Mappe, timore per gli aerei spia

Nuove indagini statunitensi sulle foto scattate da Mountain View e da Apple per le sue mappe

Roma – Nuove accuse nei confronti delle mappature effettuate da Google: a muoversi, stavolta, è il Senatore democratico a stelle e Strisce Charles Schumer che punta preventivamente il dito sulle foto aeree che Mountain View intende scattare per estendere il suo servizio di immagini 3D.

Il Senatore Schumer, già intervenuto contro le pratiche di tracciamento degli utenti attraverso i dispositivi mobile, ritiene che quelli che chiama gli “aerei spia” di Google siano così potenti da poter catturare anche dettagli delle persone all’interno delle loro case e per questo chiede che ogni immagine sia “offuscata” e che sia messa a disposizione a disposizione un’opzione di opt-out.

Oltre a Google, poi, chiama in causa Apple e le sue nuove tecnologie di mappatura.

Un portavoce di Google ha già cercato di spiegare al Senatore che i dettagli raccolti non sono tali da individuare le persone eventualmente fotografate all’interno delle finestre o sul balcone. Inoltre, come si teorizzava all’annuncio del nuovo servizio di Google, quella che viene poi mostrata nel servizio è una proiezione 3D costituita da una lavorazione automatica delle immagini scattate da diverse direzioni.

Mountain view ha risposto anche alle nuove accuse mosse nei confronti dei dati raccolti dalle macchine di Street View dall’ Information Commissioner’s Office (ICO) del Regno Unito e che fanno seguito alle conclusioni raggiunte dall’FCC nel corso delle proprie indagini: Google riferisce di aver già collaborato pienamente nel corso delle precedenti indagini condotte sull’argomento a partire dal 2010, fornendo alle autorità tutte le informazioni necessarie.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • massimo scrive:
    L'Italia non segue la media europea
    Purtroppo l'Italia non è nella media europea sull'uso dell'ITC, è molto più indietro. Gli Italiani spendono una fortuna in telefonini, ma non sanno usare internet e il web se non per delle sciocchezze come Facebook.L'insegnamento dell'informatica serve a poco finché abbiamo una scuola che non funziona, professori mediamente poco capaci, studenti semianalfabeti (molti laureati non sanno scrivere un testo corretto).La scuola deve essere più selettiva e dobbiamo avere meno professori, ma più preparati (usiamo la multimedialità invece delle noiose lezioni in aula di stile ottocentesco).E' vergognoso che i giornali parlino di Alcoa e miniere di carbone e il Governo perda tempo con queste aziende che vanno chiuse, invece di gravare su di noi per mantenere posti di lavoro inutili.Invece di organizzare continue pagliacciate i dipendenti si trovino un'altra attività, come abbiamo fatto tante volte noi che operiamo nelle piccole aziende: in Sardegna non mancano opportunità nell'agricoltura e nel turismo, basta che la Regione si organizzi invece di dilapidare i finanziamenti in progetti inutili.Gli investimenti vanno fatti solo su settori emergenti che garantiscano attività ad alto valore aggiunto: quindi energia, ITC, made in Italy di alto livello e una seria politica sul turismo di qualità.
  • Luca_ scrive:
    Acquisti Nazionali
    Forse Kroes non sa come si comportano le megacorp in europa.Tempo fa acquistai un dvd recorder con hd e vhs sul sito di Amazon.it.E quindi direte voi?Amazon.it per chi non lo sapesse è un'azienda lussemburghese per cui non italiana (anche se apparentemente opera in italia).Il prodotto, ad un prezzo assolutamente concorrenziale, mi arrivò in tempi abbastanza rapidi anche se l'imballo era marchiato amazon.dePer quanto mi riguarda non trovai la cosa preoccupante.Dopo un mese il prodotto si guastò e mi recai in un centro di assistenza (il prodotto era di un noto brand internazionale) che, dopo alcune verifiche durate un paio di giorni, mi restituì il tutto in quanto non era coperto da garanzia in quanto di importazione parallela e non riconosciuto dalla filiale italiana del noto brand.Amazon si è comportata correttamente ritirandomi a sue spese il prodotto e restituendomi quanto pagato in un mese (tempi decenti) ma personalmente non comprerò più alcun prodotto online se non di provenienza italiana. Volete darmi torto?
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Acquisti Nazionali
      - Scritto da: Luca_
      Forse Kroes non sa come si comportano le megacorp
      in
      europa.
      Tempo fa acquistai un dvd recorder con hd e vhs
      sul sito di
      Amazon.it.
      E quindi direte voi?
      Amazon.it per chi non lo sapesse è un'azienda
      lussemburghese per cui non italiana (anche se
      apparentemente opera in
      italia).Da un po' di tempo hanno un rappresentante fiscale in Italia e hanno anche aperto dei magazzini enormi a Piacenza che però danno lavoro solo a 150 persone, ma d'altro canto essendo efficienti occupano tanto spazio per la merce e creano pochi posti.
  • CiccioQuant aCiccia scrive:
    Fondi
    Tutti i fondi spesi negli ultimi 20 e passa anni per la formazione informatica a vari livelli di popolazione lavorativa o meno a cosa sono serviti allora?Tutti sanno scrivere idiozie e mettere le foto su FB ma quando si tratta di copiare un file o fare data entry ti guardano con gli occhi sgranati? Vogliamo che tutti diventino sistemisti, sviluppatori e compagnia cantante? Quali sarebbero le competenze che mancano? Sarà magari forse colpa del fatto che le aziende delocalizzano e - specie in Italia - l'IT conta come il 2 di Briscola ed è più probabile che finisci in un call center?Sarà anche colpa del fatto che abbiamo mandato in XXXXX una miriade di aziende del settore e Nokia, tanto per fare un nome, seguirà questa strada.Se fai tutto in Cina, India e sud-est asiatico e quando anche gli informatici in USA sono in realtà asiatici la colpa è della popolazione europea che ne capisce poco (tutto da dimostrare)?
Chiudi i commenti