
          Non faccio un raffronto di qualità, ma di prezzo.
          E a quanto si vede Win costa meno, almeno per chi
          aggiorna o compra una versione
          OEM.
          Questo ovviamente per i sis.op. che si pagano.Non è molto esatto quello che scrivi: per 99 euro ottieni solo un aggiornamento alla versione Vista Home Basic: cioé ottieni solo un prodotto rivolto al mercato dell'intrattenimento domestico limitato nelle funzioni. L'upgrade a Home Premium costa 199 euro, a Bussiness 299 ed ad Ultimate 399 euro.Basta vedere una tabella di confronto tra le versioni per rendersi conto che l'offerta di OSX a 129,00 (che ti ricordo non è un aggiornamento, ma una versione integrale e non viene distribuito come OEM) è in realtà molto più conveniente.Chi ha necessità a livello lavorativo di un PC, diffcilemte opterà per Home Basic (che pecca anche in sicurezza rispetto alle altre versioni), ma punterà verso Bussiness ed Ultimate, ben più complete, oppure (come sta avvenendo) non abbandonerà XP Pro.Apple non ti vende alcun aggiornamento: ti vende un OS completo SEMPRE a 129 euro, retro compatibile con i computre Apple prodotti negli ultimi 8-10 anni (G3, G4, G5, Intel). Per di più, esiste di OS X un'unica versione, senza distinzione d'uso.Oltre a questo c'è da considerare anche un altro argomento. Non tutti comprano computer con OEM (che comunque è una licenza che comporta limiti d'uso e che non può essere trasferita da un terminale all'altro, ma vive e muore col computer a cui è attribuita): chi decide di assemblare un PC e di voler installare per uso professionale (o meno) una copia di Vista può arrivare a spendere fino a 599,00 euro. A quel prezzo ci si può comprare un computer nuovo.I prezzi degli OEM di Microsoft sono differenti da quelli degli upgrade.Per ultima analisi, ricordo che le distro Linux possono essere, è vero, scaricate gratuitamente dai tracker ufficiali, ma vengono anche venduti in confezioni complete anche di documentazione (SUSE, Debian, Madriva) a prezzi che generalmente superano di poco i 100-120 euro.
        • leeooo scrive:
          Re: fiera delle banane
          - Scritto da: Letargico
          Chi ha una versione di OSX e vuole aggiornarla a
          Leopard paga 129 euro.
          Chi vuole aggiornare Win da XP a Vista paga sui
          99.
          Non faccio un raffronto di qualità, ma di prezzo.
          E a quanto si vede Win costa meno, almeno per chi
          aggiorna o compra una versione
          OEM.
          Questo ovviamente per i sis.op. che si pagano.Il prezzo 99 euro vale solo x la versione educational, che se nn ricordo male è scontata anche dalla Apple e credo anche a 99 (non ne sono sicuro).Il prezzo Upgrade è esattamente 149 euro.Quindi se guardi solo i prezzi, senza guardare la qualità, Win costa di + anche x la versione upgrade se consideriamo la release Vista Basic Home.Aggiungici che non esiste MACOSX basic o premium professional ulimate business ecc. (dove vai a risparmiare sempre di +) e in + se hai ad esempio mac osx 10.3 phanter e vuoi passare al nuovo leopard quando uscirà, oppure vuoi la versione nuova senza avere un mac, ti costa sempre 129 euro, mentre negli altri casi costa di +-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 ottobre 2007 18.03-----------------------------------------------------------
  • Hold scrive:
    Redazione, un lock a questo thread pleas
    "Redazione, un lock a questo thread please..."(da un messaggio sopra)Voi del linux, se aveste il potere, censurereste qualsiasi cosa vada contro il regime, pure le trollate più ingenue.La gente mediti.
    • Velocirapto r scrive:
      Re: Redazione, un lock a questo thread pleas
      Trolla trolla, che l'unica cosa che ti rende felice è sentire qualcuno che (ovviamente) la pensa diversamente da te...Sii felice... "Fare causa a cosa che non paghi una lira?" ;-)Redazione... RELOCK please...
    • marco scrive:
      Re: Redazione, un lock a questo thread pleas
      ma cosa stai scrivendo? cioè ma ti rendi conto della parola regime che vuol dire? se mai è microsoft che "pervade" ogni aspetto della nostra vita (informatica e non), comunque non voglio dilungarmi per non sfociare in polemiche.vorrei comunque rispondere alla scimmialinux lo installi e te lo tieni così com'è, è gratis e va da dio. se poi tu lo installi e sei frustrato perchè non trovi il menu start o aero e non puoi "godere" della tua esperienza vista-style puoi fargli pure causa così finiamo come gli americani, che fanno causa per ogni stronzata, tipo quello che si è bevuto la benzina da una porsche e poi ha fatto causa perchè sul libretto d'istruzioni non c'era.
  • scimmia piromane scrive:
    E SE FACESSIMO LO STESSO CON LINUX?
    Effetivamente linux delude le aspettative dell'utente medio nel 95% dei casi. si potrebbe quindi fare una causa colelttiva? Le cassaforti di debian dovrebbero essere piene zeppe di dollari, viste le donazioni incredibili di cui e' oggetto.Inoltre si sa', gli avvocati di stallmann non hanno mai fatto paura a nessuno.
    • Lillo scrive:
      Re: E SE FACESSIMO LO STESSO CON LINUX?
      Potremmo anche far causa a te per le castronerie che vieni a scrivere nei forum...Redazione, un lock a questo thread please...
Chiudi i commenti