Mollate Seven, tornate a Vista

L'appello arriva dal team di sviluppo del nuovo Windows. Per testare al meglio le novità occorre partire da Vista: è quella la piattaforma da cui partirà la maggioranza degli utenti

Roma – Seven pare sia piaciuto, la beta l’hanno scaricata e provata in tanti e parecchi lo utilizzano già come il proprio sistema operativo principale. Ma da Redmond arriva una richiesta: per quanto sia una procedura lunga e dolorosa, per quanto occorra perdere mezza giornata, bisogna reinstallare Vista . Al team serve la telemetria di un upgrade dalla vecchia alla nuova versione di Windows, come accadrà nella vita reale: la beta di Seven è, per così dire, un incidente di percorso.

“Milioni di persone hanno installato e usato la beta da gennaio – si legge sul blog degli sviluppatori – e il feedback e la telemetria sono stati di enorme aiuto per migliorare il prodotto. Gli sforzi dei tester hanno contribuito immensamente a creare un software di alta qualità per centinaia di milioni di clienti”. Secondo quanto rilevato, la maggior parte delle installazioni è avvenuta partendo da un sistema Vista e aggiornando tutto a Seven: “Riteniamo di aver migliorato l’esperienza di upgrade – precisano – e continueremo a farlo”.

Molti, ancora, hanno invece provveduto a fare piazza pulita e installare W7 su un sistema bianco : “Attraverso questa telemetria abbiamo appreso dell’ecosistema di device impiegato e quali driver sono disponibili e quali mancano. Abbiamo anche appreso – proseguono gli sviluppatori – le specifiche azioni svolte dal PC che richiedono l’installazione di un driver o di un’applicazione per sfruttare correttamente bottoni, connettori, e altri componenti hardware: assieme abbiamo coperto una vasta gamma di possibili setup”.

Sebbene, però, “molti di voi (milioni) utilizziate Windows 7 Beta a tempo pieno, avete installato le vostre applicazioni, avete configurato e personalizzato il sistema”, il team ha una richiesta: occorre togliere tutto e rimettere da capo Vista, per garantire che i dati trasmessi forniscano indicazioni precise sugli eventuali problemi che si potrebbero riscontrare nella vita reale quando Seven sarà stato messo in vendita sugli scaffali di tutto il mondo. Il rischio di aggiornare dalla beta è che i cambiamenti, molti, apportati al sistema creino delle situazioni impreviste e imprevedibili che poco hanno a che vedere con la realtà.

Per chi proprio non se la sentisse di rifare da capo l’installazione di Vista, per chi avesse bisogno di tenersi Seven e se non manca la voglia di rischiare, l’aggiornamento dalla Beta alla Release Candidate resta possibile : bisogna seguire una procedura descritta passo per passo, che poco ha a che vedere con la facilità di utilizzo (una scelta deliberata, spiegano). Per tutti gli altri, è arrivato il momento di rimettere mano ai dischi di installazione e ripristino e riportare il proprio PC allo stadio iniziale: all’arrivo della RC1 di Seven non dovrebbe poi mancare molto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Ingegno, NON ingenuità
    Aprite un dizionario, ogni tanto... -_-
  • Marcello Clarizia scrive:
    Ingenuity = Ingegno
    "La pirateria internazionale si abbatte in maniera devastante sull'ingenuità americana..."Mi ricorda un articolo (non su PI) in cui "atmospheric pollution" NON era stato tradotto come "inquinamento atmosferico"...
    • Funz scrive:
      Re: Ingenuity = Ingegno
      - Scritto da: Marcello Clarizia
      "La pirateria internazionale si abbatte in
      maniera devastante sull'ingenuità
      americana..."Lol abbiamo scritto la stessa cosa nello stesso minuto :D
      Mi ricorda un articolo (non su PI) in cui
      "atmospheric pollution" NON era stato tradotto
      come "inquinamento
      atmosferico"...O_o questo mi piacerebbe vederlo :D
      • Marcello Clarizia scrive:
        Re: Ingenuity = Ingegno
        Beh, guglando "polluzione atmosferica" vengono fuori ben 398 siti, con perle tipo l'universita' col "Docente di Chimica della Polluzione atmosferica e delle acque".Ci sono anche 70 immagini, la piu' oscena delle quali rappresenta una tavoletta di cioccolato :-)
    • Gaia Bottà scrive:
      Re: Ingenuity = Ingegno
      Chiedo venia, lapsus corretto.
  • Wolf01 scrive:
    Poco importa...
    Poco importa che il cittadino, se messo di fonte alle sole condizioni di acquisto imposte mercato, potrebbe decidere di non fruire del prodotto; poco importa che una copia ottenuta non legalmente possa innescare catene di acquisti perfettamente legali. Poco importa se a causa dei loro drm del XXXXX gli smanettono sono costretti a scaricare copie pirata DOPO aver comprato l'originale per poterselo gustare in santa pace, poco importa se uno non ha la conoscenza/tecnologia necessaria per riversarsi un film/cd audio/gioco su hard disk in modo da poterselo usufruire senza ogni volta stare a cercarsi il cd/dvd in mezzo alla pila alta 5 metri di supporti originali, poco importa che quando ti si rompe il supporto devi comprare un nuovo supporto perchè non te lo cambiano in barba al fatto che l'utente acquista la licenza per usufruire del contenuto e non il supporto...
    • Mauro Esposito scrive:
      Re: Poco importa...
      - Scritto da: Wolf01
      Poco importa che il cittadino, se messo di
      fonte alle sole condizioni di acquisto imposte
      mercato, potrebbe decidere di non fruire del
      prodotto; poco importa che una copia ottenuta non
      legalmente possa innescare catene di acquisti
      perfettamente
      legali.

      Poco importa se a causa dei loro drm del XXXXX
      gli smanettono sono costretti a scaricare copie
      pirata DOPO aver comprato l'originale per
      poterselo gustare in santa pace, poco importa se
      uno non ha la conoscenza/tecnologia necessaria
      per riversarsi un film/cd audio/gioco su hard
      disk in modo da poterselo usufruire senza ogni
      volta stare a cercarsi il cd/dvd in mezzo alla
      pila alta 5 metri di supporti originali, poco
      importa che quando ti si rompe il supporto devi
      comprare un nuovo supporto perchè non te lo
      cambiano in barba al fatto che l'utente acquista
      la licenza per usufruire del contenuto e non il
      supporto...Quoto alla grande: praticamente le vivo tutte queste situazioni....
  • Bic Indolor scrive:
    Obama??
    E meno male che doveva cambiare tutto! E meno male che doveva porre fine otto anni di lobbycrazia bushista!Ma se nemmeno davanti a certe affermazioni deliranti (giustizia privata? licenza di spiare ai privati? O sono matti o sono sovversivi!) è capace di prendere il più naturale dei provvedimenti, cioè spedire questa gente in quegli alberghetti con quelle belle stanzine con le pareti imbottite che se ci sbatti contro rimbalzi, dove possono farsi il loro parlamento privato, seduti a semicerchio tutti vestiti di bianco, a fare le loro proposte di legge in quelle riunioni presiedute... da uno psichiatra!
    • Eugenio Odorifero scrive:
      Re: Obama??

      Ma se nemmeno davanti a certe affermazioni
      deliranti (giustizia privata? licenza di spiare
      ai privati? O sono matti o sono sovversivi!) è
      capace di prendere il più naturale dei
      provvedimenti, cioè spedire questa gente in
      quegli alberghettiA prescindere dal fatto che gli "alberghetti" in questione non sono la soluzione per nessun problema, semmai in questo caso la galera, Obama è un presidente, non un dittatore: il parlamento di Washington deve servire pure a qualcosa. Ho già scritto altrove che per un rappresentante della legalità non può approvare la pirateria, al massimo può non prendere gli utenti P2P come dei criminali.Non sapevo comunque di contribuire alla cifra come "mancato introito": il mio sdegno verso questi provvedimenti mi ha portato a comprare CD o DVD in occasioni rarissime - per il resto ci sono alternative oneste, come la radio o acquisti mirati, ma legali, in rete, i Creative Commons, i streaming web...Insomma toglietemi da quella statistica: non sono io a ricorrere alla pirateria, sono loro a fare schifo.
      • Wolf01 scrive:
        Re: Obama??
        - Scritto da: Eugenio Odorifero
        Insomma toglietemi da quella statistica: non sono
        io a ricorrere alla pirateria, sono loro a fare
        schifo.Quotazzo
      • Skywalker scrive:
        Re: Obama??
        - Scritto da: Eugenio Odorifero
        Ho
        già scritto altrove che per un rappresentante
        della legalità non può approvare la pirateria,Ho già scritto altrove che per un rappresentantedella onestà non può approvare il copyright attuale.Infatti approva il libero scambio.La "pirateria" si fa al largo del golfo di Aden.Qui stiamo parlando di "scambio" di oggetti, spesso regolarmente pagati, non autorizzato da "monopolisti legalizzati".Es. Ho un DVD "Originale"-
        Non posso "legalmente" farmene una copia-
        Si rompe il DVD Orginale-
        Non ho più niente, pur avendolo pagatoEs. Ho un disco di vinile-
        l'ho riversato su un MP3-
        Si rompe il disco di vinile-
        Passano 70 anni-
        Ho una canzone regolarmente pagata ma comunque "illegale" perché dopo 70 anni il Copyright è ancora li, ma il mio disco di vinile non più.Es. Ho _comprato_ degli MP3 su Amazon. Non posso RIVENDERLI perché la Exaustion Of Rights/First Sale Doctrine è stata resa ILLEGALE per le opere "non fissate ad un supporto". I miei figli erediteranno la mia collezione di CD, ma non quella di MP3.Es. Ho _comprato_ degli MP3 su Amazon, una azienda fondata nel 1994. Li ho comprati direttamente a nome dei miei figli. Sono passati 70 anni, Amazon falli nel lontano 2021, siamo nel 2079: i miei figli sono accusati di aver "scaricato illegalmente" centinaia di MP3. Amazon non c'è più, il Copyright per quei titoli invece è ancora li.Es. Ho inviato degli amici a vedere Frankestein Junior. Avevo la videocassetta e poi ho comprato anche il DVD. Il film è del 1974. Poi ho comprato anche il blu-ray. Oggi sono 50 anni dall'uscita. Ho disdetto tutto: il Blu-Ray dice che posso solo vederlo con i miei familiari: per 8 amici non sono autorizzato.Es. Vabbé, opto per prestare il Blu-Ray ad ognuno degli amici uno per volta. Il prestito, figuriamoci il noleggio, non è consentito. Invece prestare, ed anche noleggiare, la mia auto si.Basta o vado avanti? Ne ho centinaia di "ABUSI" del Copyright attuale. A cominciare da quello temporale: impedire ai figli di attingere dalle esperienze dei propri genitori. Un Copyright "morale", non solo "legale" non deve superare una generazione. I figli devono poter costruire il futuro sulle fondamenta, ma anche sullo sterco, lasciato dai loro padri.Siamo arrivati a pretendere (ed ottenere) il "pizzo" sui libri dati in prestito dalle biblioteche pubbliche (http:www.nopago.org). Ho già scritto altrove che per un rappresentantedella onestà non può approvare il copyright attuale.Lo modifichiamo? Si, dai, io e te: raccogliamo le firme per un democratico referendum abrogativo!Ops, il Copyright dipende da un trattato internazionale in sede ad un organismo non democraticamente eletto chiamato WTO.Ops, l'Art.75 della Costituzione italiana dice che "Non è ammesso il referendum per le leggi [...] di autorizzazione a ratificare trattati internazionali."Il Copyright non può essere materia di Referendum.... Ma vaffanbagno!« ...gli è tutto sbagliato, gli è tutto da rifare... »(Gino Bartali)(E' morto nel 2000, non è che devo pagare il Copyright agli eredi?)
        • 01234 scrive:
          Re: Obama??
          QUOTONE
        • erbeppe scrive:
          Re: Obama??
          Ma infatti hai ragionissima, d'altro canto quando compri una cosa loro alimenti queste industrie, quindi io personalmente non compro niente, i film difficilmente li compro e le canzoni tanto meno, esistono centinaia di radio con musica tematica, sono una valida alternativa.Dare soldi alle major cinema/disco/grafiche significa alimentare il mercato con cui si limitano le libertà dei cittadini, hanno voluto eleggersi a paladini del copyright?Bene che lo siano pure, voglio vedere senza soldi cosa fanno anche loro!!!
  • occhio per occhio scrive:
    Se la fanno loro....
    La facciamo anche loi la giustizia privata:quando esce un film mediocre si va dal registra, dal produttore, dal distributore e li si mena....Almeno cosi andando al cinema non si butta via il tempo...
    • bLax scrive:
      Re: Se la fanno loro....
      LOL potrebbe essere :) di questi tempi sai quanti registi si vedrebbero in carrozzella? ahhhh
      • bubba scrive:
        Re: Se la fanno loro....
        naa partiamo dai produttori. Io mi prenoto x carlo rossella, presidente di Medusa Film :)
Chiudi i commenti