NASA: tu chiamale se vuoi, emozioni

I nuovi vertici dell'ente spaziale parlano di viaggi su Marte. Ma soprattutto di un rinnovato spirito di conquista che potrà sospingere lo sforzo della macchina e degli uomini nei prossimi anni

Roma – Nei quartier generali di NASA l’aria è parecchio cambiata rispetto al passato, o per lo meno questo è quanto prova a far passare la nuova coppia direttiva recentemente nominata dal Congresso. Charles Bolden e Lori Garver, rispettivamente amministratore e vice-amministratore dell’agenzia spaziale americana, parlano alla “famiglia allargata” dei dipendenti NASA evocando grandi scenari accanto ad ambienti quasi da focolare domestico , la necessità di portare i figli al JPL e quella di divertirsi mentre si sparano nello spazio, sulla Luna e su Marte vascelli robotici ed esseri umani insieme.

Con l’accoppiata Bolden-Garver “sono tornati i sentimenti” in NASA, dice lo stesso Bolden arringando la platea divertita e prendendo le distanze dall’approccio razionale dell’ex-amministratore Mike Griffin che voleva essere paragonato al vulcaniano Spock. “I sentimenti non sono stati molto popolari qui alla NASA nel corso degli ultimi anni”, sostiene l’ex-astronauta Bolden, ma ora che uno come lui ha il peso del comando, uno abituato a piangere ed abbracciare per sua stessa ammissione, Spock lascerà il posto al James T. Kirk nell’agenzia spaziale, un’agenzia con una storia più che gloriosa e proiettata verso un futuro incerto ma estremamente ambizioso.

I festeggiamenti per i 40 anno dello storico allunaggio dell’altrettanto storico trio Armstrong-Aldrin-Collins sono lì a dimostrare il passato di NASA con una testimonianza che non permette confutazioni, e pur tra le tante difficoltà del momento sono in molti, fuori e dentro l’agenzia, a spingere per un rinnovo delle ambizioni che portarono alla più grande impresa tecnologica del secolo scorso . Tutti alla NASA vogliono mandare un equipaggio su Marte, dice Bolden alla platea raccolta a Washington D.C., il problema sta nell’accordarsi sul “come” far ammartare gli astronauti sul pianeta rosso.

Attualmente ci sono due correnti di pensiero sull’argomento, e cioè chi preferirebbe tornare prima sulla Luna con un’installazione permanente da usare come base intermedia tra la Terra e Marte, e chi al contrario vedrebbe con maggiore favore un lancio diretto verso il nostro “dirimpettaio” più prossimo nel Sistema Solare. La questione sarà finalmente risolta quando si arriverà a sintetizzare un piano solido e coerente, dice Bolden, su cui si potranno concentrare tutti gli sforzi, le energie e i fondi di cui potrà disporre NASA assieme alle principali agenzie spaziali del pianeta (Terra).

Riportando per un istante i piedi per terra e la testa fuori dalle nuvole marziane, l’altro tema affrontato dalla nuova dirigenza dell’agenzia USA riguarda il suo dover essere “community”, il suo ruolo come luogo di raccolta delle famiglie degli impiegati per i picnic della domenica nei vari centri in cui è segmentato il moloch burocratico e tecnologico di NASA. E soprattutto ci vuole passione , dice Bolden, una passione che dovrebbe spingere i dipendenti dell’agenzia a sentirsi coinvolti ed “eccitati” tutte le mattine in cui si recano al lavoro.

Riportare l’uomo (e gli americani) nello spazio esterno è insomma prima di tutto un fatto di cuore e poi di testa, ed è all’insegna dello stesso approccio grandioso e un po’ folle che sembrano muoversi gli inglesi del British National Space Centre (BNSC), che tra le altre cose stanno valutando la possibilità di modificare il principio sin qui affermato di non finanziare nessuna missione spaziale che coinvolga cittadini del Regno Unito o di qualsiasi altra nazionalità. Si parla, anche qui, di Marte e di uno sforzo necessariamente corale di tutte le nazioni del mondo per raggiungere l’obiettivo.

E mentre si paragona l’esplorazione dei pianeti esterni ai viaggi dei primi esploratori degli oceani, o dei pionieri del West che mettevano in conto – come potrebbero eventualmente fare nazioni meno evolute degli Stati Uniti o di quelle dell’Unione Europea – di non ritornare più indietro una volta raggiunta la destinazione (vivi o morti che fossero), la tecnologia procede anche per quanto riguarda le più “banali” installazioni utili a osservare il cosmo più lontano.

In tema di osservazioni, l’Hubble Space Telescope ha certamente avuto innumerevoli occasioni per ricoprirsi di gloria con i suoi potenti occhi elettronici, ma nei prossimi anni il Grande Osservatorio in orbita negli strati esterni dell’atmosfera terrestre dovrà lasciare il posto e la gloria al più grande telescopio del mondo in via di costruzione alle Hawaii. Atteso al varo entro il 2018, il telescopio sarà dotato di uno specchio di 30 metri composto da 492 differenti segmenti, distanzierà di parecchie lunghezze le attuali capacità di osservazione di Hubble e sarà nove volte più grande di qualsiasi telescopio terrestre attualmente in attività.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tariffe24.it scrive:
    Incredibile
    Mi sembra INCREDIBILE che il prototipo di un telefonino abbia causato IL SUICIDIO di un giovane. Eil problema non é in Cina ma in APPLE. Spero trovino il prototipo e lo vendano a decine di milioni alla competenza ;).....
  • tariffe24.it scrive:
    Incredibile
    Mi sembra INCREDIBILE che il prototipo di un telefonino abbia causato IL SUICIDIO di un giovane. Eil problema non é in Cina ma in APPLE. Spero trovino il prototipo e lo vendano a decine di milioni alla competenza ;).....
  • il bamba scrive:
    Speriamo almeno che la sua morte...
    sia valsa a qualcosa...Vogliamo vedere tutte le funzioni del nuovo iphoneeeeeeeee
  • david74 scrive:
    Vi ricorda niente?
    http://it.wikipedia.org/wiki/S.Y.N.A.P.S.E._-_Pericolo_in_retePoi dicono che la gente è pazza, se vede nei film un fondo di verità...
  • TheGynius scrive:
    Certificazione etica
    In merito a questa terribile vicenda troverete interessante questa pagina: http://www.apple.com/it/supplierresponsibility/Non che altre aziende siano migliori, ma quantomeno Apple dovrebbe chiudere i rapporti con Foxconn e spostare i progetti attivi con altre aziende conformi al codice di condotta richiesto (http://images.apple.com/supplierresponsibility/pdf/Supplier_Code_of_Conduct_V3_1.pdf questo link viene dalla versione inglese).Sono praticamente certo che questo non avverrà, perché un trasferimento di questo tipo costerebbe a Apple molto più di una campagna di "oblio e desensibilizzazione".Staremo a vedere e sono pronto a scusarmi.
  • Aname scrive:
    Suicidarsi per così poco?
    Azzo, qual senso d'amor per la vita propria...
    • Wolf01 scrive:
      Re: Suicidarsi per così poco?
      Verso est hanno un senso dell'onore un po' diverso dal nostro
      • Stein Franken scrive:
        Re: Suicidarsi per così poco?
        Che purtroppo è sempre un idiozia.Dove l'onore viene sopravvalutato, ci sono solo guai. E gli esempi li abbiamo anche vicino a noi.Terribile...
  • Mad Shuttle scrive:
    Se fosse stato un partner Microsoft...
    ...avremmo visto flotte di troll ineggianti alla pena capitale per Ballmer e Gates...Ovviamente comprensione e rispetto vanno solo a Jobs.
    • lol scrive:
      Re: Se fosse stato un partner Microsoft...
      no, neanche a loro vanno comprensione e rispetto
    • 1977 scrive:
      Re: Se fosse stato un partner Microsoft...
      - Scritto da: Mad Shuttle
      ...avremmo visto flotte di troll ineggianti alla
      pena capitale per Ballmer e
      Gates...
      Ovviamente comprensione e rispetto vanno solo a
      Jobs.Ma Jobs che c'entra?
  • Matteo Danesi scrive:
    Blood Iphone
    Compratelo voi un oggetto che viene fatto con il sangue dei lavoratori.
    • riccardo G scrive:
      Re: Blood Iphone
      non sono certo entusiasta della vicenda ma tieni conto che non dovresti usare nemmeno le strade, o abitare in una casa, perchè, per costruire entrambe ci muoiono un sacco di operai, senza andare in Cina.
      • Nick500 scrive:
        Re: Blood Iphone
        Mamma mia quanto sei "diseducato"...In Italia forse muoiono le persone sul lavoro come mosche...Nei paesi veramente civili questo non succede.In Giappone hanno costruito uno degli aereoporti più grandi del mondo, durata dei lavori 10 anni, e non è morto NESSUNO...Ti consiglio di smetterla di guardare la TV, e soprattutto i telegiornali... Con la loro propaganda decidono per te cosa è normale e cosa non lo è, nonchè quali informazioni devi avere per costruire i tuoi ragionamenti...
    • Arghy scrive:
      Re: Blood Iphone
      Non dovresti più comprare nulla...
    • deactive scrive:
      Re: Blood Iphone
      eh certo, solo alla Apple esiste lo spionaggio industriale.Poi sai quante altre cose sono fatte col sangue della gente ? A partire dal proXXXXXre del tuo cellulare o dalle sue batterie...
    • gohan scrive:
      Re: Blood Iphone
      prova a cercare da dove viene il tantalio usato per i micro condensatori che si trovano ormai in tutti gli apparecchi elettronici...
    • MeX scrive:
      Re: Blood Iphone
      prova a guardare cosa c'é scritto sotto il router che stai usanto per scrivere su questo forum... o cosa c'é scritto sotto la scheda madre che tiene acceso il tuo computer! ;)Benvenuto nell'occidente! Wake up Neo!
  • luca rossi scrive:
    in cina se sbagli muori
    non è come da noi che ti licenziano...li ti accoppano diretto
    • BSD_like scrive:
      Re: in cina se sbagli muori
      - Scritto da: luca rossi
      non è come da noi che ti LICENZIANO...li ti
      accoppano
      direttolicenziano?!?!?!?!Dove in Italia? E magari nella PA.Non è che vorrei ricordare ma in Italia una volta che si è assunti, è praticamente impossibile licenziare un dipendente, sia se è fanXXXXXsta, assente, ruba, uccide, etc.http://209.85.229.132/search?q=cache:pI4wtNb98XsJ:www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo453603.shtml+poste+tgcom+reintegrata+lavoro&cd=1&hl=it&ct=clnk&gl=it&client=firefox-a(la copia in cache google, perchè TGcom a seguito delle proteste sindacaliste, ha eliminato l'art.)http://www.masterviaggi.it/detail.php?IdArt=25743
      • deactive scrive:
        Re: in cina se sbagli muori
        no vabeh, possiamo discuterne quanto vuoi. In italia, se vogliono ti silurano con 3 richiami ufficiali. Trovare pretesti per farteli avere, e' solo un gioco. Anche se al di sopra dei 15 dipendenti.L'italia per il lavoro e' livelli di terzo mondo.
        • trasferito scrive:
          Re: in cina se sbagli muori
          - Scritto da: deactive
          no vabeh, possiamo discuterne quanto vuoi. In
          italia, se vogliono ti silurano con 3 richiami
          ufficiali. Trovare pretesti per farteli avere, e'
          solo un gioco. Anche se al di sopra dei 15
          dipendenti.
          L'italia per il lavoro e' livelli di terzo mondo.Oppure ti trasferiscono in una sede a 500 km di distanza pur sapendo che per vari motivi non ti puoi trasferire.
      • TheGynius scrive:
        Re: in cina se sbagli muori
        Evidentemente non lavoriamo nello stesso paese...
        • n_malo scrive:
          Re: in cina se sbagli muori
          - Scritto da: TheGynius
          Evidentemente non lavoriamo nello stesso paese...Evidentemente sei un raccomandato e vivi in una campana di vetro senza guardarti intorno.
          • TheGynius scrive:
            Re: in cina se sbagli muori
            Nel mio paese è molto facile essere licenziati, meno nelle PA dove c'è una situazione imbarazzante nel senso opposto.Nel mio paese ti propongono un trasferimento a 8000 Km dalla casa che hai appena comprato (con un mutuo, ovviamente) entro 5 giorno dalla comunicazione ad una settimana dal matrimonio.Nel mio paese puoi venire licenziato con tre note che puoi benissimo inventare, tanto è la parola del capo (e degli altri dipendenti minacciati) contro quella di un singolo e nel mio paese i processi per vertenza sono una farsa.Nel mio paese vieni licenziato e poi ti minacciano di farti terra bruciata con le altre aziende del settore.Certo nel mio paese ci sono anche dipendenti fanXXXXXsti, ma per esperienza, questi se non vengono licenziati hanno il beneplacito dell'azienda (ovvero sono raccomandati).
          • anonimo scrive:
            Re: in cina se sbagli muori
            - Scritto da: TheGynius
            Nel mio paese è molto facile essere licenziati,
            meno nelle PA dove c'è una situazione
            imbarazzante nel senso
            opposto.
            Nel mio paese ti propongono un trasferimento a
            8000 Km dalla casa che hai appena comprato (con
            un mutuo, ovviamente) entro 5 giorno dalla
            comunicazione ad una settimana dal
            matrimonio.
            Nel mio paese puoi venire licenziato con tre note
            che puoi benissimo inventare, tanto è la parola
            del capo (e degli altri dipendenti minacciati)
            contro quella di un singolo e nel mio paese i
            processi per vertenza sono una
            farsa.
            Nel mio paese vieni licenziato e poi ti
            minacciano di farti terra bruciata con le altre
            aziende del
            settore.

            Certo nel mio paese ci sono anche dipendenti
            fanXXXXXsti, ma per esperienza, questi se non
            vengono licenziati hanno il beneplacito
            dell'azienda (ovvero sono
            raccomandati).All'estero non è che sia tutta rose e fiori. Anche lì da un giorno all'altro ti mandano via a calci nel XXXX con le tue cose in uno scatolone di cartone.
          • logicaMente scrive:
            Re: in cina se sbagli muori
            Deduco che tu non viva in Italia.
      • gohan scrive:
        Re: in cina se sbagli muori
        fidati... ti licenziano se vogliono e pure senza giustificato motivo, perderanno la causa in tribunale e ti pacheranno Xmila ma tanto fuori t'hanno mandato, e parlo per esperienza personale
      • Imprenditor e scrive:
        Re: in cina se sbagli muori
        - Scritto da: BSD_like
        - Scritto da: luca rossi

        non è come da noi che ti LICENZIANO...li ti

        accoppano

        diretto

        licenziano?!?!?!?!
        Dove in Italia? E magari nella PA.
        Non è che vorrei ricordare ma in Italia una volta
        che si è assunti, è praticamente impossibile
        licenziare un dipendente, sia se è fanXXXXXsta,
        assente, ruba, uccide,
        etc.

        http://209.85.229.132/search?q=cache:pI4wtNb98XsJ:

        (la copia in cache google, perchè TGcom a seguito
        delle proteste sindacaliste, ha eliminato
        l'art.)

        http://www.masterviaggi.it/detail.php?IdArt=25743Vero, da noi licenziare qualcuno che se lo meriterebbe è dura e c'è chi se ne approfitta spudoratamente. Di disonesti ce ne sono tanti anche fra i dipendenti e da noi si esagera dall'altra parte.
  • Valeren scrive:
    Sicurezza... dove?
    Tanti segreti, tutto nascosto e protetto poi per spedire i prototipi chiamano il primo pischello e gli dicono "Toh, pensaci tu"?Non è credibile. Con gli interessi che ci sono alle spalle, il proXXXXX per l'invio di un prototipo avrà dozzine di tappe non saltabili e tracciabili al secondo.
    • lellykelly scrive:
      Re: Sicurezza... dove?
      ma se gli agenti dimenticano le liste dei colleghi sui bus o hanno la moglie che li mette su facebook, perchè questa perdita di segreti industriali non può essere plausibile?mica ci deve essere per forza sempre un comploto dietro?si muore ancora di errore umano.
      • Valeren scrive:
        Re: Sicurezza... dove?
        Senza dubbio, basta ricordare gli HD che il fisco inglese ed i servizi americani hanno dimenticato in giro.Ma qui si tratta di una serie di passaggi all'interno di un edificio: scartando l'idea del complotto a priori, è *idiota* perdere un prototipo che sai valere quanto la tua azienda e non capire come sia sucXXXXX.
        • lellykelly scrive:
          Re: Sicurezza... dove?
          ok, ma non dirmi che accade solo li...
          • Jalapeno scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            Non ti sentiresti tranquillo se nascondessi il famigerato prototipo a casa tua e ventilassi la cosa a Apple o Foxcomm, no, non saresti più tanto ironico e sornione.O anche solo dire senza fare. Non è che il sorrisetto sta già sparendo pian piano? Dov'è il complotto, adesso?
          • lellykelly scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            il suicidio non fa pensare al complotto, ma ad uno sbaglio.a meno che non si voglia insinuare che non si è suicidato.
          • lellykelly scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            comunque in quei posti vige l'onore, se uno ruba non credo che vada a suicidarsi, se fallisce è più probabile.il fallimento è una cosa molto brutta la dove fanno le mandorle.
          • Valeren scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            Confondi Cina e Giappone, mi sa :)Nel primo i funzionari pubblici corrotti vengono impiccati, nel secondo si sparano (ad esempio).
          • Marco scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            - Scritto da: lellykelly
            comunque in quei posti vige l'onore, se uno ruba
            non credo che vada a suicidarsi, se fallisce è
            più
            probabile.
            il fallimento è una cosa molto brutta la dove
            fanno le
            mandorle.Veramente quello e' il Giappone...in Cina mi e' capitato di vedere (a Donnguan per la precisione) la polizia entrare in uno stabilimento privato (il nostro) e passare UFFICIO PER UFFICIO a spegnere i climatizzatori perche' serviva energia elettrica per le olimpiadi (e non potevano fare figure di XXXXX).Poche settimane fa ero a Pechino per il decennale di Tienanmen e ho visto scene da paura.Quindi non mi stupisco (purtroppo) se le polizie private o la polizia Armata del popolo abbiano fatto pressione sull'unico elemento debole della catena per salvare le apparenze (ed i ricchi contratti...)
          • Canova scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            A lelly kelly, se ti chiami come le scarpine per bambini non puoi che avere e sostenere Mac, l'infanzia informatica. Se vuoi sentire un brivido blu prova il Computer Kid Duel Clementoni (Clem clem! Senti il jingle? Fiigooo!), visto che sei battagliero, per te niente di meglio!Un diversivo stimolante: usalo fuori dal girello, dal box e dal seggiolone Apple, e se riuscirai a stare lontano dal sonaglio-mela mezz'ora di fila significa che sei sulla strada della crescita...
          • lellykelly scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            nono, prendo dei tubi in acciaio chiusi ad una estremità, ci metto un raudo acceso dentro e ci incastro nella parte aperta una pannocchia priva di chicchi.il tutto te lo punto addosso.
          • Valeren scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            Altra ovvietà, no?La stupidità è endemica su questo pianeta.Ma questa storia è inverosimile: alla Aplle dovrebbero rivedere i processi di sicurezza delle loro consociate e pesantemente.
          • Utente 77 scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            - Scritto da: Valeren
            Altra ovvietà, no?
            La stupidità è endemica su questo pianeta.

            Ma questa storia è inverosimile: alla Aplle
            dovrebbero rivedere i processi di sicurezza delle
            loro consociate e
            pesantemente.Onestamente rivedrei pesantemente i rapporti tra direzione e dipendenti delle consociate. Perchè va bene la sicurezza, ma torturare un dipendente che si sospetta abbia rubato qualcosa mi sembra un pelo eccessivo.
          • enricox scrive:
            Re: Sicurezza... dove?
            - Scritto da: Valeren
            Altra ovvietà, no?
            La stupidità è endemica su questo pianeta.

            Ma questa storia è inverosimile: alla Aplle
            dovrebbero rivedere i processi di sicurezza delle
            loro consociate e
            pesantemente.concordo, l'unico modo veloce e sicuro per far cambiare la "politaca aziendale" di colossi come foxconn è proprio non dargli lavoro, non rivolgersi a loro per lavoro a causa della loro inacettabile(qui in europa sarebbe inacettabile oltre che illegale e improduttivo ai fini aziendali) condotta aziendale. Ma diventare loro partner e far finta di niente...vorrebbe dire esserne complici, e li giustificherebbe nel perseguire questa condotta.
    • alexjenn scrive:
      Re: Sicurezza... dove?
      Questo pischello era un ingegnere che aveva diversi compiti, tra i quali responsabile dei prototitpi Apple.
  • Manzo scrive:
    Errori
    Foxconn non Faxconn o Foxcon
  • chojin_a scrive:
    Chi fa errori con Steve Jobs muore....
    Mi sembra evidente. Ovviamente nessun giudice nè polizia oserà mai indagare sull'accaduto. Nessuno tocca Gates e Jobs, neanche quando vi sono dei morti.
    • gianluca scrive:
      Re: Chi fa errori con Steve Jobs muore....
      - Scritto da: chojin_a
      Mi sembra evidente.
      Ovviamente nessun giudice nè polizia oserà mai
      indagare sull'accaduto. Nessuno tocca Gates e
      Jobs, neanche quando vi sono dei
      morti.Ma te da dove esci? basta trollare e ragiona col cervello.Gates e Jobs ora deciderebbero della vita o della morte di una persona? credi che realmente lo permetterebbero? esistono pressioni non direttamente legate alle multinazionali. Hai idea di cosa significhi avere come partner Apple o Microsoft? non mi stupirei se le pressioni sul giovane fosserò venute proprio dall'interno.. poi boh, mi sembra tutto assurdo.. In ogni caso: "Morto un iPhone, se ne fa' un altro."
      • Nenno scrive:
        Re: Chi fa errori con Steve Jobs muore....
        Complimenti ottima risposta, pensa invece se ci fossi stato tu o un tuo familiare al posto di quel ragazzo ? "Morto un iphone" ne faresti un altro lo stesso ?
    • lellykelly scrive:
      Re: Chi fa errori con Steve Jobs muore....
      c'è di mezzo la cia e pure l'nwo!! le scie chimiche confermano tutto!noi di boyager crediamo di si!!(anche noi di misteri ci aggreghiamo con simpatia!!)
    • Aname scrive:
      Re: Chi fa errori con Steve Jobs muore....
      Per onor del vero, Gates è stato toccato per aver integrato IE nel proprio sistema... non mi pare sia l'unico ad aver realizzato un SO con browser integrato...
      • alexjenn scrive:
        Re: Chi fa errori con Steve Jobs muore....
        - Scritto da: Aname
        Per onor del vero, Gates è stato toccato per aver
        integrato IE nel proprio sistema... non mi pare
        sia l'unico ad aver realizzato un SO con browser
        integrato...Beata ignoranza.http://en.wikipedia.org/wiki/United_States_v._Microsofthttp://en.wikipedia.org/wiki/European_Union_Microsoft_competition_case
    • Lord Kap scrive:
      Re: Chi fa errori con Steve Jobs muore....
      - Scritto da: chojin_a
      Mi sembra evidente. Mi sembra ROTFL!!! (rotfl)Mamma mia...-- Saluti, Kap
  • Billo Gatesso e Linusso Torvaldis scrive:
    Brutto presagio...
    Un brutto presagio sull'iPhone: il telefonino maledetto!
    • DaviZ scrive:
      Re: Brutto presagio...
      - Scritto da: Billo Gatesso e Linusso Torvaldis
      Un brutto presagio sull'iPhone: il telefonino
      maledetto!Non mi preoccuperei. Quel coso fa schifo chi ne capisce veramente non lo comprerà mai. l'omnia samsun i900 per esempio è tre volte meglio.
      • Michael scrive:
        Re: Brutto presagio...
        - Scritto da: DaviZ
        - Scritto da: Billo Gatesso e Linusso Torvaldis

        Un brutto presagio sull'iPhone: il telefonino

        maledetto!


        Non mi preoccuperei. Quel coso fa schifo chi ne
        capisce veramente non lo comprerà mai. l'omnia
        samsun i900 per esempio è tre volte
        meglio.Per te, per me no.Non esiste il cellulare perfetto per tutti e per tutto (perché dovrebbe?).
      • LoLLo scrive:
        Re: Brutto presagio...
        - Scritto da: DaviZ
        - Scritto da: Billo Gatesso e Linusso Torvaldis

        Un brutto presagio sull'iPhone: il telefonino

        maledetto!


        Non mi preoccuperei. Quel coso fa schifo chi ne
        capisce veramente non lo comprerà mai. l'omnia
        samsun i900 per esempio è tre volte
        meglio.Quindi 96gb di memoria, 9mpx di fotocamera, 21.6 mega al secondo su rete umts, monitor da 10.5".Mmmm...non mi ci sta in tasca (però forse il monitor potrebbero farlo ripiegabile).
      • nico scrive:
        Re: Brutto presagio...
        - Scritto da: DaviZ
        - Scritto da: Billo Gatesso e Linusso Torvaldis

        Un brutto presagio sull'iPhone: il telefonino

        maledetto!


        Non mi preoccuperei. Quel coso fa schifo chi ne
        capisce veramente non lo comprerà mai. l'omnia
        samsun i900 per esempio è tre volte
        meglio.Come no, il "XXXXXfonino" per il winaro che non vuole mai star senza i suoi virus.
      • cal culator scrive:
        Re: Brutto presagio...
        - Scritto da: DaviZ
        - Scritto da: Billo Gatesso e Linusso Torvaldis

        Un brutto presagio sull'iPhone: il telefonino

        maledetto!


        Non mi preoccuperei. Quel coso fa schifo chi ne
        capisce veramente non lo comprerà mai. l'omnia
        samsun i900 per esempio è tre volte
        meglio.quindi schifo/3, approssimando 0,33 * schifo?
      • io me scrive:
        Re: Brutto presagio...
        hai tu il prototipo?o parli tanto per dare aria ai denti?
      • tippy scrive:
        Re: Brutto presagio...
        sempre troll in agguato ci sono
      • alexjenn scrive:
        Re: Brutto presagio...
        - Scritto da: DaviZ
        - Scritto da: Billo Gatesso e Linusso Torvaldis

        Un brutto presagio sull'iPhone: il telefonino

        maledetto!


        Non mi preoccuperei. Quel coso fa schifo chi ne
        capisce veramente non lo comprerà mai. l'omnia
        samsun i900 per esempio è tre volte
        meglio.Perché ti sei fermato solo a tre volte?
        • DaviZ scrive:
          Re: Brutto presagio...
          - Scritto da: alexjenn
          - Scritto da: DaviZ

          - Scritto da: Billo Gatesso e Linusso Torvaldis


          Un brutto presagio sull'iPhone: il telefonino


          maledetto!





          Non mi preoccuperei. Quel coso fa schifo chi ne

          capisce veramente non lo comprerà mai. l'omnia

          samsun i900 per esempio è tre volte

          meglio.

          Perché ti sei fermato solo a tre volte?Perchè 3 è il numero perfetto
Chiudi i commenti