No Logo/ Popcorn

di Mafe de Baggis - Paradossale imporsi di essere spontanei, improponibile progettare il passaparola. Impossibile cucinare col cellulare. E sperare di vendere più auricolari?

Roma – Scrive Luca Sartoni: “Care aziende che decidete di spendere i vostri soldi in promozione sul web, quando qualcuno mette la parola viral dentro a qualcosa che vuole vendervi, alzatevi e lasciatelo lì, a bollire nel suo brodo, perché vi sta prendendo in giro. La viralità di un contenuto non la può, per definizione, decidere chi lo produce. Al massimo potrà renderlo spiritoso, interessante, divertente, equivoco, tutto quello che gli pare, ma non virale”.

Difficile non pensare a Paul Watzlawick e alle sue ” Istruzioni per rendersi infelici “, una delle quali è sforzarsi di seguire l’imperativo paradossale: “Sii spontaneo”.

Esattamente come non si può essere spontanei volontariamente, non si può progettare la viralità. La viralità capita. Le dinamiche di rete crescono in modo esponenziale perché sono incontrollabili, se cerchi di controllarle ti stai boicottando. Se non puoi permetterti di perdere il controllo, non puoi giocare su questo terreno.
Si può progettare e realizzare qualcosa di talmente utile/strano/divertente da invogliare le persone a “girarlo” ai propri amici, ma non chiedere di farlo. Si può fare in modo che sia incredibilmente facile e divertente farlo girare, questo sì.

E anche quando il giochino funziona, come nel caso dei popcorn “cotti” al cellulare , tormentone di YouTube poi rivelatosi una campagna pubblicitaria , siamo sicuri che questo serva a vendere più auricolari Bluetooth? Non mi sorprenderebbe che invece aumentassero le vendite di popcorn.;-)

Mafe de Baggis
Maestrini per Caso

Tutti i NoLogo di MdB sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CCC scrive:
    sonno della ragione...
    prima cosa: complimenti per il bellissimo articolo, a tratti "illuminante" e del tutto condivisibileseconda cosa: una possibile "risposta" alle domande conclusive... Possibile che anche persone colte e ragionevoli non si accorgano di essere manipolate?Cecità di massa indotta?O solo il vecchio ma sempre temibilissimo sonno della ragione? potrebbe essere anche che gli italiani, oggi, risentano ancora di un male antico ed oscuro, di un archetipo culturale che la nostra coscienza collettiva si trascina dentro da secoli e secoli... il SERVILISMOcome pecore che seguono il pastore, abbiamo bisogno di qualcuno o qualcosa -sempre peggiore di noi stessi- che ci "comandi", che ci "guidi", a cui poterci sottomettere, che ci dica cosa fare, cosa va bene e cosa va male... re, fascismo, clericalismo, "rappresentanti" politici, ..., fino ai giorni nostri...fino a chi, appunto, ci viene a parlare di privacy ma si dimentica del decreto Pisanu e di tante altre cose...
  • pippo popotamo scrive:
    ke lunghezza!
    ho consumato la rotellina del mouse e mi ha preso lo scoramento... nel weekend leggerò l'articolo e forse farò un post meno scemo di questo :)))
  • Vaccari Daniele scrive:
    Complimenti
    Finalmente si legge qualcosa di utile.Grazie
    • Spectator scrive:
      Re: Complimenti
      - Scritto da: Vaccari Daniele
      Finalmente si legge qualcosa di utile.
      Grazieah sei telepatico come nuvola nera?non sapevo?tale articolo tratta delle problematiche dei telepatici?sei telepatico?ah forse sei uno che usa l'ocolinguaggio...ma per favore...
  • spectator scrive:
    CHE NOIA IMMANE
    Articolo francamente noioso, interessante forse dal punto di vista stilistico, del logos e della sua idea.Ma sinceramente totalmente inutile.Studiare la parola e' un esercizio di stile e piu' leggo questo tristo personaggio e che scriva esclusivamente per leggere quello che scrive ed autocompiacersi.Che tristezza trasformare tutta la questione della privacy in un mero esercizio stilistico, facendo vedere che si conosce qualche citazione di qualche romanzo.
    • emmeesse scrive:
      Re: CHE NOIA IMMANE
      Ok, la trollata la hai fatta.
    • CCC scrive:
      Re: CHE NOIA IMMANE
      - Scritto da: spectator
      Articolo francamente noioso, interessante forse
      dal punto di vista stilistico, del logos e della
      sua
      idea.
      Ma sinceramente totalmente inutile.
      Studiare la parola e' un esercizio di stile e
      piu' leggo questo tristo personaggio e che scriva
      esclusivamente per leggere quello che scrive ed
      autocompiacersi.
      Che tristezza trasformare tutta la questione
      della privacy in un mero esercizio stilistico,
      facendo vedere che si conosce qualche citazione
      di qualche
      romanzo.spectator... adesso capisco... ti chiami così perché passi la vita a far da spettatore guardando la a TV... e da buon spectator non stupisce che scrivi le caxxate che scrivi...dai torna davanti alla TV... e magari restaci...
  • SS.senzaSon no. scrive:
    ioElaMaggioranza(?)Consapevole(?)
    Spettacolare articolo!Da leggere con la cannuccia, succhiandone tutta l'essenza!Ma...Marco come si sveglia chi dorme&ragiona generando mostri terribili, gli zombie di sempre(!), che legiferano&producono i milleDL e/o altra(sic!) 'mmonnezza?Certo, con articoli come questo, ma...Basta?(erà?)'Che te vojo di'!'. Eq.Rif.:"1 persona colta e ragionevole + 1 persona colta e ragionevole + ... + 1 persona colta e ragionevole + ... = massaIncolta&Irragionevole"Ba'scia'mo le ma'no'
    • Homer S. scrive:
      Re: ioElaMaggioranza(?)Consapevole(?)
      Dimmi chi ti passa la roba perchè deve essere davvero buona! :o
      • iRoby scrive:
        Re: ioElaMaggioranza(?)Consapevole(?)
        Voleva scrivere in maniera originale che il singolo individuo è sempre una persona anche colta e ragionevole, ma quando si unisce in masse socialmente (dis)organizzate diventa un "mostro" irrazionale.
  • pippo scrive:
    Buttate la TV
    Spegnete l'elettrodomestico e riaccendete il CERVELLO!!!In una vecchia striscia di Bonvi la chiamavano la scatola degli idioti!Quanta saggezza in un vecchio fumetto...
    • Ebolo scrive:
      Re: Buttate la TV
      Fatto, al mio trasferimento dalla casa dei miei alla casa nella quale convivo con la mia dolce metà, ho abbandonato l'elettrodomestico del diavolo @^ .Detto questo porto la mia coscienza a sfogarsi qui ed in altri posti simili... la mia domanda è: "Mi basterà per sempre?!" La risposta che spero di ottenere dal tempo è "Spero proprio di no!".Ebolo.
      • iRoby scrive:
        Re: Buttate la TV
        - Scritto da: Ebolo
        Detto questo porto la mia coscienza a sfogarsi
        qui ed in altri posti simili... la mia domanda è:Ma tr0m8are no eh?Se c'era la TV a non far fare figli ora qualcuno abbandona la TV ma si attacca ad un altro media... :)Comunque a parte gli scherzi, anche io dove vivo 5 giorni a settimana per lavoro non ho TV e non voglio guardare quella degli altri co-inquilini.È tutto un altro vivere...
  • Ebolo scrive:
    Orwell è già qui
    Più mi guardo intorno più vedo gente manipolata che non sa di cosa parla e sostiene tesi opposte nello stesso momento.Non parlo di chi ci comanda, parlo della gente comune: quello che dice lo scatolotto diviene credo e legge.La cosa che mi sconvolge è che Orwell aveva immaginato un sacco di cose in più per arrivare a quel fatidico 1984... ma ci siamo senza bisogno del canale di ritorno televisivo:Non serve controllare il 100% della popolazione, basta dare sfogo ai dissidenti da qualche parte, ad esempio nella rete, ma fare in modo che questi dissidenti lavorino, mangino e trovino un po' di soddisfazione ma, meraviglia delle meraviglie, siano ben integrati nel sistema da non poter tentare e spesso da non poter pensare di rivoltarlo o distruggerlo.Siamo qui e mettiamo parole su carta, facciamo le nostre battaglie contro i nostri mulini a vento e non consideriamo che quelle battaglie sono messe li apposta dal sistema per farci sentire vivi.... ma Nessuno oramai è disposto a metterci il proprio xulo per cambiare le cose, nessuno è disposto a giocare il tutto per tutto per cambiare le cose perchè siamo ancora illusi di vivere in un sistema che ha regole democratiche e che invece si sta accaratocciando su se stesso rendendoci ogni giorno sempre più schiavi.Tutto questo perchè rispetto a tanti anni fa, ad esempio ai primi '40, abbiamo tutto... stiamo al caldo d'inverno, al fresco d'estate, siamo grassi o magriperscelta e non abbiamo più fame di niente.A presto, Ebolo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 giugno 2008 07.51-----------------------------------------------------------
    • z f k scrive:
      Re: Orwell è già qui
      - Scritto da: Ebolo
      Tutto questo perchè rispetto a tanti anni fa, ad
      esempio ai primi '40, abbiamo tutto... stiamo al
      caldo d'inverno, al fresco d'estate, siamo grassi
      o magriperscelta e non abbiamo più fame di
      niente.Panem et circenses.CYA
      • Ebolo scrive:
        Re: Orwell è già qui
        Non è esatto, pane e spettacoli per chi si accontenta, per chi non si accontenta eccoti la valvola di sfogo che ti permette di trattare una tregua con te stesso per auto-renderti più docile: ad esempio scrivere su p-informatico.Ebolo.
    • Coraggio su scrive:
      Re: Orwell è già qui

      ma Nessuno oramai è disposto a metterci il
      proprio xulo per cambiare le cose, nessuno è
      disposto a giocare il tutto per tutto per
      cambiare le cose perchè siamo ancora illusi di
      vivere in un sistema che ha regole democratiche e
      che invece si sta accaratocciando su se stesso
      rendendoci ogni giorno sempre più
      schiavi.Su! coraggio, ancora 54 mesi e poi sono sorci verdi e uccelli salati per tutti! :) "Niente è eterno."
      • Ebolo scrive:
        Re: Orwell è già qui
        ?! Credi che sia davvero preoccupato solo per Silvione e tutto lo Staff? Certo che mi preoccupo per loro... sono esattamente quello che mi aspettavo che fossero, esattamente come chi li ha votati(anche io?! non saprei!).Sono preoccupato di come il mondo si sta piegando su se stesso da dopo il 09-11-2001 Questo evento è indubbiamente utile, indipendentemente dalle motivazioni con cui è stato fatto, al controllo totale della maggioranza della popolazione mondiale per gli altri rimane sempre sfogarsi su internet e guardare i film di Moore, sempre per trovare un'accordo con la propria coscienza che grida vendetta. Ed il controllo è completo.Ebolo.
        • iRoby scrive:
          Re: Orwell è già qui
          Io più passa il tempo e più mi convinco che l'11/9 sia una messa in scena.Quello che è scaturito da allora è troppo intellegibile tra le righe... Sembra palesemente una Roadmap.
    • Zowie scrive:
      Re: Orwell è già qui
      Nel 1984 non ci siamo ancora entrati.Per ora siamo all'ultimo capitolo della Fattorai degli Animali.Lo per certo.Come?Qualche anno fa il nostro presidente del consiglio, durante un processo in cui era imputato, disse che tutti sono uguali davanti alla legge, ma che qualcuno è più uguale degli altri.-no comment------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 giugno 2008 15.11-----------------------------------------------------------
  • Gaglia scrive:
    Un faro.
    Come sempre.
    • Stefano scrive:
      Re: Un faro.
      Lo dico da sempre che la privacy è qualcos'altro e che in pratica il dibattito in questo modo "trasla" su binari precostruiti per arrivare ad una conclusione abominevole.D'altra parte noi siamo poco più che esseri bovini, e chi se ne importa di ciò che pensiamo e se lo stato diventa regime plutocratico.ce ne accorgiamo se pensiamo a come mai i personaggi pubblici con poteri di rappresentare il popolo possano anche solo avere il coraggio di pensare di avere diritto alla privacy.pensano che sia giusto decidere di sospendere i processi "minori" per un anno, chi se ne importa se il premier dice di non volerne approfittare ma poi lo farà.pensano che le persone che dovrebbero avere il comportamento più retto e onesto a livello nazionale, ovvero le 5 cariche più alte dello stato, debbano godere di immunità.Poi ci stupiamo se le cose vanno male a tutti i livelli,e Berlusconi prima di tutto si preoccupa di chiedere a de Angelis di piazzargli in RAI 5 (cinque) attrici, di fare leggi per non venire più intercettato e successivamente per godere di immunità?. io espatrio
    • il guardiano di un altro faro scrive:
      Re: Un faro.
      - Scritto da: Gaglia
      Come sempre.si un faro ma spento
Chiudi i commenti