Microsoft: mio caro Android

Continua l'operazione di raccolta delle licenze su brevetti impiegati nel sistema operativo Android: Redmond ora ha denunciato la giapponese Kyocera

Roma – Microsoft non è paga dei risultati finora raggiunti nella sua campagna di spremitura delle licenze Android e da ultimo ha depositato negli Stati Uniti una denuncia nei confronti di Kyocera , produttore giapponese di dispositivi della serie Duraforce, Hydro e Brigadier, che impiegano il sistema operativo mobile sviluppato da Google.

In questo modo vorrebbe spingere all’accordo il produttore androide ed allungare così il filone d’oro delle royalty raccolte da Microsoft sui dispositivi con il sistema operativo che viene da Mountain View. In ballo – infatti – ci sono sette brevetti relativi a diverse opzioni tra cui la geolocalizzaizone e la gestione dei messaggi e Redmond ha riferito di “sperare che la questione si risolva amichevolmente”.

Microsoft, contestando altri diversi brevetti, era già riuscita a stringere più di 30 accordi di licensing con oltre il 70 per cento dei produttori di dispositivi con sistemi operativi mobile di Google , tra cui Samsung, Pegatron, HTC, Acer, Viewsonic, evitando in molti di questi casi il procedimento legale.
Tutte queste aziende erano tacciate da Microsoft di impiegare tecnologia da essa rivendicata e violata attraverso l’impiego dei sistemi operativi mobile di Google: la maggior parte dei produttori aveva dunque preferito evitare un procedimento legale, accettando di sottoscrivere gli accordi di licensing voluti da Microsoft (riconoscendole royalty per ogni terminale androide che arriva sul mercato).

Come nei casi precedenti, in questo non è stata divulgata la cifra richiesta da Microsoft per chiudere amichevolmente il contenzioso: a quanto pare tuttavia le negoziazioni non sono andate a buon fine e Kyocera è così diventata la terza produttrice Android, dopo Samsung e Motorola, ad essere trascinata in tribunale da Microsoft, che peraltro è pronta a chiedere il blocco della commercializzazione dei prodotti ritenuti in violazione della sua proprietà intellettuale .
Questo, nonostante la giapponese avesse proprio nelle settimane scorse presentato un concept di proprio dispositivo con Windows Phone: una mossa che sembrava poter avvicinare le due aziende.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • webwizard scrive:
    Inchiesta Ebook
    Qui un articolo interessante...http://www.dday.it/redazione/15451/inchiesta-e-book-iva-al-4-per-conservare-i-vantaggi-i-prezzi-non-potevano-cambiare
  • bubba scrive:
    iva e regimi agevolati
    " interessi concreti inesistenti perche' (...) 2) perché nel frattempo gli italiani in 3 casi su 4 già acquistavano ebook in Paesi con regimi fiscali agevolati.(..)"Mhhh si, MA MANCA UN PUNTO... il mante si e' dimenticato del la "furbata legislativa" (miseramente fallita) puntava un po' a questo... i somari governativi dovrebbero invece semplicemente ABBASSARE l'ESOSA aliquota nostrana (alzata invece a manetta negli ultimi anni)
  • rudy scrive:
    e' centrale il prezzo degli ebook
    ottimo articolo, ma vedo un poco diversamente un punto: gli editori in italia non vogliono abbassare i prezzi degli ebook al costo reale, per vari motivi tra cui la avidita', la concorrenza col cartaceo. Si tratta di un mercato che non si allarga, quello dei lettori, e loro non credono che il digitale lo allargera', in italia (tenete presente che nei libri la barriera linguistica protegge molto dalla concorrenza).da qui la loro (degli editori) idea che l'abbassamento dei prezzi viaggi riducendogli le tasse. e sempre loro la strafalsa idea di far passare l'alto prezzo degli ebook come legato alle tasse. quindi sottoscrivo l'idea di proporre di far pagare la multa agli editori e smetterla col populismo.
    • Leguleio scrive:
      Re: e' centrale il prezzo degli ebook

      quindi sottoscrivo l'idea di proporre di far
      pagare la multa agli editori e smetterla col
      populismo.Quale multa? Non c'è ancora nessuna procedura di infrazione contro l'Italia, corri un po' troppo.
      • gecko scrive:
        Re: e' centrale il prezzo degli ebook
        La multa sarà inevitabile se non si fa marcia indietro.L'infrazione è assodata.
        • panda rossa scrive:
          Re: e' centrale il prezzo degli ebook
          - Scritto da: gecko
          La multa sarà inevitabile se non si fa marcia
          indietro.
          L'infrazione è assodata.E la faremo pagare agli editori e ai loro galoppini.
          • Gutemberg scrive:
            Re: e' centrale il prezzo degli ebook
            Che innocente ingenuità.Andrà a finire come per rete 4.Lo stato italiano pagherà, quindi Noi pagheremo, la multa comminata dalla UE per l' infrazione.Nel frattempo gli editori incasseranno il plusvalore sulla differenza iva, non avendo abbassato i prezzi.Dopo la multa e conseguente dietrofront del governo alzeranno i prezzi, anche dalla versione cartacea, per adeguarsi ai vincoli imposti dalla "cattiva" UE.Infine chiederanno ulteriori aiuti di stato in supporto alla cultura per il conseguente abbassarsi delle vendite.
          • mondo cane scrive:
            Re: e' centrale il prezzo degli ebook
            - Scritto da: Gutemberg
            Che innocente ingenuità.
            Andrà a finire come per rete 4.
            Lo stato italiano pagherà, quindi Noi pagheremo,
            la multa comminata dalla UE per l'
            infrazione.
            Nel frattempo gli editori incasseranno il
            plusvalore sulla differenza iva, non avendo
            abbassato i
            prezzi.
            Dopo la multa e conseguente dietrofront del
            governo alzeranno i prezzi, anche dalla versione
            cartacea, per adeguarsi ai vincoli imposti dalla
            "cattiva"
            UE.E continueranno a vendere sempre meno fino a che chiuderanno e licenzieranno i dipendenti.Bello vero?
          • Gutemberg scrive:
            Re: e' centrale il prezzo degli ebook
            Non lo approvo e non lo trovo bello.Purtroppo visti i precedenti in casi analoghi sono quasi certo che finirà così.
          • m3rlino scrive:
            Re: e' centrale il prezzo degli ebook

            E continueranno a vendere sempre meno fino a che
            chiuderanno e licenzieranno i
            dipendenti.
            Bello vero?Non è bello, ma è un semplice principio degli ultimi anni. Incassare gli utili e spartire i costi sulla collettività, dove la collettività paga questi costi con multe, debiti o perdite di posti di lavoro.
      • Izio01 scrive:
        Re: e' centrale il prezzo degli ebook
        - Scritto da: Leguleio

        quindi sottoscrivo l'idea di proporre di far

        pagare la multa agli editori e smetterla col

        populismo.

        Quale multa? Non c'è ancora nessuna procedura di
        infrazione contro l'Italia, corri un po' troppo.Bè, sì, ma si porta avanti. Diciamo la probabile multa e siamo a posto: sappiamo già come agire se e quando arriverà ;-)
        • Leguleio scrive:
          Re: e' centrale il prezzo degli ebook



          quindi sottoscrivo l'idea di proporre
          di
          far


          pagare la multa agli editori e
          smetterla
          col


          populismo.



          Quale multa? Non c'è ancora nessuna
          procedura
          di

          infrazione contro l'Italia, corri un po'
          troppo.

          Bè, sì, ma si porta avanti. Diciamo la probabile
          multa e siamo a posto: sappiamo già come agire se
          e quando arriverà
          ;-)Ah, ecco.
  • Lorenzo scrive:
    Un libro e' un libro un ebook no ...
    Paragonare un ebook ad un libro non e' immediato , un libro dura finche' durano i materiali , lo puoi prestare , regalare , rivendere e persino bruciare per scaldarti ( e' un orrore ma si puo' ).Un ebook dura finche' c'e' un lettore in grado di aprirlo ( e spesso finche' c'e' un server che conferma che hai il diritto di leggerlo ) , difficilmente lo puoi prestare o cedere , e nemmeno rivenderlo ( togliere il drm in italia e' reato ) , molti ebook non possono nemmeno essere stampati e/o non ci sono i permessi per fare copia incolla di brani per citazioni . Fanno eccezione ovviamente gli ebook non protetti da drm ( all'origine)ma quanti sono ?
    • panda rossa scrive:
      Re: Un libro e' un libro un ebook no ...
      - Scritto da: Lorenzo
      Un ebook dura finche' c'e' un lettore in grado di
      aprirlo ( e <s
      spesso </s
      <b
      soprattutto </b
      finche' c'e' un server che
      conferma che hai il diritto di leggerlo ) ,Fixed! 8)
      difficilmente lo puoi prestare o cedere , e
      nemmeno rivenderlo ( togliere il drm in italia e'
      reato ) , molti ebook non possono nemmeno essere
      stampati e/o non ci sono i permessi per fare
      copia incolla di brani per citazioni .Vogliamo aggiungere che il DRM sopravvive alla naturale scadenza dei diritti dopo 70 anno dalla morte dell'autore? Aggiungiamolo, va.
      • gecko scrive:
        Re: Un libro e' un libro un ebook no ...
        a me "sopravvive" meno di 70 anni anzi sopravvive zero dato che non ho nulla con DRM.
    • bubba scrive:
      Re: Un libro e' un libro un ebook no ...
      - Scritto da: Lorenzo
      Paragonare un ebook ad un libro non e' immediato
      ,

      un libro dura finche' durano i materiali , lo
      puoi prestare , regalare , rivendere e persino
      bruciare per scaldarti ( e' un orrore ma si puo'
      ).
      Un ebook dura finche' c'e' un lettore in grado di
      aprirlo ( e spesso finche' c'e' un server che
      conferma che hai il diritto di leggerlo ) ,

      difficilmente lo puoi prestare o cedere , e
      nemmeno rivenderlo ( togliere il drm in italia e'
      reato ) , molti ebook non possono nemmeno essere
      stampati e/o non ci sono i permessi per fare
      copia incolla di brani per citazioni .Tutto giusto... mantellini abusa un po' del suo 'potere' dicendo "(..)quelli che pensano, come tutti noi (..)" :PCmq sia chiaro, la differenza e' voluta... perche' tolti i limiti ARTIFICIALMENTE inseriti nell'ebook, potrei convenire che "(..)che un libro sia un libro sia quando è in formato elettronico sia quando è fatto di inchiostro e cellulosa(..)"... [si, resterebbe il dettaglio del formato... un libro del 1800 possiamo leggerlo anche ora 'as is'... col formato xyz potremo?. Con un po' di impegno, si. SE NON vengono posti limiti artificiali di cui sopra]
    • filobus scrive:
      Re: Un libro e' un libro un ebook no ...
      Che un libro sia un libro e un ebook sia altro ci si può discutere. Assai.L'ovvietà sulla diversità del supporto salta agli occhi, ma secondo me si rischia di essere troppo informatizzati, qui, e non cogliere che libro e ebook si vendono principalmente per il loro contenuto. E il contenuto sono parole scritte da leggere nello stesso modo, sia su ebook reader che su un libro. E non ci sono suoni, effetti speciali, ecc. Punto.Poi si può disquisire sulle (ovvie) differenze sul supporto (ebook reader e libro, non ebook e libro), e di cosa comportino, ma il libro di carta non viene venduto per riscaldarsi 8se non il cuore e la mente, forse). Altrimenti avrebbe la stessa iva della legna e della carbonella.insomma, per tassare i supporti di memoria si dice che sono tutti uguali, SD, HD, CD., che i sistemi di riproduzione assimilabili alla tv (e quindi su cui pagare il canone) sono equiparabili, ma libro e ebook quardacaso sono diversi?E se fotocopio un libro o faccio un duplicato di un ebook cosa succede?sarebbe ora di fare un po' di chiarezza, ma in modo chiaro, appunto, non confuso!- Scritto da: Lorenzo
      Paragonare un ebook ad un libro non e' immediato
      ,

      un libro dura finche' durano i materiali , lo
      puoi prestare , regalare , rivendere e persino
      bruciare per scaldarti ( e' un orrore ma si puo'
      ).
      Un ebook dura finche' c'e' un lettore in grado di
      aprirlo ( e spesso finche' c'e' un server che
      conferma che hai il diritto di leggerlo ) ,

      difficilmente lo puoi prestare o cedere , e
      nemmeno rivenderlo ( togliere il drm in italia e'
      reato ) , molti ebook non possono nemmeno essere
      stampati e/o non ci sono i permessi per fare
      copia incolla di brani per citazioni .


      Fanno eccezione ovviamente gli ebook non protetti
      da drm (
      all'origine)
      ma quanti sono ?
      • Leguleio scrive:
        Re: Un libro e' un libro un ebook no ...

        insomma, per tassare i supporti di memoria si
        dice che sono tutti uguali, SD, HD, CD., No, proprio tutti uguali no.I nastri magnetici non pagano l'equo compenso:[IMG]http://3.bp.blogspot.com/_9GrLAMqdxc0/TPf_GDOEMRI/AAAAAAAAAAU/9CzWP2BOZXo/s400/2a.jpg[/IMG]E parimenti, se ben ricordo, non pagano le audiocassette, i floppy disc e gli Stereo 8.
        che i
        sistemi di riproduzione assimilabili alla tv (e
        quindi su cui pagare il canone) sono
        equiparabili,
        ma libro e ebook quardacaso sono
        diversi?Ai fini dell'IVA, precisiamo.
        E se fotocopio un libro o faccio un duplicato di
        un ebook cosa
        succede?Nulla, se è ad uso personale.
        • filobus scrive:
          Re: Un libro e' un libro un ebook no ...
          - Scritto da: Leguleio
          ma libro e ebook quardacaso sono
          diversi?

          Ai fini dell'IVA, precisiamo. precisiamo, ma ammesso che possiamo assegnare iva a caso (calzino destro 50%, calzino sinistro 17%), se invece aspiriamo a pretendere motivazioni razionali dal legislatore, queste quali sarebbero?
          • Leguleio scrive:
            Re: Un libro e' un libro un ebook no ...


            ma libro e ebook quardacaso sono

            diversi?



            Ai fini dell'IVA, precisiamo.

            precisiamo, ma ammesso che possiamo assegnare iva
            a caso (calzino destro 50%, calzino sinistro
            17%), se invece aspiriamo a pretendere
            motivazioni razionali dal legislatore, queste
            quali
            sarebbero?Mi chiedi la <I
            ratio </I
            (si chiama proprio così, anche quando non è tanto razionale) della norma sull'IVA differenziata, e io non la so. :PAvevo però fatto notare che una volta "scardinato" il tetto dell'IVA per i libri digitali, vendere tutto quanto è digitale con l'IVA ribassata è un gioco da ragazzi: "Prego signore, questo è l'ebook dal titolo Adobe Creative Suite 6, una lettura leggera. Se vuole abbiamo anche il titolo Microsoft Office 2010, una strenna di Natale!".E forse il motivo per cui il parlamento EU tiene duro sull'aliquota IVA ordinaria è quello.
  • Guybrush scrive:
    Ottimo articolo...
    ...anche se io metterei una chiosa sul finale:"Restano i pollici alzati dei lettori [...] ma che non sanno o non vogliono sapere che le campagne mediatiche che sostengono hanno interessi differenti da quelli che a loro era sembrato"che cambia in:"Restano i pollici alzati dei lettori [...] ma che non sanno o non vogliono sapere che le campagne mediatiche che sostengono hanno interessi differenti da quelli mostrati loro."GThttp://c.punto-informatico.it/l/profilo.aspx?n=Guybrush-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 marzo 2015 09.10-----------------------------------------------------------
    • ... scrive:
      Re: Ottimo articolo...
      Modificato dall' autore il 09 marzo 2015 09.10
      --------------------------------------------------
Chiudi i commenti