Mamma Jammie, il fardello è meno pesante

Ridotta la stratosferica multa ordinata a carico della mamma più famosa del P2P. Thomas-Rasset pagherà un totale di 54mila dollari per 24 brani scaricati su Kazaa. Incostituzionali gli iniziali 1,5 milioni

Roma – Erano gli inizi dello scorso novembre quando nello stato del Minnesota andava in scena un curioso giorno della Marmotta in salsa legalese. L’eterno ritorno di Jammie Thomas-Rasset, la mamma più famosa del P2P. Una corte distrettuale confermava dunque una multa stratosferica a carico della donna, che per 24 brani condivisi a mezzo Kazaa avrebbe dovuto pagare all’industria discografica 1,5 milioni di dollari .

Ma il giudice federale Michael Davis ha ora sottolineato come questa stessa sanzione sia da considerarsi assurda, spaventosa. Mamma Jammie dovrà invece pagare 2,250 dollari a brano scaricato, per un più umano totale di 54mila dollari . Secondo il giudice Davis, la multa da 1,5 milioni di dollari sarebbe del tutto spropositata, dunque incostituzionale.

“Sebbene Thomas-Rasset abbia giocato un ruolo nella pirateria sul web, si tratterebbe comunque di una parte minuscola – si può leggere nella motivazione offerta dal giudice Davis – Non può pagare per i danni arrecati da milioni di individui solo perché fa parte fra quelle due o tre persone colte in flagrante, denunciate e successivamente soggette a regolare giudizio”.

Mamma Jammie avrebbe dalla sua una serie di attenuanti, tra cui l’essere stata una pirata alle prime armi. L’uso dei brani sarebbe poi stato del tutto personale, oltretutto in quantità limitata . La giusta punizione sarebbe dunque di 54mila dollari, cifra che ha fatto storcere il naso ai signori della Recording Industry Association of America (RIAA). Il giorno della Marmotta continuerà in appello.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • R3d Wo1f scrive:
    La rete siete anche voi...
    Cari signori vi informo che siete su internet alias la RETE,nel caso non voleste essere scambiati per i cretini di turno vi consiglio di abbandonarla immediatamente!Le conclusioni di questo articolo le avevo anticipate nei commenti di Precario svela-segreti...è tristissimo vedere che proprio chi ci mangia con la rete la denigri.Le gesta del Supereroe di turno son state amplificate sia dai media tradizionali che dai siti di news più autorevoli e voi che fate?ridicolizzate facebook???Non so che TG guardiate ma ormai i giornalisti tradizionali,quelli titolati per intenderci,prendono a piene mani dalla rete,spesso i servizi sono riassunti di blog con tanto di video presi da youtube.La differenza tra i media tradizionali e la rete è che tutte le cavolate che vi dicono sui media tradizionali non vengono smentite,in rete le cavolate durano giusto il tempo di esser notate da qualcuno più scaltro che lancia la replica.Siete amanti dei media passivi?accendetevi la tv e guardatevi un bel Tg! Vi sentirete meno cretini?forse no...ma potrete dire che non c'eravate e fare i primi della classe tanto cari ai politicanti della casta!
  • iupiter scrive:
    qualcuno che se ne accorge
    finalmente qualcuno che se ne accorge che e' una rete di cretini...massimo siamo in due a salvarvarci, pienamente d'accordo su quello che hai scritto in alcune parti sembrava mi avessi fregato il zen pensiero. Pensavo di essere l'unico in un mondo di ruppoli a pensarla cosi'...evvai almeno siamo in due.
  • Valter Garlini scrive:
    Non abbiamo più bisogno di rappresenti
    "Il potere è l'immondizia della storia degli umani".Niente rappresentanti... nessun potere... UNO CONTA UNO... e fine della spazzatura !
  • SCF IS EVIL scrive:
    Ai cretini si comunica con le cretinate
    Se la maggior parte dei netizen italiani è quella che è...certo è che non gli puoi parlare in modo sofisticato, soprattutto se è stato per anni davanti alla TV a cerebro-ledersi e si è avvicinata ad internet grazie Facebook, ma gli devi comunicare in modo semplice, diretto e direi creativo: ci sarà un motivo se Grillo, Vasco Rossi, ecc. hanno un così grande sucXXXXX, una semplice parola può riassumere molto, come ad es.: XXXXXXXXXX!(rotfl)
    • Franky scrive:
      Re: Ai cretini si comunica con le cretinate
      - Scritto da: SCF IS EVIL
      Se la maggior parte dei netizen italiani è quella
      che è...certo è che non gli puoi parlare in modo
      sofisticato, soprattutto se è stato per anni
      davanti alla TV a cerebro-ledersi e si è
      avvicinata ad internet grazie Facebook, ma gli
      devi comunicare in modo semplice, diretto e direi
      creativo: ci sarà un motivo se Grillo, Vasco
      Rossi, ecc. hanno un così grande sucXXXXX, una
      semplice parola può riassumere molto, come ad
      es.:
      XXXXXXXXXX!

      (rotfl)Tristemente vero...ci sono alcuni video su youtube versione italiana dove e' quasi impossibile trovare un commento vagamente intelligente...cosa che non capita nella versione internazionale...
      • gran capo esticassi scrive:
        Re: Ai cretini si comunica con le cretinate
        poveri bovghesi di mevdacostvetti a chattave si intevnetcon dei plebei vitavdati_|_
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: Ai cretini si comunica con le cretinate
        Era così già quasi 20 anni fa nelle chat, entravi in quelle italiane e ti sembrava di essere tornato all'asilo
  • SpeakerMuto scrive:
    Utilità delle "sommosse" in rete
    Ne scrissi mesi fa qui:http://radiofreemouth.blogspot.com/2011/02/rivoluzionario-20.html
    • Franky scrive:
      Re: Utilità delle "sommosse" in rete
      - Scritto da: SpeakerMuto
      Ne scrissi mesi fa qui:
      http://radiofreemouth.blogspot.com/2011/02/rivoluzse lo dici tu...che le proteste in rete non servono...cmq giusto persmontare la XXXXXXX delle tariffe telefonoche che sono aumentate secondo voi benpensanti vi posto le mie tariffe:Vodafone 10 autoricarica 0,10 Euro/min qualsiasi chiamataTim 12 0,12 euro qualsiasi chiamataForse prima di abolire i costi di ricarica pagavate meno di 10 centesimi di euro per qualsiasi chiamata? Non credo proprio!!!Quindi se non sapete scergliervi le tariffe non date la colpa a chi ha fatto la campagna per abolire i costi di ricarica...
      • SpeakerMuto scrive:
        Re: Utilità delle "sommosse" in rete
        Tu sei bravo. A me invece, che sono scarso, arrivò un bel messaggio di Wind che mi disse "Gentile utente, a partire da giorno X il suo piano tariffario verrà variato".http://www.altroconsumo.it/mobile/telefonia-le-manovre-degli-operatori-riassorbono-i-costi-di-ricarica-s147473/nm-newsletter-p107570/prm_id_c/3091.htmhttp://www.webmasterpoint.org/news/E-scontro-tra-Altroconsumo-e-le-societ-telefoniche-accusate-di-aumentare-le-tariffe-dei-cellulari_p27778.html
  • bubba scrive:
    il nano e internet
    Leggendo "e che Internet si presterà sempre di più ad essere lo strumento della propaganda di pochi" mi e' venuto in mente che il Nano nazionale qualche gg fa, quando distribuiva le solite colpe a tutti (i giornali, annozero , ecc ecc) per i suoi fallimenti ha detto anche una cosa AGGHIACCIANTE . E cioe che una delle colpe e' da attribuirsi al fatto che hanno fatto poca e scadente propaganda (per lui "informazione") su internet!Quindi si prevedono tempi bui nei prossimi anni :(
    • Sky scrive:
      Re: il nano e internet
      Non credo: il nano è figlio del passato e, l'ha sempre detto lui, a tutta quella roba digitale, computer, rete ed altro, non ci ha mai creduto.Semplicemente è arrivato tardi... e speriamo se ne vada presto. :D(per dire... Obama è un "figlio dell'oggi" e lo si vede da come gestisce la presenza in rete)
      • bubba scrive:
        Re: il nano e internet
        - Scritto da: Sky
        Non credo: il nano è figlio del passato e, l'ha
        sempre detto lui, a tutta quella roba digitale,
        computer, rete ed altro, non ci ha mai
        creduto.
        Semplicemente è arrivato tardi... e speriamo se
        ne vada presto.
        :D
        (per dire... Obama è un "figlio dell'oggi" e lo
        si vede da come gestisce la presenza in
        rete)Si appunto non ci ha mai creduto. Sino ad ora. Lui ovviamente continuera' a non capirci niente, ma il portafoglio ce l'ha bello grosso. E puo pagare altri che ci capiscono. Il pensiero mi atterrisce. Gia' ora e' pieno(?) di societa' di "ripulitura d'immagine & affini", di blog di propaganda fintamente indipendenti che recensiscono prodotti,che spammano nei forum, che fanno campagne "pro-" su fakebook ,ecc. Nel mare magnum hanno troppo poco peso, pero' e' sempre un gran brutto segnale se anche il Nano vuole "lavorarsi" l'italia con questa strategia.
        • Franky scrive:
          Re: il nano e internet
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: Sky

          Non credo: il nano è figlio del passato e,
          l'ha

          sempre detto lui, a tutta quella roba
          digitale,

          computer, rete ed altro, non ci ha mai

          creduto.

          Semplicemente è arrivato tardi... e speriamo
          se

          ne vada presto.

          :D

          (per dire... Obama è un "figlio dell'oggi" e
          lo

          si vede da come gestisce la presenza in

          rete)
          Si appunto non ci ha mai creduto. Sino ad ora.
          Lui ovviamente continuera' a non capirci niente,
          ma il portafoglio ce l'ha bello grosso. E puo
          pagare altri che ci capiscono. Il pensiero mi
          atterrisce.

          Gia' ora e' pieno(?) di societa' di "ripulitura
          d'immagine & affini", di blog di propaganda
          fintamente indipendenti che recensiscono
          prodotti,che spammano nei forum, che fanno
          campagne "pro-" su fakebook ,ecc. Nel mare magnum
          hanno troppo poco peso, pero' e' sempre un gran
          brutto segnale se anche il Nano vuole "lavorarsi"
          l'italia con questa
          strategia.la rete mal si presta alla propaganda...chi viene in rete per avere sucXXXXX deve essere sicuro di avere qualcosa di solido da proporre e di avere ragione...altrimenti i cybernauti gli fanno fare una magra figura...
      • silvan scrive:
        Re: il nano e internet
        Forse saprà gestire Internet, ma non mi sembra sappia gestire bene la sua nazione, visti gli ultimi risultati.
  • Missed scrive:
    Non ho capito bene comunque ...
    La rete è una piazza, c'è tutto e il suo contrario. Anche i media tradizionali sono una piazza. Informatevi da Minzolini voi ...Investite in base a quanto vi dicono i giornali specializzati che accettano come inserzionisti le stesse società in cui consigliano di investire. Lo stesso per certe riviste di hardware ...Il problema non è anonimato o no, il problema è confrontare le fonti, sapere che nessuna fonte è la fonte per eccellenza, avere senso critico.Semmai il problema è che l'anonimato è la festa dei troll e dei perditempo, per cui chi segue un forum magari per trovare 10 commenti utili ne deve leggere 200 fake. Ma la soluzione potrebbe essere una opzione di navigazione che permetta di vedere i commenti dei soli utenti registrati e verificati, chi vuole può supparsi anche tutti gli altri. Compresi gli anonimi. In una piazza possiamo decidere chi ascoltare ...Il non anonimato d'obbligo è rischioso, c'è gente che rischia carriera, posto di lavoro e pure la pelle a dire certe cose. Deve quindi essere una opzione sacrosanta.
    • Sky scrive:
      Re: Non ho capito bene comunque ...
      Quoto al 100%
    • ciccio quanta ciccia scrive:
      Re: Non ho capito bene comunque ...
      Da quando in qua registrazione è sinonimo di verità e autorevolezza? Lo dici tu stesso che già i mezzi di comunicazione con tanto di nomi, dati di registrazione ecc. non sono affidabili.Se l'utente registrato pinco pallino dice una cavolata non diventa meno cavolata perché so chi è, dove abita e se metti gli slip o i boxer...
  • nome e cognome scrive:
    ma chi è flaiano?
    come da titolo :D
    • Drummer scrive:
      Re: ma chi è flaiano?
      Ennio Flaiano, scrittore e fine umorista, autore tra l'altro di tanti memorabili aforismi.Mai sentito parlare di motori di ricerca, comunque?
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: ma chi è flaiano?
      - Scritto da: nome e cognome
      come da titolo :DC'è poco da ridere, se non lo sai mostri gravi lacune. Vedete che Internet fa male alle persone? Nonostante fosse più semplice cercare su un motore di ricerca ha preferito scegliere il metodo meno intelligente,meno pratico e più lento.
      • XXXX scrive:
        Re: ma chi è flaiano?
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        - Scritto da: nome e cognome

        come da titolo :D

        C'è poco da ridere, se non lo sai mostri gravi
        lacune.


        Vedete che Internet fa male alle persone?
        Nonostante fosse più semplice cercare su un
        motore di ricerca ha preferito scegliere il
        metodo meno intelligente,meno pratico e più
        lento.ma tu non eri quello a cui "fa schifo la rete" ? Ancora qui a scassare le fave stai ?
      • Franky scrive:
        Re: ma chi è flaiano?
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        - Scritto da: nome e cognome

        come da titolo :D

        C'è poco da ridere, se non lo sai mostri gravi
        lacune.


        Vedete che Internet fa male alle persone?
        Nonostante fosse più semplice cercare su un
        motore di ricerca ha preferito scegliere il
        metodo meno intelligente,meno pratico e più
        lento.Fa piu' male guardare "porta a porta" tu ne sei la prova vivente(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • massimo scrive:
        Re: ma chi è flaiano?
        Se non ci fosse Internet come farebbe a cercare su un motore di ricerca? (newbie)
  • say no scrive:
    alcune considerazioni
    <i
    Io credo invece che questo non sia vero, che sia sciagurato svilire la Rete utilizzandola come un immenso gracchiante altoparlante produttore di slogan, seguendo le logiche usuali dell'occupazione degli spazi e dei tempi televisivi, dove chi si impadronisce del microfono è colui che ha vinto. </i
    giusta analisianche perché sono alquanto evidenti da un lato la trasformazione in corso della rete un una immenza TV glabale/globalizzata e, dall'altro, la sua progressiva "privatizzazione" e messa sotto stretto controllo... e in questo scenario si sa già benissimo chi è che si impadronisce del microfono... <i
    Penso che i cittadini, se davvero sono sfiniti da privilegi e malgoverno </i
    a me non pare proprio che lo siano <i
    abbiano oggi tutti gli strumenti per aggregare in rete intelligenze e proposte, scegliendole per rilevanza e qualità. Anche al limite da soli, in una sorta di autoconvocazione digitale che prescinda da apparati politici o altre strutture associative. </i
    certo, ma in questo non c'è nulla di nuovo... vale oggi come valeva ieri e avantieri... <i
    Se questo non avviene (e mi pare che mediamente in Italia non avvenga) </i
    e purrtoppo ti pare bene... <i
    è piuttosto ovvio che il fulcro decisionale continuerà a risiedere altrove, che molti cavalcheranno la tigre e che Internet si presterà sempre di più ad essere lo strumento della propaganda di pochi, piuttosto che il luogo dove crescono le nuove intelligenze aperte a molti. </i
    appunto... ma è anche molto peggio di questo: non si tratta solo di strumento di propaganda... la rete è sempre più strumento di condizionamento e controllo sociale e anche di repressione (censura, uso quantomeno "distorto" di copyright e brevetti, profilazione evoluta (un tempo si diceva che per ogni cittadino ci fosse un suo "dossier" inteso in senso cartaceo e si parlava di schedatura di massa... oggi siamo ben più "avanti"...), tracciamento e localizzazione in tempo reale... siamo già in pieno regime tecnocratico, oligarchico e globale... e sarà sempre peggio... roba che orwell non avrebbe potuto immaginare... <i
    È la vecchia storia degli strumenti che sono di per se stessi neutri e di come anonimato e passaparola, a seconda dei contesti di utilizzo, possano essere grandi presidi di tutela democratica ma anche fenomenali armi di distrazione di massa. </i
    mah... per prima cosa, non mi sembra convincente concludere ritornando a contestualizzare il ragionamento in termini di "presidi di tutela democratica": intanto, tutela e democrazia non vanno molto d'accordo come concetti... e poi il contesto "democratico" così come ci viene propinato e "imposto" (sia culturalmente che a forza di manganelli o, per i meno fortunai, di bombardamenti) è esso stesso un'arma di distrazione di massa... data l'analisi fatta, concordo senz'altro nel arrivare a concludere indicando la rete (nella connotazione che ha e che va prendendo sempre di più) come arma di distrazione di massa, ma mi sarei aspettato anche l'indicazione del passo successivo da fare per "superare" il problema... magari dicendo anche che questo passo "contro" va fatto letteralmente con i piedi in terra, nella realtà concreta che c'è fuori casa, nella società reale e insieme ad altre persone reali con cui parlare a voce guardandosi in faccia... e non certo da dietro una TV solo un po' più tecnicamente evoluta di quella con cui ci hanno addomesticati fino a ieri...
    • Sky scrive:
      Re: alcune considerazioni
      - Scritto da: say no
      mi sarei aspettato anche l'indicazione del passo
      successivo da fare per "superare" il problema...
      magari dicendo anche che questo passo "contro" va
      fatto letteralmente con i piedi in terra, nella
      realtà concreta che c'è fuori casa, nella società
      reale e insieme ad altre persone reali con cui
      parlare a voce guardandosi in faccia... e non
      certo da dietro una TV solo un po' più
      tecnicamente evoluta di quella con cui ci hanno
      addomesticati fino a
      ieri...Non la da Mantellini, l'indicazione, ed alla fine non mi trovo molto d'accordo, permettimelo, nemmeno con la tua, ma per un motivo "evolutivo" che tenterò di spiegare (sperando di riuscirci, dato che sono molto meno autorevole di Massimo).Partiamo da un fatto: stiamo parlando di "rete", non di quella che vien definita "vita reale" intesa come "fuori dalla rete" (un pò un ossimoro, in quanto anche quella in rete è vita "reale").Che senso ha, in questo contesto, richiamare un contatto <i

      fatto letteralmente con i piedi in terra, nella
      realtà concreta che c'è fuori casa, nella società
      reale e insieme ad altre persone reali con cui
      parlare a voce guardandosi in faccia... </i
      quindi, ovviamente, fuori dalla rete?Personalmente invece ritengo che l'evoluzione dello stato odierno della "presenza in rete" ci dovrebbe portare ad una sorta di "presenza parallela" in cui (ri)creare una nostra <b
      autorevolezza </b
      . Autorevolezza che non viene cancellata o bypassata dal fatto di usare uno pseudonimo (pseudonimi che, peraltro, sono <b
      sempre esistiti </b
      : non li abbiamo inventati "noi della rete": Mario Rossi <b
      detto "il Gigi" </b
      c'è ed ha pure valore legale).Questo tentativo, chiaramente, sottostà a nuove e diverse regole: se nel mondo "fuori rete" uno, come si dice, "ci mette la faccia", nel mondo "in rete" ce la può mettere lo stesso... chiaramente ce ne mette una virtuale ma, se questa dispone di una sua autorevolezza, se ad esempio non dice cose serie con mezza bocca e baggianate con l'altra metà, allora non ci vedo tutta quella differenza fra l'affermazione fatta da un "anonymous" e quella fatta da un Mantellini: alla fine la "faccia vera" serve solo in caso di contestazioni legali, dato che è (al momento) impossibile procedere contro un'identità virtuale quanto invece lo è rispetto ad una reale.Peraltro, salvo l'uso di anonimizzatori/cipolle/ecc.ecc., l'identità virtuale, alla bisogna, è riconducibile a quella reale.E' solo una distorsione della visione generalizzata il credere di poter scrivere XXXXXXX nascondendosi dietro ad un alias Paperino: alla fine, pensiamoci bene, più svilisci il tuo esser virtuale e meno <b
      credibile </b
      sei. Sta quindi alla scelta di ognuno se voler esser credibile o... Paperino.Torniamo per un attimo a Spider Truman... ora, non avendo acXXXXX a FB non ho letto il dettaglio di quanto racconta ma se i fatti raccontati sono poi fatti realmente verificabili, direi che il problema di "chi sia S.T." non dovrebbe nemmeno porsi: non è che se io, anonimo, denuncio un omicidio, viene trovato il cadavere e viene beccato l'assassino con la classica pistola fumante in mano, l'omicidio non è più tale perchè l'informazione viene da me che sono anonimo eh.(peraltro non abbiamo inventato in rete nemmeno l'uso degli informatori anonimi: giornalisti e polizia li usano/conoscono da mooooolto tempo)Come dice anche Massimo, credo che la direzione giusta stia a questo punto più nel guardare il contenuto, invece che lanciarsi in voli pindarici sul contenitore.
      • Sky scrive:
        Re: alcune considerazioni
        - Scritto da: say no
        insomma la rete non è, non può e non potrà essere
        LA soluzione (e semmai sta diventando una parte
        del problema) che va cercata e trovata
        altroveCredo dipenda dall'evoluzione (o involuzione) che avrà la società: se la rete rimarrà un fatto marginale allora mi trovi d'accordo mentre se diventerà sempre più pervasiva (possiamo guardare anche ad alti esempi che, dal passato, lo sono stati ed oggi non ce ne accorgiamo in quanto li consideriamo "normali") allora no, non mi trovo d'accordo: il nostro "futuro in rete" va costruito e va, prima di tutto, creduto.Fino a che si pensa alla rete come ad un "acXXXXXrio" (di poca o nessuna importanza) o ad un qualcosa di "poco credibile in partenza" allora le possibilità di avere davvero un futuro serio, in rete, non sono molte... d'altro canto, come si dice, "chi pecora si fa, il lupo se lo mangia": chi usa la rete in modo "serio" (dove per "serio" non intendo "bene" o "male" ma soprattutto "credendoci") ne impara i paradigmi, i riferimenti, le tecniche e, in un'epoca come questa, diventa "lupo"... il resto invece "pecore" (dura da dire ma, penso, veritiera).
        • say no scrive:
          Re: alcune considerazioni
          - Scritto da: Sky
          Credo dipenda dall'evoluzione (o involuzione) che
          avrà la società: se la rete rimarrà un fatto
          marginale allora mi trovi d'accordo mentre se
          diventerà sempre più pervasiva (possiamo guardare
          anche ad alti esempi che, dal passato, lo sono
          stati ed oggi non ce ne accorgiamo in quanto li
          consideriamo "normali") allora no, non mi trovo
          d'accordo: il nostro "futuro in rete" va
          costruito e va, prima di tutto,
          creduto.

          Fino a che si pensa alla rete come ad un
          "acXXXXXrio" (di poca o nessuna importanza) o ad
          un qualcosa di "poco credibile in partenza"
          allora le possibilità di avere davvero un futuro
          serio, in rete, non sono molte... d'altro canto,
          come si dice, "chi pecora si fa, il lupo se lo
          mangia": chi usa la rete in modo "serio" (dove
          per "serio" non intendo "bene" o "male" ma
          soprattutto "credendoci") ne impara i paradigmi,
          i riferimenti, le tecniche e, in un'epoca come
          questa, diventa "lupo"... il resto invece
          "pecore" (dura da dire ma, penso,
          veritiera).concordo pienamentecome dici giustamente, dipende <i
          dall'evoluzione (o involuzione) che avrà la società </i
          : sta tutto a non limitarsi a "vedere" la rete in senso "tecnico" o "tecnologico" o in senso strumentale o utilitaristico o ludico e via dicendo (ovvero in senso "acXXXXXrio", come hai detto) ma, piuttosto, a considerarla parte concreta (altro che virtuale!) della realtà sociale e politica, con tutto ciò che ne consegue, dentro e fuori la rete stessa...la cosa brutta è che, in questa ottica, la direzione presa dalla società mi pare vada di gran carriera verso la peggiore delle involuzioni...
          • Sky scrive:
            Re: alcune considerazioni
            Tranquillo... è solo una questione di "quantità di calci nei denti": dopo averne presa la giusta quantità, vedrai che la gente si sveglia e si aggiorna un pò... e se non lo farà... beh... chi ha detto che l'evoluzione (nel senso del darwinismo) è morta? ;)Io, non lo scriverò mai abbastanza, sono per il <b
            darwinismo digitale </b
            : <i
            non sei adatto? soccombi </i
            (duro ma vero).Con tutta la buona volontà nell'istruire e nell'aiutare eh (e, come sempre, nel voler imparare, che mi pare la parte più sensata).
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: alcune considerazioni
            Hai detto benissimo: "nel voler imparare". Bisogna essere in 2, uno che abbia voglia di insegnare e l'altro di imparare e della seconda categoria non ne vedo molti in giro, dentro o fuori la rete che sia. Al contrario anzi, l'insegnante (in senso lato, non necessariamente il classico prof di scuola) è spesso colpevolizzato e diventa caprio espiatorio di colpe che invece ricadono in buona parte (se non completamente) sul l'altro soggetto che non fa la sua parte. Basta guardarsi in giro sia nel mondo del lavoro che in quello della scuola o dell'università e vedere quante masse di ignoranti e pelandroni (ignoranti in quanto pelandroni, appunto) occupano posti. Ora vogliono pure eliminare la bocciatura perché, poverini, fa male e crea diseguaglianza... be' cari signori, la diseguaglianza è alla base dell'universo. Vi do una notizia: NON SIAMO TUTTI UGUALI. Non posso vincere la lotteria se non compro il biglietto.Se non hai voglia di imparare e cresci con modelli dove la voglia di fare, di migliorarsi e di apprendere non esiste ma al contrario viene premiata l'ignoranza e la prepotenza, anonimato o meno saremo messi sempre peggio. Perché? Per una ragione semplicissima: chi ora sa, prima o poi muore, se chi viene dopo non ha voglia di vedersi trasferita la conoscenza, non saprà e non sarà in grado neanche un domani di usare e sfruttare il sapere già accumulato. Se la stele di Rosetta venisse trovata tra 100 anni non finirebbe in un museo ma in una discarica.
          • panda rossa scrive:
            Re: alcune considerazioni
            - Scritto da: ciccio quanta ciccia
            Hai detto benissimo: "nel voler imparare".
            Bisogna essere in 2, uno che abbia voglia di
            insegnare e l'altro di imparare e della seconda
            categoria non ne vedo molti in giro, dentro o
            fuori la rete che sia.Non ne vedi molti in giro per un semplice motivo: quelli che hanno voglia di imparare ci mettono poco ad uscire dalla categoria perche' imparano, e pure in fretta.Mentre quelli che non vogliono imparare abbiamo imparato a riconoscerli, e lasciarli nel loro brodo, perche' non abbiamo tempo da buttare.
          • Sky scrive:
            Re: alcune considerazioni
            il darwinismo recita: "chi pecora si fa, il lupo se lo mangia"... possono belare finchè gli pare, ma verranno (e verremo) mangiati lo stesso, se mancherà anche solo la voglia di capire che un "lupo" esiste.In questo periodo sto guardando l'egress filtering, e sono su un Mac... detto tutto.
  • Guybrush scrive:
    Anonimato?
    Caro Massimo, l'anonimato in rete tecnicamente non esiste.E' solo un problema di costo e di intelligenza.Puoi proteggere il terminale da cui ti colleghi con un firewall, ma l'unico modo per tenere i propri dati al sicuro è tenere il PC staccato.Ovvero usare una macchina virtuale "pulita" ogni volta che si naviga.In ogni caso l'indirizzo fisico da cui ci si collega è sempre quello di chi ha la responsabilita' civile (e penale) dei dati trasmessi.Si: puoi far girare i tuoi pacchetti intorno al mondo, si: puoi infilarli in una cipolla e farli riuscire altrove, si: puoi craccare la rete del vicino (specie se usa POE), si: puoi usare tanti altri metodi uno piu' fantascientifico dell'altro, ma quando ti colleghi ad un altro host via TCP/IP... devi essere per forza rintracciabile o non riceverai alcuna risposta.La rete degli inizi, di cui ho fatto parte (modestamente) quando il mio modernissimo 14.400 contattava bbs sparse qua e la' per intercettare Fidonet, sperimentavo connessioni via Itapac e facevo qualche prova col trumpet, era tutto fuorché anonima.Tuttavia con un po' di XXXXXmma si riusciva a scrivere al presidente degli stati uniti o al capo della CIA prendendo un indirizzo di posta da whitehouse.gov.Guai a farlo, naturalmente.Si veniva rintracciati e si passavano i dovuti guai.Paradossalmente è più facile adesso nascondersi.Adesso che tutti dicono di volere "abolire l'anonimato".Che storia e' questa?Facile: tutti, per primi i membri della Casta, non vogliono essere identificati per i motivi piu' vari.Politici, ideologici, criminali o semplice voglia di mantener la propria riservatezza, sono tutti motivi validi.E piu' aumenta la pressione per bloccare questa tendenza e piu' aumenta la spinta a sviluppare sistemi per aggirare i controlli, perché i primi che hanno qualcosa da nascondere sono proprio quelli che vorrebbero abolire l'anonimato.E come sai, in Rete e' sufficiente che UN nodo sia in possesso di una informazione e sia in grado di trasmetterla, perché questa informazione sia accessibile a tutti gli altri.C'è un modo tuttavia per avere il controllo, serio, di una parte della rete: possederne le infrastrutture e spendere ogni benedetto anno, grandi quantita' di risorse per tenerle aggiornate.Quante piu' ne controlli, tieni aggiornate e manutieni, tanto piu' e' esteso il tuo controllo.Che comunque non sara' mai illimitato.Che io sappia, al momento neanche i cinesi ci sono riusciti.GT
    • Ciccio scrive:
      Re: Anonimato?

      vicino (specie se usa POE), si: puoi usare tantiIntendi Power Over Ethernet? o forse intendevi WEP?
      • Guybrush scrive:
        Re: Anonimato?
        - Scritto da: Ciccio

        vicino (specie se usa POE), si: puoi usare
        tanti
        Intendi Power Over Ethernet? o forse intendevi
        WEP?Power Over Ethernet.Metti un'adattatore in soggiorno, uno all'ingresso (vicino al router, magari); il vicino di casa mette il terzo e si collega piu' o meno a sbafo.GT
        • Ichigo scrive:
          Re: Anonimato?
          Ti stai confondendo con la power lan. Il POE serve ad alimentare dispositivi di rete direttamente dal cavo ethernet.Cmq non è vero quello che dici tu sulla power lan, poichè il raggio è limitato ed il contatore della corrente impedisce che il tuo vicino possa sfruttare i dati che viaggiano sulla tua rete elettrica.Un'ultima cosa, non è l'indirizzo fisico, ma quello logico, al massimo, su cui si può far ricadere una responsabilità penale o civile.
          • Picchiatell o scrive:
            Re: Anonimato?
            - Scritto da: Ichigo
            Un'ultima cosa, non è l'indirizzo fisico, ma
            quello logico, al massimo, su cui si può far
            ricadere una responsabilità penale o
            civile.pensi proprio che possa far differenza per una tv che si accanisce sul solito sconosciuto ?
          • XXXX scrive:
            Re: Anonimato?
            - Scritto da: Ichigo
            Ti stai confondendo con la power lan. Il POE
            serve ad alimentare dispositivi di rete
            direttamente dal cavo
            ethernet.
            Cmq non è vero quello che dici tu sulla power
            lan, poichè il raggio è limitato ed il contatore
            della corrente impedisce che il tuo vicino possa
            sfruttare i dati che viaggiano sulla tua rete
            elettrica.

            Un'ultima cosa, non è l'indirizzo fisico, ma
            quello logico, al massimo, su cui si può far
            ricadere una responsabilità penale o
            civile.Senza contare che devono beccarti in tempo reale. Ci sono reti che non tengono traccia del routing dei pacchetti: se risalendo arrivi lì, la tua pista sfuma nel nulla.
          • Guybrush scrive:
            Re: Anonimato?
            - Scritto da: Ichigo
            Ti stai confondendo con la power lan. Il POE
            serve ad alimentare dispositivi di rete
            direttamente dal cavo
            ethernet.Powerlan(c) e POE richiedono la medesima tecnologia. Nel caso dell'adattatore POE da attaccare alla 220 devi mettere dei componenti adeguati a gestire la corrente di casa.
            Cmq non è vero quello che dici tu sulla power
            lan, poichè il raggio è limitato ed il contatore
            della corrente impedisce che il tuo vicino possa
            sfruttare i dati che viaggiano sulla tua rete
            elettrica.NO.Il contatore "a disco" attenua parecchio il segnale, ma quello digitale lascia passare tutto: usa lo stesso sistema per comunicare dati con la centrale.
            Un'ultima cosa, non è l'indirizzo fisico, ma
            quello logico, al massimo, su cui si può far
            ricadere una responsabilità penale o
            civile.Sto parlando di IP pubblico, quello assegnato dal provider alla tua utenza (n° di tel), l'indirizzo IP puo' anche cambiare molte volte durante una connessione e tu non te ne accorgi, ma nel registro tenuto dal provider rimane traccia di tutto quel che hai fatto con quel/quegli indirizzi.Anche se ad usare l'indirizzo e' stato un terzo.GT
    • 01234 scrive:
      Re: Anonimato?
      perché i primi che hanno qualcosa da nascondere sono proprio quelli che vorrebbero abolire l'anonimato.Spesso è stato così, è una delle strategie del potere...si tuona contro qualcosa che si fa finta di ritenere negativo per accattivarsi le simpatie di chi la pensa così, e poi si fa esattamente quella cosa (che ovviamente piace/conviene), che essendo illegale ora è appannaggio di chi rischia oppure - più frequentemente - ha modo di non essere mai sottoposto a controlli...un esempiuccio? leggi contro la prostituzione di un governo il cui capo etc :-)
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Anonimato?
      - Scritto da: Guybrush
      Caro Massimo, sostanzialmente d'accordo ma anonimato o meno non conta che tu abbia fatto o non fatto delle cose se la tv non lo dice...(almeno nel nostro paese)...quindi nel futuro sposteranno questo metodo dalla tv alla rete...ci riusciranno ?
      • Guybrush scrive:
        Re: Anonimato?
        - Scritto da: Picchiatell o
        - Scritto da: Guybrush[...]
        quindi nel futuro sposteranno questo metodo dalla
        tv alla rete...ci riusciranno
        ?No.GT
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Anonimato?
          - Scritto da: Guybrush
          - Scritto da: Picchiatell o

          - Scritto da: Guybrush
          [...]

          quindi nel futuro sposteranno questo metodo
          dalla

          tv alla rete...ci riusciranno

          ?
          No.

          GTemh con i pochi provider italiani (uno) non ci giurerei...
  • oldguy scrive:
    una rete ruppoliana, quindi...
    una rete dei "senza app non mi garba", ohhh yeaahhhuna rede dei "windows fa schifo, il taglia/incolla non serve a nessuno", ohhh yeaahhhuna rete dei "linux risolve tutti i problemi del mondo, se non lo usi sei un pretoriano di redmond", ohhh yeaahhhuna rete dei "chattami l'email del tipo su facebook", ohhh yeaahhhuna rete dei "il bluetooth non serve, il file lo mandi via e-mail", ohhh yeaahhhuna rede dei "i virus li inventano le aziende anti-virus insieme al mossad", ohhh yeaahhhpoveri noi, che abbiamo visto le BBS... ohhh yeaahhh
    • ruppolo scrive:
      Re: una rete ruppoliana, quindi...
      Io però non sono anonimo, quindi vivo la rete come il mondo reale.
      • Craccolo scrive:
        Re: una rete ruppoliana, quindi...
        anche nella vita di tutti i giorni sei così mal messo? pigli tutti 'sti insulti anche quando entri in un bar a bere un caffè? povero...
        • panda rossa scrive:
          Re: una rete ruppoliana, quindi...
          - Scritto da: Craccolo
          anche nella vita di tutti i giorni sei così mal
          messo? pigli tutti 'sti insulti anche quando
          entri in un bar a bere un caffè?
          povero...Be', se entra in un bar per un caffe' e comincia a criticare la macchina del caffe' del barista, dicendo "Jobs lo fa meglio", "Apple ha inventato l'espresso", "Io so' figo che cio' l'ipad e voi siete tutti dei pezzenti", credo proprio di si.
          • say no scrive:
            Re: una rete ruppoliana, quindi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Craccolo

            anche nella vita di tutti i giorni sei così
            mal

            messo? pigli tutti 'sti insulti anche quando

            entri in un bar a bere un caffè?

            povero...

            Be', se entra in un bar per un caffe' e comincia
            a criticare la macchina del caffe' del barista,
            dicendo "Jobs lo fa meglio", "Apple ha inventato
            l'espresso", "Io so' figo che cio' l'ipad e voi
            siete tutti dei pezzenti", credo proprio di si.ma certo che non lo fa!proprio perché, al contrario di quello che dice, NON è vero che vive la rete come il mondo reale: qui al massimo si prende qualche "rimprovero" virtuale, al bar lo prenderebbero a calci reali...
          • ruppolo scrive:
            Re: una rete ruppoliana, quindi...
            - Scritto da: say no
            proprio perché, al contrario di quello che dice,
            NON è vero che vive la rete come il mondo reale:
            qui al massimo si prende qualche "rimprovero"
            virtuale, al bar lo prenderebbero a calci
            reali...Non credo, altrimenti finirebbero davanti un giudice.
          • panda rossa scrive:
            Re: una rete ruppoliana, quindi...
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: say no

            proprio perché, al contrario di quello che
            dice,

            NON è vero che vive la rete come il mondo
            reale:

            qui al massimo si prende qualche "rimprovero"

            virtuale, al bar lo prenderebbero a calci

            reali...

            Non credo, altrimenti finirebbero davanti un
            giudice.Hai ragione.Pure quel pazzo in Norvegia e' gia' finito davanti ad un giudice!
        • ruppolo scrive:
          Re: una rete ruppoliana, quindi...
          - Scritto da: Craccolo
          anche nella vita di tutti i giorni sei così mal
          messo? pigli tutti 'sti insulti anche quando
          entri in un bar a bere un caffè?
          povero...No, perché gli altri in quel caso non sono anonimi, sono lì con la loro faccia.Solo qui in Internet ricevo gli insulti, dai codardi anonimi.
          • Sgabbio scrive:
            Re: una rete ruppoliana, quindi...
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Quali anonini di riferisci in dettaglio ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 luglio 2011 16.18-----------------------------------------------------------
      • say no scrive:
        Re: una rete ruppoliana, quindi...
        - Scritto da: ruppolo
        Io però non sono anonimo, quindi vivo la rete
        come il mondo reale.a parte che registrarsi su PI e firmare dei post come ruppolo è poca cosa per poter dire di non essere (o non essere) anonimi... mi sfugge del tutto il nesso logico (il "quindi", per capirci) tra "non sono anonimo" e "vivo la rete come il mondo reale"... mi sfugge perché non esiste proprio...quasi quasi si potrebbe dire che trattasi di una <<fallacia ruppoliana

        ... ;-)
        • ruppolo scrive:
          Re: una rete ruppoliana, quindi...
          - Scritto da: say no
          - Scritto da: ruppolo

          Io però non sono anonimo, quindi vivo la rete

          come il mondo reale.

          a parte che registrarsi su PI e firmare dei post
          come ruppolo è poca cosa per poter dire di non
          essere (o non essere) anonimi...Beh, a parte che ormai tutti qui mi conoscono, che quando posto screen shot uso il mio server col mio dominio e da lì si ricavano tutti i miei dati, se solo cerchi "ruppolo" con Google spunto in cima alla lista.
          mi sfugge del tutto il nesso logico (il "quindi",
          per capirci) tra "non sono anonimo" e "vivo la
          rete come il mondo reale"... mi sfugge perché non
          esiste
          proprio...Se fossi anonimo potrei permettermi di assumere qualsiasi falsa identità e di vivere quindi una vita non mia, non reale.
          quasi quasi si potrebbe dire che trattasi di una
          <<fallacia ruppoliana

          ...
          ;-)Dì quello che vuoi, ma io qui non sono anonimo. Ed è ovviamente una scelta.
          • say no scrive:
            Re: una rete ruppoliana, quindi...
            - Scritto da: ruppolo[...]
            Beh, a parte che ormai tutti qui mi conoscono,
            che quando posto screen shot uso il mio server
            col mio dominio e da lì si ricavano tutti i miei
            dati, se solo cerchi "ruppolo" con Google spunto
            in cima alla lista.g ti ringrazia vivamente per il tuo contributo spontaneo alla sua capitalizzazione

            mi sfugge del tutto il nesso logico (il
            "quindi",

            per capirci) tra "non sono anonimo" e "vivo
            la

            rete come il mondo reale"...
            Se fossi anonimo potrei permettermi di assumere
            qualsiasi falsa identità no: l'anonimato in rete è una pia illusione
            e di vivere quindi una
            vita non mia, non reale.non la vivresti comunque e/o (a seconda del punto di vista) sarebbe comunque la tua vita...ad ogni modo, questa tua frase ipotetica ( <i
            Se fossi anonimo... </i
            ) non dimostra in positivo la tua argomentazione, né vale come controesempio... il nesso logico non c'era prima e non c'è ora...
            Dì quello che vuoi, ma io qui non sono anonimo.
            Ed è ovviamente una scelta.ah beh certo, c'è anche chi si frusta a sangue per scelta...
        • 01234 scrive:
          Re: una rete ruppoliana, quindi...
          fallacia ruppoliana è un pleonasmo :-)
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: una rete ruppoliana, quindi...
        - Scritto da: ruppolo
        Io però non sono anonimo, quindi vivo la rete
        come il mondo
        reale.Fossi in te non me ne vanterei.
        • ruppolo scrive:
          Re: una rete ruppoliana, quindi...
          - Scritto da: dont feed the troll/dovella
          - Scritto da: ruppolo

          Io però non sono anonimo, quindi vivo la rete

          come il mondo

          reale.

          Fossi in te non me ne vanterei.Posso vantarmi di non essere codardo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: una rete ruppoliana, quindi...
            Essere anonimi, non vuol dire essere codardi, come fai a pensare questo ? Solo perchè su PI ti prendono a male parole ?Ma tu dai peso agli anonimi su PI ???Ma perfavore....
      • 01234 scrive:
        Re: una rete ruppoliana, quindi...
        MA (rotfl)!!!!!
  • Dottor Stranamore scrive:
    Direi che la rete stessa è una cretinata
    Guardiamo i due commenti che precedono il mio:1) CDO....?2) (anonimo) :$Vedremmo mai dei messaggi tanto vuoti su un giornale? Su un libro? Su un qualunque medium che sia disponibile al di fuori della rete?Non credo.Vogliamo mettere il libro di Stella con quella cavolata di Spider Truman su Facebook?La rete mi fa schifo, mi dà la nausea. E' ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione, impoverisce il paese, è un luogo dove tutto è nicchia, dove non nasce aggregazione. Non citatemi le proteste nate in Egitto, Turchia ecc... lì protestavano per la fame, sarebbero nate anche senza Internet.Non è dalla rete che vengono le informazioni vere. Vengono dal giornalismo d'inchiesta, dagli scrittori, dai registi di docu-fiction e documentari. Da dei professionisti seri.La rete al massimo può diffondere un messaggio, ma per la sua natura decentralizzata poi lo diffonde distorcendolo, impoverendolo, facendolo diventare più rozzo grazie al linguaggio "grillese" che imperversa tra i cyber navigatori.Tutte queste cose sulla Casta sono state già riportate in libri scritti anni fa. Questo Spider Truman non sta facendo altro che impoverire il lavoro svolto da dei professionisti.La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori, alle università e ai militari.
    • histor91 scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      Replico al tuo post in modo intelligente, illudendomi di non sprecare il mio tempo.- Scritto da: Dottor Stranamore
      Vedremmo mai dei messaggi tanto vuoti su un
      giornale? Su un libro? Su un qualunque medium che
      sia disponibile al di fuori della
      rete?Mai visto il Foglio? O Tamarreide?
      La rete mi fa schifo, mi dà la nausea. E'
      ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione,
      impoverisce il paese, è un luogo dove tutto è
      nicchia, dove non nasce aggregazione.Finalmente arrivi al punto: detesti la rete perché la consideri deleteria per l'economia attuale. Questo però devi prima dimostrarlo. Dopo se ne può discutere.
      Non
      citatemi le proteste nate in Egitto, Turchia
      ecc... lì protestavano per la fame, sarebbero
      nate anche senza
      Internet.Forse sì, forse no. Che hai la sfera di cristallo?
      Non è dalla rete che vengono le informazioni
      vere. Vengono dal giornalismo d'inchiesta, dagli
      scrittori, dai registi di docu-fiction e
      documentari. Da dei professionisti
      seri.Il giornalismo d'inchiesta è a rischio estinzione nei media tradizionali. Io seguo UAAR Ultimissime, per dirne una, dove le trovo su cartaceo o (questa è addirittura esilarante) in tv? Attendo risposta.
      La rete al massimo può diffondere un messaggio,
      ma per la sua natura decentralizzata poi lo
      diffonde distorcendolo, impoverendolo, facendolo
      diventare più rozzo grazie al linguaggio
      "grillese" che imperversa tra i cyber
      navigatori.Come il giornalismo tradizionale insomma. Ma tu leggi i giornali?
      Tutte queste cose sulla Casta sono state già
      riportate in libri scritti anni fa. Questo Spider
      Truman non sta facendo altro che impoverire il
      lavoro svolto da dei
      professionisti.Già, ma ha dato risalto a quelle informazioni grazie a (sic!) una (misera) strategia di marketing.
      La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori,
      alle università e ai
      militari.Avessi letto prima la sententia conclusiva, avrei fatto a meno di rispondere :(
    • hermanhesse scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      Provo, con sforzo enorme, a risponderti in modo pacato.Provo.- Scritto da: Dottor Stranamore
      Guardiamo i due commenti che precedono il mio:
      1) CDO....
      ?

      2) (anonimo) :$

      Vedremmo mai dei messaggi tanto vuoti su un
      giornale? Su un libro? Su un qualunque medium che
      sia disponibile al di fuori della
      rete?

      Non credo.E fin qui ti do ragione. Ma non è colpa della rete, ma di chi la usa.

      Vogliamo mettere il libro di Stella con quella
      cavolata di Spider Truman su
      Facebook?Per quanto mi riguarda sono entrambi inutili.Ma essendo che nè io nè te possiamo imporre i nostri gusti, lascerei stare.

      La rete mi fa schifo, mi dà la nausea. È un problema tuo, no?
      E'
      ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione,
      impoverisce il paese, è un luogo dove tutto è
      nicchia, dove non nasce aggregazione. Questa è la TUA rete. Nella mia rete non funziona così.La rete è ampia, sta a te andare oltre. Si può fare e c'è chi lo fa.Ma se parti con questo atteggiamento non so fino a dove potrai arrivare.
      Non
      citatemi le proteste nate in Egitto, Turchia
      ecc... lì protestavano per la fame, sarebbero
      nate anche senza
      Internet.Nate sì. Quale diffusione avrebbero avuto però?Il messaggio di rivolta, poi, è passato di stato in stato via internet. È innegabile questo.

      Non è dalla rete che vengono le informazioni
      vere. Vengono dal giornalismo d'inchiesta, dagli
      scrittori, dai registi di docu-fiction e
      documentari. Da dei professionisti
      seri.I professionisti seri che dici sono tutti morti. Quelli rimasti lavorano sulla rete. Non è colpa loro se tu non li trovi. E non è colpa loro se la gente non li va a cercare.Per lo stesso motivo c'è gente che dice che il suo PC è al sicuro perchè da nessuna parte esiste un virus, mentre c'è gente che abitualmente entra nei PC di mezzo mondo, anche quelli "impenetrabili" per farsi gli affari propri.
      La rete al massimo può diffondere un messaggio,
      ma per la sua natura decentralizzata poi lo
      diffonde distorcendolo, impoverendolo, facendolo
      diventare più rozzo grazie al linguaggio
      "grillese" che imperversa tra i cyber
      navigatori.Non ti seguo: è proprio per questo che permette alle notizie di circolare e a velocità folli.Ti stai sbagliando, ma puoi ancora cambiare opinione. Provaci, almeno.
      Tutte queste cose sulla Casta sono state già
      riportate in libri scritti anni fa. Questo Spider
      Truman non sta facendo altro che impoverire il
      lavoro svolto da dei
      professionisti.Sta ribadendo dei concetti. Lo sta facendo con un mezzo inaffondabile.

      La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori,
      alle università e ai
      militari.Su quest'ultima cosa potrei essere d'accordo.A me non cambierebbe molto, anche se a volte comprare su Ebay è comodo.
    • panda rossa scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Guardiamo i due commenti che precedono il mio:
      1) CDO....
      ?

      2) (anonimo) :$

      Vedremmo mai dei messaggi tanto vuoti su un
      giornale? Messaggi vuoti per chi non li sa leggere.
      Su un libro? http://sianna-libri.blogspot.com/2009/04/nudo-un-libro-di-pagine-bianche.html
      Su un qualunque medium che
      sia disponibile al di fuori della
      rete?http://www.lse.te.it/lavori/005/klein/html/sinfonia.html
      Non credo.Brutta cosa la mancanza di cultura...
      Vogliamo mettere il libro di Stella con quella
      cavolata di Spider Truman su
      Facebook?Mettiamo.Che cosa e' cambiato dopo l'uscita del libro di Stella, a parte qualche legge ad personam e altri privilegi in piu' che si sono dati i potenti?Che cosa sta cambiando invece con quella cavolata di Spider Truman?
      La rete mi fa schifo, mi dà la nausea.De gustibus... io la testa nel letamaio non ce la infilo.Tu, a quanto pare, si.
      E'
      ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione,
      impoverisce il paese,Potresti chiedere di partecipare al prossimo GF: lo spessore culturale ce l'hai.
      è un luogo dove tutto è
      nicchia, dove non nasce aggregazione. Non
      citatemi le proteste nate in Egitto, Turchia
      ecc... lì protestavano per la fame, sarebbero
      nate anche senza
      Internet.Ma oltre a facebuc e il forum di PI tu che cos'altro consulti della rete?La versione online di studio aperto?
      Non è dalla rete che vengono le informazioni
      vere. Vengono dal giornalismo d'inchiesta, dagli
      scrittori, dai registi di docu-fiction e
      documentari. Da dei professionisti
      seri.Che le scrivono in rete!La rete e' un mezzo.Come dire: non e' dalla carta che vengono le informazioni vere.Che bella scoperta!
      La rete al massimo può diffondere un messaggio,Al massimo?Quello fa. Nient'altro.
      ma per la sua natura decentralizzata poi lo
      diffonde distorcendolo, impoverendolo, facendolo
      diventare più rozzo grazie al linguaggio
      "grillese" che imperversa tra i cyber
      navigatori.La rete non distorce.Distorce chi usa la rete in malafede.Se io scrivo qualcosa, quel qualcosa e' li', non e' distorto.
      Tutte queste cose sulla Casta sono state già
      riportate in libri scritti anni fa. Questo Spider
      Truman non sta facendo altro che impoverire il
      lavoro svolto da dei professionisti.Che cosa hanno fatto i "professionisti" ?Niente!Hanno scritto quello che tutti sapevano e non e' cambiato proprio niente.Invece con la rete si raggiunge ogni pecora del gregge!
      La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori,
      alle università e ai
      militari.Comincia pure dando il buon esempio!
      • sentinel scrive:
        Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
        - Scritto da: panda rossa

        è un luogo dove tutto è

        nicchia, dove non nasce aggregazione. Non

        citatemi le proteste nate in Egitto, Turchia

        ecc... lì protestavano per la fame, sarebbero

        nate anche senza

        Internet.

        Ma oltre a facebuc e il forum di PI tu che
        cos'altro consulti della
        rete?
        La versione online di studio aperto?LOL (rotfl)
      • massimo scrive:
        Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
        - Scritto da: panda rossa

        Su un libro?

        http://sianna-libri.blogspot.com/2009/04/nudo-un-l(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) non voglio credere che esista sul serio (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Funz scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Guardiamo i due commenti che precedono il mio:
      1) CDO....
      ?Evidentemente non hai mai scritto una mail di lavoro.
      2) (anonimo) :$

      Vedremmo mai dei messaggi tanto vuoti su un
      giornale? Su un libro? Su un qualunque medium che
      sia disponibile al di fuori della
      rete?

      Non credo.Si, quotidianamente, e specialmente quando si parla di argomenti tecnici e scientifici... lasciamo perdere la marea montante di stron*ate che propinano ai poveri di cultura e intelletto...
      Vogliamo mettere il libro di Stella con quella
      cavolata di Spider Truman su
      Facebook?Certo, intanto Stella quanta gente l'ha letto? Mettiamo un milioneUn paio di altri milioni avranno letto almeno un post di questo fantomatico personaggio. Alla fine non sono importanti né la persona né il mezzo, e nemmeno i temi che sono sempre gli stessi: la cosa significativa è che oggi c'è una maggioranza di cittadini disgustati e sempre meno disposti a tollerare questa politica lercia. Da qui nascono gli Spidertruman e i Beppe Grillo che fanno milioni di visite, è un bene e i cosiddetti politici dovrebbero prenderne atto e iniziare a comportarsi onestamente (utopia...)
      La rete mi fa schifo, mi dà la nausea. E'
      ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione,
      impoverisce il paese, è un luogo dove tutto è
      nicchia, dove non nasce aggregazione. NonE perché sei ancora qui a sguazzare nella melma?
      citatemi le proteste nate in Egitto, Turchia
      ecc... lì protestavano per la fame, sarebbero
      nate anche senza
      Internet.Magari sarebbero state represse più facilmente. Di sicuro Al Jazeera ha contato molto di più di Twitter in quei Paesi dove Internet è ancora meno presente che da noi, ma tutto fa brodo.
      Non è dalla rete che vengono le informazioni
      vere. Vengono dal giornalismo d'inchiesta, dagli
      scrittori, dai registi di docu-fiction e
      documentari. Da dei professionisti
      seri.Ce ne fossero di più! Quei pochi che vanno in TV vengono osteggiati dai padroni del vapore, e minacciati di andare in onda senza patrocinio legale dell'azienda...
      La rete al massimo può diffondere un messaggio,
      ma per la sua natura decentralizzata poi lo
      diffonde distorcendolo, impoverendolo, facendolo
      diventare più rozzo grazie al linguaggio
      "grillese" che imperversa tra i cyber
      navigatori.
      Tutte queste cose sulla Casta sono state già
      riportate in libri scritti anni fa. Questo Spider
      Truman non sta facendo altro che impoverire il
      lavoro svolto da dei
      professionisti.Nessuno toglie merito agli autori del libro, ma questi messaggi è bene che circolino il più possibile. Specie se sono informazioni di prima mano.
      La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori,
      alle università e ai
      militari.Ecco, inizia a spegnere tu il PC...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      se ti nausea internet, mi spieghi come mai è da mesi che vieni qui a dirlo ? Senti, come troll pecchi di mancata coerenza.
      • Picchiatell o scrive:
        Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
        - Scritto da: Sgabbio
        se ti nausea internet, mi spieghi come mai è da
        mesi che vieni qui a dirlo ? Senti, come troll
        pecchi di mancata
        coerenza.io quasi quasi gli mando ruppolo a casa per evangelizzarlo...
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
          - Scritto da: Picchiatell o
          - Scritto da: Sgabbio

          se ti nausea internet, mi spieghi come mai è
          da

          mesi che vieni qui a dirlo ? Senti, come
          troll

          pecchi di mancata

          coerenza.

          io quasi quasi gli mando ruppolo a casa per
          evangelizzarlo...Ho già diversa roba della Apple quindi non c'è bisogno di Ruppolo.
          • Picchiatell o scrive:
            Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            Ho già diversa roba della Apple quindi non c'è
            bisogno di
            Ruppolo.allora tocca all'ex dovella
          • bubba scrive:
            Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: Picchiatell o

            - Scritto da: Sgabbio


            se ti nausea internet, mi spieghi come
            mai
            è

            da


            mesi che vieni qui a dirlo ? Senti, come

            troll


            pecchi di mancata


            coerenza.



            io quasi quasi gli mando ruppolo a casa per

            evangelizzarlo...

            Ho già diversa roba della Apple quindi non c'è
            bisogno di
            Ruppolo.Come no? gli iCosi di apple senza internet sarebbero dei fermaporta. Ergo Ruppolo AMA internet.
          • Franky scrive:
            Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: Picchiatell o


            - Scritto da: Sgabbio



            se ti nausea internet, mi spieghi
            come

            mai

            è


            da



            mesi che vieni qui a dirlo ?
            Senti,
            come


            troll



            pecchi di mancata



            coerenza.





            io quasi quasi gli mando ruppolo a casa
            per


            evangelizzarlo...



            Ho già diversa roba della Apple quindi non
            c'è

            bisogno di

            Ruppolo.
            Come no? gli iCosi di apple senza internet
            sarebbero dei fermaporta. Ergo Ruppolo AMA
            internet.gli hamish usano gli icosi come fermatavoli...hai presente quando il tavolo "balla"...? :)
          • Winaro scrive:
            Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            Ho già diversa roba della AppleNon c'è limite al peggio quindi. :Tranquillo, fra un po' potrai accedere solo ai siti approvati Apple e non potrai più leggere questo giornale.All'inizio ti sembrerà un po' restrittivo perché sei abituato male, ad esempio sui siti approvati non sarà possibile inserire commenti nè tantomeno immettere nuovi contenuti (non possono stare ad approvare tutto quello che viene in testa alla gente). Col tempo non ci farai più caso.Nel frattempo se ti vuoi allenare...
        • Franky scrive:
          Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
          - Scritto da: Picchiatell o
          - Scritto da: Sgabbio

          se ti nausea internet, mi spieghi come mai è
          da

          mesi che vieni qui a dirlo ? Senti, come
          troll

          pecchi di mancata

          coerenza.

          io quasi quasi gli mando ruppolo a casa per
          evangelizzarlo...veramente... e voi che vi lamentate di Ruppolo...la pensa diversamente da noi su molte cose...ma almeno ha una sua linea...rispetto a questo che sembra uscito dalla comunita' hamish...
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
        - Scritto da: Sgabbio
        se ti nausea internet, mi spieghi come mai è da
        mesi che vieni qui a dirlo ? Senti, come troll
        pecchi di mancata
        coerenza.L'ho già spiegato il perché e più di una volta, se non perdevi le giorante a scrivere (rotfl)(rotfl)(rotfl) ad ogni mio messaggio e perdevi più tempo a leggere magari te lo ricordavi (anche se ovviamente non ho aperto il 99% dei tuoi messaggi così come non ho letto nessuna delle altre risposte a questo mio post a parte la tua e di Pichiatello, 2 secondi del mio tempo completamente buttati: grazie Inutile internet[minuscolo] )
        • Franky scrive:
          Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          - Scritto da: Sgabbio

          se ti nausea internet, mi spieghi come mai è
          da

          mesi che vieni qui a dirlo ? Senti, come
          troll

          pecchi di mancata

          coerenza.

          L'ho già spiegato il perché e più di una volta,
          se non perdevi le giorante a scrivere
          (rotfl)(rotfl)(rotfl) ad ogni mio messaggio e
          perdevi più tempo a leggere magari te lo
          ricordavi (anche se ovviamente non ho aperto il
          99% dei tuoi messaggi così come non ho letto
          nessuna delle altre risposte a questo mio post a
          parte la tua e di Pichiatello, 2 secondi del mio
          tempo completamente buttati: grazie Inutile
          internet[minuscolo]
          )ok...ho capito tutto...hai una inutile vita...non sai cosa cavolo fare e scrivi cretinate nel primo posto che ti capita a tiro...ora si spiega tutto...
          • Winaro scrive:
            Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
            - Scritto da: Franky

            ok...ho capito tutto...hai una inutile vita...non
            sai cosa cavolo fare e scrivi cretinate nel primo
            posto che ti capita a tiro...ora si spiega
            tutto...E io che pensavo fosse un Testimone di Geova o qualcosa del genere...
        • ciccio quanta ciccia scrive:
          Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
          Certo che se tutti dedicassero come te tanto tempo ed energia a cose che detestano e che ritengono inutili... farebbero la fortuna degli analisti esperti in masochismo!
      • Franky scrive:
        Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
        - Scritto da: Sgabbio
        se ti nausea internet, mi spieghi come mai è da
        mesi che vieni qui a dirlo ? Senti, come troll
        pecchi di mancata
        coerenza.soffre di disturbi bipolari...quando scade il mese la rete gli piace e rinnova l'abbonamento adsl...poi il giorno dopo...non gli piace piu'...purtroppo la malattia mentale e' in aumento nel mondo...
    • bubba scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata


      La rete mi fa schifo, mi dà la nausea. E'
      ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione,
      impoverisce il paese, è un luogo dove tutto è(ecc)MAI PENSATO di abbandonarla? No perche' tanto QUI di troll e/o fiaccatesticoli professionisti (stile Ruppolo) ne abbiamo a bizzeffe.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Guardiamo i due commenti che precedono il mio:
      1) CDO....
      ?
      non e' colpa mia se sei un ignorante e non sai la storia che esiste tra alcuni di noi ed il compilatore dell'articolo...che non risponde mai...quindi prima informati e poi poi poi parti in 4°....
      • Franky scrive:
        Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
        - Scritto da: Picchiatell o
        - Scritto da: Dottor Stranamore

        Guardiamo i due commenti che precedono il
        mio:

        1) CDO....

        ?


        non e' colpa mia se sei un ignorante e non sai la
        storia che esiste tra alcuni di noi ed il
        compilatore dell'articolo...che non risponde
        mai...
        quindi prima informati e poi poi poi parti in
        4°....dai e' un troll non te la prendere...cosa vuoi che capisca...
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
          - Scritto da: Franky
          - Scritto da: Picchiatell o

          - Scritto da: Dottor Stranamore


          Guardiamo i due commenti che precedono
          il

          mio:


          1) CDO....


          ?




          non e' colpa mia se sei un ignorante e non
          sai
          la

          storia che esiste tra alcuni di noi ed il

          compilatore dell'articolo...che non risponde

          mai...

          quindi prima informati e poi poi poi parti in

          4°....

          dai e' un troll non te la prendere...cosa vuoi
          che
          capisca...veramente io parlavo al coducente ;-)
    • sentinel scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Guardiamo i due commenti che precedono il mio:
      1) CDO....
      ?

      2) (anonimo) :$

      Vedremmo mai dei messaggi tanto vuoti su un
      giornale? Su un libro? Su un qualunque medium che
      sia disponibile al di fuori della
      rete?

      Non credo.Forse sulla carta stampata no, ma in televisionene vedi a pacchi di cavolate e schifezze varie...Quindi...
      La rete mi fa schifo, mi dà la nausea. E'
      ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione,
      impoverisce il paese, è un luogo dove tutto è
      nicchia, dove non nasce aggregazione. Non
      citatemi le proteste nate in Egitto, Turchia
      ecc... lì protestavano per la fame, sarebbero
      nate anche senza
      Internet.Ti sbagli.
      Non è dalla rete che vengono le informazioni
      vere. Vengono dal giornalismo d'inchiesta, dagli
      scrittori, dai registi di docu-fiction e
      documentari. Da dei professionisti
      seri.
      La rete al massimo può diffondere un messaggio,
      ma per la sua natura decentralizzata poi lo
      diffonde distorcendolo, impoverendolo, facendolo
      diventare più rozzo grazie al linguaggio
      "grillese" che imperversa tra i cyber
      navigatori.Cancellati da facebook và, mi sembra che tu ci abbiapassato troppo tempo... La VERA Internet è tutta un'altra cosa.
      La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori,
      alle università e ai
      militari.Infatti è nata per quest'ultimi, non per le cavolatedegli utonti e bimbiminkia vari.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      La rete non è una cretinata. Tu sì.
      • Franky scrive:
        Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
        - Scritto da: uno qualsiasi
        La rete non è una cretinata. Tu sì.Sottoscrivo in pieno...
    • Franky scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Guardiamo i due commenti che precedono il mio:
      1) CDO....
      ?

      2) (anonimo) :$

      Vedremmo mai dei messaggi tanto vuoti su un
      giornale? Su un libro? Su un qualunque medium che
      sia disponibile al di fuori della
      rete?

      Non credo.

      Vogliamo mettere il libro di Stella con quella
      cavolata di Spider Truman su
      Facebook?

      La rete mi fa schifo, mi dà la nausea. E'
      ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione,
      impoverisce il paese, è un luogo dove tutto è
      nicchia, dove non nasce aggregazione. Non
      citatemi le proteste nate in Egitto, Turchia
      ecc... lì protestavano per la fame, sarebbero
      nate anche senza
      Internet.

      Non è dalla rete che vengono le informazioni
      vere. Vengono dal giornalismo d'inchiesta, dagli
      scrittori, dai registi di docu-fiction e
      documentari. Da dei professionisti
      seri.
      La rete al massimo può diffondere un messaggio,
      ma per la sua natura decentralizzata poi lo
      diffonde distorcendolo, impoverendolo, facendolo
      diventare più rozzo grazie al linguaggio
      "grillese" che imperversa tra i cyber
      navigatori.
      Tutte queste cose sulla Casta sono state già
      riportate in libri scritti anni fa. Questo Spider
      Truman non sta facendo altro che impoverire il
      lavoro svolto da dei
      professionisti.

      La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori,
      alle università e ai
      militari.Ho una proposta da farti...Tu non paghi piu' il telefono...non paghi piu' l'adsl...e nemmeno la corrente...cosi' vengono e finalmente ti accontentano e ti sopspendono tutto?Contento?Che ne dici? Poi volendo potresti andare a vivere in una capanna...non e' male l'idea no? Oppure andare in un villaggio hamish...
    • massimo scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori,
      alle università e ai
      militari.Io non sono ne un ricercatore nè uno studente nè un militare... ma con internet ci lavoro... cosa faccio? Smetto di lavorare? Mi dai tu da mangiare dopo?
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
        - Scritto da: massimo
        - Scritto da: Dottor Stranamore

        La rete va spenta o lasciata solo ai
        ricercatori,

        alle università e ai

        militari.

        Io non sono ne un ricercatore nè uno studente nè
        un militare... ma con internet ci lavoro... cosa
        faccio? Smetto di lavorare? Mi dai tu da mangiare
        dopo?Certo che dovresti smettere di lavorare perché secondo alcuni elementi che si aggirano su questo sito diventeresti obsoleto e dovresti fare altro. Non importa cosa renda il tuo lavoro obsoleto, può essere una cosa illegale come la pirateria o una dittatura autoritaria che ti toglie Internet. Secondo il loro ragionamento saresti obsoleto. Vadano nei cantieri che stanno chiudendo perché non arrivano commesse, vadano a dire agli operai: siete obsoleti XXXXX vostri!
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata

      La rete va spenta o lasciata solo ai ricercatori,
      alle università e ai militari.Su, fai il bravo, torna nel secolo scorso... <b
      ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
      P-)
    • gomez scrive:
      Re: Direi che la rete stessa è una cretinata
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      La rete mi fa schifo, mi dà la nausea. E'
      ridicola, inutile, aumenta la disoccupazione,
      impoverisce il paese...fa cagliare il latte, sXXXXX i vetri, mette le mosche nella minestra e XXXXXXXXXX in ascensore.scusa eh ma li avevi dimenticati :-)Mauro
  • Homer scrive:
    D'oh
    (anonimo) :$
  • Picchiatell o scrive:
    Anonimato della rete ?
    CDO....?
Chiudi i commenti