Microsoft: sì all'open source all'inglese

L'azienda sostiene di appoggiare la scelta del Governo di pubblicare chiare indicazioni sulle proprie scelte in materia di software per la Pubblica Amministrazione


Londra – Prosegue a tappe forzate la marcia di Microsoft tesa a cambiare i toni dello “scontro” con il mondo open source per portarli su un piano che consenta all’azienda di affermare le proprie strategie al di fuori di un quadro politico che è tendenzialmente sfavorevole all’uso dei software proprietari nella Pubblica Amministrazione. E le ultime importanti novità in materia arrivano da Londra.

Microsoft ha infatti affermato di vedere di buon occhio la pubblicazione da parte del Governo inglese delle linee guida di cui ha parlato nei giorni scorsi Punto Informatico, cioè indicazioni sulla valutazione del software da parte del settore pubblico che pongono al centro l’open source e l’interesse che le Pubbliche Amministrazioni britanniche centrali e periferiche possono avere nella sua adozione.

“Accogliamo con favore – ha affermato Mary-Anne Novitzkas, responsabile di Microsoft UK per i progetti di Shared Source – la policy che spiega con chiarezza quali sono le linee guida che si intende seguire. Nulla è realmente cambiato, si tratta di una policy sostanzialmente neutrale ma significa che ora possiamo competere su merito e valore”.

Va detto che, a differenza di quanto sta avvenendo altrove in Europa, come in Norvegia , la policy adottata dal Governo inglese non è particolarmente rigida verso il software proprietario né apertamente discrimina quest’ultimo rispetto alle soluzioni open source. Come noto, proprio dalle scelte di Bruxelles con l’iniziativa eEurope deriva il rinnovato interesse dei paesi della UE verso il mondo open source.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sony vai a cacare
    Come da oggetto
  • Anonimo scrive:
    stiamo parlando di ps1 o 2?
    scusate se non sono aggiornato ma la ps2 è già stata craccata?legge i cd-r/rw ? e soprattutto legge i dvd-r/rw? :-))))))))
    • Anonimo scrive:
      Re: stiamo parlando di ps1 o 2?
      - Scritto da: io non lo so
      scusate se non sono aggiornato ma la ps2 è
      già stata craccata?

      legge i cd-r/rw ? e soprattutto legge i
      dvd-r/rw? :-))))))))Sisi basta avere i chip giusti.Ti do un indizio: Neo2
      • Anonimo scrive:
        Re: stiamo parlando di ps1 o 2?
        Da quando sono illegali i Mod-Chip?magari l'uso che se ne puo' fare è illegale, ma non vedo il perche' io non possa giogare a un gioco Jap (non importato in EU) solo perche' me lo dicono LORO!
  • Anonimo scrive:
    negozio a padova
    uscendo dalla stazione si va verso il ponte sopra il fiume ... sulla sinistra si vede in un cartello grande ... tipo ... 3x3 metri "SI MODIFICANO PLAYSTATION":-)
  • Anonimo scrive:
    Tra malaysia e Australia ... dove vo?
    Australia direi.Molto meglio
  • Anonimo scrive:
    Sono in ora in Australia
    Sono da oltre 5 settimane a Geelong (seconda citta' di Victoria a 80 km da Melbourne) e devo ammettere che in pochi altri paesi come qui (sono italiano ma ho vissuto anche 1 anno in spagna) ci sia + attenzione per i diritti dei consumatori e le loro liberta' piuttosto che sentenze atte a difendere gli affari di poche multinazionali.E l'affare in questione e' solo uno spunto ad un argomento molto scabroso che include pirateria, copyright, privacy e in generale liberta' civili che mai come nell'era di internet sono sempre piu' minacciati da governi e compagnie private di tutto il mondo.See ya from Aussie Land! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono ora in Australia
      Scusate, c'e' un "in" di troppo nel titolo originale! ^_^""
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono in ora in Australia
      - Scritto da: Whelk
      Sono da oltre 5 settimane a GeelongTi sei trasferito? Come hai fatto?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono in ora in Australia
        - Scritto da: emigrante


        - Scritto da: Whelk

        Sono da oltre 5 settimane a Geelong

        Ti sei trasferito? Come hai fatto?No non mi sono trasferito sono qui per uno stage/esperienza di 4 mesi, poi tornero' in Italia, sempre che non mi offrano qualche cosa di interessante! :)Cmq ho vissuto all'estero per oltre un anno e ho girato un po' (non molto cmq) ma in Italia non si sta mica male... anzi.Abbiamo tanti problemi molti dei quali sarebbero risolvibili con un poco di intelligenza in +, e non mi riferisco solo a chi ci governa, ma ad ogni singolo cittadino: io per primo!Ciao!P.S.: cmq l'Australia e' molto bella e si vive bene.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono in ora in Australia
      Non puoi vedere solo una faccia della medaglia, se si agisse come vorresti tu le multinazionali cesserebbero di esistere e le play station non esisterebbero neanche, tutto si fermerebbe e fra 100 anni inizieremmo ad andare in giro col mulo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono in ora in Australia
        Il che poi non sarebbe poi così tanto male, dipende da che faccia vedi la medaglia. A me non mi dispiacerebbe avere un mulo, sapere cosà c'è nei cibi che mangio e fare l'amore con mia moglie tutte le sere invece di guardare la tele.Certo altre cose mancherebbero.....ma prima di parlare bisognerebe provare....CIao....- Scritto da: S.King
        Non puoi vedere solo una faccia della
        medaglia, se si agisse come vorresti tu le
        multinazionali cesserebbero di esistere e le
        play station non esisterebbero neanche,
        tutto si fermerebbe e fra 100 anni
        inizieremmo ad andare in giro col mulo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono in ora in Australia
        Non dire cazzate
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono in ora in Australia
        Non esageriamo,mi pare che Sony andasse a gonfie vele anche prima della PS, e cmq io non voglio che le multinazionali cessino di farsi i loro affari, voglio solo che la smettano di farsi i miei, di produrre la PS, i film, e anche i masterizzatori e poi gridare al furto se uno usa un masterizzatore Sony, per copiare un film della Paramount (che mi pare sia della Sony) da vedere su una PS@ (che legge i DVD).Non vedo perche' se compro un CD originale negli US non lo posso vedere con la PS2 in Australia o in Europa? Dove starei piratando e cosa?Per generalizzare un po' sai cos'e' il progetto Palladium di Microsoft supportato dalle maggiori multinazionali dell'Hardware, fai una ricerca e capisci.Come si suol dire: la verita' sta nel mezzo, ovvero senza diventare estremisti mi pare che multinazionali e compani si stiano prendendo un po' troppe delle NOSTRE liberta'.Ciao! ;)
Chiudi i commenti