Microsoft contro le frodi da click

In uno dei primi casi legali di una certa levatura economica, Redmond chiama alla sbarra i responsabili e chiede i danni. Un mare di danni

Roma – Dopo un’indagine durata oltre un anno, Microsoft ha denunciato Eric Lam, Gordon Lam e Melanie Suen con l’accusa di aver condotto una truffa a mezzo click nei confronti della piattaforma di advertising della società , provocando danni monetari a Redmond e alle aziende che hanno dovuto pagare per mantenere i propri link in alto nella graduatoria del motore di ricerca.

Anche qui si parla di click fraud , ma questa volta invece dei pubblicitari a denunciare i presunti colpevoli è direttamente la società fornitrice dei risultati della ricerca. Microsoft in particolare chiede 750mila dollari di risarcimento, una somma che nelle intenzioni deve fungere soprattutto da monito a chiunque decida provare a condurre simili pratiche.

“Abbiamo deciso di diventare più attivi nell’area delle frodi commerciali dal punto di vista dell’imposizione della legge” ha dichiarato l’avvocato di Microsoft Tim Cranton, spiegando che “l’idea è quella di cambiare l’economia intorno ai crimini da frode rendendola più costosa” per chi li mette in pratica.

A Redmond si sono accorti che qualcosa non andava nei click registrati dalla piattaforma di advertising aziendale, in cui le dot.com o chiunque altro versa denaro per rimanere in alto nella lista dei link a pagamento posta accanto ai normali risultati della ricerca. Maggiore è il numero di click verso gli URL e maggiore sarà la somma chiesta da Microsoft per il servizio, e le prove raccolte in questi mesi hanno evidenziato come i nomi di Eric Lam e famiglia fossero connessi a un aumento spropositato di click (evidentemente fraudolenti) verso siti web dedicati ad assicurazioni auto e al gaming on-line di World of Warcraft.

Col prosieguo delle indagini i punti della ragnatela sono stati uniti e alla fine è venuto fuori il presunto piano generale, che vede Lam (e 7 diversi account riconducibili a lui e alla sua famiglia) impegnato in veste di proprietario di siti di assicurazione auto inclusi nei piani di advertising di bassa classifica, che si giovavano di un salto “gratis” ai primi posti della suddetta classifica una volta che i siti web subissati dai click malevoli avevano esaurito il loro budget prepagato per l’advertising .

Secondo quanto sostiene Cranton, il messaggio inviato da Microsoft con questa causa (civile) è chiaro: “Voi credete che si tratti di un gioco del gatto che insegue il topo” dice il legale, ma “a un certo punto, una volta che avremo scoperto chi siete, vi riterremo responsabili del problema, sarà una cosa costosa e vi dissuaderemo dal farlo ancora perché state truffando gli inserzionisti e i netizen”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • aid85 scrive:
    istruzioni per l'uso ???
    ma come si cercano le varie leggi e decreti ? Io non riesco a trovarle tutte nemmeno ricercando con la sigla esatta... In particolare cercavo i decreti relativi all'equo compenso siae e il decreto romani ...
  • Nemo_bis scrive:
    E per il parlamento europeo c'è VoteWatc
    http://www.votewatch.eu/Molto ben fatto.
  • Giacks3d scrive:
    Radicali primi su tutti
    Al senato su tre senatori c'è la Poretti, prima e Perduca settima e la Bonino 211°(e andrebbe confrontato con gli altri leader di partito).Alla camera la Bernardini 2°, la Coscioni 3°, la Zamparutti 4°, Turco 8°, Mecacci 17° e Beltrandi 25°.6 deputati nei primi 25 sono radicali.2 senatori nei primi 7 sono radicali.Quanti parlamentari hanno i radicali? 9
    • bubu scrive:
      Re: Radicali primi su tutti
      Quanti voti hanno preso i Radicali alle elezioni?
      • Giacks3d scrive:
        Re: Radicali primi su tutti
        740.000 alle europee, mentre alle politihe erano opitati dal PD(si stimano in 500.000 i voti apportati)Purtroppo l'elettore medio non vota certo sulla base di quello che un partito fa...
  • anonymous scrive:
    ah sì ?
    sul tracciamento delle presenze hanno già postato in moltisu quello delle votazioni vorrei aggiungere1) il voto di fiducia2) i pianisti (fino al fingerprint, SE verrà adottato)3) i voti segreti4) le assenze strategicheche impediscono di responsabilizzare i parlamentarisulle votazioni e commenti popolari, avete notato cosa succede quando persone competenti fanno commenti su una proposta di legge analizzandone le carenze/conseguenze disastrose? nessuno li ascolta perchè quelle pecche SONO VOLUTE, figuriamoci quando i commenti saranno fatti da un pubblico meno preparato
    • Osvy scrive:
      Re: ah sì ?
      - Scritto da: anonymous
      1) il voto di fiduciadi solito è palese, o sbaglio?
      3) i voti segretiproprio perché sono segreti, non si possono rendere pubblici!
      4) le assenze strategicheMah, già sapere che non c'era è una informazione, non ti pare? Magari quando viene nel tuo collegio potrai dirgli "perché non c'eri?"...
      le carenze/conseguenze disastrose? nessuno li
      ascolta perchè quelle pecche SONO VOLUTE,Il fatto che non venga votato quello che hai a cuore tu, può voler dire che hanno ascoltato quello che hanno a cuore gli altri :-) in democrazia si può anche approvare il peggioPoi preferirei parlate di "furbizie" piuttosto che di pecche, comunque grosso modo concordo. ciao
  • oltre scrive:
    ..e guarda caso
    ...i parlamentari più presenti sono tutti e 3 del PDL. Questi hanno scoperto adesso che esistono i computer e vogliono prenderci per i fondelli pensando che siamo fessi. Contenti loro.
    • xal scrive:
      Re: ..e guarda caso
      però il Pdl è anche il gruppo meno produttivo. sono dati; oggettivi. se ti piacciono i complotti guarda X-Files
      • GGG scrive:
        Re: ..e guarda caso
        - Scritto da: xal
        però il Pdl è anche il gruppo meno produttivo.
        sono dati; oggettivi. se ti piacciono i complotti
        guarda
        X-FilesBeh... ma le proposte di legge (su cui viene contato quell'indice) della maggioranza sono solo quelle dei parlamentari, Ma la maggioranza ha anche il governo.Ovvero: è normale che il gruppo che sta al governo presenti poche proposte direttamente in parlamento, perchè quelle importanti partono dal governo, appunto, e non dai parlamentari.
    • Andonio scrive:
      Re: ..e guarda caso
      Pensano di usare la rete come usano le televisioni.Solo che la rete e' bidirezionale ed e' capace di smascherare i troll; in piu' l'utente medio della rete, se esiste, e' un po' diverso dallo spettatore di c'e' posta per te
    • xWolverinex scrive:
      Re: ..e guarda caso
      - Scritto da: oltre
      ...i parlamentari più presenti sono tutti e 3 del
      PDL. Questi hanno scoperto adesso che esistono i
      computer e vogliono prenderci per i fondelli
      pensando che siamo fessi. Contenti
      loro.Una analisi dei risultati era uscita ieri su repubblicahttp://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/politica/presenze-parlamentari/presenze-parlamentari/presenze-parlamentari.html" Quozienti che si invertono, ed è facile immaginare il perché, se si passano ai raggi x le presenze in occasione delle votazioni: essendo la gran parte dei ddl di origine governativa, ecco che i deputati del Pdl sono risultati presenti all'83% delle votazioni, i leghisti all'86, i democratici all'81. "
    • Osvy scrive:
      Re: ..e guarda caso
      - Scritto da: oltre
      ...i parlamentari più presenti sono tutti e 3 del
      PDL.E' un merito?... Visto come funziona la gestione delle leggi, essere in aula ad alzare il braccino non mi pare il massimo della produttività. Io non so quanto lavori un parlamentare, però noto che c'è gente che vorrebbe che fossero sempre lì a votare, poi si lamentano perché il parlamentare "non resta abbastanza a contatto con il territorio". Personalmente ritengo che se io fossi un parlamentare tra aula, commissioni, TV, incontri nel collegio & co., incontri di partito, viaggi, avrei forti problemi a ricavare nelle 24 ore il tempo necessario.Dunque, senza arrivare al paradosso del Berly di "fare votare solo i capigruppo", un quesito me lo pongo e non credo di essere antidemocratico per questo:che lavoro fa un parlamentare che passa una giornata a votare 1500 emendamenti, senza nemmeno sapere di che si tratta, sapete come funziona, il capogruppo col pollice in alto o in basso indica ai suoi come devono votare.Qualche infortunio si ha solo per la conta del numero legale.Quindi, a mio parere per il voto palese si potrebbero anche trovare soluzioni per evitare che 800 persone stiano a grattarsi solo per alzare una manina. Per tutto questo la questione dei pianisti non mi scandalizza più di tanto.Diverso il discorso sul voto segreto, dove ovviamente ciascuno deve essere in grado di esprimere il proprio voto senza che nessuno nemmeno del suo partito possa sapere se "ha fatto il bravo" o ha votato in modo difforme. ciao
  • CCC scrive:
    né "open" né democrazia
    È un progetto che continua ad inseguire una filosofia di condivisione aperta, nutrendosi della logica open source, allargata a tutti e senza scopi di lucro. mstrano... mi pare proprio, invece, che la logica open source sia nata proprio per aggiungere lo scopo di lucro all'etica hacker del software libero... Fino al 15 ottobre, infatti, gli utenti del sito potranno usufruire di una prova gratuita del servizio premium ... ma non era un servizio senza scopo di lucro???mi sfugge qualcosa??? uhm... no... è proprio una presa per il c..o bella e buona... "Abbiamo una società che eroga servizi commerciali ed una rete di collaboratori - conclude Alvino - ma la nostra logica open source è aperta a tutti gli utenti che vogliono darci una mano. insomma: vuoi fate i bravi volontari, e noi facciomo i soldini...collaborare gratuitamente ad un servizio a scopo di lucro mascherato da attività "open" con un nobile scopo sociale?no grazie Registrarsi al sito significa non solo tenere sotto controllo atti e votazioni ... registrarsi??? e perché occorrre registrarsi? per essere controllati meglio? per farci profilare e far guadagnare questi signori regalando loro un po' della nostra privacy?no grazie , ma anche partecipare, intervenire direttamente sul testo per commentarlo, descriverlo e votarlo".La democrazia, oggi, passa anche di qui. democrazia??? questa semmai sembra proprio una delle tante autostrade verso l'oppressione in forma di tecnocrazia
    • aabbcc scrive:
      Re: né "open" né democrazia
      ciao,mi spieghi come posso tenere sotto controllo atti, parlamentari ecc senza registrarmi???Magari ora vuoi anche controllare la posta senza avere nessun account di posta....sei un genio...
      • aabbcc scrive:
        Re: né "open" né democrazia
        lol no, il genio sono io...credevo si riferisse alla registrazione gratuita, invece ho constatato di persona che si possono ad esempio monitorare un massimo di 5 argomenti/politici con l'account free.... è un XXXXX...
        • CCC scrive:
          Re: né "open" né democrazia
          - Scritto da: aabbcc
          lol no, il genio sono io...
          credevo si riferisse alla registrazione gratuita,
          invece ho constatato di persona che si possono ad
          esempio monitorare un massimo di 5
          argomenti/politici con l'account free.... è un
          XXXXX...ahhhhhhhecco... allora ci capiamo già meglio :-)
          • aabbcc scrive:
            Re: né "open" né democrazia
            ho messo un post sul blog di openparlamento su sta cosa
          • CCC scrive:
            Re: né "open" né democrazia
            - Scritto da: aabbcc
            ho messo un post sul blog di openparlamento su
            sta
            cosaben fatto...vediamo se lo lasciano o sono anche capaci di cancellartelo...
      • aabbcc scrive:
        Re: né "open" né democrazia
        lolbeh mi scuso per il genio,comunque gli atti di legge si posso tutti vedere senza alcuna registrazione,ma ad esempio se voglio monitorare qualcosa, il sito evidentemente dovrà tracciarmi in qualche modo... il problema è che bisogna avere l'account premium...
    • Andonio scrive:
      Re: né "open" né democrazia
      La richiesta di registrazione e' nella logica del tentativo di abolire l'anonimato in rete in modo da poter essere tracciati e minacciati dai potenti coi loro avvocati ...... viva viva la carlucci....
      • giggio scrive:
        Re: né "open" né democrazia
        Buonanotte. In raltà la richiesta di registrazione è stata fatta su precisa richiesta degli alieni, in modo da poterci invadere e sapere chi rapire per prima.Per favore.
    • atamata scrive:
      Re: né "open" né democrazia
      Ti deve dare fastidio qualche cosa in questo servizio forse hai qualche parente o amico che non fa un "lavora" in parlamento e in senato o ci sei direttamente tuanche senza registrarmi posso collegarmi ogni giorno e verificare ogni giorno quello che fa un "eletto"per quanto riguarda l'open source invece :l'open source è una manna in questo mondo devoto al dio denaro continua a comprare micro$oft e ha pagare la quota giornaliera per rete 4 che tu vai bene li e non osare a mistificare o addirittura ad offendere il lavoro gratis e legato solo alle donazioni di persone che offrono il proprio tempo a sviluppare e testare software liberoanche la chiesa cattolica vive su donazioni (eppure paghi benedizione battesimo matrimonio e funerale) fai un bell'articolo su questo usando le stesse argomentazioniviva la technocrazia e abbasso le capre ignorantibaci baci geniaccio
      • CCC scrive:
        Re: né "open" né democrazia
        - Scritto da: atamata
        Ti deve dare fastidio qualche cosa in questo
        servizio forse hai qualche parente o amico che
        non fa un "lavora" in parlamento e in senato o ci
        sei direttamente
        tu
        anche senza registrarmi posso collegarmi ogni
        giorno e verificare ogni giorno quello che fa un
        "eletto"mi dà fastidio che si usino parole come open source, democrazia e balle varie per prendere in giro la gente (che, tu ne sei la prova, abbocca alla grande)
        per quanto riguarda l'open source invece :
        l'open source è una manna in questo mondo devoto
        al dio denaro continua a comprare micro$oft guarda che, nel caso tu non lo sapessi, l'open source è nato proprio come "alternativa" alla filosofia etica del software libero per tenere bene agganciato al mercato del dio denaro il c.d software aperto...
        e ha
        pagare la quota giornaliera per rete 4 che tu vai
        bene li e non osare a mistificare o addirittura
        ad offendere il lavoro gratis e legato solo alle
        donazioni di persone che offrono il proprio tempo
        a sviluppare e testare software
        liberoscusa ma non hai capito proprio nulla, né hai una vaga idea di chi sono e cosa faccio... (ma questi, se permetti, sono c...i miei)
        anche la chiesa cattolica vive su donazioni
        (eppure paghi benedizione battesimo matrimonio e
        funerale) fai un bell'articolo su questo usando
        le stesse
        argomentazionidonazioni? l'8 per mille sono donazioni?l'esenzione fiscale sugli immobili della chiesa sono donazioni?gli stipendi agli insegnanti di religione scelti per chiamata diretta dai vescovi sono donazioni?ma lascia stare dai
        viva la technocrazia e abbasso le capre ignorantila tecnocrazia ormai è già strumento di controllo e potere da parte di ceti oligarchici per nulla "democratici"...
        baci baci geniacciosi si.. fai pure lo spiritoso... ne riparliamo quando ci faranno l'impianto RFID nel cervello e sotto la pelle del c...o ... anzi no... sarà vietato parlarne...
        • atamata scrive:
          Re: né "open" né democrazia
          mi dà fastidio che si usino parole come open source, democrazia e balle varie per prendere in giro la gente (che, tu ne sei la prova, abbocca alla grande)ce ne sono di cose che mi danno fastidio ad esempio le tue risposte informare è democraziaguarda che, nel caso tu non lo sapessi, l'open source è nato proprio come "alternativa" alla filosofia etica del software libero per tenere bene agganciato al mercato del dio denaro il c.d software aperto...open source è servito per far rientrare l'etica del software libero all'interno della giurisdizione scusa ma non hai capito proprio nulla, né hai una vaga idea di chi sono e cosa faccio... (ma questi, se permetti, sono c...i miei)questo l'avevo già capito che solo tu capisci infatti alla fine ti ho chiamato geniaccio chiamami quando camminerai sulle acquedonazioni? l'8 per mille sono donazioni?l'esenzione fiscale sugli immobili della chiesa sono donazioni?gli stipendi agli insegnanti di religione scelti per chiamata diretta dai vescovi sono donazioni?ti ripeto vorrei scrivere piu' piano cosi forse capisci meglio paghi benedizione battesimo matrimonio e funerale e in piu? l'8 per mille lo dai a chi ti pare mentre esenzioni fiscale stipendi degli insegnanti sono donazioni di "stato"la tecnocrazia ormai è già strumento di controllo e potere da parte di ceti oligarchici per nulla "democratici"... l'italia è un paese democratico ? L'italia è un paese ignorante talebano ipocritamente cattolico e governato da un oligarchia piduista comunque è meglio una tecnocrazia che una muratoricrazia o una cementocrazia o una mediacrazia o una nuclearecrazia o una amiantocrazia una petroliocrazia devo continuaresi si.. fai pure lo spiritoso... ne riparliamo quando ci faranno l'impianto RFID nel cervello e sotto la pelle del c...o ... anzi no... sarà vietato parlarne...Non hanno bisogno dell'impianto basta media$hit e comunque la colpa sarebbe dell'open source o del sito in questione certo questi maledetti dell'open source e grazie ancora per avermi illuminato ma con una pila spenta
          • nanomalefico scrive:
            Re: né "open" né democrazia
            di certo non hai capito a cosa serve il simpatico quota vs rispondi (e copia incolla ;-) ).Mi tocca fare il diff dei post!!!Comunque concordo che opensource come alternativa a free software sia una sciocchezza planetaria.Inoltre bisognerebbe ben chiarire che la questione pecuniaria sia accettata e in qualche modo normata anche dalle licenze piu' restrittive che fan capo alla FSF. Non c'e' mai stato un attacco al libero mercato, anzi si e' voluto un qualcosa che vi si inserisse e cambiasse alcune regole. Tutto qui, non si parla di una alternatia economica, piu' di una variante.Variante che ha il suo capisaldo in specifici valori di scambio/conoscenza etc. ma non si presenta come una alternativa al capitalismo.Men che meno l'open source (come movimento) si contrappone come alternativa al FSF, sono due insiemi che si intersecano per alcuni valori. Collaborano insieme spesso (non so se volentieri ;-) ).Di certo il movimento open source voleva l'integrazione nel mercato (ricordiamo ERL? Ricordiamo Canonical? Il launchpad?)e su questo si puo' essere piu' o meno d'accordo, ma il vederli come cavallo di XXXXX per la distruzione di FSF e della etica alle sue spalle mi sembra un pelo complottista.
    • aabbcc scrive:
      Re: né "open" né democrazia
      usare i cookie non è una soluzione
    • CCC scrive:
      Re: né "open" né democrazia
      ...PS - in tema di donazioni... almeno un bel feedback ve l'ho donato, no?;-)
  • sphynx scrive:
    Bonino vs Carlucci
    Sembrerà incredibile ma:Emma Bonino (la più "fannullona"):http://parlamento.openpolis.it/parlamentare/cosa/id/229Gabriella Carlucci (tra i parlamentari più presenti e attivi):http://parlamento.openpolis.it/parlamentare/cosa/id/273(per quanto la Carlucci come si muove fa danno...)
    • GGG scrive:
      Re: Bonino vs Carlucci
      - Scritto da: sphynx
      Sembrerà incredibile ma:

      Emma Bonino (la più "fannullona"):
      http://parlamento.openpolis.it/parlamentare/cosa/i

      Gabriella Carlucci (tra i parlamentari più
      presenti e
      attivi):
      http://parlamento.openpolis.it/parlamentare/cosa/i

      (per quanto la Carlucci come si muove fa danno...)beh... nella classifica in ordine per ASSENZA, tra i nomi noti, mi viene fuori questosotto il 40%:D'ALEMA Massimo (PD)DI PIETRO Antonio (IdV)BERSANI Pier Luigi (PD)sotto il 50%:VELTRONI Walter (PD)FRANCESCHINI Dario (PD)FASSINO Piero (PD)sotto l'80%:TURCO Livia (PD)MELANDRI Giovanna (PD)ORLANDO Leoluca (IdV)COLOMBO Furio (PD)XXXXXX Pier Ferdinando (UDC)TABACCI Bruno (UDC)sotto il 90%:MARINI Cesare (PD)MUSSOLINI Alessandra (PdL)BUTTIGLIONE Rocco (UDC)sopra il 90%:GELMINI Mariastella (PdL)FRATTINI Franco (PdL)LOMBARDO Angelo Salvatore (Misto)D'ANTONI Sergio Antonio (PD)BOSSI Umberto (Lega)BRUNETTA Renato (PdL)DE CORATO Riccardo (PdL)ALFANO Angelino (PdL)BRAMBILLA Michela Vittoria (PdL)LA RUSSA Ignazio (PdL)SCAJOLA Claudio (PdL)MARONI Roberto (Lega)TREMONTI Giulio (PdL)PRESTIGIACOMO Stefania (PdL)PARISI Massimo (PdL)CRAXI Stefania Gabriella Anastasia (PdL)BERLUSCONI Silvio (PdL)N.B. La classifica è parzialemente "inquinata" dal fatto che le assenze giustificate per "missione" (che ovviamente sono di più per chi sta al governo) sono considerate presenzedimenticato qualcuno?
      • puppolo scrive:
        Re: Bonino vs Carlucci
        fare presenza E fare XXXXXXX non lo contiamo?cmq chissenefrega delle presenze, da una parte e dall'altra.
      • Pao scrive:
        Re: Bonino vs Carlucci
        - Scritto da: GGG
        - Scritto da: sphynx[cut]
        N.B. La classifica è parzialemente "inquinata"
        dal fatto che le assenze giustificate per
        "missione" (che ovviamente sono di più per chi
        sta al governo) sono considerate
        presenzeEh... si e' visto quali sono le "missioni" :DImho sono poco significative, anche se sono una misura facile da fare conta poco nella valutazione del'operato di un politico.LA Carlucci lo dimostra! :D
    • Pao scrive:
      Re: Bonino vs Carlucci
      - Scritto da: sphynx
      Sembrerà incredibile ma:

      Emma Bonino (la più "fannullona"):
      http://parlamento.openpolis.it/parlamentare/cosa/i

      Gabriella Carlucci (tra i parlamentari più
      presenti e
      attivi):
      http://parlamento.openpolis.it/parlamentare/cosa/i

      (per quanto la Carlucci come si muove fa danno...)Questo dimostra che non e' un metro di giudizio applicabile.
    • Andonio scrive:
      Re: Bonino vs Carlucci
      Proprio cosi'.Basta confrontare la carriera di Emma Bonino; http://it.wikipedia.org/wiki/Emma_Bonino impegnata a livello internazionale per i diritti umani, contro le guerre e la fame nel mondo e quella di Gabriella Carlucci soubrette e ballerina isterica e logorroica presentatrice TV: http://it.wikipedia.org/wiki/Gabriella_Carlucci.E che si e' creata dal nulla la provincia Barletta-Andria-Trani, dove ha posto il suo collegio elettorale.Uso di soldi pubblici..... e qui mi autocensuro perche' il resto si capisce "da se"
      • xWolverinex scrive:
        Re: Bonino vs Carlucci
        - Scritto da: Andonio
        Proprio cosi'.
        Basta confrontare la carriera di Emma Bonino;
        http://it.wikipedia.org/wiki/Emma_Bonino
        impegnata a livello internazionale per i diritti
        umani, contro le guerre e la fame nel mondo e
        quella di Gabriella Carlucci soubrette e
        ballerina isterica e logorroica presentatrice TV:
        http://it.wikipedia.org/wiki/Gabriella_Carlucci.

        E che si e' creata dal nulla la provincia
        Barletta-Andria-Trani, dove ha posto il suo
        collegio
        elettorale.
        Uso di soldi pubblici..... e qui mi autocensuro
        perche' il resto si capisce "da
        se"Per quanto Emma Bonino piglia lo stipendio come la Carlucci. Pagato da me, da te, e da tutto il resto. Importa 'na sg@ della "carriera", sei eletta, vai a fare il tuo lavoro. Punto. Ps: il discorso vale per tutti ovviamente, non solo nel caso bonino vs carlucci.
        • Giacks3d scrive:
          Re: Bonino vs Carlucci
          Giudicare il lavoro di un parlamentare solamente sulla base delle presenze in aula è oltremodo siocco.Il peggior parlamentare è quello che sta sempre in auto a pigiare il bottone come ordinato dal proprio parito.Emma Bonino è spesso assente perchè leader dei radicali e quindi spesso in giro per l'italia e l'europa, non certo per motivi personali. Il confronto quindi va fatto non sulla Carlucci ma sugli altri esponenti di picco dei partiti. Confrontiamola con Veltroni, Franceschini, Di Pietro, XXXXXX, Bossi e compagnia...Detto questo i radicali certo non fanno una brutta figura, al senato su tre senatori oltre alla Bonino c'è la Poretti, prima e Perduca settimo.Alla camera la Bernardini 2°, la Coscioni 3°, la Zamparutti 4°, Turco 8°, Mecacci 17° e Beltrandi 25°.6 Parlamentari nei primi 25 sono radicali. E te dopo che ne piazziamo tutti meno 1 alle prime posizioni mi vai a vedere solo la Bonino?
          • Funz scrive:
            Re: Bonino vs Carlucci
            - Scritto da: Giacks3d
            Detto questo i radicali certo non fanno una
            brutta figura, al senato su tre senatori oltre
            alla Bonino c'è la Poretti, prima e Perduca
            settimo.
            Alla camera la Bernardini 2°, la Coscioni 3°, la
            Zamparutti 4°, Turco 8°, Mecacci 17° e Beltrandi
            25°.
            6 Parlamentari nei primi 25 sono radicali.
            E te dopo che ne piazziamo tutti meno 1 alle
            prime posizioni mi vai a vedere solo la
            Bonino?Per dire la correttezza di quello che ha iniziato il discorso...
          • xWolverinex scrive:
            Re: Bonino vs Carlucci
            - Scritto da: Giacks3d
            Giudicare il lavoro di un parlamentare solamente
            sulla base delle presenze in aula è oltremodo
            siocco.
            Il peggior parlamentare è quello che sta sempre
            in auto a pigiare il bottone come ordinato dal
            proprio
            parito.
            Emma Bonino è spesso assente perchè leader dei
            radicali e quindi spesso in giro per l'italia e
            l'europa, non certo per motivi personali. Il
            confronto quindi va fatto non sulla Carlucci ma
            sugli altri esponenti di picco dei partiti.
            Confrontiamola con Veltroni, Franceschini, Di
            Pietro, XXXXXX, Bossi e
            compagnia...A me, onestamente, se sono leader o no, capi o gregari, importa poco. Sei eletto parlamentare, sei pagato per fare il parlamentare. Hai un compito da assolvere in base al quale vieni pagato. Quindi.. visto che in parlamento ci devi essere 4 giorni su 7, le faccende da "leader" le puoi sbrigare negli altri 3. Non hai voglia? Non candidarti e rimani a fare il "leader". Oppure rinuncia allo stipendio da parlamentare.
            Detto questo i radicali certo non fanno una
            brutta figura, al senato su tre senatori oltre
            alla Bonino c'è la Poretti, prima e Perduca
            settimo.
            Alla camera la Bernardini 2°, la Coscioni 3°, la
            Zamparutti 4°, Turco 8°, Mecacci 17° e Beltrandi
            25°.
            6 Parlamentari nei primi 25 sono radicali.
            E te dopo che ne piazziamo tutti meno 1 alle
            prime posizioni mi vai a vedere solo la
            Bonino?Il confronto era stato fatto con la Bonino :) Ma ti ripeto, personalmente queste "classifiche" non dovrebbero neanche essere necessarie perche' fare il parlamentare e' un lavoro, e come tale lo devi prendere. Sono bravi (e buffi) a pigliarsela con i "fannulloni" nelle PA, ma i PRIMI fannulloni sono proprio loro. E sono lautamente pagati. Non ne faccio un discorso "personale" sui radicali o sulla bonino (che mi sta' anche simpatica, tra l'altr0). Ne faccio un discorso di etica e morale... anche se fa' ridere parlare di etica e morale riferendosi a certi figuri che siedono sui nostri scranni... :s
          • Giacks3d scrive:
            Re: Bonino vs Carlucci
            Il parlamentare non fa è lavoro di ufficio. Per preparare proposte di legge, fare approfondimenti sulle questioni trattate e raccogliere i problemi in giro per il paese è necessario fare delle assenze dall'aula. Giudicare il lavoro di un parlamentare sulla base di come schiaccia un tasto è illogico. Detto questo benissimo che finiscano online certi dati, che vanno poi pesati con il resto di attività politica fatta dal parlamentare in questione. Consideta poi che con il continuo ricorso alla fiducia il parlamento, finisce per essere un luogo di finta discussione in cui i partiti che sostengono il governo votano secondo gli ordini e l'opposizione non avendo i numeri cerca di fare ostruzionismo. Raramente iniziano discussione di proposte basate sul buon senso e votate biparstisan. Per far passare la legge che permetteva ai malati intrasportabili di votare la senatrice Bernardini è stata costretta a fare lo sciopero della fame per cinque giorni. Sulla carta erano tutti d'accordo ma poi nessuno si impegnava a far andare in votazione il provvedimento.
Chiudi i commenti