Mercato PC, segni di ripresa dopo cinque anni

Gli analisti di IDC vedono nell'ultimo trimestre un leggero incremento nella vendita di computer. Un'inversione di tendenza sulla quale non concordano i colleghi di Gartner

Roma – Il mercato dei personal computer mostra segni di crescita dopo un quinquennio di ripetuti segni meno (l’ultimo trimestre dell’anno 2016 aveva visto un calo del 3,7 per cento di vendite su anno precedente). Nel primo trimestre dell’anno sono stati venduti 60,3 milioni di pezzi con una crescita sull’anno precedente dello 0,6 per cento secondo quanto registrato da IDC .

La tiepida ripresa si sta facendo apprezzare nei mercati tradizionali piuttosto che in quelli emergenti che finora avevano dimostrato segnali promettenti. Ma secondo le analisi di Gartner invece il mercato avrebbe perso ancora il 2,4 per cento nell’ultimo trimestre.

“Il mercato dei PC tradizionali ha attraversato una fase difficile, con la concorrenza di tablet e smartphone, nonché cicli di vita più lunghi che hanno fatto cadere le spedizioni di PC di circa il 30 per cento con un picco negativo nel 2011” ha dichiarato Jay Chou, research manager di IDC PCD Tracker. “Tuttavia, gli utenti hanno in genere ritardato la sostituzione di PC piuttosto che rinunciarvi preferendo altri dispositivi. Il mercato commerciale sta iniziando un ciclo di sostituzione che dovrebbe guidare la crescita.” Secondo gli analisti quindi si starebbe per avviare una fase ascendente per le vendite di PC. Parallelamente si attende una stabilizzazione delle vendite dei videogiochi, mercato giunto a una probabile saturazione così come per gli smartphone.

Ragionando per aree geografiche si nota una leggera flessione di vendite negli USA tanto per desktop quanto per notebook. Il primo trimestre dell’anno ha visto consegne di PC totali raggiungere i 13,3 milioni di unità, dove un forte influsso è riconducibile ai Chromebook.

L’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) vede anch’essa una stabilizzazione dei dati di vendita con un leggero incremento nel primo trimestre dell’anno grazie a nuovi acquisti da parte delle aziende . La necessità di contare sul fattore mobilità sta portando a prediligere l’acquisto o il rimpiazzo di computer (che continua a perdere appeal) con i notebook.

Debole si dimostra invece l’area Asia/Pacifico anche per colpa di un innalzamento dei prezzi finali. Questo problema ha afflitto soprattutto la Cina, dove a mitigare sono stati il gaming, i notebook ultrapiatti e le dotazioni per il settore pubblico. In Giappone si è registrata la prima crescita anno su anno dal secondo trimestre 2014 . Ancora dubbiosa la situazione di mercato invece in India.

Secondo IDC tra i produttori cresce HP che arriva al 21,8 per cento di quota di mercato (era al 19,4 nel primo trimestre del 2016) con vendite innalzate da 11,6 milioni a 13,1 milioni di unità. Segue Lenovo con una quota di mercato del 20,4 per cento abbastanza stabile rispetto all’anno precedente (20,2), stabili anche le vendite che si attestano a 12,3 per cento con una crescita dell’1,7 per cento. Terzo per quota di mercato si posiziona Dell con il 15,9 per cento. Apple quarta con il 7 per cento (anch’essa in leggera crescita).

pc

Nel caso dell’analisi di Gartner Lenovo supererebbe invece HP con 12,4 milioni di pezzi venduti rispetto ai 12,2 milioni dell’anno precedente, con una quota che sfiorerebbe il 20 per cento.

pc

Le diverse interpretazioni dimostrano ancora una volta che ci si trova davanti ad una situazione in continua evoluzione. È recente la notizia che vede Toshiba a rischio di sopravvivenza. In questo caso i problemi sono ben più importanti rispetto alle previsioni discordanti degli analisti.

Mirko Zago

fonte immagini: 1 , 2

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ebbasta scrive:
    la finiamo
    la finiamo di chiamare "AI" tutte le applicazioni che utilizzazno un database e algoritmi di similianza/dissimilianza?
  • xte scrive:
    Provata, carina
    un bell'esperimento ma di sostanzialmente nessuna utilità pratica...IMVHO quel che dovremmo riuscire a realizzare è un cad parametrico "leggero" da proporre all'utente finale: 10' per spiegare il principio, features base: - albero delle features - sketch - estrusione - un po' di bordature - un po' di feature 3D (op. booleane, svuotamento, sformo ecc) - assemblaggio base: * movimento 3D delle parti * vincoli di distanza, contatto, tangenza, ... - messa in tavola base con una minima gestione di punti, piani e rette in 3DÈ sicuramente difficile ma assai interessante e avrebbe IMVHO un buon successo, dall'appassionato che al posto di stampare scemenze in 3D potrebbe disegnare qualcosa di realmente utile al grande magazzino stile brico che può offrire cataloghi di parti non solo combinabili stile "sweethome 3D"/planner tipo Ikea ma proprio disegnarci realmente.Come il concetto di CAD parametrico ha dato una spinta enorme all'industria meccanica questo può dare una spinta enorme ai lavoretti hobbistici.
    • maancheno scrive:
      Re: Provata, carina
      - Scritto da: xte
      un bell'esperimento ma di sostanzialmente nessuna
      utilità
      pratica...non mi dispiacerebbe affatto vederlo integrato in drawings.google.com
    • xte scrive:
      Re: Provata, carina
      Se leggi l'ho classificato come *bell'esperimento*. So bene che un domani avrà un ritorno, ma ad oggi per noi utenti il ritorno è sostanzialmente nullo, da qui il commento di sostanziale inutilità.Nel contempo ho colto l'occasione per far una mia proposta che ritengo invece sarebbe assai utile e può basarsi sulla stessa tecnologia.Vedi io non ho nulla contro lo sviluppo di lungo termine, anzi, solo preferisco lo sviluppo che torna utile a tutti, me compreso, più che quello che richiede la mia passiva partecipazione senza praticamente alcun ritorno. È un po' come contribuire a OpenStreetMaps vs Google Maps.
Chiudi i commenti