Microsoft porta lo split-screen in ufficio

Riprendendo un concetto molto noto ai videogiocatori, i ricercatori indiani hanno sviluppato un software che divide lo schermo in due parti uguali per consentire a due persone di lavorare sullo stesso monitor

Bangalore (India) – I laboratori di ricerca indiani di Microsoft hanno sviluppato un software che divide virtualmente lo schermo di un computer in due parti (split-screen), ciascuna con il proprio mouse e tastiera, il proprio sistema operativo e le proprie applicazioni.

Il software permette a due utenti di condividere lo stesso PC e lo stesso monitor per utilizzare le classiche applicazioni per l’ufficio, comunicare via Internet e navigare sul Web, il tutto senza la necessità di acquistare componenti hardware aggiuntivi (a parte una seconda coppia di periferiche di input).

“Ad un livello di base il nostro software fornisce la possibilità a due utenti di lavorare in modo completamente indipendente sulla stessa macchina, condividendo sia il processore che il monitor”, ha spiegato Udai Singh Pawar, assistant researcher e project leader.

Udai Singh Pawar I ricercatori di Microsoft affermano che la loro soluzione può aiutare le piccole aziende e le scuole dei paesi meno sviluppati a tagliare i costi relativi all’hardware.

Il prototipo del programma è stato testato su un display LCD da 19 pollici, tuttavia gli sviluppatori affermano che può funzionare anche con schermi da 15 o 17 pollici. Ovviamente si tratta di una soluzione piuttosto drastica , che può essere vista unicamente come alternativa all’uso dei PC a turni: condividere lo stesso monitor, specie se di modeste dimensioni, non è certo il massimo della comodità, senza considerare la totale assenza di privacy. Le aziende con budget meno modesti hanno a propria disposizione opzioni di gran lunga migliori per condividere le risorse dei propri PC fra più dipendenti.

Pawarsta sta per altro sviluppando una soluzione di controllo multi-mouse, descritta qui , specificamente pensata per le scuole.

In occasione della conferenza Convergence ’07 Microsoft ha mostrato anche DigiDesk , una postazione di lavoro desktop costituita da due generosi schermi LCD touch-screen, da un sistema di riconoscimento vocale, da uno scanner integrato di documenti e da un’interfaccia grafica che permette di ridimensionare le finestre alla Minority Report . Per farsi un’idea dell’aspetto e del funzionamento di DigiDesk si veda il video qui sotto:

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ion ion scrive:
    corsair twin 2x2048 pc2-8500 1066MHz
    prezzo
  • Anonimo scrive:
    che mer*e...
    cioè CAS 7... già ci si lamentava che le DDR2 avevano raddoppiato le latenze rispetto alle DDR, ma sto tempo di accesso è mostruoso...Penso proprio che le PC8500 citate nell'articolo non moriranno in seguito all'introduzione delle nuove ram, visto che le prime stanno a CAS5...
    • Anonimo scrive:
      Re: che mer*e...
      Non ho fatto i calcoli, la con cas 7 e la frequenza a 1066 la latenza espressa in nanosecondi dovrebbe essere equivalente.Che salgano meno in overclock è da vedere.
Chiudi i commenti