Marchi, Intel contro Intell

Una elle di differenza non basta ad una piccola società di Sacramento per evitare la querela. Il chipmaker dovrà ora dimostrare che Intell infrange il proprio marchio anche se opera in un differente mercato


Santa Clara (USA) – A Intel proprio non va giù che un’altra società, per giunta californiana anch’essa, abbia un nome che differisca dal proprio per una soa “l” finale in più. Questa sorta di complesso della “doppia elle” ha spinto il gigante dei chip a denunciare Intell Detection Systems (IDS) accusandola di violare il proprio marchio.

Secondo quanto riportato da The Inquirer , Intel teme che la sua “quasi omonima” possa indebolire il proprio trademark e generare confusione tra gli utenti. Da sottolineare che IDS non opera nel campo dei chip, ma si occupa dell’installazione di dispositivi di sicurezza e sistemi di allarme presso edifici residenziali e commerciali.

E’ curioso notare come nei documenti presentati presso il tribunale, Intel fornisca un dettagliato elenco delle tipologie di prodotti che, al di fuori del mercato hi-tech, utilizzano il suo marchio. A quanto pare il famoso logo dell’azienda viene cucito o stampato ogni giorno su borselli, valigie, zaini, sacche da mare, magliette, cravatte, giacche, giochi per bambini, bambole, ornamenti natalizi, ombrelli e portachiavi… e la lista sarebbe ancora lunga. Tra questa moltitudine di articoli non figurano tuttavia i sistemi d’allarme.

La causa Intel contro Intell richiama alla memoria quella tra Microsoft e Lindows , anche se in quel caso le contendenti operavano nello stesso segmento di mercato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Linux non osserva affatto
    http://search.mcafee.com/search?q=linux&site=Virus&num=100&btnG=Search&submit1=Search&output=xml_no_dtd&sort=date%3AD%3AL%3Ad1&ie=UTF-8&client=default_frontend&oe=UTF-8&proxystylesheet=default_frontend&getfields=description&filter=0
  • Anonimo scrive:
    E noi osserviamo...
    Mitglieder.GB starebbe continuando ad infettare un numero crescente di PC WindowsHahahaha fate troppo schiantare c'è una notizia come questa e venite a trollare nel forum della notizia dell'uscita di fedora COMPLIMENTI(linux)
    • carobeppe scrive:
      Re: E noi osserviamo...
      - Scritto da: Anonimo
      Mitglieder.GB starebbe continuando ad infettare
      un numero crescente di PC Windows

      Hahahaha fate troppo schiantare c'è una notizia
      come questa e venite a trollare nel forum della
      notizia dell'uscita di fedora

      COMPLIMENTI

      (linux)(linux) Quoto (linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: E noi osserviamo...
        - Scritto da: carobeppe

        - Scritto da: Anonimo

        Mitglieder.GB starebbe continuando ad infettare

        un numero crescente di PC Windows



        Hahahaha fate troppo schiantare c'è una notizia

        come questa e venite a trollare nel forum della

        notizia dell'uscita di fedora



        COMPLIMENTI



        (linux)

        (linux) Quoto (linux):-)
    • Anonimo scrive:
      Re: E noi osserviamo...
      - Scritto da: Anonimo
      Mitglieder.GB starebbe continuando ad infettare
      un numero crescente di PC Windows

      Hahahaha fate troppo schiantare c'è una notizia
      come questa e venite a trollare nel forum della
      notizia dell'uscita di fedora

      COMPLIMENTI

      (linux)http://www.toptechnews.com/story.xhtml?story_id=38978
    • Anonimo scrive:
      Re: E noi osserviamo...
      osserva pure:http://search.mcafee.com/search?q=linux&site=Virus&num=100&btnG=Search&submit1=Search&output=xml_no_dtd&sort=date%3AD%3AL%3Ad1&ie=UTF-8&client=default_frontend&oe=UTF-8&proxystylesheet=default_frontend&getfields=description&filter=0
  • Anonimo scrive:
    Continuo a chiedermi una cosa....
    Ma a parte i produttori di antivirus e le società di sicurezza CHI ha realmente interesse alla diffusione di questi virus??Voglio dire, anche se potessi tornare ai miei 20 anni "teletrasportandomi" alla situazione informatica attuale (e non al Videotel) chi me lo farebbe fare di scrivere virus?Con concreto rischio di tirarmi adosso una caterva di guai...La mia senzazione e' che ci sia di piu, uno stillicidio sospetto...Nessuno mi leva dalla mente che proprio una di queste società minacciava tragedie per i cellulari ancora prima che venissero scritti virus x questi device.Non penso che "responsabili" (ci mancherebbe) ma e' evidente che e' loro GRNADE interesse che qualche snervato passi le notti a creare nuove tipologie di virus sfruttano buchi e buchetti (che spesso proprio queste società si impegano a pubblicizzare e a testare con simpatici esempi disponibili a tutti)Sisi, lo so. Nascondere e' male.Porta al comportamento irresponsabili dei produttori di SO e SW.Ma siamo sicuri che la situazione attuale, l'approccio attuale sia il migliore?Siamo sicuri che non ci stiano rendendo tutti per il naso?Alla fine alla società di sicurezza FA COMODO scoprire e divulgare vulnerabilità.Nel mondo del business nessuno fa niente se non ha un tornaconto.E poi mi chiedo.A fronte di un problema cosi grosso quali e QUANTE forze sono in campo?Non di "società private" ma "pubbliche" cioe' polizia o chi per essa.Xche, se non sbaglio, tanti sceriffi del web sono pronti a spendere risorse, uomini, mezzi per dare la caccia ai ragazzini del P2P o ai pedopornomaniaci ma, RARAMENTE (se non in casi eclatanti) vedo lo stesso impegno, la stessa grinta attaccare il mondo di chi scrive virus.Qui si parla di "aggiornamento automatico" via sito.Ok, loggare chi UPLODA varianti?Usare tutti sti caxxo di dati che le polizie archiviano in nome "della lotta al cattivo terrorismo" per incuxxare questa gente?Xche se veramente tutto sto martellamento e questa invasione della nostra privacy viene SPACCIATA come tecnologia MIRATA alla sicurezza e tutela degli utenti di internet QUESTO E' IL BANCO DI PROVA.Sarò complottista ma mi sa che alla fine tutti sti log, tutta sta polizia tutto sto blabla serve SOLO a proteggere gli interessi di chi sappiamo.Nel nome del CD andate in pace (prendendovelo dove sapete)
    • Anonimo scrive:
      Re: Continuo a chiedermi una cosa....
      Ok, scusate.DEvo piantarla con la RedBull che mi strippa troppo! :-De devo rileggere prima di postare.Mi scuso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Continuo a chiedermi una cosa....
        - Scritto da: Anonimo
        Ok, scusate.
        DEvo piantarla con la RedBull che mi strippa
        troppo! :-D
        e devo rileggere prima di postare.
        Mi scuso.
        maddai, in fondo non hai tutti i torti.
    • alex.tg scrive:
      Re: Continuo a chiedermi una cosa....
      - Scritto da: Anonimo
      Siamo sicuri che non ci stiano rendendo tutti per
      il naso?
      Alla fine alla società di sicurezza FA COMODO
      scoprire e divulgare vulnerabilità.No, no, credo che siano proprio genuinamente imbecilli. Tanto da farlo sembrare un complotto, a prima vista. Ma no, propendo per il niente complotto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Continuo a chiedermi una cosa....
        La risposta alla domanda: "perche' creare tanti malware" e' abbastanza semplice:FAMA E FORTUNA.Se pensi al Cabir, il primo worm per cellulari, e' nato dalla mente di Marcos Velasco, programmatore appassionato che ha creato questo programmino che non faceva altro che replicare se stesso via bluetooth. BASTA. E' nato per il puro CONCETTO che fosse possibile una diffusione di un programma anche tra i cellulari, e il codice sorgente era a disposizione del pubblico. Quasi TUTTE le varianti in "commercio", utilizzano la routine del suddetto virus per diffondersi (modificata ed ampliata per migliorare la diffusione). Velasco passerà alla storia come lo ha fatto Robert T Morris, per essere considerato IL PRIMO.Per quanto riguarda i vari worm che girano su windows, molti sono utilizzati per creare delle botnet, e i vari malware installati a parte generano introiti ai loro diffusori perchè legate a circuiti di advertising (la pubblicità paga.).Questo e' il vero motore che spinge i virus writer di oggi... se una volta lo scopo era per la "gloria e per la fama", ora e' per il "vil denaro". Il motivo e' semplice... le case di antivirus centrano poco... non c'e' bisogno che si sporchino le mani.Saluti
Chiudi i commenti