Mano bionica, concorrenza italiana

Annunciata (una nuova e low cost) mano robotica in grado di sostituirsi a quella umana. Si unisce a quelle in sviluppo in una positiva competizione. Che solo a Pisa ha due concorrenti

Roma – L’istituto di ricerca Sant’Anna di Pisa ha sviluppato una mano robotica connessa con il cervello e che costa circa 70 euro. Si tratta ancora di un prototipo, ma l’obiettivo è quello di arrivare a breve sul mercato, in particolare per aiutare tutti coloro che vivono nei paesi attraversati da guerre e conflitti e che convivono con amputazioni.

Smart Hand , questo il nome del prototipo, dovrebbe pesare appena 350 grammi e costare appena 100 dollari (poco più di 70 euro): un prezzo che renderebbe plausibile anche lo sbarco nei paesi dilaniati da conflitti violenti.

Vi sono altri progetti di mano o dita bioniche . Solo a Pisa vi era già stato un annuncio simile a dicembre, ma quel progetto si chiama The Hand Embodied ed è coordinato dal Cento di Ricerca Piaggio dell’Università di Pisa. Curiosamente i due centri di ricerca sono stati già in competizione su argomenti identici e progetti paralleli in passato.

Molti i punti di contatto dei due progetti: entrambi hanno seguito il medesimo ragionamento secondo cui l’operazione di afferrare una palla è più semplice per l’uomo di quella di muovere una sola falange mentre per un robot è l’opposto, ed entrambi hanno pensato di superare questo problema adottando diversi motori per determinate combinazioni di movimenti .

“Così – aveva spiegato al giornale dell’Ateneo di Pisa Manuel
Catalano, dottorando del Centro “Piaggio” – con quattro motori è possibile riprodurre quasi tutte le prese possibili sugli oggetti, determinando un sensibile risparmio economico e meccanico visto che, altrimenti, sarebbero stati necessari ben venti attuatori, uno per ogni giunto della mano. Da questi dati sommari cercheremo di creare più prototipi, ciascuno adatto alle diverse esigenze”.

Maria Chiara Carrozza, direttore della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa ha parlato invece del prototipo, che rappresenta l’ultima tappa di un lavoro lungo ormai 10 anni e che già aveva portato un altro prototipo, LifeHand : “Stiamo sviluppando una protesi di mano robotica che ha l’obiettivo di replicare l’80 percento delle funzionalità di una mano naturale. È dotato di 4 motori al suo interno e permetterà prese che una persona a cui è stata amputata la mano si aspetta di fare: scrivere, bere, usare la carta di credito. Il prototipo ha al suo interno 40 microsensori, che permetteranno alla mano e alla persona che la indossa di percepire la sua posizione nello spazio”. Sono questi che permettono di connettere la mano artificiale al sistema nervoso, permettendo di “restituire al cervello la sensazione di spinta e la consistenza di un oggetto”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AxAx scrive:
    Fossero solo i cookie...
    Sempre in linea con i tempi l'UE.Ormai la tracciatura è fatto con ben altro che dei semplici cookies.Google ormai ad ogni ip è quasi in grado di associare persono l'appartamento dove uno sta.
    • linguist scrive:
      Re: Fossero solo i cookie...
      Credo che ormai solo i gonzi pensino che riservartezza ed internet siano due concetti intercambiabili. Se poi non si adotta un minimo di contromisure beh non credo che ci sia tanto da lamentarsi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 febbraio 2011 01.48-----------------------------------------------------------
  • Better Privacy scrive:
    Better Privacy
    Better Privacyhttps://addons.mozilla.org/en-US/firefox/addon/betterprivacy
    • Funz scrive:
      Re: Better Privacy
      - Scritto da: Better Privacy
      Better Privacy

      https://addons.mozilla.org/en-US/firefox/addon/betSenz'altro, assieme all'imprescindibile noscript e al blocco preventivo dei cookie integrato nel browser: l'ho attivato da poche settimane, e ho dovuto mettere in whitelist giusto 3 o 4 siti...
      • veloce scrive:
        Re: Better Privacy
        basta impostare la cancellazione automatica dei cookie a fine sessione: cosi' puoi utilizzare qualsiasi servizio web senza lasciare tracce e non serve piu' gestire le scomodissime liste bianche...
        • Funz scrive:
          Re: Better Privacy
          - Scritto da: veloce
          basta impostare la cancellazione automatica dei
          cookie a fine sessione: cosi' puoi utilizzare
          qualsiasi servizio web senza lasciare tracce e
          non serve piu' gestire le scomodissime liste
          bianche...Per parecchi anni ho fatto proprio così, ora sto provando un'impostazione più integralista ;)
Chiudi i commenti