Microsoft sperimenta l'open source

Lo fa rilasciando il suo primo software open source, un tool per sviluppatori il cui codice potrà essere modificato da chiunque e incluso in altri programmi, anche commerciali. Resterà un caso isolato?


Internet – Il 5 aprile 2004 verrà probabilmente ricordato, nella storia dell’informatica, come il giorno in cui Microsoft ha rilasciato il suo primo software open source. Si tratta di un piccolo insieme di tool per sviluppatori, chiamato WiX (Windows Installer XML), il cui codice è stato pubblicato niente meno che in uno dei templi del software a sorgente aperto: SourceForge.net.

In passato il big di Redmond si è vagamente ispirato al modello open varando il programma Shared “guardare ma non toccare” Source, lo stesso che in tempi recenti ha permesso ad una ristretta cerchia di clienti e sviluppatori di dare una sbirciatina al codice di alcuni suoi prodotti. Fino ad oggi, tuttavia, Microsoft non aveva mai rilasciato del codice sotto una vera licenza open source.

Per WiX il gigante del software si è avvalso di una licenza open source “DOC”, la Common Public License (CPL), approvata dall’Open Source Initiative (OSI) e originariamente scritta da IBM. Questa licenza permette agli sviluppatori di modificare il codice e riutilizzarlo all’interno di prodotti commerciali.

WiX è composto da una serie di strumenti – un compiler, un linker, un lib tool e un decompilatore – che permettono di creare pacchetti d’installazione per Windows (MSI, MSM) a partire da codice scritto in XML. Questi tool, che girano sotto Windows NT e 2000, vengono già utilizzati da diversi team di sviluppo interni di Microsoft, fra cui quelli di Office, SQL Server e Virtual PC.

Sebbene Microsoft non abbia adottato licenze aperte, ha tuttavia attinto dall’open source alcune porzioni di codice che, tutt’oggi, si trovano alla base di Windows e di altri prodotti. Questo è stato possibile grazie al fatto che la maggior parte delle licenze open source, come la CPL e la famosa BSD (si veda, a tal proposito, la FAQ in italiano pubblicata da FreeBSD.org), consentono a chiunque di utilizzare il codice all’interno di applicazioni commerciali. Microsoft, del resto, non ha mai nascosto la propria simpatia verso questo tipo di licenze: il suo nemico numero uno, come ben noto, è la licenza GNU GPL e il cosiddetto “free software”.

Il rilascio di WiX sotto la CPL va visto, secondo alcuni, come una prima, timida apertura di Microsoft alla filosofia di sviluppo open source. In realtà il varo del progetto WiX sembra più il frutto dell’iniziativa personale del principale sviluppatore di questo software, Rob Mensching, che una pianificata strategia del gigante del software. Nel proprio blog , Mensching racconta gli sforzi compiuti in questi anni per migliorare i rapporti fra Microsoft e l’open source.

“Nel 1999 e nel 2000 percepivo che molta gente, all’interno di Microsoft, non comprendeva in pieno cosa fosse la comunità Open Source, così ho cercato di farglielo capire fornendo loro un esempio”, ha scritto Mensching. L’esempio è costituito da WiX, il cui sviluppo, secondo il dipendente di Microsoft, ha richiesto quattro anni e mezzo di lavoro “part-time”.

Resta ora da vedere se il seme gettato in Microsoft da Mensching troverà terreno fertile.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'uovo di Colombo
    La soluzione di tutto sarebbe molto semplice:Le case dovrebbero distribure gratutitamente i file (film, canzoni ecc..) inserendo nel loro interno delle inserzioni publicitarie (magari con un link ad apertura automatica o con scritte in sovraimpressione) !!!A questo punto si genererebbero 2 fasce di mercato:1- Chi spende perchè vuole la qualità.2- Chi accetta una qualità inferiore + la pubblicità ma che non costa nulla.Allora sì, che si potrebbe dire, che ogni file che non corrisponde a quello ufficiale è illegale indipendentemente se uno fa upload o download.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'uovo di Colombo
      giusto!!! secondo me è una cosa molto positiva!!! però attenzione.... secondo la nuova proposta la tutela del copyright si estende a musica e editoria (che vorà mai dire editoria?? illuminatemi) perciò sulla musica mettere la pubbicità nn covverrebbe poi tanto!
  • Anonimo scrive:
    Privacy? che cos'è?
    La Legge Italiana se n'è sempre strbuggerata della privacy dei cittadini. Il diritto alla riservatezza è solo un bel concetto. Ma nessuno ne è in possesso. I nostri dati sono sempre a disposizione di un qualsiasi ministro pazzo...
  • Anonimo scrive:
    UL, DL, Disney e droghe varie....
    Inebriato dalla vittoria del Depo, ho deciso di festeggiare con un misto haschisch e assenzio, e tra i fumi verdastri di cui si è riempita la mia cameretta mi sono sovvenuti i seguenti deliranti pensieri...Se non ricordo male il testo del decreto intendeva perseguire la "diffusione telematica" contenuti protetti. Ora questa sarà la parte che, a quanto pare, verrà modificata. Tutto allora starà nel vedere come il legislatore sostituirà questa espressione ambigua.Faccio un esempio:Pippo scarica dalla cartella condivisa di Topolino un mp3.Pippo non commette illecito. Topolino commette illecito?Ipotizzo due scenari1) UL E DL SONO LA STESSA COSAIl decreto potrebbe stabilire che la condivisione è *di per sé* un illecito, a prescindere dal fatto che anche solo un utente abbia scaricato da Topolino.Questa soluzione però mi sembra gravemente lesiva della libertà di Topolino: perché mai Topolino non può rendere noto -- anche attraverso programmi p2p -- a Pippo il contenuto di una sua cartella, contenga pure questa cartella materiale protetto? Allora sarebbe illecito anche che Topolino invitasse Pippo a casa sua, per fargli vedere (NON copiare) la sua collezione di cd...In altri termini, sanzionare la pura condivisione di materiale protetto, a prescindere dall'upload, non mi sembra praticabile: chi condivide non commette (IMHO naturalmente) nessun reato. Ma se è così, l'upload, non è un azione di cui è responsabile chi condivide, ma chi scarica, non è che un altro nome per il download, che però non è sanzionabile...2) UL E DL *NON* SONO LA STESSA COSAIl decreto, molto furbescamente, potrebbe stabilire che il download è lecito, ma non l'upload, interpretando cioè la condivisione come un comportamento attivo che favorisce la diffusione di materiali protetti.Nel caso di Pippo e Topolino, Topolino sarebbe colpevole di aver condiviso i suoi mp3 perché il download effettuato da Pippo non sarebbe stato possibile senza la condivisione di materiali effettuata da Topolino: ergo, l'upload non coincide con il download, ed è a carico del condivisore, che ne paga le conseguenze.Ora questo secondo scenario presenta almeno due paradossi interessanti, se soltanto ci rendiamo conto che: a) Topolino, nell'uploadare (ossia nel condividere attivamente, come lo interpretiamo secondo questa ipotesi) i suoi mp3, non ha fatto altro che rendere possibile un comportamento *non sanzionabile*, ossia il download da parte di Pippo. Insomma, la legge punirebbe Topolino per aver favorito un'azione che però, per un altro verso, la legge stessa non considera illecita... b) D'altro canto, Pippo, nel downloadare gli mp3 di Topolino, per un verso non è sanzionabile -- perché lo stabilisce espressamente la legge -- ma per un altro verso lo potrebbe essere, se non altro per "favoreggiamento". Infatti: scaricando da Topolino, Pippo ha aiutato quest'ultimo a commettere quell'illecito costituito dall'upload dei suoi mp3.Così la legge si contraddice , perché, di fatto -- se il download è possibile solo se c'è uno che uploada -- anche se stabilisce che il comportamento di Pippo non è sanzionabile, dovrebbe sanzionarlo cmunque e in ogni caso...Morale della favola: non è così facile distinguere dl e ul, tantomeno pretendere di sanzionare uno e non l'altro, sono due facce della stessa medaglia. Un decreto che non tenesse conto di questo risulterebbe, alla prova dei fatti, ancora inapplicabile...Ora posso riaffondare nella gioia profonda dell'avvenuta sconfitta dell'équipe presidenziale... "vi faremo divertire come il mio Milan" ha detto non più tardi di due giorni fa... già tremo...SalutiEugen
    • Anonimo scrive:
      Re: UL, DL, Disney e droghe varie....
      -
      Se non ricordo male il testo del decreto
      intendeva perseguire la "diffusione
      telematica" contenuti protetti. Ora questa
      sarà la parte che, a quanto pare,
      verrà modificata.Il punto debole della tua analisi, oltre al fatto che sono milanista (sigh) e' che chi condivide, condivide quasi sempre materiale per il quale non ha nessun titolo che lo autorizzi alla diffusione.E su questo in genere si appuntano le majors, che ci provano sempre a fare rientrare nel "lucro" anche il "mancato profitto" (loro) causato da chi condivide.In altri termini, secondo loro c'e' mancato profitto perche' il Topolino del tuo esempio condivide materiale (anche se gratuitamente) che non ha nessun titolo per condividere.Torno al mio dolore
      • Anonimo scrive:
        Re: UL, DL, Disney e droghe varie....

        Il punto debole della tua analisi, oltre al
        fatto che sono milanista (sigh) e' che chi
        condivide, condivide quasi sempre materiale
        per il quale non ha nessun titolo che lo
        autorizzi alla diffusione.Ma il decreto stabilisce (ipotizzo natruralmente) anche che il download di materiale protetto non è sanzionabile *per uso personale*. Si intende evidentemente un materiale di cui il downloader non possiede già i diritti, altrimenti che cosa non sarebbe sanzionabile: il DL di materiale free? Ma questo lo era già prima!Se è così, da una parte, è lecito possedere materiale protetto senza autorizzazione, tramite download, dall'altra rimane illecito? Mi sembra contraddittorio...
        In altri termini, secondo loro c'e' mancato
        profitto perche' il Topolino del tuo esempio
        condivide materiale (anche se gratuitamente)
        che non ha nessun titolo per condividere.Ma se Topolino non ha nessun titolo di condividere questo materiale, perché (così parla la legge) Pippo ha il diritto di scaricarlo?
        Torno al mio doloreGaudium et spes per me... ora la Champions... domani le elezioni!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: UL, DL, Disney e droghe varie....

          Ma se Topolino non ha nessun titolo di
          condividere questo materiale, perché
          (così parla la legge) Pippo ha il
          diritto di scaricarlo?Questo e' un bel punto. Pero' e' sempre stato cosi'. E c'e' un perche'. Perseguire chi fa download, serve a ben poco ed e' costosissimo dal punto di vista delle indagini. E' difficile provare che Tizio ha scaricato. Inoltre, una volta che vai in casa di Tizio, questo puo' dire che gli mp3 sono sue copie personali. Insomma, perseguire chi download e' molto difficile e non porta a niente. Molto piu' redditizio, e facile, perseguire chi condivide. Basta un browse di Winmx. E la messa a disposizione e' sempre illegale, non c'e' copia privata che tenga. Inoltre, la messa a disposizione, provoca, secondo loro, danno. Di qui il mancato profitto e, nei loro desideri, il reato. Loro ti denunciano per un reato, la Polizia sposa la tua tesi, sequestro del PC e quant'altro. Poi magari la Magistratura ti da' ragione, ma intanto hai passato i tuoi bei guai. E un bel po' di gente si e' spaventata. Se ci pensi, infatti, RIAA, discografici britannici, FIMI, se la sono sempre presa con gli uploaders, non con chi scarica. Rendere "legale" il download e' come dire: "rendo legale cio' che non mi frega piu' di tanto perseguire". Ma se si continua ritenere illegale l'upload, e lo si persegue davvero...Il P2P e' in grande difficolta'.
          Gaudium et spes per me... ora la
          Champions... domani le elezioni!!!Io speravo perdess solo le elezioni :-(((
      • gpl scrive:
        Re: UL, DL, Disney e droghe varie....
        Il mancato guadagno delle majors non puo' contare come fine di lucro per la singola persona.In realta' le majors sostengono che per ascoltare o vedere tu avresti dovuto pagare, ma non lo hai fatto.Quindi il mancato esborso di soldi cercano di farlo passare per un lucro, cioe' un profitto perche' in teoria tu non hai speso dei soldi.Il fatto e' che dovrebbero anche dimostrare che se tu non lo avessi scaricato allora lo avresti comprato...e' questo in realta' il passaggio che tendono a saltare.Se fosse stato un programma che poi hai usato per fare un lavoro, e di conseguenza ti sei fatto pagare allora il lucro e' gia' piu' evidente.Ma nel caso di musica e film molte indagini hanno dimostrato che non e' vera l'equazione "non scarichi quindi compri" e con cio' dovrebbe anche decadere il fine di lucro.Altro paio di maniche se si attaccano al fatto che non hai l'autorizzazione per condividere...su questa non credo ci sia molto da fare, a meno di non cercare di capire cosa significa legalmente condividere.Se condividere significa permettere a piu' persone di copiare il file allora si potrebbero fare dei sw p2p che consentano il download ad una persona per volta....ma alla fine, come e' stato gia' detto in altri post, bisogna aspettare la versione finale del decreto per capire bene.
    • Anonimo scrive:
      Re: UL, DL, Disney e droghe varie....
      Ma perchè vi siete intrippati con sta storia dell'upload e del dowload?A me sembra d'aver capito che l'articolo due del decreto è stato cancellato e l'art 1 esteso alla musica.L'articolo 1 riguarda esclusivamente lo scopo di lucro.Resta il problema dell'articolo 174-ter della legge 22 aprile 1941, n. 633 che resterebbe comunque in vigore nella sua formulazione originaria ossia con una sanzione da 154 a 1033 euro per chi scarica senza fine di lucro.
  • Anonimo scrive:
    ATTENZIONE !!!
    ATTENZIONE a non farvi prendere dall'entusiasmo!Fin tanto che con viene votato da entrambe le camere e pubblicato sulla gazzetta ufficiale; il decreto è in vigore nella forma attuale !!!Per cui, per il momento, ci sono ancora le multe e i controlli!
  • Anonimo scrive:
    Ci stanno fregando
    "Il testo come modificato viene quindi incontro alle richieste della Fimi (l'organizzazione che raccoglie i discografici italiani) che chiedevano anche per i file musicali la stessa tutela prevista dal Decreto Urbani per i file audiovisivi."è evidentemente impossibile che la Fimi sia soddisfatta dell'estensione agli mp3 di un decreto in cui però si desanziona del tutto il file sharing... Ci gioco quello che volete che il cavillo sarà quello del libero download, ma non dell'upload... con il che hanno il culo paratissimo perché non criminalizzano nessuno, e al tempo stesso uccidono il p2p...Infatti, il download può essere anche giustificato per "uso personale", ma provate a giustificare l'upload "per uso personale": è una contraddizione in termini!!!A questo punto trovo veramente difficile che ci sia qualcuno lì in commissione che capisca la furbata che stanno facendo e tenti di fermarla, se lo stesso Cortiana è soddisfatto:""sarebbe una importante vittoria del popolo della rete", ha commentato il senatore dei Verdi Fiorello Cortiana presidente dell'intergruppo bicamerale per l'innovazione tecnologica."Spero di non essere stato troppo pessimista...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci stanno fregando
      - Scritto da: Anonimo
      "Il testo come modificato viene quindi
      incontro alle richieste della Fimi
      (l'organizzazione che raccoglie i
      discografici italiani) che chiedevano anche
      per i file musicali la stessa tutela
      prevista dal Decreto Urbani per i file
      audiovisivi."

      è evidentemente impossibile che la
      Fimi sia soddisfatta dell'estensione agli
      mp3 di un decreto in cui però si
      desanziona del tutto il file sharing...
      Ci gioco quello che volete che il cavillo
      sarà quello del libero download, ma
      non dell'upload... con il che hanno il culo
      paratissimo perché non criminalizzano
      nessuno, e al tempo stesso uccidono il
      p2p...
      Infatti, il download può essere anche
      giustificato per "uso personale", ma provate
      a giustificare l'upload "per uso personale":
      è una contraddizione in termini!!!

      A questo punto trovo veramente difficile che
      ci sia qualcuno lì in commissione che
      capisca la furbata che stanno facendo e
      tenti di fermarla, se lo stesso Cortiana
      è soddisfatto:

      ""sarebbe una importante vittoria del popolo
      della rete", ha commentato il senatore dei
      Verdi Fiorello Cortiana presidente
      dell'intergruppo bicamerale per
      l'innovazione tecnologica."

      Spero di non essere stato troppo
      pessimista...

      Concordo in pieno ..purtroppo mi sa che c'hai ragione :(a meno che nelle modifiche non venga inserito ''consentito l'utilizzo del file-sharing non a fini di lucro..allora forse....mhà :sdite che sto fantasticando troppo????:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci stanno fregando
      aspettiamo domani... in ogni caso se si parla di "non a fini di lucro" ciò varrà anche per l'upload a meno che non si intenda che lo scambio "chiamato anche baratto" sia un passaggio di soldini sotto altra veste.... bye Andrea
    • Kremmerz scrive:
      Re: Ci stanno fregando
      http://www.deputatids.it/comunicati/Comunicati.asp?ID=10731 In questo link che ho trovato in un post più sotto si parla del filesharing, non solo del download. Speriamo sia proprio così! Altrimenti è ovvio che siamo punto e a capo...senza condivisione è la morte del p2p!
    • gpl scrive:
      Re: Ci stanno fregando
      Potrebbe essere....ma si potrebbe obbiettare che non viene fatto nessun upload, sono gli altri che fanno il download.L'operazione di upload dovebbe indicare la spedizione di un file in uno spazio dal quale poi viene scaricato da altri.Questa operazione di caricamento non viene mai fatta nei software p2p.Se B scarica da A fa' un download, se poi C scarica da B fa' un download...e non ci sono upload.Sarebbe diverso se A per condividere il file con B lo dovesse mettere su un server X (upload), e poi B se lo va' a prendere dal server X (download).Alla fine anche mettere un server FTP sul proprio PC potrebbe essere non perseguibile.Considerando anche che i programmi p2p svolgono l'operazione di condivisione praticamente in automatico senza dover far nulla non si puo' certo accusare un utente di aver fatto un upload o un'azione per forzare volontariamente la condivisione.Questa ovviamente e' un'interpretazione, bisogna vedere poi cosa ne pensa la giurisprudenza italiana.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci stanno fregando
        Questa è un buon appiglio. Ricordate cosa si diceva delle canne ? Se passo una tromba ad un altro, è spaccio. Se l'appoggio su un muretto e l'altro se la prende, no. Potremmo fare un parallelismo ?Saluti,Piwi
        • Anonimo scrive:
          Re: Ci stanno fregando
          - Scritto da: Anonimo
          Questa è un buon appiglio. Ricordate
          cosa si diceva delle canne ? Se passo una
          tromba ad un altro, è spaccio. Se
          l'appoggio su un muretto e l'altro se la
          prende, no. Potremmo fare un parallelismo ?Uhm...No, purtroppo. Perche' tu condividi cio' che non e' tuo. In Winmx c'e' gente che shara migliaia e migliaia di files senza averne la titolarita'. E questo rimarra' illegale, ci scommetto. Altrimenti la FIMI non sarebbe stata soddisfatta.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci stanno fregando
        -
        Se B scarica da A fa' un download, se poi C
        scarica da B fa' un download...e non ci sono
        upload.Non ti seguono, sono A e B che fanno un upload verso B e verso C, nel tuo esempio.Quindi, seguendo sempre il tuo esempio, C non rischia, ma A e B si' perche uploadano, o meglio mettono a disposizione opere protette senza averne la titolarita'. E' questo il punto centrale: se hai un originale, ad esempio, lo puoi prestare e puoi fartene una copia, ma da una copia non originale non si possono fare copie. Ne' metterle in condivisione, ovviamente. E questo non diverra' mai legale.
        • gpl scrive:
          Re: Ci stanno fregando
          - Scritto da: Anonimo

          -
          Se B scarica da A fa' un download, se
          poi C

          scarica da B fa' un download...e non ci
          sono

          upload.

          Non ti seguono, sono A e B che fanno un
          upload verso B e verso C, nel tuo esempio.

          Quindi, seguendo sempre il tuo esempio, C
          non rischia, ma A e B si' perche uploadano,
          o meglio mettono a disposizione opere
          protette senza averne la titolarita'. E'
          questo il punto centrale: se hai un
          originale, ad esempio, lo puoi prestare e
          puoi fartene una copia, ma da una copia non
          originale non si possono fare copie. Ne'
          metterle in condivisione, ovviamente. E
          questo non diverra' mai legale.per come lo intendo "fare un upload" indica inviare un file in uno spazio terzo, non collegato a chi fa' il download.Saranno poi gli altri a collegarsi allo spazio ed effettuare il download.Per esempio quando aggiorni un sito web attraverso l'FTP tu fai un upload dei file, saranno poi gli altri ad effettuare il download.Ma se il server FTP o il sito WEB e' sul tuo PC non fai un upload, semplicemente copy i file nelle directory giuste per metterli a disposizione. In questo caso non si puo' parlare di upload ma solo di copia dei file o di spostamento al massimo.In definitiva l'operazione di Upload va' vista come scollegata da quella di Download, altrimenti non si puo' parlare di Upload.Ma per i sw p2p non e' necessaria nessuna azione per rendere disponibile il file quindi non si puo' parlare di Upload.Insomma l'Upload e' un'azione ben precisa.Spero di essermi spiegato meglio
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci stanno fregando

            In definitiva l'operazione di Upload va'
            vista come scollegata da quella di Download,
            altrimenti non si puo' parlare di Upload.

            Ma per i sw p2p non e' necessaria nessuna
            azione per rendere disponibile il file
            quindi non si puo' parlare di Upload.

            Insomma l'Upload e' un'azione ben precisa.

            Spero di essermi spiegato meglioBravissimo, ho pensato anche io q.cosa del genere e lo ho pure scritto un post sopra, se ti leggevo prima risparmiavo tempo... CiaoEugen
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci stanno fregando

            per come lo intendo "fare un upload" indica
            inviare un file in uno spazio terzo, non
            collegato a chi fa' il download.La tua ipotesi e' intelligente, ma temo che nessun giudice la seguirebbe mai.Il problema e' che viene messo a disposizione gratuitamente qualcosa senza avere i diritti per farlo. Per questo le majors piangono per il mancato profitto
          • gpl scrive:
            Re: Ci stanno fregando
            Infatti rimane un ipotesi da portare davanti ad un giudice, sperando che capisca la differenza tra permettere il download e fare un upload.Ovviamente e' tutto inutile se mettono il divieto di concedere il download ad altri senza una licenza da parte del proprietario del file.Ma a questo punto come potresti fare un download se nessuno puo' permettertelo ?Sarebbe come dire che puoi prendere il pane ma nessuno puo' dartelo...cosa che non mi stupirebbe in italiaProbabilmente la soluzione sarebbe tornare ai cd o dvd scambiati con gli amici, ovviamente ad uso personale e senza fine di lucro :)In questo caso non credo proprio che si possa parlare ne di condivisione, ne di upload, ne di download.
          • Anonimo scrive:
            State menando il can per l'aia
            Il testo non parla ne di upload ne di condivisione e ne di pubblicazione; si limita a dire che è consentito scaricare per uso personale!Il che significa che chi mette a disposizione (in qualsiasi modo) opere di cui non possiede i "diritti d'autore" viola la legge. (solo se è in Italia però!)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci stanno fregando
      credo che il punto dove potrebbe salvarsi il p2p non è tanto sula questione down/upload, quanto sul fatto che il garante privacy si opponga concretamente ala palese violazione della privacy che il decreto rappresenta. senza il supporto tecnico dei provider diventa difatto una ricerca inutile di chi fa down o up load. e i provider avranno certo capito che senza p2p il 90% dei loro bei abbonamenti adsl se li riprendono indietro.
      • Anonimo scrive:
        Cosa può salvare il p2p...
        Le cose che salveranno il p2p saranno 3:1) Il fatto che alcuni programmi p2p hanno già comiciato a trsferire in maniera criptata (es. Bearshare). Per evitare ciò che accade negli Usa (monitoraggio e cause civili da parte delle case doscografiche)2) Il fatto che i programmi p2p lavorano sui codici HASH (codice esdecimale di 20-25 cifre che identifica un file in maniera univoca) e non sui nomi dei file. Per cui se chi controlla non ha un prontuario non è in grado di stabilire che file stai scaricando. E comunque basta variare un solo byte (es. una lettera in un meta tag) che il codice cambia ma non il file!3) Che anche se 20 paesi al mondo faranno leggi molto restrittive; altri 200 non faranno nulla o si gireranno dall'altra parte per convenienza! Il che rende bene l'idea di qualche teorico che dice:"Internet è uno stato a se; governato da tutti quelli che lo frequentano"
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci stanno fregando
      Beh, se per "scaricare per uso personale" è NECESSARIO fare upload, allora, tali upload sono finalizzati all'uso persolale!! Sbaglio?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci stanno fregando
        - Scritto da: Anonimo
        Beh, se per "scaricare per uso personale"
        è NECESSARIO fare upload, allora,
        tali upload sono finalizzati all'uso
        persolale!! Ma anche no! Se con il mio upload permetto a Tizio di farsi diecimila cd pirata che poi vende all'angolo?Il fatto è che il dl è un'azione che parte da un singolo e arriva a un singolo, e se nel primo non c'è fine di lucro siamo a posto.L'ul invece, ammesso che possa essere interpretato come un'"azione" (vedi post sopra), si rivolge a un numero di utenti indefinito, e la "finalità all'uso personale" è determinabile solo in funzione di chi ha scaricato da te... Se è un bravo bambino allora il tuo UL è lecito, se è il re dei masterizzatori il tuo UL non è lecito...Ma la legge non si può permettere queste ambiguità, per cui... l'UL verrà siucuramente considerato illecito a priori... Con qualche paradosso, però... (vedi quello che ho scritto sopra su Disney!)CiaoEugen
  • Anonimo scrive:
    come vorrei....
    essere cittadino Canadese!!!!!!!l:'(http://www.tgcom.it/ArticoloTgCom/articoli/10/articolo178610.shtm
  • Anonimo scrive:
    BUONNNA notizia
    EHHHHHHHHHHHILA''''Controllate televideo alle 20.10 su canale 5.....Forse è la notizia che aspettiamo tutti....byyyyeAndrea:)
  • Anonimo scrive:
    Questi ci monitorano
    http://www.fimi.it/profilo_fpm.asp
    • Anonimo scrive:
      Re: Questi ci monitorano
      - Scritto da: Anonimo
      www.fimi.it/profilo_fpm.asp Si che ci provino! che divento ricco, gli levo anche le mutande e passo il resto della mia vita sulle spiagge dei mari del sud!E' una vita che aspetto di vedere se mi "beccano" (gli ho preparato un bel bocconcino avvelenato) ci siamo io e tutta una associazione e uno stuolo di avvocati che non vediamo l'ora! :DVenghino siori e siore! venghino! ... ma attenti a dove mettete le zampacce se ci lasciate lo "zampino" dopo non venite a piangere!Lo dico pubblicamente! lo scopo DICHIARATO e' quello di sollevare il polverone mediatico una volta tanto dalla parte "giusta".... occhio a quello che fate! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Questi ci monitorano
      - Scritto da: Anonimo
      www.fimi.it/profilo_fpm.asp che monitorino pure... mi sto scaricando : "Grand theft anal 3"... mazza che culi... :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Questi ci monitorano
      farebbero bene a capire che è questa la vera pirateria ...http://www.fimi.it/dettaglio_documento.asp?id=367&idtipo_documento=3
  • Anonimo scrive:
    e l'Unione Europea indaga...
    http://www.hwinit.net/modules/news/article.php?storyid=387
    • Anonimo scrive:
      Re: e l'Unione Europea indaga...
      - Scritto da: Anonimo
      www.hwinit.net/modules/news/article.php?storyEraser amico mio, ma fai Spam qui.........:DCiao
  • Anonimo scrive:
    link dello stenografico di ASSOLI
    Scusate ma dov'è il link dell'audizione di ASSOLI di Lunedi?
  • Anonimo scrive:
    errata corrige: "D'ALEMA SEI UN MITO !"
    - Scritto da: maciste

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    Dal sito dei deputati DS:





    ?Il nuovo testo del decreto

    antipirateria


    che il governo porterà alla


    discussione dell?Aula il prossimo
    19 di


    aprile rappresenta una vittoria
    per i


    Democratici di Sinistra.



    Grande Fausto!

    Faglielo ingoiare tu questo rospo a
    quella

    marionetta! :@

    Fausto Bertinotti è il segretario di
    Rifondazione Comunista, non è ne
    è mai stato nei DS.Vabbè.... quante storie per una distrazione! :-)(era l'entusiasmo) !
    • Anonimo scrive:
      Re: errata corrige: "D'ALEMA SEI UN MITO !"
      - Scritto da: Anonimo
      - Scritto da: maciste



      - Scritto da: Anonimo





      - Scritto da: Anonimo



      Dal sito dei deputati DS:







      ?Il nuovo testo del decreto


      antipirateria



      che il governo porterà
      alla



      discussione dell?Aula il
      prossimo

      19 di



      aprile rappresenta una
      vittoria

      per i



      Democratici di Sinistra.





      Grande Fausto!


      Faglielo ingoiare tu questo rospo a

      quella


      marionetta! :@



      Fausto Bertinotti è il
      segretario di

      Rifondazione Comunista, non è ne

      è mai stato nei DS.

      Vabbè.... quante storie per una
      distrazione!   :)

      (era l'entusiasmo) !l'entusiasmo del (troll) ?
  • Anonimo scrive:
    Bertinotti, sei un mito !
    - Scritto da: Anonimo
    Dal sito dei deputati DS:

    ?Il nuovo testo del decreto antipirateria
    che il governo porterà alla
    discussione dell?Aula il prossimo 19 di
    aprile rappresenta una vittoria per i
    Democratici di Sinistra. Grande Fausto! Faglielo ingoiare tu questo rospo a quella marionetta! :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Bertinotti, sei un mito !
      Il Fausto è di Rifondazione..... mica dei DS.... informati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bertinotti, sei un mito !
      bertinotti sei la rovina del nostro paese.
    • maciste scrive:
      Re: Bertinotti, sei un mito !
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      Dal sito dei deputati DS:



      ?Il nuovo testo del decreto
      antipirateria

      che il governo porterà alla

      discussione dell?Aula il prossimo 19 di

      aprile rappresenta una vittoria per i

      Democratici di Sinistra.

      Grande Fausto!
      Faglielo ingoiare tu questo rospo a quella
      marionetta! :@Fausto Bertinotti è il segretario di Rifondazione Comunista, non è ne è mai stato nei DS.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bertinotti, sei un mito !
        sicuramente.........ma la rovina del paese è...........l'innominabile che ha creato questo parapiglia dall'alto.
  • Anonimo scrive:
    NOTIZIA delle ore 18.00
    Dal sito dei deputati DS:?Il nuovo testo del decreto antipirateria che il governo porterà alla discussione dell?Aula il prossimo 19 di aprile rappresenta una vittoria per i Democratici di Sinistra. La riformulazione non prevedrà le sanzioni destinate agli utenti di Internet che scambiano file per uso privato, sarà allineata alle norme europee e riguarderà tutte le opere protette dal diritto di autore?. Lo afferma in una nota Giovanna Grignaffini, capogruppo Ds in commissione Cultura ?Il governo, dopo il ritiro delle pregiudiziali di costituzionalità da noi presentato ? prosegue la parlamentare ? ha eliminato, infatti, il comma 2 che prevedeva pene pecuniarie fino a 1500 euro a chi effettua il così detto filesharing. A fronte delle rassicurazioni e dell?impegno assunto dal Governo sul decreto, restano da chiarire ancora alcuni aspetti. In particolare i temi che riguardano le funzioni di controllo attribuite ai providers?. Roma, 7 aprile 2004
    • Anonimo scrive:
      Re: NOTIZIA delle ore 18.00
      - Scritto da: Anonimo
      Dal sito dei deputati DS:

      ?Il nuovo testo del decreto antipirateria
      che il governo porterà alla
      discussione dell?Aula il prossimo 19 di
      aprile rappresenta una vittoria per i
      Democratici di Sinistra. La riformulazione
      non prevedrà le sanzioni destinate
      agli utenti di Internet che scambiano file
      per uso privato, sarà allineata alle
      norme europee e riguarderà tutte le
      opere protette dal diritto di autore?. Lo
      afferma in una nota Giovanna Grignaffini,
      capogruppo Ds in commissione Cultura
      ?Il governo, dopo il ritiro delle
      pregiudiziali di costituzionalità da
      noi presentato ? prosegue la parlamentare ?
      ha eliminato, infatti, il comma 2 che
      prevedeva pene pecuniarie fino a 1500 euro a
      chi effettua il così detto
      filesharing.
      A fronte delle rassicurazioni e dell?impegno
      assunto dal Governo sul decreto, restano da
      chiarire ancora alcuni aspetti. In
      particolare i temi che riguardano le
      funzioni di controllo attribuite ai
      providers?.
      Roma, 7 aprile 2004un link?
  • Anonimo scrive:
    E questo?
    http://www.solacria.it/index.php?option=content&task=view&id=26&Itemid=2Sarà vero?
  • Anonimo scrive:
    Stranezze di key4biz
    • zibo scrive:
      Re: Stranezze di key4biz
      - Scritto da: Anonimo
      Mezzora fa c'era la notizia di bruxelles e a
      commento della quale si riportava, tra le
      altre, l'intervista alla Chiaromonte che
      dichiarava quello che si legge nel post
      DICHIARAZIONI IMPORTANTI dei DS...

      Ora improvvisamente quel pezzo è
      stato modificato!!!!

      C'è una diversa dichiarazione della
      Chiaromonte, e non si fa più cenno ne
      al testo che andrà il 19 aprile in
      aula ne alle modifiche.... bah.... strano
      no?infatti io prima ho cercato la dichiarazione e non l'ho mica trovata... mi sa che è da prendere con le pinze (come tutto ciò che riguarda sto decreto, purtroppo e per fortuna!)
      • Anonimo scrive:
        Re: Stranezze di key4biz
        questi prima mettono una cosa e poi la tolgono.... e non è la prima volta che lo fanno.... lo han fatto pure col titolo di un altro servizio sulla CArlucci
  • Anonimo scrive:
    finalmente niente più pirateria
    finalmente grazie ministro urbani che ai portato un pò di legalità sul web visto che ultimamente era pieno di pirati che scaricavano gratis il sudore degli artisti senza pagare una lira.grazie ministro urbani grazie.
    • TPK scrive:
      Re: finalmente niente più pirateria
      Si scrive hai portato.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 23.33-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: finalmente niente più pirateria
      ignorante impara l'italiano, seconda media............
  • Anonimo scrive:
    Secondo i DS e' FURTO
    L'on. Carlucci è intervenuta per dire che il decreto non usa taleespressione, ed io ho risposto che avevo sentito personalmente ilministro Urbani usarla in televisione. A questo punto l'on. Chiaromonteè intervenuta dicendo che comunque si trattava di un furto ed io horibattuto che il parallelo con i pirati non regge in quanto nel nostrocaso non viene perpetrato un furto, visto che la risorsa copiata non èsottratta ne deturpata dalla copia. L'on. Chiaromonte ha replicatodicendomi che di furto si tratta, visto che viene sottratta la proprietàintellettuale, ed io le ho risposto che per quanto ne sapevo taleespressione non aveva un corrispettivo giuridico, ma era solo un modo didire.
    • Anonimo scrive:
      Re: Secondo i DS e' FURTO
      ciao,la stessa cosa l'ho appena scitta nel post sotto.......allora non ho interpretato male.... (o per lo meno da solo)
      • Anonimo scrive:
        Re: Secondo i DS e' FURTO
        - Scritto da: Anonimo
        ciao,
        la stessa cosa l'ho appena scitta nel post
        sotto.......
        allora non ho interpretato male.... (o per
        lo meno da solo)E' quello che si dice, magari qualcuno ha interesse a far trapelare il contrario, ma teniamo tutti presente cosa dicono DAVVERO questi
  • Anonimo scrive:
    Audizioni pro forma
    Ovvioarrivano ora perche' senno' come fanno?C'e' voluta la petizione per fargli capire che dovevano ascoltare la gente. E ora fingono di farlo.Sospendo ogni giudizio fino a quando faranno un nuovo testo. Ma sono sicuro che ci sara' da ridere.Non facciamoci tutti prendere in giro pero'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Audizioni pro forma
      - Scritto da: Anonimo
      Ovvio
      arrivano ora perche' senno' come fanno?
      C'e' voluta la petizione per fargli capire
      che dovevano ascoltare la gente. E ora
      fingono di farlo.
      Sospendo ogni giudizio fino a quando faranno
      un nuovo testo. Ma sono sicuro che ci sara'
      da ridere.Se non fossi italiano e le cretinate di Urbani & co. non avessero effetto su di me ma solo nel paese dei balocchi forse avrei voglia di ridere anche io, purtroppo invece a me viene da piangere! :'(
  • Anonimo scrive:
    DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
    ?Il nuovo testo del decreto antipirateria che il governo porterà alla discussione dell?Aula il prossimo 19 di aprile rappresenta una vittoria per i Democratici di Sinistra. La riformulazione non prevedrà le sanzioni destinate agli utenti di Internet che scambiano file per uso privato, sarà allineata alle norme europee e riguarderà tutte le opere protette dal diritto di autore? ? è quanto l?on. Franca Chiaromonte ha dichiarato a Key4biz.it - ?Il governo, dopo il ritiro delle pregiudiziali di costituzionalità da noi presentato ha eliminato, infatti, il comma 2 che prevedeva pene pecuniarie fino a 1500 euro a chi effettua il così detto file-sharing. A fronte delle rassicurazioni e dell?impegno assunto dal Governo sul decreto ? ha sottolineato Franca Chiaromonte - restano da chiarire ancora alcuni aspetti. In particolare i temi che riguardano le funzioni di controllo attribuite ai providers?.
    • zibo scrive:
      Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
      - Scritto da: Anonimo
      ?Il nuovo testo del decreto antipirateria
      che il governo porterà alla
      discussione dell?Aula il prossimo 19 di
      aprile rappresenta una vittoria per i
      Democratici di Sinistra. La riformulazione
      non prevedrà le sanzioni destinate
      agli utenti di Internet che scambiano file
      per uso privato, sarà allineata alle
      norme europee e riguarderà tutte le
      opere protette dal diritto di autore? ?
      è quanto l?on. Franca Chiaromonte ha
      dichiarato a Key4biz.it - ?Il governo, dopo
      il ritiro delle pregiudiziali di
      costituzionalità da noi presentato ha
      eliminato, infatti, il comma 2 che prevedeva
      pene pecuniarie fino a 1500 euro a chi
      effettua il così detto file-sharing.
      A fronte delle rassicurazioni e dell?impegno
      assunto dal Governo sul decreto ? ha
      sottolineato Franca Chiaromonte - restano da
      chiarire ancora alcuni aspetti. In
      particolare i temi che riguardano le
      funzioni di controllo attribuite ai
      providers?.
      hai per caso un link per vedere se c'è altro? grazie
      • Anonimo scrive:
        Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
        Si, vai sulla homepage di www.Key4biz.it, li ci sono queste ed altre dichiarazioni
        • Anonimo scrive:
          leggi qui
          Quelli riportano la roba per meta', leggiti questa cosa di ASSOLI invece per capire cosa pensano i ds------------Lunedì pomeriggio sono intervenuto a nome di Assoli nell'ambito delle audizioni in merito al Decreto "Misure di contrasto alla diffusione telematica abusiva di opere cinematografice ed assimilate".Nel 'lotto' di interventi dove ho partecipato erano rappresentate le seguenti associazioni: Adiconsum, AltroConsumo, UnaRete ed Assoli, più un'altra di cui non ho capito il nome.In particolare mi ha colpito l'intervento di AltroConsumo, nella persona di Marco Pierani, che ha fatto un intervento lungo, preciso ed efficace affrontando tutti gli aspetti che ruotano attorno alla questione (norme europee, presunta incostituzionalità, etc), sollecitando l'onorevole Franca Chiaromonte (DS) sulla necessità di prendere una posizione "senza se e senza ma".La Carlucci nel corso del dibattito ha spiegato la sua posizione, che però non verrà raccolta dall'attuale decreto come lei ha tenuto a precisare, circa l'ipotesi di far pagare i supporti, fornendo esempi di altri casi analoghi (lettori vhs, cd, etc).Circa il carattere di urgenze del provvedimento la spiegazione fornita è stata che il fenomeno della condivisione illecita di file audiovisivi ha avuto un'impennata da quando si è diffusa la disponibilità di connettività a larga banda.Di seguito l'intervento:L'Associazione Software Libero si occupa di promuovere e diffondere il Software Libero, altrimenti detto Open Source.Questa premessa per spiegare qual'è il punto di vista dell'associazione in merito al decreto.Internet infatti si è sviluppata utilizzando protocolli di comunicazione "end-to-end", cioè con una architettura direte che non consentiva ai provider di impedire l'erogazione di contenuti o servizi.In questo modo attraverso la rete gli utenti hanno cooperato creando programmi liberi, dando vita ad ideeed applicazioni cui tutti potevano accedere; quando utilizziamo la posta elettronica quasi sicuramente la nostra email passa da un server di posta open source, come quando navighiamo nella quasi totalità dei casi il Web Server cui stiamo accedendo è basato su software libero, la stessa esistenza di Linux non sarebbe stata possibile senza Internet. Questo per ribadire che la rete non è un disvalore, ed il fatto che sia "incontrollabile" come ha detto giustamente l'on. Carlucci, ha permesso che utenti e programmatori sviluppassero e condividessero risorse comuni, accessibili a tutti.Noi riteniamo che questo valore, rappresentato dalle comunità di utenti che attraverso il peer-to-peer scambiano file, comunicano e condividono informazioni, permetta di sviluppare e condividere conoscenza.Le reti di computer sono divenute vere e proprie "reti sociali", dove l'individuo trova sostegno, informazioni e senso di appartenenza, e noi riteniamo che, come dimostrano alcuni studi condotti, il rapporto tra le comunità di utenti che scambiano file audiovisivi o musicali e i detentori dei diritti di sfruttamento commerciale di tali opere possa essere quello un "gioco a somma positiva", dove non c'è un solo vincitore, ma entrambi i soggetti hanno vantaggi.Infatti nei gruppi di interesse il valore scambiato, la conoscenza, diventa uno strumento di marketing, attraverso il quale gli artisti si fanno conoscere da nuovi utenti, aumentano la loro esternalità ed attraggono nuovi acquirenti.Se guardiamo al caso dell'iniziativa itune della Apple, vediamo che l'offerta può ricavarsi nuovi spazi propriosulla rete, veicolando commercialmente i propri prodotti proprio laddove è possibile trovare le stesse risorse gratuitamente (ma non senza "costi" quali il tempo per necessario per il reperimento dellarisorsa, i rischi associati, etc).A nostro giudizio esistono quindi i presupposti perché possano coesistere queste due 'anime' della rete, quella aperta alla condivisione di informazioni e allo sviluppo della conoscenza, e quella commerciale, che individua nuove forme e modalità di vendere i propri prodotti.Con l'occasione vi pregheremmo di non utilizzare il termine "pirateria", ma "copia illecita" o "violazione del diritto d'autore", visto che quell'espressione suggerisce un'immagine troppo forte che non corrisponde al reato.La definizione originale dell'espressione, dello storico Plutarco, riguardava coloro che attaccavano senza autorità legalenavi mercantili e città marittime, laddove nel gergo comune si fa riferimento al pirata della strada per indicare chi magari investe qualcuno e fugge, ma dal momento che non chiamiamo 'corsaro delle fotocopisterie' chi fotocopia un libro, non si capisce perché dovremmo usare questo termine.L'on. Carlucci è intervenuta per dire che il decreto non usa tale espressione, ed io ho risposto che avevo sentito personalmente il ministro Urbani usarla in televisione. A questo punto l'on. Chiaromonte è intervenuta dicendo che comunque si trattava di un furto ed io ho ribattuto che il parallelo con i pirati non regge in quanto nel nostro caso non viene perpetrato un furto, visto che la risorsa copiata non è sottratta ne deturpata dalla copia. L'on. Chiaromonte ha replicato dicendomi che di furto si tratta, visto che viene sottratta la proprietà intellettuale, ed io le ho risposto che per quanto ne sapevo tale espressione non aveva un corrispettivo giuridico, ma era solo un modo di dire.L'on. Chiaromonte ha concluso ricordando che comunque di reato si tratta, ed io ho convenuto chiarendo che in nessun modo stavo sostenendo il contrario, l'enfasi era tutta sull'utilizzo di termini che non criminalizzino la violazione del diritto d'autore come se si trattase di omicidi o razzie.
          • Anonimo scrive:
            Re: leggi qui
            Solo x farti notare che quella è una dichiarazione di OGGI dell'onorevole Chiaromonte, così come riportato dal sito key4biz... A seguito e a commento della notizia di poche ore fa di Bruxelles.... dunque notizia fresca.....
          • Anonimo scrive:
            Re: leggi qui
            - Scritto da: Anonimo
            Quelli riportano la roba per meta', leggiti
            questa cosa di ASSOLI invece per capire cosa
            pensano i ds

            io ho convenuto chiarendo che in
            nessun modo stavo sostenendo
            il contrario, l'enfasi era tutta
            sull'utilizzo di termini che non
            criminalizzino la violazione del diritto
            d'autore come se si trattase di
            omicidi o razzie.
            Grande!!! Gliele ha cantate in faccia!Era ora che qualcuno parlasse chiaro.Basta confonderci con ladri e mafiosi.Noi siamo persone oneste, non facciamo male a nessuno, non facciamo danni, non facciamo niente di immorale.
    • Anonimo scrive:
      Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
      Nuova sta notizia eh?:S
    • Anonimo scrive:
      Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
      - Scritto da: Anonimo
      ?Il nuovo testo del decreto antipirateria
      che il governo porterà alla
      discussione dell?Aula il prossimo 19 di
      aprile rappresenta una vittoria per i
      Democratici di Sinistra. La riformulazione
      non prevedrà le sanzioni destinate
      agli utenti di Internet che scambiano file
      per uso privato, sarà allineata alle
      norme europee e riguarderà tutte le
      opere protette dal diritto di autore? ?
      è quanto l?on. Franca Chiaromonte ha
      dichiarato a Key4biz.it - ?Il governo, dopo
      il ritiro delle pregiudiziali di
      costituzionalità da noi presentato ha
      eliminato, infatti, il comma 2 che prevedeva
      pene pecuniarie fino a 1500 euro a chi
      effettua il così detto file-sharing.
      A fronte delle rassicurazioni e dell?impegno
      assunto dal Governo sul decreto ? ha
      sottolineato Franca Chiaromonte - restano da
      chiarire ancora alcuni aspetti. In
      particolare i temi che riguardano le
      funzioni di controllo attribuite ai
      providers?.
      Yahoo!!!! Stasera si scarica!E alle prossime elezioni, tutti a votare DS
    • Anonimo scrive:
      Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
      - Scritto da: Anonimo
      ?Il nuovo testo del decreto antipirateria
      che il governo porterà alla
      discussione dell?Aula il prossimo 19 di
      aprile rappresenta una vittoria per i
      Democratici di Sinistra. La riformulazione
      non prevedrà le sanzioni destinate
      agli utenti di Internet che scambiano file
      per uso privato, sarà allineata alle
      norme europee e riguarderà tutte le
      opere protette dal diritto di autore? ?
      è quanto l?on. Franca Chiaromonte ha
      dichiarato a Key4biz.it - ?Il governo, dopo
      il ritiro delle pregiudiziali di
      costituzionalità da noi presentato ha
      eliminato, infatti, il comma 2 che prevedeva
      pene pecuniarie fino a 1500 euro a chi
      effettua il così detto file-sharing.
      A fronte delle rassicurazioni e dell?impegno
      assunto dal Governo sul decreto ? ha
      sottolineato Franca Chiaromonte - restano da
      chiarire ancora alcuni aspetti. In
      particolare i temi che riguardano le
      funzioni di controllo attribuite ai
      providers?.
      si, ma questa è solo una dichiarazione dei DS, Urbani probabilmente non è dello stesso avviso
    • Anonimo scrive:
      Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
      Scusate forse ho capito male, ma da quanto ripostanto dal post sotto intitolato "leggi", non risulta che la DSina si impunta a chiamare il P2P furto??
      • Anonimo scrive:
        Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
        - Scritto da: Anonimo
        Scusate forse ho capito male, ma da quanto
        ripostanto dal post sotto intitolato
        "leggi", non risulta che la DSina si impunta
        a chiamare il P2P furto??purtroppo hai capito benissimo.....
        • Anonimo scrive:
          Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
          Ma scusami, dove hai preso lo stenografico dell'audizione dei rappresentatnti di ASSOLI?!?
    • Anonimo scrive:
      Re: DICHIARAZIONE IMPORTANTE dei DS
      Mezzora fa c'era la notizia di bruxelles e a commento della quale si riportava, tra le altre, l'intervista alla Chiaromonte che dichiarava quello che si legge nel post DICHIARAZIONI IMPORTANTI dei DS...Ora improvvisamente quel pezzo è stato modificato!!!!C'è una diversa dichiarazione della Chiaromonte, e non si fa più cenno ne al testo che andrà il 19 aprile in aula ne alle modifiche.... bah.... strano no?
  • Anonimo scrive:
    no profit?
    se io accantono, per rischio della attivita', una cifra pari a 1500 euro vendendo sw scaricato con p2p non faccio utile e quindi non scarico a fine di lucro (come le aziende no profit: no utile e' diverso da no ricavi).che ne dite si puo'?
    • TPK scrive:
      Re: no profit?
      Cambia pusher.
    • nefasto scrive:
      Re: no profit?
      - Scritto da: Anonimo
      se io accantono, per rischio della
      attivita', una cifra pari a 1500 euro
      vendendo sw scaricato con p2p o accattoni o vendi deciditiaccattonare--
      chiedere elemosine vendere--
      cedere una cosa dietro corrispettivose vendi sei un Pirata vero e proprio. Se ti vede la finanza manco si commuove visto che non sei un immigrato e ti sbattono dentro veloce :D
  • Anonimo scrive:
    come per il falso in bilancio ...
    ... la soluzione è "depenalizzare".chiaro no ?:@
  • TADsince1995 scrive:
    Re: il futuro tecnologico italiano

    Scritto da un graphics programmer che non
    trova in Italia una azienda come si deve in
    cui lavorare e crescere come game
    programmer. Ma perchè usare per forza appellativi in inglese!!??! Non potevi scrivere "Programmatore grafico"? L'inglese non fa fico!!! ;)Cmq condivido in pieno il tuo pensiero e la tua frustrazione, io ho programmato videogiochi ed effetti grafici in asm (AMIGA e PC) da quando andavo alle medie fino ad oggi e qui in italia non vedo aziende che vadano oltre le solite Web Agency o fabbriche di gestionali in Visual Basic. Che tristezza...TAD Un ex scener...
    • Anonimo scrive:
      Re: il futuro tecnologico italiano
      allora mi capisci. Uso i termini in inglese perchè tanto in Italia non esiste come lavoro:'(Se penso che la maggior parte dei paesi industriali hanno almeno una azienda produttrice di videogiochi e qui in Italia neanche a parlarne mi viene la tristezza.
      • Ekleptical scrive:
        Re: il futuro tecnologico italiano

        Se penso che la maggior parte dei paesi
        industriali hanno almeno una azienda
        produttrice di videogiochi e qui in Italia
        neanche a parlarne mi viene la tristezza. Scusa la provocazione, ma se sei il primo che i giochi li scopiazza scaricandoli dal p2p, poi pretendi anche che ci siano ditte floride che possano assumerti?
  • Anonimo scrive:
    Una pietra sopra
    Sono stanco di sentir parlare di scrocconi e quant?altro, di ferrari da rubare e che la musica non è il pane e se ne può fare a meno. Sono stufo, voglio metterci una pietra sopra con quanto segue. Magari non ci riesco, non sono per il p2p a prescindere da tutto, ma allo stato attuale delle cose mi sento di stare con il p2p. Magari sarò smentito....Voglio partire dal presupposto che mettendo in relazione gli utenti del p2p, le major e chi controlla i diritti d?autore, non si debba pensare a due ambiti distinti ma a fenomeni che si creano di conseguenza.Faccio un semplice esempio: se subisco un furto non sarò proprio contento di andarmi a ricomprare il maltolto, quindi di sicuro se ho la possibilità di braccare il rapinatore con la refurtiva lo faccio sicuramente. Non si possono distinguere i due eventi: io vengo rapinato e, conseguentemente a questo, posso trovarmi nella situazione di riavere il maltolto oppure di rimetter mano al portafoglio; fatto quest?ultimo che non si porrebbe nel momento in cui il rapinatore non si intromettesse nella mia vita.Parlando di dischi e p2p si commette sempre un errore fondamentale. Non si può pensare alle major che vengono derubate. E? come se si invertisse la catena di eventi che creano una situazione; è come se colpendo il rapinatore per recuperare la mia roba venissi a mia volta accusato di essere un ladro. Questo mi sembra un fatto, io compro dischi da quando avevo 12 anni (ora ne ho 24) e i prezzi erano e sono rimasti folli, soprattutto come per chi come me è patito di musica. Posso senz?altro dire di essere stato derubato in tutti questi anni...e la cosa continua. Non ho voglia che mi venga detto: ?questa è una tua opinione, una tua sensazione?. Per evitare questo ho fatto una piccola comparazione di prezzi tra amazon.com e un sito italiano molto ben fornito (oltretutto un sito segnalato da Ekleptycal!). Il risultato è disarmante e evidente. Segnalo solo una cosa che mi da fastidio (oltre al prezzo in se che anche in America, a parte per Sting, dovrebbe essere ritoccato verso il basso), ovvero che oltretutto in America c?è una certa omogeneità tra artisti minori e grandi star ma a volte, come dovrebbe essere, i dischi di chi vende milioni di copie costano meno. In Italia questo non avviene, Sting e un artista culto come Michael Hedges costano uguali! Ma dove sta la logica di questo se non in politiche deliberatamente mirate al furto? Damien Rice "0"Usa: 13,49$ http://www.amazon.com/exec/obidos/tg/stores/artist/glance/-/249014/ref=pd_ap_gut/103-1326753-8127003 Ita: 19,50?http://www.fandangomusicshop.net/catalog/product_info.php?art=damien+rice&select=artist&products_id=962016 Sting "Sacred Love"Usa: 9,99$ (!!!!)http://www.amazon.com/exec/obidos/ASIN/B0000C23DP/qid=1081250959/sr=2-1/ref=sr_2_1/103-1326753-8127003 Ita: 20,26?http://www.fandangomusicshop.net/catalog/product_info.php?art=sting&select=artist&products_id=972426 David Bowie "Reality"Usa: 13,99$http://www.amazon.com/exec/obidos/ASIN/B0000AR8NK/qid=1081251092/sr=2-2/ref=sr_2_2/103-1326753-8127003 Ita: 14,66?http://www.fandangomusicshop.net/catalog/product_info.php?art=david+bowie&select=artist&products_id=953296 Chris Whitley (andiamo sul complicato!) "Hotel Vast Horizon"Usa: 14,99$http://www.amazon.com/exec/obidos/ASIN/B0000AVT9Q/qid=1081251223/sr=2-1/ref=sr_2_1/103-1326753-8127003 Ita: 16,77?http://www.fandangomusicshop.net/catalog/product_info.php?art=chris+whitley&select=artist&products_id=265948 John Gorka "Old FUtures Gone"Usa: 13,99http://www.amazon.com/exec/obidos/ASIN/B0000BWVOP/qid=1081251486/sr=2-1/ref=sr_2_1/103-1326753-8127003 Ita: 19,27?http://www.fandangomusicshop.net/catalog/product_info.php?art=john+gorka&select=artist&products_id=975710 Dave Matthews Band "Busted Stuff"Usa: 14,99http://www.amazon.com/exec/obidos/tg/detail/-/B00006696R/qid=1081251594/sr=1-5/ref=sr_1_5/103-1326753-8127003?v=glance&s=music Ita: 20,28http://www.fandangomusicshop.net/catalog/product_info.php?art=dave+matthews+band&select=artist&products_id=286880 Michael Hedges "Torched"Usa: 16,98http://www.amazon.com/exec/obidos/tg/detail/-/B00000HZOK/qid=1081251710/sr=1-11/ref=sr_1_11/103-1326753-8127003?v=glance&s=music Ita: 20,90http://www.fandangomusicshop.net/catalog/product_info.php?art=michael+hedges&select=artist&products_id=661710Quindi come si può accusare l?utente p2p amante della musica di essere un ladro? Ma facciamo due conti, se tutti i dischi costassero 9,99$ (circa 8? con il cambio attuale Euro Dollaro), cosa evidentemente possibile visto che appartiene al mondo reale e posso acquistare un disco recente a quel prezzo, un patito di musica spendendo 160? al mese 10 anni accumulerebbe 2000 dischi....un patito sentirebbe sicuramente appagata la sua sete di musica e la cifra complessiva potrebbe sicuramente rientrare, seppure di poco, in qualcosa di fattibile per molti (magari rinunciando a qualcosa). Come se non bastasse probabilmente scomparirebbe anche la pirateria e lo scambio di file si limiterebbe solo alle rarità. Ma nella realtà italiana per avere 2000 dischi uno dovrebbe spendere tra 36.000 e 40.000? in dieci anni, la metà di un monolocale in periferia! Qualcosa non va, mi pare evidente.E che dire di chi non potrebbe permettirsi i cd nemmeno a 8?? E giusto che debba accedere alla musica con il contagoccie (e non parliamo della radio per favore)? Un?ultima considerazione. Fin qui non si è parlato di macchine o vestiti firmati....ma di arte, se non la si vuole classificare come linfa vitale è un problema ulteriore. Avere accesso alla cultura dovrebbe essere qualcosa di acquisito, che tutti dovrebbero poter fare....non dico senza guadagno, anzi, ma purchè il guadagno sia ragionevole visto il campo di cui si occupa e nella realtà non lo è di certo. Con tutti i settori in cui si può guadagnare milioni di euro (per chi avesse queste inclinazioni e capacità ovviamente), perchè bisogna infestare anche ciò che riguarda la parte più nobile dell?uomo (ovviamente poi ci sono un sacco di casi in cui la definizione ?artista? stride, ma questo è un altro problema)? Perchè chi cerca di forzare questi limiti imposti dai prezzi deve anche sentirsi chiamare ladro? In definitiva credo che prima di accusare normali cittadini di essere ladri e tentare di reprimere un fenomeno, dovrebbero avvenire le seguenti cose:1. Mea culpa di chi gestisce il mercato discografico.2. Abbassamento dei prezzi3. Repressione della pirateria a fine di lucroFino ad allora che stiano in silenzio....Scusate lo sfogo
    • Kremmerz scrive:
      Re: Una pietra sopra
      Avevo scordato di firmarmi....scusate!
    • Anonimo scrive:
      Re: Una pietra sopra
      ottimo post, interessante e stimolante la tesi del p2p come "reazione" a un precedente furto (i prezzi da ladri dei cd e dvd) !Lo stesso potrebbe dirsi per la reazione alla tassa sui supporti vergini !Però circa le conclusioni, qui sei stato un pò utopista, in quanto al mea culpa di certi dirigenti ingrigiti della major ... caro mio ... rendiamoci conto che abbiamo a che fare con una lobby di cialtroni che anzichè cercare di capire il mercato in cui si muovono e soddisfare il cliente, lo criminalizzano e lo perseguono, limitandone la libertà di fruizione anche di opere regolarmente acquisite, per poi dirgli "beh ? perchè non compri di più ?"
    • Anonimo scrive:
      Re: Una pietra sopra
      Sottoscrivo il tuo messaggio, non sarebbe utopico se nel mondo giustizia, lealtà e onestà avessero un significato..In realtà istituzioni nate con i più nobili scopi come quello di "proteggere" la musica diventano i suoi più avidi aguzzini, e la maggiore spesa serve solo per alimentare se stessa con una pletora di funzionari, più che il suo operato..SalutiStefano
    • CoreDump scrive:
      Re: Una pietra sopra
      Bel post, e aggiungo che se andiavo a vedere i giochi xcomputer il divario aumenta per esempio unreal tournament2004 in italia sta tra i 52 e i 59 euro, in uk puoi trovare laversione a 6cd a 17.99 Sterline e quella in dvd a 25. :@( circa 37 euro )Saluti
      • Kremmerz scrive:
        Re: Una pietra sopra
        Noto che per lo meno nessuno mi si è ancora scagliato addosso....allora riproporrò tutto il post nelle varie occasioni in cui qualcuno si scaglia contro il p2p o criminalizza gli utenti dimenticando questi punti di vista...lo farò fino alla nausea!:)
  • Anonimo scrive:
    E intanto...
    ... la vendita di CD decrese a vista d'occhio, la musica on-line aumente e i pochi che hanno capito il nuovo mercato ci stanno guadagnando...Gli altri affidano le loro sorti a leggi del cavolo che hanno l'unico effetto di favorire il BOICOTTAGGIO...Continuiamo così, li stiamo seppellendo sotto parrecchi palmi di terra :D
  • Anonimo scrive:
    Chi e' senza peccato...
    Tutti che parlano di "chi scarica dal P2P"...Io vorrei sapere chi non lo ha MAI fatto.Lasciando perdere chi esagera (e comunque non fa IMHO danno perche' scarica cose solo per il gusto uin po' infantile di averle), vorrei sapere chi in Italia non si e' mai scaricato qualche canzone...Tutti ora che parlano dei "pirati del Web", ma io ho sempre visto impiegati, studenti, avvocati, proessori unviersitari avere installato uno strumento per il file sharing sul PC...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi e' senza peccato...
      - Scritto da: Anonimo
      Tutti che parlano di "chi scarica dal P2P"...

      Io vorrei sapere chi non lo ha MAI fatto.Ekleptikal, ovviamente!
      Lasciando perdere chi esagera (e comunque
      non fa IMHO danno perche' scarica cose solo
      per il gusto uin po' infantile di averle),
      vorrei sapere chi in Italia non si e' mai
      scaricato qualche canzone...idem.
      • TPK scrive:
        Re: Chi e' senza peccato...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Tutti che parlano di "chi scarica dal
        P2P"...



        Io vorrei sapere chi non lo ha MAI
        fatto.

        Ekleptikal, ovviamente!
        E qui ti sbagli.Te lo puo' confermare lui stesso...
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi e' senza peccato...


          Ekleptikal, ovviamente!



          E qui ti sbagli.
          Te lo puo' confermare lui stesso...nooo! mi è caduto un mito...
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi e' senza peccato...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Tutti che parlano di "chi scarica dal
        P2P"...



        Io vorrei sapere chi non lo ha MAI
        fatto.

        Ekleptikal, ovviamente!errato... in alcuni suoi post dichiara di far uso di sostanze p2panti...ciauz :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi e' senza peccato...
      infatti non è questo il punto, che il p2p sia un fenomeno di massa non ci piove !Fare delle leggi sperando che servano a qualcosa di fronte a un fenomeno del genere è da inetti ... appunto !
  • Anonimo scrive:
    FRRRRRRRRRRRRRRR!!
    Senti come viaggiano i bit con il p2p ...FRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!C'è una corrente dentro questa stanza....FRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!Alla faccia di moralisti e benpensanti!!FRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!
    • Anonimo scrive:
      Re: FRRRRRRRRRRRRRRR!!
      - Scritto da: Anonimo
      Senti come viaggiano i bit con il p2p ...
      FRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!

      C'è una corrente dentro questa
      stanza....
      FRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!

      Alla faccia di moralisti e benpensanti!!
      FRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!ROTFL
  • Anonimo scrive:
    Urbani..urbani...
    volevi mettercelo nel c... =o( ( |ma mi sa che te lo sei preso tu: 12:18 «Il decreto Urbani viola la Direttiva Ue sulla Trasparenza» La denuncia, presentata alla Commissione europea, recherebbe la firma di un'associazione di settoreBRUXELLES, 7 apr - Il provvedimento voluto da Urbani contro la pirateria cinematografica via internet viola la Direttiva 98/34 sulla Trasparenza. La denuncia, arrivata sul tavolo della Commissione europea, recita: «Le norme nazionali sarebbero state adottate senza rispettare la procedura stabilita dalla Direttiva, che obbliga gli Stati a notificare i progetti delle regolamentazioni tecniche relative ai prodotti e ai servizi della società dell'informazione alla Commissione e agli altri Stati membri prima che queste siano adottate nelle legislazioni nazionali».Chi ha preso visione della denuncia, ha rivelato che questa sarebbe stata presentata da «un'associazione di settore» che, a margine delle motivazioni, ha anche avanzato una precisa richiesta alla Commissione: se la Direttiva non è stata rispettata, sarà necessario aprire una procedura d'infrazione e si dovrà invitare il governo italiano a ritirare il decreto. (News2000)
  • Anonimo scrive:
    domandina
    Scusate ma anche se dovesse essere modificato o eliminato l'articolo che punisce il dwl ad uso personale che succederà cmq per chi fa upl non a scopo di lucro o meglio condivide?Sappiamo benissimo che il P2P senza la condivisione di file non può vivere ..e non è giusto scaricare senza dare niente in cambio.......Qualcuno gentilmente potrebbe spiegarmi magari nei post indietro c'è qualcosa ma non ho avuto occasione di leggere :(Grazie Grazie:)
    • Anonimo scrive:
      Re: domandina
      FRRRRRRRRRRRRRRRRR!!Succede che se qualcuno mi denuncia in sede civile e penale gli faccio un c^Lo così..........Ora riprendo il download....FRRRRRRRRRRRRRSalut
      • Anonimo scrive:
        Re: domandina
        - Scritto da: Anonimo
        FRRRRRRRRRRRRRRRRR!!

        Succede che se qualcuno mi denuncia in sede
        civile e penale gli faccio un c^Lo
        così..........

        Ora riprendo il download....FRRRRRRRRRRRRR

        SalutLOL.....grazie per la chiarezza;)
        • Anonimo scrive:
          Re: domandina
          un pò lunghina come risposta, ma forse ne vale la pena leggerla ;-) :http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=1509
          • Anonimo scrive:
            Re: domandina
            - Scritto da: Anonimo
            un pò lunghina come risposta, ma
            forse ne vale la pena leggerla ;) :

            www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=Negrazie mille :)
  • Anonimo scrive:
    Problema
    Finalmente forse hanno risolto questo scempio eliminando tutto ma cmq il fatto ke sia stato concepito un decreto ke viola tutto ciò ke nn dovrebbe violare mi fa pensare male. Ok abbiamo sentito Sgarbi e Carlucci parlare cosi bene ma kiediamoci una cosa:ke Sgarbi ce l'ha sempre avuta con Urbani lo si sapeva già ma la Carlucci ke è della stessa fazione di Urbani xkè ha cantato contro di lui ? E soprattutto la formulazione del decreto cosi in fretta e furia (e male) nn sarà servito solo x far fottere dalla paura tutti quelli ke come noi fanno un uso del pc come pozzo da cui attingere di tutto ?E se è così xkè e a ke pro ?La progressiva dimezzazione delle fonti sul mulo a ki cavolo sono servite ?Io sono convinto ke il decreto è stato fatto solo x favorire le adesioni a rosso alice infatti il decreto è uscito nei giorni del lancio e sono convinto ke loro sapevano ke dopo due o tre mesi l'avrebbero dovuto cancellare xkè inutile.Sono sempre stato convinto ke nn sarebbe mai successo nulla a noi utenti ma rendiamoci conto ke se qualsiasi governo ha fatto una cosa del genere x ME nn merita di essere votato poi d'altronde questo rimane solo una mia considerazione personale e niente più
    • Anonimo scrive:
      Re: Problema
      - Scritto da: Anonimo
      Finalmente forse hanno risolto questo
      scempio eliminando tutto ma cmq il fatto ke
      sia stato concepito un decreto ke viola
      tutto ciò ke nn dovrebbe violare mi
      fa pensare male. Ok abbiamo sentito Sgarbi e
      Carlucci parlare cosi bene ma kiediamoci una
      cosa:
      ke Sgarbi ce l'ha sempre avuta con Urbani lo
      si sapeva già ma la Carlucci ke
      è della stessa fazione di Urbani
      xkè ha cantato contro di lui ?
      E soprattutto la formulazione del decreto
      cosi in fretta e furia (e male) nn
      sarà servito solo x far fottere dalla
      paura tutti quelli ke come noi fanno un uso
      del pc come pozzo da cui attingere di tutto
      ?
      E se è così xkè e a ke
      pro ?
      La progressiva dimezzazione delle fonti sul
      mulo a ki cavolo sono servite ?

      Io sono convinto ke il decreto è
      stato fatto solo x favorire le adesioni a
      rosso alice infatti il decreto è
      uscito nei giorni del lancio e sono convinto
      ke loro sapevano ke dopo due o tre mesi
      l'avrebbero dovuto cancellare xkè
      inutile.
      Sono sempre stato convinto ke nn sarebbe mai
      successo nulla a noi utenti ma rendiamoci
      conto ke se qualsiasi governo ha fatto una
      cosa del genere x ME nn merita di essere
      votato poi d'altronde questo rimane solo una
      mia considerazione personale e niente
      piùHumm la tua osservazione è interessante. In effetti Telecom Italia e le Major hanno tutto l'interesse in un sistema come ROSSOALICE perfettamente sotto controllo e dove paghi anche l'aria che respiri. Le Major per ogni brano scaricato e Telecom per il canone ADSL di ALICE se no il giochino non funziona.
  • Anonimo scrive:
    ma oltre a scaricare
    tutto il giorno come dei forsennati fate anche altro nella vita?leggendo questi post ho l'impressione che per voi l'universo sia una variabile del sommo ptp.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma oltre a scaricare
      - Scritto da: Anonimo
      tutto il giorno come dei forsennati fate
      anche altro nella vita?
      leggendo questi post ho l'impressione che
      per voi l'universo sia una variabile del
      sommo ptp.Ad esempio ci faciamo i c..i nostri, cosa che tu sembri non aver ancora capito del tutto come si fa! :-P
      • Anonimo scrive:
        Re: ma oltre a scaricare
        non sono l'autore del primo post ma tu mi sembri il bamboccio che ha scritto cil posto "ti amo p2p".....ossia una persona piccola piccola povera di argomentazioni
        • Anonimo scrive:
          Re: ma oltre a scaricare
        • Anonimo scrive:
          Re: ma oltre a scaricare
          Sta zitta!(troll)
          • Anonimo scrive:
            Re: ma oltre a scaricare
            ma le vostre argomentazioni finiscono sempre per colpire berlusconi o per dire che chi la pensa diversamente da voi non capisce niente??chi ha scritto p2p ti amo se pensa davvero quello che ha scritto (e non credo) farebbe bene a darsi fuocoah scusa.... è vero....non posso dire questo altrimenti da amico del nano mi darete anche del nazzista.....mi dici quante idee prositive e costruttive ci sono nel commento p2p ti amo?io riesco a leggere 2 coseo un sacco di provocazioni giustissime o un sacco di stupidagini
          • Anonimo scrive:
            Re: ma oltre a scaricare
            - Scritto da: Anonimo
            ma le vostre argomentazioni finiscono sempre
            per colpire berlusconi o per dire che chi la
            pensa diversamente da voi non capisce
            niente??
            chi ha scritto p2p ti amo se pensa davvero
            quello che ha scritto (e non credo) farebbe
            bene a darsi fuoco
            ah scusa.... è vero....
            non posso dire questo altrimenti da amico
            del nano mi darete anche del nazzista.....
            mi dici quante idee prositive e costruttive
            ci sono nel commento p2p ti amo?
            io riesco a leggere 2 cose
            o un sacco di provocazioni giustissime o un
            sacco di stupidaginiPer fortuna continua ad esistere la libertà di parola e pensiero perciò uno scrive cosa gli pare...Tu puoi benissimo non leggere quelle che ritieni poco interessanti ....sei LIBERO di farloCome io sono libera di dirti ''Pure questo post non è molto costruttivo non credi?''
          • Anonimo scrive:
            Re: ma oltre a scaricare
            1) Se compro un disco o un film devo essere solo io propretario e libero di farne quello che voglio perchè ho pagato (e anche in modo esagerato).2) I film, la musica ecc ecc fanno parte della cultura ed io, ho diritto di essere colto ma, sono povero o cmq non abbastanza ricco da potermi comprare tutto originali, quindi se tu stato mi impedisci di scaricare via internet, mi impedisci di essere colto, se tu stato mi vuoi ignorante, io ti vengo a mettere le bombe sotto al culo.3) Sicuramente, il modo peggiore di combattere la pirateria, è fare un decreto legge il quale colpisce gli utenti del p2p. Gli utenti del p2p, non compreranno mai cose originali e si rivolgeranno ai venditori ambulanti di materiale contraffatto, rimpinguando le casse della malavita organizzata.4) Volete contrastare la pirateria? fate opere musicali o cinematografiche di valore. Se guardate bene, i film e i dischi che valgono, vendono nonostante il p2p. Abbassate i prezzi : il ragazzino che va a scuola non puo tirare fuori 20 euro per comprarsi un disco(apparte il fatto che anche per chi ha 1 famiglia oggi come oggi è 1 problema tirare fuori certe somme) e a volte costano anche di più.5) Dovete capire che la gente si compra il PC (facendo muovere l'economia di quel settore) e si fà 1 abbonamento adsl flat per avere a disposizione una banda larga 24 su 24, solo perchè esiste il p2p. Credete forse che colpendo il p2p la gente continuerà a pagare un abbonamneto mensile per avere una linea adsl? beh... chiunque lo crede non sta bene di testa. Per l'uso tradizionale del web, è piu che sufficiente il tradizionale collegamento analogico che uno paga solo quando lo utilizza. Per uso tradizionale intendo dire : Posta eletronica; navigazione sui siti preferiti. Morale della favola?semplice.... se rompete le scatole al p2p ci rimetteranno anche i provider perdendo molti miliardi e il nostro stato, farà un bel passo tecnologico indietro.
          • Anonimo scrive:
            Re: ma oltre a scaricare
            ma che sei la reincarnazione di "cechevara"?1) Se compro un disco o un film.....--- anche io ho dei coltelli a casa, delle forbici e altre armi improprie. se usate correttamente non fanno male a nessuno ed è lecito possederle.....(provocazione)sai quel'è il problema? mi sono antipatici gli extracomunitari..... che faccio??2)I film, la musica ecc ecc fanno parte della cultura...--- anche io ho la passione per i paesi esotici e per scoprire le loro culture, anche a me lo stato dovrebbe permettermi di sequestrare un aereo per andarvici a scrocco così come vorresti fare te col p2p.Le bombe le hanno messe negli anni 70 in Italia e hanno solo peggiorato la situazione. ma forse sei troppo piccolo per saperle certe cose.3)Sicuramente, il modo peggiore di combattere...---- ma lo sai che hai ragione? non si combatte così la pirateria. tanto c'è gente come te che non vuole MAI pagare. liberizziamo oltre che il p2p anche il mercato della droga e delle armi.... tanto c'è gente che le compra lostesso illegalmente.4)Volete contrastare la pirateria? fate ....--- questo lo condivido. ma smettiamola con i discorsi ipocriti del ragazzino senza soldi o di quello che non arriva a fine mese e che quindi nn può comprarsi un cd e magari compra 3 stecche di sigarette al mese.....5) Dovete capire che la gente si compra il PC.....scusa ma il ragazzino qui sopra non dicevi che non aveva una lira e che la famiglia stenta ad arrivare a fine mese? da dove tira fuori 1000 euri per un pc e 40 euri per l'adsl + altri per supporti di salvataggio..... sai quanti cd può comprarsi al mese con 40 euro? almeno 2 e se sa scegliere bene anche 4conclusionedai ammettilo sei solo uno scroccone e vorresti essere autorizzato a scroccare e niente +almeno ammettilo
          • Anonimo scrive:
            Re: ma oltre a scaricare
            se comperate un opera in dvd o in cd essa vi viene data in licenza d'uso finchè la casa proprietaria non vi invita a restituirglielo o a distruggerlo. Queste prerogative se le sono messe per iscritto nelle condizioni di licenza se non sbaglio, e mi sembrano clausole vessatorie.Questo significa che i dvd che acquistiamo e a che prezzi non sono nostri ma ce li possono togliere quando vogliono.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma oltre a scaricare
          - Scritto da: Anonimo
          non sono l'autore del primo post ma tu mi
          sembri il bamboccio che ha scritto cil posto
          "ti amo p2p".....
          ossia una persona piccola piccola povera di
          argomentazioniMancato!Sparare nel mucchio non funziona quasi mai! pensare invece si! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: ma oltre a scaricare
      - Scritto da: Anonimo
      tutto il giorno come dei forsennati fate
      anche altro nella vita?
      leggendo questi post ho l'impressione che
      per voi l'universo sia una variabile del
      sommo ptp.Beh...sai...avere 10 interessi al posto di uno secondo me non puo' fare altro che farti crescere culturalmente di piu' (logicamente se segui bene questi interessi).Personalmente il P2P non e' un interesse specifico, ma aiuta a coltivare i miei interessi che sono Cinema, Musica, SOftware, Computer, Internet, mettiamoci Politica, Informazione, Cultura) tutto fatto grazie alla grande rete tra le tue mura domestiche (e mentre lavoro=ottimizzazione del tempo)...poi alle 18 si stacca e si coltivano altri interessi (amore, sesso, amici, cene, fumate, bevute, ballate), poi per chi come me riesce a dormire poco c'e' anche la notte in cui per esempio vedere un film. Ci tengo a dire che in poche righe ti ho riassunto cio' che davvero faccio.Certamente non posso darti torto sul fatto che per alcuni il downalod e' uno "scaricamento passivo", per "accumulare roba", magari fatto da chi non ha amici, ragazza o particolari interessi, e anche in questo caso non so se vederla una cosa negativa o in parte positiva, visto che anche questi grazie al P2P e alla rete possono crescere culturalmente e avere la possibilita' di "provare" un confronto ed un rapporto umano nella speranza di poter proiettare poi tutti al mondo "di fuori" :)
      • Anonimo scrive:
        Re: ma oltre a scaricare
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        tutto il giorno come dei forsennati fate

        anche altro nella vita?

        leggendo questi post ho l'impressione
        che

        per voi l'universo sia una variabile del

        sommo ptp.

        Beh...sai...avere 10 interessi al posto di
        uno secondo me non puo' fare altro che farti
        crescere culturalmente di piu' (logicamente
        se segui bene questi interessi).
        Personalmente il P2P non e' un interesse
        specifico, ma aiuta a coltivare i miei
        interessi che sono Cinema, Musica, SOftware,
        Computer, Internet, mettiamoci Politica,
        Informazione, Cultura) tutto fatto grazie
        alla grande rete tra le tue mura domestiche
        (e mentre lavoro=ottimizzazione del
        tempo)...poi alle 18 si stacca e si
        coltivano altri interessi (amore, sesso,
        amici, cene, fumate, bevute, ballate), poi
        per chi come me riesce a dormire poco c'e'
        anche la notte in cui per esempio vedere un
        film. Ci tengo a dire che in poche righe ti
        ho riassunto cio' che davvero faccio.
        Certamente non posso darti torto sul fatto
        che per alcuni il downalod e' uno
        "scaricamento passivo", per "accumulare
        roba", magari fatto da chi non ha amici,
        ragazza o particolari interessi, e anche in
        questo caso non so se vederla una cosa
        negativa o in parte positiva, visto che
        anche questi grazie al P2P e alla rete
        possono crescere culturalmente e avere la
        possibilita' di "provare" un confronto ed un
        rapporto umano nella speranza di poter
        proiettare poi tutti al mondo "di fuori" :)mi pare una risposta equilibrata.l'unica, il che non fa che confermare i miei dubbi a proposito degli scariconi.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma oltre a scaricare
      Il P2P non è solo scaricare... è l'essenza di internet... una evoluzione formidabile rispetto alla classica pagina WEB e CHAT
      • Anonimo scrive:
        Re: ma oltre a scaricare
        L'ESSENZA DI INTERNET?ecco qui un altro filosofo che vuole giustificare il suo essere scroccone
    • Anonimo scrive:
      Re: ma oltre a scaricare
      - Scritto da: Anonimo
      tutto il giorno come dei forsennati fate
      anche altro nella vita?si, anche perchè una volta impostati i download (e non ci si impiega poi molto) il sistema fa tutto in automatico... ogni tanto un controllino di ciò che ho scaricato e poi via, a fare tante altre belle cose :)
      leggendo questi post ho l'impressione che
      per voi l'universo sia una variabile del
      sommo ptp.e io leggendo il tuo post ho avuto l'impressione che tu sia uno dei tanti che parlano senza conoscere il P2P.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Non avete ancora capito niente...
    - Scritto da: Anonimo
    Alle aziende di Berlusconi certo non servono
    le sovvenzioni statali, ad altri
    probabilmente sì, così come a
    gente infima come Urbani che ruotano attorno
    a Berlusconi solo per frodare i cittadini !Infatti quelle aziende per esistere hanno avuto bisogno di un decreto legge (salva Tv) perchè per legge erano illegali.Le aziende del Berlusca usano le frequenze televisive che sono beni di proprietà dello Stato.Più sovvenzioni di così si muore.Il cinema non è solo industria (se fosse così ha ragione Eptikal o come diavolo si chiama a chiamarvi ladri quando scaricate con il P2P) e mi rifiuto di pensare che debbano essere prodotti solo i film che hanno le caratteristiche adatte per essere trasmessi in televisione.
  • Anonimo scrive:
    leggete un po'...
    http://news2000.libero.it/primopiano/pp4402.htmlfinalmente questo scempio di decreto sarà conosciuto in europa...
    • Anonimo scrive:
      Re: leggete un po'...
      ahiiiiiii......interviene mamma europa......bene
      • Anonimo scrive:
        Re: leggete un po'...
        - Scritto da: Anonimo
        ahiiiiiii......
        interviene mamma europa......
        beneBeh..per una volta credo che possa fare cosa buona cazziando Urbani e ritirando interamente il decreto che e' ridicolo dal primo all'ultimo articolo
    • Anonimo scrive:
      Re: leggete un po'...
      - Scritto da: Anonimo
      news2000.libero.it/primopiano/pp4402.html


      finalmente questo scempio di decreto
      sarà conosciuto in europa...ma sti parlamentari prima di sparare fuori decreti nn si possono documentare un pò?!?!bha.....
      • Anonimo scrive:
        Re: leggete un po'...
        per la verità la cosa mi sembrava ( e doveva essere) scontata...Mi domandavo quand'è che qualcuno avrebbe segnalato che il decreto Urbani violava la direttiva europea.
      • Anonimo scrive:
        Re: leggete un po'...
        infatti... Urbani ha dimostrato di nn essere un parlamentare maun parolaio di bassa lega
    • Anonimo scrive:
      Re: leggete un po'...
      - Scritto da: Anonimo
      news2000.libero.it/primopiano/pp4402.html


      finalmente questo scempio di decreto
      sarà conosciuto in europa...BRAVO!! Ottimo intervento
  • Anonimo scrive:
    P2P TI AMO...
    Come amo scaricare tramite P2P, questo è il vero mondo on-demand, inserire la parola chiave, aspettare qualche secondo, ed ecco tutto quello che voglio, in pochi minuti, sul mio bel pc, gratis, senza rischi di nessun tipo, tanto riusciremo sempre a trovare il sistema per fottere tutto e tutti, come amo fottere il prossimo, le major, i negozi di dischi, le videoteche, i centri commerciali, i negozi di software, i negozi di videogiochi, i programmatori, le software house e chi piu' ne ha piu' ne metta!!!P2P TI AMO !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: P2P TI AMO...
      - Scritto da: Anonimo
      Come amo scaricare tramite P2P, questo
      è il vero mondo on-demand, inserire
      la parola chiave, aspettare qualche secondo,
      ed ecco tutto quello che voglio, in pochi
      minuti, sul mio bel pc, gratis, Prova a inserire "cervello" come chiave di ricerca
      • Anonimo scrive:
        Re: P2P TI AMO...
        che sei un cinematografaro?
      • Anonimo scrive:
        Re: P2P TI AMO...
        bella e pronta risposta, la fantasia proprio non ti manca, certo che lo capiva anche un bambino che la mia voleva essere solo una provocazione esagerata...
        • Anonimo scrive:
          Re: P2P TI AMO...
          - Scritto da: Anonimo
          bella e pronta risposta, la fantasia proprio
          non ti manca, certo che lo capiva anche un
          bambino che la mia voleva essere solo una
          provocazione esagerata...L'hanno capito tutti, forse anche chi ti ha risposto.Dal canto mio trovo azzeccato il suo commento alla tua sparata, anche considerandola come tale. Non e' detto cheuna provocazione, solo perché tale, sia necessariamenteintelligente o appropriata. Il problema é serio con torti e ragioni da ambedue le parti,e la tua sparata non mi pare faccia chiarezza sull'argomento.
    • Anonimo scrive:
      Re: P2P TI AMO...
      Anch'io amo il p2p (proprio per i motivi che hai detto all'inizio e per molti altri), e il bello è che non fotto proprio nessuno, mi faccio gli affari miei e non faccio danno, sono altri che vorrebbero fare danno a me, alcuni in buonafede altri no. Il vedere che ci sono persone che non sono in grado di capire questo e che si accaniscono contro il p2p con scuse varie (io nella quasi totalità dei post anti-p2p vedo solo odio, frustrazione, follia, prepotenza, presunzione e altre cose peggiori) mi fa solo passare da una posizone di comodo ad una di principio.
    • Anonimo scrive:
      Re: P2P TI AMO...
      - Scritto da: Anonimo
      Come amo scaricare tramite P2P, questo
      è il vero mondo on-demand, inserire
      la parola chiave, aspettare qualche secondo,
      ed ecco tutto quello che voglio, in pochi
      minuti, sul mio bel pc, gratis, senza rischi
      di nessun tipo, tanto riusciremo sempre a
      trovare il sistema per fottere tutto e
      tutti, come amo fottere il prossimo, le
      major, i negozi di dischi, le videoteche, i
      centri commerciali, i negozi di software, i
      negozi di videogiochi, i programmatori, le
      software house e chi piu' ne ha piu' ne
      metta!!!

      P2P TI AMO !!!OK il P2P è bello però sparare cos'ì a zero non aiuta. Il problema è far in modo che tu continui a scaricare a "gratis" (o tale ti deve sembrare) e anche gli artisti ed editori che ci guadagnino qualcosina e non la valangata dei soldi che vogliono oggi. E' un bene anche per loro cos'ì NON SI DROGANO... NON SI SCOPANO I BAMBINI e si vivono la propria vita PIU' DA PERSONE NORMALI.
    • Anonimo scrive:
      Re: P2P TI AMO...
      Mi sa che non hai capito bene la filosofia del p2p...Ovvero il libero scambio, la diffusione e condivisione della cultura a costo 0 (perche' la cultura non ha prezzo), dalla cretinatina al capolavoro.Tutto a disposizione di tutti.Che poi ci sia risentimento nei confronti delle major e di societa' tipo SIAE, RIAA ecc. e' comprensibile e giustificato, visto il loro modo di operare. Ma questo e' un altro discorso.
  • Anonimo scrive:
    Non vinceranno mai...
    E non perchè le associazioni consumatori ci daranno una mano, perchè ridiscuteranno il ddl urbani o cose del genere, ma semplicemente perchè ci sarà sempre una soluzione tecnica per aggirare tutti quelle protezioni o violazioni della privacy che si stanno susseguendo in questi mesi.Hanno già perso e non lo sanno ancoraInformation wants to be free
  • Anonimo scrive:
    Interessante....
  • Anonimo scrive:
    Re: Non avete ancora capito niente...

    Il cinema va sovvenzionato.
    O vorreste che il settore dipenda
    esclusivamente dalle scelte di Rai e
    Mediaset, aziende ormai nella mani dello
    stesso gruppo di potere ?No, pero' vorrei che i criteri di distribuzione di soldi PUBBLICI fossero un po' piu' "cristallini" e che non venissero sovvenzionate opere che non incassano un soldo.Altrimenti alla favoletta che la rovina del cinema italiano sono quelli che si scaricano i divx con il P2P io non ci credo piu'
    • Anonimo scrive:
      Re: Non avete ancora capito niente...
      - Scritto da: Anonimo


      Il cinema va sovvenzionato.

      O vorreste che il settore dipenda

      esclusivamente dalle scelte di Rai e

      Mediaset, aziende ormai nella mani dello

      stesso gruppo di potere ?

      No, pero' vorrei che i criteri di
      distribuzione di soldi PUBBLICI fossero un
      po' piu' "cristallini" e che non venissero
      sovvenzionate opere che non incassano un
      soldo.

      Altrimenti alla favoletta che la rovina del
      cinema italiano sono quelli che si scaricano
      i divx con il P2P io non ci credo piu'Perché, ora ci credi? :
  • Anonimo scrive:
    Re: Non avete ancora capito niente...
    col decreto urbani a decidere chi deve essere sovvenzionato saranno proprio loro perchè i films dovranno passare obbligatoriamente per i loro circuiti.
  • Anonimo scrive:
    domanda
    se c pensante bene la novita di questo decreto sta nel fatto che i provider devono avere una funzione di controllo.. ma come ha detto rodotà questa funzione è anticostituzionale. quindi penso che l'articolo 1 del decreto venga modificato o cancellato. come è giusto che sia. xke la privacy di una persona deve essere tutelata anche più del copyright.
    • Anonimo scrive:
      Re: domanda
      d'accordo!
      • Anonimo scrive:
        Re: domanda
        e' sufficiente questo. Da fuori è difficile monitorare il traffico e quindi stiamo apposto con qualche software adhoc
        • Anonimo scrive:
          Re: domanda
          infatti....quindi tutti preoccupati x nulla...:)nn si puo far passare un decreto a legge nel quale c è un articolo incostituzionale... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: domanda
      - Scritto da: Anonimo
      xke la privacy di una persona deve essere
      tutelata anche più del copyright.Sante parole. Il rispetto delle leggi sulla privacy deve essere mantenuto anche se sospettati dei crimini più feroci e fino a che un magistrato disponga il contrario. Lasciamo sognare pure la RIIA di avere carta bianca su perquisizioni, monitoraggi invasivi, intercettazioni telefoniche, etc. facendosi scudo con "il fine giustifica i mezzi".
  • Anonimo scrive:
    in definitiva....
    si può scaricare tranquillamente o no?
    • Anonimo scrive:
      Re: in definitiva....
      nessuno dira' mai pubblicamente di si...
    • Anonimo scrive:
      Re: in definitiva....
      - Scritto da: Anonimo
      si può scaricare tranquillamente o no?Non hai capito un accidente.Questo decreto non riguarda la possibilità di scaricare o meno film, musica e altri file protetti da copyright.La riproduzione illecita di materiale protetto era vietata già prima, con una legge che risale niente di meno che al 1941, quindi vedi di farti un caffettino.Questo decreto mina la libertà di parola e la privacy, eleggendo gli internet provider a censori e delatori, delegando questa materia investigativa alla DIGOS, etc.Quello che devi chiederti quindi è: siamo ancora in un paese libero o no? E la rete rimarrà un mondo end-to-end o no?
      • Anonimo scrive:
        Re: in definitiva....
        Ascolta:)Penso che sia difficile che si mettano a cercare qualcuno che scarica quando l'orientamento è quello di non sanzionare il download domesticoTuttavia.....potrebbero sempre pescarti fra i tantil a reazione così anche per vedere qual'è la reazione generaleil decreto finchè non è modificato e convertito in legge è vigente....almeno secondo me,per quello che ho capito Aspetta ancora qualche tempo che le cose si evolvanoCiao:)
      • Anonimo scrive:
        Re: in definitiva....
  • nefasto scrive:
    L'industria delle idee
    "L'industria delle idee, della quale Microsoft è un importante protagonista, sta conducendo una colossale operazione di marketing tesa a omologare comportamenti, desideri, decisioni di spesa. La società dell'informazione si rivela sempre più un mercato globale in cui si devono comprare film, videogiochi e canzonette attraverso qualsiasi strumento, dal PC al telefonino. Opportune azioni di lobbying cercano di blindare il sistema, fino all'incredibile "decreto Urbani", che prospetta contro il mercato illegale del software l'impiego delle strutture dedicate alla difesa dello Stato e alla lotta contro il terrorismo "tratto dahttp://www.interlex.it/attualit/ms_monti.htm==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 12.07.11
    • Anonimo scrive:
      Re: L'industria delle idee
      terrorismo?sono diventati pazzi questiokkio gente!
      • ryoga scrive:
        Re: L'industria delle idee
        di che ti stupisci?Realmente pensavi che la lotta al "terrorismo" era rivolta contro Bin Laden ed i suoi seguaci?Veramente pensavi che tutti gli investimenti fatti per "spiare" e "controllare" le comunicazioni su internet erano state fatte per evitare attacchi da parte di Bin Laden e company?Se era realmente quello il loro obiettivo, avrebbero potuto risolvere il tutto con un paio di bombe nucleari e metter fine a qualsiasi "ramo" di Al Qaeda.Il reale obbiettivo dei politici, e' quello di monitorare tutta la popolazione e combattere qualsiasi forma di "illegalita'" ( dietro sovvenzioni da parte delle industrie) :'(
        • Anonimo scrive:
          Re: L'industria delle idee
          Le verità sono altre signori cari.I politici non stanno facendo altro che dare l'ultima zampata per fregare i 4 spiccioli nelle tasche dei lavoratori per poter Godere (e di cosa poi.. mah), sfruttando il fantasma di "Bin Laden" per mantenere tutti nella paura.Una buona cosa sarebbe vedere il Film "1984" di Orwell, il quale, descrive in modo chiaro come vanno queste cose.
          • nefasto scrive:
            Re: L'industria delle idee

            Una buona cosa sarebbe vedere il Film "1984"
            di Orwell, il quale, descrive in modo chiaro
            come vanno queste cose.D'accordissimo ma magari leggiamo pure un pochetto perchè queste trasposizioni su grande schermo chi ci garantisce che non siano state anche minimamente censurate.1984 narra un mondo formato da tre grandi blocchi geopolitici sempre in lotta fra loro. Una guerra cominciata senza una vera causa apparente. In questi blocchi in nome della repressione dei sovversivi è interdetta ogni libertà. Ma il vero scopo della guerra e consumare gli arsnali delle potenzee soggiogare le rispettive popolazioni dietro all'cchio vigile del Grande fratello.Orwell pensava che tutto cio' si sarebbe verificato nel 1984 ma tutto sommato ha sbagliato di una 15ina d'anni.Bin Laden è sicuramente un pazzo ma a volte mi sembra il nemico giusto per un blocco socio-economico che aspira a governare il Mondo.
          • Anonimo scrive:
            Re: L'industria delle idee
            Aspetta che me lo scarico...FRRRRRRRRRRRSenti i byte come viaggiano?!?!?FRRRRRRRRRRR
  • ryoga scrive:
    Io dico.....
    che e' tutto uno schifo.........Ministri che pensano a far regali a mogli ( o fidanzate ) altrimenti quella lo molla e va con un uomo vero...........Politici che "tentano" di trovare soluzioni offrendo idee improponibili e inapplicabili...........Aziende che prendono soldi dallo Stato senza produrre nulla e dopo aver dichiarato fallimento riaprono con altre denominazioni e ri-prendono altri finanziamenti...........Multinazionali che gridano alla bancarotta pur ottenendo diversi milioni di euro da opere pubblicate per la prima volta piu' di 20 anni fa..........Artisti che piangono miseria e poi li vedi in giro col ferrarino o con vestiti del valore del mio immobile.........Aziende che falsificano documenti e truffano milioni di persone tra azionisti e piccoli risparmiatori............Dipendenti Statali che si assegnano da soli lo stipendio, o in caso di impossibilità, si inventano parenti e simili a proprio carico per percepire piu' soldi......Insomma un sistema economico estremamente corrottoe nessuno che difende ...."gli interessi degli italiani" :(Quanto durera' quest'incubo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Io dico.....
      - Scritto da: ryoga
      che e' tutto uno schifo.....

      ....Ministri che pensano a far regali a
      mogli ( o fidanzate ) altrimenti quella lo
      molla e va con un uomo vero.......

      ....Politici che "tentano" di trovare
      soluzioni offrendo idee improponibili e
      inapplicabili.......

      ....Aziende che prendono soldi dallo Stato
      senza produrre nulla e dopo aver dichiarato
      fallimento riaprono con altre denominazioni
      e ri-prendono altri finanziamenti.......

      ....Multinazionali che gridano alla
      bancarotta pur ottenendo diversi milioni di
      euro da opere pubblicate per la prima volta
      piu' di 20 anni fa.....

      .....Artisti che piangono miseria e poi li
      vedi in giro col ferrarino o con vestiti del
      valore del mio immobile.....

      ....Aziende che falsificano documenti e
      truffano milioni di persone tra azionisti e
      piccoli risparmiatori.......

      .....Dipendenti Statali che si assegnano da
      soli lo stipendio, o in caso di
      impossibilità, si inventano parenti e
      simili a proprio carico per percepire piu'
      soldi......

      Insomma un sistema economico estremamente
      corrotto
      e nessuno che difende ...."gli interessi
      degli italiani" :(

      Quanto durera' quest'incubo?Ancora poco credo, siamo gia' a un punto di non ritorno.Io non voglio essere governato da questi ladri, non lo riconosco come persone oneste e disinteressate, e come me ce ne sono a migliaia.
    • nefasto scrive:
      Re: Io dico.....
      Vorrei contraddirti.Ma è tutto vero.L'unica nostra arma sono i nostri acquisti. Siamo schiavi con la licenza di comprare cose (spesso frivole e inutili)Occorrerebbe un sito autorevole che con molti suoi iscritti formasse un forte veicolo delle nostre idee e invitasse un numero ingente di persone a boicottare un prodotto in senso lato (economico, politico, culturale) specifico (non genericamente gli acquisti rendendo la cosa inattuabile) per esercitare pressioni su media, multinazionali e governi.Ovviamente la cosa dovrebbe essere trasversale e non politicizzata in una direzione o nell'altra perchè gli internettiani non sono di Destra (povero Spaventa se leggesse questo nome applicato alle categorie di oggi) o di Sinistra (non faccio commenti sono all'opposizione). Anche perchè ritengo che la vera pecca della Democrazia sia di mandare al potere le persone intelligenti di una parte politica INSIEME a quelle stupide, invece di mandare al potere la parte intelligente del Paese di uno e dell'altro schieramento. Questa concezione può essere vista come meritocratica ma è inegabile che sul carro dei vincitori per effetto del maggior numero di eletti salgano personalità prive di qualità.Non sta a me dire chi merita e chi non merita perchè obtorto collo la democrazia nel suo rivolgersi al popolo è per ora l'unica strada perseguibile.Tuttavia voi come me avrete amici di Destra e di Sinistra e non è che vi scanniate per ogni cosa ma riuscite a trovare punti d'incontro. E' sotto gli occhi di tutti che la Politica di oggi si incontra solo nell'interesse economico dei Potenti o produce solo scontro. Internet può essere il posto dell'impossibile dove gli opposti si incontrano e vince la gente.Rimango in attesa di chi con con più esperienza di me in campo informatico fosse interessato a questo genere di iniziative.N.B.: non mi voglio candidare a nessuna carica ;)==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 11.54.04
      • Anonimo scrive:
        Re: Io dico.....
        Concordo con voi....purtroppo (o per fortuna) il diritto di voto....è un'arma a doppio taglio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io dico.....
        - Scritto da: nefasto
        Vorrei contraddirti.
        Ma è tutto vero.

        L'unica nostra arma sono i nostri acquisti.
        Siamo schiavi con la licenza di comprare
        cose (spesso frivole e inutili)

        Occorrerebbe un sito autorevole che con
        molti suoi iscritti formasse un forte
        veicolo delle nostre idee e invitasse un
        numero ingente di persone a boicottare un
        prodotto in senso lato (economico, politico,
        culturale) specifico (non genericamente gli
        acquisti rendendo la cosa inattuabile) per
        esercitare pressioni su media,
        multinazionali e governi.
        Ovviamente la cosa dovrebbe essere
        trasversale e non politicizzata in una
        direzione o nell'altra perchè gli
        internettiani non sono di Destra (povero
        Spaventa se leggesse questo nome applicato
        alle categorie di oggi) o di Sinistra (non
        faccio commenti sono all'opposizione). Anche
        perchè ritengo che la vera pecca
        della Democrazia sia di mandare al potere le
        persone intelligenti di una parte politica
        INSIEME a quelle stupide, invece di mandare
        al potere la parte intelligente del Paese di
        uno e dell'altro schieramento. Questa
        concezione può essere vista come
        meritocratica ma è inegabile che sul
        carro dei vincitori per effetto del maggior
        numero di eletti salgano personalità
        prive di qualità.
        Non sta a me dire chi merita e chi non
        merita perchè obtorto collo la
        democrazia nel suo rivolgersi al popolo
        è per ora l'unica strada
        perseguibile.
        Tuttavia voi come me avrete amici di Destra
        e di Sinistra e non è che vi
        scanniate per ogni cosa ma riuscite a
        trovare punti d'incontro. E' sotto gli occhi
        di tutti che la Politica di oggi si incontra
        solo nell'interesse economico dei Potenti o
        produce solo scontro.
        Internet può essere il posto
        dell'impossibile dove gli opposti si
        incontrano e vince la gente.
        Rimango in attesa di chi con con più
        esperienza di me in campo informatico fosse
        interessato a questo genere di iniziative.

        N.B.: non mi voglio candidare a nessuna
        carica ;)
        Ti quoto in pieno
        ==================================
        Modificato dall'autore il 07/04/2004 11.54.04
      • ryoga scrive:
        Re: Io dico.....
        - Scritto da: nefasto
        Vorrei contraddirti.
        Ma è tutto vero.

        L'unica nostra arma sono i nostri acquisti.Purtroppo sono un'arma a doppio taglio.Se smettiamo di spendere per un prodotto, la societa' va allo Stato e richiede un'intervento ( monetario o legislativo ) per imporre gli stessi guadagni dell'anno precedente anche nel periodo in corso, altrimenti minaccia di licenziare migliaia di persone.......
        Siamo schiavi con la licenza di comprare
        cose (spesso frivole e inutili)Queste cose sono la nostra droga.Spesso e volentieri facciamo 1 anno di sacrifici per trascorrere 10 giorni all'estero in crociera, oppure paghiamo l'abbonamento ADSL e tagliamo sulle uscite serali, oppure paghiamo la tv satellitare e rinunciamo all'acquisto di un buon libro..... ne siamo contenti cosi....e' la nostra droga.
        Occorrerebbe un sito autorevole che con
        molti suoi iscritti formasse un forte
        veicolo delle nostre idee e invitasse un
        numero ingente di persone a boicottare un
        prodotto in senso lato (economico, politico,
        culturale) specifico (non genericamente gli
        acquisti rendendo la cosa inattuabile) per
        esercitare pressioni su media,
        multinazionali e governi.Verrebbe nel giro di pochi mesi, sequestrato dalle forze dell'ordine come sito sovversivo....
        Ovviamente la cosa dovrebbe essere
        trasversale e non politicizzataIo in questo periodo ho capito una cosa.... i politici sono solo attori di una telenovela....non si odiano, si scambiano favori, ci illudono di essere "nemici" per alternarsi al governo e scambiarsi i favori di volta in volta.... il sistema e' marcio ( purtroppo ) e andrebbe totalmente sostituito in maniera integrale ( cosa inattuabile purtroppo ).
        Anche
        perchè ritengo che la vera pecca
        della Democrazia sia di mandare al potere le
        persone intelligenti di una parte politica
        INSIEME a quelle stupide, invece di mandare
        al potere la parte intelligente del Paese di
        uno e dell'altro schieramento. Questa
        concezione può essere vista come
        meritocratica ma è inegabile che sul
        carro dei vincitori per effetto del maggior
        numero di eletti salgano personalità
        prive di qualità.Infatti al governo dovrebbero esserci le + alte autorita' nei specifici campi....e non un'accozzaglia di gente pronta a sputar sentenze su campi di cui non ne conosceva neanche l'esistenza.
        Internet può essere il posto
        dell'impossibile dove gli opposti si
        incontrano e vince la gente.Internet e' destinata a soccombere.Tra quanto tempo e' difficile dirlo perche' ci sono persone che cercano giorno per giorno, di rendere la privacy sicura ( e dall'altra parte ci son persone che tentano di violare la privacy ).Quando queste persone ( le prime ) si stuferanno di combattere contro le spie dei governi, internet sara' identica al box interattivo che sta spuntando in questi giorni nelle case degli italiani.
        Rimango in attesa di chi con con più
        esperienza di me in campo informatico fosse
        interessato a questo genere di iniziative.Una comunita' non e' difficile da realizzarla, ma verrebbe chiusa immediatamente non appena andra' a toccare gli interessi dei potenti.*rassegnato*
        • nefasto scrive:
          Re: Io dico.....
          - Scritto da: ryoga
          Se smettiamo di spendere per un prodotto, la
          societa' va allo Stato e richiede
          un'intervento ( monetario o legislativo )
          per imporre gli stessi guadagni dell'anno
          precedente anche nel periodo in corso,
          altrimenti minaccia di licenziare migliaia
          di persone....... Puo darsi che lo stato non possa fare sempre finta di niente e dare finanziamenti a pioggia
          Queste cose sono la nostra droga.
          Spesso e volentieri facciamo 1 anno di
          sacrifici per trascorrere 10 giorni
          all'estero in crociera, oppure paghiamo
          l'abbonamento ADSL e tagliamo sulle uscite
          serali, oppure paghiamo la tv satellitare e
          rinunciamo all'acquisto di un buon
          libro..... ne siamo contenti cosi....e' la
          nostra droga.Ho detto di fare dei boicottaggi temporanei e limitati mica di barricarsi in casa
          Verrebbe nel giro di pochi mesi, sequestrato
          dalle forze dell'ordine come sito
          sovversivo....non se ci fossero persone autorevoli coinvolte come Studi Legali, artisti indipendenti e milioni di user
          Io in questo periodo ho capito una cosa....
          i politici sono solo attori di una
          telenovela....non si odiano, si scambiano
          favori, ci illudono di essere "nemici" per
          alternarsi al governo e scambiarsi i favori
          di volta in volta.... il sistema e' marcio (
          purtroppo ) e andrebbe totalmente sostituito
          in maniera integrale ( cosa inattuabile
          purtroppo ).vero e vanno sostituiti con frequenza
          Infatti al governo dovrebbero esserci le +
          alte autorita' nei specifici campi....e non
          un'accozzaglia di gente pronta a sputar
          sentenze su campi di cui non ne conosceva
          neanche l'esistenza.sfondi una porta aperta
          Internet e' destinata a soccombere.
          Tra quanto tempo e' difficile dirlo perche'
          ci sono persone che cercano giorno per
          giorno, di rendere la privacy sicura ( e
          dall'altra parte ci son persone che tentano
          di violare la privacy ).
          Quando queste persone ( le prime ) si
          stuferanno di combattere contro le spie dei
          governi, internet sara' identica al box
          interattivo che sta spuntando in questi
          giorni nelle case degli italiani.non ho la palla di vetro ma non mi sembra di vedere una rassegnazione da parte della comunità degli sviluppatori di software libero
          Una comunita' non e' difficile da
          realizzarla, ma verrebbe chiusa
          immediatamente non appena andra' a toccare
          gli interessi dei potenti.

          *rassegnato*Se un uomo non ha voglia di combattere per le proprie idee o non valgono niente le sue idee o non vale niente luiIo credo in te come persona per il semplice fatto che ti firmi e dici la tuaN.B.: La discussione si sta allargando dal p2p (che solo la punta di un iceberg) alle potenzialità di Internet che rischia di essere frenata dalle lobby. La gente attraverso Internet se non si limita a usarla per scaricare filmetti e canzonette da 4 soldi cresce e questo spaventa non poco.
          • ryoga scrive:
            Re: Io dico.....
            - Scritto da: nefasto

            - Scritto da: ryoga
            Puo darsi che lo stato non possa fare sempre
            finta di niente e dare finanziamenti a
            pioggia Quindi soldi miei anche se non ho comprato il bene "da boicottare"
            Ho detto di fare dei boicottaggi temporanei
            e limitati mica di barricarsi in casama purtroppo gli italiani pensano sempre " io sono solo 1....non fa nulla se io lo compro....ci sono gli altri 100.000 che boicottano" e alla fine nessuno boicotta.P.s. : l'ultimo cd acquistato da me risale a 8 anni fa.

            Verrebbe nel giro di pochi mesi,
            sequestrato

            dalle forze dell'ordine come sito

            sovversivo....
            non se ci fossero persone autorevoli
            coinvolte come Studi Legali, artisti
            indipendenti e milioni di user la vedo difficile.....
            vero e vanno sostituiti con frequenzada altri "senza precedenti" e non un'alternanza ( oggi Berlusconi domani Prodi e poi ricominciare da Berlusconi )
            non ho la palla di vetro ma non mi sembra di
            vedere una rassegnazione da parte della
            comunità degli sviluppatori di
            software libero Lo spero vivamente

            *rassegnato*

            Se un uomo non ha voglia di combattere per
            le proprie idee o non valgono niente le sue
            idee o non vale niente luicombattere? l'unico modo di combattere questa "guerra", qui in Italia non verra' mai attuata."Sogno" la rivoluzione del popolo, ma il popolo italiano non e' stato mai capace a fare 1 rivoluzione. Siamo piu' bravi a sottostare a chi ci comanda ( la storia ce lo insegna.....)
            Io credo in te come persona per il semplice
            fatto che ti firmi e dici la tua:) Pero' se grido "Rivoluzione" finisco in galera e non mi va :)
            N.B.: La discussione si sta allargando dal
            p2p (che solo la punta di un iceberg) alle
            potenzialità di Internet che rischia
            di essere frenata dalle lobby. Infatti il ministro Urbani ha commesso un errore madornale.Colpire i "civili" per punire i "pirati" (chi ci lucra).E la popolazione ora si sta unendo ( in maniera goffa ) in un movimento che puo' portare al mio sogno.*incrocio le dita*
  • Anonimo scrive:
    Re: il futuro tecnologico italiano
    sacrosanto. :|bobomallo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
    quindi??
    • Anonimo scrive:
      Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
      Quindi usatelo, se pensate che vi possa servire.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
        - Scritto da: Anonimo
        Quindi usatelo, se pensate che vi possa
        servire.Come si usa?!Non sopporto che sti delinquenti continuamente girano per i nostri computer violando la legge e nessuno se ne frega..
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Anonimo

          Quindi usatelo, se pensate che vi possa

          servire.

          Come si usa?!
          Non sopporto che sti delinquenti
          continuamente girano per i nostri computer
          violando la legge e nessuno se ne frega..è una specie di firewall che preleva automaticamente delle blacklist di IP...quelli di RIAA ad esempio e subito lo blocca impedendo ai solerti spioni di sapere cosa stai scaricando in quel momento... ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
            come funziona? Qualcuno l'ha provato?
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
            - Scritto da: Anonimo
            come funziona? Qualcuno l'ha provato?funziona , funziona
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            come funziona? Qualcuno l'ha provato?

            funziona , funzionaSì, va bene, ma non penso che il sistema di bloccare certi IP (quelli degli spioni riaa mpaa siae ecc.) sia molto utile: se fossi uno spione utilizzerei magari il pc di mia zia o mi appoggerei a qualche servizio di proxy.
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
            Quegli indirizzi sono però effettivamente di proprietà delle varie riia, siae ecc, quindi bloccarli male non fa.Inoltre se usassero solo l'indirizzo della zia, come si spiega che spesso prprio da quegli indirizzi arrivano ripetuti tentativi di connessione?
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
            - Scritto da: Anonimo
            Quegli indirizzi sono però
            effettivamente di proprietà delle
            varie riia, siae ecc, quindi bloccarli male
            non fa.
            Inoltre se usassero solo l'indirizzo della
            zia, come si spiega che spesso prprio da
            quegli indirizzi arrivano ripetuti tentativi
            di connessione?SI..ma nella pratica...come li blocco? dove inserisco sti cosi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
            Funziona bene, usa la stessa block list di peer guardian ma al contrario non pesa ne sulle prestazioni ne ciuccia banda in quanto non si installa come software ma come driver.Un mio grazie va a tutti i programmatori che come nel caso di Protowall, peer guardian e altri software free si sbattono anche per noi senza chiedere mai un soldo....
          • Anonimo scrive:
            Re: Nuova protezione anti-RIAA ecc ???
            Si potrebbe sapere come si usa?Grazie
  • nefasto scrive:
    Re: Non avete ancora capito niente...
    Probabilmente hai ragione sulle sovvenzioni al nostro scadente Cinema.Tuttavia se si molla sul fatto che internet sia monitorata pesantemente (e lo è grazie a quella feccia umana che sono i pedofili) è il primo passo verso 1984 di Orwell. E a pagarne saranno tutti non solo quelli che fanno p2p.Inoltre con la lotta al file sharing si vorrebbe punirte pesantemente utenti che pur producendo un danno a multinazionali del cinema e della musica fanno girare un economia che è quella della banda larga e della tecnologia (supporti CD-DVD, PC, ecc.) e quindi portano molti soldi attraverso IVA e tasse su supporti SIAE allo Stato e agli stessi autori.Va inoltre fatto un cenno alla portata di questo dannoun utente medio con la 640 (per non parlare di uno con Fastweb) può scaricare molta roba. Ma potrebbe mai permettersi di acquistare 4-5 film a settimana?La crisi del cinema deriva da tanti fattori1. cattiva qualità dei prodotti (Il signore degli anelli insegna che per un film bello non ci sono problemi)2. Home video (dopo poche settimane è possibile noleggiare il film)3. Allegati su giornali (a prezzi interessanti dopo un periodo relativamente lungo il film è venduto con riviste)4. Pay-TV (il film viene trasmesso criptato dopo pochi mesi)5. Rai - Mediaset (il film viene trasmesso in chiaro)Prima del p2p, che esiste da pochi anni, il Cinema era in grave crisi ora forse Internet gli da la mazzata finale. Ma crediamo che l'insuccesso dei mediocri dipenda dal p2p?Esistono prove di film scaricatissimi in rete che non hanno avuto un riscontro di presenze enorme anche in sala?==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 11.18.20==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 11.18.57
  • Ekleptical scrive:
    Re: il futuro tecnologico italiano

    otteniamo un settore che
    perderà di nuovi esperti che non
    possono nascere con i corsi da 30 ore che ci
    propinano e quindi un altro settore in cui
    l'Italia resta indietro. Meglio. E' tutto tempo perso. Il settore sarà totalmente in mano indiana nei prossimi anni. Non c'è nessun valore aggiunto che l'occidente possa citare a suo vantaggio.Puntare sul software è una strategia completamente suicida.
    • Anonimo scrive:
      Re: il futuro tecnologico italiano
      - Scritto da: Ekleptical

      Meglio. E' tutto tempo perso. Il settore
      sarà totalmente in mano indiana nei
      prossimi anni. Non c'è nessun valore
      aggiunto che l'occidente possa citare a suo
      vantaggio.

      Puntare sul software è una strategia
      completamente suicida.scusa..ma l'India che c'entra?????
      • Anonimo scrive:
        Re: il futuro tecnologico italiano
        Ma lascialo perdere, lo sai che lui non dirà mai che il p2p serve a qualcosa (in più cerca di smontare di proposito ogni affermazione in questo senso).In ogni caso, purtroppo le cose non vanno mai nel modo più ragionevole..il che significa danni per il p2p senza i vantaggi sperati dagli anti p2p.
      • Ekleptical scrive:
        Re: il futuro tecnologico italiano


        Puntare sul software è una
        strategia

        completamente suicida.

        scusa..ma l'India che c'entra?????E', secondo tutti gli analisti, il futuro centro mondiale del software. Molte aziende stanno sbaraccando i programmatori in occidente per trasferirili in India e limitrofi.Costano poco e non hanno niente da invidiare ai programmatori occidentali, anzi!Per questo il settore software va abbandonato strategicamente. Non esiste nessun motivo per scegliere un programmatore occidentale rispetto ad un indiano, che può competere sul prezzo.Quindi il p2p in funzione "culturale" per imparare un lavoro, proposto dal post, è tutto tempo perso.==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 11.36.47
        • ryoga scrive:
          Re: il futuro tecnologico italiano
          - Scritto da: Ekleptical


          Puntare sul software è una

          strategia


          completamente suicida.



          scusa..ma l'India che c'entra?????

          E', secondo tutti gli analisti, il futuro
          centro mondiale del software.Salve, io sono Bill Gates..... :D :D :DMa da quali analisti vai?
          Molte aziende
          stanno sbaraccando i programmatori in
          occidente per trasferirili in India e
          limitrofi.Don't worry, sono azienducole che chiuderanno molto presto i battenti
          Costano poco e non hanno niente da invidiare
          ai programmatori occidentali, anzi!Beh....hai ragione....OGGI costano poco ( anzi pochissimo ), ma c'e' un problema....se la domanda e' eccessiva, i prezzi aumentano fino a stabilire un rapporto domande/offerta adeguato.Cosa significa cio'? Che gli indiani, non sono un popolo particolarmente "esperto" di computer etc.etc. ( non hanno doti innate ) e quindi il costo di un programmatore indiano, nel giro di pochi mesi dal "boom" sara' uguale a quello di un programmatore italiano.
          Per questo il settore software va
          abbandonato strategicamente. Non esiste
          nessun motivo per scegliere un programmatore
          occidentale rispetto ad un indiano, che
          può competere sul prezzo.Oggi...ma se gia' inizi domani, ti conviene prendere l'italiano che puo' offrirti una serie di servizi aggiunti che l'indiano non puo'.
          Quindi il p2p in funzione "culturale" per
          imparare un lavoro, proposto dal post,
          è tutto tempo perso.Il tempo non e' mai perso quando si impara qualcosa.....ricordaloCiao
          • Ekleptical scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano

            Don't worry, sono azienducole che
            chiuderanno molto presto i battentiTipo Siemens e Oracle?
            Beh....hai ragione....OGGI costano poco (
            anzi pochissimo ), ma c'e' un problema....se
            la domanda e' eccessiva, i prezzi aumentano
            fino a stabilire un rapporto domande/offerta
            adeguato.Passeranno decenni. Devi rapportare le cose al costo della vita. Un indiano "ricco" (nel senso che può spassarsela, senza troppe preoccupazioni) è monetariamente parlando un barista part-time, da noi. Prima che il livello raggiunga quello occidentale non bastano solo i programmatori, serve che tutta la società si arricchisca. Tempi lunghi.
            Cosa significa cio'? Che gli indiani, non
            sono un popolo particolarmente "esperto" di
            computer etc.etc. ( non hanno doti innate )In verità sì. Gli indiani hanno da sempre fortissime doti innate nella matematica. La scienza dell'ultimo secolo è piena di capoccioni matematici indiani, spesso sfruttati dagli scienziati occidentali!
            Oggi...ma se gia' inizi domani, ti conviene
            prendere l'italiano che puo' offrirti una
            serie di servizi aggiunti che l'indiano non
            puo'.Tipo?
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            gli indiani se sono bravi come dici significa che già ci hanno superato e quindi dobbiamo noi raggiungerli. Per servizi aggiuntivi basta che vai su alcuni siti, es su ATI cerca Jason Mitchel, ricercatore ATI, cerca coloro che sono responsabili dei progetti, cerca i geni come Shigeru Miyamoto (graphics designer e capo di tutti i progetti nintendo). Gli indiani faranno software arretrato ma le nuove tecnologie sono sempre di chi le sviluppano e loro non lo fanno. In Italia sanno fare solo i gestionali e quelli sono programmi stupidi, grazie che un indiano ci mette poco ad imparare. Fagli sviluppare un engine grafico, fagli sviluppare un codec o un programma di alto livello. Mi sà che fate non poca confusione. I veri esperti sono i giapponesi schiacciati da un unico colosso: microsoft, e quindi limitati ai giochi (che sono software ben più complesso)
          • Ekleptical scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano

            Gli indiani
            faranno software arretrato ma le nuove
            tecnologie sono sempre di chi le sviluppano
            e loro non lo fanno.Ma infatti il vantaggio dell'occidente è la Ricerca e Sviluppo.Proprio per questo mi oppongo a tendenze condivisorie che minano alla base l'unica vera forza delle economie occidentali, che si chiami p2p o Open Source. Sono due facce della stessa medaglia suicida!
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            infatti è questo che volevo dire nel post iniziale. I paesi arretrati sono la base di economie basate su prodotti semplici perchè si trova manovalanza a basso prezzo. I software che qualcuno dice facciano sono software di manovalanza e quindi tecnicamente semplici. Ma li sviluppiamo noi i motori di questi software. Quindi noi dobbiamo sviluppare i programmi di domani che poi dopo 5 anni faranno in India a basso prezzo. Un programmatore bravo è più un ricercatore. I lavoretti facili e noiosi si scaricano sempre sul più imbranato dell'azienda che non ha cose serie da fare. Idem in india. Magari li metteranno a fare lavori lunghi e semplici.
          • ryoga scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Ekleptical

            Don't worry, sono azienducole che

            chiuderanno molto presto i battenti

            Tipo Siemens e Oracle?
            Queste sono aziende che possono permettersi *flop* senza aver problemi di sorta.Potrebbero aprire anche in Africa per 10 anni e non ottenere risultati tali da rendere l'azienda sul lastrico.Pero' insieme a loro ci saranno migliaia di aziende che porteranno li i loro project manager, i loro dirigenti etc.etc. che in pratica alzeranno il costo della vita in un batter d'occhio.
            Passeranno decenni. Devi rapportare le cose
            al costo della vita. Un indiano "ricco" (nel
            senso che può spassarsela, senza
            troppe preoccupazioni) è
            monetariamente parlando un barista
            part-time, da noi.Ne passeranno molti di meno. Ti parlo per esperienza diretta.
            Prima che il livello
            raggiunga quello occidentale non bastano
            solo i programmatori, serve che tutta la
            società si arricchisca. Tempi lunghi.Tempi brevi. Sai 5 anni fa quanto guadagnava un programmatore russo? in media 100$ al mese.Sai quanto guadagna oggi? 400$ al mese.Sai quanto guadagnera' tra 2-3 anni? 1100$ al mese.E il programmatore li non e' il piu' ricco del mondo.Semplicemente con l'avvento di aziende occidentali in paesi "poveri", l'intero paese tende a divenire piu' caro perche' i beni cominciano ad essere richiesti e quindi i prezzi possono aumentare. Aumentando i prezzi, vengono a crearsi situazioni di aumento degli stipendi etc.etc. ( e' una catena )....purtroppo solo da noi i prezzi aumentano e gli stipendi no.
            In verità sì. Gli indiani
            hanno da sempre fortissime doti innate nella
            matematica. La scienza dell'ultimo secolo
            è piena di capoccioni matematici
            indiani, spesso sfruttati dagli scienziati
            occidentali!Mah.....io penso che un indiano sia come un italiano o come un americano o un francese. Non e' un alieno in pratica.....

            serie di servizi aggiunti che l'indiano
            non

            puo'.

            Tipo?- Comunicazione ( tu imprenditore, devi dare delle direttive.....ti e' + facile darle ad un italiano che ad un indiano )- Reperibilità ( e' piu' facile che il programmatore italiano venga nel tuo ufficio piuttosto di un indiano )- Contatti col cliente ( l'italiano puo' recarsi dal tuo cliente e risolvergli i problemi o capirne le problematiche. l'indiano non puo' venire un attimo dall'India )- Costi aggiuntivi ( l'italiano lo contatti con 1 telefonata nazionale.... 0.20? max.... l'indiano lo contatti con 1 telefonata internazionale dai 0.80 ai 3? al minuto )......Convenienza...... :)Ti racconto un'esperienza .... andai a fare il colloquio presso un'azienda. il direttore si vantava di avere una serie di programmatori (all'estero )che gli avevano preparato un pacchetto in grado di creare siti web con 1 click ( una sorta di wizard ).....l'intero progetto gli era costato ( a detta sua 2000? ).Ebbene quel prodotto valeva appunto 2000?.....Era una brutta copia di Frontpage con alcune funzionalita' facilmente implementabili.Lui vendeva quel prodotto ai polli ad una cifra tra i 1000 e i 4000? ( a seconda dei servizi attivabili ).Inutile dire che i polli oggi se ne contano in pochi e adesso lui non vende nulla. Magari con un team italiano, il progetto gli sarebbe costato 20.000?, ma poteva avere i programmatori in "sede" e aggiornare di volta in volta i vari servizi rendendo l'applicativo realmente appetibile.Un proverbio cinese dice :*Il risparmio non e' mai guadagno*Forse e' veroCiao
        • Anonimo scrive:
          Re: il futuro tecnologico italiano
        • Anonimo scrive:
          Re: il futuro tecnologico italiano
          - Scritto da: Ekleptical
          E', secondo tutti gli analisti, il futuro
          centro mondiale del software. Molte aziende
          stanno sbaraccando i programmatori in
          occidente per trasferirili in India e
          limitrofi.
          Costano poco e non hanno niente da invidiare
          ai programmatori occidentali, anzi!infatti..lì muoiono di fame per strada, basta che li paghi 10 euro al mese e li sfrutti per benino no????
          Per questo il settore software va
          abbandonato strategicamente. Non esiste
          nessun motivo per scegliere un programmatore
          occidentale rispetto ad un indiano, che
          può competere sul prezzo.come ho detto prima..nessuno dubbio su quello...basta dare loro una ciotola di riso per mangiare e lavorano 25 ore su 24 per noi...
        • Anonimo scrive:
          Re: il futuro tecnologico italiano
          Ciao Ekleptical,vero l'India fra qualche anno sarà il centro di produzione software e non solo quello.....comunque, a parte questo non sono molto d'accordo con quello che dici......ok a te il P2P non va giù, l'abbiamo capito, non credo stu stia simpatico a molti, limitati però almeno a non dire cavolate, altrimenti avrai sempre più gente contro.E' un tuo diritto (e ci mancherebbe altro) esprimere un'opinione, ma almeno dalle un senso, no?Collabora anche tu affinchè il forum sia costruttivo e non un campo di battaglia... vincere o perdere qui non ha effetto sugli eventi esterni.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: il futuro tecnologico italiano
      strano che il software è una scelta suicida, se non vado errando cito una aziendina: ubisoft, 500 milioni a trimestre. E adobe? E microsoft? Nintendo, square soft (final fantasy), konami (metal gear)? Descreet (3Dstudio). Come programmatore riesco ad essere valutato come 20 euro ogni ora. Migliorando si può diventare esperti di 100 euro l'ora. Senza grossi titoli di studio in tutto il mondo si trovano lavori come programmatore. Se sei bravo non ti serve la laurea per entrare. Il software e la progettazione hardware sono i settori di punta affidati agli occidentali. Sono la fabbricazione di pezzi affidati ai paesi asiatici. Attenzione quindi, il tuo bel cellulare è stato programmato da un Giapponese, un americano o comunque da un esperto. Idem il tuo frigorifero (non sai che sono programmati tutti gli elettrodomestici e che java nasce da un linguaggio specifico per questi). Bisogna puntare a sviluppare cose complesse altrimenti il settore finirà in mano a chi ha manodopera a basso prezzo. Dimmi te il settore tecnologico da puntare allora
      • Ekleptical scrive:
        Re: il futuro tecnologico italiano

        esperti di 100 euro l'ora. Senza grossi
        titoli di studio in tutto il mondo si
        trovano lavori come programmatore.Non più.
        Se sei
        bravo non ti serve la laurea per entrare. Il
        software e la progettazione hardware sono i
        settori di punta affidati agli occidentali.Non più.
        Sono la fabbricazione di pezzi affidati ai
        paesi asiatici.Non più.Microsoft e tutta la gente che citi sta appaltando fette sempre più consistenti di lavoro anche programmatorio in India.
        Attenzione quindi, il tuo
        bel cellulare è stato programmato da
        un Giapponese, un americano o comunque da un
        esperto.Non più. Siemens ha annunciato due mesi fa che manda a spasso i suoi 12mila programmatori e trasferisce tutto il settore in Inda. Gli altri seguiranno.Se acquisti un cellulare Siemens l'anno prossimo è più probabile che sia stato programmato a Bangalore che a Stoccarda.Peraltro con la diffusione dell'Open Source la cosa è destinata a peggiorare, visto che per definizione mette in pari tutti.... tranne che per gli stipendi.
        • Anonimo scrive:
          Re: il futuro tecnologico italiano
          - Scritto da: Ekleptical

          Peraltro con la diffusione dell'Open Source
          la cosa è destinata a peggiorare,
          visto che per definizione mette in pari
          tutti.... tranne che per gli stipendi.ah certo che l'open source per le lobby dovrebbe essere una manna per cielo...se fai tutto open source e lo fai fare a programmatori indiani manco c'è biosgno di pagarli... :D;)
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Ekleptical



            Peraltro con la diffusione dell'Open
            Source

            la cosa è destinata a peggiorare,

            visto che per definizione mette in pari

            tutti.... tranne che per gli stipendi.

            ah certo che l'open source per le lobby
            dovrebbe essere una manna per cielo...se fai
            tutto open source e lo fai fare a
            programmatori indiani manco c'è
            biosgno di pagarli... :D;)E pero ti sfugge che a quel punto non ha neppure tanto senso che sino indiani.... non e' che il "gratis" indiano sia piu' "gratis" di quello di un altro paese!Non ti pare di contraddirti un tantinello?E chi ti ha detto che open source = gratis? il lupo? la zia? tuo cuggino? :DIo scrivo open source e guadagno molto piu' di tanti altri che scrivono "closed" secondo te da cosa dipende? :D
          • Ekleptical scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano

            E chi ti ha detto che open source = gratis?
            il lupo? la zia? tuo cuggino? :DInfatti il punto non è che è gratis, ma che è Open. Il valore aggiunto per il quale ti fai pagare è dato dal differenziale tecnologico che metti di tuo.Ora, è del tutto evidente che più la soluzione di partenza è spostata in là ed accessibile a tutti, più il delta si assottiglia e di conseguenza il lavoro è più facile da rimpiazzare.Se devi partire da zero, far fare tutto in India non conviene. Se devi aggiungere il 5%, conviene eccome.
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Ekleptical
            Se devi partire da zero, far fare tutto in
            India non conviene. Se devi aggiungere il
            5%, conviene eccome.Scusa, ma tu hai qualche esperienza di programmazione?No, perche' e' proprio il contrario.O pensi che se mandi il tuo SW che hai li' da cinque anni per un paio di aggiunte, gli indiani riescono a farlo?Visto che non sono stupidi, analizzeranno cosa fa il tuo SW e ti proporrano una reimplementazione ex-novo a costi stracciati (e probabilmente anche meglio ingegnerizzata).
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano

            O pensi che se mandi il tuo SW che hai li'
            da cinque anni per un paio di aggiunte, gli
            indiani riescono a farlo?
            Visto che non sono stupidi, analizzeranno
            cosa fa il tuo SW e ti proporrano una
            reimplementazione ex-novo a costi stracciati
            (e probabilmente anche meglio
            ingegnerizzata).ma sei fuori? posso capire l'analisi ma un software che si trova su un CD sono molte migliaia di pagine di codice. Riscriverlo da zero è una cosa assurda altro che costi. Se fai un software di 1 mega capisco ma, lasciamo perdere. Io comunque lavoro come sviluppatore (non sono quello che ti ha risposto). Prendi il 3DStudio, stanno alla sesta versione che è il primo + le altre versioni. Riscriverlo da capo significa metterci almeno metà del tempo totale (ossia da quanto è uscito il primo). Ammazza che risparmio
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Anonimo
            Riscriverlo da
            zero è una cosa assurda altro che
            costi. Se fai un software di 1 mega capisco
            ma, lasciamo perdere. Io comunque lavoro
            come sviluppatore (non sono quello che ti ha
            risposto).E ti e' mai capitato di prendere in mano del SW scritto alcuni anni prima, magari con una vecchia versione dello strumento di sviluppo utilizzato, che e' stato scritto senza seguire le direttive in vigore attualmente e che, ovviamente, cosi' com'e' non compila affatto?Se avessi avuto un paio di queste istruttive esperienze non troveresti quello che scrivo cosi' assurdo...Inoltre, come aggravante, qui si parla di una ditta _diversa_ da quella che ha scritto il SW in prima battuta... Per ipotesi, gli strumenti di sviluppo a disposizione potrebbero essere completamente diversi e, diciamo cosi', scarsamente compatibili.
            Prendi il 3DStudio, stanno alla
            sesta versione che è il primo + le
            altre versioni. Riscriverlo da capo
            significa metterci almeno metà del
            tempo totale (ossia da quanto è
            uscito il primo).Senza offesa. Ma dubito che ci sia ancora del codice tratto dalla prima versione.Comunque, nel caso degli Indiani, si parla principalmente di SW verticale, appositamente scritto per un'azienda.Per gli Indiani, il fatto di riscrivere il SW significa legare a se' l'impresa che ha commissionato il lavoro, oltre a maggiore facilita' nella manutenzione. Questo giustificherebbe un'investimento di una certa entita' (=
            prezzo stracciato per il committente).
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            si, mi è capitato di prendere mano a programmi vecchi. Se chi li aveva fatti erano stati accorti (I COMMENTI DANNAZIONE USATELI) allora ci ho messo 2 secondi. Se fatti da incapaci ho perso un giorno ad analizzarli, correggerli e a continuare il lavoro (parlo di software di dimensioni medio grandi con diverse implicazioni di fisica dentro). Se avessi voluto scriverlo da zero allora avrei impiegato almeno un semestre prima di iniziare a fare l'aggiunta. Da secoli si insegna l'usabilità. Per 3DStudio tu vedi semplicemente la GUI (la finestra con i bottoni). Chiedigli se le classi per le operazioni booleane tra poligoni le hanno riscritte da zero.La gente accorpa tutto in classi e ha tutto ben a disposizione. Una GUI non è la parte del programma che fa perdere tempo, è il meno.
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Anonimo
            Se fatti da incapaci ho perso un giorno ad
            analizzarli, correggerli e a continuare il
            lavoro (parlo di software di dimensioni
            medio grandi con diverse implicazioni di
            fisica dentro). _1_ giorno? Be' il tuo concetto di medio grande e' diverso dal mio. :D
            Se avessi voluto scriverlo da zero allora
            avrei impiegato almeno un semestre prima di
            iniziare a fare l'aggiunta.Mi sembra di intuire: perche' avrei perso oltre 5 mesi ad implementare cose banali ma comunque necessarie.OK. Ma (per tornare IT) implementare cose banali e' quello che costa meno in India.
            Per 3DStudio tu vedi semplicemente la GUI
            (la finestra con i bottoni). Chiedigli se le
            classi per le operazioni booleane tra
            poligoni le hanno riscritte da zero.Probabilmente no, ma non mi stupirei del contrario.
            La gente accorpa tutto in classi e ha tutto
            ben a disposizione.Si, questa e' la teoria. La pratica ti insegna che alle volte non e' tutto cosi' semplice...
            Una GUI non è la
            parte del programma che fa perdere tempo,
            è il meno.D'accordissimo. I RAD servono a quello.Mi pare pero' che tutto cio' non c'entri molto con il thread...
    • Anonimo scrive:
      Re: il futuro tecnologico italiano
    • Anonimo scrive:
      Re: il futuro tecnologico italiano
      - Scritto da: Ekleptical
      Meglio. E' tutto tempo perso. Il settore
      sarà totalmente in mano indiana nei
      prossimi anni.Gia'. In India stanno arrivando cinesi & co. perche' gli indiani non bastano...
      Puntare sul software è una strategia
      completamente suicida.Non sono convinto. Quando la maggior parte del SW sara' sviluppata in India, gli indiani lo faranno ancora per un pugno di riso?Tra l'altro lo spostare gran parte dello sviluppo SW in un paese straniero non mi sembra strategicamente una buona idea (e' vero che io sostengo che la maggior parte delle aziende americane ha un orizzonte limitatissimo 8) ).
      • Ekleptical scrive:
        Re: il futuro tecnologico italiano

        Non sono convinto. Quando la maggior parte
        del SW sara' sviluppata in India, gli
        indiani lo faranno ancora per un pugno di
        riso?Sono talmente tanti e poveri che passeranno almeno una ventina d'anni buoni prima che la situazione si livelli. nel frattempo avranno il settore in mano da un pezzo.
        Tra l'altro lo spostare gran parte dello
        sviluppo SW in un paese straniero non mi
        sembra strategicamente una buona ideaNessuna impresa opera con strategie che si estendono al di là dei dieci anni, se va di lusso. (E' anche logico... dieci anni sono un po' un azzardo; puoi solo metter giù direttrici fumose)
        • Anonimo scrive:
          Re: il futuro tecnologico italiano
          fare software è lavoro di abilità, non un impiego manuale. Produrre software di qualità richiede una abilità logica non indifferente quindi le cose sono 2:o gli indiani hanno milioni di gente esperta (quindi meritano di lavorare come programmatori)o hanno un milioni di manuali che saranno impiegati per i lavori che un programmatore serio non toccherebbe mai (esempio riempire database, scrivere le tabelle di assegnazione etc, tutti lavori che ci vuole 10 giorni di tempo e che fanno perdere tempo alla gente in gamba perchè sono stupidi da fare). Forse ti confondi con quelli che fanno i CD fisici. Probabilmente li stampano i CD
          • Ekleptical scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano

            Produrre software di qualità richiede
            una abilità logica non indifferente
            quindi le cose sono 2:
            o gli indiani hanno milioni di gente esperta
            (quindi meritano di lavorare come
            programmatori)Gli inidiani sono culturalmente fortissimi nella logica e nella matematica da secula secuolrum. Nel campo non li batte nessuno.
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Ekleptical

            Produrre software di qualità
            richiede

            una abilità logica non
            indifferente

            quindi le cose sono 2:

            o gli indiani hanno milioni di gente
            esperta

            (quindi meritano di lavorare come

            programmatori)

            Gli inidiani sono culturalmente fortissimi
            nella logica e nella matematica da secula
            secuolrum. Nel campo non li batte nessuno.Il che ha a che fare col software come i cavoli a merenda!:D
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            Come fanno ad essere forti se non hanno neanche un PC. Come si imparano ad utilizzare una cosa che non vedeno mai? Ma sei un programmatore o cosa? Ci vogliono anni per diventare esperti programmatori. Se lo sanno fare significa che sono migliori di noi e quindi meritano di stare dove stanno e quindi il mio post iniziale è corretto: l'italiano non vale i soldi che gli danno perchè l'indiano a meno sa fare di meglio. Ergo dobbiamo fare cose più complesse altrimenti le faranno gli altri. Mi state dando ragione con la storia degli indiani.
          • Ekleptical scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano


            Gli inidiani sono culturalmente
            fortissimi

            nella logica e nella matematica da
            secula

            secuolrum. Nel campo non li batte
            nessuno.

            Il che ha a che fare col software come i
            cavoli a merenda!Cosa? La logica è la matematica??? Ma ci sei o ci fai? Hai mai programmato in vita tua?Hai una vaga idea di come funzioni un motore 3D?L'informatica nasce come branca della matematica, tant'è che nelle università italiane fa parte dell'ambito matematico!
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Ekleptical


            Gli inidiani sono culturalmente

            fortissimi


            nella logica e nella matematica da

            secula


            secuolrum. Nel campo non li batte

            nessuno.



            Il che ha a che fare col software come i

            cavoli a merenda!

            Cosa? La logica è la matematica??? Ma
            ci sei o ci fai? Hai mai programmato in vita
            tua?Piuttosto!

            Hai una vaga idea di come funzioni un motore
            3D?Abbastanza da avere scritto diversi "rendering engine" per il ray tracing, Occuparmi di solid modeling e simulazione meccanica.

            L'informatica nasce come branca della
            matematica, tant'è che nelle
            università italiane fa parte
            dell'ambito matematico!Se era matematica si chiamava matemematica e non informatica... non ti pare?Il processo di produzione del software e' un processo in cui la "matematica" e la "logica" svolgono una parte importante ma molto meno decisiva di come tu sembri pensare.Non a caso molti dei migliori che conosco sono non matematici bensi' fisici cosa che e' comunque piuttosto vera in generale basta pensare a come e' nato e dove e' nato il web!Che la fisica usi strumenti matematici (come del resto fa anche l'informatica) e' ben diverso dal dire che la Fisica (che quando ne ha avuto la necessita' si e' addirittura inventata le "matematiche" di cui aveva bisogno prima ancora dei matematici) e la matematica sono la stessa cosa!I due processi conoscitivi sono alquanto diversi! solo uno stupido non se ne accorge!
        • Anonimo scrive:
          Re: il futuro tecnologico italiano
          - Scritto da: Ekleptical

          Non sono convinto. Quando la maggior
          parte

          del SW sara' sviluppata in India, gli

          indiani lo faranno ancora per un pugno
          di

          riso?

          Sono talmente tanti e poveri che passeranno
          almeno una ventina d'anni buoni prima che la
          situazione si livelli. nel frattempo avranno
          il settore in mano da un pezzo.
          Non mi pare che la poverta' abbia molto a che fare con la possibilita' di "prendere in mano un settore".Il punto e' che l'india non ha in mano altro che l'outsorcing della produzione di "oggetti software" il cui mercato rimane comunque in mano al "committente".Quindi mi pare che piu' che in "mano" il settore lo abbiano in una altra parte anatomica :D


          Tra l'altro lo spostare gran parte dello

          sviluppo SW in un paese straniero non mi

          sembra strategicamente una buona idea

          Nessuna impresa opera con strategie che si
          estendono al di là dei dieci anni, se
          va di lusso. (E' anche logico... dieci anni
          sono un po' un azzardo; puoi solo metter
          giù direttrici fumose)Nessuna impresa opera con "tattiche" che vanno al di la' dei 3 mesi!Quanto alla "strategia" il discorso e' diverso! se la tua "vision" di imprenditore o manager traguarda solo il breve periodo la sola cosa che ti puo' succedere e' quella che e' successa alla FIAT nel periodo Romiti e immediatatamente dopo, all'inizio i conti sembrano tornare, poi "all' improvviso" chiudi perche' ti mancava la capacita' di planning e investimento sul tuo "core business" (ad esempio hai "risparmiato" sulla innovazione invece che sui rami "morti") confondere la buona gestione finanziaria con la gestione industriale e pensare che basti solo la prima e' un errore che porta alla Parmalat e alla Enron...Ma certo un personaggio della tua modesta levatura fa fatica a capirlo.E' fin troppo evidente che tu capisci di impresa quanto un cavallo capisce di letteratura. :D
          • Ekleptical scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano

            E' fin troppo evidente che tu capisci di
            impresa quanto un cavallo capisce di
            letteratura.Domanda "provocatoria". Data la pletora di casi, che vanno al di là di Fiat, Parmalat, Enron, Worldcom, Vivendi e 50mila altri, secondo te quanti sono i "cavalli" a guida delle aziende in giro per il mondo?
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Ekleptical

            E' fin troppo evidente che tu capisci di

            impresa quanto un cavallo capisce di

            letteratura.

            Domanda "provocatoria". Data la pletora di
            casi, che vanno al di là di Fiat,
            Parmalat, Enron, Worldcom, Vivendi e 50mila
            altri, secondo te quanti sono i "cavalli" a
            guida delle aziende in giro per il mondo?Be cavalli ce ne sono sicuramente un certo numero! e mi pare che la "congiuntura economica" ne sia una lampante dimostrazione!Se pero' ti guardi attorno con attenzione trovi delle aziende che non sono gestite da "cavalli" e funzionano egregiamente.Devo dire che in genere comunque le aziende che fanno molto "outsourcing" sono spesso tra quelle col "cavallo", e se guardi il trend in borsa di queste aziende negli ultimi tre anni scopri che quasi sempre hanno alla lunga perso valore in modo piu' o meno sensibile!Questo non e' difficile da osservare neppure per un equino (comincio a sospettare di avere sbagliato il tipo di equino....) :D
          • nefasto scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            Può darsi che ecleptikal abbia ragione. Non sono informato ma è possibile che questo ragionamento sia valido. Ma se fatalisticamente ci arrendiamo all'idea che l'Asia sarà il Motore del Mondo in futuro allora che facciamo stiamo a guardare? Cosa ci rimane?A me l'Europa e in particolare l'Italia sembra come Trantor, il pianeta dove ha sede la capitale dell'Impero galattico di I. Asimov, tutta funzionari e burocrazia, con costi enormi e incapace di funzionare.Il paragone può essere esteso all'Impero Romano (a cui lo stesso autore citato faceva riferimento) crollato su se stesso.Ci attende un nuovo MedioEvo?Questa può sembrare una provocazione ma credete davvero che le multinazionali non siano poi dei grandi feudatari globali?
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: nefasto
            Può darsi che ecleptikal abbia
            ragione. Non sono informato ma è
            possibile che questo ragionamento sia
            valido. [cut]
            Questa può sembrare una provocazione
            ma credete davvero che le multinazionali non
            siano poi dei grandi feudatari globali?Su questo ci hai preso, i copyright tra cento anni suoneranno strani come il diritto di avere la prima notte con una giovane serva della glega appena sposata, peccato che siamo già in pieno medioevo globale e probabilmente non vedremo mai di persona il rinascimento...Ma da qui a dare ragione a Ecleptikal... Dovresti dargli torto per principio! :DCmq l'asia (e non lsolo l'india) ha ottime prospettive per diventare il "nuovo mondo", il ruolo svolto dall'america nel nostro tempo insomma...La vecchia Europa ha già fatto il suo tempo invece da parecchio, speriamo solo di essere sufficentemente lungimiranta da capire in che direzione tira il vento per raccogliere le briciole: invece di coalizzarci con i feudatari, destinati comunque a morte certa, potremmo forse avere la prospettiva di crescere insieme alle nazioni che faranno da traino nel nuovo secolo...
          • Anonimo scrive:
            Re: il futuro tecnologico italiano
            - Scritto da: Ekleptical

            E' fin troppo evidente che tu capisci di

            impresa quanto un cavallo capisce di

            letteratura.

            Domanda "provocatoria". Data la pletora di
            casi, che vanno al di là di Fiat,
            Parmalat, Enron, Worldcom, Vivendi e 50mila
            altri, secondo te quanti sono i "cavalli" a
            guida delle aziende in giro per il mondo?uno a caso...URBANI?????
        • Anonimo scrive:
          Re: il futuro tecnologico italiano
          - Scritto da: Ekleptical
          Sono talmente tanti e poveri che passeranno
          almeno una ventina d'anni buoni prima che la
          situazione si livelli. Ti sfugge un concetto: non e' che se prendi il primo indiano che passa hai automaticamente un buon programmatore. Quelli che sviluppano SW fanno parte di caste medio-alte.Il morto di fame, li' come altrove, il computer non lo vede mai.
          Nessuna impresa opera con strategie che si
          estendono al di là dei dieci anni, se
          va di lusso. (E' anche logico... dieci anni
          sono un po' un azzardo; puoi solo metter
          giù direttrici fumose)I colossi dovrebbero avere un orizzonte _strategico_ piu' ampio.Il cogliere concetti come "io sviluppo SW, i programmatori sono una delle mie risorse, come penso di procurarmeli tra 10 anni" non e' cosi' difficile. L'orizzonte e' corto perche' la struttura imprenditoriale americana (e in particolare i loro manager) vive sul breve periodo, sulla borsa, sulle speculazioni finanziarie.
  • Anonimo scrive:
    censurato il link... riproponiamo
    molto interessante è per chi non ha visto report, la lettura del seguente linkhttp://www.report.rai.it/2liv.asp?s=188
  • nefasto scrive:
    Proposta di lotta
    se la legge violerà i nostri diritti o peggio la nostra privacy propongo a tutti per una settimana di scaricare le ISO di linux (tutte) per produrre la congestione totale della rete in tutte le fascie orarie. Le ISO di linux sono facilmente reperibili su internet e son gratuite.
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta di lotta
      - Scritto da: nefasto
      se la legge violerà i nostri diritti
      o peggio la nostra privacy propongo a tutti
      per una settimana di scaricare le ISO di
      linux (tutte) per produrre la congestione
      totale della rete in tutte le fascie orarie.
      Le ISO di linux sono facilmente reperibili
      su internet e son gratuite.certo così pianti tutti i server con conseguente incazzo di tutta la comunità..... E' molto meglio fare conoscere a tutti chi è urbani, perchè ha difeso proprio e solo il cinema, e perchè uno così peteva solamente essere di forza italia e di indole simil berlusconihttp://www.report.rai.it/2liv.asp?s=188leggete attentamente
      • nefasto scrive:
        Re: Proposta di lotta

        certo così pianti tutti i server con
        conseguente incazzo di tutta la
        comunità..... era proprio quello l'intento
        • Anonimo scrive:
          Re: Proposta di lotta
          - Scritto da: nefasto


          certo così pianti tutti i server
          con

          conseguente incazzo di tutta la

          comunità.....

          era proprio quello l'intentoIo itendevo dire che piantavi i server che davano linux.. che cosa otterresti? ... forse non ho capito il tuo punto di vista.....ti impediscono di scaricare e tu per protesta ti inca22i con chi non c'entra una fava?!
  • Anonimo scrive:
    Ma la legge vigente...
    Come modificata mi pare l'anno prossimo punisce gia' la diffusione abusiva...Solo che non e' mai stata applicata (salvo recentissimi casi)Allora perche' (dal loro punto di vista, che non condivido), non fare applicare quella vigente, o discutere su quella vigente, invece di inasprire la attuale?
    • nefasto scrive:
      Re: Ma la legge vigente...
      L'idea diffusa è che la legge non deve essere applicata ma deve spaventare solo la gente e indurla a non commettere illeciti o reati.Quando questo meccanismo non funziona e non funziona quasi mai il Legislatore facilone si convince che pene più aspre possano attenuare o debellare un fenomeno.In genere però sanzioni spropositate inducono i Magistrati che giudicano anche per cose molto più gravi e possono provare disagio a applicare in modo deforme la legge o a disapplicarla.Il caso citato inhttp://punto-informatico.it/p.asp?i=35127 docetN.B. gli utilizzatori del p2p non sono in stato di indigenza. L'esempio fatto è solo per spiegare il disagio dei giudici che nel loro corso di studi hanno certo appreso la distinzione fra Giustizia e Diritto==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 10.48.04
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la legge vigente...
        - Scritto da: nefasto
        L'idea diffusa è che la legge non
        deve essere applicata ma deve spaventare
        solo la gente e indurla a non commettere
        illeciti o reati.

        Quando questo meccanismo non funziona e non
        funziona quasi mai il Legislatore facilone
        si convince che pene più aspre
        possano attenuare o debellare un fenomeno.Concordo. Il mio docente di Diritto Penale I, Stella, diceva che l'efficacia della norma penale e' data dalla certezza della sanzione e non dall'insaprimento della stessa.In Italia, invece, il Legislatore stabilisce sanzioni. Poi, quando la legge non e' applicata, inasprisce le sanzioni stesse. Con buona pace della "certezza" del diritto.Visto che mai, ripeto, salvo recenti casi eclatanti, la vecchia legge e' stata applicata, ora si pensa ad inasprire le sanzioni...
  • Anonimo scrive:
    Furti e furtarelli
    Furto=l'impossessarsi di proprietà mobili altrui per trarne profitto, rimuovendola dal luogo ove si trova senza il consenso del proprietario. (da diz. ling. Italiana). Detto anche più propriamente l'appropriarsi di cose altrui privandone il legittimo proprietario. Ma se ci si incaponisce sulle disquisizioni verbali potremmo andare all'infinito.... Nella realtà delle cose nel p2p non vi è un vero e proprio "furto" ma semplicemente la "condivisione" di "qualcosa". Se vogiamo poi allargare il discorso, possiamo anche dire che solo il farsi "prestare" qualcosa è un furto di per se'. Ribadisco il concetto: nel p2p c'è qualcuno che ha un "qualcosa" (che ha provveduto ad avere in originale o in altro modo) e che lo "condivide" con altri utenti.Da questo se ne deduce che io rimuovo qualcosa ma con il consenso del proprietario!! il quale proprietario della "cosa" ha assolto (in qualche modo) agli obblighi del pagamento dei diritti d'autore. Forse l'unica vera "verità" è che sarebbe ora di cambiare il senso che il legislatore voleva dare alla salvaguardia dei diritti d'autore all'epoca della promulgazione della legge. Al giorno d'oggi non credo sia più umanamente comprensibile disquisire di questo argomento se non si parte da alcuni presupposti fondamentali:1° chi scarica nel p2p non ruba niente2° chi condivide opere protette da diritto d'autore non fa altro che mettere a disposizione le stesse a più utenti (e visto che la legge quantifica in 50 le copie autorizzate.....)3° tutti (ma proprio tutti) i cittadini di questo paese sono stufi di essere definiti ladri o peggio terroristi, solo perchè hanno in casa una musicassetta fatta con pezzi passati alla radio!!! (lo sapevate?)4° che condividere non è un obbligo come non deve esserlo "scaricare".5° che la stragrande maggioranza degli utenti del p2p non condivide e scarica a fine di lucro......e forse dovrei aggiungere ancora altro.......saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Furti e furtarelli
      Non posso aggiungere niente.Hai detto tutto te!;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Furti e furtarelli
      - Scritto da: Anonimo
      2° chi condivide opere protette da diritto
      d'autore non fa altro che mettere a
      disposizione le stesse a più utenti
      (e visto che la legge quantifica in 50 le
      copie autorizzate.....)a me non risulta
  • Anonimo scrive:
    I miei soldi non li vedrete mai!!
    Mi dispiaci per Urbani e Co. (vedi nanetti vari),ma i miei soldi non li vedrete più nè voi nè Major e sanguisughe varie........Poi nel caso verranno abbattuti i prezzi delle vostre sale cinematografiche, delle vostre catene di nolleggio DVD, delle vostre distribuzioni allora se ne riparlerà.Ma sono sicuro che voi questo non lo farete mai...(Vero vampirelli?)Per chi vuole aderire:http://www.bobi2001.it/impero.htmSalutiRea
  • Anonimo scrive:
    Secondo me Urbani
    non ha sentito tutta questa gente perche' e' davvero troppa. Ma come puo' uno legiferare se, prima, deve sentire i pareri di 300 rappresentanti di 300 cose diverse?
    • zibo scrive:
      Re: Secondo me Urbani
      - Scritto da: Anonimo
      non ha sentito tutta questa gente perche' e'
      davvero troppa. Ma come puo' uno legiferare
      se, prima, deve sentire i pareri di 300
      rappresentanti di 300 cose diverse?Giusto, il tuo ragionamento è quindi "legiferiamo senza sapere di cosa e come".Scelta davvero intelligente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Secondo me Urbani
      - Scritto da: Anonimo
      non ha sentito tutta questa gente perche' e'
      davvero troppa. Ma come puo' uno legiferare
      se, prima, deve sentire i pareri di 300
      rappresentanti di 300 cose diverse?Beh..se uno ne avesse le competenze.....ma Urbani non ha mai acceso un computer, non ha mai visto un film (se non qualcuno della sua concubina) e dubito anche abbia mai scambiato qualche parola con qualcuno..basta guardarlo in faccia
    • Anonimo scrive:
      Re: Secondo me Urbani
      - Scritto da: Anonimo
      non ha sentito tutta questa gente perche' e'
      davvero troppa. Ma come puo' uno legiferare
      se, prima, deve sentire i pareri di 300
      rappresentanti di 300 cose diverse?guarda che è importantissimo sentire tanta gente..almeno Giuliano può capire qual'è quello che offre di più a suo vantaggio.. ;):D:p
  • Anonimo scrive:
    Solacria...
    leggete le cazzate di questa associazione...http://www.solacria.it/index.php?option=content&task=view&id=21&Itemid=2
    • Anonimo scrive:
      Re: Solacria...
      - Scritto da: Anonimo
      leggete le cazzate di questa associazione...

      www.solacria.it/index.php?option=content&taskAllucinante.
    • Anonimo scrive:
      Re: Solacria...
      - Scritto da: Anonimo
      leggete le cazzate di questa associazione...

      www.solacria.it/index.php?option=content&taskC'è una frase meravigliosa: quella di trasformare il p2p in "una nuova e continua fonte di reddito". Geniali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Solacria...
      Fantastico. Se leggi lo statuto è una libera associazione di utenti, ma sembra il sito web di confindustria.
      • Anonimo scrive:
        Re: Solacria...
        avete un minuto per inviare loro un brevissimo commento all'intervento pubblicato?Fatelo da qui:http://www.solacria.it/index.php?option=com_contact&Itemid=3
        • Anonimo scrive:
          Re: Solacria...
          In qualità di Presidente di un'Associazione simile ad una Conf (grazie .. grazie) formata comunque da 'ignorantoni' che scrivono 'cazzate' e che non sanno nulla di internet (+ tutte le altre galanterie che avete pensato e grazie a Dio non scritto!), vi faccio presente che siamo pronti ad accogliere, ANZI E' NOSTRO DOVERE E LO FACCIAMO CON PIACERE, i punti di vista dell'utenza purchè siano formulati con il dovuto rispetto e con le dovute maniere.Carmelo CutuliAssociazione Solacria
          • Anonimo scrive:
            Re: Solacria...
            il fatto che il traffico del p2p vi faccia arrivare le mail in ritardo m'ha fatto schiattare dal ridere... non è che per caso vi mandate per posta elettronica fiel da 700 mb l'uno???
          • Anonimo scrive:
            Re: Solacria...
            SalveNell'intervento alla commissionecultura della cameraavete,da quanto leggo, espresso questo concetto:"E? ampiamente provato, sia a livello statistico, che a livello pratico, che spesso indeterminati orari il traffico generato in rete dal download di contenuti e software illegali,sorapponendosi al traffico ?legale?, penalizza pesantemente la capacità e la conseguentefruizione della Banda Larga ?rallentandola? considerevolmente.Tale problematica che si ripercuote sia a livello di tratte nazionali che internazionaliproducendo effetti indesiderati dall?utenza professionale come la difficoltà a navigare inrete ed il ritardo nella ricezione di e-mail con documenti allegati indispensabili per lapropria attività lavorativa."Ora io sono un utente qualsiasi,non ho associazioni facenti capo a menè vado in commissione ad esporrele mie idee.Ma un paio di domande vorrei tanto farvele:Ma io utente della rete la pago la adsl???Risposta: SìPoichè la pago posso saturarela mia banda a piacimento comemeglio mi aggrada?Risposta: Sì (se poi violo la leggeson problemi miei,possoanche mettermi a scaricare programmigratuiti 24 ore su 24 per il sologusto di saturare la mia banda,sapete?)I professionisti che voi tutelate cosedevono fare?Risposta: in quanto professionistiraccolgano i loro soldini e si faccianouna rete tutta loro sulla qualenavigare senza il disturbo deifamigerati utenti normali(al limitebuonsenso vorrebbe che chiamastei provider e presentastele vostre rimostranze,senza direcorbellerie come quella succitata)Ognuno è libero di direquel che vuole?Risposta: sì....poi può avere poco valore per fortunaquello che si dice...siamo in Italiae non in una dittatura: le vostreparole sono aria fritta per fortunain un paese libero come il nostroRabbrividisco di fronte a tanta mancanzadi conoscenza della realtàdi internet,tanta mancanza di obiettività,tanto pressapochismo e spirito corporativoaccecante.Davvero nella vita ne leggi sempreuna in più...mah!CordialmenteCiaoGliel'ho appena inviata :):)
          • Anonimo scrive:
            Re: Solacria...
            tutte queste pseudoassociazioni che non si capisce che interessi difendano non fanno altro che speculare sulla situazione per trarne il maggior profitto.... una volta tira più un pelo di f... che un carro di buoi... ora tira più un euro bisunto che una locomotrice del pendolino....brrrrrrrrrrr.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Solacria...
            io gli ho scritto e ho proposto il ripristino della pena di morte per il p2p (problema che affligge il mondo dall'11 settembre 2001) ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Solacria...
            "Relativamente ad una possibilità di ?compenso? generalizzato agli autori di cui vengono violati i diritti sulle proprie opere, che sembra vada delinearsi negli ultimi dibattititi, che vada a maggiorare i già alti costi di connettività: siamo fermamente contrari in quanto non riteniamo giusto penalizzare economicamente tutti coloro che operando professionalmente non hanno fatto e mai faranno utilizzo delle reti peer to peer per lo scambio di file illegali. Questo perché non riteniamo che una connessione internet, utilizzabile in mille modi diversi, sia paragonabile all?utilizzo di registratori e supporti registrabili, invece esclusivamente dedicati alla duplicazione e quindi giustamente tassabili come previsto dalle leggi attualmente in vigore."come come??? se compro un videoregistratore o un masterizzatore dvd sono pirata di diritto????io utilizzo im masterizzatore dvd in ufficio per backuppare dati ma ho pagato la tassa siae... uso il videoregistratore per vedere i filmini del matrimonio di mia cugina ma ho pagato la tassa siae... compro cd vergini perche sono un programmatore ma pago la tassa siae.... prima di scrivere o parlare facciamo un ctrl+alt+canc e riavviamo il cervello... grazie
          • Anonimo scrive:
            Re: Solacria...

            vi faccio presente che siamo pronti ad
            accogliere, ANZI E' NOSTRO DOVERE E LO
            FACCIAMO CON PIACERE, i punti di vista
            dell'utenza purchè siano formulati
            con il dovuto rispetto e con le dovute
            maniere.

            Carmelo CutuliMa chi rappresentate? Chi dovete ascoltare? Cosa centrate voi con gli utenti Internet? E soprattutto perche' il governo ha chiamato un associazione (non me ne voglia carmello) che praticamente nessuno ha mai sentito e che non conta nulla a tutti gli effetti?E al governo vorrei chiedere: perche' non avete accettato di parlare con una delegazione di utenti veri?? Dove vanno i finanziamenti del cinema italiano.. dove vanno i nostri soldi?Multate i P2Pisti ok, ma processate URBANI e amante e andate a fondo della questione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Solacria...
            considerando attentamente quel che è stato esposto in fase di audizione dal vostro delegato, i casi sono 2:caso a - la vostra ignoranza in materia è abissale;caso b - mentite sapendo di mentire.io propendo per il caso b, dato che (IMHO) probabilmente a "qualcuno" serviva una cosiddetta "associazione di utenti" per fornire in commissione il "vero" parere dell'utenza internet..... parere confortato da affermazioni così facilmente smentibili e così palesenemte false che potrebbero risultare credibili solamente a una mente ottenebrata dall'alcool..... o ai nostri pubblici amministratori :Dcordiali saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Solacria...

            FACCIAMO CON PIACERE, i punti di vista
            dell'utenza purchè siano formulati
            con il dovuto rispetto e con le dovute
            maniere.

            Carmelo Cutuli
            Associazione SolacriaSe non ho capito male, voi lamentate che un uso di applicativi P2P in Azienda danneggi l'Azienda stessa in quanto si ha un "rallentamento" della connessione verso Internet.Faccio notare pero' che il problema NON sono gli applicativi P2P in quanto tali, quanto l'uso personale non aziendale che si fa dello strumento Internet.Esempio: se io in Azienda mi scarico dal Web un film porno, danneggio la Azienda per la quale sto lavorando perche' uso risorse aziendali per diletto personali.Nessuno ha mai pensato pero' di chiedere al Legislatore di vietare il Web o di vietare i siti porno.Anche se io faccio telefonate private in Australia danneggio l'Azienda, ma nessuno pensa di chiedere al Legislatore di regolamentare il telefono.Deve essere l'Azienda che si dota di strumenti per evitare usi personali della connettivita' aziendale: un firewall o qualunque strumento che faccia comunque blocco di contenuti.Non vedo quindi perche'questa pretesa che sia lo Stato a regolamentare il P2P per evitare danni alle Aziende.Grazie della rispsota che vorra' darmi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Solacria...
    • Anonimo scrive:
      Re: Solacria...
      E? ampiamente provato, sia a livello statistico, che a livello pratico, che spesso in determinati orari il traffico generato in rete dal download di contenuti e software illegali, sorapponendosi al traffico ?legale?, penalizza pesantemente la capacità e la conseguente fruizione della Banda Larga ?rallentandola? considerevolmente.ampiamente provato??? ma ve lo siete sognato???? ma avete mai provato Fastweb o le ADSL 640???? a me sembra proprio di no....e sembra cjhe non consocete neppure il concetto stesso di BANDA LARGA..=========================================Senza entrare in una classificazione delle casistiche in base a numero di file scaricati o periodicità nell?accesso a contenuti e software illegali, auspichiamo comunque una campagna nazionale di sensibilizzazione chiara sui rischi civili e penali derivanti da tale attività onde evitare giustificazioni classiche del tipo ?non immaginavo? oppure ?lo fanno tutti? ?andatelo a dire a mamma Telecom che raddoppia la banda minima a 640KBit per "scaricare velocemente dal peer to peer file ad alta velocità"...=============================================
  • Anonimo scrive:
    Grazie, Rodotà.
    ...è con profonda commozione che leggo sempre gli articoli della Costituzione, specie quello sulla segretezza e la libertà di comunicazione. Insomma, il sassolino nella scarpa della RIIA. Sarebbe così bello verificare e monitorare le "conversazioni" telematiche altrui per capire se ci si scambia materiale protetto da diritti. Entrare negli hard disk della gente per "analizzare" i dati, senza permesso del magistrato sarebbe il regno del Bengodi delle multinazionali e dei discografici. E invece no. Sono molto soddisfatto dell'operato del nostro Garante, grazie Rodotà.
    • Anonimo scrive:
      Re: Grazie, Rodotà.
      - Scritto da: Anonimo
      ...è con profonda commozione che
      leggo sempre gli articoli della
      Costituzione, specie quello sulla segretezza
      e la libertà di comunicazione.
      Insomma, il sassolino nella scarpa della
      RIIA. Sarebbe così bello verificare e
      monitorare le "conversazioni" telematiche
      altrui per capire se ci si scambia materiale
      protetto da diritti. Entrare negli hard disk
      della gente per "analizzare" i dati, senza
      permesso del magistrato sarebbe il regno del
      Bengodi delle multinazionali e dei
      discografici. E invece no. Sono molto
      soddisfatto dell'operato del nostro Garante,
      grazie Rodotà.Beh...noi sono mesi che si dice che il decreto e' anticostituzionale perche' entra nelle case e nelle abitudini di tutti instaurando uno stato di polizia, e sono mesi che diciamo che il decreto e' inapplicabile tra l'altro per questo punto...e....Rodota' dov'era? a me sembra che attualmente sto decreto sia in vigore.....le classiche cose all'italiana, si fa il guaio e poi si vede SE e COME rimediare....
  • Anonimo scrive:
    Sempre a lamentarvi......
    Scambiare opere protette era, è e sarà sempre reato.Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Che vogliamo rubare?Ma siete fuori di testa?E' come se prima di fare una legge per punire i mafiosi chiamino gli stessi a sentire cosa ne pensano....Perfavore ora non rispondetemi dicendo che c'è chi si fa le leggi su misura perchè cmq si parla di una persona che è stata eletta e quindi è inutile lamentarsi..... basterebbe non eleggerla più.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      - Scritto da: Anonimo
      Scambiare opere protette era, è e
      sarà sempre reato.
      Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Che
      vogliamo rubare?E' vero, mettiamo il "bavaglio" alla popolazione, e perchè no, un po' di manganello non guasterebbe.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a lamentarvi......
        ma che stai dicendo scusa?mettere il bavaglio a cosa e per cosa? usare il manganello?Il diritto di proprietà permette di difendere le proprie cose e le proprie invenzioni.Io sono il primo che condivide e scarica... al contrario di tanti scrocconi che scaricano soltanto. però mi rendo conto che quando lo faccio vado contro gli interessi del proprietario delle cose che scarico.... il concetto non è così difficile da capire
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      - Scritto da: Anonimo
      Scambiare opere protette era, è e
      sarà sempre reato.Reato???Solita grave imprecisione sinonimo di pressapochezza.
      Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Che
      vogliamo rubare?Furto?Altra grave imprecisione.Consigli:studiare la nozione di reato, di sanzione amministrativa e di furto.Paolo
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a lamentarvi......
        mi scusi principe del foro.....tu appropriarsi di qualcosa non tuo come lo chiami?io lo chiamo furtoe contravvenire a una qualsiesi legge che implica sanzioni amministrative e/o penali io lo chiamo reato
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre a lamentarvi......

          tu appropriarsi di qualcosa non tuo come lo
          chiami?
          io lo chiamo furtosbagliando...leggere la definizione di furto
          e contravvenire a una qualsiesi legge che
          implica sanzioni amministrative e/o penali
          io lo chiamo reatoerrore ancor più grave.saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            continui a dire che sbaglio....però una definizione non sei riuscito ancora a darmela...stai percaso aspettando di scaricarti il dizionario 3ccani per pastarmela?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            Te la do io (non sarà legalmente corretta ma sostanzialmente si): furto è privare qualcuno di qualcosa senza il suo consenso.Se copio qualcosa che comunque non avrei comprato:1) non privo il possessore di nulla, perchè lui ha ancora la sua copia2) non privo l'autore di nulla, perchè lui non ha guadagnato un centesimo in meno a causa mia.Puoi obiettare a questo...ma con argomenti che sembreranno intelligenti o ragionevoli solo a te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            non credo che l'argomento trattato debba essere la mia intelligenza... cmq a parte questa battuta sciocca il fatto è che condividere (e io lo faccio molto + di tanti scrocconi che scrivono in questo forum) da la possibilità a qualcuno che pagherebbe per avere un determinato bene di averlo gratis.lasciamo perdere la definizione di furto... o di appropriazione indebita di copse immagini o idee.ti faccio solo un esempio.se qualcuno fotografasse la tua faccia e tappezzerebbe i muri della tua città non ti sembrerebbe che ti abbia "rubato" qualcosa?se qualcuno venisse in possesso di una fotografia che magari hai sul tuo pc di te e della tua ragazza e la diffondesse col p2p..... secondo te non si approprio indebitamente,ruba co quello che vuoi di una qualcosa non suo?ho fatto degli esempi.... non è cmq mia intenzione offenderti, ma solo di farti mettere nei panni di chi cerca di difendere i propri diritti.che poi siae riia e compani speculano anche loro indebitamente sulle invenzioni degli artisti..... questo è un altro discorso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            foto della ragazza - diritto d'immagine e alla reputazionemp3 - diritto d'autoredov'e' l'analogia?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            l'analogia sta nel fatto che anche una canzone per l'autore da delle sensazioni, delle immagini, delle emozioni che sono state create dalla sua mente.... e divulgare indiscriminatamente queste sensazioni, immagini ed emozioni secondo me può essere paragonato a divulgare la foto di una persona cara.....tutto qui
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            """da la possibilità a qualcuno che pagherebbe per avere un determinato bene di averlo gratis""""Falso cmq come criterio generale.Io scarico solo quello chenon acquisterei mai e poi mai.Quello che mi interessa e mi stàa cuore,per il qualesono disposto a fare sacrifici economici,vado a vederloal cinema (musica non ne ascolto invece)Poi come bene ha detto un utenteforse in un altro thread bisognacapirsi: vogliono il diritto o i soldi?Se vogliono il diritto allora se ioacquisto un cd e mi si rompedevono farmene acquistare uno nuovocol solo costo del supporto...giusto?Invece è i soldi che vogliono: ma se sonoquelli allora tanta gente come me scaricaciò che non può acquistare e mai acquisterebbee quindi qual è il problema?Tutta questione di soldi...Ciao
          • eagleone scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            - Scritto da: Anonimo
            """da la possibilità a qualcuno che
            pagherebbe per avere un determinato bene di
            averlo gratis""""

            Falso cmq come criterio generale.
            Io scarico solo quello che
            non acquisterei mai e poi mai.
            Quello che mi interessa e mi stà
            a cuore,per il quale
            sono disposto a fare sacrifici
            economici,vado a vederlo
            al cinema (musica non ne ascolto invece)

            Poi come bene ha detto un utente
            forse in un altro thread bisogna
            capirsi: vogliono il diritto o i soldi?
            Se vogliono il diritto allora se io
            acquisto un cd e mi si rompe
            devono farmene acquistare uno nuovo
            col solo costo del supporto...giusto?
            Invece è i soldi che vogliono: ma se
            sono
            quelli allora tanta gente come me scarica
            ciò che non può acquistare e
            mai acquisterebbe
            e quindi qual è il problema?

            Tutta questione di soldi...


            CiaoBeh, molte cose sono questioni di soldi ;), ad esempio io lavoro principalmente per i soldi :D, comunque, seguendo il tuo principio potrei mettermi a rubare automobili e, se mi prendono, dire che rubo soltanto quelle che non mi piacciono o che non potrei mai aquistare in quanto se un'auto mi piace e la posso aquistare la pago regolarmente, giusto? :DSono d'accordo invece sul principio del CD rotto, dove ci dovrebbe essere una forma di garanzia che fa quello che hai detto, visto che io aquisto per lo più l'opera e in minima misura il supporto su cui è memorizzata, dovrei avere una garanzia che mi preserva l'aquisto dell'opera stessa, certo, non gratis, però avendo la possibilità di riavere ad un costo minore il tutto, magari includendo la spesa del CD/DVD e le spese di distribuzione, in fondo se ho rotto il CD/DVD è stato anche per un incidente o per una incuria e non per un difetto di fabbricazione (nel qual caso invece dovrei riavere il tutto senza spendere un centesimo), perciò è giusto trovare una via di mezzo.Ciao :)
          • nefasto scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......

            seguendo il tuo
            principio potrei mettermi a rubare
            automobili e, se mi prendono, dire che rubo
            soltanto quelle che non mi piacciono o che
            non potrei mai aquistare in quanto se
            un'auto mi piace e la posso aquistare la
            pago regolarmente, giusto? :DIl file sharing non è un furto. l'esempio fatto fa ridere.Perchè tu sottrai la vettura a un altro soggetto che non ne avrà più la disponibilità. Il p2p è come fare le fotocopie dei libri. Sarà pure illegale ma è più simile a una fotocopia.==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 11.29.23==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 11.29.49==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 11.30.36
          • eagleone scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            - Scritto da: Anonimo
            Te la do io (non sarà legalmente
            corretta ma sostanzialmente si): furto
            è privare qualcuno di qualcosa senza
            il suo consenso.

            Se copio qualcosa che comunque non avrei
            comprato:
            1) non privo il possessore di nulla,
            perchè lui ha ancora la sua copia
            2) non privo l'autore di nulla,
            perchè lui non ha guadagnato un
            centesimo in meno a causa mia.
            [..................................] Beh, su quest'ultimo punto non sarei proprio d'accordo, il fatto è che un insieme di dati scritti su di un supporto di memorizzazione (che siano un software, una canzone, un film o altro) non implica il fatto che si possano fare delle copie da distribuire liberamente (attenzione, non sto parlando di copie personali per preservare un originale).Se il tuo principio fosse giusto tutti coloro che copiano ad esempio Windows senza averlo aquistato sul proprio PC, non commetterebbero alcuno reato, invece sappiamo che non è così, Linux, sempre ad esempio, lo puoi ridistribuire, ma perchè ha una licenza che permette questo.Nell'esempio di Windows, se è vero che non hai rubato nulla alla persona che aveva la copia, è anche vero che hai comunque rubato una vendita alla casa produttrice, a chi lo distribuisce, ecc.Nello stesso modo se io faccio una copia di un film e te la do tu non avrai bisogno di aquistarlo, e questo sarà un mancato guadagno per la casa cinematografica, chi lo distribuisce, ecc, ecc.Spesso il fatto che un insieme dati sia duplicabile fa sì che lo si veda diversamente da un bene fisico che invece non lo è (o meglio, lo è, ma con maggiori difficoltà), però spesso la sostanza non cambia, se io produco un oggetto e il mio lavoro e il mio guadagno si basano sulla vendita di molti di questi oggetti, se un certo numero di persone ha la possibilità di duplicare e ridistribuire questo oggetto, il mio guadagno sarà minore, non so se tu lavori, ma cosa diresti se nel nome della libera distribuzione ti venisse defalcata una parte del tuo guadagno?Saluti :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            - Scritto da: eagleone

            - Scritto da: Anonimo

            Te la do io (non sarà legalmente

            corretta ma sostanzialmente si): furto

            è privare qualcuno di qualcosa
            senza

            il suo consenso.



            Se copio qualcosa che comunque non avrei

            comprato:

            1) non privo il possessore di nulla,

            perchè lui ha ancora la sua copia

            2) non privo l'autore di nulla,

            perchè lui non ha guadagnato un

            centesimo in meno a causa mia.

            [..................................]


            Beh, su quest'ultimo punto non sarei proprio
            d'accordo, il fatto è che un insieme
            di dati scritti su di un supporto di
            memorizzazione (che siano un software, una
            canzone, un film o altro) non implica il
            fatto che si possano fare delle copie da
            distribuire liberamente (attenzione, non sto
            parlando di copie personali per preservare
            un originale).
            Se il tuo principio fosse giusto tutti
            coloro che copiano ad esempio Windows senza
            averlo aquistato sul proprio PC, non
            commetterebbero alcuno reato, invece
            sappiamo che non è così,
            Linux, sempre ad esempio, lo puoi
            ridistribuire, ma perchè ha una
            licenza che permette questo.
            Nell'esempio di Windows, se è vero
            che non hai rubato nulla alla persona che
            aveva la copia, è anche vero che hai
            comunque rubato una vendita alla casa
            produttrice, a chi lo distribuisce, ecc.
            Niente affatto chi ti ha detto che quella copia sarebbbe stata comprata?Non e' affatto vero ne tantomeno e' dimostrabile che 1 copia = 1 mancata vendita ne nel settore software ne in quello editoriale e tantomeno in quello musicale!Se quello che tu dici fosse vero non esisterebbero (come invece esistono) i software o i pezzi in preview o try before buy che la stessa M$ come altri mettono sul mercato e che sono a tutti gli effetti il vero software (identico all' "Originale" con la sola differenza di avere una licenza temporanea di x giorni.Sarebbero ben felici che 1 copia = 1 vendita ma cosi' non e' ne sara' mai!Come tutti te compreso sanno benissimo!
            Nello stesso modo se io faccio una copia di
            un film e te la do tu non avrai bisogno di
            aquistarlo, e questo sarà un mancato
            guadagno per la casa cinematografica, chi lo
            distribuisce, ecc, ecc.
            Spesso il fatto che un insieme dati sia
            duplicabile fa sì che lo si veda
            diversamente da un bene fisico che invece
            non lo è (o meglio, lo è, ma
            con maggiori difficoltà), però
            spesso la sostanza non cambia, se io produco
            un oggetto e il mio lavoro e il mio guadagno
            si basano sulla vendita di molti di questi
            oggetti, se un certo numero di persone ha la
            possibilità di duplicare e
            ridistribuire questo oggetto, il mio
            guadagno sarà minoreQuesto purtroppo per te non e' mai stato vero prima e dopo l'avvento del fotocopiatore prima e dopo l'avvento del registratore e prima e dopo l'avvento dei media digitali.Pensare di "campare" sulla distribuzione di un contenuto e pensare che la distribuzione di tale contenuto sia contemporaneamente "generalizzata" ma non disponibile e' un tantinello contradditorio in un mondo in cui i mezzi di riproduzione sono piu' diffusi del contenuto stesso!Il "modello" economico dell "editore" si basa sulla "scarsita'" e non disponibilita' di un content (domanda e offerta) il che se era vero ai tempi di Rossini quando la musica la suonavano in 4 (pochi erano gli strumenti e ancora meno chi li sapeva suonare) e per sentirla andavi all'opera, non e' piu' vero oggi!In compenso La musica e gli artisti esistevano prima degli editori (fenomeno recente) ed esisteranno anche dopo la loro scomparsa.Gli editori sono necessari ai content (in questo mondo) quanto i pattini servono ad un pesce!O cambiano e trovano un modello di business adeguato ai tempi o moriranno come tutte le cose che diventano inutili o adirittura dannose!Il mondo si evolve e cosi' si devono evolvere gli imprenditori.Portare indietro le lancette dell'orologio e' un trucco che non impedisce di invecchiare e morire!
            non so se tu
            lavori, ma cosa diresti se nel nome della
            libera distribuzione ti venisse defalcata
            una parte del tuo guadagno?

            Saluti :) Io scrivo software GPL e non guadagno 1 lira in meno anzi!:-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            - Scritto da: eagleone

            - Scritto da: Anonimo

            Te la do io (non sarà legalmente

            corretta ma sostanzialmente si): furto

            è privare qualcuno di qualcosa
            senza

            il suo consenso.



            Se copio qualcosa che comunque non avrei

            comprato:

            1) non privo il possessore di nulla,

            perchè lui ha ancora la sua copia

            2) non privo l'autore di nulla,

            perchè lui non ha guadagnato un

            centesimo in meno a causa mia.

            [..................................]


            Beh, su quest'ultimo punto non sarei proprio
            d'accordo, il fatto è che un insieme
            di dati scritti su di un supporto di
            memorizzazione (che siano un software, una
            canzone, un film o altro) non implica il
            fatto che si possano fare delle copie da
            distribuire liberamente (attenzione, non sto
            parlando di copie personali per preservare
            un originale).
            Se il tuo principio fosse giusto tutti
            coloro che copiano ad esempio Windows senza
            averlo aquistato sul proprio PC, non
            commetterebbero alcuno reato, invece
            sappiamo che non è così,
            Linux, sempre ad esempio, lo puoi
            ridistribuire, ma perchè ha una
            licenza che permette questo.
            Nell'esempio di Windows, se è vero
            che non hai rubato nulla alla persona che
            aveva la copia, è anche vero che hai
            comunque rubato una vendita alla casa
            produttrice, a chi lo distribuisce, ecc.

            Nello stesso modo se io faccio una copia di
            un film e te la do tu non avrai bisogno di
            aquistarlo, e questo sarà un mancato
            guadagnoMANCATO GUADAGNO ?? MA SIAMO FUORI ?? anche questa è una bella scusa.....se io volessi lavorare 16 ora algiorno ma la mia ditta mi dice che nno posso perche da loro si lavora solo 8 ore gli dovrei denunciare per mancato guadagno ??? ???????????????????????
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            - Scritto da: Anonimo
            continui a dire che sbaglio....
            però una definizione non sei riuscito
            ancora a darmela...Maronna ma ancora a questo punto stiamo? Migliaia di messaggi digitati invano, c'e' ancora qualcuno convinto che condividere sia un reato e che copiare sia un furto, ripetendo diligentemente la lezioncina della BSA e della FIMI. Evvabbè te lo spiego io:Copiare materiale protetto dal diritto d'autore senza autorizzazione dicasi violazione del diritto d'autore. Non rubi niente di niente. Il supporto fisico ce lo metti tu (altrimenti è furto, eheh) la creazione ivi contenuta non ti appartiene in nessun caso, infatti comprando un album/software non compri il suo codice o il suo spartito ma solo il DIRITTO di ascoltarlo/usarlo, in conformità a quanto stabilito dalla licenza d'uso. Se lo copi senza autorizzazione infrangi la licenza. La licenza è una conseguenza del diritto d'autore, che esiste per garantire i diritti degli autori e non per stabilire che la copia è un furto.Condividere non è un reato. Reato, per chi è assolutamente a digiuno di diritto, è infatti una fattispecie punita nel codice così detto penale. Invece condividere era e continuerà ad essere un illecito amministrativo, che in sostanza equivale a dire che condividere è un illecito paragonabile a parcheggiare l'auto in doppia fila (ed infatti prima di Urbani era anche sanzionato con cifre paragonabili a certe infrazioni automobilistiche).Quando la FIMI o il sig. Mazza parlano di REATO si dimenticano un piccolo particolare, ovvero che trattasi di reato solo se sussiste lo scopo di lucro, oppure se si tratta di software, per il quale, sfortunamante, a seguito di una legge voluta dalle lobby del software, anche il solo atto di CEDERE un programma copiato equivale alla ricettazione. Spero di averti chiarito le idee.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre a lamentarvi......
          - Scritto da: Anonimo
          mi scusi principe del foro.....
          tu appropriarsi di qualcosa non tuo come lo
          chiami?
          io lo chiamo furto
          e contravvenire a una qualsiesi legge che
          implica sanzioni amministrative e/o penali
          io lo chiamo reatoE sbagli, perchè il reato è un illecito esclusivamente penale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            Lasciate stare, è un troll.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            essì....quando non si sa cosa ribattere si esce sempre con questa frase..."è un troll" "è un lamer"scusami ma la tua intelligenza non riesce a partorire niente di + costruttivo?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            Anche gli argomenti di chi parla di "reato" , "furto" e così via non denotano molta intelligenza.Perchè sbagliano dal punto di vista legale.Perchè denotano che la persona si è bevuta una certa propaganda...E se pensa certe cose di suo...bè probabilmente è una persona pericolosa, perchè pragmatica e intollerante.IMHO
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            ma è possibile che per i comunisti coloro che non la pensano come loro siano tutti dei poveri imbecilli che si lasciano condizionare dalla propaganda? non può essere anche vero il contrario??e poi perfavore dire che posso essere una persona intollerante pericolosa e pragmatica solo perkè dico che diffondere materiale altrui non è corretto (io lo faccio lostesso e me ne frego di destra e sinistra) mi sembra un po esagerato.e se venissi a sapere che la sera faccio le ronde per menare gli extracomunitari del mio quartiere che faresti? mi condanneresti a morte??ma va vaaaaaaaaaaa
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            ah ok...allora abboliamo tutti gli illeciti amministrativi se non sono così importanti da non dover essere rispettati.voi volete solo scaricare a scrocco e pretendete anche che qualcuno vi autorizzi a farlo.il punto è questo
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            quanto sei piccolo.... ma piccolo davvero.cmq hai ammesso che vuoi scroccare e che vuoi essere autorizzato a farlo quindi non scrivere altre menate sul diritto e sulle libertà individuali quando tu scroccando non rispetti il diritto degli altri di proteggere le proprie opere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre a lamentarvi......
          - Scritto da: Anonimo
          mi scusi principe del foro.....
          tu appropriarsi di qualcosa non tuo come lo
          chiami?
          io lo chiamo furtoE sbagli. Laciando perdere i beni immateriali, che cosa e' l'Appropriazione Indebita, ad esempio?
          e contravvenire a una qualsiesi legge che
          implica sanzioni amministrative e/o penali
          io lo chiamo reatoPenso che tu abbia commesso qualche "reato" di sosta vietata o di eccesso di velocita', allora
          • Anonimo scrive:
            Re: Sempre a lamentarvi......
            ma fammi capire... a parte queste precisazioni cosa vuoi dirmi???che appropriarsi indebitamente di qualcosa è giusto?o che parcheggiare nei posti riservati ai portatori di handicap lo si può fare?solo perkè sono negli illeciti amministrativi allora si possono contravvenire????
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      - Scritto da: Anonimo
      Scambiare opere protette era, è e
      sarà sempre reato.ok ma specularci, anche questo è reato!Solo che la legge non contempla la speculazione sulle opere protette....
      Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Chesiamo in democrazia o che...
      vogliamo rubare?la solita risposta siete voi che volete rubare di più!se io compro un cd compero il diritto all'uso o il supporto?nel primo caso se si rompe il CD me lo devi ridare, o se Vasco fa una canzone con12 canzoni vecchie io pago solo quella nuova perche il diritto all'uso l'ho gia pagato. Se l'opera è trasmessa in TV pubblica il diritto all'uso scompare per ovvi motivi ( Lo ha pagato la TV per gli utenti che pagano il canone)... e i cd con canzoni non riginali devono essere arrestati(quindi copie cover mix e remix non fatte dall'autore)! Se non si rispetta queste regole basilari il concetto di diritto all'uso diventa MOLTO strumentale come accade adesso!!Nel secondo caso se è mio il supporto ci faccio quello che mi pare!
      Ma siete fuori di testa?potrei dire la stessa cosa
      E' come se prima di fare una legge per
      punire i mafiosi chiamino gli stessi a
      sentire cosa ne pensano....forse è il contrario!!!! la RIIA e la SIAE solo perchè rubano in modo legale non sono mafiose? Livello di giustizia sociale ogni enorme quadagno (sopra la media) è un'ingiustizia qualunque sia il motivo!!!
      Perfavore ora non rispondetemi dicendo che
      c'è chi si fa le leggi su misura
      perchè cmq si parla di una persona
      che è stata eletta e quindi è
      inutile lamentarsi..... basterebbe non
      eleggerla più.Discorso molto strumentale al posto di Urbani ci poteva benissimo stare qualcun'altro.... sono le corporazioni che premono per quadagnare di più o promettere un posto di lavoro!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a lamentarvi......
        ti ringrazio tanto per la risposta costruttiva...e non come le precedenti avute.permettimi di ribatterti punto per puntook ma specularci, anche questo è reato!Solo che la legge non contempla la speculazione sulle opere protette....(condivido in pieno)
        Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Chesiamo in democrazia o che...(quelli che sono i nostri rappresentanti li abbiamo eletti noi, ossia la +o- maggioranza degli italiani)
        vogliamo rubare?la solita risposta siete voi che volete rubare di più!se io compro un cd compero il diritto all'uso o il supporto?(giusto togliere la tassa su cd e altri supporti. ma rimane il fatto che divulgare opere e cose non proprie non mi sembra del tutto corretto nei confronti dei proprietari)Nel secondo caso se è mio il supporto ci faccio quello che mi pare!(permettimi una battuta.... anche io a casa ho un coltello...posso fare quello che mi pare? la propria liberta finisce dove inizia quella degli altri.... scusa il luogo comune)Per quando riguarda RIIA SIAE etc etc hai pienamente ragione.... c'è troppa gente che mangia legalmente sulle invenzioni altrui.è stato un piacere risponderti :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre a lamentarvi......

          (giusto togliere la tassa su cd e altri
          supporti. ma rimane il fatto che divulgare
          opere e cose non proprie non mi sembra del
          tutto corretto nei confronti dei
          proprietari)

          Nel secondo caso se è mio il supporto
          ci faccio quello che mi pare!
          (permettimi una battuta.... anche io a casa
          ho un coltello...posso fare quello che mi
          pare? la propria liberta finisce dove inizia
          quella degli altri.... scusa il luogo
          comune)Il nocciolo del discorso sta proprio qui!!Che poi è simile ai brevettiCi sono troppi esempi dell'una e dell'altra parte a pro e contro( esempi:brevetto auto e vicenda ford( ford copiò il brevetto dicendo che era uso comune) o artisti e inventori che hanno dato grosso contributo all'umanità me che sono morti di fame )Purtroppo se io vendo un CD con la canzone o film o libro poi non posso sperare che la gente non me lo copi, non lo regali o non lo scambi...dovrei creare uno stato di polizia per impedirlo.... ed è proprio quello che si vuole fare quindi qui sta la mia contrarietà a tutte le azioni di questo tipo anche se fatte in nome di cause giuste, soprattutto come cittadino libero...bisognerebbe non vendere i CD ... -
          l'originale non c'è! E vai con i concertiOppure creare supporti non registrabili ... ma è impossibile attualmente dato che lo scopo finale di un opera multimediale è proprio l'ascolto!!
          qui si accettano proposte!!Per me se non si vuole bloccare lo sviluppo tecnologico... la musica e il cinema attuale devono cambiareLo stesso è accaduto al cantastorieall'operaal teatroal film mutoalla radioe accadra al cinema e alla musica attualici saranno film senza attori ( ma reali)e canzoni create direttamente da chi le ascolta o per chi le ascolta (piu live meno CD)Io creo canzoni ( sono una schifezza) ma pur senza conoscere la musica si riescono a fare cose quasi decenti (house techno) grazie alle nuove strumentazioni informatiche e al supporto (pagato) megagalttico di opere offerte presenti nei vari megapackvedi band in a box o grovebox e simili
    • maciste scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      - Scritto da: Anonimo
      Scambiare opere protette era, è e
      sarà sempre reato.vero.
      Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Che
      vogliamo rubare?no, ma gari che non vogliamo essere monitorati preventivamente.
      Perfavore ora non rispondetemi dicendo che
      c'è chi si fa le leggi su misura
      perchè cmq si parla di una persona
      che è stata eletta e quindi è
      inutile lamentarsi..... quindi, se uno è stato eletto, può fare quello che gli pare? questa è una visione distorta della democrazia, tu vieni eletto per rappresentare il popolo non per avere il potere di fare qualsiasi cosa senza controllo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      Vedo con simpatia e pietà che sono ricicciati Gli Urbanisti amici del "NANO" come te.......Mi dispiace per voi ma i miei soldi non li avrete mai!!PTP Forever!!Lotta dura sarà!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a lamentarvi......
        ti commenti da solo...urbanisti... nano... e fesserie varie....niente di costruttivo come sopra... solo propaganda.potrei dirti che allora tu sei un comunista sfascia vetrine e mangia bambini.... ma non lo faccio perkè sarebbe qualunquisticoe non voglio essere qualunquista come tecambia spacciatore
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      - Scritto da: Anonimo
      Scambiare opere protette era, è e
      sarà sempre reato.Non era reato e non lo sarà mai, in un mondo più giusto non sarebbe neanche più illecito (a certe condizioni).
      Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Che
      vogliamo rubare?No, vogliamo che si smetta di chiamarci ladri. Visto che il furto è una cosa differente, io vorrei anche avere la possibilità di fare causa a tutti quelli che associano il p2p al furto.
      Ma siete fuori di testa?Anche tu non scherzi, hai acceso il cervello?
      E' come se prima di fare una legge per
      punire i mafiosi chiamino gli stessi a
      sentire cosa ne pensano....Contro l'idiozia neanche gli dei possono lottare.....
      Perfavore ora non rispondetemi dicendo che
      c'è chi si fa le leggi su misura
      perchè cmq si parla di una persona
      che è stata eletta e quindi è
      inutile lamentarsi..... basterebbe non
      eleggerla più.Ti rispondo che le leggi sono sempre su misura, e che nell'eleggere una persona si può anche sbagliare, ma i danni che può fare difficilmente qualcun altro avrà il coraggio e la convenienza di disfare
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a lamentarvi......
        mi spiace che ti sei perso qualche mia risposta dove chiarico meglio le mie posizioni....buona vita
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      Parti col piede sbagliato.Chi scarica non ruba,ma SCAMBIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!Lo vuoi capire o no???????????
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a lamentarvi......
        leggiti i commenti precedenti....scambiare cose non proprie non è giusto......se non sei daccordo allora magari potremmo scambiarci la foto della tua ragazza.... che ne dici????
    • Anonimo scrive:
      [OT] Please do NOT feed the TROLL
      come da oggetto
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Please do NOT feed the TROLL
        sei piccolo piccolo piccolo
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Please do NOT feed the TROLL
          - Scritto da: Anonimo
          sei piccolo piccolo piccoloe tu sei grande grande grande... TROLL :d
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Please do NOT feed the TROLL
        http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=595646ecco qui un buon esempio di scroccone ai quali facevo riferimento.....fin quando ci sarà questa gente il p2p sarà indifendibile
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Please do NOT feed the TROLL
          - Scritto da: Anonimo
          punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=595646

          ecco qui un buon esempio di scroccone ai
          quali facevo riferimento.....
          fin quando ci sarà questa gente il
          p2p sarà indifendibilehttp://www.urban75.com/Mag/troll.htmlEcco qui dei buoni esempi di "trolleggiamenti".... secondo me l'autore del post iniziale ci rientra in pieno.....
    • Bombardiere scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      - Scritto da: Anonimo
      Scambiare opere protette era, è e
      sarà sempre reato.
      Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Che
      vogliamo rubare?
      Ma siete fuori di testa?
      E' come se prima di fare una legge per
      punire i mafiosi chiamino gli stessi a
      sentire cosa ne pensano....
      Perfavore ora non rispondetemi dicendo che
      c'è chi si fa le leggi su misura
      perchè cmq si parla di una persona
      che è stata eletta e quindi è
      inutile lamentarsi..... basterebbe non
      eleggerla più.Il tuo commento è peggio dell'olio fritto e rifritto. Vedila in questo modo: se io compro un cd, e poi lo voglio prestare ad un amico, e lui se lo masterizza, non mi sembra sia illegale. Ho il masterizzatore, l'ho pagato. Ho i cd che ho pagato, e quindi masterizzo gli mp3 scaricati da ARCHIVI PUBBLICI, cioè I P2P. Vedila come vuoi tu, ma questi strumenti sono di pubblico dominio, e finchè tu non li commerci, rimani intoccabile. Nel tuo hd puoi metterci quello che vuoi. Chi conosce la legge: CAUSA EFFETTO? -----------------------------------------------------------------------------------I CD MUSICALI COSTANO TROPPO E I BRANI SONO UNA CHIAVICA?-----------------------------------------------------------------------------------Benssimo, io passo alla banda larga, e scarico quello che mi pare alla faccia loro. Mi beccano? Quante sono le probabilità che beccano me, che ho firewall, antitrojan, e antivirus aggiornato, praticamente sempre in mezzo a milioni e milioni di utenti? Praticamente quasi nulle. -----------------------------------------------------------------------------------I CD HANNO UN PREZZO CRISTIANO?-----------------------------------------------------------------------------------Beh, finalmente le major hanno capito che non possono avere la botte piena, e la moglie ubriaca, e si sono decisi ad abbassare i prezzi. Anche se il cd del cantante non è completamente di mio gradimento, sai costa 10 euro, ci sono alcune canzoni che mi piacciono e faccio questa piccola spesa.IN DEFINITIVA SONO LORO CHE FOMENTANO QUESTO FENOMENO, E O NON SE NE RENDONO CONTO, O FANNO FINTA DI NON CAPIRE.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a lamentarvi......
        bombardiere io sio daccordo pienamente con quello che dici...i cd costano troppose fossero più bassi sarebbe diverso (non credo che valga per tutti però)non sono daccordo solo su una cosa.....tu mi dici che hai comprato un masterizzatore, una connessione, un pc, etc etc e ci fai quello che vuoi.... in teoria è giusto, ma la tua libertà finisce dove inizia quella degli altri e non deve violare quelle che sono le leggi, giuste o sbagliate. esistono i referendum per abolirle se la classe politica nn è in grado di farlo.per esempio.... anche io ho dei coltelli a casa, delle forbici e altre armi improprie. se usate correttamente non fanno male a nessuno ed è lecito possederle.....(provocazione)sai quel'è il problema? mi sono antipatici gli extracomunitari..... che faccio??saluti
        • Bombardiere scrive:
          Re: Sempre a lamentarvi......
          - Scritto da: Anonimo
          bombardiere io sio daccordo pienamente con
          quello che dici...
          i cd costano troppo
          se fossero più bassi sarebbe diverso
          (non credo che valga per tutti però)

          non sono daccordo solo su una cosa.....
          tu mi dici che hai comprato un
          masterizzatore, una connessione, un pc, etc
          etc e ci fai quello che vuoi....
          in teoria è giusto, ma la tua
          libertà finisce dove inizia quella
          degli altri e non deve violare quelle che
          sono le leggi, giuste o sbagliate. esistono
          i referendum per abolirle se la classe
          politica nn è in grado di farlo.
          per esempio.... anche io ho dei coltelli a
          casa, delle forbici e altre armi improprie.
          se usate correttamente non fanno male a
          nessuno ed è lecito possederle.....
          (provocazione)
          sai quel'è il problema? mi sono
          antipatici gli extracomunitari..... che
          faccio??

          salutiInfatti io mica limito la libertà degli altri. La legge punisce la pirateria con scopo di lucro mi pare no? Io mica impedisco agli altri di fare quello che vogliono, tantomeno di mettere prezzi altri ai cd audio, e ai film. Solo che poi non devono lamentarsi se i loro MISERI e sottolineo MISERI guadagni diminuiscono. Ma no, loro sono ingordi, e questa è la punizione che si meritano. Devono capire che ci siamo ANCHE NOI , e abbiamo i NOSTRI DIRITTI . Non solo quelli degli attori e dei cantanti.Io non ho nessuna intenzione di arricchire le tasche di certi papponi per quello che mi è possibile.==================================Modificato dall'autore il 07/04/2004 16.24.22
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a lamentarvi......
      anche se IMHO sei solo un TROLL, e nemmeno tanto bravo, ti chiarisco alcune cose......- Scritto da: Anonimo
      Scambiare opere protette era, è e
      sarà sempre reato.un pò di precisione non guasterebbe sai?? reato e illecito sono due cose molto diverse.... è con il tuo pressapochismo che si fanno i danni più grandi....
      Ascoltare i cittadini per dire cosa?? Che
      vogliamo rubare?no, che voglio scambiare.... e la differenza non è poca cosa....
      Ma siete fuori di testa?no, è un mio sacrosanto diritto disporre come credo di ciò che posseggo....
      E' come se prima di fare una legge per
      punire i mafiosi chiamino gli stessi a
      sentire cosa ne pensano....paragonandoci ai mafiosi in effetti potresti aver ragione considerando che, in proporzione, chi condivide rischia PIU' di un mafioso......
      Perfavore ora non rispondetemi dicendo che
      c'è chi si fa le leggi su misura
      perchè cmq si parla di una persona
      che è stata eletta e quindi è
      inutile lamentarsi..... basterebbe non
      eleggerla più.a questo provvederemo a suo tempo, nel frattempo lasciaci almeno lamentare.... questo non puoi ancora impedircelo, è ancora un nostro diritto.
  • Anonimo scrive:
    Noi siamo stati rappresentati
    Dalle associazioni consumatori! Ed esistono per questo. Cosa siamo noi se non consumatori? Intesi come usufruitori di servizi internet.Per chi dice che le associazioni di consumatori non ci tutelano molto...Beh, penso di essere rappresentato meglio io da tali associazioni che non un artista dalla SIAE
    • Anonimo scrive:
      Re: Noi siamo stati rappresentati
      - Scritto da: Anonimo
      Dalle associazioni consumatori! Ed esistono
      per questo. Cosa siamo noi se non
      consumatori? Intesi come usufruitori di
      servizi internet.
      Per chi dice che le associazioni di
      consumatori non ci tutelano molto...
      Beh, penso di essere rappresentato meglio io
      da tali associazioni che non un artista
      dalla SIAEFanno qualcosa,ma è poco: senza offesa,ma sono anni che è in atto un cartello e tutti fanno finta di non saperlo.Se non si riesce neanche a dire quello mi riesce difficile sentirmi rappresentato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Noi siamo stati rappresentati
      - Scritto da: Anonimo
      Dalle associazioni consumatori! Ed esistono
      per questo. Cosa siamo noi se non
      consumatori? appunto... consumatori... mai Cittadini... e la cosa triste è che tu ne sei anche contento......Intesi come usufruitori di
      servizi internet.
      Per chi dice che le associazioni di
      consumatori non ci tutelano molto...
      Beh, penso di essere rappresentato meglio io
      da tali associazioni che non un artista
      dalla SIAEtristezza.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Noi siamo stati rappresentati
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Dalle associazioni consumatori! Ed
        esistono

        per questo. Cosa siamo noi se non

        consumatori?

        appunto... consumatori... mai Cittadini... e
        la cosa triste è che tu ne sei anche
        contento......Beh, mi sembra che il cittadino è interessato da questa normativa nel momento in cui diventa utente internet, e quindi consumatore.
        • Anonimo scrive:
          Re: Noi siamo stati rappresentati
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Dalle associazioni consumatori! Ed

          esistono


          per questo. Cosa siamo noi se non


          consumatori?



          appunto... consumatori... mai
          Cittadini... e

          la cosa triste è che tu ne sei
          anche

          contento......

          Beh, mi sembra che il cittadino è
          interessato da questa normativa nel momento
          in cui diventa utente internet, e quindi
          consumatore.E cosi' secondo te l'utente internet e' consumatore!ottimo!Mi rispondi a queste semplici domande?1) cosa e' un "utente" internet e quale differenza c'e' tra un "utente" e un ISP (non in termini di quanta banda ecc.) in termini di principo?2) "Consumatore" di cosa? quale e' l'oggetto o il servizio "consumato"?grazie :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Noi siamo stati rappresentati
            - Scritto da: Anonimo
            1) cosa e' un "utente" internet e quale
            differenza c'e' tra un "utente" e un ISP
            (non in termini di quanta banda ecc.) in
            termini di principo?L'ISP ti fornisce la connettività e *guadagna* per questo, tu solo la ricevi *pagando* e basta.
            2) "Consumatore" di cosa? quale e' l'oggetto
            o il servizio "consumato"?*Paghi* ed ottieni un servizio, esattamente come avviene per la telefonia o la tv satellitare. Il servizio che ti viene offerto è la possibilità di ricevere ed inoltrare pacchetti IP da e verso altri computer connessi ad Internet.
  • Anonimo scrive:
    Non siamo rappresentati
    Tutti i potenti sono in prima fila: major (adirittura 3 sigle!)SIAE (immancabile come la morte, avrà sentito odore si soldi, molti soldi) industria (3 sigle e nemmeno le + importanti) Confindustria (e che @## c'entra ??? allora anche i sindacati !) provider (nominati tra gli ultimi ?! i secondi ad essere sottofuoco, dopo i cittadini)la Polizia Postale (e la gdf ? o la Magistratura ? ma vorrebbero rappresentare la Giustizia ?)Registration Authority (e allora perchè non la Microsoft ? senza senso...) Adiconsum, Altroconsumo (alleluia, almeno loro che cmq sono già lontani dalle nostre posizioni)Solacria e IWA Italia (e chi sono ?)Stefano Rodotà (alleluia, l' unico che dirà che occorre tutelare la costituzione, inviolabilità della posta)Mancano gli attori principali: i semplici cittadini che si collegano a internet, scaricatori o meno (un' eventuale tassa colpirebbe tutti)Ma cavolo, almeno 1 numero 1 rappresentante di chi ha ascoltato le nostre proteste a PI o ad altri forum (V colonna, no-urbani, black dragon, etc...)In ultima analisi: che audizione del...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non siamo rappresentati

      Mancano gli attori principali: i semplici
      cittadini che si collegano a internet,
      scaricatori o meno (un' eventuale tassa
      colpirebbe tutti)io sono per il carcere per i pirati (o una multa molto piu' alta di 1500E) e niente tassa per gli onesti
      Ma cavolo, almeno 1 numero 1 rappresentante
      di chi ha ascoltato le nostre proteste a PI
      o ad altri forum (V colonna, no-urbani,
      black dragon, etc...)forse non sono andati perche' al primo accenno al "diritto di scaricare sw pirata" li avrebbero buttati in cella a s.vittore e avrebbero buttato la chiave ;D
      • Anonimo scrive:
        Re: Non siamo rappresentati
        sei un troll e pure nazista
      • Anonimo scrive:
        Re: Non siamo rappresentati
        - Scritto da: Anonimo


        Mancano gli attori principali: i
        semplici

        cittadini che si collegano a internet,

        scaricatori o meno (un' eventuale tassa

        colpirebbe tutti)

        io sono per il carcere per i pirati (o una
        multa molto piu' alta di 1500E) e niente
        tassa per gli onesti
        Anche io...ma i pirati non sono quelli ceh scaricano dalla rete, assolutamente no.Secondo me la tua ignoranza e' dilagante....collega un po' il cervello prima di esprimerti che rischi di confonderti con Urbani e ti ritrovi la vecchia la' nel letto
  • Anonimo scrive:
    Urbani sedotto ...
    ultimi aggiornamenti qui:http://key4biz.metsviluppo.it/index.jsp
    • Anonimo scrive:
      Re: Urbani sedotto ...
      Leggendo l'articolo non ho capito "quali" armi di seduzione abbiano usato i cinematografici con Urbani. Sono curioso e confesso che mi piacerebbe saperlo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Urbani sedotto ...
        - Scritto da: Anonimo
        Leggendo l'articolo non ho capito "quali"
        armi di seduzione abbiano usato i
        cinematografici con Urbani. Sono curioso e
        confesso che mi piacerebbe saperlo.provo a indovinare... $$$$ ?ho vinto qualcheccosa?
        • Anonimo scrive:
          Re: Urbani sedotto ...
          - Scritto da: Anonimo

          provo a indovinare... $$$$ ?
          ho vinto qualcheccosa?Ma no, l'idea mi aveva sfiorato un attimo, ma visto il decreto super-intransigente che aveva presentato con tanto di obbligo di delazione alla polizia da parte dei provider e altre delikatessen, mi faceva e mi fa tuttora pensare a una persona di alta statura morale e quindi assolutamente incapace di atti come quelli da te ipotizzati...
          • Anonimo scrive:
            Re: Urbani sedotto ...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            provo a indovinare... $$$$ ?

            ho vinto qualcheccosa?

            Ma no, l'idea mi aveva sfiorato un attimo,
            ma visto il decreto super-intransigente che
            aveva presentato con tanto di obbligo di
            delazione alla polizia da parte dei provider
            e altre delikatessen, mi faceva e mi fa
            tuttora pensare a una persona di alta
            statura morale Esatto. Anche io ritengo che sia assolutamente impossibile che una persona di tale statura morale possa anche solo pensare di dare soldi pubblici a Case di Produzione di proprieta' di persone a cui e' legato
          • Anonimo scrive:
            Re: Urbani sedotto ...
            LOL- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            provo a indovinare... $$$$ ?


            ho vinto qualcheccosa?



            Ma no, l'idea mi aveva sfiorato un
            attimo,

            ma visto il decreto super-intransigente
            che

            aveva presentato con tanto di obbligo di

            delazione alla polizia da parte dei
            provider

            e altre delikatessen, mi faceva e mi fa

            tuttora pensare a una persona di alta

            statura morale

            Esatto. Anche io ritengo che sia
            assolutamente impossibile che una persona di
            tale statura morale possa anche solo pensare
            di dare soldi pubblici a Case di Produzione
            di proprieta' di persone a cui e' legato
          • Anonimo scrive:
            Re: Urbani sedotto ...
            anch'io penso che si tratti di persone integerrime il cui interesse supremo è il benessere dei cittadini e l'integrità dello stato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Urbani sedotto ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Urbani sedotto ...
      - Scritto da: Anonimo
      ultimi aggiornamenti qui:

      key4biz.metsviluppo.it/index.jsp ma quell'articolo dice :"Ma il ministro Urbani decide di bloccare sul nascere il problema.Tramite il presidente della competente Commissione cultura, Ferdinando Adornato, dà assicurazioni ai firmatari della pregiudiziale di voler modificare il decreto incontrando le richieste dell?opinione pubblica e dell?industria di settore interpretate dai firmatari.Urbani invita inoltre i deputati che stanno esaminando il decreto alla Camera a depennare dal testo le sanzioni previste a carico degli utenti o, ad esser più precisi, a non sanzionare il download di file destinati ad uso personale."Ci fa togliere la multa!Quindi possiamo continuare ad hostare e scaricare files alla facciazza sua, delle majors e della SIAE
      • Anonimo scrive:
        Re: Urbani sedotto ...
        Peccato che il giorno dopo abbia dichiarato di non voler assolutamente togliere le sanzioni. Al massimo di mitigarle.Ora come ora si parla di un avviso formale nel caso si venga beccati una prima volta, multe nel caso di reiterazione.E di una tassa sulle connessioni Internet al pari di quella sui supporti vergini. Ma se dite che è illegale perchè lo tassate? Sarebbe come far pagare una tassa apusher e clienti....Grazie Onorevole Carlucci!Joe
  • Anonimo scrive:
    Niente audizioni per i CITTADINI!!!
    audizioni per tutti ma non per i semplici cittadini!!! ci voleva una persona con buone doti oratorie che spiegasse, dal lato del consumatore, cosa sta accadendo... e invece..... sonos tati ascoltati solo i potenti!!!almeno adiconsum e altroconsumo hano in parte sottolineato a nostra presenza..... a loro va il mio Grazie!! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Niente audizioni per i CITTADINI!!!
      - Scritto da: Anonimo
      almeno adiconsum e altroconsumo hano in
      parte sottolineato a nostra presenza..... a
      loro va il mio Grazie!! :)Sono loro che rappresentano "i cittadini", intesi come utenti internet. Quindi ci hanno ascoltato anche noi come categoria.
    • Anonimo scrive:
      non ci sono più Cittadini.....
      solo consumatori.... :(
  • Anonimo scrive:
    Trivial: Titania Produzioni
    di chi è?:D
    • Anonimo scrive:
      Re: Trivial: Titania Produzioni
      chiedilo a Sgarbi... lui te lo dice, anche in prima serata davanti a milioni di spettatori. Un grande!
      • Anonimo scrive:
        Re: Trivial: Titania Produzioni
        - Scritto da: Anonimo
        chiedilo a Sgarbi... lui te lo dice, anche
        in prima serata davanti a milioni di
        spettatori. Un grande!Sgarbi si accorge che in rai non c'è libertà solo quando non lo lasciano parlare e attacca solamente i politici che si frappongono fra lui ed il potereE' un opportunista della peggior specie.
    • Anonimo scrive:
      Re: Trivial: Titania Produzioni
      - Scritto da: Anonimo
      di chi è?:DDacci un indizio!
  • Anonimo scrive:
    Perlomeno
    con qualcuno esperto o presunto tale del settore ci hanno finalmente parlato. A quanto ne so finora avevano fatto tutto di tasca loro (almeno a livello ufficiale) senza pareri di legalità e fattibilità da parte di esperti del settore (ad esempio rodotà per la privacy, nn mi par poco). Un po' come se io potassi una vigna senza sapere come è fatta: semplicemente non la distinguerei nemmeno ovvero la persona sbagliata a fare il lavoro richiesto.Tuttavia penso che la gente comune nn la ascolteranno mai: c'è da essere soddisfatti del fatto abbiano sentito almeno il parere di assoconsumatori che per solo sintetizza il parere di tutti...almeno in teoria.Vediamo cosa ne uscirà. E vediamo chi sarà stato maggiormente ascoltato...malignamente mi vien da dire vediam chi ha pagato di più...ma poi penso che c'è la recessione economica, quindi non viaggeranno "mazzette" : useranno frutta secca e provole. Due generi ben più strategici,duraturi e sicuri come potere di acquisto rispetto alla moneta che oramai perde tale potere di giorno in giorno.Tra 5 anni con due sacchi di noci e 30 chili di provole ti danno una mercedes, che in euro (ma solo zona mediterranea italia in particolare...) ne costerà 2000000 di euro.Il funzionario di stato che intasca la provola piuttosto che gli euro (dopo che gli era andata male già con le cedole del credito obbligazionario di latterie e conservifici e le azioni della famosa banca bresciana) si sente sicuro di avere un bene strategico e nn dover chiedere sempre in gliro "...hun panino al crudoo..." oppure "...un comunista al forno..." (giusto per parcondicio).Tornando seri direi che un passo è stato fatto. Si vedrà se sarà definitivamente in avanti o purtroppo all'indietro.
  • Anonimo scrive:
    Abbiamo risolto il problema del p2p...
    I film o gli mp3 ce li spediamo comodamente via e-mail (1 giga!!!)... sui p2p gireranno unicamente le liste delle collezioni degli utenti e le loro e-mail... che non mi sembra illegale...
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiamo risolto il problema del p2p...
      beh....con yahoo sarebbe ancora meglio se anche la valigetta fosse di 1 giga...non servirebbe neppure la email ma solo il box ..eheheheheehhvabbe va!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiamo risolto il problema del p2p.
      - Scritto da: Anonimo
      I film o gli mp3 ce li spediamo comodamente
      via e-mail (1 giga!!!)... sui p2p gireranno
      unicamente le liste delle collezioni degli
      utenti e le loro e-mail... che non mi sembra
      illegale...Con google le informazioni rimangono memorizzate anche dopo che hai disdetto il servizio. Mi sembra il modo ideale per essere denunciati in qualsiasi momento anche a distanza di mesi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbiamo risolto il problema del p2p.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        I film o gli mp3 ce li spediamo
        comodamente

        via e-mail (1 giga!!!)... sui p2p
        gireranno

        unicamente le liste delle collezioni
        degli

        utenti e le loro e-mail... che non mi
        sembra

        illegale...

        Con google le informazioni rimangono
        memorizzate anche dopo che hai disdetto il
        servizio. Mi sembra il modo ideale per
        essere denunciati in qualsiasi momento anche
        a distanza di mesi.Premettendo che spero si arrivi a qualcosa di più ragionevole,non è possibile fare nulla se si va con l'e-mail: la posta è esclusivamente privata e non potendo scaricare nulla di quello che è stato inviato non si può sapere assolutamente cosa è stato inviato(il nome di un file non vale nulla,serve sapere cos'è quel file).
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiamo risolto il problema del p2p.
      A questo punto perche' il file non lo spedisci al tuo amico direttamente con Waste o semplicemente tramite FTP ?Il fatto e' che questo non e' p2p :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbiamo risolto il problema del p2p.
        - Scritto da: Anonimo
        A questo punto perche' il file non lo
        spedisci al tuo amico direttamente con Waste
        o semplicemente tramite FTP ?
        Il fatto e' che questo non e' p2p :)Eh, eh eh....per quello che mi riguarda capisco che i papponi della RIIA abbiano il dente avvelenato con il p2p di "massa". Nel mio piccolo vedo già una trasformazione: il problema erano i costi dei CD e DVD, no?Avete presente un gruppo di amici ristretto e l'idea di dividere il prezzo di un bene acquistato?Oppure il semplice "baratto"? Concetti come ftp e waste?Basta avere icq per sapere quale "amico" è in linea...Leggo dall'articolo che c'è un diritto costituzionale alla libertà e alla segretezza della comunicazione previsto dall'art.15 della Costituzione. E' questo immagino che faccia girare le scatole alla SIAE e a un sacco di discografici. Grazie Rodotà: sei un mito, nel mio server "PRIVATO" c'è quello che io voglio ci sia, a casa mia, quando mi pare e piace e nessuno ha diritto di entrarci tranne quelli che dico io. Grazie, Costituzione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo risolto il problema del p2p.
          - Scritto da: AnonimoGrazie
          Rodotà: sei un mito, nel mio server
          "PRIVATO" c'è quello che io voglio ci
          sia, a casa mia, quando mi pare e piace e
          nessuno ha diritto di entrarci tranne quelli
          che dico io. Grazie, Costituzione.Mi passi un account ? ;)
  • sh4d scrive:
    Mezzo mondo...
    E la gente normale quando verrà ascoltata?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mezzo mondo...
      Avranno gia' dedotto qualkosa qui...da PI...proprio in questo forum...vedrai che di gia' ne sanno di noi piu' del dovuto ;)
      • sh4d scrive:
        Re: Mezzo mondo...
        - Scritto da: Anonimo
        Avranno gia' dedotto qualkosa qui...da
        PI...proprio in questo forum...vedrai che di
        gia' ne sanno di noi piu' del dovuto ;)ad essere sincero la calma apparente di questi giorni non è del tutto tranquillizzante. Certo è che ora questa sporca questione è un tantino più alla luce del sole di prima. E ciò è bene.
        • mottavio scrive:
          Re: Mezzo mondo...
          - Scritto da: sh4d

          - Scritto da: Anonimo

          Avranno gia' dedotto qualkosa qui...da

          PI...proprio in questo forum...vedrai
          che di

          gia' ne sanno di noi piu' del dovuto ;)

          ad essere sincero la calma apparente di
          questi giorni non è del tutto
          tranquillizzante. Certo è che ora
          questa sporca questione è un tantino
          più alla luce del sole di prima. E
          ciò è bene.Concordo. E' bene che se ne parli, dopo il silenzio tombale e totalitario durato quasi un mese....
    • Anonimo scrive:
      Re: Mezzo mondo...
      mai.... siamo solo consumatori, e dato che i diritti li hanno i Cittadini.... a te trarre le debite conclusioni :(
Chiudi i commenti