Microsoft e RIM, accordo per il file system

La canadese stringe un nuovo patto per l'uso del più recente file system "embedded" di Redmond. Ignoti i dettagli finanziari dell'operazione

Roma – Microsoft ha annunciato di aver siglato una nuova partnership tecnologica con la canadese Research In Motion (RIM), grazie alla quale la produttrice dei BlackBerry potrà utilizzare il file system proprietario exFAT per le sue necessità di storage avanzato in ambito mobile.

La tecnologia exFAT è pensata per superare i limiti dello storico standard FAT (File Allocation Table) e offrire alcune delle caratteristiche di NTFS con un minore carico computazionale per l’hardware dei dispositivi mobile e degli altri prodotti di elettronica di consumo (fotocamere in primis).

Grazie alla nuova partnership, RIM si accoda ad altre aziende tecnologiche di primo piano (Sharp, Sony, Canon, Sanyo SanDisk e altre) che in questi anni hanno deciso di utilizzare il nuovo file system nei loro prodotti: exFAT è compatibile con i sistemi operativi Windows Vista (SP1) e 7, mentre per i sistemi NT precedenti (XP e Server 2003) occorre installare un aggiornamento apposito.

Si ignora al momento quanto RIM abbia dovuto sborsare per poter usare il file system exFAT, anche se il prezzo di listino indicato da Microsoft al 2010 era di 300mila dollari di costo per alcune specifiche categorie di dispositivi (fotocamere e altro).

Grazie all’accordo con RIM, infine, Microsoft pare aver colto la possibilità di lanciare l’ennesimo messaggio di pace armata a Motorola: le due aziende sono al momento ai ferri corti per i brevetti software sulla tecnologia FAT, e una partnership (questo il potenziale messaggio ) sui brevetti converebbe a entrambe le parti più di una lunga e dispendiosa causa legale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • troll ino scrive:
    la geometria variabile dei troll
    descrivere PersonalWeb come il classico troll dei brevetti se ti chiami apple, microsoft, google ecc. ecc. e vuoi raccattare soldi con brevetti (direttamente o indirettamente, danneggiando i conncorrenti), allora va tutto bene... normali dinamiche del mercato e della concorrenza...se invece di chiami PersonalWeb o vattelapesca e vuoi fare la stessa identica cosa, allora ti descrivono come troll dei brevetti...un po' strano...(un po' come se quando mi bombardi tu allora sei un terrorista che sparge sangue innocente, ma se ti bombardo io allora non ci sono morti ma solo qualche lieve danno collaterale...)brevetti, copyright e marchi vanno ELIMINATI completamente. punto.
    • Daniele t scrive:
      Re: la geometria variabile dei troll
      - Scritto da: troll ino
      se ti chiami apple, microsoft, google ecc. ecc. e
      vuoi raccattare soldi con brevetti (direttamente
      o indirettamente, danneggiando i conncorrenti),
      allora va tutto bene... normali dinamiche del
      mercato e della
      concorrenza...

      se invece di chiami PersonalWeb o vattelapesca e
      vuoi fare la stessa identica cosa, allora ti
      descrivono come troll dei
      brevetti...

      un po' strano...Premesso che non amo particolarmente il gergo da discoli del web, "troll" è un'espressione odiosa, ma dove siamo su una piattaforma mmorpg?Comunque è evidente che c'è una piaga di questi sciacalli delle cause per brevetti violati, non è il primo articolo a riguardo. Io son solo contento che soffrano per questa piaga, perché è ridicolo il solo concetto di brevetto software figuriamoci le fare sfaccettature che ha assunto nella causa apple contro samsung.Spero almeno che serva di lezioni di modo che almeno qua in europa si scongiuri il pericolo il più a lungo possibile.
    • ruppolo scrive:
      Re: la geometria variabile dei troll
      La differenza la fa chi sei: Sei uno che impiega le tecnologie che ha brevettato? Oppure la tua azienda è composta dai soli ufficio brevetti e ufficio legale?
    • libcyborg scrive:
      Re: la geometria variabile dei troll
      mah i brevetti può anche esser giusto che ci siano ma più che altro bisogna rivedere i termini con i quali vengono emessi,registrati e venduti. (bisognerebbe eliminare quelli osceni come i generici sul design).
  • Ana Trollo scrive:
    Confusione
    "La misteriosa PersonalWeb.."- Kevin Bermeister: Brilliant Digital, OziSoft, - Michael Weiss: StreamCast Networks, WebRadio.com, Morpheus.- LEVEL 3 Communications (infrastruttura di telecomunicazioni mondiale)Non mi sembra tanto sconosciuta sta' PersonalWeb...
  • Anonimo scrive:
    Qualcosa mi dice...
    Che si tratta di una forma di vendetta perché gli hanno chiuso Morpheus e Kazaa...
  • M.R. scrive:
    Se vuoi denunciare ...
    ... per fare soldi non conviene "anticipare" i costruttori che violano i tuoi brevetti: aspetta qualche anno che i loro prodotti siano ampiamente diffusi dopodiché chiedi danni miliardari e costringili ad accordarsi per future royalties.
    • Funz scrive:
      Re: Se vuoi denunciare ...
      - Scritto da: M.R.
      ... per fare soldi non conviene "anticipare" i
      costruttori che violano i tuoi brevetti: aspetta
      qualche anno che i loro prodotti siano ampiamente
      diffusi dopodiché chiedi danni miliardari e
      costringili ad accordarsi per future
      royalties.Fanno bene a sfruttare l'assurdo sistema dei brevetti sul software americano. Più sangue scorre, prima vedremo la fine.
  • Mux scrive:
    mi sembra giusto
    troll non troll, mi sembra giusto dopo quello che è sucXXXXX con apple e samsung..
Chiudi i commenti