Manhunt 2 mobilita il Parlamento indiano

Regalano al nipotino un videogioco. Quando scoprono che è stato vietato nel Regno Unito telefonano in Parlamento per ottenere una nuova legge censoria. Partito l'iter

Roma – Anche in India Manhunt 2 scalda gli animi. Dopo il caso della California, quello iraniano , tedesco , cinese e tanti altri ecco la “democrazia più grande del mondo” alla prese con lo splatter videoludico e la voglia di censura .

Come riporta GameGuru India la questione sembrerebbe essere esplosa in tutta la sua virulenza a seguito delle proteste di una famiglia. Una famiglia importante, famiglia di esponenti politici e industriali.

Ebbene, in occasione del compleanno del nipotino di 10 anni spunta una Sony PlayStation 2. Il ragazzo desidera un gioco che ha visto a casa di amici: Manhunt 2 – sì, uno dei giochi più criticati nel mondo. Ovviamente la famiglia ha i contatti giusti per far giungere dagli Stati Uniti lo sconosciuto giochino. Poco tempo dopo un articolo sul giornale segnala che il titolo in questione è stato censurato nel Regno Unito. La famiglia decide quindi di intervenire: non solo al ragazzino sarà proibito di giocarvi, ma l’India dovrà avere una nuova legge che regoli il mercato dei videogiochi.

La foga censoria cresciuta in famiglia si è tradotta infatti in una proposta di legge per l’introduzione di una nuova regolamentazione sull’importazione di videogiochi nel paese. Desicritics.og ricorda con l’occasione che anche in India il mercato nero è in grado di soddisfare ogni genere di esigenza.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti