Microsoft e il DRM definitivo

Due ricercatori di Redmond hanno creato un sistema di blindatura... blindatissimo. Per verificare l'origine di qualsiasi file, senza che smanettoni e hacker riescano a corrompere il codice. Funzionerà?

Roma – Il brevetto 7,266,697, rilasciato dall’ufficio statunitense a Henrique Malvar e Darko Kirovski , si intitola “Stealthy audio watermarking”: nel testo si legge che i due ricercatori, che lavorano presso i labs Microsoft a Redmond, avrebbero individuato tre algoritmi differenti per infilare una sorta di “firma nascosta” all’interno di un file audio, una firma – e qui è tutta la questione – che sarebbe in grado di resistere a qualsiasi tentativo di eliminarla .

Mentre i comuni sistemi di gestione del diritto d’autore utilizzati fino ad oggi da Microsoft, così come da Apple e dagli altri competitor , sfruttano un sistema di codifica cifrata per garantire la salvaguardia dei file, il nuovo meccanismo segue un approccio diverso: il brano musicale potrebbe essere passato di mano in mano con facilità, ma al suo interno resterebbe sempre traccia del proprietario originale.

Il watermark sarebbe in grado di resistere a qualsiasi attacco: copia, ricodifica, tagli e cambi di tono. Persino la registrazione da sorgente analogica non lo eliminerebbe . Il suo meccanismo trae spunto dal sistema utilizzato per proteggere le comunicazioni radio dei militari: si tratta di un meccanismo complesso, che InformationWeek definisce “la più complicata e scrupolosa tecnologia che sarà mai applicata a file musicali da 99 cent”.

Il watermark inserisce alcune informazioni nel file, come il proprietario dei diritti su quel brano e il nome dell’acquirente: le informazioni sono nascoste, distribuite all’interno del file e assolutamente invisibili . Il solo metodo per rilevarle è conoscere il meccanismo utilizzato per inserirle: il che potrebbe significare che soltanto i detentori dei diritti su quel brano potrebbero verificarne la presenza.

Ma soprattutto sembrerebbe che non modifichi la qualità audio del brano : altri sistemi che pure avevano guadagnato una certa notorietà in passato erano spesso condizionati dai disturbi creati nel file audio. E mentre il sistema di Apple per marchiare i file iTunes Plus (quelli privi di DRM) è risultato facilmente attaccabile, secondo l’esperto J. Alex Halderman, dell’università di Princeton, rimuovere il meccanismo ideato da Microsoft “sarà molto più difficile” poiché profondamente integrato con la struttura stessa del file .

Non è molto convinto della sua efficacia David Berlind, sulle pagine di ZDNet , che si domanda come abbia fatto Microsoft a riuscire dove tutti gli altri avevano fallito , e cita Tim Bray, celebre ingegnere di Sun Microsystem, che nel 2005 sosteneva che le difese a mezzo di watermark sono facilmente scavalcabili.

Non è ancora chiaro, peraltro, quale sarà l’utilizzo di questo brevetto, depositato nell’aprile del 2004: tuttavia, dopo il lancio da parte di Apple di iTunes Plus, c’è chi sente odore di nuovi investimenti Microsoft nel settore.

Persino lo sfortunato Zune potrebbe incontrare maggiore successo: rischierebbe di divenire l’unico apparecchio in grado di funzionare solo in presenza del watermark , rifiutando la riproduzione di brani di dubbia provenienza e facendo felici RIAA e le grandi sorelle . Un po’ meno tutti gli altri .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • esposito giuseppe scrive:
    photoshop
    ottimo
  • zenun lleshi scrive:
    asddffghhj
    figa
  • sveva scrive:
    ritocco foto
    aspetto di vedere ma credo sia valido
  • Alberto Orlandini scrive:
    Aspettate prima di tirar conclusioni...
    Mi meraviglio di come tutti quanti tirino così facilmente conclusioni affrettate sena ancora nemmeno aver visto Photoshop Express. Certo se integrasse alcune funzioni di Photoshop come il Pennello correttivo o il Curve e Livelli e il Luci e Ombre sarebbe un qualcosa di veramente eccezionale, e GIMP ce l'avrebbe davvero dura anche perchè GIMP non ha nemmeno questi tipi di strumenti, almeno non così avanzati e comodi come in Photoshop... Tuttavia essendo online non penso possa essere usato per il ritocco "batch" di tanti file in massa - le cosiddette "Azioni" di Photoshop o gli script di GIMP - e pertanto credo che per tutti quelli che non vogliono spendere tutti quei soldi per acquistare una licenza e nemmeno usare una copia pirata illegale, GIMP rimanga la migliore alternativa libera... Tanto più se - come penso - Photoshop Express non includesse nemmeno quegli strumenti sopra citati...
  • Pejone scrive:
    Ci voleva!
    Per anni ho conosciuto gente che si piratava photoshop per ritoccare le foto utilizzando forse un 34esimo delle funzioni disponibili.Una volta tanto Adobe è da ammirare.
  • Banana Joe scrive:
    Gimp va ringraziato in ginocchio.
    Ma cosa credete, bambini, che se non ci fosse stato gimp vi sarebbe arrivato mezzo bit di photoshop gratis? LOL!Gimp e' lontano dalla perfezione ma e' good enough per un sacco di situazioni. Chi parla male dell'interfaccia di Gimp lo fa spesso per abitudine a quella di photoshop, motivo che in senso assoluto conta quanto dire che windows e' difficilissimo se hai usato per anni linux.Sbafatori di photoshop, Pregate per il benessere di gimp, altroche'.
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Gimp va ringraziato in ginocchio.
      - Scritto da: Banana Joe
      Ma cosa credete, bambini, che se non ci fosse
      stato gimp vi sarebbe arrivato mezzo bit di
      photoshop gratis?
      LOL!mmh sinceramente stento a credere che una azienda come la Adobe scelga le sue politiche commerciali basandosi sulla (scarsina) diffusione di uno dei tanti programmi gratuiti per fotoritocco ed affini. Tutto puo' essere, ma non stiamo ai livelli di firefox-IE insomma, in quanto a battaglina tra software proprietario e opensource. Se milioni di persone utilizzano Gimp non e' che sono tutti automaticamente mancati acquirenti di 1000 euro di Photoshop. Fra l'altro Photoshop Elements era comunque gratuito - in bundle - con tantissime periferiche da anni, e per l'utilizzo casalingo e non professionale e' piu che buono senza impelagarsi in GIMP.Che fra l'altro e' infinitamente piu complesso della versione di Photoshop gratuita di cui si parla qui. Il che non e' sempre un punto a favore, eh. Escludendo dal discorso gli utenti "pro" (che usavano, usano e useranno per altri secoli Photoshop) per quel che riguarda l'utenza domestica Adobe ha vari prodotti.. regalarne uno porta acqua al suo mulino.Per come la vedo io e' invece interessante che persino la Adobe ha capito che le software house che regalano anche qualche freeware sono piu simpatiche agli occhi della gente , ed e' un modo come un altro per far girare il proprio nome.
      Gimp e' lontano dalla perfezione ma e' good
      enough per un sacco di situazioni. Chi parla male
      dell'interfaccia di Gimp lo fa spesso per
      abitudine a quella di photoshopio ne parlo male perche e' differente da qualsiasi altra applicazione. Trovo allucinanti anche le interfacce di tanti prodotti Macromedia eh, non solo quella di Gimp. Più che altro e' indubbiamente scomoda, mentre quella della maggior parte dei programmi e' simile, e comoda. Non ha senso fare oggi un programma con una interfaccia da reimparare. Eccezion fatta per Bryce e altri programmi che devono per forza inventarsi soluzioni e interfacce per i propri strumenti originali.Ma GIMP e' un programma di fotoritocco e disegno, le interfacce da vent'anni son quelle... e perche' su GIMP non me la danno cosi' ? ;) per fortuna c'e' Gimpshop! (recensito) LucaS
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Gimp va ringraziato in ginocchio.
      contenuto non disponibile
  • MARMITTA PUZZOLENTE scrive:
    GIMP: PENSIONA ANTICIPATA
    E' FINITA, ci avevano sperato tutti...alla fine il photoshop dei poveri e' stato suppiantatao dal figlio di photoshop....ma povero per nulla, anzi pure gratis.gimp, se lo conosci lo eviti
    • ... scrive:
      Re: GIMP: PENSIONA ANTICIPATA
      -_- ma se resiste alla concorrenza di Photoshop CS 3 crackato perché deve perdersi di fronte a una versione decurtata dalla funzioni principali?
  • groviera scrive:
    Paint.NET rulez
    come da oggetto
  • zeno tds scrive:
    comodo
    di certo non sarà un programma sofisticato come il PS ufficiale.. servirà giusto per pochi ritocchi, comodo a chi carica foto online o deve modificarne qualcuna. non credo che si avvicini neanche lontanamente alla versione offline iperprofessionale.GIMP non l'ho mai digerito. sono favorevole all'open source.. ma ok per programmi di utilità, per msn, per convertire e guardare video, alcuni giochini.. ma i programmi professionale se hanno il nome che hanno non è certo a caso.Anche se sono curioso di questo pixelmator che sta arrivando e che sembra veramente una bomba visto che lavora le immagini direttamente con la GPUhttp://www.pixelmator.com/
  • Nilok scrive:
    GRANDE!
    Grazie Adobe!Confido in una diffusione molto più ampia di questo Software che non ha EGUALI nel suo settore applicativo.GRANDE.A presto.Nilokhttp://informati.blog.tiscali.it/
  • stika scrive:
    picasa si scarica, non è online
    online c'è solo la ... pubblicazione online.ma per il resto il software lo scarichi e lo usi offline al 100%non credo che ci daranno un photoshoppino (meno di elements??) gratis da scaricare.comunque ormai gimp sta surclassando tutti
    • The M scrive:
      Re: picasa si scarica, non è online

      comunque ormai gimp sta surclassando tuttiMah, fossi in lui mi guarderei bene le chiappe da Paint.net, progetto OS, in costante sviluppo, anche se ancora indietro come features (sia rispetto a Gimp che ovviamente a PS).Ha però il pregio (molto paraculo) di essere quasi un clone di PS e questo lo rende più amichevole rispetto a Gimp.Credo che la sfida in un futuro a medio termine sarà fra questi due.
      • VITRIOL scrive:
        Re: picasa si scarica, non è online
        - Scritto da: The M
        Ha però il pregio (molto paraculo) di essere
        quasi un clone di PS e questo lo rende più
        amichevole rispetto a
        Gimp.E' anche molto più stabile rispetto a Gimp. A me, almeno sotto Win, Gimp ha sempre dato un sacco di problemi e crash continui. L'ho abbandonato parecchio tempo fa, quindi non so se ora è cambiato qualcosa.Sono invece molto soddisfatto di Paint.NET, anche se i programmi di fotoritocco non sono in cima alla mia lista di utilizzo, quindi non ho esigenze particolarmente spinte.Ma almeno è una roccia :-)
    • macosx scrive:
      Re: picasa si scarica, non è online
      Ti sei dimenticato di AIR e di quante energie Adobe ci stia mettendo dentro? :-)
    • Blah scrive:
      Re: picasa si scarica, non è online
      The Gimp ha una interfaccia che... proprio non lo capisco. Mah.
      • VITRIOL scrive:
        Re: picasa si scarica, non è online
        - Scritto da: Blah
        The Gimp ha una interfaccia che... proprio non lo
        capisco.
        Mah.E' davvero schizofrenica, ma capisco che possa andare a gusti. Sulle perversioni non si discute ;-)
  • stika scrive:
    dovrò mettere il traffic shaping.
    con questa roba a disposizione... :-Ocerto preferirei che non fosse online eh... un bell'express SCARICABILE ... sarebbe meglio.
  • sterco scrive:
    GIMP HA FALLITO
    CON QUESTO NUOVO SOFTWARE, LA VEDO MOLTO BRUTTA PER GIMP, E ANCHE PER LO STESSO PICASA.
    • /dev/null scrive:
      Re: GIMP HA FALLITO
      - Scritto da: sterco
      CON QUESTO NUOVO SOFTWARE, LA VEDO MOLTO BRUTTA
      PER GIMP, E ANCHE PER LO STESSO
      PICASA.Ma dite tutti sul serio??? Cioè adesso arriva 'sto Photoshop castrato e Gimp scompare? Gimp resiste da anni alla concorrenza del Photoshop vero (craccato) e ora crolla per questa cagata? Da oggi tutti a fare fotoritocco ONLINE???
  • GIGIONE scrive:
    GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO
    non c'e' che dire oramai basta un respiro di una multinazionale, per buttare alle ortiche decine di anni di lavoro open source....non sarebbe forse il caso di rivedere i piani di sviluppo di gimp e company?non dico diventare a pagamento, ma chidere almeno il patrocinio di qualche grande societa'....gimp se no' rimane indietro, i fotografi professionisti non si accontentano di atagliare le foto e applicare il filtro sfoca impiegando il doppio del tempo che su un altro sfw...meditate gente, meditate
    • tosky scrive:
      Re: GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO
      - Scritto da: GIGIONE

      meditate gente, meditateMa proprio tutti. Dallo screenshot sul blog di Adobe citato mi sembra proprio più un editor semplice come quelli integrati nei gestori di foto.
      • The M scrive:
        Re: GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO
        O come quelle versioni ridotte che davano con gli scanner.Niente di nuovo sotto al sole.Il nome photoshop è talmente grosso che non so quanto alla gente piacerà averne una versione "mozzata" (e bisognerà vedere in che misura).Gimp, Paint.net e soci continueranno la propria strada come sempre (magari se il primo facesse un po' di ordine nell'interfaccia...)
        • Blah scrive:
          Re: GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO

          Il nome photoshop è talmente grosso che non so
          quanto alla gente piacerà averne una versione
          "mozzata" (e bisognerà vedere in che
          misura).Attenzione ragazzi: non facciamoci sempre ingannare dalla mitica lista di feature. L'importante è il funzionamento, che finora ha sempre tracciato un divisorio tra pro e opensource. Trovo questi ultimi molto traballanti e lenti.
          (magari se il primo facesse un
          po' di ordine
          nell'interfaccia...)Hai centrato l'altro 50% del problema. Direi una delle cose fondamentali per l'uso...Non lasciamoci sempre ingannare da "heiiii ha milioni di filtri fichissimi tamarrissimi!"
          • Gigi scrive:
            Re: GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO
            - Scritto da: Blah

            (magari se il primo facesse un

            po' di ordine

            nell'interfaccia...)

            Hai centrato l'altro 50% del problema. Direi una
            delle cose fondamentali per
            l'uso...

            Non lasciamoci sempre ingannare da "heiiii ha
            milioni di filtri fichissimi
            tamarrissimi!"Basta usare GimpShop!http://gimpshop.blogspot.com/2005/10/what-is-gimpshop.html
          • pappappero pappa scrive:
            Re: GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO
            peccato non venga aggiornato dal 2005...
          • Mauro D scrive:
            Re: GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO
            - Scritto da: pappappero pappa
            peccato non venga aggiornato dal 2005...Non ho mai capito l'addattamento che hanno fatto su questo famigerato GimpShop.Non si avvicina lontanamente a photoshop.e comunque gimp dovrebbe unificare anche gli strumenti, ho visto è utilizzato un po' la versione 2.4 che è tutt'ora in beta e mi sono accorto che non esistono ben 4 strumenti per lavorare sulle selezioni per fare solo alcune delle operazioni che photoshop fa con un unico strumento... e la cosa incredibile è che lo fa in modo molto più pratico è forse più intuitivo.In compenso hanno aggiunto uno strumento per copiare e distorcere una selezione, in pratica uno strumento che non fa nulla di nuovo, ma aggiunge una nuova icona nella barra degli strumenti.La domanda che mi sono sempre fatto è: ma questi programmatori di Gimp non hanno mai aperto un loro programma concorrente? o parlato con un grafico professionista che utilizza altri programmi?
    • motumboe scrive:
      Re: GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO
      il fatto è che secondo me il numero di sviluppatori interessati allo sviluppo di GIMP è basso. Ma anche il numero di utilizzatori interessati al suo sviluppo è basso: questo perché un numero altissimo di utilizzatori ha utilizzato una copia pirata di photoshop. La pirateria danneggia l'open source. Ora questa versione online, se fatta bene, sarà più che sufficiente per il 95% di chi vuol giochicchiare un po' con le sue foto; anzi questa versione online sarà più adatta di photoshop, troppo complesso per usi comuni. E ciao GIMP. Ma l'ultima parola non è detta. E secondo me la tua proposta di patrocinio non è sbagliata. A voler vedere, il prodotto office è molto ma molto più complesso di photoshop, eppure, in qualche anno openoffice ha raggiunto office. Si può fare altrettanto.
    • Paolino scrive:
      Re: GIMP SPAZZATO VIA IN UN LAMPO
      - Scritto da: GIGIONE[cut]
      meditate gente, meditateTrolle detector fuori scala :-D
  • Redmond 2007 scrive:
    Per GIMP è la fine!
    Il cagnaccio rognoso rosicchia pennello sarà scalzato da questo nuovo mastino e finirà presto nel Cassonetto di Dio.
    • Elias scrive:
      Re: Per GIMP è la fine!
      - Scritto da: Redmond 2007
      Il cagnaccio rognoso rosicchia pennello sarà
      scalzato da questo nuovo mastino e finirà presto
      nel Cassonetto di
      Dio.Ne dubito, da sempre PhotoshopExpress, quello che davano in regalo con scanner, e' un programma assolutamente inqualificabile, inutile e farraginoso, altro che mastino, e' una muffa. Se ne faranno una versione online, tanto peggio per adobe e per la salute mentale del mondo.
    • groviera scrive:
      Re: Per GIMP è la fine!
      - Scritto da: Redmond 2007
      Il cagnaccio rognoso rosicchia pennello sarà
      scalzato da questo nuovo mastino e finirà presto
      nel Cassonetto di
      Dio.per quello che valeva The Gimp.... aveva una interfaccia grafica schifosissima che non centra nulla con Windows, mille finestre sparse per il desktop, crash continui, funzionalità molto limitate, ecc.
      • /dev/null scrive:
        Re: Per GIMP è la fine!
        - Scritto da: groviera
        per quello che valeva The Gimp.... aveva una
        interfaccia grafica schifosissima che non centra
        nulla con Windows, mille finestre sparse per il
        desktop, crash continui, funzionalità molto
        limitate,
        ecc.Per l'interfaccia ok, è questione di gusti. Io mi ci sono abituato. Tra l'altro su linux rendendo i pannelli sticky (oppure usando il cubo di compiz) il fatto di avere finestre separate diventa persino comodo.Crash, io francamente non ne ho mai avuti né su Windows, né su Linux. Avrai mica provato solo la 0.0.1beta 10 anni fa? :-)Invece, seriamente, mi dici quali funzionalità di (presumo) Photoshop non hai ritrovato su Gimp? Mi fa ridere che, quando si inizia a parlare di Gimp vs. Photoshop, diventano tutti grafici professionisti con necessità elevatissime. Tutti lì a spendere 1000 e passa euro di licenza per correggere l'esposizione delle foto al mare. (rotfl)
        • The M scrive:
          Re: Per GIMP è la fine!

          Invece, seriamente, mi dici quali funzionalità di
          (presumo) Photoshop non hai ritrovato su Gimp?Beh, il supporto CMYK è una mancanza che si sente.Poi è pacifico che se uno usa Gimp per ridimensionare foto, tagliarle, cambiare la luminosità o farsi il bannerino per il sito basta e avanza. Ma per quello va bene qualsiasi editor free che si trovi in giro.
          • /dev/null scrive:
            Re: Per GIMP è la fine!
            - Scritto da: The M
            Beh, il supporto CMYK è una mancanza che si sente.Che però serve quando si comincia a stampare immagini a livello professionale/commerciale. Non certo per uso domestico. Dai, il 90% degli utenti (pirati) di Photoshop che disprezzano Gimp non sanno neanche cosa vogliano dire le sigle RGB e CMYK e quando la differenza tra le due entri in gioco.
            Poi è pacifico che se uno usa Gimp per
            ridimensionare foto, tagliarle, cambiare la
            luminosità o farsi il bannerino per il sito basta
            e avanza. Ma per quello va bene qualsiasi editor
            free che si trovi in
            giro.Sì ma qui che facciamo? Prima sembra che se uno non ha il programmone da 1000 euro non riesce a fare nulla. Poi se vai a vedere cosa la gente normalmente fa, allora vien fuori che basta qualsiasi editor free. Embé allora dite che Gimp vi sta sul c###o per partito preso e amen.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Per GIMP è la fine!
            contenuto non disponibile
          • /dev/null scrive:
            Re: Per GIMP è la fine!
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: /dev/null

            Embé allora dite che Gimp

            vi sta sul c###o per partito preso e

            amen.

            L'interfaccia aiuta molto a condurre qualsiasi
            utente normale verso l'avversione
            incondizionata.
            Poi c'è sempre gente come i giapponesi che amano
            stare in ginocchio per ore, mangiare la zuppa con
            le bacchette ed imparare 20.000 caratteri quando
            ne basterebbero
            25.Ma dai e che è!!! E' solo diversa da Photoshop. Qui, se la gente si sente perduta appena gli sposti un pulsante della GUI, ha tutto il diritto di usare il proprio prodotto abituale. Certo, se lo paga è meglio.Ma che, di fronte alla notizia dell'uscita del Photoshop castrato online, la gente venga fuori ad annunciare la fine di Gimp (e non, invece, dei vari più semplici editor free di cui parlava M) io lo spiego solo con due ipotesi: o ci sono in giro molti troll, o poche persone che ragionano.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Per GIMP è la fine!
            contenuto non disponibile
          • Mauro D scrive:
            Re: Per GIMP è la fine!

            Ma dai e che è!!! E' solo diversa da Photoshop.Non solo è differente da un qualsiasi programma di grafica.Prendi come esempio lo strumento taglia (quello con il simbolo del taglierino), tutti quelli che ho visto io almeno una decina, usano un altro simbolo da più di 10 anni, questo simbolo ormai è diventato standard, ma gimp non lo usa... insomma è come se uno decidesso di fare un player mp3 e al posto del pulsante play fatto con un triangolo si decidesse di usare il simbolo "margherita".
            Qui, se la gente si sente perduta appena gli
            sposti un pulsante della GUI, Non si tratto solo di spostare pulsanti, ma di proliferazione di cose più o meno inutili.I menù di Gimp sono di più e mediamente hanno più voci di quelli di photoshop, nessuno si è mai chiesto il perché?Perché su Gimp esistono ben 4 strumenti per lavorare sulle selezioni mentre photoshop permette di fare anche più operazioni con un unico strumento... e la cosa più incredibile è che lo fa in modo molto più pratico è forse più intuitivo.In compenso nella versione 2.4 hanno aggiunto uno strumento per copiare e distorcere una selezione, in pratica uno strumento che non fa nulla di nuovo (è possibile ottenere lo stesso risultato con una normale selezione+copia e incolla+uso di uno strumento per la distorsione), ma in compenso aggiunge una nuova icona nella barra degli strumenti.In ultimo vorrei far notare il modo di variare la dimensione delle selezioni che hanno implementato sempre nella versione 2.4. Al posto di usare le classiche chiavi di selezione come fanno tutti (Microsoft, autodesk, corel, adobe o programmi come openoffice e altri) mi ritrovo dei rettangoli grossi come case se seleziono un'immagine grossa anche solo la metà del monitor.
            ha tutto il diritto
            di usare il proprio prodotto abituale. Certo, se
            lo paga è
            meglio.
            Ma che, di fronte alla notizia dell'uscita del
            Photoshop castrato online, la gente venga fuori
            ad annunciare la fine di Gimp Su questo sono daccordissimo con te, di strumenti analoghi ce ne sono sempre stati e Gimp comunque è nato e ha continuato a svilupparsi lo stesso.Per quanto riguarda la quadricromia posso dirti che io uso photoshop da 5-6 anni e non ne ho mai avuto bisogno neanche una volta, quindi credo che la percentuale che hai dato del 90% sia anche troppo piccola, secondo me il 90% delle persone manco sa che cos'è la quadricromia, figuriamoci usarla.
          • The M scrive:
            Re: Per GIMP è la fine!
            - Scritto da: /dev/null
            - Scritto da: The M

            Beh, il supporto CMYK è una mancanza che si
            sente.

            Che però serve quando si comincia a stampare
            immagini a livello professionale/commerciale. Non
            certo per uso domestico. Dai, il 90% degli utenti
            (pirati) di Photoshop che disprezzano Gimp non
            sanno neanche cosa vogliano dire le sigle RGB e
            CMYK e quando la differenza tra le due entri in
            gioco.Infatti anche Photoshop nel 90% dei casi è sottousato (e basta farsi un giro nei forum o siti tipo DeviantArt per vedere le porcherie che tirano fuori).Però...

            Poi è pacifico che se uno usa Gimp per

            ridimensionare foto, tagliarle, cambiare la

            luminosità o farsi il bannerino per il sito
            basta

            e avanza. Ma per quello va bene qualsiasi editor

            free che si trovi in

            giro.

            Sì ma qui che facciamo? Prima sembra che se uno
            non ha il programmone da 1000 euro non riesce a
            fare nulla. Poi se vai a vedere cosa la gente
            normalmente fa, allora vien fuori che basta
            qualsiasi editor free. Embé allora dite che Gimp
            vi sta sul c###o per partito preso e
            amen.Si deve decidere Gimp. Se vuoi essere un programma di fotoritocco, manipolazione, editing "serio" non puoi prescindere da una cosa come il CMYK, altrimenti verrai usato solo dall'utente medio(cre) per fare il banner o togliere gli occhi rossi dalle foto delle vacanze. E per far quello ci sono decine di altri programmi.Gimp è cresciuto, s'è ingrossato, ed anche lui alla fine subisce il sotto-usaggio come PS.A me Gimp non sta sul cazzo. Ne seguo con interesse lo sviluppo da 4 o 5 anni a questa parte e spesso lo scarico per vedere a che punto sono arrivati. E per dire che è completamente gratuito è un buonissimo programma. Per l'utente medio di cui sopra basta e avanza, senza star li a crackare PS. Io lo consiglio sempre insieme a Paint.Net.Però ho come l'impressione che si sia inchiodato, come se avesse paura a fare quel salto che lo farebbe davvero avvicinare a PS (diciamo al PS di 2 o 3 anni fa).
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Per GIMP è la fine!
        contenuto non disponibile
        • VITRIOL scrive:
          Re: Per GIMP è la fine!
          - Scritto da: unaDuraLezione
          Però esiste GimpShot che è una versione a
          finestra unica e con i comandi in posizioni
          simili a Photoshop.Ma fa schifo lo stesso... hai solo una finestra che funge da contenitore, ma dentro ci troverai tutte le normali finestrelle schizofreniche del Gimp classico.Certo, non ti affolla la taskbar, ma ancora IMHO non ci siamo :-)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Per GIMP è la fine!
        contenuto non disponibile
        • /dev/null scrive:
          Re: Per GIMP è la fine!
          - Scritto da: unaDuraLezione
          E comunque un programma che ti prende possesso di
          un intero desktop è una incontrovertibile
          minchiata a livello di
          design.Però quando lo fa Word (dal 2003 in poi) con riquadri delle attività, pulsantiere a schiera e cose simili gridate al miracolo dell'innovazione ;-)
    • Fabio scrive:
      Re: Per GIMP è la fine!
      Mi sembra un po esagerato, sparare sentenze già all'annuncio del rilascio di un programma. Senza averlo mai visto già si dice: e meglio di....In base a quali constatazioni?Poi dall'articolo, sembrerebbe che sia più rivolto al target di Picasa (espressamente citato), che non a quello di gimp o photoshop.Per quanto riguarda gimp vs photoshop penso sia innegabile che photoshop sia il migliore! Ma penso anche che la differenza la possa cogliere solo un professionista, per il 99.9% delle persone gimp basta e avanza, superato lo scoglio interfaccia, consente di fare qualsiasi cosa l'utente medio richieda. Quindi onestamente non vedo il motivo per cui io debba scaricare e craccare un software quando ne posso avere uno open e gratuito che sicuramente potrà soddisfare le mie necessità.
Chiudi i commenti