Maxtor a 100GB, ed è di nuovo record

Il colosso sforna il primo hard disk ATA da 100 GB che utilizza la nuova tecnologia da 40 GB per singolo piatto. Sfida a Seagate e a tutti coloro che sono disponibili a sfruttare un simile mostro. Ce la faranno?


Milpitas (USA) – Maxtor riconquista quel primato provvisorio già fatto lo suo lo scorso anno con il DiamondMax da 80 GB . Il colosso dello storage, che pochi mesi fa ha inghiottito Quantum HDD , ha svelato una nuova famiglia di hard disk DiamondMax in grado di raggiungere i 100 GB, la capacità attualmente più alta per un hard disk in standard ATA.

La grossa differenza fra questa nuova famiglia di DiamondMax e quella precedente è l’adozione della nuova tecnologia che permette a Maxtor di raddoppiare la densità di memorizzazione per singolo piatto: mentre il DiamondMax da 80 GB dell’anno scorso era composto da 4 piatti da 20 GB l’uno, il nuovo modello 536DX è composto da soli 2 piatti da 40 GB.

Con i suoi 29.4 Gbit per pollice quadrato di densità di memorizzazione, Maxtor si pone subito dietro alla tecnologia di Seagate, che proprio la scorsa settimana ha annunciato di essere in grado di “stipare” 32,6 Gbit su di un pollice quadrato. Seagate, fra l’altro, afferma di non aver rilasciato modelli più capienti di 80 GB unicamente per scelte di mercato, ma si è dichiarata già pronta per produrre dischi da 160 GB (4 piatti di 40 GB l’uno).

La guerra fra Maxtor, Seagate e IBM si fa dunque sempre più incandescente e soprattutto benefica per l’utente finale, che potrà contare su hard disk sempre più capienti ed economici.

Il modello DiamondMax 536DX da 100 GB utilizza 3 piatti e, come gli altri membri della sua nuova famiglia, ha una velocità di 5.400 RPM, anche se presto sono attesi nuovi modelli da 7.200 RPM.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Una domanda tecnica
    Non ho ancora capito:con questo standard che distanze si possono coprire??per esempio, ho visto in giro pubblicita' di schede bluetooth per portatili e relativi ricevitori da collegare alla lan fisica (switch, hub) a che distanza puo' trovarsi il portatile dal ricevitore??
  • Anonimo scrive:
    bluetooth xp free
    siamo per uno standard winXp free, cioe' indipendente dall'os di m$
    • Anonimo scrive:
      Re: bluetooth xp free
      - Scritto da: dentone
      siamo per uno standard winXp free, cioe'
      indipendente dall'os di m$Infatti... su linux sarà (o è già) implementato.Infatti, grazie all'opensource, chiunque può prendersi la briga di construire l'interfaccia di comunicazione.Peccato che con i Sw proprietari, invece, o fai una soluzione "ibrida", cioè basata, supponi, su un job in background appogiato sullo stack IP, oppure sui driver ethernet esistenti, creando una device logico della periferica bluetooth, o non fai nulla..Peccato che queste soluzioni ibride di solito sono poco elastiche, più lente, e molto a discrezione del produttore HW, che non sempre è in grado di implementare una piena compatibilità con il protocollo "teorico"
  • Anonimo scrive:
    non vedo l ora
    di avere un dente blu anche io :D
Chiudi i commenti