MPAA ha ucciso il cinema?

Questa l'accusa di due critici cinematografici canadesi: una serata al cinema diventa un percorso ad ostacoli tra metal detector, perquisizioni e l'occhio vigile degli scanner ad infrarossi. In nome dell'antipirateria


Toronto (Canada) – Grande schermo? Meglio i miseri 14 pollici di un monitor domestico. E’ questa la conclusione di una coppia di critici cinematografici di Toronto, metropoli nordamericana situata al confine tra Stati Uniti e Canada. I giorni felici a base di popcorn, bibite gassate e spensieratezza sarebbero definitivamente finiti: è tutta colpa dell’ MPAA e dell’inaudito giro di vite antipirateria che sta attraversando le maggiori sale cinematografiche affiliate alle grandi case di produzione hollywoodiane.

La lotta alla contraffazione multimediale ha trasformato i grandi muliplex in grottesche “balere cyberpunk dove gli spettatori vengono perquisiti prima dell’entrata”, sostiene James Reid in una lettera inviata a Declan McCullagh , noto giornalista che si occupa di nuove tecnologie.

James Reid e compagna, cinefili per professione, sono rimasti sconvolti dalla paranoia antipirateria che ormai attanaglia molti cinema: una sera come un’altra, all’entrata di un multisala locale, “la coda per entrare scorreva in modo insolitamente lento, e questo perchè tutta la gente veniva sottoposta ad un controllo approfondito con metal detector e perquisizioni di borse e zaini”.

Sembra qualcosa di assurdo: “Non siamo a New York, o Tel Aviv, o Londra”, continua Reid, “ma a Toronto, in Canada”. “Le perquisizioni erano ovviamente opzionali e volontarie, ma la mia ragazza ha acconsentito”, incalza il racconto della più classica delle serate al cinema, “e prima di entrare per prendere il proprio posto ha dovuto far sigillare il cellulare dentro una apposita bustina in plastica”.

Come se non bastasse, le misure di sicurezza all’interno delle sale hanno rievocato in Reid “scene inquietanti degne di pellicole surreali come Arancia Meccanica, Brazil o Videodrome”. Un tripudio di “led, gente in uniforme che osserva e guardiani”: una schiera di telecamere notturne , accompagnate da minacciosi cartelli che intimano a “non intraprendere comportamenti vietati”, pena “l’uso delle immagini registrate per condurre azioni di tipo legale”.

Controllati, setacciati, registrati: i cinema moderni sembrano destinati a trasformarsi in campi d’antipirateria pratica , ideati per punire tutti i malfattori occasionali o perfettamente organizzati. Niente scampo per bootlegger armati di telecamera o doppiatori all’arrembaggio con registratori MP3: disturbatori elettronici e videocamere all’infrarosso possono sulla carta sventare ed identificare qualsiasi ipotetico “reato contro la creatività”.

Gli autori della missiva si chiedono se, alla fine della fiera, non sia forse meglio “passare il proprio tempo di fronte ad un piccolo schermo”, dove privacy e tranquillità non possono essere minate da esose richieste degne d’un posto di blocco alla frontiera. “Non c’è poi da meravigliarsi”, conclude Reid, “se sempre meno gente va a vedere film, tra l’altro di dubbia qualità, nelle grandi sale”.

La spensieratezza, si sa, non è un valore aggiunto trascurabile: le aziende di Hollywood l’hanno forse dimenticato?

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    censura cinematografica
    Come devo fare per vedere Viva Zapatero della Guzzanti?
    • AnyFile scrive:
      Re: censura cinematografica
      Mi pare che sia ancora proiettato in qualche sala ... oppure aspetta e tra poco usciranno i DVD (se pensi che c'e' gia' la pubblicita' del DVD dell'utlimo Star Wars)
      • Anonimo scrive:
        Re: censura cinematografica
        - Scritto da: AnyFile
        Mi pare che sia ancora proiettato in qualche sala
        ... oppure aspetta e tra poco usciranno i DVDMa chi li distribuirà?Non sarà come per le sale cinematografiche che per qualche misterioso motivo non si vede da nessuna parte?
        • AnyFile scrive:
          Re: censura cinematografica
          Io ho sentito l'attrice Sabrina Guzzanti a "che tempo che fa" ed anzi ha detto che e' stato proiettato per molto piu' tempo di quanto normalmente succede, che verranno proiettati anche all'estero (ad esempio Francia, Danimarca, Olanda). Non mi ricordo se abbia parlato anche di DVD. E' probabile che lo abbia fatto. Ma sicuramente il DVD uscira' (anche perche' stampare un DVD costa pochissimo). Quanto poi sara' distribuito non lo so, ma al giorno d'oggi non e' che sarebbe difficle farselo spedire.
    • Anonimo scrive:
      Re: censura cinematografica
      - Scritto da: Anonimo
      Come devo fare per vedere Viva Zapatero della
      Guzzanti?Come devo fare per vedere realizzato un qualsiasi film di destra italiano?Come devo fare per vedere in Tv un comico di destra ( eccetto Fede :) )?Come devo fare per vedere in Tv la satira di destra?
      • Anonimo scrive:
        Re: censura cinematografica
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Come devo fare per vedere Viva Zapatero della

        Guzzanti?

        Come devo fare per vedere realizzato un qualsiasi
        film di destra italiano?
        Come devo fare per vedere in Tv un comico di
        destra ( eccetto Fede :) )?
        Come devo fare per vedere in Tv la satira di
        destra?mi sa che non c'e speranza, il monopolio è a sinistra.... e poi fa tendenza essere comico e di sinistra.... forse perchè tra le due cose non c'è differenza???
      • Anonimo scrive:
        Re: censura cinematografica

        Come devo fare per vedere realizzato un qualsiasi
        film di destra italiano?Cioè? Quale film vorresti vedere che le sale non proiettano?La versione cinematografica di mein kampf?
        Come devo fare per vedere in Tv un comico di
        destra ( eccetto Fede :) )?E il Berlusca? e Bondi? e tutto il carrozzone FI-Mediaset ? Allora non sei mai contento.
        Come devo fare per vedere in Tv la satira di
        destra?La destra non fa satira. E' troppo presa a contare i soldi.
        • Anonimo scrive:
          Re: censura cinematografica
          - Scritto da: Anonimo
          Cioè? Quale film vorresti vedere che le sale non
          proiettano?Sai leggere?Dove ho scritto 'proiettare'?
          La versione cinematografica di mein kampf?sei un troll o fai finta di non capire?

          Come devo fare per vedere in Tv un comico di

          destra ( eccetto Fede :) )?
          E il Berlusca? e Bondi? e tutto il carrozzone
          FI-Mediaset ? Ho chiesto comici, non politici.Evita pure le battutine.
          Allora non sei mai contento.Allora non sei mai contento neanche tu.

          Come devo fare per vedere in Tv la satira di

          destra?

          La destra non fa satira. E' troppo presa a
          contare i soldi.Ok, sei un troll.Addio.
  • castigo scrive:
    Mmmmmm.....
    http://www.zmag.org/Italy/lamrani-usafinanziarsf.htmmah, che dire..... giudicate voi.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Mmmmmm.....
      - Scritto da: castigo
      http://www.zmag.org/Italy/lamrani-usafinanziarsf.h

      mah, che dire..... giudicate voi.....la solita solfa... con sta fonte veramente COMUNISTA... anzi no scusa, è "super partes".falla finita che è meglio, è solo una fortuna che RSF esista. come mai i tuoi compagnucci non fanno altrettanto, visto che siete così buoni a criticare RSF?
      • castigo scrive:
        Re: Mmmmmm.....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: castigo


        http://www.zmag.org/Italy/lamrani-usafinanziarsf.h



        mah, che dire..... giudicate voi.....

        la solita solfa... con sta fonte veramente
        COMUNISTA... anzi no scusa, è "super partes".veramente è per stessa ammissione del segretario dell'organizzazione, te lo cito così magari questa volta riesci a leggerlo e lo capisci meglio: Il signor Robert Ménard, segretario generale di RSF da vent?anni , ha confessato di ricevere finanziamenti dalla Fondazione Nazionale per la Democrazia (National Endowment for Democracy ? NED), un?organizzazione che dipende dal Dipartimento di Stato nordamericano poi vedi un pò tu....

        falla finita che è meglio, è solo una fortuna che
        RSF esista.

        come mai i tuoi compagnucci non fanno
        altrettanto, visto che siete così buoni a
        criticare RSF?compagnucci??non fanno altrettanto??a cosa ti riferisci??ma qui probabilmente non ti sei capito nemmeno tu :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Mmmmmm.....
      semplice : gli usa hanno intenzione di finanziare una rivoluzione 'colorata' (sul modello di quella ucraina)in cina e a cuba .... sai che novità...inoltre quei paesi imho ne avrebbero anche bisogno , dire che sono politicamente arretrati e' un eufemismo .
      • castigo scrive:
        Re: Mmmmmm.....
        - Scritto da: Anonimo
        semplice : gli usa hanno intenzione di finanziare
        una rivoluzione 'colorata' (sul modello di
        quella ucraina)in cina e a cuba .... sai che
        novità...inoltre quei paesi imho ne avrebbero
        anche bisogno , dire che sono politicamente
        arretrati e' un eufemismo .bene, potrebbe essere una buona ragione per spendere soldi.per l'ucraina però a me risulta che ci siano gli amichetti di soros.....
        • Anonimo scrive:
          Re: Mmmmmm.....
          Gli Stati Uniti hanno un embargo verso cuba che dura da non so quanti decenni...mi pare ovvio che vogliano destabilizzare il paese...e di certo non lo nascondono,nè lo devono nascondere visto la situazione penosa in cui si trova il paese dal punto di vista economico e delle libertà personali (credetemi che ci sono stato, e la gente non è felice di stare sempre a sentire Castro...a chi mai è piaciuto un dittatore?)...il discorso poi sull'Iraq e' ridicolo...è un paese in guerra (civile?), parlare di libertà di stampa mi sembra alquanto inutile visto che ci sono problemi un po' piu' grossi. Ma tornando al discorso iniziale...RSF è finanziato dal governo americano...e allora? Se a qualcuno crea un problema, puo' sempre creare una organizzazione simile finanziata da chi vuole lui e stilare documenti che vuole...nessuno glielo impedisce. Viva la libertà di parola!
          • Anonimo scrive:
            Re: Mmmmmm.....
            - Scritto da: Anonimo
            Gli Stati Uniti hanno un embargo verso cuba che
            dura da non so quanti decenni...mi pare ovvio che
            vogliano destabilizzare il paese...e di certo non
            lo nascondono,nè lo devono nascondere visto la
            situazione penosa in cui si trova il paese dal
            punto di vista economico e delle libertà
            personali (credetemi che ci sono stato, e la
            gente non è felice di stare sempre a sentire
            Castro...a chi mai è piaciuto un dittatore?)...il
            discorso poi sull'Iraq e' ridicolo...è un paese
            in guerra (civile?), parlare di libertà di stampa
            mi sembra alquanto inutile visto che ci sono
            problemi un po' piu' grossi. Ma tornando al
            discorso iniziale...RSF è finanziato dal governo
            americano...e allora? Se a qualcuno crea un
            problema, puo' sempre creare una organizzazione
            simile finanziata da chi vuole lui e stilare
            documenti che vuole...nessuno glielo impedisce.
            Viva la libertà di parola!Per quanto la politica degli USA non mi piaccia, sono assulatamente d'accordo con quanto hai scritto.Poi se si guarda come siano abbastanza indipendenti da indicare che gli USA NON sono paesi in cui la libertà di stampa sia molto considerta, infatti di anno in anno retrocedono.Interessante anche come l'italia faccia parte dei paesi a "libertà di stampa limitata" ed il motivo si chiama SB
          • castigo scrive:
            Re: Mmmmmm.....
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Gli Stati Uniti hanno un embargo verso cuba che

            dura da non so quanti decenni...mi pare ovvio
            che

            vogliano destabilizzare il paese...e di certo
            non

            lo nascondono,nè lo devono nascondere visto la

            situazione penosa in cui si trova il paese dal

            punto di vista economico e delle libertà

            personali (credetemi che ci sono stato, e la

            gente non è felice di stare sempre a sentire

            Castro...a chi mai è piaciuto un
            dittatore?)...il

            discorso poi sull'Iraq e' ridicolo...è un paese

            in guerra (civile?), parlare di libertà di
            stampa

            mi sembra alquanto inutile visto che ci sono

            problemi un po' piu' grossi. Ma tornando al

            discorso iniziale...RSF è finanziato dal governo

            americano...e allora? Se a qualcuno crea un

            problema, puo' sempre creare una organizzazione

            simile finanziata da chi vuole lui e stilare

            documenti che vuole...nessuno glielo impedisce.

            Viva la libertà di parola!


            Per quanto la politica degli USA non mi piaccia,
            sono assulatamente d'accordo con quanto hai
            scritto.

            Poi se si guarda come siano abbastanza
            indipendenti da indicare che gli USA NON sono
            paesi in cui la libertà di stampa sia molto
            considerta, infatti di anno in anno retrocedono.

            Interessante anche come l'italia faccia parte dei
            paesi a "libertà di stampa limitata" ed il motivo
            si chiama SBquoto tutto ma.... ricordi la querela di d'alema a forattini??la libertà di stampa si uccide anche così.....
          • castigo scrive:
            Re: Mmmmmm.....
            - Scritto da: Anonimo[cut]fin qui quoto tutto.....Ma tornando al
            discorso iniziale...RSF è finanziato dal governo
            americano...e allora? Se a qualcuno crea un
            problema, puo' sempre creare una organizzazione
            simile finanziata da chi vuole lui e stilare
            documenti che vuole...nessuno glielo impedisce.
            Viva la libertà di parola!sicuro, viva la libertà, ma non pretendano di porsi come organizzazione INDIPENDENTE, perchè tali non sono.quanto poi alle loro prese di posizione, da quando ho letto la notizia ti garantisco che le prendo con un grano di sale grosso così....
Chiudi i commenti