Microsoft.com inesorabilmente down

Ieri sera i problemi che sembravano risolti si sono ripresentati, lasciando aperta la porta a numerose interpretazioni. Il guasto tecnico che Microsoft dava per risolto si è ripresentato e, forse, non di guasto si dovrebbe parlare


Roma – Si aggravano i problemi per i principali siti di Microsoft. Dopo quanto accaduto tra mercoledì e giovedì, quando microsoft.com, msn.com ed altri siti sono risultati inaccessibili per molte ore, ieri sera il problema si è ripresentato, segnalando un livello di gravità evidentemente maggiore del previsto.

Nella mattinata di ieri Microsoft aveva infatti diffuso un comunicato subito dopo aver ristabilito l’accesso ai propri siti. Comunicato in cui spiegava di aver individuato e risolto l’errore compiuto da un proprio tecnico nella configurazione dei server DNS dell’azienda, ovvero i server che consentono agli utenti di “raggiungere” i siti Microsoft “chiamando” i nomi di dominio corrispondenti.

Ieri sera, verso le 20, il sito di msn.com è risultato improvvisamente inaccessibile mentre si è potuto accedere ad intermittenza al sito microsoft.com per circa venti minuti, passati i quali anche microsoft.com è divenuto inaccessibile. Con gli indirizzi numerici (207.46.230.219 / 229 / 211) è stato comunque possibile accedere a microsoft.com sebbene il server risultasse estremamente lento nella navigazione e desse numerosi errori, come l’impossibilità di effettuare una ricerca o il mancato caricamento delle immagini in home page.

Ieri sera, Punto Informatico ha potuto contattare Microsoft Italia che ha riferito le informazioni provenienti dagli ingegneri dell’azienda a Redmond, informazioni secondo cui i problemi di ieri sera erano ascrivibili nuovamente ad un problema di DNS iniziato verso le 20. “Secondo i tecnici – hanno spiegato i responsabili di Microsoft Italia – questa volta le cose dovrebbero essere risolte più in fretta perché sanno dove si trova l’errore”. E in effetti verso le 22 e 30 microsoft.com è tornato accessibile, pur presentando ancora errori e soffrendo di una grande lentezza nel caricamento delle pagine.

Anche per questo, secondo alcune e-zine che hanno parlato della cosa nella serata, la spiegazione di Microsoft non ha convinto tutti.


Il primo elemento che ha dato da pensare è stata l’intermittenza dell’accesso al sito microsoft.com attraverso il DNS. Se questo fosse incorso in un “guasto”, il sito, ha scritto qualcuno, non avrebbe dovuto essere stato raggiungibile tout-court. Altro elemento che ha messo la pulce nell’orecchio a qualcuno è il fatto che attraverso gli indirizzi numerici il sito era raggiungibile, ma la sua estrema lentezza e effettiva inutilizzabilità segnalerebbero un problema di network che va al di là del Domain Name System.

Su queste basi qualcuno si è sbilanciato parlando di attacco DDoS (Distributed Denial of Service) portato contro il network Microsoft, criticato in queste ore da alcuni esperti per la configurazione “debole” che avrebbe proprio sul “perno” dei quattro server DNS. In questa “visione” del problema, dunque, un attacco distribuito basato sull’invio di innumerevoli richieste ai server avrebbe come sue prime vittime proprio i server DNS.

Quel che è certo è che Microsoft da sempre è al centro di tentativi di attacchi di hacking e di cracking da parte di innumerevoli soggetti in tutto il Mondo. Come “target”, l’azienda ha dovuto difendersi in più occasioni e in almeno una occasione ha dovuto ammettere il successo di una incursione sui propri server. Un cracking che ha suscitato scalpore perché avrebbe consentito agli aggressori di entrare in contatto con il codice sorgente di prodotti Microsoft.

In questo quadro l’ipotesi di un attacco di tipo DDoS – un genere di attacco che l’FBI e il CERT negli ultimi mesi avevano dato come probabile ai danni delle net-companies – può naturalmente trovare credito ma solo nelle prossime ore, con una nota ufficiale da parte di Microsoft, si potrà cercare di mettere in chiaro come e perché la seconda azienda Internet e la prima softwarehouse del mondo per tre giorni sia finita praticamente “offline”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Si ma i $$???
    Pagheranno pagheranno...Mah Staremo a vedere.Non ripondono nemmeno alle email di sollecito o di informazione.Il servizio sta diventando una ca.....Saluti a tutti
  • Anonimo scrive:
    Crepi il lupo!
    Però se ti piglia quello delle 300.000 lire,lohanno censurato,ma credo che dovresti correremolto velocemente:magari gridando al lupo,al lupo.Mandagli questi quattro soldi,dormirai più bene.
  • Anonimo scrive:
    E' anche arrivata eBay Italia....
    Anche se dovessero risolvere i problemi con la Francia, come dice il Sig. Moretto, non credo che Aucland avra' ancora molto spazio.Oltretutto, e' arrivato ora anche eBay Italia http://www.ebay.it e onestamente credo che loro siano il massimo per le aste on line; mi sono registrata e in piu' oltre al servizio di migliore qualita' ci sono milioni di oggetti da tutto il mondo!Comunque in bocca al lupo.Saluti.Anna.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' anche arrivata eBay Italia....
      Crepi il lupo.Comunque il sito italiano non a milioni di oggettima e fatto molto bene.Marco- Scritto da: Anna
      Anche se dovessero risolvere i problemi con
      la Francia, come dice il Sig. Moretto, non
      credo che Aucland avra' ancora molto spazio.

      Oltretutto, e' arrivato ora anche eBay
      Italia http://www.ebay.it e onestamente
      credo che loro siano il massimo per le aste
      on line; mi sono registrata e in piu' oltre
      al servizio di migliore qualita' ci sono
      milioni di oggetti da tutto il mondo!

      Comunque in bocca al lupo.
      Saluti.
      Anna.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' anche arrivata eBay Italia....
        Marco, non ha molti oggetti in quanto non ha ancora pompato il servizio ... mi sembra che quando hai lanciato aucland hai pompato molto il messaggio in radio ... Aspettiamo di vedere che azioni intraprendono (io ad esempio sono già stato contattato informalmente per una partnership)Tra l'altro ha alle spalle un paio di cosucce carine:1) Partner internazionale quotato in borsa con una capitalizzazione da 13.194 B2) Immagine consolidata3) Piattaforma Strafiga4) Modello di business già sperimentato ampiamente OVUNQUECiaoClawww.mailforyou.com- Scritto da: Marco Antonio Moretto
        Crepi il lupo.

        Comunque il sito italiano non a milioni di
        oggetti
        ma e fatto molto bene.

        Marco

        - Scritto da: Anna

        Anche se dovessero risolvere i problemi
        con

        la Francia, come dice il Sig. Moretto, non

        credo che Aucland avra' ancora molto
        spazio.



        Oltretutto, e' arrivato ora anche eBay

        Italia http://www.ebay.it e onestamente

        credo che loro siano il massimo per le
        aste

        on line; mi sono registrata e in piu'
        oltre

        al servizio di migliore qualita' ci sono

        milioni di oggetti da tutto il mondo!



        Comunque in bocca al lupo.

        Saluti.

        Anna.
        • Anonimo scrive:
          Re: E' anche arrivata eBay Italia....
          Oggi ... e domani?- Scritto da: Cla
          Marco, non ha molti oggetti in quanto non ha
          ancora pompato il servizio ... mi sembra che
          quando hai lanciato aucland hai pompato
          molto il messaggio in radio ... Aspettiamo
          di vedere che azioni intraprendono (io ad
          esempio sono già stato contattato
          informalmente per una partnership)

          Tra l'altro ha alle spalle un paio di
          cosucce carine:
          1) Partner internazionale quotato in borsa
          con una capitalizzazione da 13.194 B
          2) Immagine consolidata
          3) Piattaforma Strafiga
          4) Modello di business già sperimentato
          ampiamente OVUNQUE

          Ciao
          Cla
          www.mailforyou.com



          - Scritto da: Marco Antonio Moretto

          Crepi il lupo.



          Comunque il sito italiano non a milioni di

          oggetti

          ma e fatto molto bene.



          Marco



          - Scritto da: Anna


          Anche se dovessero risolvere i problemi

          con


          la Francia, come dice il Sig. Moretto,
          non


          credo che Aucland avra' ancora molto

          spazio.





          Oltretutto, e' arrivato ora anche eBay


          Italia http://www.ebay.it e
          onestamente


          credo che loro siano il massimo per le

          aste


          on line; mi sono registrata e in piu'

          oltre


          al servizio di migliore qualita' ci
          sono


          milioni di oggetti da tutto il mondo!





          Comunque in bocca al lupo.


          Saluti.


          Anna.
  • Anonimo scrive:
    sono sempre in attesa dei pagamente di molti mesi
    sono sempre in attesa dei pagamente di molti mesi e nessune l'accortezza di mandarmi una email di chiarimenti alle mie innumerevoli spedite!!!!!!!!!!!!!!!!! Non mi sembra il Comportamento corretto
    • Anonimo scrive:
      Re: sono sempre in attesa dei pagamente di molti mesi
      Ti ho risposto via mail adesso.Ma posso aggiugere visto che ci sono anche pochi dipendenti non hanno il tempo di rispondere a tutte le domande che arrivino. Ce ne scusiamo e speriamo di potere risolvere quest'altro problema al piu presto.CordialmenteMarco - Scritto da: pljnsky
      sono sempre in attesa dei pagamente di molti
      mesi e nessune l'accortezza di mandarmi una
      email di chiarimenti alle mie innumerevoli
      spedite!!!!!!!!!!!!!!!!! Non mi sembra il
      Comportamento corretto
      • Anonimo scrive:
        Re: sono sempre in attesa dei pagamente di molti mesi
        Non permettere ad altri di peggiorare la situazione.- Scritto da: Marco Antonio Moretto
        Ti ho risposto via mail adesso.
        Ma posso aggiugere visto che ci sono anche
        pochi dipendenti non hanno il tempo di
        rispondere a tutte le domande che arrivino.
        Ce ne scusiamo e speriamo di potere
        risolvere quest'altro problema al piu
        presto.

        Cordialmente

        Marco

        - Scritto da: pljnsky

        sono sempre in attesa dei pagamente di
        molti

        mesi e nessune l'accortezza di mandarmi
        una

        email di chiarimenti alle mie innumerevoli

        spedite!!!!!!!!!!!!!!!!! Non mi sembra il

        Comportamento corretto
        • Anonimo scrive:
          Re: sono sempre in attesa dei pagamente di molti mesi
          una risposta automatica potevate permettervela?un'vviso ai patner no?torno a pensare che non vi siete comportati correttamente- Scritto da: .

          Non permettere ad altri di peggiorare la
          situazione.

          - Scritto da: Marco Antonio Moretto

          Ti ho risposto via mail adesso.

          Ma posso aggiugere visto che ci sono anche

          pochi dipendenti non hanno il tempo di

          rispondere a tutte le domande che
          arrivino.

          Ce ne scusiamo e speriamo di potere

          risolvere quest'altro problema al piu

          presto.



          Cordialmente



          Marco



          - Scritto da: pljnsky


          sono sempre in attesa dei pagamente di

          molti


          mesi e nessune l'accortezza di mandarmi

          una


          email di chiarimenti alle mie
          innumerevoli


          spedite!!!!!!!!!!!!!!!!! Non mi sembra
          il


          Comportamento corretto
  • Anonimo scrive:
    Re: Un modello di business sballato

    Il fatto è che se io compro un giornale lo
    pago (e mi cucco la pubblicità). Se io vedo
    un giornale su Internet non lo pago (e mi
    cucco pubblicità)

    Manca qualcosa....Si', manca la bolletta telefonica.I soldi che prima davi al giornalaio, adesso li dai alla compagia telefonica (soprattutto Telecom).E qui si potrebbe continuare all'infinito...
  • Anonimo scrive:
    VERGOGNATI, DISGRAZIATO !
    Senti un po' amministratore strafallito di Aucland, non sei degno di amministrare un'azienda in quanto non paghi i fornitori e non ti preoccupi neanche di avvisarli o di dar loro spiegazioni.Chi scrive e' un affiliato che ha maturato oltre 300.000 lire di commissioni e che sta per intentarti causa di fallimento.Hai capito? Vergognati!Se sei riuscito a scappare in Francia ti conviene rimanerci per sempre, spero a sopravvivere di stenti.INFAME !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Un modello di business sballato
    Le tue considerazioni sono giuste ma io mi soffermerei solo su una cosa:un presunto manger che incolpa suo zio. Che sia vero o meno non lo so, ma c'è veramente da mettersi le mani nei capelli. Con tutto il rispetto per Marco Antonio Moretto che magari è un grande manager.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un modello di business sballato
      Quello che sia la decisione del giudice gli utenti veranno pagati.Per quanto riguarda il mio zio era l'unica persona che conoscevo arrivando in Italia ( visto che ho sempre vissuto in Francia ) avevo 19 anni e mi sono fidato della persona non giusta. Il business e cosi.Comunque ti ringrazio per il magari e un grande manager :-)Cordiali Saluti Marco Antonio Moretto- Scritto da: kat
      Le tue considerazioni sono giuste ma io mi
      soffermerei solo su una cosa:

      un presunto manger che incolpa suo zio.

      Che sia vero o meno non lo so, ma c'è
      veramente da mettersi le mani nei capelli.
      Con tutto il rispetto per Marco Antonio
      Moretto che magari è un grande manager.
      • Anonimo scrive:
        ao almeno è uno simpatico !!!
        - Scritto da: Marco Antonio Moretto
        Comunque ti ringrazio per il magari e un
        grande manager :-)ao a me e' simpatico pero' !!!ma quando mai s'e' visto uno di una azienda intervistato e partecipare ad un forum on line su un quotidiano un po "scomodo" (per alcuni parecchio scomodo . vabbe') ?Io i manager che all una di notte si mettono a leggere le opinioni del lettori e a rispondere ( invece di passarsele sghignazzando il giorno dopo da una scrivania di Giugiaro all'altra, copiaincollando via wireless da un iBook a un Ipaq) sinceramente non l ho mai vistiil modello di business sara' sballato ma forse perche' Moretto e' new new economy ! F
      • Anonimo scrive:
        Re: Un modello di business sballato
        Io posso anche credere che sia stato tuo zio. Il fatto è che a volte non conviene dire la verità in questi termini.Auguroni.p.s.= in ogni caso le aste fallimentari hanno sempre tirato benissimo.- Scritto da: Marco Antonio Moretto
        Quello che sia la decisione del giudice gli
        utenti veranno pagati.

        Per quanto riguarda il mio zio era l'unica
        persona che conoscevo arrivando in Italia (
        visto che ho sempre vissuto in Francia )
        avevo 19 anni e mi sono fidato della persona
        non giusta. Il business e cosi.

        Comunque ti ringrazio per il magari e un
        grande manager :-)

        Cordiali Saluti

        Marco Antonio Moretto

        - Scritto da: kat

        Le tue considerazioni sono giuste ma io mi

        soffermerei solo su una cosa:



        un presunto manger che incolpa suo zio.



        Che sia vero o meno non lo so, ma c'è

        veramente da mettersi le mani nei capelli.

        Con tutto il rispetto per Marco Antonio

        Moretto che magari è un grande manager.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un modello di business sballato
        Sono, in parte, in accordo con il sig. Moretto visto che ben conosco il mondo e i retroscena (e i dietro le quinte) di "affari" ben piu' al di la', e quello che succede anche nelle multinazionali visto che spesso porto a conclusioni affari internazionali.Ho esperienze e conosco signori e fatti, conosco affari "poco ortodossi" di grandi manager e societa', di imprenditori e banche che vanno in sella on line, di societa' di gestione di carte di credito, di affari inerenti a Gestori di Telefonia e tutti gli intrecci e rapporti anche fra gli stessi loro e terzi familiari.Qualcuno, un avvocato, avendogli dato modo che conosceva tale mondo a quel punto disse gia allora che nell'ambito degli importatori e nella catena di chi tratta hardware e sofware non pensava di trovarsi di fronte a tali caimani, ma vi assicuro che nell'ambito dei servizi fonia, internet, ecc. e' ancora peggio.Pertanto posso ben comprendere, anche perhe' so', cosa sta passando Moretto come d'altro canto so' della sua strategia.Il fatto poi che ha scritto qui, bhe' ... e' poco ortodosso e non so quanto gli potrebbe far bene, ricordati il Principe di Macchiavelli.Transa con i signori e lascia a loro il da farsi facendoti dare l'assicurazione.- Scritto da: Marco Antonio Moretto
        Quello che sia la decisione del giudice gli
        utenti veranno pagati.

        Per quanto riguarda il mio zio era l'unica
        persona che conoscevo arrivando in Italia (
        visto che ho sempre vissuto in Francia )
        avevo 19 anni e mi sono fidato della persona
        non giusta. Il business e cosi.

        Comunque ti ringrazio per il magari e un
        grande manager :-)

        Cordiali Saluti

        Marco Antonio Moretto

        - Scritto da: kat

        Le tue considerazioni sono giuste ma io mi

        soffermerei solo su una cosa:



        un presunto manger che incolpa suo zio.



        Che sia vero o meno non lo so, ma c'è

        veramente da mettersi le mani nei capelli.

        Con tutto il rispetto per Marco Antonio

        Moretto che magari è un grande manager.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un modello di business sballato
          Scusami ma non ti ho riconosciuto scrivimi via mail, o dimmi chi sei.Marco- Scritto da: Gen
          Sono, in parte, in accordo con il sig.
          Moretto visto che ben conosco il mondo e i
          retroscena (e i dietro le quinte) di
          "affari" ben piu' al di la', e quello che
          succede anche nelle multinazionali visto che
          spesso porto a conclusioni affari
          internazionali.

          Ho esperienze e conosco signori e fatti,
          conosco affari "poco ortodossi" di grandi
          manager e societa', di imprenditori e banche
          che vanno in sella on line, di societa' di
          gestione di carte di credito, di affari
          inerenti a Gestori di Telefonia e tutti gli
          intrecci e rapporti anche fra gli stessi
          loro e terzi familiari.

          Qualcuno, un avvocato, avendogli dato modo
          che conosceva tale mondo a quel punto disse
          gia allora che nell'ambito degli importatori
          e nella catena di chi tratta hardware e
          sofware non pensava di trovarsi di fronte a
          tali caimani, ma vi assicuro che nell'ambito
          dei servizi fonia, internet, ecc. e' ancora
          peggio.

          Pertanto posso ben comprendere, anche perhe'
          so', cosa sta passando Moretto come d'altro
          canto so' della sua strategia.

          Il fatto poi che ha scritto qui, bhe' ... e'
          poco ortodosso e non so quanto gli potrebbe
          far bene, ricordati il Principe di
          Macchiavelli.

          Transa con i signori e lascia a loro il da
          farsi facendoti dare l'assicurazione.


          - Scritto da: Marco Antonio Moretto

          Quello che sia la decisione del giudice
          gli

          utenti veranno pagati.



          Per quanto riguarda il mio zio era l'unica

          persona che conoscevo arrivando in Italia
          (

          visto che ho sempre vissuto in Francia )

          avevo 19 anni e mi sono fidato della
          persona

          non giusta. Il business e cosi.



          Comunque ti ringrazio per il magari e un

          grande manager :-)



          Cordiali Saluti



          Marco Antonio Moretto



          - Scritto da: kat


          Le tue considerazioni sono giuste ma
          io mi


          soffermerei solo su una cosa:





          un presunto manger che incolpa suo
          zio.





          Che sia vero o meno non lo so, ma c'è


          veramente da mettersi le mani nei
          capelli.


          Con tutto il rispetto per Marco Antonio


          Moretto che magari è un grande manager.
Chiudi i commenti