Microsoft ha 120 giorni per tornare a Java

Questo il termine che il giudice ha concesso per introdurre in Windows la versione di Java sviluppata da Sun. Ma il big di Redmond spera in un prossimo appello che ribalti la sentenza


Baltimora (USA) – Quattro mesi. Questo il tempo che il giudice distrettuale americano J. Frederick Motz ha dato a Microsoft per reintrodurre all’interno del proprio sistema operativo la tecnologia Java.

L’ordinanza è arrivata dopo che lo scorso dicembre Motz aveva emanato un’ingiunzione con cui obbligava Microsoft, pur senza specificare i termini e i modi per l’adempimento, ad includere la versione di Java sviluppata da Sun in ogni futura copia di Windows XP e nel prossimo Service Pack 2.

Visto che durante le festività e le prime due settimane di gennaio Sun e Microsoft non erano riuscite a trovare un accordo, Motz si è visto costretto a riascoltare entrambe le parti e valutare le rispettive proposte. Se da un lato Sun aveva chiesto che la propria rivale fosse costretta a reintrodurre Java in Windows entro 90 giorni, Microsoft aveva chiesto le fossero concessi almeno 12 mesi: secondo quest’ultima, infatti, l’operazione è meno semplice di quanto appaia e costringerà i propri sviluppatori ad apportare modifiche anche sostanziali ad un certo numero di applicazioni.

Mediando fra le due posizioni, Motz ha ritenuto ragionevole stabilire un termine temporale, affinché Microsoft adempia all’ingiunzione, di 120 giorni: dunque una scadenza ben più breve di quella chiesta da Microsoft ma, in ogni caso, meno stringente di quella avanzata da Sun.

Motz si è comunque detto favorevole a concedere a Microsoft 2 settimane di rinvio in attesa che il colosso del software presenti il previsto appello.

Come noto, i legali di Sun accusano Microsoft di aver tentato di “avvelenare” Java, sviluppandone una versione incompatibile, con l’intento di dominare il mercato con la piattaforma concorrente MS.NET. Da parte sua Microsoft si difende sostenendo che non è corretto obbligarla ad integrare nel suo sistema operativo una tecnologia rivale e del codice che, a suo dire, “non funziona”.

Per maggiori dettagli sulla disputa legale in corso clicca qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    io mi chiedo solo
    come fa un povero diavolo a stare dietro a tutti i bachi dell'open source, mica possono dedicarsi tutti ESCLUSIVAMENTE alla sicurezza del sistema!Con MS ti colleghi a windowsupdate, lui ti guarda cosa c'è da mettere a posto, e lo fa.... e scusate se è poco!
    • Anonimo scrive:
      Re: io mi chiedo solo
      - Scritto da: Anonimo
      come fa un povero diavolo a stare dietro a
      tutti i bachi dell'open source, mica possono
      dedicarsi tutti ESCLUSIVAMENTE alla
      sicurezza del sistema!
      Con MS ti colleghi a windowsupdate, lui ti
      guarda cosa c'è da mettere a posto, e lo
      fa.... e scusate se è poco!#apt-get install update (con debian)Per RedHat c'è red carpetPer Mandrake urpmiscusa se è poco!saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: io mi chiedo solo
      - Scritto da: Anonimo
      come fa un povero diavolo a stare dietro a
      tutti i bachi dell'open source, mica possono
      dedicarsi tutti ESCLUSIVAMENTE alla
      sicurezza del sistema!
      Con MS ti colleghi a windowsupdate, lui ti
      guarda cosa c'è da mettere a posto, e lo
      fa.... e scusate se è poco!Anche con debian e gli aggiornamenti della sicurezza. Se tu non le sai queste cose perchè parli a vanvera? In particolare iscrivendosi alla mailing list sulla sicurezza debian ti arriva anche una e-mail che ti avvisa di aggiornare il tuo sistema (a me è arrivata oggi quella riguardante questo problema).L'aggiornamento è completamente automatico, e tutta questa infrastruttura è completamente gratuita.E scusa se è poco :===))))))X
  • Anonimo scrive:
    C'è da dire...
    ...che il server DHCP M$ va bene dalla versione NT 4.0.Per il resto: no comment.....
  • Vaira scrive:
    Che c'è da commentare?
    Opensource=TrovatoBaco -
    (implica) RilascioImmediatoPatch
    • Anonimo scrive:
      Re: Che c'è da commentare?
      guarda che le patch le rilascia subito anche MSi solito Trolloni sacerdoti di Linuxche dominano su Punto Informaticoi buchi MS sono uno scandaloi buchi opensource no, anzi è scandaloso commentarne l'aaparizione.Mi immagino se fosse stato un baco MS"aaah software di m... che schifo..."
      • Anonimo scrive:
        Re: Che c'è da commentare?
        - Scritto da: Anonimo
        guarda che le patch le rilascia subito anche
        MS le rilascia *subito* a chi?Mi fai un esempio concreto e documentato? grazie.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che c'è da commentare?
        - Scritto da: Anonimo
        guarda che le patch le rilascia subito anche
        MS
        Stiamo ancora ridendo tutti... quindi i vari worm che girano per anni prima che la microsoft renda pubblica la vulnerabilità (per poi rilasciare solo mesi dopo mega e mega di patch), sono solo fantasie personali...
        i buchi MS sono uno scandalo
        i buchi opensource no, anzi
        è scandaloso commentarne l'aaparizione.E' bello che vengano corretti! Il resto è aria fritta

        Mi immagino se fosse stato un baco MS
        "aaah software di m... che schifo..."Ti immagini anche i buchi di iis e del server ftp di nt5? No perchè la pirateria non vive mica di server unix .... PUAH!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Che c'è da commentare? questo leggi?
      che il debug lo fai tu, e per questo che in genere le patch dei pochi sw open che abbiamo (e che stiamo eliminando pian piano) in genere vengono applicate solo dopo vari mesi visto i casini che abbiamo avuto in varie riprese (servizio mail bloccato per giorni mail perse ecc...).come si suol dire si fa presto a dire open e si fa presto a paccare un problema, quello che prende più tempo e verificare che la modifica in alcuni casi faccia più danni che altro.ovviamente spiegare ciò al solito openaro da universita che non deve tener su un servizio affidabile (dove il capo se non metti a posto ti manda a spigare) e molto difficile.
      • Vaira scrive:
        Re: Che c'è da commentare? questo leggi?

        ovviamente spiegare ciò al solito openaro da
        universita che non deve tener su un servizio
        affidabile (dove il capo se non metti a
        posto ti manda a spigare) e molto difficile.Guarda, che se hai il codice sorgente da editare e compilare, puoi veramente essere tu a "mettere a posto"
        • Anonimo scrive:
          Re: Che c'è da commentare? questo leggi?

          Guarda, che se hai il codice sorgente da
          editare e compilare, puoi veramente essere
          tu a "mettere a posto"Tanto che vuoi che sia saranno quelle centinaia di migliaia di righe di codice scritte da N programmatori senza una qualsiasi forma di standardizzazione....
          • Anonimo scrive:
            Re: Che c'è da commentare? questo leggi?
            - Scritto da: Anonimo


            Guarda, che se hai il codice sorgente da

            editare e compilare, puoi veramente essere

            tu a "mettere a posto"

            Tanto che vuoi che sia saranno quelle
            centinaia di migliaia di righe di codice
            scritte da N programmatori senza una
            qualsiasi forma di standardizzazione....Cosa? Windows?No, perchè il codice sorgente manco di XP ma di 98 io l'ho visto. Sono 11 cd. Per il solo kernel+interfaccia grafica.Non mi sembra che da questo primo dato emerga una qualche forma di ordine...
          • Anonimo scrive:
            Re: Che c'è da commentare? questo leggi?
            TU HAI VISTO IL SORGENTE DI WIN? AH... AH...
          • Anonimo scrive:
            Re: Che c'è da commentare? questo leggi?
            - Scritto da: Anonimo
            Cosa? Windows?

            No, perchè il codice sorgente manco di XP ma
            di 98 io l'ho visto. Ma se è uno dei segreti industriali più coperti del mondo... a stento i giudici dell'antitrust hanno potuto darci un'occhiata...
      • Anonimo scrive:
        Re: Che c'è da commentare? questo leggi?


        ovviamente spiegare ciò al solito openaro da
        universita che non deve tener su un servizio
        affidabile (dove il capo se non metti a
        posto ti manda a spigare) e molto difficile.
        Quindi non esistono server opensource tenuti su e affidabili? A me pare che esistano :) Ed esistono anche i capi degli amministratori di server open source, e se non metti a posto ti mandano a spigare uguale :)Tra l'altro, visto che parli di "TENERE SU I SERVIZI", mi spieghi come mai oggi la debian mi ha mandato la patch e si aggiorna senza riavviare il sistema, mentre con windows update devi riavviare il sistema (alla faccia dell'uptime)?No, perchè sai sono curioso... Ah, una nota: la patch che fa più danni di quelli che procura è una tipica cosa M$, infatti sono famose le patch per i service pack. Nel mondo open non è mai servito nulla di simile.PUAH!
        • Zeross scrive:
          Re: Che c'è da commentare? questo leggi?
          - Scritto da: Anonimo

          Tra l'altro, visto che parli di "TENERE SU I
          SERVIZI", mi spieghi come mai oggi la debian
          mi ha mandato la patch e si aggiorna senza
          riavviare il sistema, mentre con windows
          update devi riavviare il sistema (alla
          faccia dell'uptime)?Guarda che anche Windows non è necessario riavviarlo tutte le volte che installi una patch.E una volta che inizieranno a diffondersi programmi/componenti scritti in .NET le volte in cui dovrai riavviare si conteranno veramente sulle dita.
          Ah, una nota: la patch che fa più danni di
          quelli che procura è una tipica cosa M$,
          infatti sono famose le patch per i service
          pack.Tuttalpiù si scrive "di quelli che risolve" e non "procura",Patch per i service pack? Quali di grazia?L'unico Service Pack ritirato e sostituito dopo 2 giorni con una nuova versione è stato il SP6 di WinNT4.E per inciso chi aveva installato il SP6 non ha dovuto riscaricarselo tutto, ma bastava una semplice patch da 300 Kb.
          Nel mondo open non è mai servito nulla
          di simile.Nel mondo open si chiamano "nuove build", ed escono (non testate, ovviamente) giornalmente, pistola!Zeross
    • matteooooo scrive:
      Re: Che c'è da commentare?
      - Scritto da: Vaira
      Opensource=
      TrovatoBaco -
      (implica)
      RilascioImmediatoPatchSarei curioso di sapere quando è stato scoperto il bug...(chi lo sa con i prodotti OS ... con MS lo sappiamo subito)Rilasciare immediatamente una patch a distanza di ore mi fa rabbrividire ... il collaudo chi lo ha fatto? chi ha fatto un test di regressione attendibile?
    • Anonimo scrive:
      Re: a vaira ma cerca di anna a lavura
      come sopra
  • Anonimo scrive:
    Tutto tace...
    Nessun commento?
Chiudi i commenti