L'utente preparato è anche venditore

Lo rileva Pew negli Stati Uniti: chi usa molto internet alla fine si ritrova ad utilizzarla per fare piccoli e grandi commerci. Qualche dato


New York (USA) – L’ultima indagine della Pew Internet and American Life Project riguardante le vendite online, ha evidenziato lo spiccato senso degli affari degli utenti statunitensi. Secondi i dati, almeno il 16% della popolazione Web, quindi circa 25 milioni di persone, utilizzerebbe normalmente la Rete per vendere prodotti o oggetti personali. Una sorta di mercatino dell’usato, che vede quotidianamente almeno tre milioni di persone “giocare” con vendite di ogni genere.

Il “mercante” medio di solito è un utente assiduo della Rete, dispone di una connessione broadband, ha almeno sei anni di esperienza online alle spalle, ha un’età compresa fra i 29 e 40 anni, ed è maschio. Questo il profilo tracciato da Pew Internet and American Life Project, basandosi su un campione di 2251 interviste telefoniche effettuate nel mese di settembre. Il margine di errore nei ratei dovrebbe aggirarsi, sempre secondo i ricercatori, in un massimo del 3%.

I siti Web più utilizzati per queste operazioni sono di due tipi: quelli di annunci e quelli di aste.
Le piattaforme di annunci hanno coinvolto il 22% degli utenti – circa 32 milioni di persone. Rispetto al 2004 l’incremento degli accessi è stato dell’80%. Craiglist.org svetta con i suoi 9 milioni di unique user al mese, registrando anche il più forte aumento del settore, con un +156%. La classifica comprende anche: Trader Publishing Company , Cars.com, Apartments.com etc… Il sito che ha perso più appeal è decisamente Yahoo! Classifieds , con un -42% rispetto all’anno scorso e un numero di unique user fermo sui 573 mila.

I siti di aste, per pochi punti percentuali, dominano ancora la scena grazie ad una share di gradimento del 24% – calcolata in circa 35 milioni di utenti. Rispetto alla precedente indagine del febbraio/marzo scorso è stato registrato un leggero incremento dell’audience valutato nel 2/3%. Il sito più utilizzato è eBay mentre i suoi competitor devono accontentarsi delle briciole.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    "Bravi consumatori"
    No comment.
  • Anonimo scrive:
    me ne sbatto...
    Io continuo a scaricare con amule, venitemi a prendere...Tanto i film me li guardo dalla condivisione samba criptata su un server linux...Ormai non spreco neanche piu' dvd o cd, leggo e cancello tanto, sono rari i film che vale la pena tenere, e quelli li acquisto volentieri in dvd quando i prezzi si abbassano.Per quanto riguarda gli mp3 vale lo stesso ragionamento...
    • Anonimo scrive:
      Re: me ne sbatto...
      - Scritto da: Anonimo
      Io continuo a scaricare con amule, venitemi a
      prendere...

      Tanto i film me li guardo dalla condivisione
      samba criptata su un server linux...

      Ormai non spreco neanche piu' dvd o cd, leggo e
      cancello tanto, sono rari i film che vale la pena
      tenere, e quelli li acquisto volentieri in dvd
      quando i prezzi si abbassano.

      Per quanto riguarda gli mp3 vale lo stesso
      ragionamento...evidentemente hai un'ampiezza di banda che te lo consente. i che vado a 3-4 kb/sec. non posso neanche volendo.
  • Guybrush scrive:
    Voi strillate, io agisco
    Esistono le etichette indipendentiEsistono brani musicali rilasciati sotto C.C.Esistono editori musicali onesti che pubblicano buona musica SENZA rompimenti di maroniEsiste tanta altra roba che non viene fatta passare in radio o in tv ma che merita il mio ascolto e merita quello che chiedono gli autori.Rispettate la proprieta' altrui e condividete materiale che NON sia protetto, come e' giusto che sia.Se Madonna non vuole che il suo ultimo singolo sia diffuso tramite P2P, perche' vi ostinate a metterlo in condivisione? Consumate banda e basta.Io mi ascolto altre cose, suono per i fatti miei la musica che mi pare (e senza pagare la SIAE) e piu' in generale mi dimentico proprio che esiste altra musica diversa da quella che mi viene passata, legittimamente, a gratis.
    GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Voi strillate, io agisco
      - Scritto da: Guybrush
      Rispettate la proprieta' altrui e condividete
      materiale che NON sia protetto, come e' giusto
      che sia.Perche' "giusto" ?Io non rispetto affatto il concetto per cui compro un oggetto (un libro o un cd) e comunque non ho il diritto di farci quello che voglio.Il diritto d'autore va' cancellato.
  • Anonimo scrive:
    Legalita` == Ingiustizia
    Il vero problema e` che "legalita`" in questo campo equivale ad "ingiustizia" e questo "i giovani" lo sanno bene. Nessuno vuole piu` avere a che fare con le grandi case discografiche, pagheremmo tutto quello che si deve agli artisti... ma piuttosto che dare soldi a quegli altri sfruttatori allora si va gratis. Cosi` e`.E non e` che nella legalita` ci sia qualche gusto particolare, al contrario c'e` solo disgusto tanto sai che quello che paghi andra` per lo 0,01% a quelli che ami e per tutto il resto va in tasca al sistema editoriale/pubblicitario e/o ad artisti che non centrano niente.Che "il problema" tirera` per le lunghe mi sembra ovvio non serviva l'ennesima analisi dell'ennesimo ente sconosciuto per dirlo, io spero prima di morire di vedere le grandi label tutte fallite.
  • SardinianBoy scrive:
    Denunciamo La S.I.A.E. !
    Perchè non denunciamo la SIAE ?Vista la tassa sui cd vergini, masterizzatori..ecc..., quante volte ci guadagnare questi fetenti vigliacchi ? E poi, oltre aver comprato un dvd/cd originale, se fai la copia ( col cd vergine- tassato dalla Siae ) , ti dicono che sei un criminale? Noooooooo......! Criminali LORO ! Ovviamente, non passerò MAI PIU' per un negozio di musica e film. Questi fetenti e vigliacchi hanno perso un cliente ! E ovviamente...tornando anche al discorso della Sony e dei rootkit, me ne guarderò la vista anche da quest i signori. Sporchi , fetenti e vigliacchi ! Idem per la Microsoft ! :D :D :D :D :D :D :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Denunciamo La S.I.A.E. !
      - Scritto da: SardinianBoy
      Perchè non denunciamo la SIAE ?
      Vista la tassa sui cd vergini,
      masterizzatori..ecc..., quante volte ci
      guadagnare questi fetenti vigliacchi ? E poi,
      oltre aver comprato un dvd/cd originale, se fai
      la copia ( col cd vergine- tassato dalla Siae ) ,
      ti dicono che sei un criminale? Noooooooo......!
      Criminali LORO ! Ovviamente, non passerò MAI
      PIU' per un negozio di musica e film. Questi
      fetenti e vigliacchi hanno perso un cliente ! E
      ovviamente...tornando anche al discorso della
      Sony e dei rootkit, me ne guarderò la vista anche
      da quest i signori. Sporchi , fetenti e
      vigliacchi ! Idem per la Microsoft ! :D :D :D
      :D :D :D :D :D :Dche fai la denunci tu? mamma mia quanto mi stanno sulle palle sti post che inneggiano a chissa' che soluzioni, quando poi alla fine sono solo cagate...purtroppo in italia si ragiona cosi', si sanno solamente sparare caxxate senza poi dare atto pratico
      • Anonimo scrive:
        Re: Denunciamo La S.I.A.E. !
        Forse lui è inconcludente, ma tu sei poco informato: sai che l'Italia rischia sanzioni dalla UE perché mantiene il monopolio SIAE sul diritto d'autore?
        • Anonimo scrive:
          Re: Denunciamo La S.I.A.E. !
          - Scritto da: Anonimo
          Forse lui è inconcludente, ma tu sei poco
          informato: sai che l'Italia rischia sanzioni
          dalla UE perché mantiene il monopolio SIAE sul
          diritto d'autore?A dire il vero gia' lo so, ma a questo punto piu' fatti e meno pugnette. FACCIAMO davvero qualcosa e non stiamo a parlare in un forum senza concludere nulla.
          • SardinianBoy scrive:
            Re: Denunciamo La S.I.A.E. !
            Io, tempo fa, avevo proposto, ( ora non so più nulla) di pagare ? 5,00 in più alle nostre flat adsl in modo che queste 5 euro potessero andare all'artista, tramite telezzozz...ecc..., e si potesse in ogni modo, continuare ad usare e scaricare a nostro piacimento, col mulo o con qualsiasi altro mezzo di p2p - file sharing. Le cose però sono andate diversamente, si è parlato solo di aumentare i prezzi adsl, ma allo stesso tempo è stato cmq stato necessario abbassarli perchè erano troppo alti. In conclusione, la SIAE, sarebbe da denunciare perchè il monopolio non è nemmeno giusto, così come accade con la rai , sky ( fo ) , ecc... Grazie - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Forse lui è inconcludente, ma tu sei poco

            informato: sai che l'Italia rischia sanzioni

            dalla UE perché mantiene il monopolio SIAE sul

            diritto d'autore?


            A dire il vero gia' lo so, ma a questo punto piu'
            fatti e meno pugnette. FACCIAMO davvero qualcosa
            e non stiamo a parlare in un forum senza
            concludere nulla.
  • fasibia scrive:
    Re: Ma come fanno a dire "gratis" ?

    computer ---
    1200 ? e sono stato basso, da
    cambiarsi ogni 2-4 anniOltre a questo 1200 euro, che mi fa capire che o usi il Mac, o usi portatili, visto che io, per lavoro ho speso meno della metà con due monitor compresi, dicevo, oltre questo, ci tenevo a dirti che questo è uno degli interventi assolutamente più inutili che abbia mai letto.L'ho detto e sto meglio.Fabio
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come fanno a dire "gratis" ?
      Facevi meglio a tenerti dentro il magone e a stare zitto credimi.
      • fasibia scrive:
        Re: Ma come fanno a dire
        - Scritto da: Anonimo
        Facevi meglio a tenerti dentro il magone e a
        stare zitto credimi.1. Stare zitto non me lo dici. Né a me né ad altri.2. Il ragionamento di chi ha aperto il 3d è illogico.Ci sono ottime ragioni per difendere il P2P, questa è la meno sensata che abbia mai letto. Potrei risponderti che anche i ladri di appartamento pagano la loro attrezzatura. per esempio.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma come fanno a dire
          stai zitto
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma come fanno a dire
            1200 euro un computer??? comprando tutto daccapo (con monitor) assemblato con 1000 euro prendi un signor pc...e dura benissimo anche 6 anni se non sei uno di quelli che cambia il pc per "far girare l'economia"
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma come fanno a dire
            - Scritto da: Anonimo
            stai zittoCome sei infantile. Hai paura delle parole? Ti metti a piangere se non ti danno ragione?
  • Anonimo scrive:
    Paghino meno i bambolotti
    Un De Andrè non credo abbia preso in vita sua tutti i soldi che hanno preso per un album o un video uno di quei bambolotti del pop o del rap che appaiono ogni 3 mesi nell'effimero mondo creato dalle "major".Al contrario i contenuti artistici e sociali da questi portati alle masse è infimo a confronto con il primo o qualcuno suo pari.Invece di stressare i consumatori di musica che per fortuna sanno ancora cosa scegliere per istinto o per gusto perché non imparano a valutare correttamente le loro creature musicali o video per quello che effettivamente producono o sono?Io mi regalo un cd o un dvd ogni tanto, però prendo qualcosa che sia degno di essere ascoltato negli anni, che farei sentire ai miei figli con orgoglio e che so che mi regala sempre emozioni e curiosità nell'ascoltare una creazione degna dell'intelletto umano. Se devo scegliere una canzonetta, unica minimamente decente in un album, che mi distrae mentre guido (a parte che uso la radio), per quella non ho intenzione di tirare fuori un centesimo, se non il tempo per organizzarla in una compilation con altre 20 sue simili. E per questo non mi sento disonesto, anzi ritengo che l' "artista" in questione dovrebbe ringraziarmi ed essere felice che gli sto dando retta. Poi ovviamente, se il tale in questione dimostra talento, l'opzione prima citata è sempre valida.
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Paghino meno i bambolotti
      - Scritto da: Anonimo
      Io mi regalo un cd o un dvd ogni tanto, però
      prendo qualcosa che sia degno di essere ascoltato
      negli anni, Te lo sconsiglio, sono pieni di DRM e non è detto che resteranno compatibili con i player molto a lungo.
  • Anonimo scrive:
    Questi ancora non hanno capito NIENTE!

    "Secondo le rilevazioni di Jupiter, l'uso dei network illegali supererebbe di tre volte il traffico legale, ovvero quello correlato ai siti musicali di vendita online." "La gioventù digitale di oggi è incontenibile nell'utilizzo del P2P per lo scambio illegale di musica. In futuro, però, acquisendo potere di acquisto, i giovani potrebbero diventare i clienti chiave per l'industria discografica", dichiara Mark Mulligan, analista presso Jupiter. Il rischio per l'industria è che, crescendo, i giovani non si trasformino in bravi consumatori come i loro predecessori.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questi ancora non hanno capito NIENT
      Ciao, per esempio io ho comprato l'ultimo album degli Oasis (in mp3 ad alta qualita') e 2 singoli e mi sono fatto da solo il cd con tutte le canzoni e lo ascolto sempre in auto.Ho speso circa 12 euro ma mi piacciono tutte le canzoni dell'album, non come certi artisti che fanno la canzone da "pubblicita'" e le altre scadenti, di riempimento.Nella situazione come la mia, trovo giusto pagare perche' alla fine sono due mesetti che in macchina per lavoro sono sereno e divertito:) mentre se ascoltassi le porcherie della radio magari mi verrebbe il mal di testa, quindi pago volentieri...e poi siamo parlando di 10/15 euro, non di milioni...Deve cmq essere sempre una mia scelta e no che se scarico una canzone per curiosita', mi vanno a denunciare...perche' sono sempre un loro cliente.Marco- Scritto da: Anonimo

      "Secondo le rilevazioni di Jupiter, l'uso dei
      network illegali supererebbe di tre volte il
      traffico legale, ovvero quello correlato ai siti
      musicali di vendita online."
      Vogliamo I DATI EFFETTIVI, NON LE STIME!
      E poi QUALI SONO I SITI CONSIDERATI????


      "La gioventù digitale di oggi è incontenibile
      nell'utilizzo del P2P per lo scambio illegale di
      musica. In futuro, però, acquisendo potere di
      acquisto, i giovani potrebbero diventare i
      clienti chiave per l'industria discografica",
      dichiara Mark Mulligan, analista presso Jupiter.
      Il rischio per l'industria è che, crescendo, i
      giovani non si trasformino in bravi consumatori
      come i loro predecessori.
      La gioventù di oggi è costituita perlopiù DI
      RAGAZZI i cui genitori NON HANNO UN POSTO DI
      LAVORO FISSO E GUADAGNANO MENO DEI LORO
      GENITORI!!!!!
      E comunque con i prezzi a cui viaggiano oggi i CD
      "i bravi consumatori" (che secondo me ha un vago
      sapore di "fessi che acquistavano un CD perché
      avevano sentito 1 brano, quello migliore, dalla
      pubblicità e dopo aver acquistato si trovavano
      con IL BRANO buono ed il resto monnezza, ma
      intanto le major gli avevano inc**to i soldi!) e
      che VOGLIONO AUMENTARE, i ragazzi NON COMPRANO
      finché i prezzi NON SARANNO ALLA LORO PORTATA!!!!
      Metteteli a 5 euro (come dal marocchino) e
      vedrete che i clienti aumenteranno!!! Sicuramente
      i marocchini abbasseranno il prezzo, ma la
      differenza di prezzo tra l'originale e la copia
      sarà molto più sottile di oggi, tenendo conto che
      per poco di più si ha un prodotto
      qualitativamente migliore, perché capita che il
      cd del marocchino non sia registrato bene ed il
      supporto presenti dei graffi, inoltre ha una
      copertina scadente e la custodia è una bustina di
      plastica!


      La BPI e le major non sembrano condividere
      questa visione e fino ad ora sono ricorse quasi
      esclusivamente a denunce e minacce, un deterrente
      che nei fatti non sembra però distogliere i
      giovani dall'uso del peer-to-peer. "A meno che
      l'industria musicale, in qualche modo
      alternativo, non riesca a convincere i giovani a
      all'acquisto legale - aggiunge Mulligan - è
      evidente che il problema potrebbe protrarsi a
      lungo. Hanno bisogno di comprendere il valore di
      un comportamento legale, che sia poi da
      fondamento per quando saranno più grandi. Una
      soluzione di compromesso potrebbe essere
      vantaggiosa per tutti i protagonisti", ha
      aggiunto Mulligan.
      Invece di pagare AVVOCATONI per denunce e minacce
      perché NON RISPARMIARE QUEI SOLDI E DESTINARLI AD
      UN CONCRETO ABBASSAMENTO DEI PREZZI?????
      I giovani LI CONVINCERETE SE I PREZZI SARANNO
      ABBORDABILI, non con le minacce!!!!
      E per quanto riguarda il comportamento legale: lo
      capiscono già che per UN FALSO IN BILANCIO non si
      va in galera, mentre per aver scaricato un brano
      sì. BELLA GIUSTIZIA!!!
      La soluzione di compromesso STA NELL'ANDARE
      INCONTRO A CIO' CHE VUOLE IL CLIENTE, non
      NELL'ALLONTANARLO!!!!



      La ricerca di Jupiter ha riscontrato che solo il
      5% degli utenti acquista legalmente musica
      online, a fronte di un 15% che utilizza sistemi
      di file-sharing. Nel campione intervistato, la
      fascia di età più "truffaldina" si è dimostrata
      quella fra i 15 e 24 anni, con un 34% che ha
      ammesso di non pagare assolutamente niente per il
      downloading musicale.
      Quanti DI QUEI GIOVANI LAVORANO???? Quanti INVECE
      SONO A CARICO DEI GENITORI che NON POSSONO
      PERMETTERSI DI SPENDERE DEI SOLDI PER DELLA
      VOLGARE MUSICA???? Perché QUEI GIOVANI devono
      sentirsi DIVERSI perché LORO NON POSSONO
      PERMETTERSI QUELLE COSE???
      Questo è ciò che capiscono! Perché devono
      sentirsi FRUSTRATI e crescere con una
      "castrazione culturale" rispetto agli altri????
      Da una musica o da un film possono ricevere molto
      in termini di esperienze di vita ed arricchire
      così la LORO VITA!!!
      QUESTO VOGLIONO QUEI GIOVANI!!!
      :(
    • subbia scrive:
      Re: Questi ancora non hanno capito NIENT
      - Scritto da: Anonimo

      "Secondo le rilevazioni di Jupiter, l'uso dei
      network illegali supererebbe di tre volte il
      traffico legale, ovvero quello correlato ai siti
      musicali di vendita online."
      Vogliamo I DATI EFFETTIVI, NON LE STIME!
      E poi QUALI SONO I SITI CONSIDERATI????


      "La gioventù digitale di oggi è incontenibile
      nell'utilizzo del P2P per lo scambio illegale di
      musica. In futuro, però, acquisendo potere di
      acquisto, i giovani potrebbero diventare i
      clienti chiave per l'industria discografica",
      dichiara Mark Mulligan, analista presso Jupiter.
      Il rischio per l'industria è che, crescendo, i
      giovani non si trasformino in bravi consumatori
      come i loro predecessori.
      La gioventù di oggi è costituita perlopiù DI
      RAGAZZI i cui genitori NON HANNO UN POSTO DI
      LAVORO FISSO E GUADAGNANO MENO DEI LORO
      GENITORI!!!!!
      E comunque con i prezzi a cui viaggiano oggi i CD
      "i bravi consumatori" (che secondo me ha un vago
      sapore di "fessi che acquistavano un CD perché
      avevano sentito 1 brano, quello migliore, dalla
      pubblicità e dopo aver acquistato si trovavano
      con IL BRANO buono ed il resto monnezza, ma
      intanto le major gli avevano inc**to i soldi!) e
      che VOGLIONO AUMENTARE, i ragazzi NON COMPRANO
      finché i prezzi NON SARANNO ALLA LORO PORTATA!!!!
      Metteteli a 5 euro (come dal marocchino) e
      vedrete che i clienti aumenteranno!!! Sicuramente
      i marocchini abbasseranno il prezzo, ma la
      differenza di prezzo tra l'originale e la copia
      sarà molto più sottile di oggi, tenendo conto che
      per poco di più si ha un prodotto
      qualitativamente migliore, perché capita che il
      cd del marocchino non sia registrato bene ed il
      supporto presenti dei graffi, inoltre ha una
      copertina scadente e la custodia è una bustina di
      plastica!


      La BPI e le major non sembrano condividere
      questa visione e fino ad ora sono ricorse quasi
      esclusivamente a denunce e minacce, un deterrente
      che nei fatti non sembra però distogliere i
      giovani dall'uso del peer-to-peer. "A meno che
      l'industria musicale, in qualche modo
      alternativo, non riesca a convincere i giovani a
      all'acquisto legale - aggiunge Mulligan - è
      evidente che il problema potrebbe protrarsi a
      lungo. Hanno bisogno di comprendere il valore di
      un comportamento legale, che sia poi da
      fondamento per quando saranno più grandi. Una
      soluzione di compromesso potrebbe essere
      vantaggiosa per tutti i protagonisti", ha
      aggiunto Mulligan.
      Invece di pagare AVVOCATONI per denunce e minacce
      perché NON RISPARMIARE QUEI SOLDI E DESTINARLI AD
      UN CONCRETO ABBASSAMENTO DEI PREZZI?????
      I giovani LI CONVINCERETE SE I PREZZI SARANNO
      ABBORDABILI, non con le minacce!!!!
      E per quanto riguarda il comportamento legale: lo
      capiscono già che per UN FALSO IN BILANCIO non si
      va in galera, mentre per aver scaricato un brano
      sì. BELLA GIUSTIZIA!!!
      La soluzione di compromesso STA NELL'ANDARE
      INCONTRO A CIO' CHE VUOLE IL CLIENTE, non
      NELL'ALLONTANARLO!!!!



      La ricerca di Jupiter ha riscontrato che solo il
      5% degli utenti acquista legalmente musica
      online, a fronte di un 15% che utilizza sistemi
      di file-sharing. Nel campione intervistato, la
      fascia di età più "truffaldina" si è dimostrata
      quella fra i 15 e 24 anni, con un 34% che ha
      ammesso di non pagare assolutamente niente per il
      downloading musicale.
      Quanti DI QUEI GIOVANI LAVORANO???? Quanti INVECE
      SONO A CARICO DEI GENITORI che NON POSSONO
      PERMETTERSI DI SPENDERE DEI SOLDI PER DELLA
      VOLGARE MUSICA???? Perché QUEI GIOVANI devono
      sentirsi DIVERSI perché LORO NON POSSONO
      PERMETTERSI QUELLE COSE???
      Questo è ciò che capiscono! Perché devono
      sentirsi FRUSTRATI e crescere con una
      "castrazione culturale" rispetto agli altri????
      Da una musica o da un film possono ricevere molto
      in termini di esperienze di vita ed arricchire
      così la LORO VITA!!!
      QUESTO VOGLIONO QUEI GIOVANI!!!
      :( Quoto e aggiungo che fino a quando non ci sarà una società equa, non potrà mai esserci un mercato equo. Questo significa: 1)signori politici imbroglioni e intasca mazzette: ANDATE AFF....... e lasciate posto a gente più giovane, più capace, più intelligente e più ONESTA! 2)signori della magistratura che non fanno un ca... dalla mattina alla sera: VEDIAMO DI LAVORARE, di aggiustare il codice penale e di non farla passare liscia a chi non lo merita! 3)gente conformista: SVEGLIA! ci stanno manipolando come vogliono, ci mettono le tasse e i prezzi che vogliono, ma io non ci stò! Non è vero che mal comune mezzo gaudio; mal comune?! OK, si individua la causa e si risolve, se non si riesce perchè qualcuno è più forte, si lascia da solo quello più forte, a piangersi addosso, vedrete che la classe dirigenziale deve dare conto a noi lavoratori, perchè siamo noi che possiamo portare avanti la società, basta volerlo!
      • Anonimo scrive:
        Re: Questi ancora non hanno capito NIENT
        imparate a quotare, perfavore!che senso ha riportare *tutto* il testo del post precedente?
  • Anonimo scrive:
    Re: Mi sa tanto che il p2p non ceserà ma
    Guarda che non è un sms, puoi anche usare le virgole e qualche punto per scrivere le tue idee.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma come fanno a dire "gratis" ?
    Non dimentichiamo che la qualità è assolutamente scarsa e quindi semmai andrebbero pagati i brani musicali o i video in proporzione alla qualità scaricabile.Quindi un file compresso a 128 byte andrebbe pagato 12,8 centesimi e non gli assurdi 99 centesimi
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come fanno a dire "gratis" ?
      Gratis?Non tantoDownload Legali?Ma non fate ridere, 99 centesimi il brano, prezzo hce vogliono rialzare olttretutto, e loro non mettono nenache un cd o una copertina .... e poi si lamnetano che il mercato legale affonda?Chissà il perchè ..... la botte piena e la moglie ubriaca è difficile trovarla .... per noi poveri mortali.Le major invece si vede che la vogliono ... e finchè gente compra cd di certe etichette, ci guadagneranno sempre .... basta vedere Sony con l'ulteriore roolkit scoperto .... propongo un boicottaggio verso le marche Sony e Emi, che hanno adottato il DRM ... mentre propongo di comprare i cd delle etichette indipendenti ....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma come fanno a dire "gratis" ?
    - Scritto da: Anonimo
    ma andate aff... voi e il vostro gratisMi sembra di leggere i messaggi dei bambini.Se domani in un negozio trovi scritto: CD GRATUITI PER TUTTItu inizi a dire: eh ma io ho dovuto comprare i vestiti per non uscire nudo di casa!Ho dovuto comprarmi un automobile e pagare la benzina oppure pagare il biglietto dell'autobus per venire sino qui!Mi si sono consumate le scarpe!Ma insomma dov'è sto gratis??? Ma togliete il cartello dal negozio su!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come fanno a dire "gratis" ?
      - Scritto da: Anonimo
      Mi sembra di leggere i messaggi dei bambini.

      Se domani in un negozio trovi scritto: CD
      GRATUITI PER TUTTI

      tu inizi a dire: eh ma io ho dovuto comprare i
      vestiti per non uscire nudo di casa!
      Ho dovuto comprarmi un automobile e pagare la
      benzina oppure pagare il biglietto dell'autobus
      per venire sino qui!
      Mi si sono consumate le scarpe!E poi ha anche dimenticato di aver pagato il 20% di iva su tutti i beni e i servizi, un vero bambinone.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come fanno a dire "gratis" ?
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Mi sembra di leggere i messaggi dei bambini.



        Se domani in un negozio trovi scritto: CD

        GRATUITI PER TUTTI



        tu inizi a dire: eh ma io ho dovuto comprare i

        vestiti per non uscire nudo di casa!

        Ho dovuto comprarmi un automobile e pagare la

        benzina oppure pagare il biglietto dell'autobus

        per venire sino qui!

        Mi si sono consumate le scarpe!

        E poi ha anche dimenticato di aver pagato il 20%
        di iva su tutti i beni e i servizi, un vero
        bambinone.nonchè la tassa sui cd, dvd, hard-disk che va alla siae
  • Anonimo scrive:
    Non è la possibile di avere gratis...
    ...che spinge a farlo ma il fatto che non passa giorno che si scopre che ad acquistare musica legale ci si ritrova il computer innondato di malware a manetta, fra poco beccarsi una variante di sasser, i love you e soci sarà quasi considerata una benedizione a confronto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è la possibile di avere gratis..
      "Non è la possibile di avere gratis"?Io volere gombrare ma brutto brutto drm imbedire me!Be' comunque guarda che il GRATIS la sua importanza ce l'ha invece te l'assicuro.Quelli frenati da DRM e menate varie sono e saranno sempre una ristretta minoranza finché si potrà scaricare GRATIS dal p2p.Comunque questo studio citato nell'articolo è un po' la scoperta dell'acqua calda.
  • Anonimo scrive:
    Vomito.
    Come da subject.
  • Anonimo scrive:
    Grandi i giovani!! Scaricate TO THE MAX!
    Gianni, 14 anni, è un ragazzo fortunato perché può dire: "Mai comprato un cd originale in vita mia!..."
    • Anonimo scrive:
      Re: Grandi i giovani!! Scaricate TO THE
      - Scritto da: Anonimo

      Gianni, 14 anni, è un ragazzo fortunato perché
      può dire: "Mai comprato un cd originale in vita
      mia!..."
      Bella questa ! (rotfl) (rotfl) (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Grandi i giovani!! Scaricate TO THE
      - Scritto da: Anonimo

      Gianni, 14 anni, è un ragazzo fortunato perché
      può dire: "Mai comprato un cd originale in vita
      mia!..."Chissa' che continui cosi'. Evitera' di diventare un adulto rincoglionito capace solo di aprire il portafogli :)
      • Anonimo scrive:
        Diventerà....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Gianni, 14 anni, è un ragazzo fortunato perché

        può dire: "Mai comprato un cd originale in vita

        mia!..."

        Chissa' che continui cosi'. Evitera' di diventare
        un adulto rincoglionito capace solo di aprire il
        portafogli :)Diventerà un adulto rincoglionito capace solo di fare:click click

        download

        attendere prego...a ripetizione. Una bella evoluzione...
        • SardinianBoy scrive:
          Re: Diventerà....
          ..infatti, non sarà un utente " rincoglionito " , ma non sarà : click- click . L'utente Ragionier Cagazza, stà effettuando il download ...attendere...mano in portafogli...altro da spennare ! Grazie, il download è concluso. Click-Cagazza..Click





          Gianni, 14 anni, è un ragazzo fortunato
          perché


          può dire: "Mai comprato un cd originale in
          vita


          mia!..."



          Chissa' che continui cosi'. Evitera' di
          diventare

          un adulto rincoglionito capace solo di aprire il

          portafogli :)

          Diventerà un adulto rincoglionito capace solo di
          fare:

          click click

          download

          attendere prego...

          a ripetizione. Una bella evoluzione... :D :D :D :D :D :D :D :| :| :| :| :|
  • Anonimo scrive:
    Hanno scoperto l'acqua calda!
    ".... sta crescendo una generazione di utenti che non ha alcuna intenzione di trasformarsi in schiere di consumatori quando acquisirà potere d'acquisto....."Davvero? E adesso chi glielo dice ? :-|
    • Anonimo scrive:
      Sta nascendo...
      - Scritto da: Anonimo
      ".... sta crescendo una generazione di utenti che
      non ha alcuna intenzione di trasformarsi in
      schiere di consumatori quando acquisirà potere
      d'acquisto....."

      Davvero? E adesso chi glielo dice ? :-|Sta nascendo una generazione di parassiti... questa è la realtà...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sta nascendo...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        ".... sta crescendo una generazione di utenti

        che non ha alcuna intenzione di trasformarsi

        in schiere di consumatori quando acquisirà

        potere d'acquisto....."

        Davvero? E adesso chi glielo dice ? :-|
        Sta nascendo una generazione di parassiti...
        questa è la realtà...Luddista; vedrai che nascera' anche un nuovo sistema economico che saltera' il passaggio delle mayor.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sta nascendo...
        Vista la moderna situazione del mondo del lavoro, non può essere diversamente.Un po' di ragione comunque ce l'hai. Attualmente campo facendo il lavapiatti, visto che l'attività di praticantato che svolgo in uno studio professionale è in realtà sfruttamento senza alcuna retribuzione.Ho constatato che c'è diversa gente che preferisce piangere miseria piuttosto che cercare qualche occupazione remunerativa, seppur umile.Tutto ciò non toglie che i discografici e la SIAE siano dei ladri legalizzati, con buona pace delle istituzioni e dei fessi che si ostinano a foraggiarli.Ciao,Piwi
      • Anonimo scrive:
        Re: Sta nascendo...
        - Scritto da: Anonimo
        Sta nascendo una generazione di parassiti...
        questa è la realtà...Hai intenzione di figliare cosi' tanto?
  • Anonimo scrive:
    una speranza per il futuro
    è una bellissima notizia che fa nascere la speranza che un giorno la cultura diventi scambio, arricchimento interiore e soddisfazione e non commercio, come è stato, purtroppo, nell'ultimo secolo.largo ai giovani.
    • Anonimo scrive:
      Re: una speranza per il futuro
      - Scritto da: Anonimo
      è una bellissima notizia che fa nascere la
      speranza che un giorno la cultura diventi
      scambio, arricchimento interiore e soddisfazione
      e non commercio, come è stato, purtroppo,
      nell'ultimo secolo.
      largo ai giovani.Vien da pensare che si stava meglio nel medioevo, quando, nei limiti della tecnologia di allora (frate+penna d'oca) si copiava a più non posso ogni opera per diffonderla e tramandarla.
    • Anonimo scrive:
      Re: una speranza per il futuro
      - Scritto da: Anonimo
      è una bellissima notizia che fa nascere la
      speranza che un giorno la cultura diventi
      scambio, arricchimento interiore e soddisfazione
      e non commercio, come è stato, purtroppo,
      nell'ultimo secolo.
      largo ai giovani.Certo che il povero pirla che magari ha lavorato come un cane, per fare un film o un cd e poi se lo vede prelevato da tutti aggratis non so quanto possa fargli piacere. Punti di vista.Il problema secondo me è che bisogna trovare dei modi alternativi di retribuire gli autori, magari non tentando di vendere al singolo consumatore l'opera ma percependo delle royalties da grosse compagnie o emittenti Tv/radio...Francescohttp://www.digiterrestre.com
      • Anonimo scrive:
        Re: una speranza per il futuro

        Certo che il povero pirla che magari ha lavorato
        come un cane, per fare un film o un cd e poi se
        lo vede prelevato da tutti aggratis non so quanto
        possa fargli piacere. Punti di vista."Il povero pirla" come dici tu è fregato principalmente dai vari intermediari (majors, editori ecc...) che lucrano in maniera indicibile sia su di lui sia sugli acquirenti... forse è venuto il momento che questa gente cambi mestiere perchè la tecnologia permette una forma di distribuzione alternativa con meno costi per l'utente finale. Se i tempi cambiano è inutile tornare indietro... è una battaglia persa in partenza.
      • Alessandrox scrive:
        Re: una speranza per il futuro
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        è una bellissima notizia che fa nascere la

        speranza che un giorno la cultura diventi

        scambio, arricchimento interiore e soddisfazione

        e non commercio, come è stato, purtroppo,

        nell'ultimo secolo.

        largo ai giovani.
        Certo che il povero pirla che magari ha lavorato
        come un cane, per fare un film o un cd e poi se
        lo vede prelevato da tutti aggratis non so quanto
        possa fargli piacere. Punti di vista.
        Il problema secondo me è che bisogna trovare dei
        modi alternativi di retribuire gli autori, magari
        non tentando di vendere al singolo consumatore
        l'opera ma percependo delle royalties da grosse
        compagnie o emittenti Tv/radio...Oppure dei network di condivisione a pagamento con un modico canone annuale/semestrale solo per i contenuti non liberi, per tutto il resto network free... tutto da studiare chiaramente
        • Anonimo scrive:
          Re: una speranza per il futuro

          sistemi di distribuzione con network a pagamento non avranno mai mercato.E' questo l'errore di fondo: la cultura non deve essere nè commercio nè mercato. ne avremmo tutti da guadagnare, per primi gli Artisti, scavalcati da tecnici mercenari, che millantano il titolo di artisti
          • Alessandrox scrive:
            Re: una speranza per il futuro
            - Scritto da: Anonimo

            sistemi di distribuzione con network a
            pagamento non avranno mai mercato.
            E' questo l'errore di fondo: la cultura non deve
            essere nè commercio nè mercato. ne avremmo tutti
            da guadagnare, per primi gli Artisti, scavalcati
            da tecnici mercenari, che millantano il titolo di
            artistiOK, eliminiamo il mercato e il commercio delle opere d' arte... se io fossi un artista come camperei? Non certo delle mie opere... ma nemmeno della gloria , che si sa' non e' commestibile.
        • Anonimo scrive:
          Re: una speranza per il futuro

          L'alternativa è un criptaggio massiccio dei contenuti
          digitali fin dalla fonte ma non saprei dire con che
          grado di sicurezza si potrebbe ottenere...il livello di sicurezza sarebbe basso, nella peggiore delle ipotesi si puo' sempre ridigitalizzare il segnale sul cavo appena uscito dal jack delle casse (discorso leggermente diverso per il video, ma non di molto)Prendi iTunes store come esempio di DRM: limita la quantita' di piattaforme su cui si puo' eseguire una canzone comprata (stile 1ipod, 1portatile e 1pc fisso) chi ha avuto bisogno di piu' liberta' di utilizzo ha rotto il DRM, chi non ha potuto farlo ha lasciato iTunes ed e' tornato a iShareSe Apple avesse scelto un sistema meno rigido alcune Major discografiche (e qui sono proprio loro ad essere avide) non avrebbero accettato di commercializzare le loro canzoni su iTunes ma quei 4 gatti di utenti *paganti* li avrebbero avuti e se li sarebbero anche tenuti ben stretti!Come al solito: si avido oggi per morire di fame domani! :)
Chiudi i commenti