Mille Gigabyte nel salotto di casa

Il gigante dell'elettronica giapponese Hitachi si appresta ad introdurre sul mercato del Sol Levante quello che afferma essere il primo videoregistratore digitale in grado di registrare 1 Terabyte di video


Tokyo (Giappone) – Sul mercato dei videoregistratori digitali da meno di un anno, Hitachi si sente già pronta a sfidare colossi del settore come Sony e Panasonic lanciando la prima unità di registrazione domestica con una capacità di registrazione di 1 Terabyte (1.000 GB), pari a circa 128 ore di video ad alta definizione.

Il videoregistratore di Hitachi include uno o più hard disk interni (disponibili anche con capacità minori) e un masterizzatore di DVD. Il suo prezzo dovrebbe oscillare tra i quasi 1.000 euro del modello da 160 GB agli oltre 1.700 euro del modello di classe terabyte.

“Siamo entrati in questo settore lo scorso anno e fino ad ora siamo stati in grado di catturare solo il 3% del mercato”, ha ammesso Norio Ogimoto, general manager dello Storage Media Group di Hitachi. “È davvero arduo generare ritorni economici decenti con questi volumi di vendita”.

E così il colosso dell’elettronica giapponese ha deciso di giocare d’azzardo e lanciare un prodotto che, seppure molto costoso, possa diversificare la propria offerta da quella dei concorrenti. Hitachi sostiene che i suoi nuovi modelli di videoregistratore sono i primi sul mercato a poter registrare simultaneamente due programmi TV ad alta definizione, come ad esempio quelli trasmessi in Giappone da alcune emittenti televisive terrestri.

Il produttore ha detto che il modello da 1 Terabyte contiene al proprio interno due hard disk da 500 gigabyte ciascuno, probabilmente due DeskStar 7K500 prodotti dalla stessa Hitachi: un drive di tale capienza, sul mercato retail, ha un prezzo che varia dai 320 ai 440 dollari.

Per il momento il big giapponese non ha piani circa la commercializzazione del proprio videoregistratore in USA ed Europa: qui, a suo dire, i consumatori non sentono ancora l’esigenza di capacità di registrazione così elevate. Va ricordato che il Giappone, da solo, rappresenta oltre la metà del mercato globale dei masterizzatori DVD.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti