Navighi? So (quasi) tutto di te

Breve viaggio nel mondo dei web bug, cresciuti del 488 per cento nell'ultimo anno. Un fenomeno non nuovo che ora diventa la norma della internet commerciale. Un fenomeno che si aggiunge alla questione spyware. Bisogna preoccuparsi?


Web – Cosa c’è dentro i computer degli utenti? La domanda non ha una risposta scontata. Se da un lato per molti programmi commerciali non si ha l’esatta percezione di quello che si “infila” nell’elaboratore quando questi vengono installati, dall’altro vi sono moltissimi software che non dichiarano con chiarezza le proprie funzioni, che diventano così nascoste, “spyware”. Talvolta questi spyware sono pericolosi per la privacy. E oggi su web la questione si fa ancora più insidiosa, a causa dell’enorme crescita dei cosiddetti “web bug”, degli “spyware” attivi sulle pagine web.

A luglio, la società di ricerca Cyveillance sosteneva che le pagine web avevano raggiunto l’impressionante numero di due miliardi, troppe per essere indicizzate dai motori di ricerca. E pochi giorni fa la stessa azienda ha dichiarato che su queste pagine si assiste ad un aumento esponenziale dei web bug, e dunque ad un serio rischio-privacy per gli utenti internet.

Cosa sono i web bug? Si tratta di un insieme di strumenti che possono raccogliere informazioni sull’utente che visita certe pagine, senza che questi se ne renda conto. Come le piccole grafiche nascoste infilate nelle pagine capaci di raccogliere il numero IP del computer dell’utente, la tipologia di sistema operativo e browser utilizzato dall’utente e altro ancora. Ma “web bug” sono anche i cookies, i “biscottini” che possono rendere più semplice la profilazione dell’utente a fini commerciali, dunque la raccolta di dati sull’utente senza che questi ne sia pienamente consapevole.
Non tutti i cookies sono dannosi o pericolosi, ma ce ne sono alcuni, messi in campo dai siti più spregiudicati, che possono raccogliere molte, troppe informazioni.

Secondo Cyveillance, nell’ultimo anno il numero di web bug è aumentato del 488 per cento, un dato che è confermato non solo da altri osservatori di ricerca ma anche dall’esperienza diretta dei molti che utilizzano sistemini per “scovare” i bug o quantomeno essere avvertiti della loro presenza. Qualche tempo fa , passandoci sopra con un software chiamato AbSubstract, le pagine dei portali italiani Virgilio.it o Clarence.com si dimostravano prolifiche culle per cookies e affini.

Eppure non sono certo soltanto i portali commerciali ad alimentare, in Italia e all’estero, la crescita smisurata di questi “sistemilli”. La crescita dei web bug si deve infatti anche a molte pagine personali. E questo accade perché i siti personali, spesso ospitati da provider e servizi di hosting “gratuiti”, vengono gestiti con strumenti che piazzano i bug voluti da chi ospita quelle pagine, che divengono così fabbriche di informazioni a dispetto di ogni trasparenza. A quanto pare Yahoo Geocities e America Online sarebbero tra i maggiori utilizzatori di queste “tecniche”.

Si tratta di un fenomeno di massa. Tanto che gli esperti della celebre azienda di rilevazione americana sostengono che oggi ad un navigatore web può capitare di trovarsi su una pagina infestata da web bug con una frequenza superiore di cinque volte rispetto al 1998.


E’ una constatazione fatta sui grandi numeri. Utilizzando un campione di un milione di pagine raccolte dal 1998 al 2001, Cyveillance ha stabilito che i siti di otto delle cinquanta prime net-companies listate da Forbes presentavano web bug sulle proprie home page, “spesso ad un solo clic dalle dichiarazioni ufficiali sul rispetto della privacy degli utenti”. In particolare, il 16 per cento delle pagine delle imprese conterrebbe web bug, secondo Cyveillance, contro il 18 per cento di quelle personali. Sul 3,9 per cento di tutti i siti si troverebbero grafiche di un solo pixel capaci di raccogliere informazioni sugli utenti. Nel 1998 la stessa società di rilevazione aveva calcolato questa percentuale nello 0,7 per cento del totale.

Ci sono anche i web bug che lavorano in network. Se un utente acquista un bene su un sito, lasciando i propri dati personali, rischia di passare involontariamente tutti i suoi dati a molte altre aziende, se il sito dove compie un acquisto comprende web bug gestiti dalla stessa entità commerciale che gestisce quelli di altri siti. Una rete di siti può così trasformarsi in un formidabile centro di raccolta dati senza autorizzazione.

C’è da preoccuparsi? Di certo chi compie molte attività in rete rischia di offrire un profilo completo di sé ad entità commerciali senza molti scrupoli. Ma la storia di questi anni sembra indicare che non sempre ad un dato così imponente si accompagna una vera preoccupazione. In fondo, dicono in molti, la maggior parte dei web bug non possono associare le informazioni “catturate” al nome e cognome dell’utente. Non solo, come affermavano recentemente gli esperti di SecurityPortal , dediti da sempre alla sicurezza e alla privacy, molti web bug in realtà consentono di ottenere servizi, non solo di e-commerce, migliori e più efficienti.

Basta questo per stare tranquilli? Forse. Ma per esserlo ancora di più è bene non sottovalutare la presenza dei web bug. Ci vuole ben poco, d’altra parte, per sapere se sono o meno presenti su un sito. Basta utilizzare sistemi come il tool di BugNosis , pensato per rendere l’utente consapevole di cosa si trova sulle pagine visitate. Uno strumento che, come altri oggi disponibili, consentono anche a chi dispone di pagine personali, ospitate sui siti di “community”, di sapere se il proprio sito è, a propria insaputa, un raccoglitore di informazioni…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mark k scrive:
    grandissimo.
    ancora una volta hawking ci stupiva gia' prima dei tempi.Grandissimo.Ci siamo quasi.
  • Pio scrive:
    Potrebbe succedere
    E' impossibile da attuare oggi, ma non tra 50 anni. Basterebbe clonare un cervello umano ed implementarlo col corpo meccanico. Avete ottenuto un essere superiore in grado di ragionare, di autoripararsi e autoriprodursi.Ma comunque sarà l'uomo stesso a svilupparsi in macchina per suo volere. La sua innata sete di conoscenza e il ego smisurato lo invoglieranno a servirsi della bioingegneria per sentirsi e/o per essere superiore rispetto ad altri uomini.Et voilà.
  • Anonimo scrive:
    L'intelligenza delle macchine...
    e` da sempre ferma al paragone con quella apparente di un insetto (paragone oltretutto discutibile se solo riuscissimo a psicanalizzare meglio un insetto). Quel che raddoppia sono capacita` di memoria e velocita` di elaborazione strettamente seriale, strettamente binaria, di dati. Ma io non mi preoccupo se domani per lo stesso prezzo mi vendono una casa piu` grande: ho solo piu` spazio, dov'e` il problema? Mica la casa mi diventa piu` pericolosa...Fidati, Sig. Hawking, le macchine programmabili sono macchine programmabili, non hanno uno scampolo di vera intelligenza. E se al limite in futuro questo potra` cambiare, e tutto sommato penso di si grazie al "paradigma dell'emulatore di cervello", al massimo ci ritroveremo di fronte un uomo artificiale, non molto diverso come potenziale da un uomo che batte a un computer, con tutto quel che ne consegue. Anch'io oggi potrei farmi installare su una spalla un lanciamissili che per puntamento segue dove va il mio sguardo... mica solo un eventuale futuro essere artificiale. E allora saremmo come minimo pari: io mi fido della natura, della mielina e dell'efficienza del mio sistema nervoso centrale. Se e` fatto cosi`, e` perche` 2 miliardi e passa di anni di evoluzione lo hanno reso tale, e ce la voglio vedere una macchina a farlo meglio. Le macchine fanno meglio i conti, ma se provassero davvero a ragionare e a sviluppare una personalita` stabile, dubito che potrebbero farlo meglio di noi. No, no davvero... di tutti i problemi, questo e` quello che praticamente non mi preoccupa per niente. D'altronde, MS Windows e` MOLTO piu` stupido di MS DOS. :D[edit]bah... che diamine, chi e` che ha bumpato questo? ho commentato una notizia di tre anni fa credendola recente... :p*si ripassa l'indice odierno*==================================Modificato dall'autore il 15/11/2004 8.51.12[edit bis]pero` che strano... dev'essere cambiato qualcosa in questi tre anni nel formato di registrazione dei commenti... tutti i post di sotto riportano un errore subito dopo il testo.==================================Modificato dall'autore il 15/11/2004 8.52.57
  • Anonimo scrive:
    Fatelo tacere????
    Che disgusto!"Fatelo tacere" richiama forza e violenza!I Talebani fanno tacere gli Americani distruggendo vilmentr le torri.Gli Americani hanno fatto tacere gli Indianimassacrandoli.Chi non la pensa allo stesso modo deve esseresoppresso?E poi, proprio far tacere Stephan che mancopuò parlare..Che pochezza..Che disgusto!
  • Anonimo scrive:
    Hawking come Einstein
    avevano ragione tutti e dueUN BUCO NERO NELLA VIA LATTEA, PROVE DAGLI USA; Nuove conferme alla teoria di Albert Einstein(ANSA) - WASHINGTON, 5 SET - C'e' un buco nero al centro della Via Lattea, la nostra galassia: ne sono sempre piu' convinti gli astronomi americani, che si basano su informazioni trasmesse dal telescopio a raggi X della Nasa Chandra. Studi precedenti avevano gia' indicato che la Via Lattea ha qualcosa di molto denso al proprio centro e gli scienziati tendono a credere che praticamente tutte le galassie ruotino intorno a un buco nero. Fu Albert Einstein ad ipotizzare per la prima volta la presenza di un buco nero al centro di ogni galassia e le nuove prove, che appaiono quasi definitive, gli danno ragione una volta di piu'. Un buco nero e' un oggetto astronomico cosi' denso che neppure la luce puo' sottrarsi alla sua forza di gravita'. Il buco nero della Via Lattea occuperebbe uno spazio ridotto in termini astronomici, non piu' grande della distanza tra la Terra e il Sole (8 minuti luce), ma con una massa pari a 2,6 milioni di volte quella del Sole. (ANSA).
  • Anonimo scrive:
    FATELO TACERE
    Ma dove siamo finiti?Non era forse la macchina a servizio dell'uomo (e non viceversa)??Figuriamoci se noi dobbiamo adattarci a dellemacchine...Sembra quasi che non ci si possa piu' fermare! Forse qualche FISICO (invasato di elettronica), non si rende conto che esistono due tipi di progresso: quello buono (a favore dell'uomo) e quello cattivo (potenzialmente dannoso); siccome il progresso e'un "prodotto" dell'uomo, automaticamente risulta gestibile da esso stesso!Bisogna capire quando e' necessario fermarsi..Certe cose rischiano di essere piu' grandi di noi!Hawking per arrivarci forse ha davvero bisogno di evolversi celebralmente...................
    • Anonimo scrive:
      Re: FATELO TACERE
      Se posso dire la mia ... altro che farlo tacere... la maggior parte delle persone è già schiava di macchine stupide (quanti di voi si muovono senza l'automobile? vi siete mai chiesti quanta vita buttate lavorando come pazzi solo per mantenere le macchine che ci circondano?)...Se si diventa schiavi così facilmente di macchine che non sanno di essere dei padroni, è facile immaginare cosa succederà se mai riusciranno a percepire il loro potere.... JD76
    • lkl scrive:
      Re: FATELO TACERE

      Bisogna capire quando e' necessario
      fermarsi..
      Certe cose rischiano di essere piu' grandi
      di noi!
      Hawking per arrivarci forse ha davvero
      bisogno di evolversi
      celebralmente...................facciamo tacere Hawking e lasciamo parlare un qualsiasi utente di un qualsiasi forum?qualcosa non va, in questa proposta.
  • Anonimo scrive:
    MI ANDREBBE BENE MA....
    PENSATE A COLLEGARE UN PC CON W98 AL VOSTRO CERVELLO... PREMERE UN TASTO QUALSIASI PER FORMATTARE IL VOSTRO CERVELLO E UNO QUALSIASI PER TORNARE INDIETRO....NO, MEGLIO DI NO
  • Anonimo scrive:
    HEHE
    UN MODULO DI RAM IN + MI SERVIREBBEE......SAPETE..QUANDO NON SI RICORDA DOVE HAI LASCIATO LE CHIAVI...
  • Anonimo scrive:
    Non e' che le macchine...
    diventano sempre piu' "intelligenti" (bahaha!)...e' che le persone diventano sempre piu' stupide...
  • Anonimo scrive:
    Matrix e' fra noi
    "IA grande fu la sua potenza..."siete fottuti ora arriva trinity e vi spaccail culo hahahhahahhaha
  • Anonimo scrive:
    Re: E se l'intelligenza altro non fosse che...
    Non riesco a capire cosa c'entri il profitto con la questione "superiorità uomo-macchina". Tutti abbiamo problemi etici o comunque domande esistenziali profonde. Non è comunque creandoci appendici hw/sw che riusciremo a trovarne le risposte. Tutto qui.- Scritto da: Dixie


    Magari.
    Il tuo e' un problema etico.
    E le persone etiche non generano
    profitto.....
    • Anonimo scrive:
      Re: E se l'intelligenza altro non fosse che...
      - Scritto da: Stefano Mecchia
      Non riesco a capire cosa c'entri il profitto
      con la questione "superiorità
      uomo-macchina". Il tutto partiva da un post sull'evoluzione dell'uomo grazie alle macchine visto che la natura ci avrebbe messo qualche decina di milioni di anni.Qualcuno (tu?) ha detto "ehi ehi puo' un chip insegnare la solidarieta'?"E io ho risposto "magari lo facesse, se servisse a fare soldi probabilmente lo inventerebbero anche. Ma al momento e' piu' remunerativo fare le cose senza pensare all'etica"
      Tutti abbiamo problemi etici o comunque
      domande esistenziali profonde. Non è
      comunque creandoci appendici hw/sw che
      riusciremo a trovarne le risposte. Tutto
      qui.No certo. Ma metto in dubbio il tuo "tutti hanno ...". Giusto o sbagliato che sia i problemi etici non vengono posti in essere dalle multinazionali (ad esempio quelle del farmaco).I computer piu' potenti servono alla logica di profitto, qualsiasi strumento serve per controllarli va bene. Se si tratta di prendere un poveraccio che muore di fame e impiantargli un connettore neurale per maneggiare la "macchina pensante" io non credo che qualcuno si chiedera' se e' giusto o sbagliato... al piu' verra' messo a lavorare di nascosto in cantina per non avere problemi di ordine pubblico.E le scelte del superPC non saranno certo molto piu' etiche.
  • Anonimo scrive:
    Vacca boia che stronzate :-O
    Forse deve reclamizzare un suo nuovo libro e ha bisogno di sollevare un po' di polvere ....Bah!
    • Anonimo scrive:
      Re: Vacca boia che stronzate :-O
      - Scritto da: Hermex
      Forse deve reclamizzare un suo nuovo libro e
      ha bisogno di sollevare un po' di polvere
      ....
      Bah!se pensi che l'uomo usa solo il 7% delle sue capacita' mentali, mentro un maestro di hokuto e' in grado di utilizzare anche il restante 97%, penso che bastera' insegnare a tutti l'arte dell'hokuto e i punti segreti di pressione, piuttosto che perdere tempo e soldi inseguendo improbabili estensioni biomeccaniche.certo che anche il nanto non scherzava...iauuuuushau!
      • Anonimo scrive:
        Re: Vacca boia che stronzate :-O
        - Scritto da: rei l'uccello d'acqua di nanto
        se pensi che l'uomo usa solo il 7% delle sue
        capacita' mentaliPer volta.E' un grosso equivoco che ha sempre datoorigine a queste credenze.Il 5-7% per volta, mai tutto insieme,ma parte per parte. A seconda di quelloche devi fare.Sta' tranquillo, il cervello lo usi tutto,non ci sono aree ignote o speciali.Anche se era molto più bello pensare checi fossero...
  • Anonimo scrive:
    Re: E se l'intelligenza altro non fosse che...
    - Scritto da: Stefano Mecchia
    Ma i
    problemi dell'uomo non sono solo di
    carattere sussistenziale. Oggi si parla di
    problemi etici, legati cioè alla sfera
    morale, spirituale, ecc. Corretto,ma il passaggio da una civiltà di uomini che si incontrano e parlano, ad una civiltà di uomini che, con l'ausilio della tecnologia, riescono a comunicare in modo molto più rapido, intimo e diffuso non può richiamare quel passaggio evolutivo che ha portato da forme di vita monocellulari a forme di vita pluricellulari?Questo è stato possibile solo quando le cellule hanno imparato a "comunicare" tra loro.Un neurone lasciato a sè non ha etica, ma 10^11 neuroni, che interagiscono ininterrottamente tra loro, la possono sviluppare.Spero che S.H. pensasse a questo.
    • Anonimo scrive:
      Re: E se l'intelligenza altro non fosse che...

      Un neurone lasciato a sè non ha etica, ma
      10^11 neuroni, che interagiscono
      ininterrottamente tra loro, la possono
      sviluppare.
      Spero che S.H. pensasse a questo.insomma, la maggioranza buona fa fuori i cattivi...ma se la maggioranza fosse cattiva ???
  • Anonimo scrive:
    Siete fatti a immagine e somiglianza di DIO
    Non mi meraviglio affatto di quanto sostenuto dal fisico Inglese... E' ATEO! Non credere in nulla, equivale a credere a delle sciocchezze.L'uomo possiede doni spirituali immensi che le macchine non potranno mai avere...
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete fatti a immagine e somiglianza di DIO
      Tutto quello che l'uomo possiede e' un background di anni e anni di dicerie/credenze/mezze verità... basti pensare che l'algoritmo con il quale un uomo da un rating alla correttezza di un affermazione corrisponde a quante volte ha sentito la stessa... 1x ho sentito che, 2x fonti sicure dicono, 3x sicuramente e' cosi'! Moltiplichiamo l'applicazione di tale algoritmo per milleni e otteniamo la bibbia,il corano,ecc ecc.L'uomo che crede ciecamente, che accetta qualcosa senza metterla in discussione, non e' difficile da eguagliare sinteticamente... - Scritto da: Pietro Cornelio
      Non mi meraviglio affatto di quanto
      sostenuto dal fisico Inglese... E' ATEO! Non
      credere in nulla, equivale a credere a delle
      sciocchezze.
      L'uomo possiede doni spirituali immensi che
      le macchine non potranno mai avere...
      • Anonimo scrive:
        Re: Siete fatti a immagine e somiglianza di DIO
        vedi tutte le leggende o storie hanno qualcosa di vero...che poi su quello viene tessuta tutta una storia, questo e un'altro discorso...comunque, ogniuno e libero di fare le proprie scelte...e io di interfacciarmi con qualche macchina non ci penso neanche...- Scritto da: dogma
        Tutto quello che l'uomo possiede e' un
        background di anni e anni di
        dicerie/credenze/mezze verità... basti
        pensare che l'algoritmo con il quale un uomo
        da un rating alla correttezza di un
        affermazione corrisponde a quante volte ha
        sentito la stessa... 1x ho sentito che, 2x
        fonti sicure dicono, 3x sicuramente e'
        cosi'! Moltiplichiamo l'applicazione di tale
        algoritmo per milleni e otteniamo la
        bibbia,il corano,ecc ecc.
        L'uomo che crede ciecamente, che accetta
        qualcosa senza metterla in discussione, non
        e' difficile da eguagliare sinteticamente...


        - Scritto da: Pietro Cornelio

        Non mi meraviglio affatto di quanto

        sostenuto dal fisico Inglese... E' ATEO!
        Non

        credere in nulla, equivale a credere a
        delle

        sciocchezze.

        L'uomo possiede doni spirituali immensi
        che

        le macchine non potranno mai avere...
    • Anonimo scrive:
      Maddai: semmai è Dio che somiglia a Berlusconi.
      Solo ha più capelli e la barba...
  • Anonimo scrive:
    Tipico...
    ..della cultura anglosassone in generale, a mio avviso, confondere le potenzialità della macchina con le capacità dell'uomo. E' una preoccupante tendenza che noto da tempo e che credo sia dovuta al fatto che i sistemi scolastici nord-europei ed anglosassoni in generale siano fortemente orientati al tecnicismo a scapito di indirizzi umanistici. Ciò fa sì che ci sia una forte identificazione e quindi anche confronto tra la macchina e l'uomo stesso; confronto che però non ha alcuna ragion d'essere. Mi sembra quanto meno sconcertante che una persona così aperta mentalmente come S.H. formuli teorie così palesemente balzane.
  • Anonimo scrive:
    www.alicebot.org
    In questo sito troviamo lo stato attuale dello sviluppo di intelligenze artificiali. Alice probabilmente è il migliore chatterbot free in circolazione ed è anche open source. Per quanto riguarda i progetti commerciali non ne ho idea, e in genere sono tutti super TOP secret. E cmq se in futuro dovremmo avere paura di qualcosa, sarà proprio di questi progetti commerciali a sorgente chiuso. Chi potrà avere paura di una AI open source?Come al solito, abbasso picrosoft...
    • Anonimo scrive:
      Re: www.alicebot.org
      qua si trova lo stato attuale dei chatbot... l'ai non e' solo questo. Un chatbot come questo non e' programmato con lo scopo di 'capire' quello che uno gli dice ma bensi' di dare una risposta plausibile ad una domanda o un affermazione detta.C'e' una bella differenza tra creare un programma che 'capisca' il linguaggio naturale e che dia una risposta in base alla sua conoscenza(fatti registrati in una data forma) e un programma, come e' questo il caso, che è stato creato per 'ingannare' l'interlocutore in modo da fargli credere che sta chattando con un suo simile.Conclusione: questo tipo di programma non da di certo un idea di quello che sono gli sviluppi in AI.
      • Anonimo scrive:
        Re: www.alicebot.org
        - Scritto da: Eliza
        qua si trova lo stato attuale dei chatbot...
        l'ai non e' solo questo. Un chatbot come
        questo non e' programmato con lo scopo di
        'capire' quello che uno gli dice ma bensi'
        di dare una risposta plausibile ad una
        domanda o un affermazione detta.
        C'e' una bella differenza tra creare un
        programma che 'capisca' il linguaggio
        naturale e che dia una risposta in base alla
        sua conoscenza(fatti registrati in una data
        forma) e un programma, come e' questo il
        caso, che è stato creato per 'ingannare'
        l'interlocutore in modo da fargli credere
        che sta chattando con un suo simile.
        Conclusione: questo tipo di programma non da
        di certo un idea di quello che sono gli
        sviluppi in AI.Verisimmo, hai ragione. Ho scritto un messaggio veloce, senza pensarci molto. Del resto bisogna far notare che tuttora non si è fatto moltissimo riguardo a questo settore, o perlomeno l'informazione non è sufficiente. Finchè mi si viene a dire che qualcosa è intelligente solo perchè "impara dai propri errori" (affermazione made by tv e giornali e superficiali siti internet) certo non crederò che vi siano AI in grado di comprendere e capire il linguaggio umano. Indi per cui ho ben pensato di interessarmi, ed ho trovato A.L.I.C.E., che se non altro è un bell'esempio di cosa l'open source possa fare. Ricordo che tempo fà un matematico tentò di creare un modello formale del linguaggio umano allo scopo di creare un metodo per per fare traduzioni automatizzate infallibili. Fece ben poca strada, fermandosi alle prime piccole contraddizioni della linguaggio umano. Certo, se si arrendono anche i matematici...
        • Anonimo scrive:
          Re: www.alicebot.org

          ...
          sufficiente. Finchè mi si viene a dire che
          qualcosa è intelligente solo perchè "impara
          dai propri errori" (affermazione made by tv
          e giornali e superficiali siti internet)
          certo non crederò che vi siano AI in grado
          di comprendere e capire il linguaggio umano.BTW mi sembra allora difficile che che l'umanita' sia intelligente.La guerra lo dimostra.
          Ricordo che tempo fà un matematico tentò di
          creare un modello formale del linguaggio
          umano allo scopo di creare un metodo per per
          fare traduzioni automatizzate infallibili.
          Fece ben poca strada, fermandosi alle prime
          piccole contraddizioni della linguaggio
          umano. Certo, se si arrendono anche i
          matematici...Ci hanno provato anche parecchi linguisti... e stanno continuando a cercare un modello matematico o una grammatica o qualsiasi cosa gli permetta di rappresentare il linguaggio naturale (la branca dell'IA che studia questo mi sembra che si chiami NLP, natural language processing)
  • Anonimo scrive:
    Non c'è due senza tre...
    Dopo aver letto l'articolo e tutti i commenti arrivati fino a questo momento, deduco che la maggior parte della gente non ha di questi timori.Forse però farebbero bene a pensare che il mondo e la tecnologia si evolvono ad un ritmo sempre più veloce. Non siamo in grado di prevedere che cosa inventeranno fra 3 o 4 anni, come facciamo a dire che in un futuro molto più lontano la tecnologia non crei qualcosa di mostruoso?In realtà è già successo, due volte:1) la bomba atomica;2) la clonazione.Non c'è due senza tre...Voltaire 2001
  • Anonimo scrive:
    Cinicamente parlando...
    pare strano venga auspicato lo sviluppo di apparati bio-elettronici da parte di chi attualmente usa già un sintetizzatore vocale.io di certo so soltanto che di hardware nel mio corpo, non voglio proprio niente.ve lo ricordate il predicatore in Johnny mnemonic?
    • Anonimo scrive:
      Re: Cinicamente parlando...
      - Scritto da: davex
      pare strano venga auspicato lo sviluppo di
      apparati bio-elettronici da parte di chi
      attualmente usa gi? un sintetizzatore
      vocale.Nel suo caso pero' si tratta di una necessita'...
      io di certo so soltanto che di hardware nel
      mio corpo, non voglio proprio niente.Sono daccordo con te... ma questo vale anche per i bypass????? (non voglio portare sfiga, solo dovresti operare la distinzione tra quello che serve e quello che adesso e' superfluo....)
      ve lo ricordate il predicatore in Johnny
      mnemonic?si. Ma mi basta lo stesso JM... io non gradirei un un CD nel cervello. Ma non vedo perche' fare dell'ironia sulle sfighe altrui
      • Anonimo scrive:
        Re: Cinicamente parlando...
        ma tu dixie vorresti continuare a vivere grazie alle macchine?o meglio se puo' essere un aiuto ok, una integrazione. ma non tutto il corpo e ogni parte "debole".cmq io non ironizzavo prima, sottolineavo il fatto che stranamente lui usa già apparecchi di questo tipo, piacerebbe anche a me lui avesse lo stesso tipo di tecnologia vocale, per assurdo, impiantata nella dentiera e quindi invisibile.ma non credo la usi per "battere le macchine".
        • Anonimo scrive:
          Re: Cinicamente parlando...
          - Scritto da: davex
          ma tu dixie vorresti continuare a vivere
          grazie alle macchine?
          o meglio se puo' essere un aiuto ok, una
          integrazione. ma non tutto il corpo e ogni
          parte "debole".Io personalmente preferirei farne a meno... in caso di necessita' (malattia, o invalidita') pero' il discorso cambia.Ma tu pensi che in un mondo dove c'e' gente che e' pronta a vendere un rene per soldi (soldi per mangiare, of course) non ci sara' anche gente pronta a questo tipo di trapianti?
          cmq io non ironizzavo prima, sottolineavo il
          fatto che stranamente lui usa già apparecchi
          di questo tipo, piacerebbe anche a me lui
          avesse lo stesso tipo di tecnologia vocale,
          per assurdo, impiantata nella dentiera e
          quindi invisibile.
          ma non credo la usi per "battere le
          macchine".Si, forse la sua opinione e' derivata anche dal suo stato di "utente" di un certo tipo di tecnologia... e' un opinione e quindi e' anche opinabile, sia guardando l'interfaccia uomo/macchina e sia il pensiero sull'evoluzione delle AI.P.S. Scusa se ho capito male e ho pensato che fosse ironia...
          • Anonimo scrive:
            Re: Cinicamente parlando...
            anzi, grazie del dibattito. penso che il tuo commento sia stato utile per farmi chiarire la mia opinione.ciauz
    • Anonimo scrive:
      Re: Cinicamente parlando...

      ve lo ricordate il predicatore in Johnny
      mnemonic?bhe, quello aveva qualche rotella fuori posto...;-0)
  • Anonimo scrive:
    Pinzillacchere ...
    .... avrebbe detto Totò, si sulla carta è vero ... ma non dimentichiamoci chi c'è dietro ad ogni superpicci (o altro sistema di calcolo!) ci sono tanti piccoli programmatori ... ah ora che mi sovviene c'è sempre anche un piccolo alimentatore che senza corrente ....Tra l'altro vorrei ricordare quel giocatore di scacchi che un paio di anni va si misurò con un superpiccì IBM (e qui la fantascienza galoppa!!!), perse il primo match giocando "regolare" ma vinse la rivincita facendo appello alla "genialità" umana muovendo in modo "irragionevole" mandando a farsi benedire il cervellone.Certo che ora, leggendo i post di taluni, beh quella qualità dello scacchista mi pare non rara, direi scomparsa!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pinzillacchere ...

      Tra l'altro vorrei ricordare quel giocatore
      di scacchi che un paio di anni va si misurò
      con un superpiccì IBM (e qui la fantascienza
      galoppa!!!), perse il primo match giocando
      "regolare" ma vinse la rivincita facendo
      appello alla "genialità" umana muovendo in
      modo "irragionevole" mandando a farsi
      benedire il cervellone.
      Non era uno scacchista, era LO scacchista ;)tale Kasparov...E vinse perche' a programmare il supercomputer IBM furono programmatori che poco si intendevano di scacchi.Li' e' veramente solo questione di forza bruta.Una volta che puoi predire le conseguenze di OGNI mossa, non puoi perdere.L'intelligenza c'entra davvero poco.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Stephen (haw)king??
    mi sa che sto tizio legge troppi libri di fantasia e alla notte fa brutti sogni. del resto 1 messo cosi puo giusto darsi alla masturbazione mentale visto che è l'unica cosa che gli è rimasta da masturbare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Stephen (haw)king??
      in Verità un giorno nel prossimo futuro i computers diverranno come noi: gli crescerà una coscienza e anche un bel paio di coglioni e allora li capiremo che siamo FOTTUTI!!!!! ci inculer@nno a sangue!!! si porteranno a letto le nostre mogli (questo potrebbe avere una sfaccettatura positiva) facendogli c@g@re tanti computers.StEpHeN "the" KiNg
      • Anonimo scrive:
        Pinzilacchere ...
        .... avrebbe detto Totò, si sulla carta è vero ... ma non dimentichiamoci chi c'è dietro ad ogni superpicci (o altro sistema di calcolo!) ci sono tanti piccoli programmatori ... ah ora che mi sovviene c'è sempre anche un piccolo alimentatore che senza corrente ....
  • Anonimo scrive:
    L'avevano predetto anke in....
    Terminator 2, dove le makkine presero il controllo della civiltà umana. Speriamo solo che ci sarà un O'Connor a salvare la nostra civiltà dall'estinzione umana.....
  • Anonimo scrive:
    i fisici facciano i fisici .....
    mica e' un informatico hawking ... che cazzo ci capisce di intelligenza artificiale ?e' come chiedere a Linus Torvald di progettareun sincrotrone per il CERNne passa ancora di tempo prima che un computersappia ragionare come un uomo !!guardate windows ad esempio :-))))
    • Anonimo scrive:
      Re: i fisici facciano i fisici .....
      Non c'e' da preoccuparsi riguardo le affermazioni di Hawking, pero' non e' neanche il caso di deriderlo, infatti il pericolo di cui parla esiste, anche se passeranno ancora molti anni (credo una ventina, ma forse anche trenta) prima che si ponga nei termini da lui descritti.Dobbiamo renderci conto che con i computer quantistici la potenza di queste macchine aumentera' in modo esponenziale, assisteremo ad un salto che oggi non e' neanche immaginabile, e ci stanno lavorando in questo momento, anche se solo in sede teorica.Quindi, per ora possiamo stare tranquilli (basta osservare quanto e' stupido un PC medio, che non capisce neanche cio' che gli chiediamo di fare) pero' cerchiamo di comprendere che un giorno lontano l'intelligenza dei computer competera' con quella dell'uomo.Alberto
      • Anonimo scrive:
        Re: i fisici facciano i fisici .....
        - Scritto da: Alberto Scala

        Dobbiamo renderci conto che con i computer
        quantistici la potenza di queste macchine
        aumentera' in modo esponenziale, assisteremo
        ad un salto che oggi non e' neanche
        immaginabile, e ci stanno lavorando in
        questo momento, anche se solo in sede
        teorica.
        Per quanto riguarda i computer quantistici non si sà neppure se potranno mai avere applicazioni "casalinghe".. E cmq SOLO per i computer quantistici si parla di almeno 50 anni, con le ipotesi più ottimistiche. E poi è sempre il solito discorso: la potenza è in utile senza il controllo.
        • Anonimo scrive:
          Re: i fisici facciano i fisici .....
          Probabilmente i computer quantistici si autoproprammeranno... e li' saranno cazzi
          • Anonimo scrive:
            Re: i fisici facciano i fisici .....
            - Scritto da: Dalio
            Probabilmente i computer quantistici si
            autoproprammeranno... e li' saranno cazziC'è il "piccolissimo" particolare che i computer quantistici non saranno assolutamente in grado di programmarsi da soli: tanto per farti capire, i computer quantistici sono dei calcolatori in quando di lavorare sui qbit, bit quantistici..che hanno particolarissime proprietà, come ad esempio la possibilità di trovarsi in punti diversi dello spazio nello stesso tempo, possono assumere diverse forme allo stesso tempo. Tutte queste particolarità permettono che, adeguatamente programmati da altri calcolatori NON quantistici, si possa superare il limite dell'esecuzione sequenziale (ovvero una istruzione alla volta..), permettendo di eseguire migliaia, milioni, miliardi di istruzioni allo stesso tempo. Come al solito c'è sempre l'uomo dietro, niente che possa sfuggire di mano...
          • Anonimo scrive:
            Al lupo, al lupo ma....
            Ho letto sia la notizia che i commenti in post.Devo dire che, sebbene non possa immaginarmi nè come nè quando potrà accadere, non mi sentirei di escludere l'ipotesi di Hawking.D'altronde, se pensiamo alla fantascienza d'inizio secolo, quando si teorizzavano macchine che avrebbero preso il posto degli uomini nelle fabbriche ed il grande fratello, c'era senz'altro chi le vedeva come utopie. Adesso provate ad andare in una qualsiasi industria, tipo quella automobilistica, e ditemi che le macchine, i bot, per quanto stupidi e limitati, non hanno preso il posto dell'uomo: non di tutti, naturalmente, ma l'operaio che stringe i bulloni sul nastro trasportatore come Chaplin in "Tempi moderni" non esiste più. Ed echelon? Non è il principio del grande fratello? Altro che quello di Canale 5!
          • Anonimo scrive:
            Re: i fisici facciano i fisici .....

            C'è il "piccolissimo" particolare che i
            computer quantistici non saranno
            assolutamente in grado di programmarsi da
            soli: tanto per farti capire, i computer
            quantistici sono dei calcolatori in quando
            di lavorare sui qbit, bit quantistici..che
            hanno particolarissime proprietà, come ad
            esempio la possibilità di trovarsi in punti
            diversi dello spazio nello stesso tempo,
            possono assumere diverse forme allo stesso
            tempo. Tutte queste particolarità permettono
            che, adeguatamente programmati da altri
            calcolatori NON quantistici, si possa
            superare il limite dell'esecuzione
            sequenziale (ovvero una istruzione alla
            volta..), permettendo di eseguire migliaia,
            milioni, miliardi di istruzioni allo stesso
            tempo. Come al solito c'è sempre l'uomo
            dietro, niente che possa sfuggire di mano...Veramente non ho visto l'uomo nel processo che hai detto ma macchine non quantistiche che dialogano con macchine quantistiche. Questo significa che un algoritmo genetico o una rete neurale quantistica dovra' essere pilotata da un computer non quantisco... dove sta l'uomo?
          • Anonimo scrive:
            Re: i fisici facciano i fisici .....
            - Scritto da: Dixie


            Veramente non ho visto l'uomo nel processo
            che hai detto ma macchine non quantistiche
            che dialogano con macchine quantistiche.
            Questo significa che un algoritmo genetico o
            una rete neurale quantistica dovra' essere
            pilotata da un computer non quantisco...
            dove sta l'uomo?E che palle sta rete neuronale, algoritmo genetico..ma chi te le dice ste robe? Lo ribadisco, i calcolatori quantistici hanno il vantaggio (che non è di poco conto, certo) di anullare i limiti del calcolo sequenziale. Basta!Non è che se creiamo un computer che funziona con i quanti, questo è automaticamente in grado di ragionare. Basta con queste confusioni! Quello che volevo dire io, è che i computer quantistici verranno pilotati da computer non quantistici, ovviamente comandati da umani (per tagliare il legno cosa usi? la mano o la sega?). Se in futuro l'uomo sarà in grado di creare del SOFTWARE in grado di simulare (è il concetto resta sempre quello, si simula, non si crea nulla) una intelligenza umana, sarà la dovuta accortezza a dire che non potremmo dare eccessiva libertà di agire a tali intelligenze simulate.Penso che molta gente guardi troppi film, o li prenda per oro colato: chissà perchè nei film i computer possono sempre fare tutto, e hanno già il controllo di tutto. E' come se volessi dare a un bambino di 4 anni il controllo di una base missilistica. Te' credo che dopo fa danno!Asimov ha sempre pensato a questo particolare nei suoi romanzi, tanto è vero che ha creato le famose leggi della robotica che, lontanissime da essere dei postulati accettati anche nel mondo reale, danno una idea di come sicuramente si doterà di guinzaglio queste nuove, eventuali tecnologie. E per quanto riguarda competenza in AI, nello scontro Asimov-Hawking, assegnerei un bel 2-0 per Asimov, in serie D però, visto che il primo è uno scrittore di romanzi (è anche un bio-chimico, se non sbaglio), l'altro è un fisico.
          • Anonimo scrive:
            Re: i fisici facciano i fisici .....

            la sega?). Se in futuro l'uomo sarà in grado
            di creare del SOFTWARE in grado di simulare
            (è il concetto resta sempre quello, si
            simula, non si crea nulla) una intelligenza
            umana, sarà la dovuta accortezza a dire che
            non potremmo dare eccessiva libertà di agire
            a tali intelligenze simulate.e l'accortezza la dai tu?MI dispiace, ma io non ho assolutamente fiducia nell'uomo e nelle sue capacita di discriminare il bene dal male.(anche perche quello che e' bene oggi non e' detto che lo sara' tra 100 anni e l'uomo questo non lo sa)
            Penso che molta gente guardi troppi film, o
            li prenda per oro colato: chissà perchè nei
            film i computer possono sempre fare tutto, e
            hanno già il controllo di tutto. E' come se
            volessi dare a un bambino di 4 anni il
            controllo di una base missilistica. Te'
            credo che dopo fa danno!
            Asimov ha sempre pensato a questo
            particolare nei suoi romanzi, tanto è vero
            che ha creato le famose leggi della robotica
            che, lontanissime da essere dei postulati
            accettati anche nel mondo reale, danno una
            idea di come sicuramente si doterà di
            guinzaglio queste nuove, eventualiE visto che ci ha pensato e' arrivato anche alla legge zero....
            tecnologie. E per quanto riguarda competenza
            in AI, nello scontro Asimov-Hawking,
            assegnerei un bel 2-0 per Asimov, in serie D
            però, visto che il primo è uno scrittore di
            romanzi (è anche un bio-chimico, se non
            sbaglio), l'altro è un fisico.E sulla base di cosa dici ste' menate? Ti sei eletto supremo arbitro della parola AI in questo secolo?
          • Anonimo scrive:
            Re: i fisici facciano i fisici .....
            - Scritto da: Dixie


            tecnologie. E per quanto riguarda
            competenza

            in AI, nello scontro Asimov-Hawking,

            assegnerei un bel 2-0 per Asimov, in
            serie D

            però, visto che il primo è uno scrittore
            di

            romanzi (è anche un bio-chimico, se non

            sbaglio), l'altro è un fisico.

            E sulla base di cosa dici ste' menate? Ti
            sei eletto supremo arbitro della parola AI
            in questo secolo?
            Hai mica capito il mio discorso? Ne Asimov, ne Hawking possono sentenziare su AI. Se dovessi dare un giudizio su quale, utopisticamente parlando, delle tesi presentate dai 2 illustrissimi personaggi sia la più attendibile, direi proprio che il romanziere immagina una realtà ben più probabile di Hawking. Almeno Asimov non ha mai parlato di congegni biomeccanici per interfacciarsi alle AI...Certamente dando un giudizio personale non mi decreto giudice o arbitro della parola AI di questo secolo.
          • Anonimo scrive:
            Re: i fisici facciano i fisici .....
            Il post ormai e' vecchio e vorrei chiudere il discorso, semmai qualcuno dovesse leggere queste righe. Neanch'io sono preoccupato dalle affermazioni di Hawking, e ci mancherebbe altro! Con lo sviluppo lento che avranno i computer quantistici, semmai ce ne sara' bisogno, avremo tutto il tempo di escogitare dei meccanismi di sicurezza che impediscano a queste macchine di sfuggire al nostro controllo. Detto questo, non credo sia il caso di sottovalutare la capacita' che avranno questi computer di "ragionare". Certo, si limitano ad eseguire lo stesso tipo di calcoli che eseguono i computer attuali, ma lo faranno miliardi di volte piu' velocemente, e se ci pensate anche il cervello umano si limita a mettere in contatto dei neuroni mediante una carica elettrica, solo che sono miliardi..Sul fatto che poi questi computer possano trovare un'applicazione casalinga, non ho nessun dubbio che quando i tempi saranno maturi arriveranno anche fra le mura domestiche (leggi fra 30 anni se tutto va bene), e a chi non ne e' sicuro ricordo che anche la Hewlett Packard, quando Wozniak gli presento' il suo primo prototipo di Apple I, gli rise in faccia dicendogli "..e cosa se ne dovrebbero fare le persone comuni di un computer??"Alberto Scala
  • Anonimo scrive:
    MI CHIEDO PERCHE'?
    Visto che ci siamo perche non aumentiamo ogni 18 mesi oltre alle capacita' intellettive anche quelle sessuali (lui ci e' riuscito pero' nella parte sbagliata:la testa)e soprattutto per il bravo scienziato consiglierei anche di migliorare l'aspetto estetico ogni 18 mesi ne ha veramente bisogno!
  • Anonimo scrive:
    Focus rivista scientifica?!! Ah!
    Qua le cazzate mi sa che le spara solo Focus, una rivista sedicente 'scientifica' (mi vien da ridere). Dopo un primo periodo che forse questo aggettivo poteva corrispondere a realta', o almeno non la contraddiceva palesemente, da ormai diversi anni Focus ha scelto un indirizzo piu' commerciale, mirante a conservare e possibilmente ad aumentare il bacino dei lettori, a costo di svergognarsi con tanti articoli ridicoli, come quelli riguardanti gli ufo, l'intelligenza artificiale (il ridicolo non sta ovviamente nell'argomento in se' ma come era stato affrontato anche in altri articoli su Focus) e tanti altri ancora.Hawking non puo' avere detto queste cose, e soprattutto non in questi termini (spero).ciao,ste
  • Anonimo scrive:
    Prima di postare ...
    evitate di tirare in ballo l'handicap di Hawking per deriderlo: e' incivile e sintomo di imbecillita'.Quello che ha detto (e bisognerebbe vedere anche COME l'ha detto) va visto in un'ottica futura non immediata: teniamone conto.Grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: Prima di postare ...

      Quello che ha detto (e bisognerebbe vedere
      anche COME l'ha detto) va visto in un'ottica
      futura non immediata: teniamone conto.D'accordiSSIMO CON te.MA per molti E' diffiCILE intuire la macrosCOPICITa' dell'evoluziONE umana nEL TempoE cosi' pensano sia FANTASCIENZANO COMMEnt
      • Anonimo scrive:
        Re: Prima di postare ...
        Finalmente qualcuno con un briciolo di elasticita' mentale, concordo pienamente!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Prima di postare ...


        Quello che ha detto (e bisognerebbe vedere

        anche COME l'ha detto) va visto in
        un'ottica

        futura non immediata: teniamone conto.

        D'accordiSSIMO CON te.
        MA per molti E' diffiCILE intuire la
        macrosCOPICITa' dell'evoluziONE umana nEL
        Tempo
        E cosi' pensano sia FANTASCIENZAD'accordo con entrambi (a parte lo shift lock ballerino che non m'esalta troppo ;P)...Prima che la "natura" potesse creare grazie all'evoluzione anche una semplice formica ci sono voluti milioni di anni. Allo stato attuale un'intelligenza artificiale potrebbe essere in grado di emulare il comportamento di un formicaio intero, probabilmente.La questione è che nessuno ha detto "fra 20 anni" "dopodomani" o "l'estate prossima". Certo è che sarà molto prima di quanto qualcuno creda.Sta a noi riuscire a mantenere le redini ed evitare di fare il nostro tempo, "evoluzione, [...] come per i dinosauri" [cit da un film molto IT :D]
  • Anonimo scrive:
    dovrebbero vietare la visione di matrix...
    ... a certa gente che dopo se ne esce con certe trovate... la sua alternativa, quella dei cyborg, non e' cmq. delle piu' sicuri... leggete nathan never per credere ;O)
    • Anonimo scrive:
      Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...
      hahhahaha ma x favore, fila a rintanarti nella grotta.
      • Anonimo scrive:
        Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...
        e dalla grotta che scrivo... mi son fatto tirare il cavo del broadband fino a qua...
    • Anonimo scrive:
      Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...
      prima di dire "certa gente..." informati su chi è Hawking, magari ti risparmi una figuraccia e impari qualcosa di buono... :-)(al di là della stringatezza dell'articolo con le sue ovvie esigenze di sinteticità)buon proseguimento
      • Anonimo scrive:
        Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...
        potrebbe essere anche il padre-eterno... per me al momento tutto cio' e' abbastanza fantascientifico...
      • Anonimo scrive:
        Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...
        resta cmq. un fisico e gli conviene discernere di fisica non di ai.
      • Anonimo scrive:
        Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...
        - Scritto da: kermit
        prima di dire "certa gente..." informati su
        chi è Hawking, magari ti risparmi una
        figuraccia e impari qualcosa di buono... :-)Io non lo conosco, ma mi pare di aver capito che un astro fisico. Cio' mi porta a pensare che potrebbe anche non capirne una cippa di informatica e di intelligenza artificiale. Oppure, tenendo conto che la notizia arriva da Focus (giornale che reputo veramente poco credibile) potrebbe non aver detto quello che e' stato scritto.
        • Anonimo scrive:
          Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...
          Credo che la rivista non sia quella italiana ma una rivista tedesca. Per quanto riguarda il problema bisoga pensare che nelle scienze fisiche esiste un postulato che afferma. Tutto ciò che non è espressamente vietato può accadere. Chi lo sà come sarà il mondo futuro?
        • Anonimo scrive:
          Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...
          Hei hei, piano,non trattarmi male Focus, c'ha le copertine con le più belle donne nude di tutta l'edicola 8)
        • Anonimo scrive:
          Re: dovrebbero vietare la visione di matrix...

          Oppure, tenendo conto che la notizia arriva
          da Focus (giornale che reputo veramente poco
          credibile) L'ottusangolo ha davvero fatto cattiva pubblicità!Perche Focus è ritenuto poco attendibile?
  • Anonimo scrive:
    Potenza e intelligenza nn sono la stessa cosa...
    Beh che i computer moltiplicano la loro potenza esponenzialmente è vero, ma la loro potenza nn l'intelligenza... sono due cose molto diverse, la macchina nn potrà mai arrivare ad una complessità neanche simile a quella umana, ricordiamoci che sono programmi a gestire il tutto, quindi per quanto casuale sono le scelte di un elaboratore, restano sempre e comunque prevedibili...che dopo ci siano degli uomini molto + stupidi del mio vecchio 8086 questo è appurato ma nn credo facciano testo :O)be freeF@lox'
    • Anonimo scrive:
      Re: Potenza e intelligenza nn sono la stessa cosa...

      Beh che i computer moltiplicano la loro
      potenza esponenzialmente è vero, ma la loro
      potenza nn l'intelligenza... sono due cose
      molto diverse, la macchina nn potrà mai
      arrivare ad una complessità neanche simile a
      quella umana, NOn ti seguo. Solo perche' hai detto "mai".SONO d'accordissimo che i computer OGGI sono idioti. DOMANI non SO cosa saranno.Ma non mi e' difficile pensare che un giorno esistera' una VERA intelligenza artificiale.SArebbe STRANO il contrario.
      • Anonimo scrive:
        Re: Potenza e intelligenza nn sono la stessa cosa...
        - Scritto da: Skizzed

        Beh che i computer moltiplicano la loro

        potenza esponenzialmente è vero, ma la
        loro

        potenza nn l'intelligenza... sono due cose

        molto diverse, la macchina nn potrà mai

        arrivare ad una complessità neanche
        simile a

        quella umana,

        NOn ti seguo. Solo perche' hai detto "mai".
        SONO d'accordissimo che i computer OGGI sono
        idioti. DOMANI non SO cosa saranno.
        Ma non mi e' difficile pensare che un giorno
        esistera' una VERA intelligenza artificiale.
        SArebbe STRANO il contrario.Spiegami un po' il tuo algoritmo di maiuscolazione perche' e' tutto fuorche' segno di intelligenza umana ne tanto meno artificiale
      • Anonimo scrive:
        Re: Potenza e intelligenza nn sono la stessa cosa...

        NOn ti seguo. Solo perche' hai detto "mai".
        SONO d'accordissimo che i computer OGGI sono
        idioti. DOMANI non SO cosa saranno.
        Ma non mi e' difficile pensare che un giorno
        esistera' una VERA intelligenza artificiale.
        SArebbe STRANO il contrario.Non e' difficile pensare neanche all'esistenza degli alieni, che io ritengo altamente probabile, vista la quantita' di sistemi simili al nostro che esistono nell'universo.Sta di fatto che in 15 miliardi di anni nessuna di queste forme di vita e' riuscita a venire a contatto con le altre.Evidentemente ci sono anche dei limiti fisici difficilmente superabili, come le enormi distanze che ci sono fra i pianeti.Prevedere che in poche migliaia di anni l'uomo sia passato dagli alberi e il camminare a quattro zampe all'essere in grado di creare forme di vite "non-naturali" o biomeccaniche mi pare alquanto azzardato...e' un'ipotesi, ma allo stato attuale difficilmente realizzabile.
        • Anonimo scrive:
          Re: Potenza e intelligenza nn sono la stessa cosa.
          - Scritto da: un illetterato ignorante

          NOn ti seguo. Solo perche' hai detto
          "mai".

          SONO d'accordissimo che i computer OGGI
          sono

          idioti. DOMANI non SO cosa saranno.

          Ma non mi e' difficile pensare che un
          giorno

          esistera' una VERA intelligenza
          artificiale.

          SArebbe STRANO il contrario.

          Non e' difficile pensare neanche
          all'esistenza degli alieni, che io ritengo
          altamente probabile, vista la quantita' di
          sistemi simili al nostro che esistono
          nell'universo.
          Sta di fatto che in 15 miliardi di anni
          nessuna di queste forme di vita e' riuscita
          a venire a contatto con le altre.diciamo che nessuna e' venuta a contatto con noi.Potrebbe anche darsi che gli siamo antipatici!
          Evidentemente ci sono anche dei limiti
          fisici difficilmente superabili, come le
          enormi distanze che ci sono fra i pianeti.Da noi adesso. 6000 anni fa l'oceano non era un limite fisico superabile, dopo hanno inventato le barche a vela.
          Prevedere che in poche migliaia di anni
          l'uomo sia passato dagli alberi e il
          camminare a quattro zampe all'essere in
          grado di creare forme di vite "non-naturali"
          o biomeccaniche mi pare alquanto
          azzardato...Un superPC non sarebbe una forma di vita ma solo un "intelligenza".Un bypass e' certamente un componente biomeccanico inserito in un corpo biologico.un OGM (organismo geneticamente modificato) pero' e' qualcosa di abbastanza "non-naturale"
          e' un'ipotesi, ma allo stato attuale
          difficilmente realizzabile.credi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Potenza e intelligenza nn sono la stessa cosa...
      - Scritto da: F@lox'
      Beh che i computer moltiplicano la loro
      potenza esponenzialmente è vero, ma la loro
      potenza nn l'intelligenza... sono due cose
      molto diverse, la macchina nn potrà mai
      arrivare ad una complessità neanche simile a
      quella umanaSono d'accordo con te: pensate forse che i computer che usiamo oggi siano piu' 'intelligenti' del primo 8086? Io penso siano esattamente la stessa cosa di allora, la cpu esegue le stesse istruzioni, solo con tanta potenza in piu'. O vogliamo chiamare intelligenza le estensioni mmx o le pipeline? Ah! Se poi parliamo degli studi sull'intelligenza artificiale, quello puo' essere, ma allora cosa c'entra il raddoppio dell'intelligenza ogni 18 mesi, equazione che ho invece sempre sentito applicata alla velocita' dei computer?Io penso che Hawking, grande scenziato che ha portato avanti brillantemente degli studi sui Big Bang e altro, o non ha detto queste cose, eventualita' possibile considerata la poca serieta' che mostra la rivista Focus da diverso tempo, o le ha dette e forse il suo campo e' un altro, non l'intelligenza artificiale e non sa di cosa parla. Sembrero' presuntuoso, ma se all'interno di un discorso che potrebbe anche essere serio viene tirata in ballo in maniera totalmente inappropriata la 'legge' dei 18 mesi, tutto il ragionamento perde di credibilita'.ste
    • Anonimo scrive:
      Re: Potenza e intelligenza nn sono la stessa cosa.
      - Scritto da: F@lox'
      Beh che i computer moltiplicano la loro
      potenza esponenzialmente ? vero, ma la loro
      potenza nn l'intelligenza... sono due cose
      molto diverse, la macchina nn potr? mai
      arrivare ad una complessit? neanche simile a
      quella umana, ricordiamoci che sono
      programmi a gestire il tutto, quindi per
      quanto casuale sono le scelte di un
      elaboratore, restano sempre e comunque
      prevedibili...Si. Ma se le possibilita iniziali sono 1000 che danno luogo a altre 1000 alternative... hai gia 1000000 alternative tra cui scegliere. E non e' banale.Tu sei in grado di prevedere l'impaginazione che M$Word decide per te (dopo che tu hai cercato di spiegargli la tua, ovvio!)?
      che dopo ci siano degli uomini molto +
      stupidi del mio vecchio 8086 questo ?
      appurato ma nn credo facciano testo :O)beh quelli sono una moltidudine... forse lo Z80 ha dei risultati meno terribili
  • Anonimo scrive:
    Ah Ah!
    Ma non gli bastavano le panzane sui buchi neri?Raddoppiano cosa, ogni 18 mesi? L'intelligenza?Il problema con Hacking è che sta su una sediaa rotelle ed è affetto da quella certa forma disclerosi. Fa un po' pena, altrimenti qualcunogli avrebbe già dato del cialtrone da tempo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ah Ah!
      - Scritto da: Alex.tg
      Ma non gli bastavano le panzane sui buchi
      neri?Quali panzane?Qualcuno ha dimostrato che sono panzane?TU hai conoscenze abbastanza approfondite in astrofisica da dimostrare che sono panzane?
      Il problema con Hacking è che sta su una
      sedia
      a rotelle ed è affetto da quella certa forma
      di
      sclerosi. Fa un po' pena, altrimenti qualcuno
      gli avrebbe già dato del cialtrone da
      tempo...Sei proprio un insensibile e un ignorante.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ah Ah!
        - Scritto da: Merry
        - Scritto da: Alex.tg

        Il problema con Hacking è che sta su una

        sedia

        a rotelle ed è affetto da quella certa
        forma

        di

        sclerosi. Fa un po' pena, altrimenti
        qualcuno

        gli avrebbe già dato del cialtrone da

        tempo...

        Sei proprio un insensibile e un ignorante.Un insensibile? E' un callone, come si dice dalle mie parti...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ah Ah!
          Avevo sviscerato i peggio insulti ma rispetto la policy di questo forum e mi sono trattenuto...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: Merry
            Avevo sviscerato i peggio insulti ma
            rispetto la policy di questo forum e mi sono
            trattenuto...Capisco, capisco.Ho fatto un po' il cattivello stamane.ùHo riletto il post e in effetti era un po' duro.Di solito non sono così, ma vedi, Hawkingsrappresenta una grande truffa chiamatafisica moderna. Se a un certo punto unautorevole fisico (mio amico) ti dicesseche è tutto sbagliato e che nessuno lovuole ammettere anche se ormai metà deiricercatori non ci crede più, come reagiresti?In futuro sicuramente la verità verrà a galla,com'è successo con la visione copernicana delcosmo, però fino ad allora a commenti come imiei corrisponderanno rezioni come le tue.Vuoi sapere perché i buchi neri sono panzane?Scrivimi e ti do' l'indirizzo della personaa cui chiederlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            intendi dire che i buchi neri non esistono?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: Merry
            intendi dire che i buchi neri non esistono?certo che esistono ce ne sono tanti a partire dal tuo buchetto del culo pieno di tarzanelli
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!

            certo che esistono ce ne sono tanti a
            partire
            dal tuo buchetto del culo pieno di tarzanelliIo ho un buchetto per fortuna, ma del cratere che hai tra le chiappe che mi dici? Quello si' e' un buco nero!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: Merry
            intendi dire che i buchi neri non esistono?Sì, mi pare di aver detto così.Poi magari sarà un problema dire a Stephenche ha passato la vita a studiare qualcosache non esiste...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: Alex.tg
            - Scritto da: Merry

            intendi dire che i buchi neri non
            esistono?

            S?, mi pare di aver detto cos?.
            Poi magari sar? un problema dire a Stephen
            che ha passato la vita a studiare qualcosa
            che non esiste......credo che sia un po' difficile dimostrare la verdicita' delle une o delle altre affermazioni, a meno che qualcuno non vada a visitare i buchi neri in questione... La maggior parte delle persone la pensa in un certo modo e il tuo amico e' in minoranza (come lo era Galileo, of course... ma Newton era in maggioranza e anche lui qualche ragione la ha avuta!!!)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            Grandioso, siamo arrivati al livello: non lo vedo quindi non esiste.Allora non esistono nemmeno i raggi X...Che squallore
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: Merry
            Grandioso, siamo arrivati al livello: non lo
            vedo quindi non esiste.

            Allora non esistono nemmeno i raggi X...

            Che squallorei buchi neri esistono voi umani pero preferite dargli dei nomi piu coloriti topa,culo,fica,mozzachiappe,cippa
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: FreeNapalm

            i buchi neri esistono voi umani pero
            preferite
            dargli dei nomi piu coloriti
            ....E' bello vedere il comportamento di gente ignorante di fronte ad argomenti che non sanno affrontare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!

            i buchi neri esistono voi umani pero
            preferite
            dargli dei nomi piu coloriti
            topa,culo,fica,mozza
            chiappe,cippaio preghero' affinche' nasca un super computer con un piede cosi' grande da darti una pedata nel KVLO e farti andare in un buco nero lontano migliaia di anni luce.....non ce l'ho con eh ? sia ben chiaro....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            costa troppo rileggere i messaggi prima di postare certe cazzate?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: Merry
            Grandioso, siamo arrivati al livello: non lo
            vedo quindi non esiste.

            Allora non esistono nemmeno i raggi X...

            Che squalloreNon e' esatto... io dicevo solo che e' difficile da dimostrare che esistano o no. E anche le prove in un senso o nell'altro sono difficilmente confutabili.Io CREDO che esistano ma non do del ciarlatano a priori a chi afferma il contrario... almeno fino a che qualcuno non dimostra scientificamente che lo e' realmente!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            A me sembra che la dimostrazione scientifica, con prove evidenti sia stata fatta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: Dixie
            ...credo che sia un po' difficile dimostrare
            la verdicita' delle une o delle altre
            affermazioni, a meno che qualcuno non vada a
            visitare i buchi neri in questione... Bè, no, esistono altri modi meno diretti:siccome il fatto che non possano esistereè la conseguenza di una teoria, basta verificaretale teoria per affermarne anche le conseguenze.Lui la teoria se l'è verificata da solo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            - Scritto da: Alex.tg

            Lui la teoria se l'? verificata da solo...questo pero' vale anche per il tuo amico...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            NO no calma... molti altri scienziati hanno ipotizzato teoricamente l'esistenza dei buchi neri, ne hanno visto l'effetto grazie a osservazioni astronomiche e anche seguendo il buon senso sembra una teoria sensata
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah Ah!
            E allora questo che cosa e'?http://oposite.stsci.edu/pubinfo/PR/2001/03/index.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Ah Ah!
      Meriteresti di finirci tu su di una sedia a rotelle, scommetto che non avresti poi tanto da ridere. celebroleso.- Scritto da: Alex.tg
      Ma non gli bastavano le panzane sui buchi
      neri?
      Raddoppiano cosa, ogni 18 mesi?
      L'intelligenza?
      Il problema con Hacking è che sta su una
      sedia
      a rotelle ed è affetto da quella certa forma
      di
      sclerosi. Fa un po' pena, altrimenti qualcuno
      gli avrebbe già dato del cialtrone da
      tempo...
  • Anonimo scrive:
    l'arteriosclerosi avanza piu veloce delle macchine
    come sopra...
    • Anonimo scrive:
      Re: l'arteriosclerosi avanza piu veloce delle macchine
      - Scritto da: a
      come sopra...D'altronde, vista la tua prolissità, nessuno lo metteva in dubbio....
  • Anonimo scrive:
    Possono far paura, a patto che...
    Ok, ok...Le macchine, in quanto a potenza di calcolo ci vanno via su una ruota sgonfia.Sull'intelligienza il dibattito è aperto.Ma se vogliamo stare sicuri per i secoli a venire, basta installare su tutte le macchine applicativi Microsoft...Almeno, ogni tanto (molto spesso) si piantano :)))
    • Anonimo scrive:
      Re: Possono far paura, a patto che...

      venire, basta installare su tutte le
      macchine applicativi Microsoft...
      Almeno, ogni tanto (molto spesso) si
      piantano :)))... o danno i numeri, che e' quello che temiamo, una macchina troppo intelligente, impazzisce e...
      • Anonimo scrive:
        Re: Possono far paura, a patto che...
        - Scritto da: Nemo

        venire, basta installare su tutte le

        macchine applicativi Microsoft...

        Almeno, ogni tanto (molto spesso) si

        piantano :)))

        ... o danno i numeri, che e' quello che
        temiamo, una macchina troppo intelligente,
        impazzisce e...
        Azz, quindi il Gate$ ci salvera' dai Borg?????????
  • Anonimo scrive:
    Hawking non è infallibile
    Pur riconoscendolo come uno dei maggiori fisici di tutti i tempi, ciò non dice nulla riguardo la sua abilità nel fare previsioni in un campo totalmente diverso. Ad oggi non mi risulta (se mi sbaglio spero che qualcuno mi confuti in questa sede) che vi siano sistemi informatici in grado di aspirare alla maggior parte delle doti umane. La potenza di calcolo, in questo senso, è irrilevante.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hawking non è infallibile
      - Scritto da: Alessandro
      Pur riconoscendolo come uno dei maggiori
      fisici di tutti i tempi, ciò non dice nulla
      riguardo la sua abilità nel fare previsioni
      in un campo totalmente diverso. Ad oggi non
      mi risulta (se mi sbaglio spero che qualcuno
      mi confuti in questa sede) che vi siano
      sistemi informatici in grado di aspirare
      alla maggior parte delle doti umane. La
      potenza di calcolo, in questo senso, è
      irrilevante.E' vero, Stephen Hawking non è infallibile. A rigore, l'unico uomo vivente per cui esista un dogma d'infallibilità abita al Vaticano... la natura e la sostanza di tale dogma, d'altronde, escludono l'attributo d'infallibilità per qualsiasi altro appartenente al genere umano.Ed è altrettanto vero che l'intelligenza artificiale finora prodotta somiglia piuttosto ad una sorta di idiozia naturale, e continuerà a farlo fin quando non vi sarà una definizione corretta (non necessariamente riduzionistico-meccanicistica) dei meccanismi della coscienza ed una maggiore conoscenza dei meccanismi cerebrali in genere.Ma al di là delle facezie proposizionali, e della importanza del tema centrale, i fisici in genere e gli astrofisici in particolare non godono di gran fama come previsionisti. Brutto mestiere il loro, confesso che non li invidio per niente, anche senza previsioni.Il capostipite di queste previsioni sballate, che fa morire dal ridere chi sa di matematica ogni volta che lo si cita, fu proprio un astronomo, Jean Baptiste Delambre, che ha consegnato alla storia, oltre ai suoi lavori astronomici su Urano e dintorni, una delle più grosse bischerate scientifiche mai partorite da mente umana in veste d'autorità accademica.Nel suo "Rapporto storico sul progresso delle Scienze matematiche dopo il 1789 e sul loro attuale stato", redatto nel 1810 con tutta l'autorità accademica conferitagli dalla posizione di Segretario Perpetuo dell'Institut de France, si può infatti leggere:"...la matematica è giunta ormai ad un punto tale di stasi che perfezionare i dettagli sembra essere l'unica cosa che resta da fare, date le difficoltà insormontabili che ostacolano qualsiasi settore noto. La situazione è tale da ritenere impossibile qualsiasi significativo progresso."Infatti, detto fatto, in questi due secoli sono stati dimostrati più teoremi, elaborati più sistemi e branche matematiche e fatti più progressi che in tutti i precedenti millenni di storia dell'umanità.Alla faccia della previsione dell'astronomo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Hawking non è infallibile
        - Scritto da: Marco Baroncelli

        - Scritto da: Alessandro

        Pur riconoscendolo come uno dei maggiori

        fisici di tutti i tempi, ciò non dice
        nulla

        riguardo la sua abilità nel fare
        previsioni

        in un campo totalmente diverso. Ad oggi
        non

        mi risulta (se mi sbaglio spero che
        qualcuno

        mi confuti in questa sede) che vi siano

        sistemi informatici in grado di aspirare

        alla maggior parte delle doti umane. La

        potenza di calcolo, in questo senso, è

        irrilevante.

        E' vero, Stephen Hawking non è infallibile.
        A rigore, l'unico uomo vivente per cui
        esista un dogma d'infallibilità abita al
        Vaticano... la natura e la sostanza di tale
        dogma, d'altronde, escludono l'attributo
        d'infallibilità per qualsiasi altro
        appartenente al genere umano.

        Ed è altrettanto vero che l'intelligenza
        artificiale finora prodotta somiglia
        piuttosto ad una sorta di idiozia naturale,
        e continuerà a farlo fin quando non vi sarà
        una definizione corretta (non
        necessariamente
        riduzionistico-meccanicistica) dei
        meccanismi della coscienza ed una maggiore
        conoscenza dei meccanismi cerebrali in
        genere.

        Ma al di là delle facezie proposizionali, e
        della importanza del tema centrale, i fisici
        in genere e gli astrofisici in particolare
        non godono di gran fama come previsionisti.
        Brutto mestiere il loro, confesso che non li
        invidio per niente, anche senza previsioni.

        Il capostipite di queste previsioni
        sballate, che fa morire dal ridere chi sa di
        matematica ogni volta che lo si cita, fu
        proprio un astronomo, Jean Baptiste
        Delambre, che ha consegnato alla storia,
        oltre ai suoi lavori astronomici su Urano e
        dintorni, una delle più grosse bischerate
        scientifiche mai partorite da mente umana in
        veste d'autorità accademica.

        Nel suo "Rapporto storico sul progresso
        delle Scienze matematiche dopo il 1789 e sul
        loro attuale stato", redatto nel 1810 con
        tutta l'autorità accademica conferitagli
        dalla posizione di Segretario Perpetuo
        dell'Institut de France, si può infatti
        leggere:
        "...la matematica è giunta ormai ad un punto
        tale di stasi che perfezionare i dettagli
        sembra essere l'unica cosa che resta da
        fare, date le difficoltà insormontabili che
        ostacolano qualsiasi settore noto. La
        situazione è tale da ritenere impossibile
        qualsiasi significativo progresso."

        Infatti, detto fatto, in questi due secoli
        sono stati dimostrati più teoremi, elaborati
        più sistemi e branche matematiche e fatti
        più progressi che in tutti i precedenti
        millenni di storia dell'umanità.

        Alla faccia della previsione
        dell'astronomo...Anche se concordo, ovviamente, su tutto quello che hai scritto, sembra proprio che questo Delambre ti ossessioni, è la terza volta che lo tiri fuori. Poveraccio, fosse almeno l'unico stupido passato alla storia per essere solo stupido...;-)!BTW, sarà offtopic rispetto agli scienziati che fanno previsioni, ma dato che ti piacciono gli aneddoti, lo sai come è morto Ticho Brahe?Terribile, no?
        • Anonimo scrive:
          Re: Hawking non è infallibile
          On the 13th October 1601 Tycho Brahe attended a banquet, where the drinkflowed freely. It is said that Tycho Brahe needed to empty his bladder, butthat he felt it would be impolite to leave the table. But he became ill andhad to return home. He suffered from fever, giddiness and periods ofunconsciousness. Delirious with fever, he is reported to have said severaltimes: Ne frustra vixisse videar - May I not have lived in vain. On the 24thOctober he took farewell of his family and died peacefully. He was buriedwith great ceremony at the Teyn Church in Prague, where a marble monumentwas erected in 1604.c'e' di peggio :)))
    • Anonimo scrive:
      Re: Hawking non è infallibile
      sei sicuro che sia necessario avere e superare le "doti umane" per "prevalere" ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Hawking non è infallibile
      Concordo al 100%. Hawking è un grande fisico teorico, che in passato ne ha sparate di grosse (come la sua teoria sull'inversione del tempo). Però non si può escludere che qualcuno in futuro, con la dovuta elettronica, non scriva un programma di intelligenza artificiale per svolgere compiti oggi in mano all'uomo e che questo non arrivi a farlo anche meglio noi, come oggi il computer ci riesce nei calcoli o la robotica nell'industria, i supercomputer nelle previsioni del tempo, ecc.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hawking non è infallibile
        - Scritto da: Amon
        Concordo al 100%. Hawking è un grande fisico
        teorico, che in passato ne ha sparate di
        grosse (come la sua teoria sull'inversione
        del tempo). La creazione di nuove teorie cosmologiche (e non) e' fatta anche di congetture che si rivelano assurde o si contraddicono in qualche punto quando vengono sviluppate, Einstein pensava che l'universo fosse stazionario, l'idea di Hawking che il tempo potesse scorrere al contrario durante la fase di contrazione dell'universo (se e' questo che intendevi) poteva essere plausibile ma poi cosi' non fu e ricordo ancora lo splendido articolo sulla freccia del tempo che ne e' scaturito.Il fatto che i computer siano stupidi e che l'intelligenza artificiale non abbia prodotto alcun risultato e' un luogo comune, l'intelligenza e' direttamente legata alla potenza di calcolo eccome! Oggi le reti neurali con supporto fuzzy o con ottimizzazioni di algoritmi genetici superano di gran lunga l'uomo in alcuni compiti che richiedono intelligenza come il riconoscimento di pattern, oggi e' possibile effettivamente risolvere problemi senza insegnare come fare alla macchina con reti neurali non supervisionate, oppure e' possibile insegnare (senza programmazione) come fare meglio dell'uomo determinate cose. E' vero siamo ancora lontani dalla creazione di una vera macchina pensante, dotata di emozioni ecc.. ma le basi cominciano a definirsi, e' stato calcolato che la potenza di calcolo di un veloce PC attuale basta appena a simulare il cervello di un minuscolo verme, in un lontano futuro ci ritroveremo Hal a case e forse l'articolo di Hawking comincera' ad avere senso chissa' ... Alternative Mind
        • Anonimo scrive:
          Re: Hawking non è infallibile
          - Scritto da: Alternative Mind
          stazionario, l'idea di Hawking che il tempo
          potesse scorrere al contrario durante la
          fase di contrazione dell'universo (se e'
          questo che intendevi)Si credo che parliamo della stessa cosa, teoricamente durante la contrazione dell'universo la sequenza causa, effetto si sarebbe dovuta invertire, ottenendo gli effetti (ad es: rottura di un vaso) prima delle cause (caduta).
  • Anonimo scrive:
    Mi viene da ridere
    Qua si sta facendo una confusione tremenda tra la mera potenza di calcolo, nella quale la macchina è insuperabile, e l'intelligenza, propria solo dell'uomo. Una macchina non potrà mai sviluppare una autocoscienza e una capacità decisionale. Che poi l'uomo possa ridursi ad una forma di schiavitù verso la macchina, d'accordissimo. E penso che sia questo quello che intendeva hawking. Spero quindi che le parole di questo siano state riportate in modo ingenuo perchè detta così, scusate, mi sembra una stronzata galattica, ma di quelle grosse. Ma chi cazzo ha messo questo ad occupare la cattedra appartenuta al grande Newton?! Davvero, non è possibile accettare una congettura così assurda! Ah scusate dimenticavo di ricordarvi che i comunisti mangiano i bambini e che ieri ho visto gli ufo al Ticino. Tanto per rimanere in tema di leggende e luoghi comuni. Saluti a tutti.
    • Anonimo scrive:
      Ridi ridi che mamma ha fatto gli gnocchi
      - Scritto da: Isaac NewtonForse se spiegavi a Newton che la forza di gravita' non esiste ma e' solo l'effetto della curvatura dello spazio-tempo ti avrebbe risposto: "ma che cazzo dici? Io ieri ho visto un asino volare"
      Una macchina non potrà mai sviluppare una
      autocoscienza e una capacità decisionale.Mai dire mai. 200 anni fa eminenti scienziati dicevano che per l'uomo era assolutamente impossibile superare la velocita' di 80 km/h.Il mio scooter fa gli 85...Questi temuti e rispettati scienziati a sentir parlare di relativita' ti avrebbero risposto ridendo: "AHAHAHA relativita'? Ma che cazzo dici? Cosa hai fumato?"
      Ma chi cazzo ha messo questo ad occupare la
      cattedra appartenuta al grande Newton?!Evidentemente non sai di chi stai parlando e non ti rendi conto delle stronzate che stai dicendo. Brutta l'ignoranza vero?
      Tanto per rimanere in tema di
      leggende e luoghi comuni. Saluti a tutti.Toglimi una curiosita'... qual'e' il tuo titolo accademico?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ridi ridi che mamma ha fatto gli gnocchi
        - Scritto da: Merry
        Mai dire mai. 200 anni fa eminenti
        scienziati dicevano che per l'uomo era
        assolutamente impossibile superare la
        velocita' di 80 km/h.Puoi fare il nome di uno solo di questi eminenti scienziati che a tuo dire 200 anni fa abbiano detto che per l'uomo era assolutamente impossibile superare la velocita' di 80 km/h?
        Il mio scooter fa gli 85...La tua fantasia va ancora piu' veloce.
        Questi temuti e rispettati scienziati a
        sentir parlare di relativita' ti avrebbero
        risposto ridendo:
        "AHAHAHA relativita'? Ma che cazzo dici?
        Cosa hai fumato?"La relativita' e' stata accolta in modo diverso, all'inizio anche con scetticismo ma non e' stata mai rifiutata come roba ridicola perche' semplicemente non lo era, mentre quello che ho letto in articolo si.Essere aperti mentalmente alle nuove scoperte non vuol dire ammettere come possibili tutte le cazzate che ci vengono in mente, con il rischio che altrimenti si venga tacciati di ottusita' e conservatorismo.
        Evidentemente non sai di chi stai parlando e
        non ti rendi conto delle stronzate che stai
        dicendo. Brutta l'ignoranza vero?Non lo sai solo te chi e' Hawking.Non ce l'ho con te, solo che ho letto libri di Hawking, e non puo' avere detto queste e in questi termini.ste
        • Anonimo scrive:
          Re: Ridi ridi che mamma ha fatto gli gnocchi
          Qui non si tratta tanto di motorini... continuo a chiedermi chi cazzo sia quello che dice che Hawking non merita la cattedra del grande Newton.Magari un licealino del primo anno che ha scoperto la magina formula F=m*a
      • Anonimo scrive:
        Re: Ridi ridi che mamma ha fatto gli gnocchi

        Il mio scooter fa gli 85...e ancora non te l'hanno sequestrato?:D :D ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ridi ridi che mamma ha fatto gli gnocchi
          - Scritto da: WireleZZ


          Il mio scooter fa gli 85...

          e ancora non te l'hanno sequestrato?

          :D :D ;)Ma chi vi ha detto che non sia un targato?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ridi ridi che mamma ha fatto gli gnocchi
        Se a Newton avessero spiegato la teoria della relatività sicuramente non avrebbe risposto con "che cazzo vai dicendo", poco ma sicuro. Non avrebbe compreso forse la teoria perchè si era perso gli ultimi 300 anni. Questa storia delle macchine che prenderanno il sopravvento, così come intesa, è una grande emerita stronzata e chi ci crede è un frolloccone. Il discorso di Hawking era sicuramente diverso, almeno spero, e sicuramente faceva riferimento a ben altri ragioni che avrebbero portato l'uomo ad una schiavitù e dipendenza dalle macchine.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi viene da ridere

      Ma
      chi cazzo ha messo questo ad occupare la
      cattedra appartenuta al grande Newton?!Evidentemente, essendo uno dei più grossi fisici del pianeta, quel qualcuno ha fatto una buona scelta.Fare previsioni in questo campo ora, non penso porti ad altro se non ad opinioni personali....... il problema è nostro, e cioè che la mia opionione personale non verrà mai sbattuta in prima pagina, quella di una persona importante si.In ogni caso, sulla necessità di interfacciarsi con le macchine, sono solo opinioni.Qualcuno dei miei amici, che è andato a vivere in messico, vive meglio di noi in una capanna sulla spiaggia.... Per lui, la soluzione, sarebbe quella di evitare di rincorrere la tecnologia...Chi ha ragione?
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi viene da ridere

        Fare previsioni in questo campo ora, non
        penso porti ad altro se non ad opinioni
        personali....
        ... il problema ? nostro, e cio? che la mia
        opionione personale non verr? mai sbattuta
        in prima pagina, quella di una persona
        importante si.Probabilmente anche con le sensazioni riletture giornalistiche del caso. Leggendo bene e' credibile che parlasse della lentezza delle tastiere per dialogare con macchine velocissime.... qualche solerte giornalista esperto in fisica e in informatica ha fatto il resto!!!!
        In ogni caso, sulla necessit? di
        interfacciarsi con le macchine, sono solo
        opinioni.Vero. Cmq. sono allo studio i metodi piu' fantascentifici, l'altro giorno in televisione c'erano esoscheletri abbastanza funzionanti...
        Qualcuno dei miei amici, che ? andato a
        vivere in messico, vive meglio di noi in una
        capanna sulla spiaggia.... Per lui, la
        soluzione, sarebbe quella di evitare di
        rincorrere la tecnologia...
        Chi ha ragione?Penso lui... ma io oramai sono intossicato, credo che porterei almeno il palmare e il cellulare ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi viene da ridere

      Una macchina non potrà mai sviluppare una
      autocoscienza e una capacità decisionale.Sarà... ma io non sarei così categorico. Mi vengono in mente affermazioni simili poi clamorosamente confutate ,tipo "640 K di memoria sono sufficienti per chiunque" (Pronunciata da Bill gates, rivolto a chi gli rinfacciava i limiti del DOS).
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi viene da ridere
      - Scritto da: Isaac Newton
      Qua si sta facendo una confusione tremenda
      tra la mera potenza di calcolo, nella quale
      la macchina è insuperabile, e
      l'intelligenza, propria solo dell'uomo. Una
      macchina non potrà mai sviluppare una
      autocoscienza e una capacità decisionale.La differenza tra l'intelligenza umana e quella artificiale, consiste nell'inventiva.Date a un pc programmato, il compito di verificare il teorema di pitagora su miliardi di triangoli e lo farà ad una velocità per noi impossibile.Adesso date ad un computer miliardi di triangoli e fategli inventare una regola matematica su quei triangoli o su parte di essi. Riuscirà? Non penso proprio, a meno che non venga programmato apposta, ma in quel caso bisognerebbe programmarlo per ogni tipo di ragionamento e non è così facile!
  • Anonimo scrive:
    Il futuro ci vedrà come dei Borg?
    A sentir le parole di Hawking mi sembra di vedere un leggero collegamento a quello ke Roddenberry ha identificato con in BORG, quegli alieni ke impiantavano Parti biomeccaniche ed elettronike direttamente nel corpo di esseri umani.Sarò fatalista, ma nn è ke finiremo x fare la loro fine? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il futuro ci vedrà come dei Borg?
      - Scritto da: tapefrankenekt
      A sentir le parole di Hawking mi sembra di
      vedere un leggero collegamento a quello ke
      Roddenberry ha identificato con in BORG,
      quegli alieni ke impiantavano Parti
      biomeccaniche ed elettronike direttamente
      nel corpo di esseri umani.
      Sarò fatalista, ma nn è ke finiremo x fare
      la loro fine? :)Non c'è pericolo.E metti le C al posto giusto...non è tanto ganzo parlare come Little Gum...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il futuro ci vedrà come dei Borg?

        E metti le C al posto giusto...
        non è tanto ganzo parlare come Little Gum...tu mettitele nel Culo le c e fatti i ca##i tuoi please.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il futuro ci vedrà come dei Borg?
      Sarebbe al tempo stesso stupendo e terribile. Adoro i Borg, sono la mia razza preferita, e mi piacerrebe vederne uno in carne e ossa. Spero solo che se lo diverreno, manterremo la nostra individualità, anche se mi rendo conto che giò tanti cog@#[]^ pensano con la testa degli altri.- Scritto da: tapefrankenekt
      A sentir le parole di Hawking mi sembra di
      vedere un leggero collegamento a quello ke
      Roddenberry ha identificato con in BORG,
      quegli alieni ke impiantavano Parti
      biomeccaniche ed elettronike direttamente
      nel corpo di esseri umani.
      Sarò fatalista, ma nn è ke finiremo x fare
      la loro fine? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il futuro ci vedrà come dei Borg?
      La migliore è quella del film di Star Trek:i Borg? ma che sono Svedesi? ;-)
  • Anonimo scrive:
    [OT] quella foto presa da Star Trek... ;-)
    Per chi avesse il dubbio, quella foto è stata fatta sul set di Star Trek: The Next Generation, nella puntata "Il ritorno dei borg - prima parte" (The Descent, Part I), in cui Data (l'androide) ricrea sul ponte ologrammi il prof. Hawking, Isaac Newton e Albert Einstein. Pur essendo questi ultimi due dei "semplici attori", Hawking era realmente lì sul set, interpretando se stesso :-)Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] quella foto presa da Star Trek... ;-)
      Ok, ok, ma...glie lo avranno detto che la puntata è terminata e i Borg sono stati smontati?Perchè mi sembra che non se n'è accorto...- Scritto da: MaurizioB
      Per chi avesse il dubbio, quella foto è
      stata fatta sul set di Star Trek: The Next
      Generation, nella puntata "Il ritorno dei
      borg - prima parte" (The Descent, Part I),
      in cui Data (l'androide) ricrea sul ponte
      ologrammi il prof. Hawking, Isaac Newton e
      Albert Einstein. Pur essendo questi ultimi
      due dei "semplici attori", Hawking era
      realmente lì sul set, interpretando se
      stesso :-)

      Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] quella foto presa da Star Trek... ;-)
        - Scritto da: James T. Kirk
        Ok, ok, ma...
        glie lo avranno detto che la puntata è
        terminata e i Borg sono stati smontati?
        Perchè mi sembra che non se n'è accorto...No, se n'è accorto eccome, ma mica se ne sta in Italia lui, quindi le puntate nuove di Star Trek le vede... E i borg non se ne vanno affatto :-DUn MaurizioB e la rai... le pigliasse un colpo... Speriamo nei dvd!
  • Anonimo scrive:
    Pazzi!
    L'intelligenza a mio avviso è la capacità di comprendere e di adattarsi.Io ad ogni modo non sono affatto preoccupato da certe affermazioni; l'unico rischio è lasciare mano libera agli esperimenti di esseri così poco intelligenti nel campo delle modifiche genetiche.Evidentemente chi riporta certe paure ha già dimenticato come sia poco efficace il controllo sulle produzioni industriali e non.Mucca pazza e Bayer sono già finite nel dimenticatoio!Ma chi non ha memoria ... non ha futuro.Poveri noi, pochi cervelli e tanti mercenari dell'informazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pazzi!
      Bravo te stesso!!!Sagge parole, finalmente qualcuno che la smette di ostentare sicurezza sul nostro futuro incerto. Nessuno su questo pianeta e' in grado di elaborare l'incredibile numero di variabili coinvolte nella valutazione di questo problema. Per questo io decido di dare 2 opinioni contrastanti:Come appassionato (leggi: schiavo) di tecnologia (leggi: qualunque apparecchio attraverso il quale scorre corrente elettrica, incluso il corpo umano) credo che questo sia inevitabile: le macchine sono semplicemente il nuovo gradino evolutivo che sostituira' l'uomo.Come appassionato di Marketing credo invece che non succedera' mai. Lo scopo del Marketing estremo e' uno: guadagnare di piu'. Guadagnare di piu' significa rallentare la ricerca tecnologica per sfruttare (e soprattutto rivendere in infinite salse) quello che gia' c'e'. A lungo andare la tecnologia verra' fermata.Ricordatevi che non tutti noi potremmo essere solo di passaggio in questo mondo...- Scritto da: me stesso
      L'intelligenza a mio avviso è la capacità di
      comprendere e di adattarsi.
      Io ad ogni modo non sono affatto preoccupato
      da certe affermazioni; l'unico rischio è
      lasciare mano libera agli esperimenti di
      esseri così poco intelligenti nel campo
      delle modifiche genetiche.
      Evidentemente chi riporta certe paure ha già
      dimenticato come sia poco efficace il
      controllo sulle produzioni industriali e
      non.
      Mucca pazza e Bayer sono già finite nel
      dimenticatoio!
      Ma chi non ha memoria ... non ha futuro.
      Poveri noi, pochi cervelli e tanti mercenari
      dell'informazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Pazzi!
        - Scritto da: THe LaMB

        Come appassionato di Marketing credo invece
        che non succedera' mai. Lo scopo del
        Marketing estremo e' uno: guadagnare di
        piu'. Guadagnare di piu' significa
        rallentare la ricerca tecnologica per
        sfruttare (e soprattutto rivendere in
        infinite salse) quello che gia' c'e'. A
        lungo andare la tecnologia verra' fermata.
        Ma anche vendere un braccio meccanico 100 volte piu' potente di quello naturale al primo miliardario che capita.... poco importa se e' uno sceicco integralista oppure magnate che ha perso il suo in gioventu mentre lavorava nei campi!!!!E da li il commercio inizia...
        • Anonimo scrive:
          Re: Pazzi!
          Se dovessi mergiare le due opinioni scritte direi:Il futuro ci riserva ricchi sempre piu' ricchi e poveri sempre piu' poveri. I ricchi saranno macchine o mezze macchine i poveri saranno... poveri.Una notiziola sull'incremento di capacita' delle macchine: oggi siamo in grado di simulare alcune migliaia di neuroni con i nostri computer. Seguendo la legge di Moore (la potenza di calcolo raddoppia ogni 18 mesi) tra 30 anni saremo in grado di oltrepassare il miliardo, avvicinandoci pericolosamente alle capacita' umane. E' qui che si nasconde la vera domanda: fra 30 anni avremo capito come educare un essere potenzialmente (e sottolineo potenzialmente) con le capacita' cognitive di un essere umano?Magari non sara' necessario perche' ci aspetta un futuro alla Matrix: immersi costantemente nella realta' virtuale. Pensate, un mondo dove non ci sono limiti, non esiste il dolore ne' la sofferenza, dove nessuno e' in grado di vedere la differenza con la realta' se non per... provate a scatenare la vostra fantasia.
          Ma anche vendere un braccio meccanico 100
          volte piu' potente di quello naturale al
          primo miliardario che capita.... poco
          importa se e' uno sceicco integralista
          oppure magnate che ha perso il suo in
          gioventu mentre lavorava nei campi!!!!
          E da li il commercio inizia...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            per divagare con la fantasia meglio andare sul forum 'droghe sintetiche' ;O) o leggersi/scrivere un libro di fantascienza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            Tutte cose che ho gia' fatto, inclusa la PsicoStoria del tuo omonimo Isaac Asimov. Mi sembrano banali e i loro effetti li puoi tranquillamente riprodurre in meditazione profonda... sempre che tu sappia di cosa sto parlando
            per divagare con la fantasia meglio andare
            sul forum 'droghe sintetiche' ;O) o
            leggersi/scrivere un libro di
            fantascienza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            No no lui si e' fermato prima... dove ha letto che i robot saranno mal visti sulla terra ;)- Scritto da: THe LaMB
            Tutte cose che ho gia' fatto, inclusa la
            PsicoStoria del tuo omonimo Isaac Asimov. Mi
            sembrano banali e i loro effetti li puoi
            tranquillamente riprodurre in meditazione
            profonda... sempre che tu sappia di cosa sto
            parlando



            per divagare con la fantasia meglio andare

            sul forum 'droghe sintetiche' ;O) o

            leggersi/scrivere un libro di

            fantascienza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            Hai ragione Dixie, pero' lui era un grande!
            No no lui si e' fermato prima... dove ha
            letto che i robot saranno mal visti sulla
            terra ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            su quanto fosse grande non e' il caso di discutere... penso sia riconosciuto da tutti!Dicevo solo que tutto cio' era un po' OT... non che facesse schifo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            Tenendo presente che si parla di macchine che progettano 25/30 milioni di anni di storia dell'umanita non sono sicuro che sia OT.... diciamo che e' uno dei futuri possibili!- Scritto da: Isaac2
            su quanto fosse grande non e' il caso di
            discutere... penso sia riconosciuto da
            tutti!
            Dicevo solo que tutto cio' era un po' OT...
            non che facesse schifo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            - Scritto da: THe LaMB
            Se dovessi mergiare le due opinioni scritte
            direi:

            Il futuro ci riserva ricchi sempre piu'
            ricchi e poveri sempre piu' poveri. I ricchi
            saranno macchine o mezze macchine i poveri
            saranno... poveri.i poveri ci saranno sempre,e per ricchi cosa intendi ?
            Una notiziola sull'incremento di capacita'
            delle macchine: oggi siamo in grado di
            simulare alcune migliaia di neuroni con i
            nostri computer. Seguendo la legge di Moore
            (la potenza di calcolo raddoppia ogni 18
            mesi) tra 30 anni saremo in grado di
            oltrepassare il miliardo, avvicinandoci
            pericolosamente alle capacita' umane. E' qui
            che si nasconde la vera domanda: fra 30 anni
            avremo capito come educare un essere
            potenzialmente (e sottolineo potenzialmente)
            con le capacita' cognitive di un essere
            umano?bè,se hai un super computer,ma con installato dos .........
            Magari non sara' necessario perche' ci
            aspetta un futuro alla Matrix: immersi
            costantemente nella realta' virtuale.
            Pensate, un mondo dove non ci sono limiti,
            non esiste il dolore ne' la sofferenza, dove
            nessuno e' in grado di vedere la differenza
            con la realta' se non per... provate a
            scatenare la vostra fantasia.La chiesa e altre cose impedirebbero il verificarsi di queste cose.cmq non credo che ti obbligano a vivere in una vasca piena di bava

            Ma anche vendere un braccio meccanico 100

            volte piu' potente di quello naturale al

            primo miliardario che capita.... poco

            importa se e' uno sceicco integralista

            oppure magnate che ha perso il suo in

            gioventu mentre lavorava nei campi!!!!

            E da li il commercio inizia...
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            Sarebbe confortante crederti, purtroppo tu vivi in Italia, l'ultimo baluardo del Vaticano. Guardati in giro: l'influsso della Chiesa sta scemando sempre piu' a scapito del cancro Mussulmano! Semmai saranno loro a frenare l'inevitabile con la loro religione dispotica, non sicuramente la nostra debole Chiesa.Comunque credimi, nessuno ti obblighera' a vivere in una vasca piena di bava: semplicemente abbandonerai il tuo corpo terreno per... trasferire la tua essenza (scientificamente li chiamerei i tuoi schemi mentali) in una MACCHINA. E la cosa che ti fara' ridere di cuore in questo momento e' che sarai ben felice di farlo!
            La chiesa e altre cose impedirebbero il
            verificarsi di queste cose.cmq non credo che
            ti obbligano a vivere in una vasca piena di
            bava
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!

            Il futuro ci riserva ricchi sempre piu'
            ricchi e poveri sempre piu' poveri. I ricchi
            saranno macchine o mezze macchine i poveri
            saranno... poveri.
            storia vecchia...guardatevi galaxy 999 ;)e' esattamente lo scenario che descrivi tu, in un cartone di 20 anni fa ;)oggi l'autore di quel cartone fa i video per i daft punkciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Pazzi!
            Hai ragione, la storia e' vecchia, ma non e' cambiata di una virgola... tralaltro Galaxy Express 999 era una di quelle serie che non mi sono mai piaciute... gli unici cartoni di Matsumoto che mi sono piaciuti sono le serie di StarBlazer 1, 2 e 3 (film esclusi).
            storia vecchia...
            guardatevi galaxy 999 ;)
            e' esattamente lo scenario che descrivi tu,
            in un cartone di 20 anni fa ;)
            oggi l'autore di quel cartone fa i video per
            i daft punk

            ciao
Chiudi i commenti