Minori al sicuro su Internet

Una campagna di informazione per promuovere l'utilizzo sicuro della Rete. Promossa da Save the Children e ad Adiconsum

Roma – Toccherà 20 scuole in 12 regioni l’Easy Tour di Adiconsum e Save the Children. Una serie di incontri e laboratori con studenti e insegnanti “per la promozione fra i giovani di un uso sicuro e responsabile delle nuove tecnologie”.

“Le nuove tecnologie costituiscono una straordinaria occasione di comunicazione e apprendimento per i bambini e gli adolescenti, a patto che sappiano riconoscerne e valutarne opportunità e vantaggi, così come i potenziali rischi” spiega Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia. Per l’associazione, la strada da seguire è quella che considera i ragazzi “non solo come vittime degli eventuali pericoli della rete o del telefonino bensì come individui attivi, con risorse autonome, dotati di capacità decisionali”.

Dal 19 novembre, sette operatori del team Easy inizieranno il loro tour per le scuole: si parte da Civitavecchia e si finirà a Verbania, per ben 6 mesi di viaggio. “Attraverso giochi di ruolo e simulazioni di ciò che può succedere utilizzando il computer o il cellulare, gli alunni avranno modo di riflettere sul significato di sicurezza in rete”, spiegano gli organizzatori.

Insieme con l’Easy Tour viaggerà anche l’Easy bus, un mezzo dotato di computer, cellulari e videocamere che stazionerà fuori delle scuole e in alcune piazze. A bordo i ragazzi potranno partecipare al concorso EasyZone, sul tema “Cosa significa essere connessi”, da illustrare e spiegare con video, testi, foto, musiche.

Per gli insegnanti è stato predisposto un kit di risorse didattiche e un help desk, che risponde al numero 06/45550567. Tutte le informazioni e tutti i materiali sono disponibili sul sito dedicato al progetto Easy .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ale scrive:
    Distribuzioni linux con Virtualizzazione
    Buon giorno, il progetto è simile a Starbat (indirizzo www.fremax.net)? Grazie.
  • fabioamd87 scrive:
    ecco, linux serve solo per compiz...
    compiz non è un giochino.tutti vogliamo videogame su linux!!!stiamo solo dicendo che molto richiedono linux (ubuntu) solo per far girare il cubo.
  • Gilean scrive:
    Ma le compiz
    Ma le compiz vanno in questa versione? oppure come ogni macchina virtuale (che non sia fusion), il 3d non va? grazie in anticipo per le risposte :)
    • wakeNow scrive:
      Re: Ma le compiz
      Ma secondo te una macchina alla quale tolgono tutto perche' tu possa aggiungere solo l'essenziale per eventuali servizi pretendi che ci sia compiz ? io non mi aspetto nemmeno l'interfaccia grafica.
    • Enrico scrive:
      Re: Ma le compiz
      Serve che i driver virtuali possano accedere alla scheda grafica direttamente. Lo trovo alquanto improbabile e comunque è indipendente dal sistema operativo che ci fai girare: dipende invece dal software di virtualizzazione che usi.C'era in giro una voce, ma non penso sia andato avanti qualcuno.Comunque se rileggessi meglio l'articolo ti accorgeresti che questa versione è solo per macchine virtuali "server" o comunque "minime", e non è nient'altro che ubuntu server con meno programmi inutili. Trovo alquanto improbabile che si scelga una distro del genere per far "girare il cubo" ;-)Enrico
    • pippopluto scrive:
      Re: Ma le compiz
      - Scritto da: Gilean
      Ma le compiz vanno in questa versione? oppure
      come ogni macchina virtuale (che non sia fusion),
      il 3d non va? grazie in anticipo per le risposte
      :)ecco i primi tristi esiti della massificazione di linux. Meglio che niente, impariamo a conviverci :(
      • krane scrive:
        Re: Ma le compiz
        - Scritto da: pippopluto
        - Scritto da: Gilean

        Ma le compiz vanno in questa versione? oppure

        come ogni macchina virtuale (che non sia

        fusion), il 3d non va? grazie in anticipo per

        le risposte

        :)
        ecco i primi tristi esiti della massificazione di
        linux. Meglio che niente, impariamo a conviverci
        :(Mha, in realta' anche a me interessa se funziona il 3D; sarebbe la volta che non devo piu' riavviare da linux a windows per lanciare un giochino.
      • Sono arrabbiato scrive:
        Re: Ma le compiz
        Quoto al 100%, poi non so addirittura "le compiz" ma che è francese? E' proprio triste, ma sarà sempre peggio.
        • Gilean scrive:
          Re: Ma le compiz
          - Scritto da: Sono arrabbiato
          Quoto al 100%, poi non so addirittura "le compiz"
          ma che è francese?

          E' proprio triste, ma sarà sempre peggio.Certo che il livello di maleducazione di certi utenti in questo forum e' davvero alto.possibile mai che ad ogni domanda educata dovete rispondere solo con aria superiore? mafatevi meno pippe e piu' fott....
          • Troll lawyer scrive:
            Re: Ma le compiz
            - Scritto da: Gilean
            - Scritto da: Sono arrabbiato

            Quoto al 100%, poi non so addirittura "le
            compiz"

            ma che è francese?



            E' proprio triste, ma sarà sempre peggio.
            Certo che il livello di maleducazione di certi
            utenti in questo forum e' davvero alto.possibile
            mai che ad ogni domanda educata dovete rispondere
            solo con aria superiore? mafatevi meno pippe e
            piu' fott....Se avessero di che non sarebbero qui a trollare no ?!?Anche tu pero' che fai domande serie in questi forum di troll...
  • mes.id scrive:
    così si ignora la gpl
    mi chiedo per quale motivo si e' scelto un prodotto closed source,per promuovere linux. Esistono tantissime altre alternative a wmware, spesso persino meglio progettate.Canonical non e' nuova a uscite di questo tipo, basti vedere ai driver per le schede vga.E' una brutta cosa, linux ha bisogno di unita', in questo modo si confonde la gente. Il sofware closed source e' un pericolo per la nostra liberta' e per lo sviluppo tecnologico.Le conoscenze non possono restare chiuse in un cassetto, devono essere condivise.Linux sta dando fastidio a molti soggetti, in primis certe multinazionali del sofware che propongono il loro bloatware a prezzi esorbitanti. Linux sta stringendo il sofware commerciale in una morsa, ogni pc che liberiamo dal sofware close, stringe eulteriormente questa presa e allenta le nostre catene.Dovremmo lavorare tutti insieme all'unisono, per il bene della nostra community preferita, ma purtroppo c'e' sempre chi la pensa diversamente e vuole danneggiare gli altri.Intanto vi consiglio di rpovare virtualbox; veloce e performante... altro che wmvare.... ;)come disse Jean-Luc Picard "Con il primo anello e' già formata la catena, Il primo discorso censurato... Il primo pensiero proibito... La prima libertà negata... ci incatena tutti irrevocabilmente. La prima volta che la liberta' di un qualsiasi uomo venisse calpestata, ne subiremmo tutti il danno."parole saggie, che esprimono la condizione in cui ci troviamo
    • Infatti scrive:
      Re: così si ignora la gpl
      Io su Mandriva ho installato VirtualBox e lo trovo molto performante. Non ne faccio però un utilizzo professionale, quindi non posso esprimere un giudizio di livello elevato.Per tutto il resto che hai detto quoto alla grande e aggiungo:"La società ha bisogno di libertà: quando un programma ha un proprietario, l'utilizzatore perde la libertà di controllare parte della sua vita." Richard Stallman (linux)
    • Stufo scrive:
      Re: così si ignora la gpl
      che fai? citi un pupazzo?
    • felpo scrive:
      Re: così si ignora la gpl
      - Scritto da: mes.id
      mi chiedo per quale motivo si e' scelto un
      prodotto closed source,per promuovere linux.
      Esistono tantissime altre alternative a wmware,
      spesso persino meglio
      progettate.

      Canonical non e' nuova a uscite di questo tipo,
      basti vedere ai driver per le schede
      vga.
      E' una brutta cosa, linux ha bisogno di unita',
      in questo modo si confonde la gente. Il sofware
      closed source e' un pericolo per la nostra
      liberta' e per lo sviluppo
      tecnologico.
      Le conoscenze non possono restare chiuse in un
      cassetto, devono essere
      condivise.
      Linux sta dando fastidio a molti soggetti, in
      primis certe multinazionali del sofware che
      propongono il loro bloatware a prezzi
      esorbitanti. Linux sta stringendo il sofware
      commerciale in una morsa, ogni pc che liberiamo
      dal sofware close, stringe eulteriormente questa
      presa e allenta le nostre
      catene.

      Dovremmo lavorare tutti insieme all'unisono, per
      il bene della nostra community preferita, ma
      purtroppo c'e' sempre chi la pensa diversamente e
      vuole danneggiare gli
      altri.

      Intanto vi consiglio di rpovare virtualbox;
      veloce e performante... altro che wmvare....
      ;)

      come disse Jean-Luc Picard "Con il primo anello
      e' già formata la catena, Il primo discorso
      censurato... Il primo pensiero proibito... La
      prima libertà negata... ci incatena tutti
      irrevocabilmente.
      La prima volta che la liberta' di un qualsiasi
      uomo venisse calpestata, ne subiremmo tutti il
      danno."

      parole saggie, che esprimono la condizione in cui
      ci
      troviamoLa GPL non è ne ignorata ne violata. Io da utente e tecnico voglio che il mio sistemi funzioni. Se per farlo utilizzo software completamente libero sono più contento. Ma non per questo lancio anatemi contro driver o software proprietari. La cosa importante è che il mio sistema funzioni al meglio, sfruttando tutte le capacità e funzionalità. Il fatto che una azienda produca software anche per Linux mi sembra già un grandissimo passo avanti da apprezzare. E comunque ci sono alcuni ambiti in cui è possibile fare business con la GPL e altri in cui non è possibile. La pagnotta bisogna pur portarla a casa e non sempre con la GPL è possibile, come non sempre è possibile con altri modelli di business.In quanto a VirtualBox, non lo ritengo così eccezionale. Hanno fatto la versione closed (spesso inclusa nelle distribuzioni) gratuita solo per uso personale e non GPL (i sorgenti non te li danno) e la versione GPL che non funziona (i driver del kernel non sono inclusi). La mia impressione è che l'operazione VirtualBox non sia completamente pulita e trasparente. Vmware invece ti dice subito come stanno le cose, senza ambiguità.
    • qwerty scrive:
      Re: così si ignora la gpl
      - Scritto da: mes.id
      mi chiedo per quale motivo si e' scelto un
      prodotto closed source,per promuovere linux.Ognuno è libero di fare le proprie scelte.Non ti piacciono i prodotti closed source? Non li usare.E' semplice.
      Esistono tantissime altre alternative a wmware,
      spesso persino meglio
      progettate.E allora usale!Chi ti impedisce di farlo?

      Canonical non e' nuova a uscite di questo tipo,
      basti vedere ai driver per le schede
      vga.
      E' una brutta cosa, linux ha bisogno di unita',
      in questo modo si confonde la gente.No.Se esistesse una sola distribuzione linux, non ci sarebbe più libertà di scelta.
      Il sofware
      closed source e' un pericolo per la nostra
      liberta' e per lo sviluppo
      tecnologico.Qualcuno ti obbliga a usarlo?Se ritieni che sia un pericolo per la libertà non lo usare.
      Le conoscenze non possono restare chiuse in un
      cassetto, devono essere
      condivise.La condivisione della conoscenza non deve essere obbligatoria.E' e deve restare una scelta personale.
      Linux sta dando fastidio a molti soggetti, in
      primis certe multinazionali del sofware che
      propongono il loro bloatware a prezzi
      esorbitanti. Linux sta stringendo il sofware
      commerciale in una morsa, ogni pc che liberiamo
      dal sofware close, stringe eulteriormente questa
      presa e allenta le nostre
      catene.Ancora con questa storia del software closed...Ma che fastidio ti dà se qualcuno vuole usare software proprietario?Ma non ti rendi conto che ti stai contraddicendo?Prima parli di libertà e poi vorresti eliminare il software closed source?Bel concetto di libertà il tuo...

      Dovremmo lavorare tutti insieme all'unisono, per
      il bene della nostra community preferita, ma
      purtroppo c'e' sempre chi la pensa diversamente e
      vuole danneggiare gli
      altri.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Certo, adesso chi la pensa diversamente lo fa sicuramente per far danni!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

      Intanto vi consiglio di rpovare virtualbox;
      veloce e performante... altro che wmvare....
      ;)Non conosco virtualbox, ma da quello che leggo sul sito ufficiale la versione open source non ha il supporto USB.Per quanto mi riguarda uso VMware anche per il supporto USB; poi è ovvio, dipende dalle esigenze personali...Comunque ne terrò conto.

      come disse Jean-Luc Picard "Con il primo anello
      e' già formata la catena, Il primo discorso
      censurato... Il primo pensiero proibito... La
      prima libertà negata... ci incatena tutti
      irrevocabilmente.
      La prima volta che la liberta' di un qualsiasi
      uomo venisse calpestata, ne subiremmo tutti il
      danno."Nessuno sta calpestando la tua libertà, nessuno sta censurando discorsi...Questa citazione è OT.

      parole saggie, che esprimono la condizione in cui
      ci
      troviamoPeccato che non centrino niente con il discorso di prima...
  • anonimo scrive:
    Re: Un po' di confusione...
    io non ho capito una cosa...ma questa JEOS è concepita per essere un HOST o un GUEST?!?!?
    • Epimenide scrive:
      Re: Un po' di confusione...
      - Scritto da: anonimo
      io non ho capito una cosa...ma questa JEOS è
      concepita per essere un HOST o un
      GUEST?!?!?La terminologia non è proprio corretta in questo ambito: JeOS è in una macchina virtuale, la quale gira all'interno di VMWare, che a sua volta si appoggia sull'hardware ('bare iron', senza altri sistemi operativi).
      • Anima.lamu scrive:
        Re: Un po' di confusione...
        cioè JeOS è il guest
        • ddv scrive:
          Re: Un po' di confusione...
          - Scritto da: Anima.lamu
          cioè JeOS è il guestleggi qua: http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2064381
          • Anima.lamu scrive:
            Re: Un po' di confusione...
            guarda che l'articolo lo ho letto, rispondevo ad epimenideio dall'articolo ho capito che Jeos è il SO da mettere dentro la VM, la VM viene fornita da VMWARE che si interfaccia direttamente con l'hw ma JeOS è quello che metti dentro la VM. così ogni dubbio dovrebbe essere fugato
          • Pippo Caruso scrive:
            Re: Un po' di confusione...
            Direttamente sull'HW?Scusate...ma che vuol dire?VMWare va installato sopra un OS... Windows o UNIX...o altro.....quindi : Windows è Host e JeOs (attraverso VMWare) è Guest.
  • Deny scrive:
    e la vers sviluppata da Business Objects
    a Settembre si parlava dell'imminente rilascio di una appliance per Ubuntu JeOS sviluppata da Business Objects (http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2064381).... se ne sa più nulla ????
  • rutto scrive:
    Re: IMHO
    beh, con ubuntu puoi installare uno dei seguenti pacchetti virtuali:ubuntu-desktopkubuntu-desktopxubuntu-desktopubuntustudio-desktopedubuntu-desktopJeOS + ubuntu-desktop e' praticamente la stessa cosa che installare direttamente ubuntu, vedi tu...se hai bisogno di un window manager minimale, leggerissimo, estendibile e bello, prova OpenBox (openbox, openbox-themes, obconf)
  • FuSioN scrive:
    Re: IMHO
    - Scritto da: Barra
    E non venitemi a dire che non servono. Io vengo
    pagato a ore e la differenza di tempo nell'andare
    a configurare certe cose usando le interfacce
    grafiche è
    notevole!lolse vieni pagato ad ore... appena mi apri un DM per configurare apache 1- mi metto a ridere 2- non ti pago neanche un centesimosenza offesa eh, ma se ti piace configurarti la rete con le finestrelle, passa a windows.
    • ddv scrive:
      Re: IMHO
      - Scritto da: FuSioN
      - Scritto da: Barra

      E non venitemi a dire che non servono. Io vengo

      pagato a ore e la differenza di tempo
      nell'andare

      a configurare certe cose usando le interfacce

      grafiche è

      notevole!

      lol
      se vieni pagato ad ore... appena mi apri un DM
      per configurare apache 1- mi metto a ridere 2-
      non ti pago neanche un
      centesimo

      senza offesa eh, ma se ti piace configurarti la
      rete con le finestrelle, passa a
      windows.don't feed the troll.
  • FuSioN scrive:
    Re: Un po' di confusione...
    - Scritto da: Epimenide
    In altre parole, non è niente che non si sarebbe
    potuto fare con Ubuntu così com'è, semplicemente
    si sono presi la briga di ripulirlo al posto tuo
    e garantire una distribuzione funzionante pronta
    da
    personalizzare.ecco :)io personalmente lo faccio con debian etch 4.0 con ottimi risultati (anche se non è certificata vmware...) ma pure i tool funzionano benissimo.Certo però che sono circa sul giga a VM (base)Ora provo sta JeOS :)
  • Lillo scrive:
    Re: IMHO
    Mai usato un DE su un server Unix/Linux. Impara vi e il perl e a usare bene la shell e arrivi dappertutto.Se hai bisogno dell'interfaccia grafica non riuscirai a fare assistenza remota da shell.Resterai sempre un sysadmin di serie B.
  • KeS scrive:
    Ancora...?
    Una distribuzione quà...una distribuzione là...e nella m...a ci si troverà!Ormai sono sempre gli stessi argomenti e mi sonostancato... ognuno vuole la sua distro perchèrisparmia 1Kb, oppure 3 cicli di clock, oppureil file di configurazione si chiama Gino invecedel classico Pippo, oppure vuol "su" invece che giù!Sono stufo...
    • trepz scrive:
      Re: Ancora...?
      Noto che non hai idea di che cosa si stia parlando. Io giusto una settimana fa ho configurato 2 server con la combo Ubuntu-server+VMware server. C'ho perso un po' di tempo tra una roba e l'altra e sinceramente una distro già pronta per quest'uso, che richieda solo una mezz'oretta di lavoro non mi fa così schifo.
      • KeS scrive:
        Re: Ancora...?
        So di cosa stiamo parlando.E vedo che non hai colto il messaggiovisto che il mio commento voleva dire:"E' proprio necessario che si crei unaltra distribuzione (poi da mantenere)per far risparmiare mezzora quando magaribastava uno script?"
      • netbsd scrive:
        Re: Ancora...?
        - Scritto da: trepz
        Noto che non hai idea di che cosa si stia
        parlando. Io giusto una settimana fa ho
        configurato 2 server con la combo
        Ubuntu-server+VMware server.


        C'ho perso un po' di tempo tra una roba e l'altra
        e sinceramente una distro già pronta per
        quest'uso, che richieda solo una mezz'oretta di
        lavoro non mi fa così
        schifo.10 e lode,se fai tutto con poco risparmi tempo.
    • Lillo scrive:
      Re: Ancora...?
      Ma ci rimetti qualcosa di tasca tua per ogni nuova distro che esce?
      • KeS scrive:
        Re: Ancora...?
        Più o meno, perchè se sviluppo qualcosapoi non sono sicuro che qualcuno loporti e poi lo mantenga sulla distro XX,rendendo poi difficile all'utentel'installazione.
    • rutto scrive:
      Re: Ancora...?
      ci sono persone che si perdono nella liberta'...http://ubuntista.files.wordpress.com/2007/05/bill_nazi_small.jpg:D:P--a cosa servono le Finestre in un mondo senza muri?
    • Fabrizio scrive:
      Re: Ancora...?
      - Scritto da: KeS
      Una distribuzione quà...
      una distribuzione là...
      e nella m...a ci si troverà!

      Ormai sono sempre gli stessi argomenti e mi sono
      stancato... ognuno vuole la sua distro perchè
      risparmia 1Kb, oppure 3 cicli di clock, oppure
      il file di configurazione si chiama Gino invece
      del classico Pippo, oppure vuol "su" invece che
      giù!

      Sono stufo...usa windows nessuno ti ha legato mani e piedi e preso a cintolate da 12 torvalds urlanti
      • KeS scrive:
        Re: Ancora...?
        Mah... si grazie,probabilmente tornerò a Windows...Mi spiace che tanta gente abbiaquesto atteggiamento invece di ascoltaree convincere le persone ad usare Linux...Zio Bill ringrazia...
  • Buaaaaahhhh hh scrive:
    Re: IMHO
    Volevo togliermi la curiosità anch'io, più tardi provo ad installarlo...
    • Buaaaaahhhh hh scrive:
      Re: IMHO
      Niente DE e non consiglio di installare xubuntu-desktop o peggio dal momento che dovendo installare X etc si porta dietro 1 GB di roba
  • Tasca scrive:
    Re: IMHO
    Ma i DM non servono su questo tipo di release...
    • Buaaaaahhhh hh scrive:
      Re: IMHO
      E chi l'ha detto ?!!!
      • Enrico scrive:
        Re: IMHO
        Diciamo che non è stata pensata per avere la grafica. Certo se poi uno vuole avere il server Xorg e un DM su un server è sempre una scelta personale, ma la stragrande maggioranza di volte (alla maggior parte dei sistemisti) non serve un DM.Ribadisco comunque che se uno vuole può installarlo, se ci si aggiunge il cd ad apt si risparmia anche il download da internet di quasi tutta la roba ;-)Enrico
  • Ectoplasma scrive:
    Re: IMHO
    Ma almeno hai capito a cosa serve prima di commentare?Non è questa distribuzione che viene virtualizzata.. questa serve per virtualizzare altre macchine.Prima installi questa poi ci fai tutte le macchine che vuoi.Sopra le macchine virtuali ti metti tutto quello che ti pare.. Linux, Windows con tutti i tool grafici che ti pare..
    • Ahaha scrive:
      Re: IMHO
      Ma hai letto tu?E' esattamente il contrario...
    • Lillo scrive:
      Re: IMHO
      No no io sto virtualizzando questa stessa distro e va una meraviglia anche lei. Adesso provo a far partire VmWare dentro alla distro e faccio la virtualizzazione nella virtualizzazione... :)
  • gambadilegn o scrive:
    una distro inutile
    una distribuzione che non supporta ne mysql ne oracle vuole lavorare sui server? ma non fatemi ridere è impossibile che tale distro prenda pieda senza un supporto degno di tale nome ai suddetti dbm su cui si basano pressocchè tutte le macchine server esistenti
    • Judas scrive:
      Re: una distro inutile
      E' una distribuzione per VIRTUALIZZARE sistemi operativi, su cui poi ci installerai il dbms che ti pare -_-
    • kralin scrive:
      Re: una distro inutile
      non è che non la supporta, non è installata in partenza!
      • ... scrive:
        Re: una distro inutile
        Nemmeno nelle altre versioni MySQL è installata in partenza, si mette dopo. Francamente non so da dove sia uscita che le dimensioni ridotte sono dovute all'assenza di quei software, dato che nel comunicato (fra l'altro dell'11 settembre 2007) non c'è traccia di questa informazione. Bah.
        • ddv scrive:
          Re: una distro inutile
          - Scritto da: ...
          Nemmeno nelle altre versioni MySQL è installata
          in partenza, si mette dopo. Francamente non so da
          dove sia uscita che le dimensioni ridotte sono
          dovute all'assenza di quei software, dato che nel
          comunicato (fra l'altro dell'11 settembre 2007)
          non c'è traccia di questa informazione.
          Bah.Forse intendevano "installata" nel file iso.Non mi ricordo bene ma se non erro MySQL si trova sul cd di installazione di *ubuntu
    • Ectoplasma scrive:
      Re: una distro inutile
      Ma almeno hai capito a cosa serve prima di commentare?
    • Lillo scrive:
      Re: una distro inutile
      Ci ha detto che non li supporta. La sto testando proprio adesso con un Oracle 10gR2 e funziona benissimo, è molto veloce.E Windows Server 2003 dentro una macchina virtuale ha fatto piangere il mio collega per 2 giorni per mettere su la stessa versione di Oracle...
Chiudi i commenti