Marchio iPad, baruffa internazionale

Apple bloccata in Cina, anzi no. Ma solo per ora. Nel frattempo si apre una causa analoga a quella orientale anche negli Stati Uniti

Roma – La causa relativa alla proprietà del marchio iPad ha ora anche una propaggine a stelle e strisce : Proview ha depositato una denuncia presso la Corte di Santa Clara in California.

Anche davanti al giudice californiano, l’azienda cinese contesta ad Apple la validità e la portata della transazione con cui afferma di aver acquistato i diritti relativi al marchio iPad, affermando che tale affare sia stato firmato da una sua sussidiaria e comunque non fosse valido per i diritti di utilizzo del nome sul mercato cinese .

Nel frattempo un’altra corte cinese si è espressa sulla proprietà del marchio iPad, ed ha rigettato la richiesta di blocco delle vendite nel paese invocata dall’azienda locale contro i tablet con la Mela.

La nuova sentenza è stata emessa dalla corte di Shanghai chiamata a rivedere la questione e la richiesta di bando di iPad come tutte le altre corte locali responsabili delle importazioni nelle diverse regioni cinesi: nonostante il blocco delle vendite sia già stato deciso da un’altra corte , questa non ha ritenuto proporzionale la misura di ingiunzione preliminare.

Tutte queste sentenze, tuttavia, hanno una valenza legata alla regione in cui sono state emesse, quindi il destino cinese di iPad sembra destinato a essere frammentato. Almeno fino a quando ad esprimersi non saranno le corti nazionali di Pechino .

Nel frattempo sembra aggiungersi un nuovo protagonista alla vicenda: Bank of China risulta ora essere tra i creditori che attualmente gestiscono Proview . Questo significa, da un lato, che il dissesto finanziario dell’azienda cinese è particolarmente grave e che quindi si può immaginare essere particolarmente propensa a raggiungere un accordo extra-giudiziale; dall’altro significa che, oltre che con un’azienda con poche risorse, Apple deve vedersela con i suoi creditori, le banche.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Carletto scrive:
    unica soluzione
    L'unica soluzione e' astenersi dal voto. Allora capiranno! @^
    • krane scrive:
      Re: unica soluzione
      - Scritto da: Carletto
      L'unica soluzione e' astenersi dal voto. Allora
      capiranno!
      @^Mah, secondo me farebbe solo quello che vogliono ancor peggio...Torce e forconi invece non lascerebbero dubbi.
  • Antonio Laterza scrive:
    In zona 4 impediscono ancora le riprese
    In consgiglio di zona 4 a Milano, 8/3/2012, continuano a vietare le riprese.L'articolohttp://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/milano/2012/03/ennesimo-stop-alle-videoriprese.htmle il video:http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=wjQWK4kgVLI#!
  • Antonio Laterza scrive:
    disponibili on-line i Cons Comun. Milano
    Nell'articolo non si dice che le sedute consigliari del comune di Milano c'è la diretta streaming: http://www.comune.milano.it/dseserver/videoconsiglio/index.htmle l'archivio on-line dal 2006, raggiungibile dal link: http://www.comune.milano.it/dseserver/webcity/Documenti.nsf/webHomePage?readForm&settore=salaStampaRassegna&notsearch=1Quindi probabilmente Cappato si riferisce alle riunioni delle commissioni. Da noi in consiglio di zona 9 a Milano, giovedì 23 Febbraio 2012 è passata una mozione per l'installazione di telecamere al fine di effettuare la diretta streaming e l'archiviazione disponibile on-line.In effetti per le commissioni c'è un po' di contrarietà.
    • panda rossa scrive:
      Re: disponibili on-line i Cons Comun. Milano
      - Scritto da: Antonio Laterza
      In effetti per le commissioni c'è un po' di
      contrarietà.Perche'?Che cosa hanno da nascondere le commissioni?I membri delle commissioni hanno scelto liberamente di farne parte, o alcuni di loro sono stati nominati contro la loro volonta'?Se qualche membro delle commissioni e' contrario a farsi riprendere durante le pubbliche riunioni delle commissioni, che esprima pure il suo dissenso presentando dimmissioni irrevocabili dalla commissione medesima, lasciando pure il posto a qualcuno magari meno competente, sicuramente meno ammanicato ma che non ha nulla da nascondere.
      • Antonio Laterza scrive:
        Re: disponibili on-line i Cons Comun. Milano
        Ciao Panda Rossa, purtroppo quando le regole su di loro le decidono loro e non c'è una pressione che faccia andare al contrario... campa cavallo che l'erba cresce. Per tornare al caso reale che spero a breve di pubblicare video e articolo, abbiamo presentato la mozione che trovi al link: http://zona9m5smilano.pbworks.com/w/file/fetch/50838289/MozioneInstallazioneCircuitoVideoRiprese_zona9.pdfPer farla accettare abbiamo accolto di eliminare il punto 3) "− 3) In attesa che quanto ai punti 1) e 2) sia realizzato, le registrazioni ottenutetramite il consiglio di zona siano pubblicabili su internet a titolo gratuito."e la parola commissioni dal punto 2). Abbiamo promesso che ci ritorniamo sull'argomento :-).A breve completerò il post che parla di questa mozione e della mozione d'ordine che in pratica riguarda il punto 3). Per completezza magari posto qui il link.A presto.
        • Antonio Laterza scrive:
          Re: disponibili on-line i Cons Comun. Milano
          Come anticipato, il link al post con i video e le discussioni: http://anlater.blogspot.com/2012/03/milano-zona-9-installazione-videocamere.html
  • andy61 scrive:
    .. e le interviste?
    Qualsiasi consigliere, o politico, o pubblico amministratore, dovrebbe assolutamente astenersi dal rilasciare interviste ai media o partecipare a tavole rotonde in televisione: nel momento in cui accetta che la propria voce venga pubblicamente diffusa (ad esempio attraverso la televisione o la radio), rinuncia esplicitamente alla riservatezza del proprio dato biometrico.Ciò che deve essere protetto dalla legge non è quindi la sua raccolta o ascolto, ma l'utilizzo diverso dagli scopi previsti.Se ad esempio raccolgo ed utilizzo la sua voce per ricreare una password vocale che utilizza per sbloccare il proprio antifurto di casa, lí commetto un reato.
  • Prima di pubblicare scrive:
    La legge dà questa possibilità
    Per legge le sedute sono pubbliche, e possono essere riprese e postate su youtube dietro autorizazione del presidente del consiglio comunale, che però è tenuto a darla. A Palermo c'e' un gruppo di ragazzi che ha preso a cuore la faccenda, e posta regolarmente su youtube/vimeo le sedute, una vera manna per i giornalisti !ad esempio:http://www.youtube.com/watch?v=Fhnu72TF87s
  • il solito bene informato scrive:
    targhe automobilistiche
    Questa pruderia "privacistica" mi suona esattamente come quella di chi vede una foto della propria auto pubblicata su un social network da un amico e gli chiede "mi oscuri la targa, per favore?"... ma che oscuri?! <b
    E' pubblica! </b
    La voce è, sì, un dato biometrico ma allora dovresti parlare solo a poche persone selezionate ed è una cosa che un politico, per la natura del suo lavoro, non può fare.... che nessuno può ragionevolmente fare.EditP.S.Marco Cappato? ma chi è costui? un *ahem* Radicale? *ahemmm* :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 febbraio 2012 11.23-----------------------------------------------------------
    • Osvy scrive:
      Re: targhe automobilistiche
      - Scritto da: il solito bene informato
      Questa pruderia "privacistica" mi suona
      esattamente come quella di chi vede una foto
      della propria auto pubblicata su un social
      network da un amico e gli chiede "mi oscuri la
      targa, per favore?"... ma che oscuri?! <b

      E' pubblica! </b
      La targa è "pubblica" (beh, insomma: devi fare una richiesta con i tuoi dati e la firma alla Motorizzazione/Aci, se ricordo), però è la "pubblicazione della foto" sul social network che richiederebbe che l'amico ti abbia autorizzato.. e magari a lui va bene la foto, però ha un "interesse" a non fare riconoscere come sua "quella" auto nel contesto della foto (tipo foto con a lato delle prostitute...)
      • il solito bene informato scrive:
        Re: targhe automobilistiche
        - Scritto da: Osvy
        - Scritto da: il solito bene informato

        Questa pruderia "privacistica" mi suona

        esattamente come quella di chi vede una foto

        della propria auto pubblicata su un social

        network da un amico e gli chiede "mi oscuri
        la

        targa, per favore?"... ma che oscuri?!
        <b


        E' pubblica! </b


        La targa è "pubblica" (beh, insomma: devi fare
        una richiesta con i tuoi dati e la firma alla
        Motorizzazione/Aci, se ricordo), però è la
        "pubblicazione della foto" sul social network che
        richiederebbe che l'amico ti abbia autorizzato..
        e magari a lui va bene la foto, però ha un
        "interesse" a non fare riconoscere come sua
        "quella" auto nel contesto della foto (tipo foto
        con a lato delle
        prostitute...)chi non ha nulla da nascondere non ha nulla da temere :p
        • iRoby scrive:
          Re: targhe automobilistiche
          Vuoi dire che tu sei un abituè del sesso a pagamento e tutti in famiglia lo sanno? :D
          • il solito bene informato scrive:
            Re: targhe automobilistiche
            - Scritto da: iRoby
            Vuoi dire che tu sei un abituè del sesso a
            pagamento e tutti in famiglia lo sanno?
            :Dmanco quello! :D
    • say no scrive:
      Re: targhe automobilistiche
      - Scritto da: il solito bene informato
      Questa pruderia "privacistica" mi suona
      esattamente come quella di chi vede una foto
      della propria auto pubblicata su un social
      network da un amico e gli chiede "mi oscuri la
      targa, per favore?"... ma che oscuri?! <b

      E' pubblica! </b
      pubblica? in che senso? e che significa? quale sarebbe la definizione giuridica di dati "pubblici"? hai la foto sulla carta di identità... per questo è pubblica la tua faccia? e la si può stampare o pubblicare ovunque?hai la pianta di casa tua nelle carte catastali... per questo casa tua diventa pubblica? e tutti ci possono guardare dentro?
      La voce è, sì, un dato biometrico ma allora
      dovresti parlare solo a poche persone selezionate
      ed è una cosa che un politico, per la natura del
      suo lavoro, non può fare.... che nessuno può
      ragionevolmente fare.certo... ciò non significa però, per esempio, che si possa registrare sempre e comunque quello che uno dice...il caso dell'articolo è però un particolare caso specifico: soggetti pubblici che parlano in una seduta pubblica in un luogo pubblico... registrabili eccome!!! e se proprio si vuole tutelare il dato biometrico "voce" di chi parla, basta ridurre il bitrate o filtrare il segnale audio...
      • ingiurioso scrive:
        Re: targhe automobilistiche
        - Scritto da: say no
        - Scritto da: il solito bene informato

        Questa pruderia "privacistica" mi suona

        esattamente come quella di chi vede una foto

        della propria auto pubblicata su un social

        network da un amico e gli chiede "mi oscuri
        la

        targa, per favore?"... ma che oscuri?!
        <b


        E' pubblica! </b


        pubblica?

        in che senso? e che significa? quale sarebbe la
        definizione giuridica di dati "pubblici"?


        hai la foto sulla carta di identità... per questo
        è pubblica la tua faccia? e la si può stampare o
        pubblicare
        ovunque?

        hai la pianta di casa tua nelle carte
        catastali... per questo casa tua diventa
        pubblica? e tutti ci possono guardare
        dentro?


        La voce è, sì, un dato biometricoLa voce NON È UN DATO BIOMETRICO. Ma un po' di logica riesci a metterla insieme O NO?!?Ti pare che possa essere un dato biometrico una cosa che può essere "rubata" da <b
        chiunque in qualsiasi momento all'insaputa del soggetto </b
        ? E che è IMPOSSIBILE da salvaguardare? Oppure stai stai dicendo anche che l'immagine della tua faccia è un dato biometrico? Ma cosa vai blaterando!?
        • say no scrive:
          Re: targhe automobilistiche
          - Scritto da: ingiurioso
          La voce NON È UN DATO BIOMETRICO. invece lo è
          Ma un po' di logica riesci a metterla insieme O
          NO?!?logica? meglio se non parli di cose di cui ignori il significato...
          Ti pare che possa essere un dato biometrico una
          cosa che può essere "rubata" da <b

          chiunque in qualsiasi momento all'insaputa del
          soggetto </b
          ? la tua impronta digitale sulla tazzina del caffè può essere "rubata" da chiunque in qualsiasi momento a tua insaputa... da questo, secondo la tua "logica" dovrebbe discendere che l'impronta digitale non è un dato biometrico... davvero... non parlare di logica che fai solo figuracce
          E che è IMPOSSIBILE da
          salvaguardare? Oppure stai stai dicendo anche che
          l'immagine della tua faccia è un dato biometrico?esatto. tanto è che esistono le tecnologie di riconoscimento facciale...
          Ma cosa vai blaterando!?hai ragione... sto qui a parlare con chi, a parte la maleducazione, dimostra solo poca intelligenza e tanta ignoranza...
      • ingiurioso scrive:
        Re: targhe automobilistiche
        - Scritto da: say no
        - Scritto da: il solito bene informato

        Questa pruderia "privacistica" mi suona

        esattamente come quella di chi vede una foto

        della propria auto pubblicata su un social

        network da un amico e gli chiede "mi oscuri
        la

        targa, per favore?"... ma che oscuri?!
        <b


        E' pubblica! </b


        pubblica?

        in che senso? e che significa? quale sarebbe la
        definizione giuridica di dati "pubblici"?


        hai la foto sulla carta di identità... per questo
        è pubblica la tua faccia? e la si può stampare o
        pubblicare
        ovunque?

        hai la pianta di casa tua nelle carte
        catastali... per questo casa tua diventa
        pubblica? e tutti ci possono guardare
        dentro?


        La voce è, sì, un dato biometricoQuindi secondo te una persona qualsiasi ha in casa i dati biometrici di migliaia di attori, uno per strada viola la privacy di migliaia di persone, per non parlare di YouTube, cavolo, uno accede ai dati biometrici di MILIONI di persone... questi non hanno idea del rischio che corrono per via del fatto che stanno PARLANDO. (rotfl)(rotfl)(rotfl)Dio mio, solo su PI di può leggere certa roba.
        • say no scrive:
          Re: targhe automobilistiche
          - Scritto da: ingiurioso
          Quindi secondo te una persona qualsiasi ha in
          casa i dati biometrici di migliaia di attori, uno
          per strada viola la privacy di migliaia di
          persone, per non parlare di YouTube, cavolo, uno
          accede ai dati biometrici di MILIONI di
          persone... questi non hanno idea del rischio che
          corrono per via del fatto che stanno PARLANDO.no guarda, tutto sbagliato...secondo me hai poche idee ma ben confuse
      • Legione scrive:
        Re: targhe automobilistiche
        - Scritto da: il solito bene informato
        Se non sbaglio una pianta di una casa si può
        richiedere al catasto (dietro
        pagamento)Sbagliato ... è gratuita la consultazione :-)
    • krane scrive:
      Re: targhe automobilistiche
      - Scritto da: il solito bene informato
      Questa pruderia "privacistica" mi suona
      esattamente come quella di chi vede una foto
      della propria auto pubblicata su un social
      network da un amico e gli chiede "mi oscuri la
      targa, per favore?"... ma che oscuri?! <b

      E' pubblica! </b
      Grande ! Si puo' provare per fare ricorso se ti beccano con l'autovelox :D :D mi hanno carpito un dato personale :D :D
  • Mertes scrive:
    Non fate quel lavoro se vi tenete alla
    Non fate quel lavoro se vi tenete alla privacySempliceA questo punto diventa interessante e un po' inquietante cos'hanno da nascondere
  • Alberto Vignati scrive:
    E le interviste in TV....
    Per quelle non c'è privacy che tenga: sempre in prima fila a fare demagogia parlando forte e chiaro, quando si tratta di farsi vedere, soprattutto in campagna elettorale.Quando si lavora, dove si possono anche commettere errori, dimostrare ignoranza, apparire inadeguati allora cala la privacy.Mi aspetto che coloro che accampano queste scuse ridicole alla prossima campagna elettorale parlino in penombra e con la voce cammuffata!Saluti
  • Freedom scrive:
    Soluzione per il Segretario generale
    Se non vuole che quanto dice venga ritenuto pubblico e diffuso dovrebbe dimettersi dalla sua carica.
    • epsonstylus scrive:
      Re: Soluzione per il Segretario generale
      Il segretario comunale di norma non parla durante le sedute del consiglio comunale, ma si "limita" a verbalizzare e a fornire pareri ...
  • simone scrive:
    "Fantozzi, è lei ??"..."Ma è buio!"
    La scusa fa il paio con quella di Schettino che non poteva ritornare sulla nave perchè era buio!Comunque potrebbero provare a parlare con una molletta sul naso, una patata in bocca ed un imbuto davanti, nonchè un asciugamano a coprire il tutto, tenendo la testa in una conca di rame!Non sempre funziona, ma meglio di nulla...P.S. Ormai questi politici sono senza vergogna!
  • eheheh scrive:
    Non vogliono far sentire le boiate
    che dicono :-)altro che privacy del menga
    • Puddu scrive:
      Re: Non vogliono far sentire le boiate
      - Scritto da: eheheh
      che dicono :-)


      altro che privacy del mengaE chi li va a votare se li tenga !!!
  • Guybrush scrive:
    Dati biometrici...
    ...sono utili fintanto che riconducibili ad una persona. Un passaggio in compressone lossy a bassa qualità eviterà che la voce dei presenti venga utilizzata per finalità "eccedenti".MavalalalalàGT
  • Eugenio scrive:
    il vento dell'est
    Scuse ridicole!
  • dri.tto scrive:
    privacy?
    le sedute del consiglio comunale di verona sono trasmesse anche in diretta audio video....
  • SETI scrive:
    schifo
    La mia considerazione potrebbe apparire qualunquista però mi viene solo una cosa da dire: LA POLITICA FA SCHIFO !!!
    • pinco pallino scrive:
      Re: schifo
      - Scritto da: SETI
      La mia considerazione potrebbe apparire
      qualunquista però mi viene solo una cosa da dire:
      LA POLITICA FA SCHIFO
      !!!No, no, semmai quel tizio potrebbe fare schifo, non la politica. Imparate a non generalizzare e votare le persone, non dei simboli o ideologie campate in aria.
      • pallino pinco scrive:
        Re: schifo
        - Scritto da: pinco pallino
        - Scritto da: SETI

        La mia considerazione potrebbe apparire

        qualunquista però mi viene solo una cosa da
        dire:

        LA POLITICA FA SCHIFO

        !!!

        No, no, semmai quel tizio potrebbe fare schifo,
        non la politica. Imparate a non generalizzare e
        votare le persone, non dei simboli o ideologie
        campate in
        aria.Tu ci tieni molto alla politica...Son tutti una banda di ladri!!!
        • CastigaTrol l scrive:
          Re: schifo
          La politica itaGliana è piena di ladri ....In Germania o Inghilterra alla prima caxxata ... via!!!!
          • zizzo scrive:
            Re: schifo
            Secondo me per selezione naturale (a nord in molti posti hanno tagliato la testa al re) sono più abili a non farsi sgamare, li beccano sulle minuzie perchè non si può tenere sotto controllo proprio tutto. Dipende dai popoli.Però magari così il danno alla collettività si contiene un po'di più. A meno dei politici in democrazia non se ne può fare.
  • de ritardonis scrive:
    Che scemenza!
    Come sopra. :s
    • utente44 scrive:
      Re: Che scemenza!
      Esatto.Faccio notare che l'attuale segretario generale del comune di milano era fino a poco tempo fa segretario al comune di Monza dove le sedute del consiglio sono da anni non solo scaricabili liberamente ma addirittura visibili in diretta online durante le sedute stesse. Perché' a Monza andava tutto bene e invece a Milano la dott.ssa Musico' si oppone? Non capisco.....
  • suoranciata scrive:
    che stupidaggine
    come da oggetto :
  • Marietto scrive:
    che XXXXXXX!
    Nel sito del mio Comune si possono seguire in diretta webcam le sedute del consiglio comunale. Perche' a Milano non si puo'? Ma non era cambiato qualcosa con Pisapia?
  • ... scrive:
    che XXXXXXXta!
    allora non dovrebbero trasmettere neanche le sedute del parlamento!il segretario comunale o ci fa o ci e'
  • NO copyright scrive:
    Tutto deve essere Pubblico
    Dipendenti pubblici che discutono di beni pubblici in edifici pubblici ... ciò che dicono deve essere pubblico !!!
    • CosiSia scrive:
      Re: Tutto deve essere Pubblico
      - Scritto da: NO copyright
      Dipendenti <b
      pubblici </b
      che discutono di beni
      <b
      pubblici </b
      in edifici <b
      pubblici </b
      ... ciò
      che dicono deve essere <b
      pubblico </b

      !!!Infatti lo è, e lo è proprio in un luogo PUBBLICO, così il cerchio è completo.
    • Osvy scrive:
      Re: Tutto deve essere Pubblico
      - Scritto da: NO copyright
      Dipendenti <b
      pubblici </b
      Ti è sfuggito un aspetto: essendo "dipendenti" (NOSTRI dipendenti, come dice Grillo, visto che li paghiamo noi) si applica lo Statuto dei Lavoratori, quindi niente telecontrollo... ;-)Oddio, non suggeritelo a Milano, che magari non ci avevano pensato...Comunque, a parte tutte le furbate, a volte il problema "c'è" nel senso che i regolamenti talvolta "vanno oltre" quello che poteva prevedersi quando li hanno approvati, e i dirigenti non si prendono facilmente la briga di andare incontro a problemi legali. Dunque, visto che la richiesta è "logica" e di sicuro "pacificamente accoglibile", anzi "totalmente democratica" ed in linea con le norme di "trasparenza" così tanto strombazzate, basta modificare il regolamento, come indicato da Cappato. Al limite, nel frattempo, se il problema è il riconoscimento biometrico, si applicano dei filtri audio et vualà... che potrebbe essere pure divertente... :-)
  • Sandro kensan scrive:
    Cappato di Agorà digitale
    Uno dei migliori...Agorà digitale è poi bravissima.
  • ingiurioso scrive:
    La voce è un dato biometrico
    La voce è un dato biometrico.[img]http://joarsenault8.files.wordpress.com/2008/10/hyena-laughing.jpg[/img]
    • ingiurioso scrive:
      Re: La voce è un dato biometrico
      - Scritto da: ingiurioso
      La voce è un dato biometrico.

      [img]http://joarsenault8.files.wordpress.com/2008/Mi raccomando, tutti zitti d'ora in poi eh? Altrimenti chissà cosa possono fare con la vostra voce dei malintenzionati che vi sentono parlare.
    • FDG scrive:
      Re: La voce è un dato biometrico
      - Scritto da: ingiurioso
      La voce è un dato biometrico.No, c'è da piangere.
      • bubba scrive:
        Re: La voce è un dato biometrico
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: ingiurioso


        La voce è un dato biometrico.

        No, c'è da piangere.no in effetti no. Ha ragione.Mai visto "i signori della truffa"? la password vocale : Hi, my name is Werner Brandes. My voice is my passport. Verify me. ?eheh
    • say no scrive:
      Re: La voce è un dato biometrico
      - Scritto da: ingiurioso
      La voce è un dato biometrico.

      [img]http://joarsenault8.files.wordpress.com/2008/c'è poco da ridere... è esattamente così: la voce è un dato biometrico. punto.poi, su tutto il resto relativo a milano... possiamo anche ridere insieme
      • ingiurioso scrive:
        Re: La voce è un dato biometrico
        - Scritto da: say no
        - Scritto da: ingiurioso

        La voce è un dato biometrico.




        [img]http://joarsenault8.files.wordpress.com/2008/

        c'è poco da ridere... è esattamente così: la voce
        è un dato biometrico.
        punto.

        poi, su tutto il resto relativo a milano...
        possiamo anche ridere
        insiemeLa voce non è un dato biometrico. Adesso sparisci.
      • ingiurioso scrive:
        Re: La voce è un dato biometrico
        - Scritto da: say no
        - Scritto da: ingiurioso

        La voce è un dato biometrico.




        [img]http://joarsenault8.files.wordpress.com/2008/

        c'è poco da ridere... è esattamente così: la voce
        è un dato biometrico.AHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHA!!!
        punto.Ti rendi conto O NO dell'idiozia che stai dicendo?!?
  • Skywalker scrive:
    uhm?
    Ma le sedute dei Consigli Comunali non sono pubbliche, come quelle del Parlamento?E quanto avviene in Parlamento non è già oggi trasmesso via satellite?!?!Mah. Mi sfugge qualcosa. La voce di un personaggio pubblico nell'esercizio delle sue funzioni pubbliche dato biometrico mi sembra ancor più strano.Mi sembra tanto uno di quei tipici voli pindarici intorno alla 196/2003 per difendere l'indifendibile.
    • mrm scrive:
      Re: uhm?
      Si, le sedute sono pubbliche e diversi Consigli le trasmettono in streaming e rendono anche disponibili podcast e video delle sedute.Su tutti basta guardare ciò che avviene in Piemonte (che conosco meglio): Consiglio regionale, Città di Torino e Provincia di Torino.A Milano hanno preso un abbaglio.
    • zizzo scrive:
      Re: uhm?
      I politici dovranno parlare attraverso distorsori della voce e indossare cappucci. I partiti saranno come asociazioni segrete.Anche alle elezioni, basta usare il nome dei candidati, mettiamo dei codici numerici.
  • aaaaaaaaaaa aaaa scrive:
    aaaaaaaaaaaaaa
    aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa fotteteVi
Chiudi i commenti